PDA

Visualizza Versione Completa : Ultimo film visto | I commenti sono graditi!



Pagine : 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 [100] 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142

Key Paradise
24-07-13, 23:14:33
http://www.radiotimes.com/namedimage/Blazing_Saddles.jpg?quality=85&mode=crop&width=580&height=327&404=film&url=/remote/static.radiotimes.com.edgesuite.net/pa/86/18/webBlazingSaddlesD.jpg

blazing saddles - mel brooks
divertente come sempre, ma tra questo è frankenstein jr. c'è l'abisso. alcune trovate un po' volgarotte e wilder leggermente in disparte

http://babel36.files.wordpress.com/2011/01/piccolo2.jpg

un borghese piccolo piccolo - mario monicelli
bellissimo, mi ha lasciato senza parole il cambio di tono totalmente improvviso del film. sordi monumentale, ma anche grazie ad una sceneggiatura che meglio non si poteva. ad un certo punto si faceva fatica a credere che sordi-crocitti non fossero davvero padre e figlio. l'aura di violenza che si percepisce sin dalle prime battute, con il luccio fracassato a sassate, in effetti era già presagio degli avvenimenti successivi. davvero un capolavoro

http://rothakelly.files.wordpress.com/2010/03/goodbye-lenin.jpg

good bye, lenin! - wolfgang becker
soggetto davvero curioso e particolare per una pellicola non sempre all'altezza dello stesso. ad ogni modo piacevole

Gouki
24-07-13, 23:16:16
http://babel36.files.wordpress.com/2011/01/piccolo2.jpg

un borghese piccolo piccolo - mario monicelli
bellissimo, mi ha lasciato senza parole il cambio di tono totalmente improvviso del film. sordi monumentale, ma anche grazie ad una sceneggiatura che meglio non si poteva. ad un certo punto si faceva fatica a credere che sordi-crocitti non fossero davvero padre e figlio. l'aura di violenza che si percepisce sin dalle prime battute, con il luccio fracassato a sassate, in effetti era già presagio degli avvenimenti successivi. davvero un capolavoro

Capolavoro, sì.

Istrice450
24-07-13, 23:17:09
Capolavoro, sì.

eh direi...con albertone vai sempre sul sicuro

L' Alde
25-07-13, 00:06:40
Now You See Me - Louis Leterrier

Godibile, ma niente di eclatante. Lo regge l' ottimo cast (in particolare Ruffalo e Harrelson mi hanno convinto).

Togg
25-07-13, 01:33:51
... E ora parliamo di Kevinfin troppo calcato. artificioso e piuttosto forzato nei presupposti.

ecco.

Rage Against
25-07-13, 12:02:33
capolavoro, ma due palle sinceramente
Ah allora non ero l'unico ad aver avuto questa senzazione :sard:

Quattro
25-07-13, 20:21:19
___

La fabbrica di cioccolato - Tim Burton, 2005. Paradossalmente migliore la prima parte della seconda, che stanca presto. Lo ricordavo migliore, comunque non da buttare.

I bambini ci guardano - Vittorio De Sica, 1943. Come in Ladri di biciclette, i problemi degli adulti visti attraverso gli occhi di un bambino: se però nel primo il tema era sociale, qui è strettamente familiare. La vicenda ruota intorno ad una profonda crisi coniugale che finisce per abbattersi in tutta la sua durezza anche sul figlio, che si vedrà infine privato delle figure dei genitori. Si avverte però una certa tendenza a strumentalizzare il bambino stesso (cui è stato affibbiato il magnifico nome di Pricò) per cercare la "lacrimuccia" facile, e non è mai un bene. Peccato anche per la recitazione che, salvo qualche discreta interpretazione, si attesta in generale fra il mediocre e il disastroso (in una scena un anziano sbaglia palesemente la battuta correggendosi poco dopo). Buon film, qualche alto e basso ma fondamentale nel gettare le basi del ben più celebre Ladri di biciclette.

Riso amaro - Giuseppe De Santis, 1949. Ottima ricostruzione delle condizioni di lavoro delle mondariso nel secondo dopoguerra. La trama vera e propria è piuttosto semplice: nello spazio delle risaie e della cascina in cui le mondine alloggiano si incrociano i destini di un ladro senza scrupoli, delala sua disillusa ex, di una mondina tanto bella quanto ingenua e di un soldato di saldi principi stanco della vita militare. Intreccio piuttosto prevedibile.
___

AT-33
25-07-13, 21:12:02
Nightmare 5
Noioso, peggio del 4.
Voto:5

Non avere paura del buio
Bello bello, mi son spaventato più di qualche volta.
Voto:8

Hushabye
25-07-13, 22:27:09
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/0/02/What_Maisie_Knew_Poster.jpg/220px-What_Maisie_Knew_Poster.jpg

What Maisie Knew,2013, Scott McGehee- 79

Poco da dire,rimango sempre stupefatto quando si riesce a lavorare con dei bambini in questo modo..e Nick Urata fa di nuovo centro con l'ost.

Gouki
25-07-13, 22:32:56
Green Lantern: First Flight / Lauren Montgomery / 2009

http://i.imgur.com/OEqPR2P.jpg

Anche questo è stato veramente bellissimo.
Le animazioni sono sempre su livelli ottimi e le musiche sono sublimi, davvero.
Promosso alla grande.

TheMrGmk
26-07-13, 02:27:19
Breakfast Club (John Hughes)

http://media.sbs.com.au/films/thm/640_360_85_c/site_28_rand_2137195141_the_breakfast_club_maxed.j pg

Questo m'è piaciuto tantissimo. Notevole messa in scena delle problematiche adolescenziali.

Biso55
26-07-13, 04:31:09
Now You See Me - I maghi del crimine di Louis Leterrier (2013)

Niente male, grazie soprattutto al fantastico cast (Jesse Eisenberg e Woody Harrelson di nuovo insieme dopo il fantastico Benvenuti a Zombieland, per non parlare di Morgan Freeman e Michael Cain).
L'unico pessimo, oltre che inutile, è il fratello di Franco, l'unica volta che appare per più di un minuto è per una scazzottata.
Interessanti comunque i colpi di scena anche se i personaggi sono molto poco approfonditi. Mi è sembrato quanto meno strano l'utilizzo della CGI in alcuni momenti, trattandosi di illusionismo e non magia.

Wolverine - L'immortale di James Mangold (2013)

Film senza infamia e soprattutto senza lode, mi è piaciuta la ricercata analisi psicologica di Logan, mi è piaciuta anche l'ambientazione Giapponese, se pur sfruttata molto poco, per il resto c'è qualche clichè del genere e qualche frasona sparata a caso che mi avrebbe fogato se avessi avuto 5-10 anni meno.
Terribile il villain, colpa dell'attrice probabilmente. E anche alla fine il robottone mi ha fatto parecchio storcere il naso.

Gouki
26-07-13, 09:16:33
Breakfast Club (John Hughes)

http://media.sbs.com.au/films/thm/640_360_85_c/site_28_rand_2137195141_the_breakfast_club_maxed.j pg

Questo m'è piaciuto tantissimo. Notevole messa in scena delle problematiche adolescenziali.

Meraviglia. <3

Gargaros
26-07-13, 09:55:31
Notevole messa in scena delle problematiche adolescenziali degli anni 80.

Fix :kep88:

TheMrGmk
26-07-13, 11:49:33
Fix :kep88:

Vabbè era scontato :kep88:

Gargaros
26-07-13, 12:10:34
Vabbè era scontato :kep88:

:kep88:

L'hai beccato pure tu su Rai Movie :kep88:

Hughes un mito di quegli anni.

TheMrGmk
26-07-13, 12:25:15
:kep88:

L'hai beccato pure tu su Rai Movie :kep88:

Hughes un mito di quegli anni.

Yep :sisi:
Quanto m'è piaciuta quella scena verso la fine in cui stanno tutti seduti per terra :sisi:

Togg
26-07-13, 13:02:06
http://media.sbs.com.au/films/thm/640_360_85_c/site_28_rand_2137195141_the_breakfast_club_maxed.j pg


chi è quella al centro? <3

James
26-07-13, 13:05:43
chi è quella al centro? <3

Ally Sheedy,la rossa è Molly Ringwald

La Sheedy è fantastica in questo film quando fà nevicare sul suo disegno:rickds:

Gargaros
26-07-13, 13:06:23
Ally Sheedy

Quant'era bbbona in quel film. Dipendeva dai capelli.

Togg
26-07-13, 13:17:48
http://www.clickorlando.com/image/view/-/106016/medRes/2/-/maxh/360/maxw/640/-/p7tdnt/-/Ally-Sheedy--The-Breakfast-Club-jpg.jpg
http://jezebellelapixi.files.wordpress.com/2011/08/ally-sheedy-breakfast-club.jpeg

<3

James
26-07-13, 13:22:32
Stavolta son dalla tua parte Togg,la Sheedy sempre piaciuta in "The Breakfast Club"anche se è la più sporca:rickds:.Però ad esempio ne "La Donna Esplosiva" c'è una Kelly LeBrock da infarto<3
Però potresti anche guardarle le altre commedie di Hughes che in quel settore era un vero genio:tragic:

http://www.youtube.com/watch?v=ZOkNIUw0c2s&list=TLehl6bA_yuRk

Togg
26-07-13, 14:02:33
Teeeeempooooo!

TheMrGmk
26-07-13, 14:12:19
Ally Sheedy

Quant'era bbbona in quel film. Dipendeva dai capelli.

Vero :bruniii:

Marty McFly
26-07-13, 14:44:18
Se penso a Hughes ricordo inevitabilmente anche John Candy....se non sbaglio è morto "giovane" ed era un signor attore.

Lucignolo
26-07-13, 15:21:39
http://i41.tinypic.com/29nt7kp.png

Diary of the dead (2007, George Romero)

Quasi un capolavoro horror nell’era moderna, nettamente il migliore della nuova trilogia sui morti viventi; nell’epoca del digitale Romero decide di rinnovare il genere che lui stesso creò decenni addietro e lo fa stupendo ancora una volta tutti, adottando lo stile meta-cinematografico POV alla Blair Witch Project o alla REC, scegliendo però la via del realismo totale: la protagonista ad inizio film ci spiega infatti che quello che stiamo per guardare è un film girato originariamente dal suo ragazzo, che lei ha terminato, montando più riprese di varie camere (quelle a spalla, quelle sugli elmetti dei soldati, quelle a circuito chiuso delle camere di sicurezza etc..) su di un laptop, le musiche drammatiche che sentiremo sono altresì aggiunte dalla ragazza perché l’intento dichiarato non è solo quello di documentare una due giorni da inferno dantesco, ma quello di spaventare per bene chi ritroverà il filmato e lo guarderà, mettendolo così in guardia sull’estrema pericolosità del contagio.
E così una piccola troupe di 7-8 persone che sta girando un filmino horror apprende dalla radio il diffondersi di un’epidemia che fa risvegliare le persone appena decedute con un pericoloso istinto cannibale. Decidono quindi di tornare in città con un camper, il tutto è documentato da Jason, regista del film, ritrovatosi ora suo malgrado regista di un documentario che vive sulla sua pelle.
Il film evita in questo modo sin dall’inizio lo spiacevole effetto che tutti noi abbiamo guardando i POV moderni: filmini amatoriali che però hanno colonne ed effetti sonori innaturali che non sai come possano essere presenti. Qui è tutto spiegato, scanso equivoci.
Nell’era dell’upload, della trasmissione in streaming , l’ammontare di dati provenienti da tutto il mondo è sconfinato, chiunque sia munito di una camera, perché no anche di cellulare, può documentare, chiunque può raccontare la verità o distorcerla come meglio crede nel montaggio; il web è il paniere di migliaia di voci, la verità oramai è irraggiungibile, i mass media tradizionali, obsoleti, sostituititi da bloggers e utenti di siti sharing come Youtube. Quando ci capita di assistere a un incidente per strada, non rallentiamo per aiutare, ma per la morbosa curiosità di vedere coi nostri occhi gli effetti dell’incidente; è proprio la stessa morbosità che porta la gente a guardare filmati sconvolgenti sul web e allo stesso tempo quella che porta altra gente a non poter smettere di filmare e caricare su internet le tragedie che si vivono in prima persona, scrivendo così le pagine di un diario “della crudeltà”, un tipo di cronaca che ci fa tornare in mente il lavoro dai cine-reporter in Vietnam.
Quindi Romero dimostra di sapersi svecchiare, esplorando territori diversi da quelli della critica alla società consumistica chiusa in se stesso (che comunque non abbandona, vedere la parte finale) che aveva affrontato in Zombi e poi, a livello di caste cittadine, in Land of the dead.
Ma il significato di un film si annulla se poi la realizzazione è mediocre; invece in questo film si eccelle anche in questo: partiamo dal fatto che è un film realizzato con un budget misero (2 mln $ stanziati preventivamente!) che grazie a un infinità di accorgimenti (Agli SFX non c’è Savini stavolta ma l’altrettanto eccellente Greg Nicotero) sembra essere 10 volte più grande di quello che è in realtà, con l’uso incredibilmente efficace della CG.
Inoltre in questo film Romero non sbaglia la caratterizzazione di nemmeno un personaggio, tutti incredibilmente interessanti (su tutti l’ottimo attore che interpreta il professor Andrew, Debra e anche l’attore di colore tostissimo che, come tradizione, appare in ogni film del regista).
Ho lasciato per ultimo come menzione speciale quello che dovrebbe balzare agli occhi per primo e cioè un grandioso lavoro di regia di Romero, qui davvero in stato di grazia: la visuale in prima persona gli dà linfa nuova, nuovi spunti quindi per poter spaventare in modo originale lo spettatore, come quando ti ritrovi davanti a scene come:

-La scena in ospedale con l’attacco inaspettato del paziente attaccato alla flebo
-Nel capanno controllato dagli afroamericani, la testa dello zombie che si scioglie a vista d’occhio dopo che gli viene versato l’acido addosso
-Debra che torna a casa e viene assalita dal suo fratellino e dalla madre, poi abbattuti a colpi d’arco
-Praticamente ogni scena con zombie nella villa di Ridley (torna il vecchio Romero con la gente barricata dentro un luogo lussuoso e gli zombi di fuori che vogliono entrare)

Proprio nella parte finale Romero dimostra di aver preso spunto dai film pseudo-amatoriali con camera a mano e di averli saputi portare ad un livello superiore: nel finale ad esempio riesce a sfruttare due persone che tengono in mano contemporaneamente 2 camere per farci un campo-controcampo, riesce a farci passare da una stanza all’altra grazie ai monitor delle security cam, dando quindi nuova e sconosciuta dinamicità a un genere di film finora monoprospettico, gioca sapientemente con le ombre, con lo sfumato, col ralenty e la voce fuoricampo nei video televisivi di mezzo, con l’effetto sorpresa, mai abusandone, sentendosi a ragione padrone sicuro del mezzo.
Ancora una volta Romero ha dimostrato come gli sia possibile prendere qualcosa che non esisteva quando lui era giovane, qualcosa che è invece intorno a noi da diversi anni, che non dovrebbe turbarci, come la tecnologia multimediale, costringendoci a guardarla sotto un inedito punto di vista, facendoci spaventare di noi stessi, ancora una volta a distanza di decenni. Quelli sotto esame siamo di nuovo noi, gli zombie sono solo parte dell’imponderabilità degli eventi, attori non protagonisti di qualcosa che a Romero oramai interessa solo marginalmente, esseri deambulanti riflesso di quello che siamo da vivi, ritrovatisi a soffrire una seconda volta senza un perché, costretti a vagare nuovamente su di una Terra prossima al collasso.

Gargaros
26-07-13, 15:43:24
Se penso a Hughes ricordo inevitabilmente anche John Candy....se non sbaglio è morto "giovane" ed era un signor attore.

Era un grande, e non mi riferisco alla stazza. Sempre amato.

Ma sono sicuro che se non fosse morto... sarebbe stato lo stesso dimenticato da Hollywood come è stato destino di pressoché tutti gli attori di quella generazione.

Quattro
26-07-13, 18:09:55
___

Europa '51 - Roberto Rossellini, 1952. Dopo l'incidente del figlio trascurato, la moglie di un diplomatico trova nell'amore disinteressato verso il prossimo il modo per colmare il vuoto che si era formato nella propria vita. Andando contro alla mentalità conservatrice di amici e familiari si avvicina al socialismo e al cristianesimo, accettandone il messaggio di fratellanza ma superandoli con una forma di carità che vada oltre ogni pregiudizio o chiusura dogmatica. Venuta a conoscenza delle condizioni di vita e di lavoro dello strato più basso della popolazione si dedica con tutta se stessa a chi ha bisogno di aiuto, anche a costo di sacrificare la propria reputazione presso il suo ceto di appartenenza. Film dal forte messaggio umano e sociale, dotato di grande carica emotiva. Il progressivo cambiamento della protagonista, benché estremamente complesso e repentino, è reso in modo perfetto e risulta assolutamente motivato e credibile - cosa decisamente non da poco. Grandissimo personaggio, che concentra in sé il significato del film tutto.

Breakfast Club - John Hughes, 1985. Brillante commedia generazionale. Cinque adolescenti, ciascuno apparentemente classificabile entro rigidi stereotipi (il delinquente, lo sportivo, la viziata, il secchione, l'emarginata), vengono per punizione segregati a scuola durante il sabato libero, e imparano nel corso della giornata a conoscersi e ad andare oltre le reciproche differenze. Al di là di esse scoprono di essere fondamentalmente uguali tra loro, e in particolare accomunati dal condiviso risentimento verso i genitori, siano essi autoritari, distaccati o assenti. Ciò che riscatta un film esteriormente molto semplice dalla mediocrità è l'ottima sceneggiatura, fatta tanto di semplici conversazioni quotidiane o battibecchi quanto di riflessioni e confessioni sui problemi della vita a quella età - ovviamente contestualizzati al periodo d'uscita del film. Forse un po' affrettati gli "accoppiamenti" finali, poi poco altro da recriminare. Gran personaggio soprattutto John, esilarante. Nota di merito anche per la colonna sonora, un magnifico concentrato di anni '80. Don't you (tattataratta!) forget about me (ta!) don't, don't, don't, don't!
___


La Mangano...LA MANGANO!
grande commistione neorealismo-noir
grande film Simo:sisi:

I bambini ci guardano invece non l'ho ancora visto:kep88:

La Mangano. Ma anche la protagonista non è affatto da buttare, ha un che di aristogratico. :stema:

Woah ho visto un film che il pastore non ha visto, ormai non mi ferma più nessuno. :asd:


chi è quella al centro? <3

Ottima scelta.


Ally Sheedy

Quant'era bbbona in quel film. Dipendeva dai capelli.

Che poi per me stava molto meglio di venire "abbellita". :kep88:

Pedro92
26-07-13, 21:16:23
Appena viso La promessa dell'assassino di Cronenberg. Che dire, veramente bello, mi sono piaciute le prove di tutti gli attori, specie Viggo e Armin. Siccome la versione che ho visto io aveva dei dialoghi russi non sottotitolati, alcune cose mi sono sfuggite

Alla fine Viggo era un agente russo sotto copertura? E alla fine che succede, mette in galera Armin e prende il suo posto?

Mi sto adoperando per vedere anche A history of violence, non vedo l'ora :predicatore:

Gargaros
26-07-13, 22:23:07
Che coincidenza, pure io sto per fare una full immersion cronenberghiana :sard:

Gouki
26-07-13, 23:17:42
No One Lives / Ryûhei Kitamura / 2012

http://i.imgur.com/goxWI8N.jpg

Carino dai, m'aspettavo qualcosina di più, però si lascia guardare e non stanca.

Kal1m3r0
27-07-13, 01:08:29
Texas Killing Field (Ami Canaan Mann)

Come dice Frusciante: 'un so se l'ha girato babbo, ma bello. :sisi:

Lucignolo
27-07-13, 01:13:12
Breakfast Club (John Hughes)

http://media.sbs.com.au/films/thm/640_360_85_c/site_28_rand_2137195141_the_breakfast_club_maxed.j pg

Questo m'è piaciuto tantissimo. Notevole messa in scena delle problematiche adolescenziali.



Film come questo mi fanno tornare adolescente per un attimo. :cat: a suo modo un cult

Togg
27-07-13, 02:51:37
BENZEDEIRAS DE MINAS, Andrea Tonacci
Si trova su Vimeo, su fuori orario era più bello assai. Documentario su guaritrici brasiliane, stuzzicante.

http://vimeo.com/32677379

Zeno
27-07-13, 12:54:44
Texas Killing Field (Ami Canaan Mann)

Come dice Frusciante: 'un so se l'ha girato babbo, ma bello. :sisi:

Ma le ombre nel piano sequenza iniziale? :asd:

Key Paradise
27-07-13, 17:59:43
http://s3.amazonaws.com/auteurs_production/images/film/bunny-lake-is-missing/w448/bunny-lake-is-missing.jpg?1342122728

bunny lake is missing - otto preminger (1965)

http://pixhost.me/avaxhome/6d/f8/001cf86d_medium.jpeg

il segreto del bosco vecchio - ermanno olmi (1993)

http://s4.stliq.com/c/l/5/5b/23472475_alberto-sordi-story-il-vigile-1960-0.png

il vigile - luigi zampa (1960)

http://25.media.tumblr.com/tumblr_lskh2hEDe91qbhnrvo1_500.jpg

pale rider - clint eastwood (1985)

considerazioni sparse
bunny lake ha una storia piuttosto semplice (la scomparsa della bambina, appunto, la cui reale esistenza è incerta e finisce per creare ambiguità circa la sanità mentale della madre), valorizzata da una forma sapiente e da un gran utilizzo delle location (a parte l'ovvio, e quasi banale, ricovero delle bambole, molto curioso è l'aspetto che assume l'asilo, vero e proprio labirinto con le sue stanze ognuna dal nome diverso ed enigmatico). grande prova di keir dullea (il protagonista di 2001:Odissea nello spazio credo) e bel personaggio quello di laurence olivier; il segreto del bosco vecchio aveva a mio parere tutte le carte in regola per essere un gran film, grazie alla storia ed alle atmosfere che questa poteva evocare, ed in alcune sequenze ci riesce anche, ma l'eccessiva didascalità finisce per affossarlo; spettacolare la fotografia (di dante spinotti) e le location, stranamente non si trovano tante immagini su google; il vigile parte benissimo e si mantiene su questo livello per buona parte della durata, peccato che da un certo punto in poi finisca per diventare prevedibile e ne risenta per questo anche l'aspetto comico/satirico; pale rider invece è un bel western con un eastwood che effettivamente ricorda l'uomo senza nome ed un chris penn giovanissimo, sempre godibile e dal finale appassionante. ah ed inspiegabilmente ho trovato il lato sentimentale della storia davvero maturo

in soldoni

bunny lake is missing - 7.5/10
il segreto del bosco vecchio - 6/10
il vigile - 7/10
pale rider - 7.5/10

Togg
27-07-13, 18:23:48
High Plains Drifter >The Outlaw Josey Wales >>>>>>>>> Pale Rider

#imho

Gouki
27-07-13, 20:23:24
The Wolverine / James Mangold / 2013

http://i.imgur.com/Y2FHKrq.jpg

Sicuramente migliore di "X-Men Origins: Wolverine", però non riesce comunque ad uscire dal mare di mediocrità che lo attanaglia.
Partiamo dai punti a favore; l'inizio è bestiale sotto ogni aspetto, vedere l'esplosione nucleare che devasta totalmente Wolverine è da pelle d'oca (e m'ha ricordato moltissimo la storia "Logan"), la caratterizzazione di Logan m'è piaciuta molto, ci viene mostrato un personaggio tormentato dai sensi di colpa e vediamo tutto ciò anche dai vari sogni/incubi che ha. L'ambientazione giapponese ha sempre il suo fascino e gli occhi rimangono estasiati a vedere i vari paesaggi e le case tipiche del Giappone. Ottime le scene d'azione che, purtroppo, si contano sulle dita di una mano. L'ultima cosa che mi sento di salvare è il finale dopo i titoli di coda, mi ha esaltato moltissimo e m'ha incuriosito per bene. Questi sono i punti positivi.
I punti negativi, invece, sono davvero tanti. Allora, i personaggi vicini a Logan sono caratterizzati malissimo, tutti stereotipati fino alla nausea e carismatici come un pezzo di legno marcio. I dialoghi sono una cosa inascoltabile ed infantile, tant'è che verso la fine mi sono messo una mano in faccia per una frase che ho udito. I nemici sono stati messi su malissimo, non riescono a sembrare cattivi e risultano piatti ed insensati. Un'altra cosa gravissima sono le scene morte che attanagliano il film, interi minuti di nulla assoluto che annoiano praticamente subito. Poi ho trovato davvero brutta tutta la parte finale e delle scelte che non condivido assolutamente e che non scrivo per non spoilerare niente a nessuno. Sono amareggiato, perché un personaggio del calibro di Wolverine non merita un trattamento simile, ma necessita di film di spessore che valorizzino maggiormente il personaggio.

Voto finale: **

Lucignolo
27-07-13, 22:36:06
High Plains Drifter >The Outlaw Josey Wales >>>>>>>>> Pale Rider

#imho

Col memorabile finale


http://www.youtube.com/watch?v=o9splceYBXQ


Tral'altro a questo finale è legato un clamoroso errore nel doppiaggio/traduzione italiana che rovina il significato del film


Nella versione italiana il becchino chiede a Eastwood quel'è il suo nome e Eastwood risponde "Hai scritto ora quello di mio fratello", facendoci pensare che lui è il fratello dello sceriffo ucciso, arrivato in città per vendicarlo


In realtà si dice "I never did know your Name" e Eastwood replica "Yes you do", con chiaro riferimento a quello che sta incidendo sulla lapide.... dalla versione originale quindi è LAMPANTE che JIM DUNCAN E' LUI, tornato dalla tomba per vendicarsi, un finale molto più suggestivo ROVINATO dalla traduzione


Abbastanza imbarazzante....XDD

Togg
27-07-13, 23:14:38
Ma dai, che porci che siamo. Per fortuna l'ho visto in originale.

TheNightflier
28-07-13, 00:49:49
Mystic River voto 8,5 dallle parti del capolavoro

Il curioso caso di Benjamin Button affascinante ma prolisso e prevedibile 6,5

Zimbabwe
28-07-13, 12:02:22
Visto ieri Only God Forgives, l'ho trovato un vero capolavoro. Dai commenti che ho letto mi aspettavo un film noioso, dove non succede niente ecc. invece sono rimasto col fiato sospeso per tutto il tempo, rapito dalla stupenda fotografia. Adesso proverò a guardare gli altri film di Refn, Drive e Valhalla Rising sono i primi della mia lista.

Gouki
28-07-13, 12:03:26
Visto ieri Only God Forgives, l'ho trovato un vero capolavoro. Dai commenti che ho letto mi aspettavo un film noioso, dove non succede niente ecc. invece sono rimasto col fiato sospeso per tutto il tempo, rapito dalla stupenda fotografia. Adesso proverò a guardare gli altri film di Refn, Drive e Valhalla Rising sono i primi della mia lista.

Guardati anche la trilogia "Pusher", sempre di Refn.

Togg
28-07-13, 12:54:27
E Unforgiven..:chris:


Fuori quota :chris:

urza883
28-07-13, 13:32:45
Visto Another Earth di Cahill...gran bel film a mio avviso,quel pizzico di assurdità dato dall'accopiatadramma con spunto fantascentificolo rende abbastanza originale.
L'attrice protagonista semplicemente bravissima,dotata di un fascino rarissimo a mio modo di vedere:sisi: ottima pure la colonna sonora.Film particolare che volevo vedere da molto tempo,consigliatissimo:ahsisi:

Marty McFly
28-07-13, 13:34:28
Man of steel.

Difficile non notare le imperfezioni (sceneggiatura in primis) di questo film che inevitabilmente alla fine portano ad un giudizio non sufficiente. Ho trovato malissimo caratterizzata, quasi abbozzata, la figura del protagonista, con un eccesso di frasi da baci perugina del papà Kostner.
Si ha l'idea di tantissima carne al fuoco ma mal gestita, quasi ingolfata. Ci sono però i presupposti per un sequel migliore.
A questo punto viene da domandarsi se sia il caso di ridimensionare il "fenomeno" Snyder...

Prozalius
28-07-13, 14:07:10
adam e evil, no comment!

Hushabye
28-07-13, 14:12:26
Visto Another Earth di Cahill...gran bel film a mio avviso,quel pizzico di assurdità dato dall'accopiatadramma con spunto fantascentificolo rende abbastanza originale.
L'attrice protagonista semplicemente bravissima,dotata di un fascino rarissimo a mio modo di vedere:sisi: ottima pure la colonna sonora.Film particolare che volevo vedere da molto tempo,consigliatissimo:ahsisi:

bello

Quattro
28-07-13, 14:17:59
___

Senso - Luchino Visconti, 1954. Magnifico dramma sentimentale ambientato nel Veneto "irredento" durante la terza guerra d'indipendenza. La trama, più dura e amara di quanto mi aspettassi, è narrata magistralmente seppur piuttosto classica nello schema di base. I personaggi, anch'essi facilmente riconducibili ai tòpoi propri del genere, sono comunque caratterizzati profondamente e l'evoluzione (o involuzione) della protagonista estremamente travagliata e credibile. Il vero valore aggiunto della pellicola è quello estetico: ogni inquadratura è composta come un'opera d'arte, ricca di colori, e a ciò contribuiscono le scenografie e i costumi, sempre bellissimi. Difficile pensare che Kubrik non avesse in mente Senso quando girò Barry Lyndon, specialmente per le riprese a campo lunghissimo delle campagne in cui parte della vicenda è ambientata. Grandioso.

Harry Potter e il prigioniero di Azkaban - Alfonso Cuaròn, 2004. Buona trasposizione, che ha come unici difetti rilevanti una certa ingenuità della sceneggiatura, dovuta ovviamente non al regista ma al libro da cui è tratto. Un deciso passo avanti rispetto alle prime, infantili, pellicole.

Lucignolo
28-07-13, 15:31:38
Nausicaa della valle del vento (1984, Hayao Miyazaki)

Secondo lungometraggio per Miyazaki e primo vero film dello studio Ghibli. Il talento creativo del regista si vede già nel disegno, così come l’amore per la natura e l’odio incondizionato per ogni tipo di intervento umano che possa arrecare danno a chi divide il pianeta con noi. Per questo i cattivi dei film di Miyazaki sono quasi sempre despoti affamati di potere al comandano di eserciti che bruciano paesaggi interi e non esitano a uccidere chiunque si frapponga a un intento poco nobile. E per lo stesso motivo la figura della protagonista è spesso incarnata da una giovane ragazza, simbolo di purezza, portatrice di ideali che appaiono lontanissimi dalla realtà squallida e vicina all’apocalisse. In questo caso la giovane è Nausicaa , la principessa del paese nella Valle del Vento, luogo puro e incontaminato di un pianeta terra sconvolto mille anni or sono dalle guerre e dalle esalazioni di potentissime spore create da un fungo velenoso, che ormai ricoprono gran parte della superfice terrestre e che hanno annientano migliaia di villaggi, allargando il confine di quelle riconosciute come “Terre desolate”. A guardia di queste terre vi sono gli Ohmu, giganteschi insetti ostili all’uomo. A sconvolgere il già precario equilibrio la presenza di un misterioso guerriero divino in letargo e le avvisaglie di un imminente conflitto tra Pejite e Tolmekia, due imperi del regno.

Gouki
28-07-13, 22:37:28
Monsters University / Dan Scanlon / 2013

http://i.imgur.com/DhPybwK.jpg

Divertentissima commedia che ricorda molto i vecchi film collegiali che andavano forte negli anni ottanta.
Strappa più volte delle sane risate ed intrattiene alla grande, senza mai risultare banale o scontato!

Voto finale: ***½

mickes2
29-07-13, 09:37:44
La visita, Antonio Pietrangeli - ****
http://s3.amazonaws.com/auteurs_production/images/film/the-visitor--3/w448/the-visitor--3.jpg?1331707984
La timida decisione d’incontrarsi, dopo un rapporto epistolare, è l’occasione per colmare ed evadere dalla propria
solitudine, così paurosa, ingombrante. Parte in punta di piedi come commedia spigliata e verace, per poi trasformarsi
in un dipinto esistenziale, un ritratto di donna e un’amarissima radiografia dell’Italia dei vizietti e delle piccole virtù;
un’Italietta composta da provincialotti dal cuore d’oro, e cittadini egoisti e spocchiosi. Un contrasto insanabile di un
popolino incapace di guardare al di là del proprio naso. Solo Adorf, forse…
"Te chiamano bella culandrona!" "Ah si, ma a loro piace scherzare, magari alle volte un po' pesante... quei bastardi...!"

Price
29-07-13, 16:46:46
This is the end
il top della commedia americana in un unico film intelligente ed arguto sopra ogni sospetto
uno dei film migliori del 2013, IMHO

Alexi
29-07-13, 18:44:49
This is the end
il top della commedia americana in un unico film intelligente ed arguto sopra ogni sospetto
uno dei film migliori del 2013, IMHO

Visto anche io,sorprendente su molti punti di vista! Per questi film ho fiuto !

JorahDewitt
30-07-13, 00:17:29
- Small Apartaments

Mi ha sorpreso in positivo, una commedia leggera che diverte. Una piccola perla :sisi:

Hushabye
30-07-13, 11:54:50
- Small Apartaments

Mi ha sorpreso in positivo, una commedia leggera che diverte. Una piccola perla :sisi:

mmm,dubbioso

http://trailers.apple.com/trailers/home/promos/images/drinkingBuddies_Promo_310x228v2_20130725090420.jpg

Drinking Buddies,2013,Joe Swanberg - 74

Due coppie,un tradimento,una forte amicizia che potrebbe essere qualcosa di più. Se la prima mezz'ora di Drinking Buddies gira un po' a vuoto,con il cliché del tradimento, è quando il regista decide di non scatenare la classica reazione a catena che le cose diventano interessanti .Allora il film si concentra sul tema dell'amicizia,analizzando un rapporto di grande complicità che in qualsiasi momento potrebbe sconfinare in qualcosa di più.Quando quindi la scena viena lasciata a Olivia Wilde e Jake Johnson,i due sono semplicemente spettacolari.

_Gemba_
30-07-13, 12:17:28
http://trailers.apple.com/trailers/home/promos/images/drinkingBuddies_Promo_310x228v2_20130725090420.jpg

Drinking Buddies,2013,Joe Swanberg - 74

Due coppie,un tradimento,una forte amicizia che potrebbe essere qualcosa di più. Se la prima mezz'ora di Drinking Buddies gira un po' a vuoto,con il cliché del tradimento, è quando il regista decide di non scatenare la classica reazione a catena che le cose diventano interessanti .Allora il film si concentra sul tema dell'amicizia,analizzando un rapporto di grande complicità che in qualsiasi momento potrebbe sconfinare in qualcosa di più.Quando quindi la scena viena lasciata a Olivia Wilde e Jake Johnson,i due sono semplicemente spettacolari.

Ho visto su wikipedia ed è uscito il 25 luglio 2013 quindi l'hai visto in lingua originale? (Non si chiedono link!)Bel cast :sisi:

Biso55
30-07-13, 16:20:31
Zoolander di Ben Stiller (2001)

Seconda visione, l'ho apprezzato di più.
Chiara presa di culo al mondo della moda, il Frat pack mi fa sempre ridere, soprattutto Owen Wilson :sisi:

Funny Games di Michael Haneke (2007)

Seconda visione anche per lui, uno dei miei film preferiti direi, la prima volta mi infastidì veramente tanto, stavolta l'ho guardato più distrattamente ed inoltre lo ricordavo bene, ma l'effetto è sempre ottimo. Immagino che questo remake sia più americanizzato e standardizzato rispetto all'originale, tuttavia la tortura psicologica riesce alla perfezione (la scena del telecomando mi fece troppo incàzzare la scorsa volta :asd:).
Ottimi gli attori, emblematiche le dichiarazioni di Tim Roth :sisi:

Project X - Una festa che spacca di Nima Nourizadeh (2012)

Figata allucinante, dannati americani :asd:

Togg
30-07-13, 21:31:53
un paio di giorni fa ho visto Irréversible di Gaspar Noé. Se vi è piaciuto Enter the Void vedetelo assolutamente, se non vi è piaciuto perché troppo magniloquente vedetelo perché questo è un po' più misurato (ma pur sempre ambizioso), se non vi è piaciuto e basta sparatevi :sisi:
La Bellucci riesce pure a recitare bene una scena molto difficile, ma c'è un "trucco".

_Gemba_
30-07-13, 21:33:48
Visti in questi giorni Fight Club e Memento, una sola parola: C-A-P-O-L-A-V-O-R-I
Ho anche visto giorni fa Insomina ma non mi è piaciuto granchè

DellaDesign
30-07-13, 21:56:19
un paio di giorni fa ho visto Irréversible di Gaspar Noé. Se vi è piaciuto Enter the Void vedetelo assolutamente, se non vi è piaciuto perché troppo magniloquente vedetelo perché questo è un po' più misurato (ma pur sempre ambizioso), se non vi è piaciuto e basta sparatevi :sisi:
La Bellucci riesce pure a recitare bene una scena molto difficile, ma c'è un "trucco".

Solo contro tutti l'hai già visto?

Togg
30-07-13, 22:05:32
No! Com'è?

edit: avevo già scorso la trama, adesso l'ho riguardata e mi sono convinto a vederlo :sisi:

Zeno
30-07-13, 22:09:40
un paio di giorni fa ho visto Irréversible di Gaspar Noé. Se vi è piaciuto Enter the Void vedetelo assolutamente, se non vi è piaciuto perché troppo magniloquente vedetelo perché questo è un po' più misurato (ma pur sempre ambizioso), se non vi è piaciuto e basta sparatevi :sisi:
La Bellucci riesce pure a recitare bene una scena molto difficile, ma c'è un "trucco".

bello enter the void.. me lo segno :sisi:

Rabbida
30-07-13, 22:23:51
Enter the Void è uno di quei film "totali" poi ci sta che non piaccia. Quale sarebbe comunque il trucchetto della Bellucci?

mickes2
30-07-13, 22:49:46
un paio di giorni fa ho visto Irréversible di Gaspar Noé. Se vi è piaciuto Enter the Void vedetelo assolutamente, se non vi è piaciuto perché troppo magniloquente vedetelo perché questo è un po' più misurato (ma pur sempre ambizioso), se non vi è piaciuto e basta sparatevi :sisi:
La Bellucci riesce pure a recitare bene una scena molto difficile, ma c'è un "trucco".
e scade anche un po' nel ridicolo nella sua ambizione, diciamolo.
però colpisce sul piano emotivo e tecnicamente l'argentino sa sempre il fatto suo :sisi:

Seul contre tous filmone!

---------- Post added at 22:49:46 ---------- Previous post was at 22:49:05 ----------


bello enter the void.. me lo segno :sisi:
ma ancora non l'hai visto? ma daaiiiiii

Togg
30-07-13, 23:09:48
Seul contre tous filmone!

Bon, lo vedo stasera :kappe:


e scade anche un po' nel ridicolo nella sua ambizione, diciamolo.
però colpisce sul piano emotivo e tecnicamente l'argentino sa sempre il fatto suo :sisi:


dici Irréversible? Però è il suo cinema in fondo, vuole creare riflessioni assoluteggianti sull'esistenza. Anzi questo c'ha molta "trama", pure colpi di scena se vogliamo.



ma ancora non l'hai visto? ma daaiiiiii

:asd:

---------- Post added at 23:09:48 ---------- Previous post was at 23:08:10 ----------


Enter the Void è uno di quei film "totali" poi ci sta che non piaccia. Quale sarebbe comunque il trucchetto della Bellucci?

E' una scena in cui non deve parlare, diciamo che prende gran parte della sua recitazione nel film. Le poche volte che apre la bocca viene da piangere :l4gann:

Rabbida
30-07-13, 23:12:58
Ah, non avevo capito che fosse riferito a quell' unica scena, comunque ho capito.

Zeno
31-07-13, 00:02:35
ma ancora non l'hai visto? ma daaiiiiii


:asd:

facioloni mi riferivo a Irréversible :.bip:

consiglio un altro filmazzo dall'argentina se non lo avete già visto :nfox: the dark side of the heart di eliseo subiela. me lo ha consigliato una ragazza cilena che ho conosciuto qualche tempo fa...e chi se la dimentica.

Togg
31-07-13, 01:17:52
Alla fine il film non ce l'ho fatta a vederlo, domani.


me lo ha consigliato una ragazza cilena che ho conosciuto qualche tempo fa...e chi se la dimentica.

foto in privato.

Key Paradise
31-07-13, 01:34:18
consiglio un altro filmazzo dall'argentina se non lo avete già visto :nfox: the dark side of the heart di eliseo subiela. me lo ha consigliato una ragazza cilena che ho conosciuto qualche tempo fa...e chi se la dimentica.


foto in privato.

fonti attendibili mi dicono che potrebbe essere la famosa ragazza cilena utilizzata da togg per spiegare la barbarie del doppiaggio a frank, protagonista di una delle allegorie più ispirate di sempre

Togg
31-07-13, 01:47:33
fonti attendibili mi dicono che potrebbe essere la famosa ragazza cilena utilizzata da togg per spiegare la barbarie del doppiaggio a frank, protagonista di una delle allegorie più ispirate di sempre

oddio, ODDIO.

facciamola comparire nel film dell'altra discussione.

Gargaros
31-07-13, 02:22:16
Alibi seducente
Sempre godibile 'sto filmetto. Tutto fatto a puntino nella più pura semplicità. Tom bravissimo, e quant'era carina Paulina? Buone battute e un finale colorato tra i clown.

Zeno
31-07-13, 13:14:23
Ma la cilena esiste mica me la so inventata :dsax:

non ho foto... ma poi chi è Frank? :morristend:

Togg
31-07-13, 13:38:24
Ma la cilena esiste mica me la so inventata :dsax:

non ho foto... ma poi chi è Frank? :morristend:

quante delusioni in un unico post.

Zeno
31-07-13, 13:49:12
quante delusioni in un unico post.

dai, devo sapere almeno chi è!

astor
31-07-13, 14:08:08
piacere sono nuovo,
il mio ultimo film visto è:
shame 2011 Steve McQueen

tutto sommato un bel film però non mi ha particolarmente entusiasmato trovo comunque che sia fatto bene

Togg
31-07-13, 14:34:08
dai, devo sapere almeno chi è!

Un utente particolare :asd: (fra l'altro non sono nemmeno sicuro abbia mai detto la cosa di spegnere il cervello ecc) Se spulci qualche discussione dovresti trovare facilmente suoi post.

Lucignolo
31-07-13, 17:17:03
Videodrome (1983, David Cronenberg)


A volte è meglio commentare con le immagini:nev:


https://www.youtube.com/watch?v=8IxeroqZSuo



Plauso al mitico Rick Baker agli effetti speciali make-up:ahsisi: (Guerre stellari, Men In Black, L'ululato, un lupo mannaro americano a londra, ed wood, Il professore matto, Il grinch etc..) altro che CG:tristenev:

Price
31-07-13, 18:33:28
Lesson of the Evil di Takashi Miike.
Ipertofico,probabilmente in piena linea col suo autore.C'è tanto,troppo.Tanti personaggi,troppi.L'innata genìa del male è sempre un po' discutibile (soprattutto con l'aura fighetta moderna).Ma la mattanza che si viene a creare restituisce almeno un ottimo senso dell'azione (non perde mai un secondo di tensione,in questo assolutamente notevole).Insomma Miike sugli scudi.Al patto di stare al suo gioco,alla sua esuberanza grafica.

lo vidi l'anno scorso alla festa del cinema qui a Roma
son d'accordo al 100%, un film che ti chiedi di venire mille volte a patti con l'autore ma che alla fine ti restituisce davvero tutto :sisi:

Zeno
01-08-13, 23:28:52
La Sindrome di Stendhal - Dario Argento

Dario non c'ha capito niente o quasi. Mi sa che da qui è iniziato il declino. :zeno:

naxel
01-08-13, 23:35:05
End of watch David Ayer
Uno spaccato sul lavoro e le vite di due poliziotti di Los Angeles, in stile documentaristico. Storia coinvolgente ed una regia con molti spunti interessanti.
Consigliato: 8.

Rage Against
02-08-13, 11:13:00
Operazione Valchiria / Bryan Singer / 2008

Da tempo lo volevo prendere in BR,l'altro giorno mi sono deciso ed è stata davvero una bella sorpresa.
Bravissimo(come sempre)Tom Cruise,e anche il resto del cast.
Odioso,per quanto ovvio il finale,anche se ho comunque sperato che ci fosse il colpo di scena :asd:

Voto 8

Zweick
02-08-13, 13:34:19
La Sindrome di Stendhal - Dario Argento

Dario non c'ha capito niente o quasi. Mi sa che da qui è iniziato il declino. :zeno:

A me già Trauma aveva convinto molto poco; del post Opera l'unico degno di nota è Non ho sonno, anche se Dracula 3d è una commedia dadaista notevole :sisi:

Lucignolo
02-08-13, 15:15:11
A me già Trauma aveva convinto molto poco; del post Opera l'unico degno di nota è Non ho sonno, anche se Dracula 3d è una commedia dadaista notevole :sisi:


Verissimo

Biso55
03-08-13, 03:59:33
The Departed - Il bene e il male di Martin Scorsese (2006)

Fantastico, del resto ci sono Di Caprio e Nicholson nella stessa pellicola, il risultato è quasi scontato :sisi:
Veramente capolavorico e ben diretto, peccato solo che sapessi già cosa sarebbe accaduto alla fine :sad:

capitanouncino
03-08-13, 04:35:13
Bloody Sunday - 2002

Argomento sicuramente bello pesante, da vedere assolutamente da soli...James Nesbitt è un fenomeno.

Darton
03-08-13, 11:05:24
Summer wars
molto bello. mi è piaciuto soprattutto come è stato creato l'ambiente familiare, mi sembrava di stare in mezzo a loro. anche la trama è appassionante.
consigliato.

Togg
03-08-13, 23:08:32
Seul contre tous, Gaspar Noé
che meraviglia. la voce narrante o è così o non è. emozionante, davvero. e poi che cosa geniale il collegamento col film successivo, la perfezione. Noé ha fatto pochi film ma tutti azzeccati.

James
03-08-13, 23:18:36
Seul contre tous, Gaspar Noé
che meraviglia. la voce narrante o è così o non è. emozionante, davvero. e poi che cosa geniale il collegamento col film successivo, la perfezione. Noé ha fatto pochi film ma tutti azzeccati.

L hai visto a 60 fps?:chris:

Togg
04-08-13, 00:04:14
L hai visto a 60 fps?:chris:

A 120.

Scherzi a parte, è il primo film completo che vedo col proiettore (fino ad ora solo test per risolvere un problema di refresh), qualità molto bassa del film ma che goduria.

Price
04-08-13, 00:32:38
Drinking Buddies
cast interessantissimo e focus puntato su olivia wilde e jake johnson nel ruolo di colleghi di lavoro e, appunto, drinking buddies
mi ha lasciato davvero contento il fatto che il film, dopo la metà, "minaccia" di diventare una commedia romantica e invece ti frega alla grande

Gargaros
04-08-13, 00:41:17
Frailty - Nessuno è al sicuro
Prima di Dexter c'era questo. Praticamente è la stessa trama con qualche variazione e un finale impregnato di sovrannaturale. Leggo però che Dexter è tratto da un libro, che ha per titolo lo stesso nomignolo dato al serial killer nel film di Paxton... sarà un caso? Noi di Voyager pensiamo di no.
Comunque, bel filmetto. Paxton dirige con mano sicura. Non manca qualche vero tocco di stile, ma all'opposto non manca nemmeno qualche trovatella tecnica di bassa lega. Però è un bel film, non ci piove.

Togg
04-08-13, 02:27:14
Zur Lage: Österreich in sechs Kapiteln - Rapporto sulla Nazione: l'Austria in sei Capitoli, Ulrich Seidl

Uno dei più belli di Seidl fino ad adesso. Tutto il razzismo, il vuoto delle vite, l'orrore di legami affettivi fascistizzati. E poi piccoli sprazzi di vite vissute. Tra i suoi film più bilanciati, con una divisione in capitoli entusiasmante.
mickes vedilo :ahsisi:

mickes2
04-08-13, 02:38:03
Zur Lage: Österreich in sechs Kapiteln - Rapporto sulla Nazione: l'Austria in sei Capitoli, Ulrich Seidl

Uno dei più belli di Seidl fino ad adesso. Tutto il razzismo, il vuoto delle vite, l'orrore di legami affettivi fascistizzati. E poi piccoli sprazzi di vite vissute. Tra i suoi film più bilanciati, con una divisione in capitoli entusiasmante.
mickes vedilo :ahsisi:
ci sono i subbi? :nfox:

p.s. ma poi paradise: love l'avevi visto?

Togg
04-08-13, 02:44:43
ci sono i subbi? :nfox:

p.s. ma poi paradise: love l'avevi visto?

No e no. Solo sub eng. E' uno dei due film di Seidl che mi manca, recupero tutto domani spero. Ho visto P. Faith a Venezia e P. Hope a Parigi. Faith non male, Hope abbastanza deludente. Comunque non è una trilogia particolarmente ispirata.

StrikerEureka90
04-08-13, 02:52:12
La migliore offerta
Bello. A parte Geoffry Rush nel solito ruolo del gentleman tutto composto dei miei ********; cosa che dopo un po' di film stanca. :sisi:

---------- Post added at 02:52:12 ---------- Previous post was at 02:48:32 ----------

Ho avuto infatti dejavù da Il discorso del re riguardo al protagonista e dejavù da Hugo Cabret per voi sapete cosa.

naxel
04-08-13, 10:26:10
The Hunger Games, Gary Ross
Temevo fosse soltanto una copia sbiadita di Hunger Games, ma sebbene l'idea di base sia la stessa, se ne distingue molto. Tutto sommato un buon film d'intrattenimento anche se non privo di difetti.
Ottima, come sempre, la prova di Jennifer Lawrence.
Voto: 7

ken-chan90
04-08-13, 11:44:25
Prima ti sposo, poi ti rovino (intolerable cruelty): Il film peggiore dei fratelli coen, a vederlo così non avrei neppure pensato fosse un loro film, salvo alcuni particolari. Una commedia romantica classica e scontata, banale e con un finale prevedibile. La presenza di Clooney poi...:bah!:

Gouki
04-08-13, 17:53:55
La Bottega Dei Suicidi / Patrice Leconte / 2012

http://i.imgur.com/iRbrBta.jpg

M'aspettavo qualcosina di più, però è stato davvero carino e simpatico.
Ottimi i disegni e le animazioni, però, secondo me, hanno messo troppe parti cantate.

Voto finale: ***

Lucignolo
04-08-13, 21:41:52
Rusty il selvaggio (1983, Francis Ford Coppola)


La versione autoriale de I ragazzi della 56esima strada. Tanti giovani talentuosi insieme come Rourke, Dillon, Fishburne, Lane, Chris Penn, Cage e un vecchio leone come Hopper, per una storia amara di periferia.
Il bianco e nero quasi espressionista altri non è se non la visione del mondo filtrata dall'occhio daltonico del fratello di Rusty, "The motorcycle boy" (tradotto malamente in "Quello con la moto") che un tempo era il leader delle gang di quartiere e che ha lasciato il posto per girare la California a bordo della sua due ruote che l'ha reso famoso.
Grandi scene come quella della rissa tra gang e quella dell'anima che si solleva dal corpo di Dillon, nonchè il drammatico finale, vibrante e disperato. Coppola ancora in gran forma anche con un cast di belle speranze, risultate poi (quasi) tutte vincenti.

Gargaros
05-08-13, 00:08:41
The Hunger Games, Gary Ross
Temevo fosse soltanto una copia sbiadita di Hunger Games

:wush:

Togg
05-08-13, 00:20:52
Jesus, You know - Ulrich Seidl

Seidl è uno dei più grandi "documentaristi" viventi, su questo pochi dubbi, quasi ai livelli di Herzog. La fiction gli riesce bene quando inserisce un po' di dramma (hundstage, import export) invece di basarsi sui suoi lavori più astratti. Questo infatti non rende.
Domani vedo l'ultimo, Paradise Love, e poi do i voti della provvidenza.

Zweick
05-08-13, 09:57:04
Oltre le colline di Cristian Mungiu

Fotografia splendida, rispetto a Quattro settimane la regia di Mungiu è decisamente più cinematografica, i dialoghi e la sceneggiatura che ruotano intorno all'ottusità religiosa e all'ignoranza sono a prova di bomba, ma questo film esiste già da quarantanni: insomma vedetevi Il demonio di Brunello Rondi.

Django 2 - Il grande ritorno di Nello Rossati

Franco Nero torna a vestire i panni di Django dopo una ventina d'anni dall'originale e una serie di seguiti apocrifi.
Western all'italiana fuori tempo massimo, siamo nel 1987, il film di Rossati è un affascinante crogiuolo di altri generi, compresa la fantascienza con l'astronave/imbarcazione nera con cui si muove la terribile nemesi di Django, che ha dalla sua un'atmosfera mortifera invidiabile,riprendendo saggiamente dal capostipite di Corbucci la putrescenza delle ambientazioni e un certo gusto sadico per la violenza. Peccato che siamo alla fine di un era, e il film ne risente in parte come pratiamente tutti i prodotti del periodo; a testimonianza che siamo in piena fine del cinema di genere italiano, c'è anche Donald Pleasence nei panni guarda caso di un entomologo.
Vera base per il Django scatenato di Tarantino, le analogie non si contano, e con un cattivo d'antan come il capitano ungherese Orlowsky ingiustamente ignorato dal bad ass contest :stema:

naxel
05-08-13, 12:06:45
:wush:

intendevo Battle Royale :rickds:

Zeno
05-08-13, 13:39:38
Rusty il selvaggio (1983, Francis Ford Coppola)


La versione autoriale de I ragazzi della 56esima strada. Tanti giovani talentuosi insieme come Rourke, Dillon, Fishburne, Lane, Chris Penn, Cage e un vecchio leone come Hopper, per una storia amara di periferia.
Il bianco e nero quasi espressionista altri non è se non la visione del mondo filtrata dall'occhio daltonico del fratello di Rusty, "The motorcycle boy" (tradotto malamente in "Quello con la moto") che un tempo era il leader delle gang di quartiere e che ha lasciato il posto per girare la California a bordo della sua due ruote che l'ha reso famoso.
Grandi scene come quella della rissa tra gang e quella dell'anima che si solleva dal corpo di Dillon, nonchè il drammatico finale, vibrante e disperato. Coppola ancora in gran forma anche con un cast di belle speranze, risultate poi (quasi) tutte vincenti.

Quei pesci non combatterebbero tra loro se fossero nel fiume, se avessero spazio... :tragic:

Lucignolo
05-08-13, 19:50:36
Scarface (1932, Howard Hawks)

L'originale; gangster movie firmato Hawks, fedele ricostruzione della dura realtà del momento nella città di Chicago, il film si apre infatti con un vera e propria accusa al lassismo del governo americano, reo di non aver reagito con durezza al dilagare del fenomeno delle gang, acuito dal proibizionismo.
E' proprio nel commercio illecito dell'alcool che trova campo fertile il malaffare di alcuni dei più famosi gangster dell'epoca, uno su tutti Al Capone, che sembra essere l'ispirazione maggiore per il film. Uno sgherro da 4 soldi sotto la cupola di un boss più anziano e esperto, ma dalla mentalità tradizionale, non al passo coi tempi, l'occasione ideale per Tony Camonte (Un grande Paul Muni) di inserirsi per realizzare il suo sogno di diventare un criminale temuto e rispettato. Dovrà fare i conti con i capi delle altre gang ma soprattutto con il suo precario equilibrio mentale.
Pur avendo svariati punti in comune col remake di De Palma (specie nel rapporto Tony e sorella), l'originale è un vero e proprio noir vecchio stile con una massiccia dose di violenza in più degli standard dell'epoca (per la quale la severa censura americana costrinse il regista a tagliare alcune scene e ritardare di 2 anni l'uscita), ma niente a che vedere con la barocca e degenerata versione 1983, dove la tagliente penna di Oliver Stone mena fendenti rosso sangue sin dalle scene iniziali, per arrivare alla celebre sparatoria nella villa finale, che sembra avere persino un che di surreale per la sua ridondanza.
Il film di Hawks invece è molto più attento alle sfumature caratteriali del protagonista, un uomo amorale, avido, violento con chiunque, persino coi suoi compari; il Tony interpretato da Muni è persino più spietato di quello di Al Pacino, meno deciso e più in conflitto con se stesso; Camonte è invece risoluto in tutto quello che fa (in questo mondo vigono solo 3 regole: se vuoi fare una cosa falla per primo, falla da te e continua a farla) e a superarlo in malignità di li a qualche anno sarà solo James Cagney (citato anch'egli in Scarface 83) nel magnifico "La furia umana" di Walsh. Trova spazio anche qualche volto celebre come quello di Boris Karloff, fresco fresco di Frankenstein, qui nei panni, di uno dei boss delle zona nord della città.

Hushabye
05-08-13, 20:20:56
di Boris Karloff, fresco fresco di Frankenstein, qui nei panni, di uno dei boss delle zona nord della città.

quel frankenstein l'ho visto l'altro giorno

AT-33
05-08-13, 21:31:50
Non Avere paura del buio
Bellino, però apparte un paio di volte non mi ha fatto paura. Thriller carino comunque :sisi:
Voto:7

Jarhead
Un bel film di guerra, un Full Metal Jacket che tratta però la guerra in Kuwait e non vanta un genio come Kubrick.
Voto:8

ESP Fenomeni paranormali 2
Visto poco fa al cinema. E' forse il film che mi ha fatto prendere più spaventi. Ottimo.
Voto:9

Jaga
05-08-13, 23:27:19
Stoker di Park Chan-wook. Ennesimo capolavoro del regista sudcoreano passato qui da noi totalmente in sordina, complice anche l'uscita di Man Of Steel che ha monopolizzato tutti i cinema per almeno un paio di mesi. Assolutamente da recuperare per chi non l'avesse ancora visto.

naxel
05-08-13, 23:40:05
Boyz n the Hood, John Singleton
Immersione nel ghetto. Voto: 8
E ne cancelliamo un altro dalla lista di Spike :gab:

mickes2
05-08-13, 23:56:41
Boyz n the Hood, John Singleton
Immersione nel ghetto. Voto: 8
E ne cancelliamo un altro dalla lista di Spike :gab:

bello :sisi: un film piccolo dove però ben si respira l'aria violenta e soffocante del ghetto, nel quotidiano. idolissimo un giovane Ice cube.

Wurdalak
06-08-13, 00:57:24
Pacific Rim
Epico, esaltante (cosa per quanto mi riguarda rara di questi tempi, mi è successo solo di recente con la mega sparatoria in Django :ahsisi: ), ma prevedibilissimo :asd: ok che è un blockbuster hollywoodiano ma qui si esagera con i clichè :bah!:
Per me potevano eliminarla completamente la trama, mettendoci piuttosto combattimenti ancora più assurdi e fantasiosi e rendendo il finale un pò meno deludente e imbarazzante di quello che è. Non so voi ma sono sempre stato del parere che o una cosa la fai bene o non la fai. O fai una trama decente oppure se non ci riesci non la fai e ci fai un favore :rickds:
Comunque bello, merita. In un film del genere comunque la trama è totalmente secondaria. Quello che conta è l'azione, che deve essere più epica possibile, deve farti spuntare sulla faccia un sorrisetto di sincera soddisfazione pari a quello che provavi da piccolo a vedere morire/implodere/saltare in aria il mega boss dell'ultimo livello e deve farti urlare "mio dio che fottuta cazzofigata sto guardando!!!". E qui tutto questo c'è. In abbondanza anche :kappe:

Togg
06-08-13, 02:00:08
Paradise: Love, Seidl
m'è piaciuto! Mi sembra che il conflitto interiore della protagonista funzioni egregiamente. Seidl fa un cinema abitato da personaggi che sono sia vittime che carnefici. Un loop infernale fatto di sguardo coloniale, aspettative impossibili, risposte negate.
C'è anche da dire che la trilogia andrebbe vista appunto come trilogia, ha un respiro che merita di essere colto. Sono riuscito un po' a ricostruirlo mentalmente a posteriori (avendo visto nell'ordine 2-3-1)

E adesso gli incontestabili voti!

1980 One Forty (Einsvierzig) (short) 6
1982 The Prom (Der Ball) (short) 7
1990 Good News 8
1992 Losses to Be Expected (Mit Verlust ist zu rechnen) 9
1994 The Last Men (Die letzten Männer) (TV) 7
1995 Animal Love (Tierische Liebe) 7
1996 Pictures at an Exhibition (Bilder einer Ausstellung) (TV) 8
1997 The Bosom Friend (Der Busenfreund) (TV) 8,5
1998 Fun without Limits (Spass ohne Grenzen) (TV) 6,5
1999 Models 7,5
2001 Dog Days (Hundstage) 8,5
2002 State of the Nation (Zur Lage) 9
2003 Jesus, You Know (Jesus, Du weisst) 6
2004 Our Father (Vater unser) (filmed stage play)
2006 Brothers, Let Us Be Merry (Brüder, laßt uns lustig sein) (short)
2007 Import/Export 8
2012 Paradise trilogy (Paradies)
Paradise: Love (Paradies: Liebe) 7,5
Paradise: Faith (Paradies: Glaube) 7
Paradise: Hope (Paradies: Hoffnung) 6,5

Dall'otto in su è tutto da vedere ASSOLUTISSIMAMENTE.
(e in 24 fotogrammi al secondo, denghiu)

Hushabye
06-08-13, 02:53:24
http://mr.comingsoon.it/imgdb/PrimoPiano/20415_ppl.jpg

Before Midnight,2013,Richard Linklater - 79

Sarà finita qui?Sulla trama non si può dire nulla ma il terzo capitolo si presenta e va visto in maniera diversa,comunque la cosa più affascinante della trilogia rimane la tempistica(19 anni dopo qui)

http://thefilmstage.com/wp-content/uploads/2012/12/touchy-feely-ellen-page-scoot-mcnairy.jpg

Touchy Feely,2013 - 64

Dramma familiare non supportato da una buona sceneggiatura incapace di approfondire bene le idee presentate,però c'è la page :kep88:

http://www.atticlightfilms.com/wp-content/uploads/2012/11/LG-website-roll-out-1-5-282x300.jpg

The Lifeguard,2013,Liz W Garcia - 71

Coming of age classico ma che mi ha soddisfatto

Poi recuperati Frankenstein,1931,piaciuto, Broken,2012,il film di Norris meritevole di visione

Key Paradise
06-08-13, 17:00:07
http://obliquamente.files.wordpress.com/2012/12/schermata-2012-12-15-a-17-39-36.png?w=620&h=321

la decima vittima - elio petri (1965)
la Grande Caccia è un gioco, regolato da tanto di ministero, in cui ognuno degli iscritti deve sopravvivere a 10 prove: in 5 di esse è il cacciatore e deve uccidere la propria vittima, sorteggiata a caso tra gli iscritti; in altre 5 è la vittima, e deve sopravvivere al proprio cacciatore. al termine delle 10 prove i sopravvissuti ricevono 1 milione di dollari ed una serie di benefici. mix di sci-fi/western urbano dall'atmosfera altamente disincantata, quasi comica per il contrasto tra il dramma delle situazioni (morti su morti ammazzati) e la filosofia con cui queste vengono prese (il problema della sovrappopolazione? perchè controllare le nascite quando si possono controllare le morti?). un lavoro davvero particolare, ai limiti del grottesco. accompagnato per tutta la durata dalla sognante (e sensualbellissima) colonna sonora di piero piccioni, cantata nientemeno che da mina, che vale da sola il prezzo del biglietto.


http://www.youtube.com/watch?v=Y6D4Jg6bgmA

"sono pazza! sì, sono pazza!"

http://cache.boston.com/resize/bonzai-fba/Globe_Photo/2008/01/31/1201832780_6850/539w.jpg

tootsie - sydney pollack (1982)
si respira un amore incondizionato per la figura dell'attore in questo film, tanto come professionista e quindi nel suo lavoro, quanto come persona e quindi nella vita. non si può non voler bene a ciascuno dei personaggi, nessuno dei quali sembra in grado di poter vivere da solo, senza un appoggio dei suoi simili. grande hoffman, e strano vedere la lange giovane, dal viso e dalla caratterizzazione angelica, dopo essermi abituato a quella di american horror story.

http://sunsetgun.typepad.com/.a/6a00d83451cb7469e2016761e73dbf970b-400wi

film - alan schneider (1964)
dopo aver letto aspettando godot e finale di partita di beckett, ho visto questo suo primo ed unico lavoro cinematografico. mi impressiona sempre come beckett riesca ad inserire in contesti all'apparenza comici lampi di esistenzialismo cocente. in questo caso il protagonista, sempre inquadrato di spalle, è ossessionato dallo sguardo altrui: che sia quello di un pesce, di un ritratto, di un pappagallo, di una fotografia. dopo averli oscurati tutti, può finalmente dormire serenamente. ma il suo sonno è presto interrotto: la camera finalmente lo inquadra frontalmente; svegliatosi, sul suo volto si dipinge un'espressione sbigottita. controcampo: la camera non è altro che il protagonista stesso. si può fuggire da tutto, ma non da sè stessi.

"Ecco gli uomini: si lamentano della scarpa, quando la colpa è del piede"

TheNightflier
06-08-13, 17:24:44
La notte dei morti viventi (1968) George Romero

125191

Capolavoro low budget semi amatoriale di Romero nell'edizione Blu Ray della RaroVideo master video davvero ottimo nel formato originale 1:33,in lingua originale visto stanotte,anche perchè l'audio italiano suonava artefatto e ovattato,peccato.

Interessanti gli extra l'audio intervista a Duane Jones il protagonista ed un vero e propio ulteriore film documentario prodotto da Romero per i 40 anni della pellicola One for the Fire,dove svelano interessanti aneddoti sulla realizzazione del film.

Film culto che ha fatto storia voto 9

Gouki
06-08-13, 18:03:04
House Of Wax / André De Toth / 1953

http://i.imgur.com/TeHnS5m.jpg

Costumi, musiche e trucco veramente sublimi sotto ogni aspetto.
Price mastodontico come sempre e trama interessante ed inquietante.
Capolavoro.

Voto finale: *****

mickes2
06-08-13, 20:22:58
Sacco e Vanzetti , Giuliano Montaldo - ***+
http://nuovocinemalocatelli.com/wp-content/uploads/2013/03/sacco-e-vanzetti.jpg
Resoconto giudiziario di una nerissima e sconvolgente pagina di Storia italo-americana nel periodo pre-Grande depressione.
Deriva degli anarchici Sacco e Vanzetti (straordinari Volontè e Cucciolla), simboli di una rivolta rossa che dava voce ai più
deboli -emigrati italiani senza prospettive seppur pieni di abnegazione- ingiustamente accusati d’omicidio e condannati a morte
perché sostenevano autonomamente le proprie idee oneste e liberali, denigrate proprio dal paese simbolo del diritto e della libertà dell’uomo.
Da incorniciare l’incipit e la chiusura, di grandissima emozione anche grazie allo score musicale di Morricone in coppia con Joan Baez; e l’arringa di Volontè.

http://www.youtube.com/watch?v=HNKPUuxaLRE


La figlia dell’inganno, Luis Bunuel - ***+
http://cicus.us.es/wp-content/uploads/2010/10/la-hija-del-engano1.jpg
Il proprio inferno, Don Quintin, se l’è costruito da solo in 20 anni di rabbia cieca e sentimenti congelati. Un fuoco ossessivo, sadico e misogino
attenuato solo dalla morte della propria amata/nemica. Stupenda opera Bunumexiana sull’attimo, il destino, il tradimento; sui legami famigliari
e l’importanza di una solida base sentimentale. Al registro melodrammatico, stupendamente si compenetra un’innata dote farsesca e il solito,
miracoloso apporto allusivo-morboso dal retrogusto delicatamente perverso. Il finale accondiscendente non ridimensiona né sublima, però emoziona. Notevole!

id2010
06-08-13, 21:31:38
Rec 3...fa paura. Ma non perchè è un'horror ma perchè fa defecare letteralmente da quant'è brutto. Nulla a che vedere con i due precedenti capitoli.

Gouki
06-08-13, 21:40:28
La notte dei morti viventi (1968) George Romero

125191

Capolavoro low budget semi amatoriale di Romero nell'edizione Blu Ray della RaroVideo master video davvero ottimo nel formato originale 1:33,in lingua originale visto stanotte,anche perchè l'audio italiano suonava artefatto e ovattato,peccato.

Interessanti gli extra l'audio intervista a Duane Jones il protagonista ed un vero e propio ulteriore film documentario prodotto da Romero per i 40 anni della pellicola One for the Fire,dove svelano interessanti aneddoti sulla realizzazione del film.

Film culto che ha fatto storia voto 9

Capolavoro totale, è il mio film preferito di Romero (io do un 10 secco se devo valutare con i numeri, dato che di solito uno le stelline).

Carnage
07-08-13, 10:06:25
the hunder games

Jaga
07-08-13, 10:22:05
Capolavoro totale, è il mio film preferito di Romero (io do un 10 secco se devo valutare con i numeri, dato che di solito uno le stelline).
Secondo me il livello qualitativo massimo raggiunto da Romero, e logicamente anche dal genere degli zombie movie in generale, è rappresentato da Dawn of the Dead (lo "Zombi" del 78 per intenderci, non il remake di Snyder).

Big-Demoniac
07-08-13, 10:30:36
La vera soria di jack lo squertatore. Me lo aspetavo diverso, due ore che passano abbastanza lentamente ma almeno passano :sisi:

Gouki
07-08-13, 12:19:10
Secondo me il livello qualitativo massimo raggiunto da Romero, e logicamente anche dal genere degli zombie movie in generale, è rappresentato da Dawn of the Dead (lo "Zombi" del 78 per intenderci, non il remake di Snyder).

Per me il suo massimo è "Night Of The Living Dead", ha un'atmosfera veramente incredibile e mette un'ansia assurda. Quel bianco e nero, poi, è stratosferico, proprio come le musiche e tutto il resto.

Pacific Rim / Guillermo del Toro / 2013

http://i.imgur.com/jyOYLIv.jpg

Grande cinema d'intrattenimento, che mescola bene le scene "di calma" a quelle d'azione (Bay ha solo da imparare).
M'è piaciuto molto l'aspetto estetico dei Kaiju e degli Jaeger e, in un ipotetico sequel, spero di vederne molti di più.
La trama l'ho trovata piuttosto scialba, i dialoghi scontati e i personaggi carismatici come una tavola di legno, però il film punta decisamente ad altro e quindi queste cose non mi sono pesate più di tanto.

Voto finale: ****

Togg
07-08-13, 12:50:59
Secondo me il livello qualitativo massimo raggiunto da Romero, e logicamente anche dal genere degli zombie movie in generale, è rappresentato da Dawn of the Dead (lo "Zombi" del 78 per intenderci, non il remake di Snyder).

Day è il mio preferito, Dawn è pure molto molto bello, di Night riconosco l'impatto stratosferico ma credo sia quello che logicamente sconti di più il tempo passato.

Key Paradise
07-08-13, 13:09:03
La vera soria di jack lo squertatore. Me lo aspetavo diverso, due ore che passano abbastanza lentamente ma almeno passano :sisi:

beh di certo non poteva fermare il tempo :sisi:

Togg
07-08-13, 13:31:42
beh di certo non poteva fermare il tempo :sisi:

:rickds:

Lav Diaz può.

Biso55
07-08-13, 14:42:20
La notte del giudizio di James DeMonaco (2013)

Poca roba, davvero poca roba sebbene il soggetto non fosse affatto male...
Insomma, l'idea della notte in cui viene liberato tutto l'odio e la follia repressa al fine di mantenere una società prospera come mai prima d'ora non è niente affatto male e poteva nascere un film decisamente più profondo e decisamente migliore di questo, in cui a parte qualche momento di tensione nella parte iniziale (tralasciando la sceneggiatura rivedibile, quel bambino che apre le porte ad un perfetto sconosciuto e continua anche dopo a cercare di salvarlo, fregandosene totalmente di sè e della propria famiglia, bah) c'è poco da salvare...
Colpi di scena più che prevedibili e personaggi poco approfonditi, film decisamente evitabile :sisi:

Quattro
07-08-13, 20:45:26
___

The Way Back - Peter Weir, 2010. Film tratto da una storia (presunta) vera, quindi poco da dire riguardo ad una sceneggiatura che riserva ben poche sorprese. Nel senso, dopotutto sono due ore di gente che cammina. Fotografia ottima, con alcuni momenti di pura perfezione estetica - complice l'assoluta fotogenia dei paesaggi ripresi. Non male ma sicuramente non imperdibile.
___

Lucignolo
07-08-13, 21:32:19
Anche per me la notte dei morti viventi è il migliore di Romero, è vero è invecchiato, ma resta uno dei film fondamentali per ogni appassionato di horror oltre che il più spaventoso di sicuro.


Poi certo, se uno preferisce l'horror col grande effetto gore, Zombi e il giorno degli zombi regnano

Gouki
07-08-13, 21:39:21
Demonia / Lucio Fulci / 1990

http://i.imgur.com/2MC9055.jpg

Sceneggiatura pari a zero, atmosfera inesistente e recitazione veramente oscena.
L'unica cosa che salvo sono gli effetti speciali, il resto è davvero senza senso e mi stupisco che alla regia c'era il grandissimo Lucio Fulci.

Voto finale: *

Istrice450
07-08-13, 22:10:08
Anche per me la notte dei morti viventi è il migliore di Romero, è vero è invecchiato, ma resta uno dei film fondamentali per ogni appassionato di horror oltre che il più spaventoso di sicuro.


Poi certo, se uno preferisce l'horror col grande effetto gore, Zombi e il giorno degli zombi regnano

come quando si mangiano quello sulla macchina della pressione sanguigna e nel frattempo lampeggia l'analisi "pressione sanguigna=0" :asd:

Carnage
08-08-13, 09:29:34
rocky 6

naxel
08-08-13, 11:50:35
Empire of the Sun, Steven Spielberg
Voto: 6,5

Aku
08-08-13, 15:20:26
Superman L'uomo d'acciaio

Nolan perché tutto questo ?
Ma è una tua idea i pipistrelloni su Krypton ?
Snyder sempre il solito, disprezzabile come Nispel e il miasmatico Bay.

Dio salvi il cinema disimpegnato, la vedo male tra Leghe della Giustizia e Batman che picchia L'uomo d'acciaio.
Ma vecchi film sci-fi no ?
Qualche soggetto originale ?
Qualcosa che non arrivi da fumetti o videogiochi no ?

eccazzo.

Lucignolo
08-08-13, 16:36:04
Demonia / Lucio Fulci / 1990

http://i.imgur.com/2MC9055.jpg

Sceneggiatura pari a zero, atmosfera inesistente e recitazione veramente oscena.
L'unica cosa che salvo sono gli effetti speciali, il resto è davvero senza senso e mi stupisco che alla regia c'era il grandissimo Lucio Fulci.

Voto finale: *


Purtroppo Fulci oramai era gravemente malato, non credo avesse più la lucidità per fare bei film, infatti quasi tutti i suoi film di fine carriera (Tranne le porte del silenzio e Quando alice ruppe lo specchio) compreso questo qua, è roba da mettere in soffitta

Gouki
08-08-13, 17:53:25
Justice League: The Flashpoint Paradox / Jay Oliva / 2013

http://i.imgur.com/Z1TSaYM.jpg

Altro grandissimo film animato targato DC Comics! Ottime le animazioni, così come le musiche e la trama dal finale davvero toccante.

Voto finale: ****

Biso55
08-08-13, 20:46:04
Ed Wood di Tim Burton (1994)

Era tanto che volevo vederlo, veramente bello.
Fa male vedere Johnny Depp recitare così e pensare quanto si stia sciupando con le commercialate Disney :sad:

Gargaros
09-08-13, 02:27:30
Cannibal ferox
Truculento e atroce. Bello bello, ma ingenuotto a più riprese. La reazione della scienziata quando il tizio dice che lo stronzo ha ucciso una bambina è da Oscar(ico del cesso).

Biso55
09-08-13, 05:10:36
Bed Time di Jaume Balaguerò (2011)

Beh l'ho visto senza saperne niente, mi aspettavo un horror, e invece mi ritrovo un thriller veramente ben fatto, con momenti di forte tensione e una gran bella sceneggiatura.
Suggestiva l'immagine, ripetuta spesso, di lui sotto al letto.

FedericoITA1994
09-08-13, 09:01:18
tra ieri e oggi ho guardato sia C'era una volta in America che Taxi Driver. Due capolavori, soprattutto Taxi Driver. E' profondamente toccante.

Gouki
09-08-13, 12:04:39
The Conjuring / James Wan / 2013

http://i.imgur.com/B19wVeV.jpg

James Wan si dimostra, ancora una volta, uno dei migliori registi dell'horror moderno.
Ottima l'atmosfera e, in alcuni punti, i brividi sono assicurati.

Voto finale: ****

Carnage
09-08-13, 12:12:34
rocky 4

Hushabye
09-08-13, 12:49:30
http://www.tugg.com/system/images/promo_posters_images/31288/event_grid/2973d065dbcb80e5e79dc8990e3d4707.jpg?1366749017

The Story of Luke,2013,Alonso Mayo - 80

L'indie e l'autismo: c'è quello di Fly Away, raccontato in maniera cruda senza fronzoli e ora c'è quello di Mayo,che ne parla con un pizzico di ironia spaziando a tratti più nella commedia e quindi prendendosi i dovuti rischi di credibilità.Eppure il risultato anche qui è splendido e come succedeva nel film della Grillo(con Ashley Rickards) anche qui il protagonista,questa volta maschile, è interpretato da un Lou Taylor Pucci da incorniciare.

Quattro
09-08-13, 19:53:50
___

Cantando sotto la pioggia - Stanley Donen e Gene Kelly, 1952. Assolutamente brillante, nella sceneggiatura, nelle coreografie, nella colonna sonora. Canzoni, situazioni e personaggi entrati di buon diritto nel mito. Una leggera commedia che sa prendersi gioco di se stessa e del cinema tutto, con uno humor che, salvo qualche caduta, risulta invecchiato sorprendentemente bene. Unico difetto: alcune parti musicali, per quanto ben realizzate, sembrano quasi inserite a forza nella narrazione e appaiono dunque abbastanza superflue o fuori luogo (ad esempio quando Kelly esprime come vorrebbe fare il suo prossimo film).

Bed time - Jaume Balagueró, 2011. Titolo originale Mientras duermes, traduzione "italiana" agghiacciante. Dando credito ai buoni commenti letti qua e là sulla rete ho recuperato un film che altrimenti non avrei nemmeno considerato, e mi sono trovato davanti ad un eccellente prodotto. Grande personaggio il protagonista, assolutamente diabolico ma perfettamente caratterizzato. Diversi momenti di tensione altissima realizzati perfettamente e risolti sempre in modo intelligente e credibile. Crudo, psicologicamente violento, non c'è spazio per alcun buonismo al costo di rischiare di cadere nell'eccesso e nel cattivo gusto. Rischio che evidentemente è valso la pena di correre, perché il film dimostra una potenza emotiva e un coraggio che si trovano davvero di rado. Consigliato, ma sappiate che non è un film per tutti.
___

naxel
10-08-13, 00:19:51
13 assassini, Takashi Miike
Voto: 7,5
Pineapple Express, David Gordon Green
Voto: 6,5

Mario87
10-08-13, 02:03:22
125463

Avalon - Mamoru Oshii - 2001

Brevemente, Avalon è una realtà virtuale, simile a un videogioco di guerra, con tanto di classi e livelli, dove Ash ( la protagonista ) vive in un futuro cupo e tetro, giocando come mercenaria ad Avalon, per guadagnare crediti. La regia alterna fasi lente, e momenti più dinamici quando è dentro Avalon.
Girato quasi totalmente con il colore seppia (eccetto la parte finale ), dato per creare un effetto contrastante tra realtà e mondo virtuale.
In definitiva, mi ha colpito molto sia la regia che la fotografia ( sembra di vedere un anime in live action ).
Bellissima anche la colonna sonora. Consigliato.

Voto: 7,5

PS: Devo recuperare assolutamente Ghost In The Shell. :sisi:

Gargaros
10-08-13, 04:15:22
Into darkness Star Trek
Credevo decisamente peggio, invece è buonino. La cosa che guasta fino alla nausea è che dura due ore ed è ingolfato, come vuole la qualità attuale (pessima) di azioni mirabolanti e stupidissime. Mi chiedo quando torneranno gli amerregani a fare cinema d'intrattenimento non così di cattivo gusto.
La trama funziona, anche se in più di un'occasione ho avuto la sensazione che fosse piegata per dar avvio alle lunghe sequenza action senza senso. La broda l'hanno voluta per forza allungare oltremisura, e che ci possiamo fa'?
Nota di merito a JJ: ha praticamente tolto i fastidiosissimi lens flare. E' strano, perché nel podcast dei Filmbasterds dicevano invece il contrario... Ovvio, i lens ci sono, ma in misura drasticamente ridotta rispetto al primo ST. Le speranze per SW si sollevano... Eh, però la brodaglia action...

Upside down
Maccheccarino! Anche questo credevo fosse una cacchiata megagalattica... Oddio, cacchiata lo è, ma alla fine è più un fantasy che SF, e il mondo risponde a delle regole ben precise e continue (anche se non ho ben capito la faccenda della conservazione "materiale"). Una storia d'amore artipica e visionaria. Le inquadrature di questi due mondi contrapposti in più di un'occasione mi hanno regalato sani brividi da vertigine. Per contro, l'uso della CG a tratti l'ho trovato insopportabilmente invasiva (a volte c'è un sole che s'intrufola tra i due pianeti e però non protetta ombre, tanto è fintissimo e appiccicato col PC).



Voto: 7,5

Non sono daccordo :none:

Biso55
10-08-13, 04:33:32
La leggenda del cacciatore di vampiri di Timur Bekmambetov (2012)

Brutto. Ridicola accozzaglia di più generi, non salvo veramente niente. Non mi è piaciuta la sceneggiatura, il montaggio, gli effetti speciali, le scene d'azione, nemmeno il trucco e ancor di meno gli attori (il protagonista ci prova a recitare, ma è totalmente inadeguato alla parte).
Nemmen finito, mi sono addormentato prima.

Zweick
10-08-13, 10:27:16
L'estate è tempo di (re)visioni horror:

Chi l'ha vista morire? di Aldo Lado
Uno dei più belli Gialli dei settanta, con una splendida Venezia che fa da sfondo ad una serie di omicidi legati a fatti di pedofilia e propabilmente la più inquietante declinazione dell'assassino nero vestito: un'anziana signora con un perverso pallino per le bambine dai capelli rossi, spesso immortalata da una fantastica soggettiva con tanto di veletta nera davanti all'ottica e accompagnata dalla spaventosa nenia di Morricone

http://www.youtube.com/watch?v=BuK-b03RlbU
Nato probabilmente come uno dei tanti emuli dei primi Argento, il film di Lado finisce per diventare lui stesso una pellicola seminale per il genere con tante trovate che gli verranno "scippate" nel corso del fortunato decennio.
Magnifico :sisi:

[Fulgore]
10-08-13, 10:34:33
rocky 4
ma i commenti non sono graditi?

Hushabye
10-08-13, 11:10:43
Pineapple Express, David Gordon Green
Voto: 6,5

dopo avalanche di green devo recuperare all the real girls

naxel
10-08-13, 11:20:48
dopo avalanche di green devo recuperare all the real girls

George Washington com'è?

Hushabye
10-08-13, 11:33:49
George Washington com'è?

in realtà non ho visto nemmeno quello..ho ricordi discreti per snow angels e poi va beh your highness

Mario87
10-08-13, 13:49:23
Non sono daccordo :none:

Forse ho esagerato un pò con il voto, cosa non ti è piaciuto ? :nzero:
Sicuramente manca di maggiore sostanza, però a livello visivo mi è parso interessante...:sisi:

Lucignolo
10-08-13, 18:20:23
Mezzogiorno di fuoco (1952, Fred Zinnemann)

Lo sceriffo Will Kane riceve un telegramma il giorno stesso del suo matrimonio e conseguente congedo: un pericoloso bandito che aveva arrestato è stato rimesso in libertà e sta prendendo il treno delle 12 per fargliela pagare insieme ad altri 3 complici. Il nuovo sceriffo arriverà solo il giorno seguente e Kane è alla disperata ricerca di tiratori scelti che lo aiutino a fronteggiarli, deve fare in fretta, ha poco più di un'ora per reclutare pistoleri, altrimenti dovrà affrontare l'intera banda da solo.
Grande Western-suspense, a prestare volto allo sceriffo Gary Cooper, uno degli ultimi eroi del cinema americano degno di tale nome; fondamentalmente il film gioca sull'attesa snervante dello sceriffo e dei suoi codardi concittadini e non a caso lo svolgimento temporale coincide o quasi con il minutaggio del film e gli orologi vengono inquadrati spesso come da monito di qualcosa di incombente. Non da meno è un film etico; puoi essere anche stato uno considerato da tutti una persona ammirevole fino al giorno prima, ma di fronte alle grandi responsabilità della vita, ti ritroverai sempre solo.

Key Paradise
10-08-13, 19:10:39
the sunshine boys - john erman (1996): 7/10
tratto da una pièce di neil simon, interamente basato sul rapporto idiosincratico di due vecchi comici: peter falk e woody allen. con loro due in scena non si rischia mai di annoiarsi

the duellists - ridley scott (1977): 8.5/10
la matrice conradiana è ben evidente. sebbene lo svolgimento possa apparire quasi... buffo, l'abilità con cui vengono scandagliati i personaggi indica ben altri intenti e spessore. fantastica la fotografia ispirata a barry lyndon e duelli da sudore freddo.

panic room - david fincher (2002): 7/10
c'è tantissimo hitchcock, ma stavolta la finestra di fronte si chiude lasciando sole le nostre protagoniste. e in linea con i dettami del maestro, anche qualche trovata un po' campata per aria. ma anche tante sequenze magistrali e capacità di mantenere sempre alta la tensione. sir alfred probabilmente avrebbe apprezzato, io di sicuro.

the shawshank redemption - frank darabont (1994): 7.5/10
la dimostrazione che se hai come amico morgan freeman, nemmeno 30 anni di carcere sembrano così terribili. e poi quale miglior voce narrante? cinema classico americano, con pregi e difetti annessi.

if only - gil junger (2004): 6.5/10
dramedy con virata metafisica. la presenta della hewitt mi ha fatto pensare ad un episodio di ghost whisperer di qualità superiore, con wilkinson nei panni del profeta/dio. comunque sono stato invitato a vederlo per un motivo ben preciso, e forse per questo motivo mi ha colpito più di quanto potesse.

Gargaros
10-08-13, 20:17:23
Forse ho esagerato un pò con il voto, cosa non ti è piaciuto ? :nzero:
Sicuramente manca di maggiore sostanza, però a livello visivo mi è parso interessante...:sisi:

No, intendevo dire che non sono d'accordo per avergli dato solo 7,5 :tragic:

Per me tutti dovrebbero dargli almeno 8.

Io gli do 9 :tragic:


EDIT
E sì, vediti anche Ghost in the shel, possibilmente la versione tutta animata a mano (non quella ***** contaminata da CG di dubbio gusto estetico).

Togg
11-08-13, 00:36:23
Visto Anna Karenina di Joe Wright.
Potrei anche essere interessato dall'idea ma la Knightley no. Paghiamogli qualsiasi somma pur di non farla recitare mai più.

Togg
11-08-13, 03:41:53
siccome mi dovevo rifare lo stomaco ho visto The Killing of a Chinese Bookie. Tanto di cappello, film che vive di piccole cose ma mantenendo un'estetica magniloquente. Cassavetes non ne sbaglia una.

La francese aveva un suo poster enorme sopra il letto, su questo ci ha preso :chris:

James
11-08-13, 03:48:40
Visto Anna Karenina di Joe Wright.
Potrei anche essere interessato dall'idea ma la Knightley no. Paghiamogli qualsiasi somma pur di non farla recitare mai più.

:rickds: dai ti quoto và

Hushabye
11-08-13, 12:28:44
http://www.wordandfilm.com/wp-content/uploads/2013/08/Emile-Hirsch-in-Prince-Avalanche.jpg

Prince Avalanche,2013,David Gordon Green - 80

Hirsch ritorna nella natura selvaggia con un David Green in formissima e anni luce avanti dall'ultimo Your Highness.Il film è semplicissimo,a livello di eventi non succede quasi nulla;l'ambientazione incontaminata del Texas accompagna le bizzarre rilessioni dei due protagonisti(solitudine,amore,responsabilitài) occupati nel ridipingere la segnaletica stradale e anche il loro rapporto.Ottimo il supporto musicale.

http://www.upcoming-movies.com/ashx/WFTCRMImageFetch.aspx?DType=ArticleImage%26ImageTy pe=ArticleImg%26PhotoName=3696ff1d-b941-4d2e-a83a-ed80b1860f98.jpg

Lovelace,2013,Robert Epstein e Jeffrey Friedman - 65

La biografia sulla Lovelace scorre via senza grossi sussulti,per me sufficiente o poco più ma dimenticabile.

Gio1981
11-08-13, 12:46:06
mi sto riguardando buona parte dei miei Bluray, quelli con Dolby True HD e DTS HD a volume 60 sono SPETTACOLARI !!! :hail: Con il nuovo impianto audio che ho in firma sembra di vederli al cinema !!!:predicatore:
l' audio in HD è tutta un' altra cosa rispetto al semplice dolby 5.1 o DTS !!! ultimi film visti : Terminator Salvation, Underworld La quadrilogia, Priest 3D, World Invasion.
Adesso manca solo la Moquette, appena aprono sti dannati negozi la compro grigio scuro cosi' miglioro l' acustica, il video (togliendo le poche riflessioni del pavimento) e l' estetica della saletta.

Hushabye
11-08-13, 13:04:14
qualcuno ha visto Either Way?

Gargaros
11-08-13, 15:53:09
Looper
Partiamo da cosa non funziona: la voce fuori campo. Primo perché è posticcia, artificiosa, non serve a niente; e, secondo, è una dannata blackbox, e di blackbox nun se ne po' più.
Altra cosa che non funziona, secondo il mio palato fine, è la troppa azione. C'è una scena in cui Willis è praticamente il terminator che entra nella stazione di polizia e ammazza trutti e ne esce vivo. Peccato solo che Bruce non è un robò, ma un uomo in carne ossa. Quella è la scena più forzata in tutta la sceneggiatura, non solo perché è assurda, incredibile (e lo anche in un film fantastico come questo), ma anche perché sembra una soluzione di comodo, ma frettolosa e scema, per salvare il futuro: muoiono tutti, i looper, il capoccia che dà lavoro, quindi si spezza il continuum col futuro e viene acrearsi una nuova linea temporale in cui non avverrà nessuno dei fatti visti nel film... e, quindi, non ci sarà neanche bisogno di eliminare un certo Sciamano.
Insomma, il film non è perfettissimo. Sembra voglia accontentare davvero tutti.
A parte questo, però, tutto il resto funziona e mi ha convinto.
Una cosa che ho apprezzato moltissimo è che, pur essendo SF odierna, la CGI non è mai invasiva e posticcia. Il futuro di Jason è molto credibile, perché i PC sono pannelli sottilissimi e le tastiere sono aggeggetti materiali, non ologrammi che svolazzano a mezz'aria d'avanti a chi le manopola: una tecnologia simile non arriverà fra cent'anni, figuriamoci fra trenta... o fra 70 (eheheh, vediamo chi afferra l'antifona).
Finisco, anche se vorrei dire parecchie altre cose, dalla profondità della storia alle sue sfaccettature inteporetative che lo fanno un vero giocattolo per il cervello... Ma perché dirle, se quà non legge nessuno?

Quattro
11-08-13, 16:00:57
Ma perché dirle, se qua [fix] non legge nessuno?

Ehi. :tristenev:

Looper molto carino, qualche forzatura qua e là ma necessaria per tenere in piedi un film che comunque offre più di uno spunto originale su un tema un po' inflazionato come quello dei viaggi nel tempo. *riprende fiato*

Già che ci sono, visto una parte de Il cavaliere della valle solitaria (titolo originale Shane, della serie), secondo il dizionario Farinotti capolavoro immenso assoluto ed eterno. Io dopo un po' l'ho mollato, sarà stato per il valore storico ma per il resto mi è parso tutto parecchio stereotipato e banalmente moralista.

Togg
11-08-13, 16:05:04
Ma perché dirle, se quà non legge nessuno?

Non è vero! Io leggo a balzelloni ma leggo :kep88:

TheNightflier
11-08-13, 16:08:18
Looper
Partiamo da cosa non funziona: la voce fuori campo. Primo perché è posticcia, artificiosa, non serve a niente; e, secondo, è una dannata blackbox, e di blackbox nun se ne po' più.
Altra cosa che non funziona, secondo il mio palato fine, è la troppa azione. C'è una scena in cui Willis è praticamente il terminator che entra nella stazione di polizia e ammazza trutti e ne esce vivo. Peccato solo che Bruce non è un robò, ma un uomo in carne ossa. Quella è la scena più forzata in tutta la sceneggiatura, non solo perché è assurda, incredibile (e lo anche in un film fantastico come questo), ma anche perché sembra una soluzione di comodo, ma frettolosa e scema, per salvare il futuro: muoiono tutti, i looper, il capoccia che dà lavoro, quindi si spezza il continuum col futuro e viene acrearsi una nuova linea temporale in cui non avverrà nessuno dei fatti visti nel film... e, quindi, non ci sarà neanche bisogno di eliminare un certo Sciamano.
Insomma, il film non è perfettissimo. Sembra voglia accontentare davvero tutti.
A parte questo, però, tutto il resto funziona e mi ha convinto.
Una cosa che ho apprezzato moltissimo è che, pur essendo SF odierna, la CGI non è mai invasiva e posticcia. Il futuro di Jason è molto credibile, perché i PC sono pannelli sottilissimi e le tastiere sono aggeggetti materiali, non ologrammi che svolazzano a mezz'aria d'avanti a chi le manopola: una tecnologia simile non arriverà fra cent'anni, figuriamoci fra trenta... o fra 70 (eheheh, vediamo chi afferra l'antifona).
Finisco, anche se vorrei dire parecchie altre cose, dalla profondità della storia alle sue sfaccettature inteporetative che lo fanno un vero giocattolo per il cervello... Ma perché dirle, se quà non legge nessuno?

Si lo vidi al cinema vero che a volte mette un pò troppa carne al fuoco come si suol dire,ma film nel complesso riuscito con spunti anche originali.

naxel
11-08-13, 17:22:44
Fast & Furious 5, Justin Lin
Visto con amici per loro scelta.
Brutto, brutto, brutto.
Voto: 3

Gouki
11-08-13, 22:04:22
Chained / Jennifer Chambers Lynch / 2012

http://i.imgur.com/beyIoSc.jpg

Un viaggio allucinato nella mente malata di un uomo che, dopo aver ucciso una madre, ne prende il figlio e lo "adotta".
M'è piaciuto molto com'è stato gestito il tutto, non è mai scontato e verso la fine c'è un bel colpo di scena che spiazza alla grandissima.

Voto finale: ****

Biso55
12-08-13, 05:10:48
Hunger Games di Gary Ross (2012)

Beh mi aspettavo qualcosa di molto più "adolescenziale" (in senso cattivo), ma sono rimasto piacevolmente sorpreso.
Diretto decisamente bene secondo me, i problemi vanno ricercati più che altro nella trama (e quindi nel romanzo), una distopia che sa un po' troppo di già visto.
Brava l'attrice protagonista :sisi:

James
12-08-13, 12:15:18
L'estate è tempo di (re)visioni horror:

Chi l'ha vista morire? di Aldo Lado
Uno dei più belli Gialli dei settanta, con una splendida Venezia che fa da sfondo ad una serie di omicidi legati a fatti di pedofilia e propabilmente la più inquietante declinazione dell'assassino nero vestito: un'anziana signora con un perverso pallino per le bambine dai capelli rossi, spesso immortalata da una fantastica soggettiva con tanto di veletta nera davanti all'ottica e accompagnata dalla spaventosa nenia di Morricone

http://www.youtube.com/watch?v=BuK-b03RlbU
Nato probabilmente come uno dei tanti emuli dei primi Argento, il film di Lado finisce per diventare lui stesso una pellicola seminale per il genere con tante trovate che gli verranno "scippate" nel corso del fortunato decennio.
Magnifico :sisi:

Piango:tragic:

Lucignolo
12-08-13, 15:12:24
Ahahahaha vero pure a me quella scena con Willis ha fatto ridere, sembra di stare in The expendables per un attimo

urza883
12-08-13, 17:46:36
Visto Dredd(2012),mi è piaciuto...tanta azione,poche chiacchiere e protagonista spietato ma divertente:ahsisi:
Peccato non sia una mega produzione,alcune sequenze non sono state realizzate al massimo.Film oserei dire stile anni 80,Dredd è un duro,ma non banale,è una sorta di fanatico che fa il suo lavoro senza indugi,micidiale,cinico e senza macchia...vedere la bocca imbronciata di Urban per tutto il film mi ha fatto venire di tenere il muso pure a me:rickds:
La sua collega poi,bellissima:loris:

Adam ~
12-08-13, 20:51:36
Ocean's Twelve, la noia. :sisi:

Sicuramente il piu' sottotono dei tre, in certi punti ho tirato fuori il cellulare per messaggiare. :rickds:

urza883
12-08-13, 21:47:12
Visto Dredd(2012),mi è piaciuto...tanta azione,poche chiacchiere e protagonista spietato ma divertente:ahsisi:
Peccato non sia una mega produzione,alcune sequenze non sono state realizzate al massimo.Film oserei dire stile anni 80,Dredd è un duro,ma non banale,è una sorta di fanatico che fa il suo lavoro senza indugi,micidiale,cinico e senza macchia...vedere la bocca imbronciata di Urban per tutto il film mi ha fatto venire voglia di tenere il muso pure a me:rickds:
La sua collega poi,bellissima:loris:

GhostFire
13-08-13, 02:42:33
La notte del giudizio.

Film che mi ha fatto ridere per la maggior parte del tempo.
Battute scontate, e scene che non sapevo se ridere o cosa.

Commento generale:
Il ragazzino è completamente demente e fa entrare uno sconosciuto in casa.Per di più se lo perdono in casa dandolo per disperso più volte.
Una cosa molto fastidiosa è che metà del film si svolge alla ricerca di uno sconosciuto e della figlia all'interno della propria casa.

Trama scontatissima, dopo i primi 10 minuti di film ho già capito come andava a finire.

Dettagli:

Alcune cose sono veramente stupide.
La tecnologia di sicurezza che ha creato il tipo viene definita come la migliore al mondo, poi dopo senza alcuna difficoltà

-Levano la corrente elettrica a tutta la casa.
-Sradicano dalla casa la porta blindata principale come se nulla fosse.


E' stato più bello giocare nella sala d'attesa del cinema alla PS3 a Tekken :rotfl:

Quattro
13-08-13, 15:05:06
___

Ocean's eleven - Steven Soderbergh, 2001. Buon esponente del genere, svolgimento prevedibile ma con un paio di colpi di scena ben assestati. Cast stellare, forse troppo.

La vita è meravigliosa - Frank Capra, 1946. Per certi versi lo si potrebbe vedere come la Christma's Carol del XX secolo. Insomma un bel racconto di Natale, di certo non esente da buonismo, sulla bellezza della vita e dell'amore disinteressato verso tutti. Potrebbe essere riassunto perfettamente con la massima di betlesiana memoria, "the love you take is equal to the love you make".
___

mickes2
13-08-13, 20:33:28
Salita al cielo, Luis Bunuel - ***
http://revistacinefagia.com/wp-content/uploads/2006/06/lilia-prado.jpghttp://moreliafilmfest.com/wp-content/uploads/2013/04/SubidaalCielo_FPjpgSubidaal.jpghttp://cvc.cervantes.es/actcult/bunuel/obsesiones/imagenes/487/muslos_26.jpg
http://2.bp.blogspot.com/_gWUzYbQ55VQ/SdZ3xWU4xdI/AAAAAAAAAAc/5HbEuOlsdIY/s320/Lilia+Prado_1952_Subida+al+cielo_en+el+autob%C3%BA s_02_.JPGhttp://4.bp.blogspot.com/-qB5Os9j8UdI/Trwru4DeZQI/AAAAAAAAA8Y/EXRLellCOSc/s400/subida_cielo_2.jpg
Un viaggio in autobus ricco di insidie per esaudire le ultime volontà della madre morente, è lo spunto per una commedia picaresca
a sfondo drammatico in cui l’eterogeneità di contrasti dei personaggi messi in scena è croce e delizia dell’opera. L’ellissi giunge incompiuta
e intervallata da scelte non troppo calibrate (il folkore del ranch). Ma stupisce sempre la vena surreale, quella erotica, grottesca,
il binomio morte-amore, la tutela (la buccia di mela come cordone ombelicale) e la trasgressione (la mela mangiata dalla splendida Prado).

naxel
13-08-13, 23:10:10
Once Were Warriors, Lee Tamahori
Sorprendentemente feroce.
8,5

Togg
13-08-13, 23:26:43
Visto Haute Tension di non ricordo chi. La prima proiezione sul telo :predicatore: Il finale è totalmente non necessario ma comunque non rompe troppo le balle. Vedetelo per passare un'ora e mezza in felicità :sisi:

Profetz
14-08-13, 00:05:43
Chinatown di Roman Polanski con Jack Nicholson
Il Cacciatore con Robert De Niro
Mean Streets con Robert De Niro

Attori eccezionali

Lucignolo
14-08-13, 02:43:29
I gangsters (1946, Robert Siodmak)

Secondo film del regista che vedo dopo la scala a chiocciole; film altrettanto grandioso, soggetto da un libro di Hemingway, sceneggiatura di John Huston e Richard Brooks, un noir incalzante e ossessivo girato in interni, tutto gira intorno alla morte di un ex pugile e al motivo che h portato al suo assassinio, indagherà un agente assicurativo.
È il classico filo conduttore della rapina dove al momento di spartire il maltolto, qualcuno pensa di essere più furbo degli altri e intascare il malloppo intero. Belli e bravi Lancaster e la Gardner, primi 20 minuti da incorniciare.

saiko
14-08-13, 02:44:35
Visto Shame, di McQueen.
Non è un capolavoro, ma si è dimostrato comunque molto interessante, direi 8.

mickes2
14-08-13, 02:55:13
Visto Haute Tension di non ricordo chi. La prima proiezione sul telo :predicatore: Il finale è totalmente non necessario ma comunque non rompe troppo le balle. Vedetelo per passare un'ora e mezza in felicità :sisi:
di Alexandre Aja :tristenev:
bello bello Haute tension :andrean:

TheNightflier
14-08-13, 03:21:38
Battleship di Peter Berg

Superiore alle aspettative,non annoia belli gli effetti speciali e le scene d'azione,giusta dose di humor voto 7,5 del resto Berg non è Bay.

Gargaros
14-08-13, 17:05:30
Il diavolo sotto la pelle
Mi sto spupazzando le cose (quelle valide, almeno, non i primi lungo, che mi dicono facciano abbstanza caghé) di Croneberg che non avevo ancora visto.
Questo film ha in seno tutte le caratteristiche future del Crony maturo, da una nuova "poesia" della carne e mutazioni ad aberrazioni varie.
La regia, però, è ancora parecchio acerba. Mi è sembrato a tratti quasi ridicolo, anche se il tono è sempre molto cupo e drammatico. Forse colpa della scenggiatura? Può darsi...




Ehi. :tristenev:


Non è vero!


Si lo vidi al cinema


Ahahahaha vero pure a me quella scena con Willis ha fatto ridere, sembra di stare in The expendables per un attimo

Test superato.

Togg
14-08-13, 19:26:40
(quelle valide, almeno, non i primi lungo, che mi dicono facciano abbstanza caghé)

ma chi è che dice ste fregnacce? :asd: Qui è opinione condivisa che i primi lavori di Cronenberg siano impagabili.

mickes2
14-08-13, 19:39:48
rivisto Otto e mezzo: un densissimo flusso di coscienza disteso sopra un letto immaginifico e farsesco, disilluso e circense, ed
estratto dalla memoria dell'uomo, ma anche a sopratutto dell'artista. summa della poetica felliniana (almeno per quanto riguarda la
parte puramente estetico-onirica), montaggio poggiato sui cassetti della memoria tra sacro e profano, scoperte, fallimenti, dubbi,
incomunicabilità, confusione mentale e paura di non essere più "in grado".
"d'altronde Guido, nemmeno te sei più lo stesso..."

http://www.youtube.com/watch?v=SIT0H7swwyI
chi non l'ha ancora visto è un eretico :stema:

Lucignolo
14-08-13, 20:19:17
Giù, definitivamente

Gargaros
14-08-13, 20:30:50
ma chi è che dice ste fregnacce? :asd: Qui è opinione condivisa che i primi lavori di Cronenberg siano impagabili.

Davvero? :wush:


chi non l'ha ancora visto è un eretico :stema:

Lo vidi in HD. Bellissimo. Fellini credo sia stato l'unico a rappresentare la vera natura del sogno. O della realtà.

mickes2
14-08-13, 21:16:26
Giù, definitivamente
già, già, ci sono delle frasi che risuonano fortissime e a cui ripensi di continuo durante il film.



Lo vidi in HD. Bellissimo. Fellini credo sia stato l'unico a rappresentare la vera natura del sogno. O della realtà.
ho il bd criterion, confermo lo spettacolo di tutto e sopratutto la fotografia del maestro Di venanzo.

Togg
14-08-13, 21:23:50
chi non l'ha ancora visto è un eretico :stema:

eeehm :asd:

mickes2
14-08-13, 21:44:42
eeehm :asd:

:chris: :l4gann:
incentivi
http://media.tumblr.com/tumblr_lfk0zoqXdt1qzs894.jpghttp://31.media.tumblr.com/703d3f41d7c60dc5cba1fcb9e1342bf7/tumblr_mmmyt9aFGS1rij4pzo1_500.gifhttp://25.media.tumblr.com/tumblr_lz6ycmbRdR1r43vnso1_500.jpg

Togg
14-08-13, 22:32:12
quella della gif la odio credo :sisi:

mickes2
14-08-13, 22:48:13
quella della gif la odio credo :sisi:

è contro la legge odiare la meravigliosa Claudia Cardinale :sisi:

Gouki
15-08-13, 00:10:23
Dead Sushi / Noboru Iguchi / 2012

https://encrypted-tbn2.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcRR2ZPYacxREu5FQREiKXtn0lsffLK5x bmn66MBaDZrNDAiOKdO

So che il film non vuole prendersi sul serio e vuole essere cazzaro e stupido, però non riesco a promuovere una roba simile, seppur mi abbia divertito in alcuni frangenti.

Voto finale: *

Gargaros
15-08-13, 01:19:33
Rabid - Sete di sangue
Anche questo ancora parecchio ingenuo, anche se non ai livelli di Il demone. Il vampirismo visto dall'autore non può che essere originale e insolito. Poi ancora i temi cari a Crony, il sesso deviato (il nutirmento del parassita sembra un accoppiamento strambo), l'apocalisse di una nuova carne e via. Peccato per l'ingenuità generale, che a tratti porta il film sulla soglia del ridicolo...

Brood - Covata malefica
C'è un abisso. Qui si vola alto, finalmente: la maturità espressiva ormai raggiunta. Gran cura e consapevolezza con cui vengono trattati gli argomenti, in particolare quelli medici; negli altri film era tutto troppo goffamente finto. Qui vale solo il discorso del vecchio paziente col cancro a far venire la pelle d'oca. Un film che è un piacere vedere dall'inizio alla fine. Non c'è un solo dettaglio fuori posto o leggero. Temi cari a Crony come sempre. Promosso con punteggio massimo, neodottore. Vediamo come si svilupperà nella prossima carriera lavorativa.

---------- Post added at 01:19:33 ---------- Previous post was at 01:18:51 ----------


Dead Sushi / Noboru Iguchi / 2012

https://encrypted-tbn2.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcRR2ZPYacxREu5FQREiKXtn0lsffLK5x bmn66MBaDZrNDAiOKdO

So che il film non vuole prendersi sul serio e vuole essere cazzaro e stupido, però non riesco a promuovere una roba simile, seppur mi abbia divertito in alcuni frangenti.

Voto finale: *

Mai visto Cruel restaurant? :rickds:

Togg
15-08-13, 01:54:29
Mud, Jeff Nichols
Non è di certo una storia nuova, ma non si può dire che non sia girata alla perfezione. Si sentono i luoghi, si sentono le autonarrazioni di un paese prendere forma, il racconto di formazione del ragazzo è fluido e ben bilanciato col resto.
Da vedere, soprattutto con telo e proiettore :cat:

edit: questo mi fa molto ben sperare per il futuro ---> "Nichols is currently working on his next movie, the sci-fi chase film Midnight Special, inspired by the movies of John Carpenter."



è contro la legge odiare la meravigliosa Claudia Cardinale :sisi:

Ho sempre voluto essere un fuorilegge :pinguino:
Di Claudia Cardinale non so quanto ho visto, ma di sicuro non l'ho sopportata nella ragazza con la valigia. Proprio mi sta qui.


Rabid - Sete di sanguePeccato per l'ingenuità generale, che a tratti porta il film sulla soglia del ridicolo...


Ma cavolo è la cosa più bella di quei film! C'è un'ironia di fondo che ha poco di ingenuo e molto di voluto.

Gargaros
15-08-13, 08:43:20
Ma cavolo è la cosa più bella di quei film! C'è un'ironia di fondo che ha poco di ingenuo e molto di voluto.

Esempi?

Gouki
15-08-13, 09:11:45
Mai visto Cruel restaurant? :rickds:

No, devo aver paura? :morristend:

alieno
15-08-13, 10:28:27
"Monster Academy" con la prole. Anche se di livello pur sempre eccellente, la sensazione di stanchezza inizia a farsi sentire.

Togg
15-08-13, 11:41:18
Esempi?

Non posso ricordare scene precise, tu l'hai visto ieri. Fai tu un esempio di una scena ridicola che è ridicola perché fatta male e non perché Cronenberg ha mantenuto una certa ironia.
Anche di Shivers (Il diavolo sotto la pelle).

---------- Post added at 11:41:18 ---------- Previous post was at 11:36:40 ----------


"Monster Academy" con la prole. Anche se di livello pur sempre eccellente, la sensazione di stanchezza inizia a farsi sentire.

Zero voglia di vederlo. I film Pixar ormai sono tipo Call of Duty.

Gargaros
15-08-13, 11:58:40
Togg, tutto l'apparato medico-ospedaliero è gestito con parecchia ingenuità. Non è ironia :none:


Gorgo
Il Gozilla inglese. Se siete stanchi di rettiloni che spatasciano città giapponesi, vedetevi questo. Stessa cosa, ma almeno assisteremo alla distruzione di Londra.
Una nave di avventurieri riesce a catturare al largo delle coste irlandesi in cucciolo di bestia preistorica. I catturatori rifiuteranno di cederlo a un museo di Dublino, come sarebbe giusto, e lo vendono a un circo di Londra. Perché si sa, gli inglesi devono prendere sempre qualcosa dall'Irlanda.
Film vecchio e bello perché vecchio. Ma alcune cose temo facessero ridere anche allora, come il colonnello che poggia il telefono, ma continua a parlare col generale.

Lucignolo
15-08-13, 12:07:02
I film visivamente più belli da vedere in HD di Fellini Probabilmente sono Giulietta degli spiriti e Amarcord, anche film stranieri come Santa Sangre di Jodorowsky non hanno nulla da invidiare a Fellini

Marty McFly
15-08-13, 20:53:04
Il petroliere - there will be blood

Che filmone, elogio dell'avidità e della malvagità.
Daniel Day Lewis è impressionante.

James
15-08-13, 21:46:39
edit: questo mi fa molto ben sperare per il futuro ---> "Nichols is currently working on his next movie, the sci-fi chase film Midnight Special, inspired by the movies of John Carpenter."

Magari certe cose Nichols è meglio se le lascia perdere.

mickes2
15-08-13, 21:50:32
Il petroliere - there will be blood

Che filmone, elogio dell'avidità e della malvagità.
Daniel Day Lewis è impressionante.

più che elogio direi amara riflessione, cmq si un filmone e Lewis fantastico.


___________

Le notti bianche, Luchino Visconti - ****+
http://www.milanofestival.it/public/cinema/images/362/362-1630_le-notti-bianche.jpg
Sogno di un’utopia nelle notti bianche, melodramma che sublima nel romanticismo, fiaba trasognante nell’intimo emotivo.
Livorno come non-luogo, spettrale e avvolgente insieme, per una storia d’amore impossibile e corrisposta tra lontananze
e promesse, decisioni e speranze. Visconti scompone e ricompone un mosaico dell’animo in un evolversi emozionale tra felicità,
dolore e malinconica illusione, e al centro la magia di un’Attimo di gioia, unico e (ir)raggiungibile, rubato (per il futuro) da un
triste destino. Meravigliosa e angelica Maria Schell.

AleHaw
15-08-13, 21:59:39
Al cinema: now you see me.. che devo dirvi? Penso sia il film piu bello visto nel 2013.. dopo iron man 3 ovviamente..

Sent from my GT-I9505 using Tapatalk 2

Gouki
15-08-13, 22:42:26
Pieta / Kim Ki-duk / 2012

http://i.imgur.com/oPZDJDw.jpg

Devastante dall'inizio alla fine.
Un pugno nello stomaco da far mancar l'aria per tutta la durata, un dramma distruttivo che mostra tutta la desolazione e la disperazione che le persone in difficoltà devono affrontare.
Ho trovato geniale tutta la trama, il rapporto tra i due personaggi, la sua evoluzione e i loro cambiamenti.
Certe immagini lasciano senza fiato, mentre alcune ti fanno solo venir voglia di piangere da quanto si soffre. Sono rimasto estasiato dalla visione di questo film, davvero.

Voto finale: *****

Togg
15-08-13, 23:08:13
Magari certe cose Nichols è meglio se le lascia perdere.

Fanboy :cat: ne uscirà un filmone :tragic:

James
15-08-13, 23:13:42
Fanboy :cat: ne uscirà un filmone :tragic:

Dici? Vogliamo confrontare "Mud" con quel filmetto di "Stand by Me" di un certo Rob Reiner?forse è meglio di no:wush:
Nichols dilata troppo i tempi per fare un film come Carpenter,è la verità non c'è mica bisogno di essere un Fanboy per vederlo.Lo vedrei bene su un qualcosa totalmente degli anni 70.

Togg
15-08-13, 23:20:13
Nichols dilata troppo i tempi per fare un film come Carpenter

Vabuò non farà un film come Carpenter. Farà un film suo, e secondo me lo farà bello :sisi:

James
15-08-13, 23:24:39
Vabuò non farà un film come Carpenter. Farà un film suo, e secondo me lo farà bello :sisi:

Se si ispira e basta può anche darsi,però se inizia a prendere a piene mani dai film di Carpenter uhmmmmm potrebbe ottenere lo stesso risultato di Zombie.L'unico che secondo me ha preso da Carpenter senza sfigurare è stato Marshall.
Mi è anche piaciuto come lo ha omaggiato Rodriguez in "Planet Terror".

Togg
15-08-13, 23:48:59
Se si ispira e basta può anche darsi

Chiariamo stacosa di Carpenter che probabilmente stiamo esagerando non poco, cercando veloce su google leggo che:

"Continua la collaborazione tra Jeff Nichols e l'attore Michael Shannon (il generale Zod de L'Uomo d'Acciaio) che nel prossimo lavoro del regista americano interpreterà un padre di famiglia che fugge insieme a suo figlio di otto anni dopo aver scoperto che il bambino possiede dei "poteri speciali". Nel cast è confermato anche l'attore Joel Edgerton (Il grande Gatsby) mentre oggi Deadline ha segnalato che la protagonista femminile sarà Kirsten Dunst (Melancholia, Upside Down).
Nichols sta lavorando al film da diverso tempo e precedentemente lo ha paragonato al film di John Carpenter del 1984, Starman."

Insomma Nichols sta facendo bello tranquillo il suo film e, non ci è dato sapere perché, mentre sta lavorando trova delle affinità con Starman (che io non ho visto). Non credo ci sia molto di più.

James
15-08-13, 23:50:33
Chiariamo stacosa di Carpenter che probabilmente stiamo esagerando non poco, cercando veloce su google leggo che:

"Continua la collaborazione tra Jeff Nichols e l'attore Michael Shannon (il generale Zod de L'Uomo d'Acciaio) che nel prossimo lavoro del regista americano interpreterà un padre di famiglia che fugge insieme a suo figlio di otto anni dopo aver scoperto che il bambino possiede dei "poteri speciali". Nel cast è confermato anche l'attore Joel Edgerton (Il grande Gatsby) mentre oggi Deadline ha segnalato che la protagonista femminile sarà Kirsten Dunst (Melancholia, Upside Down).
Nichols sta lavorando al film da diverso tempo e precedentemente lo ha paragonato al film di John Carpenter del 1984, Starman."

Insomma Nichols sta facendo bello tranquillo il suo film e, non ci è dato sapere perché, mentre sta lavorando trova delle affinità con Starman (che io non ho visto). Non credo ci sia molto di più.

Se si tratta di "Starman" allora và bene,sono già state fatte altre cose:sisi:

Togg
16-08-13, 03:13:46
Dersu Uzala, Kurosawa
Eh ma magari era bello quarant'anni fa!! Non c'è neanche il bluray! E poi si sa che Kurosawa è LENTISSIMO Ma chi glieli finanziava questi film?? I professori??? Ma poi di che parla non si capisce, camminano sempre nella foresta e nel finale non succede niente. Boh. FORSE SONO SCEMO IO che non capisco questi film.

mickes2
16-08-13, 03:45:07
Dersu Uzala, Kurosawa
Eh ma magari era bello quarant'anni fa!! Non c'è neanche il bluray! E poi si sa che Kurosawa è LENTISSIMO Ma chi glieli finanziava questi film?? I professori??? Ma poi di che parla non si capisce, camminano sempre nella foresta e nel finale non succede niente. Boh. FORSE SONO SCEMO IO che non capisco questi film.
:chris::.bip:
capolavoro.

Togg
16-08-13, 03:46:50
:chris::.bip:
capolavoro.

Almeno è a colori. Anche se un po' smorti.

mickes2
16-08-13, 03:59:58
Almeno è a colori. Anche se un po' smorti.

io ho il dvd inglese Artificial eye che è lentoenoiosomancomiamammaguardastifilm e buono ma cmq è film girato in pessime condizioni, si può dire che è già tanto avercelo. :tragic:

JT26
16-08-13, 04:53:10
rocky 4


rocky 6

ah ***** ho appena capito che non hai votato più volte rocky. :rickds:
chiaramente ci sbatte una bega del mero titolo del film, che già conosciamo tutti.

TheNightflier
16-08-13, 06:33:37
The Lone Ranger

Voto 6 stiracchiato salva il film parzialmente lo humor e Tonto il personaggio di Deep,ma è la solita baracconata senza anima di Verbinski,eccessivamente lungo e ti dimentichi di averlo visto 3 minuti dopo che sei uscito dal cinema..

---------- Post added at 06:33:37 ---------- Previous post was at 06:31:57 ----------

Dersu Uzala è un capolavoro assoluto non scherziamo..

Lucignolo
16-08-13, 07:15:08
Brutti, sporchi e cattivi (1976, Ettore Scola)

E lo sono per davvero, fidatevi. Commedia italiana portata all'eccesso; storia di una famiglia di 20 persone nelle fatiscenti condizioni di vita di una baraccopoli della provincia romana. Un grottesco mix di vita di strada Pasoliniana e un più scanzonato e dissacrante approccio alla realtà sociale riconducibile a un Monicelli o a un Sergio Citti. In questo modo il raffinato Scola scende terra terra e scolpisce un ritratto famigliare di rara, insostenibile crudezza, un carosello di moto e bambini, polvere e galline, un armonioso caos, il folklore di una comunità a un passo da Roma eppure così distante.
Tra i topi che infestano casa e chi vi risiede stipato come tali e si riproduce come tali, la differenza è sottile, è pura lotta alla sopravvivenza, a "guadanbià la stozza" legalmente o no basta che frutti e quindi anche le 37mila lire di pensione della nonna diventano fonte di sciacallaggio davanti gli occhi dell'impiegata in una delle scene migliori del film. Figuriamoci poi il MILIONE ottenuto dal padre-padrone come risarcimento per la perdita di un occhio cosa può scatenare.
È la Roma putt..a di quegli anni, la Roma accattona, la Roma "che ce l'hai 500 lire?" del "Oste, mezzo litro e du bicchieri!", chi meglio di Nino Manfredi poteva dare volto al protagonista? Pugliese a dire il vero nel film, ma sottile e figlio di una buona donna, valori (se cosi si può dire) universalmente validi a certe latitudini; guercio, vestito tutto una pezza e rabbioso nel difendere il MILIONE, come un cane difenderebbe l'osso da simili indesiderati.
Il resto è affidato alla buona volontà di Dio, e mentre i bambini, quelli che forse avranno un futuro migliore dalla loro, vengono rinchiusi in prigioni fatte da reti di letto, i grandi si abbandonano all'adulterio, alla violenza coniugale, all'incesto fino all'omicidio premeditato.
Mi direte che io sto vaneggiando chiamando questa una commedia. Assolutamente, lo è, d'altronde la commedia all'italiana prende spunto e si rinvigorisce nel tragico, nel marciume. E qui di marcio ce n'è e tanto.
Si è vero, ci sono brutture umane da far vergognare le scimmie di esserci parenti, ma trarre il comico da una tragedia esistenziale di borgata è arte sopraffina, è come cercare pepite da un corso d'acqua melmoso, ne trovi qua e là dove meno te l'aspetti.
Ettore Scola conosce l'Italia antropologicamente parlando come pochi, ricordalo sempre. AVE Ettore Scola.

id2010
16-08-13, 08:52:03
J. Edgar
Parte a rilento ma poi non delude. Personalmente ritengo che sia stato curato sotto ogni punto di vista. Voto 7.5

Togg
16-08-13, 11:38:29
io ho il dvd inglese Artificial eye che è lentoenoiosomancomiamammaguardastifilm e buono ma cmq è film girato in pessime condizioni, si può dire che è già tanto avercelo. :tragic:

Il proiettore ha gioito ugualmente :sisi: Ammaliato dai colori e da tutto.

Jaga
16-08-13, 11:43:33
Greed (1924 di Erich von Stroheim). Capolavoro assoluto della storia del cinema.

mickes2
16-08-13, 18:10:34
Lovelace - **+
insomma, gradevole la struttura "lato glamour splendente" e "lato violento decadente". non sapevo che la Lovelace fosse in fondo una vera masochista :rickds:. Seyfried bonazza.

Togg
17-08-13, 02:52:38
Ho visto le prime due ore di West of the Tracks. Che sarebbero la prima parte della prima parte Ruggine. Bello è dire poco. Il 4:3 spacca :sisi:

TheNightflier
17-08-13, 04:35:35
Brutti, sporchi e cattivi (1976, Ettore Scola)

E lo sono per davvero, fidatevi. Commedia italiana portata all'eccesso; storia di una famiglia di 20 persone nelle fatiscenti condizioni di vita di una baraccopoli della provincia romana. Un grottesco mix di vita di strada Pasoliniana e un più scanzonato e dissacrante approccio alla realtà sociale riconducibile a un Monicelli o a un Sergio Citti. In questo modo il raffinato Scola scende terra terra e scolpisce un ritratto famigliare di rara, insostenibile crudezza, un carosello di moto e bambini, polvere e galline, un armonioso caos, il folklore di una comunità a un passo da Roma eppure così distante.
Tra i topi che infestano casa e chi vi risiede stipato come tali e si riproduce come tali, la differenza è sottile, è pura lotta alla sopravvivenza, a "guadanbià la stozza" legalmente o no basta che frutti e quindi anche le 37mila lire di pensione della nonna diventano fonte di sciacallaggio davanti gli occhi dell'impiegata in una delle scene migliori del film. Figuriamoci poi il MILIONE ottenuto dal padre-padrone come risarcimento per la perdita di un occhio cosa può scatenare.
È la Roma putt..a di quegli anni, la Roma accattona, la Roma "che ce l'hai 500 lire?" del "Oste, mezzo litro e du bicchieri!", chi meglio di Nino Manfredi poteva dare volto al protagonista? Pugliese a dire il vero nel film, ma sottile e figlio di una buona donna, valori (se cosi si può dire) universalmente validi a certe latitudini; guercio, vestito tutto una pezza e rabbioso nel difendere il MILIONE, come un cane difenderebbe l'osso da simili indesiderati.
Il resto è affidato alla buona volontà di Dio, e mentre i bambini, quelli che forse avranno un futuro migliore dalla loro, vengono rinchiusi in prigioni fatte da reti di letto, i grandi si abbandonano all'adulterio, alla violenza coniugale, all'incesto fino all'omicidio premeditato.
Mi direte che io sto vaneggiando chiamando questa una commedia. Assolutamente, lo è, d'altronde la commedia all'italiana prende spunto e si rinvigorisce nel tragico, nel marciume. E qui di marcio ce n'è e tanto.
Si è vero, ci sono brutture umane da far vergognare le scimmie di esserci parenti, ma trarre il comico da una tragedia esistenziale di borgata è arte sopraffina, è come cercare pepite da un corso d'acqua melmoso, ne trovi qua e là dove meno te l'aspetti.
Ettore Scola conosce l'Italia antropologicamente parlando come pochi, ricordalo sempre. AVE Ettore Scola.

Film eccezzionale davvero..

Gargaros
17-08-13, 07:06:46
Ogni volta che vedo Brutti, sporchi e cattivi mi viene in mente un ricordo della mia infanzia :kep88:

Hushabye
17-08-13, 11:28:33
Due recuperi:
Greenberg,2010- 60
Magari non ero in giornata ma l'ho trovato abbastanza inconcludente,il personaggio fuori dagli schemi di stiller noioso

http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/0/04/Bernie_film_poster.jpg/220px-Bernie_film_poster.jpg

Bernie,2011 - 75

beh beh qui siamo su altri livelli,il film di Linklater ispirato da fatti veri è decisamente delizioso,mi è piaciuta l'idea del falso documentario.Jack Black decisamente inedito e bravissimo.

Darton
17-08-13, 22:42:33
Cercasi amore per la fine del mondo
mi è piaciuto, anche perchè mi ha dato esattamente quello che mi aspettavo.

vado pazzo quando attori prevalentemente comici fanno parti un po' tristi e malinconiche.

Togg
18-08-13, 01:45:51
Vista la seconda parte di Ruggine (West of the Tracks, Wang Bing). Sono quindi a metà ma posso già dire che si tratta di un capolavoro. :cat: 24 city ne esce polverizzato.

Lucignolo
18-08-13, 03:29:25
:morris82: Io pur ammirando l'enorme lavoro di Bing l'ho un pò snobbato (Bella però la prima parte, con la scena della mega rissona AUTENTICA ripresa in diretta)


Ah, e naturalmente QUESTA


http://www.youtube.com/watch?v=1_z4BTaTRko E scusate se è poco


2 anni di lavoro (cioè riprese XDD) e 2 di montaggio (!!!!)....non voglio neanche pensare a quanto sia stato il girato effettivo....altro che 9 ore e mezza....sarà stato 30-40 volte tanto

gioconct
18-08-13, 10:30:14
Robotropolis

A dir la verità è stato un film visto 2 giorni fa e quindi non l'ultimo in ordine cronologico ma volevo mettervi in guardia ed evitarne la visione.
Attratto (come un pirla è vero:morris82:) dalla pubblicità in tv e vedendo come ambiente una città del futuro e protagonisti robot killer mi ero promesso di vederlo cascasse il mondo pregustando un film tutto azione ed effetti speciali.
La verità è ben altra.
Partendo dalla recitazione: insulsa, dialoghi che non stavano nè in cielo nè in terra.Mai visto attori tanto anonimi e così privi di convinzione.
Il secondo motivo è la sceneggiatura. Battute che superano abbondantemente il limite del ridicolo. Trama non originale ma con una mole davvero strabordante di buchi narrativi. Non un colpo di scena, non una sequenza che faccia venire i brividi.
Il terzo motivo è l'irrazionalità dei personaggi e per spiegarvelo vi copio un pezzo da un'altra recensione:
-Vi faccio un esempio: se durante una partita di calcio fra umani in cui c'è anche un robot che gioca, e quest'ultimo all'improvviso impazzisce e accoppa un tizio, cosa dovrebbe succedere? Fuggi fuggi generale, gente che urla, scene isteriche a più non posso, e così via. Giusto? Certo. Qui invece non succede un ***** di niente. Gli altri giocatori umani guardano basiti la scena e restano lì. La giornalista che fa il servizio in diretta guarda il cadavere alle spalle, e continua come se niente fosse, chiedendo solo di mandare il replay. Il giornalista in studio quasi non si accorge di niente. Maddai.
Per non parlare del finale (che in realtà non c'è:rickds:).
Un film da evitare nel modo più assoluto, uno dei peggiori che abbia mai visto.

Key Paradise
18-08-13, 11:06:39
http://www.cinexpression.fr/wp-content/uploads/2012/09/il-vedovo_franca-valeri_alberto-sordi.jpegw450h270.jpeg

il vedovo - dino risi
tra mattia pascal (dall'altro lato della barricata) e delitto (im)perfetto: sordi assapora la dolce vita da vedovo erede del patrimonio della ricca moglie e quando questa, data erroneamente per deceduta, si ripresenta a casa, ne pianifica una nuova e definitiva morte. commedia nera capace d'essere davvero nera e feroce in certi frangenti, al limite del cupo. per tacere di alcuni lampi metafisici (e non potrebbe essere altrimenti, dato il plot). gustosissima la costante teatralità della maggior parte dei personaggi (marchese su tutti).

http://oberdan.cinetecamilano.it/oberdan/wp-content/uploads/2011/11/bird-clint-eastwood-1988-460x230.jpg

bird - clint eastwood
questo è stato una delusione abbastanza cocente. biopic dalla struttura atipica sulla vita del jazzista charlie parker: l'andamento sembra quasi seguire le improvvisazioni del genere musicale, con immagini che si sovrappongono secondo un ordine temporale non lineare. ma francamente ho trovato il meccanismo ripetitivo fino allo spasimo, totalmente sfiancante; l'ordine è in pratica: charlie parker suona - charlie parker si droga/alcolizza - tentativi vari di salvare charlie parker. non metto in dubbio si tratti di un buon oggetto per quanti ricerchino un film sulla musica, coraggioso e firmato da un maestro ed appassionato allo stesso tempo, ma a me ha lasciato decisamente l'amaro in bocca. per quanto la fotografia e la prova di whitaker siano eccezionali.

revisione

http://4.bp.blogspot.com/-cR948t90UdY/T_U_kK9M_iI/AAAAAAAACTo/Rlha9LT44PU/s400/faust7sm.jpg

faust - aleksandr sokurov
revisione necessaria e fortunata, visto che la rivalutazione è stata molto positiva. la mia intenzione era quella di concentrarmi soprattutto sulle parole, sui dialoghi, sentivo il bisogno imminente di grande letteratura e per questo quando l'ho visto in programmazione non me lo sono lasciato sfuggire. ma la realtà è che in questo faust la parola confonde, ammalia, è delirante. non dirige verso alcun concetto tangibile. in principio non era il Verbo, ma l'Azione. e sono proprio le azioni dei personaggi a rappresentare il vero fulcro dell'azione. le azioni quanto la forma, più che mai necessaria a rappresentare gli intenti dell'autore: la miseria, la mancanza di senso, vagabondano per spazi angusti (a partire dal formato 4:3) e putridi. l'immagine parla mentre la parola soffoca, in questo faust. è stata una revisione davvero positiva, ed io sono contento.

DellaDesign
18-08-13, 12:06:56
mmm. sarà che non possiedo una vena critica come la vostra, ma da quel che ricordo, Bird e Round Midnight, ai tempi della mia visione, li considerai uno più bello dell'altro.

che altri film hai visto di genere simile, per intavolare un paragone, se dici che il meccanismo è ripetitivo?

piuttosto, fanciullo, ti consiglio questo libercolo. concedigli un'occhiatina.
http://www.ibs.it/code/9788886926843/reed-ishmael-zzz99-saffiotti/mumbo-jumbo.html


sei riuscito a leggerlo Cattedrale?

Togg
18-08-13, 13:27:51
Anche a me Bird non fece una grande impressione. Faust lo voglio rivedere :tragic: Prima o poi troverò il tempo per Sokurov.


:morris82: Io pur ammirando l'enorme lavoro di Bing l'ho un pò snobbato (Bella però la prima parte, con la scena della mega rissona AUTENTICA ripresa in diretta)


Ah, e naturalmente QUESTA

I pezzi sulle rotaie sono magnifici sì. Ma tutto, va visto tutto! Quando parlano delle loro vite, altro che comunismo... Il pezzo in ospedale... Vedetelo che tanto si può dividere nei pezzi da due ore, è pensato per essere visto anche così.

Lucignolo
18-08-13, 14:09:56
mmm. sarà che non possiedo una vena critica come la vostra, ma da quel che ricordo, Bird e Round Midnight, ai tempi della mia visione, li considerai uno più bello dell'altro.

che altri film hai visto di genere simile, per intavolare un paragone, se dici che il meccanismo è ripetitivo?




Altro biopic di musicista celebre è Ray di Taylor Hackford...MOOOLLTO BELLO, Bird a me piacque ma credo che quello su Ray Charles sia superiore;p (Tral'altro anche il personaggio in questione è tristemente famoso per essere passato nel giro della droga in gioventù)

Da vedere a proposito di Charles, Piano Blues, che è un film-documentario del 2002 parte di una mini serie prodotta da Martin Scorsese (The Blues), l'episodio in questione è diretto da Eastwood che intervista proprio Ray Charles, molto bello, visto su Fuori Orario http://www.youtube.com/watch?v=0EzUGZA322w


@Togg, bello si, anche i passaggi nei corridoi mentre gli operai escono/entrano dagli spogliatoi, scene di vita realmente vissute riprese con una dovizia e una pazienza impressionante


Ricordiamoci che Bing era poco più che 30enne all'epoca (inizio riprese nel 1999) ed era ancora uno studente di cinema:patpat::patpat::patpat::ahsisi:

Key Paradise
18-08-13, 14:44:23
mmm. sarà che non possiedo una vena critica come la vostra, ma da quel che ricordo, Bird e Round Midnight, ai tempi della mia visione, li considerai uno più bello dell'altro.

che altri film hai visto di genere simile, per intavolare un paragone, se dici che il meccanismo è ripetitivo?

piuttosto, fanciullo, ti consiglio questo libercolo. concedigli un'occhiatina.
http://www.ibs.it/code/9788886926843/reed-ishmael-zzz99-saffiotti/mumbo-jumbo.html


sei riuscito a leggerlo Cattedrale?

con genere simile intendi biopic? o biopic musicali?
comunque grazie alla tua domanda c'ho riflettuto un altro po': perchè l'ho trovato ripetitivo? probabilmente proprio a causa della struttura temporale che non segue un ordine cronologico, questo dev'essere uno dei principali motivi. l'incipit se non mostra la fine, ci va vicino. ed insomma m'è mancato il climax

il consiglio è relativo al film? grazie in ogni caso
cattedrale comunque sì, l'ho letto

Togg
18-08-13, 16:27:32
Ma ma ma.... Key...

HAI CAMBIATO IMMAGINE? :morris82: :morris82: :morris82:

Bella bella. La vorrei cambiare pure io.


Ricordiamoci che Bing era poco più che 30enne all'epoca (inizio riprese nel 1999) ed era ancora uno studente di cinema:patpat::patpat::patpat::ahsisi:

Infatti pensavo all'Ilva di Taranto. Solo che non credo ti facciano entrare una telecamera molto facilmente.

Lucignolo
18-08-13, 16:36:35
Fan di Jarman per l'avatar?:pffs:

Togg
18-08-13, 16:43:54
Fan di Jarman per l'avatar?:pffs:

dici il mio quadrato blu? Sì :asd: Però voglio qualcosa di verticale e figurativo adesso :sisi:

[Fulgore]
18-08-13, 17:20:51
Robotropolis

A dir la verità è stato un film visto 2 giorni fa e quindi non l'ultimo in ordine cronologico ma volevo mettervi in guardia ed evitarne la visione.
Attratto (come un pirla è vero:morris82:) dalla pubblicità in tv e vedendo come ambiente una città del futuro e protagonisti robot killer mi ero promesso di vederlo cascasse il mondo pregustando un film tutto azione ed effetti speciali.
La verità è ben altra.
Partendo dalla recitazione: insulsa, dialoghi che non stavano nè in cielo nè in terra.Mai visto attori tanto anonimi e così privi di convinzione.
Il secondo motivo è la sceneggiatura. Battute che superano abbondantemente il limite del ridicolo. Trama non originale ma con una mole davvero strabordante di buchi narrativi. Non un colpo di scena, non una sequenza che faccia venire i brividi.
Il terzo motivo è l'irrazionalità dei personaggi e per spiegarvelo vi copio un pezzo da un'altra recensione:
-Vi faccio un esempio: se durante una partita di calcio fra umani in cui c'è anche un robot che gioca, e quest'ultimo all'improvviso impazzisce e accoppa un tizio, cosa dovrebbe succedere? Fuggi fuggi generale, gente che urla, scene isteriche a più non posso, e così via. Giusto? Certo. Qui invece non succede un ***** di niente. Gli altri giocatori umani guardano basiti la scena e restano lì. La giornalista che fa il servizio in diretta guarda il cadavere alle spalle, e continua come se niente fosse, chiedendo solo di mandare il replay. Il giornalista in studio quasi non si accorge di niente. Maddai.
Per non parlare del finale (che in realtà non c'è:rickds:).
Un film da evitare nel modo più assoluto, uno dei peggiori che abbia mai visto.
e io che ero dispiaciuto di essermelo perso :asd:

Darton
18-08-13, 18:41:44
Melancholia
non mi ha per niente convinto.
trovo che l'idea di base sia interessante ma che procede in maniera un po' ingenua. la prima parte cosa dovrebbe essere? una sorta di retorica anti borghese? non so.. sapeva di già visto.
nella seconda parte ho apprezzato il rapporto tra Justine e Melancholia ma ci sono comunque cose che non riesco a spiegarmi. la grotta ad esempio, mi sembra insensata come cosa. oppure il ruolo di John e come viene trattato.
e poi non riesco neanche a capire la scelta della camera a mano.. mi lascia perplesso.
cmq vedo solo recensioni positivo... sarò che io che non ci arrivo.. boh.

TheNightflier
18-08-13, 19:55:39
Melancholia
non mi ha per niente convinto.
trovo che l'idea di base sia interessante ma che procede in maniera un po' ingenua. la prima parte cosa dovrebbe essere? una sorta di retorica anti borghese? non so.. sapeva di già visto.
nella seconda parte ho apprezzato il rapporto tra Justine e Melancholia ma ci sono comunque cose che non riesco a spiegarmi. la grotta ad esempio, mi sembra insensata come cosa. oppure il ruolo di John e come viene trattato.
e poi non riesco neanche a capire la scelta della camera a mano.. mi lascia perplesso.
cmq vedo solo recensioni positivo... sarò che io che non ci arrivo.. boh.

Ad una seconda visione l'ho apprezzato molto di più,mentre l'avevo trovato pesante la prima volta,considera che mi piace molto Von Trier però.

Ultima visione mia:

Pacific Rim

Onestamente grossa delusione,l'ho trovato noioso molto prevedibile e scontato,personaggi ridotti quasi a macchiette troppo poco approfonditi,scene d'azione in CGI davvero confusionarie,non capisco le recensioni tanto positive lette in giro mi pare una variante delle baracconate di Bay con i Transformers,giorni fà ho visto Battlehip e mi ha divertito,questo Pacific Rim non vedevo l'ora finisse e mi stavo abbiocando al cinema...voto 5 considerate che non sono un grande estimatore di Del Toro di suo salvo giusto i 2 Hellboy.

Togg
18-08-13, 20:06:33
Melancholia
non mi ha per niente convinto.
trovo che l'idea di base sia interessante ma che procede in maniera un po' ingenua. la prima parte cosa dovrebbe essere? una sorta di retorica anti borghese? non so.. sapeva di già visto.
nella seconda parte ho apprezzato il rapporto tra Justine e Melancholia ma ci sono comunque cose che non riesco a spiegarmi. la grotta ad esempio, mi sembra insensata come cosa. oppure il ruolo di John e come viene trattato.
e poi non riesco neanche a capire la scelta della camera a mano.. mi lascia perplesso.
cmq vedo solo recensioni positivo... sarò che io che non ci arrivo.. boh.

John sarebbe il marito? Il suo ruolo, poiché il cinema di Von Trier è un cinema con grosse derive femministe, è quello di essere preso fondamentalmente a pesci in faccia. Di fraintendere ogni segnale dell'esistenza, di fare il paciere in modo fastidiosamente presuntuoso.
La divisione in parti serve ad aggiungere sfaccettature ad una storia che evidentemente non si gioca sul filo del realismo. Un gioco di prospettive parziali.
In ogni caso c'è da definire cosa intendi tu per "borghese", "antiborghese" e "retorico" per poter dire se il film lo è o meno. Imho è antiborghese poiché si oppone allo sguardo borghese che vuole ammaestrare le immagini a funzioni facilmente riconoscibili. Tipo la tortura in Zero Dark Thirty o gli omosessuali in mine vaganti.

La camera mano è il modo con cui Trier si insinua negli spettri dell'anima. La citazione esplicita di Solyaris (i quadri, ma c'è tanto altro) dovrebbe rendere chiaro cosa interessa Trier.

TheNightflier
18-08-13, 20:25:46
Interessante l'accostamento a Solaris,il finale cmq di Melancholia l'ho trovato splendido..ma in estrema sintesi l'aspetto che mi ha colpito più di Melancholia sia quello del personaggio della Dunst, che rifiuta l'ipocrisia borghese in modo totale e violento,non solo perchè è nella sua indole ad un certo punto infatti dice al marito una frase che suona grosso modo così "lo sapevi come sono..." ma anche come se...

stesse percependo la fine imminente..

....e devo dire prova eccezzionale della Dunst senza ombra di dubbi la sua migliore sino ad ora.

Darton
18-08-13, 21:04:04
John sarebbe il marito? Il suo ruolo, poiché il cinema di Von Trier è un cinema con grosse derive femministe, è quello di essere preso fondamentalmente a pesci in faccia. Di fraintendere ogni segnale dell'esistenza, di fare il paciere in modo fastidiosamente presuntuoso.
quindi ruota tutto intorno a questo rapporto uomo/donna? io in john (sì, è il marito) ci ho visto nella prima parte il materialismo e nella seconda il razionalismo e quindi ho interpretato il suo suicidio come la ragione (falsa?) che si arrende di fronte a qualcosa che magari non comprende? ma cosa? qualcosa che forse solo Justine comprende? e qui ripenso a quello che dice alla sorella ("io so delle cose" o qualcosa del genere).

La divisione in parti serve ad aggiungere sfaccettature ad una storia che evidentemente non si gioca sul filo del realismo. Un gioco di prospettive parziali.
In ogni caso c'è da definire cosa intendi tu per "borghese", "antiborghese" e "retorico" per poter dire se il film lo è o meno. Imho è antiborghese poiché si oppone allo sguardo borghese che vuole ammaestrare le immagini a funzioni facilmente riconoscibili. Tipo la tortura in Zero Dark Thirty o gli omosessuali in mine vaganti.
ma non capisco cosa c'entri questa prima parte antiborghese (ho usato il termine retorica perchè l'ho trovato molto ostentato: la madre che dichiara il suo odio per il matrimonio, lei che piscia sul campo da golf e che manda a cagare il capo, la sorella che fa di tutto per seguire passo passo ogni punto della sua lista ecc..) con la seconda che invece mi parla di apocalisse, pessimismo cosmico e profetismo.
forse la chiave di lettura va ricercato proprio in quel rapporto uomo/donna. di Lars von Trier ho visto Dancer in the dark, Dogville e Mandarlay, ma non ho colto il passaggio che a portato a questo film.

La camera mano è il modo con cui Trier si insinua negli spettri dell'anima. La citazione esplicita di Solyaris (i quadri, ma c'è tanto altro) dovrebbe rendere chiaro cosa interessa Trier.
io la camera a mano la interpreto come un tentativo di dare un'impronta realistica al film (o almeno questo è l'effetto che a me fa) per questo non ne vedevo l'esigenza. un modo per insinuarsi negli spettri dell'anima dici? può essere ma a me non ha dato questa impressione. in realtà per un'attimo mi è venuto di interpretare in certo modo questa scelta, ma forse era una stupidaggine mia..

id2010
18-08-13, 23:23:22
Cappuccetto rosso e gli insoliti sospetti. Divertente, ottimo se non si sa come passare un'ora e venti.