PDA

Visualizza Versione Completa : Ultimo film visto | I commenti sono graditi!



Pagine : 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 [129] 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142

Ouroboros
23-02-16, 16:30:44
Mi piace il materializzarsi in sezione di certa gente ogni volta che una questione anche vagamente politica è affrontata. In coro viene detto "ma dove?"" o "The Hateful Eight non affronta un bel nulla" :rickds: :rickds:
Ah, dimenticavo il "sei tu ad avere una visione fuori fuoco, adori il sole e baci la foto di Marx al mattino"; questo un caposaldo.

A parte questo intervengo perché si sta facendo riferimento ad un mio intervento su Whiplash, che, chiarisco qui come ho fatto con qualcuno in privato, non è per me apologia nazifascista, o vuole anche solo intavolare coscientemente un discorso ideologico e politico. Non credo che Chazelle (con il nome sono andato a memoria) avesse intenzione di parlare di self-made man etc. Eppure nel tessuto del film questa sfumatura si intravede (nazifascismo in ogni caso, almeno io, non ce me ho visto), e io da spettatore valuto il film, non le intenzioni, non chi ci sta dietro, non distinguo questione accidentale e questione volontariamente inserita in sceneggiatura.
P.s. Metropolis filosovietico vabé :asd:

In questo modo è come valutare la scelta di una tipologia di sale piuttosto che un altro nella preparazione di un piatto di peperonata e fare i pipponi su questo piuttosto che sui peperoni.
Sono cose necessarie ma secondarie.

TestaMatta89
23-02-16, 16:31:29
aspetta, che whiplash sia un film che provoca sdegno ai marxisti va bene... ma metropolis filosovietico non l'ho capita.... :morristend:

comunque per me oggi non si può più parlare di scandalo iper l'ideologia di un film oggi... ci si poteva scandalizzare fino a 30-40 anni fa, adesso i film hanno molta meno importanza secondo me. tipo far vedere whiplash agli intellò marxisti sessantottini italiani degli anni settanta (che ancora ci sono tra noi), sarebbe stato bello :sisi:

"Metropolis" è pura propaganda, per stessa ammissione di Fritz Lang che anni dopo si pentì e prese le distanze dal suo stesso film.
Ho tirato in ballo "Metropolis" perché qua si fanno analisi politiche su film che di politico non hanno nulla, ero curioso di sapere cosa ne pensavate di un film VERAMENTE politico :asd:

Womb
23-02-16, 16:39:07
In questo modo è come valutare la scelta di una tipologia di sale piuttosto che un altro nella preparazione di un piatto di peperonata e fare i pipponi su questo piuttosto che sui peperoni.
Sono cose necessarie ma secondarie.

No, mi spiace ma non è la stessa cosa. Non rispondo sul tuo esempio perché queste metafore servono a poco, potrei dire qualsiasi cosa partendo da lí ;)

Ouroboros
23-02-16, 16:45:42
No, mi spiace ma non è la stessa cosa. Non rispondo sul tuo esempio perché queste metafore servono a poco, potrei dire qualsiasi cosa, integrando elementi o riebolando il significato di quelli che tu ci hai proposto ;)
Poi saranno "pipponi" per te, ma a quel punto ignora quel determinato livello critico, non negarne l'esistenza.

La stai buttando sulla dialettica.
Rimane comunque un errore, in cui il focus critico sull'opera è comunque sbagliato. Con questo approccio puoi scrivere tomi e tomi -inutili- su ogni particella che compone una qualunque opera creativa, per me rimane una cosa insensata, dovuta ad una mal interpretazione di ciò che stiamo analizzando (torno su Beasts of the southern wild per esempio riguardo a questo concetto)
Poi se uno vuole parlare dei calzini spaiati che indossava uno scrittore quando ha scritto una determinata frase di un suo romanzo si può farlo ma rimane una cosa inutile.
In Whiplash c'è un insegnante autoritario e un ragazzino che vuole diventare immortale. E' una tematica che moltissimi ragazzi in età adolescenziale hanno affrontato. Parlare di connotati sociopolitici e ideologie in un film così non capisco che senso abbia.

Womb
23-02-16, 16:54:00
La stai buttando sulla dialettica.
Rimane comunque un errore, in cui il focus critico sull'opera è comunque sbagliato. Con questo approccio puoi scrivere tomi e tomi -inutili- su ogni particella che compone una qualunque opera creativa, per me rimane una cosa insensata, dovuta ad una mal interpretazione di ciò che stiamo analizzando (torno su Beasts of the southern wild per esempio riguardo a questo concetto)
Poi se uno vuole parlare dei calzini spaiati che indossava uno scrittore quando ha scritto una determinata frase di un suo romanzo si può farlo ma rimane una cosa inutile.
In Whiplash c'è un insegnante autoritario e un ragazzino che vuole diventare immortale. E' una tematica che moltissimi ragazzi in età adolescenziale hanno affrontato. Parlare di connotati sociopolitici e ideologie in un film così non capisco che senso abbia.
Continui a fare esempi che vorrebbero ridicolizzare il mio punto. La questione in Whiplash è in particolare, nel mio caso, su uno snodo narrativo, non una battuta o "i calzini spaiati", e converrai che si parla quindi di un elemento di un certo peso nell'economia del film. Non si può poi, secondo me, cercare di ritracciare alla sinossi se uno spunto politico c'è o meno in un qualche film.
La dialettica non l'ho tirata fuori certo io.

dom87
23-02-16, 16:59:44
Prisoners

Un thriller veramente interessante.

Ouroboros
23-02-16, 17:01:40
Continui a fare esempi che vorrebbero ridicolizzare il mio punto. La questione in Whiplash è suo uno snodo narrativo, non una battuta o "i calzini spaiati", e converrai che si parla quindi di un elemento di un certo peso nell'economia del film. Non si può poi, secondo me, cercare di ritracciare alla sinossi se uno spunto politico c'è o meno in un qualche film.
La dialettica non l'ho tirata fuori certo io.

A questo punto penso di essermi perso un pezzo di discussione, precisamente il passaggio in cui dici di essere stato tirato in bello riguardo ad un tuo intervento su Whiplash. :tristenev:

Wurdalak
23-02-16, 17:03:55
Non mi risulta che metropolis sia filosovietico. Anzi è proprio l'opposto :morristend:

TestaMatta89
23-02-16, 17:04:37
Continui a fare esempi che vorrebbero ridicolizzare il mio punto. La questione in Whiplash è suo uno snodo narrativo, non una battuta o "i calzini spaiati", e converrai che si parla quindi di un elemento di un certo peso nell'economia del film. Non si può poi, secondo me, cercare di ritracciare alla sinossi se uno spunto politico c'è o meno in un qualche film.
La dialettica non l'ho tirata fuori certo io.

Parlando papale papale... mi devi spiegare perché sia da ritenere "politico" il messaggio: "se vuoi diventare un grande musicista (o altro) ti devi fare il mazzo".
Mi sembra una cosa abbastanza scontata eh... hai mai provato a imparare a suonare uno strumento musicale? Ci vuole un sacco di esercizio, come in tutte le cose, nessuno "nasce imparato" cit.
I mocassini non sono né di destra né di sinistra, sono semplicemente mocassini, citando il mitico Gaber.

Womb
23-02-16, 17:07:31
A questo punto penso di essermi perso un pezzo di discussione, precisamente il passaggio in cui dici di essere stato tirato in bello riguardo ad un tuo intervento su Whiplash. :tristenev:
Comunque ci ho giá scritto troppo sul film, se riesci a recuperare quel ho detto nelle altre volte, ne parlo volentieri in privato :sisi:

- - - Aggiornato - - -


Parlando papale papale... mi devi spiegare perché sia da ritenere "politico" il messaggio: "se vuoi diventare un grande musicista (o altro) ti devi fare il mazzo".
Mi sembra una cosa abbastanza scontata eh... hai mai provato a imparare a suonare uno strumento musicale? Ci vuole un sacco di esercizio, come in tutte le cose, nessuno "nasce imparato" cit.
I mocassini non sono né di destra né di sinistra, sono semplicemente mocassini, citando il mitico Gaber.
Chi ha parlato di quell'assunto? :morris82:

TestaMatta89
23-02-16, 17:16:19
Non mi risulta che metropolis sia filosovietico. Anzi è proprio l'opposto :morristend:

La ribellione di lavoratori oppressi da un potente imprenditore che vive nel lusso a loro discapito... Seriamente :asd:

"Metropolis" venne preso a modello sia dai simpatizzanti comunisti che da quelli nazional-socialisti, dato che il messaggio consiste in entrambi i casi nella ribellione contro i potenti oppressori.
Goebbels dopo aver visto "Metropolis" chiese a Lang di fare film per lui, grazie a Dio Lang aveva già deciso di fuggire in USA :sisi:

.GoldenBoy
23-02-16, 17:35:05
Refn è il mio regista preferito, ho visto tutto.
Per me è debole anche visivamente, diciamo che si lascia guardare da un fan di Refn e John Turturro regge il film da solo, rispetto ai Pusher c'è un abisso.
Però è interessante perché anticipa un po' i suoi lavori post pusher 3.
Sarà come dici te allora. Io l'ho seguito con interesse e certe scene sono veramente potenti, le musiche fanno molto. Probabilmente sarò stato abbagliato anche da torturro e c'è da dire che alcuni passaggi non li ho compresi perché l'ho visto in originale. Certo trascurabile ma ho apprezzato veramente tanto la parte iniziale di solitudine e vhs.

Ouroboros
23-02-16, 18:17:14
Sarà come dici te allora. Io l'ho seguito con interesse e certe scene sono veramente potenti, le musiche fanno molto. Probabilmente sarò stato abbagliato anche da torturro e c'è da dire che alcuni passaggi non li ho compresi perché l'ho visto in originale. Certo trascurabile ma ho apprezzato veramente tanto la parte iniziale di solitudine e vhs.

Si anche io ho trovato la prima parte quella più forte. Comunque la mano silenziosa di Refn mi piace sempre molto, io credo la prima volta venga fuori più prepotentemente proprio con Fear X.

No More
23-02-16, 18:57:50
Deadpool e ne sono felicissimo!
Una parola: GENIALE!

p a n z e r
23-02-16, 19:21:56
La ribellione di lavoratori oppressi da un potente imprenditore che vive nel lusso a loro discapito... Seriamente :asd:

"Metropolis" venne preso a modello sia dai simpatizzanti comunisti che da quelli nazional-socialisti, dato che il messaggio consiste in entrambi i casi nella ribellione contro i potenti oppressori.
Goebbels dopo aver visto "Metropolis" chiese a Lang di fare film per lui, grazie a Dio Lang aveva già deciso di fuggire in USA :sisi:
ma il fatto che a posteriori sia stato (erroneamente) sovrainterpretato non significa automaticamente che sia filo-qualcosa, ben che meno filosovietico :asd:

i caratteri di metropolis messi in evidenza sono abbastanza generici per essere così presi a sproposito o magari anche male interpretabili. allo stesso modo il gabinetto del dottor caligari è stato letto come ideologicamente seminale per l'avvento del nazismo (la cornice che mitiga la ribellione di francis che alla fine è soggiogato dal potere che aveva provato a rovesciare, quello del dottor caligari), ma se un'interpretazione sembra calzare non significa automaticamente che sia quella valida o quella più valida.

giusto per estendere il discorso che è stato fatto tirando in ballo, di nuovo, whiplash.


ma soprattutto, che vogliamo dire di birth of a nation e dei suoi neri sporchi e cattivi? :morris82:

Wurdalak
23-02-16, 19:35:34
La ribellione di lavoratori oppressi da un potente imprenditore che vive nel lusso a loro discapito... Seriamente :asd:

"Metropolis" venne preso a modello sia dai simpatizzanti comunisti che da quelli nazional-socialisti, dato che il messaggio consiste in entrambi i casi nella ribellione contro i potenti oppressori.
Goebbels dopo aver visto "Metropolis" chiese a Lang di fare film per lui, grazie a Dio Lang aveva già deciso di fuggire in USA :sisi:

Ribellione capitanata dagli antagonisti del film, che si conclude con la riconciliazione tra il potere e gli oppressi, di fatto annullando qualsiasi potenziale rivoluzione dal basso e mantenendo ben salde le differenze tra le classi.
Sì sì proprio comunismo puro :kep88: Il finale di metropolis, non voluto da lang ma da sua moglie, non lascia spazio a dubbi sul significato politico del film.

- - - Aggiornato - - -

Da questo punto di vista è molto simile a whiplash. Entrambi durante la maggior parte del film spesso sembrano voler dire una cosa che è completamente diversa da quella che poi si rivela essere nel finale. Whiplash per tutto il film sembra mostrarti la storia di due personaggi negativi che si autodistruggono per puro egoismo e narcisismo. E il finale ti dice esplicitamente "hanno fatto bene".

Togg
23-02-16, 19:56:55
I vinti di Antonioni è trascurabilissimo. Tre storie di cretini che appena fanno il loro ingresso in scena già li odi.



Che ne pensate di Fear x di Refn? In rete trovo solo pioggia di ***** su questo film considerato il più brutto della sua carriera. A me onestamente non è dispiaciuto.

me lo ricordo particolare, non male.




beasts of the southern wild è veramente una ***** , una sola, uno schifo, e la bambina la truciderei

:nev:

ouf meno male.


Ah ma allora questa cosa dei neri e delle angurie ha una storia molto più vecchia.

Sì.



comunque per me oggi non si può più parlare di scandalo iper l'ideologia di un film oggi... ci si poteva scandalizzare fino a 30-40 anni fa, adesso i film hanno molta meno importanza secondo me. tipo far vedere whiplash agli intellò marxisti sessantottini italiani degli anni settanta (che ancora ci sono tra noi), sarebbe stato bello :sisi:

I film hanno sempre importanza così come gli altri prodotti culturali. Non è che l'idea che la tortura sia utile e necessaria ci cade in testa dal buon dio. (primo esempio che mi è venuto in mente)

Goodfella
23-02-16, 19:58:17
Io mi sono assicurato due capolavori del cinema nostrano

Vacanze di Natale 83' e Yuppies

Capolavori, nulla da dire, due oscar rubati al Dogui che non fa altro che rubare il maggior numero di scene possibili

"io non sono bello, piaccio"


Togg non pensare bene di me, è che odio i bambini, sopratutto quelli creati ad hoc per mettersi un vestitino carino per gli oscar

Togg
23-02-16, 23:06:01
Reminiscences of a Journey to Lithuania, Jonas Mekas

godibile, gioia di usare il super8 per tornare sul proprio passato etc.

Ouroboros
23-02-16, 23:15:06
Metro Manila
Una bomba, magistrale. Prima parte e finale splendidi.

Rayden
24-02-16, 02:37:27
Crimson Peak

Quello che mi aspettavo,guardato più che altro per lo stile visivo e la fotografia la roba più importante per me che mi son piaciuti molto,debole per il resto in qualche occasione e buona prova della chastain.

7.5

Hushabye
24-02-16, 10:17:26
Metro Manila
Una bomba, magistrale. Prima parte e finale splendidi.
Era in diverse top del 2013 se non ricordo male, prova anche The Selfish Giant.

yonkers86
24-02-16, 10:57:18
Era in diverse top del 2013 se non ricordo male, prova anche The Selfish Giant.

Bombolone The Selfish Giant :sasa:

Io sto facendo una piccola full immersion di cinema singaporense, se non l'avete mai visto vi consiglio caldamente un pò di recuperi di Erick Khoo. My Magic, Be With Me e Tatsumi su tutti :sisi:

Ouroboros
24-02-16, 12:03:58
Bombolone The Selfish Giant :sasa:

Io sto facendo una piccola full immersion di cinema singaporense, se non l'avete mai visto vi consiglio caldamente un pò di recuperi di Erick Khoo. My Magic, Be With Me e Tatsumi su tutti :sisi:


Un elenchino? :v

skrocco
24-02-16, 13:48:07
Fuocoammare - Gianfranco Rosi (2016)
Nell'ultimo film di Rosi, orso d'oro a Berlino, c'è tantissimo... e solo in pochi potranno capire quanto è amaro e triste uscire così dalla sala.
Portandoci a Lampedusa il regista ci tiene nel limbo empatico, sempre ad un passo dall'immersione in quel mare che diviene ponte comunicante per la visione bipolare della città.
Mare come chiave di lettura del doppio, capace d'essere salvezza e morte allo stesso tempo, nausea e cibo, passato e presente di guerre diverse.
La fotografia ci pone davanti a delle tonalità che fanno delle ombre le assolute protagoniste, rinunciando alla saturazione dei colori forti per dedicarsi ad una visione fredda, grigia anche nel punto più luminoso della giornata, buia.
Il nostro pensiero diviene torcia, ci porta ad indagare nel viaggio metaforico che Rosi mette in scena con una sorprendente delicatezza, senza cadere nella facile moralità, un gran traguardo.
L'umano viene esaminato partendo da un bambino, protagonista di un percorso di coscienza, ambasciatore di un messaggio universale. L'occhio pigro, il dover cambiare prospettiva, aver il coraggio di cambiare per poter infine guardare in maniera diversa la vita e la natura che lo circonda. Sequenza essenziale il suo accarezzare il piccolo volatile con un pezzo di ciò che un tempo formava la sua stessa arma.
Troviamo Rosi ben lontano dall'ipocrisia, poeta dietro la macchina da presa. Fa da tramite per i nostri pensieri, distaccandosene, non influenzandoli, colpendoci e lasciandoci con un vuoto amarissimo, consapevoli d'aver visto la vita stessa e non della semplice cronaca.
"Un incubo costante che torna sempre."

Togg
24-02-16, 14:00:21
Anche La Signora Senza Camelie di Antonioni è una storia vedibile con una lei che finisce in casini emozionali. La direzione è quella ma manca il ritaglio preciso dei successivi che permetterà di fare emergere gli aspetti davvero importanti.

yonkers86
24-02-16, 14:15:32
Un elenchino? :v

Di? I tre film che ho elencato sono di Khoo :sisi:

Armin
24-02-16, 14:44:58
Fuocoammare - Gianfranco Rosi (2016)
Nell'ultimo film di Rosi, orso d'oro a Berlino, c'è tantissimo... e solo in pochi potranno capire quanto è amaro e triste uscire così dalla sala.
Portandoci a Lampedusa il regista ci tiene nel limbo empatico, sempre ad un passo dall'immersione in quel mare che diviene ponte comunicante per la visione bipolare della città.
Mare come chiave di lettura del doppio, capace d'essere salvezza e morte allo stesso tempo, nausea e cibo, passato e presente di guerre diverse.
La fotografia ci pone davanti a delle tonalità che fanno delle ombre le assolute protagoniste, rinunciando alla saturazione dei colori forti per dedicarsi ad una visione fredda, grigia anche nel punto più luminoso della giornata, buia.
Il nostro pensiero diviene torcia, ci porta ad indagare nel viaggio metaforico che Rosi mette in scena con una sorprendente delicatezza, senza cadere nella facile moralità, un gran traguardo.
L'umano viene esaminato partendo da un bambino, protagonista di un percorso di coscienza, ambasciatore di un messaggio universale. L'occhio pigro, il dover cambiare prospettiva, aver il coraggio di cambiare per poter infine guardare in maniera diversa la vita e la natura che lo circonda. Sequenza essenziale il suo accarezzare il piccolo volatile con un pezzo di ciò che un tempo formava la sua stessa arma.
Troviamo Rosi ben lontano dall'ipocrisia, poeta dietro la macchina da presa. Fa da tramite per i nostri pensieri, distaccandosene, non influenzandoli, colpendoci e lasciandoci con un vuoto amarissimo, consapevoli d'aver visto la vita stessa e non della semplice cronaca.
"Un incubo costante che torna sempre."

Devo vederlo assolutamente :sisi:

Buddha94
24-02-16, 18:38:02
C'era una volta in America. Capolavoro, il miglior film di Leone per me. Qui il tempo che dà il nome alla trilogia è ancora più tangibile, con il film che rimbalza nel tempo stesso attraverso il racconto delle varie fasi della vita di Noodles. La storia narrata è bellissima e la scena finale, che apre ad un'interpretazione fino ad allora neanche pensata, è un tocco di classe.

Goodfella
25-02-16, 00:10:25
Io sono sempre grande, e' il cinema che e' diventato piccolo!

Väinämöinen
25-02-16, 11:48:14
Magic Mike

Ehi, è un bel film! Non l'avrei mai detto.

dante3vergil
26-02-16, 01:22:52
Deadpool.

Esattamente come me lo aspettavo, salvo l'adattamento, per il quale hanno fatto dei passi indietro rispetto ai trailer, per evitare censure di *****.

TestaMatta89
26-02-16, 09:40:55
Ho rivisto "Inglourious Basterds" dopo tanti anni.
Che dire, ricordavo di aver lasciato la sala cinematografica entusiasta, e non posso che confermare l'impressione di allora.
Straordinario l'utilizzo delle diverse lingue per creare tensione tra i personaggi; straordinari gli attori, in particolare Christoph Waltz nel ruolo della vita per me.
Esteticamente ineccepibile e con una colonna sonora notevole, questo film è praticamente perfetto, un capolavoro per quanto mi riguarda, uno dei miei preferiti di Tarantino, lo metterei sul podio della sua cinematografia.

Il Commodoro
26-02-16, 10:37:05
Ho rivisto "Inglourious Basterds" dopo tanti anni.
Che dire, ricordavo di aver lasciato la sala cinematografica entusiasta, e non posso che confermare l'impressione di allora.
Straordinario l'utilizzo delle diverse lingue per creare tensione tra i personaggi; straordinari gli attori, in particolare Christoph Waltz nel ruolo della vita per me.
Esteticamente ineccepibile e con una colonna sonora notevole, questo film è praticamente perfetto, un capolavoro per quanto mi riguarda, uno dei miei preferiti di Tarantino, lo metterei sul podio della sua cinematografia.
Il ruolo della vita, giusto, dopo Inglorious Basterds ha praticamente interpretato lo stesso tipo di personaggio in ogni film

Brother's Killer
26-02-16, 10:37:44
In Carnage non interpretava lo stesso ruolo dai :sisi:

Rage Against
26-02-16, 11:39:31
Ho rivisto "Inglourious Basterds" dopo tanti anni.
Che dire, ricordavo di aver lasciato la sala cinematografica entusiasta, e non posso che confermare l'impressione di allora.
Straordinario l'utilizzo delle diverse lingue per creare tensione tra i personaggi; straordinari gli attori, in particolare Christoph Waltz nel ruolo della vita per me.
Esteticamente ineccepibile e con una colonna sonora notevole, questo film è praticamente perfetto, un capolavoro per quanto mi riguarda, uno dei miei preferiti di Tarantino, lo metterei sul podio della sua cinematografia.
Anche io l'ho rivisto qualche giorno fa. Capolavoro, lo metto subito dopo Pulp Fiction.

Il Commodoro
26-02-16, 12:01:37
In Carnage non interpretava lo stesso ruolo dai :sisi:
Negli altri che ha fatto si però

Jaga
26-02-16, 12:02:36
L.A. Confidential di Curtis Hanson. Ottimo film noir con un cast eccezionale. Mi è piaciuto: ha un gran ritmo e una splendida fotografia, non ho apprezzato troppo giusto
il fatto che abbiano resuscitato il personaggio di Crowe alla fine, visto che per me ci stava lasciarlo morto per rendere la conclusione del film ancora più amara

eXistenZ di David Cronenberg. Classico film del regista: sporco, viscido, disgustoso e a tratti inquietante. Presenta parecchi difetti ma anche diversi tocchi di assoluta originalità. Finale un pò prevedibile, ma comunque suggestivo.

Buddha94
26-02-16, 15:24:21
Matrix Revolutions. La cosa bella di Matrix era Matrix, se lo togli non poteva che venirne fuori una schifezza totale.

Kirillov
26-02-16, 22:48:26
Una lezione d'amore di Ingmar Bergman.
L'amore coniugale e i suoi problemi descritti con brio, umorismo, e qualche frecciata che si conficca un po' più in profondità.

Ouroboros
26-02-16, 23:45:43
The world's end

Finalmente ho completato il cornetto.
Il più strutturato, un tiro della madonna, montaggio fantastico, attori carichi a palla, effetti speciali in linea con tutto il resto.
Un crescendo inarrestabile, momenti significativi e quasi inaspettati a più riprese.
Superiore a hot fuzz per me.

Il Commodoro
27-02-16, 02:30:28
The world's end

Finalmente ho completato il cornetto.
Il più strutturato, un tiro della madonna, montaggio fantastico, attori carichi a palla, effetti speciali in linea con tutto il resto.
Un crescendo inarrestabile, momenti significativi e quasi inaspettati a più riprese.
Superiore a hot fuzz per me.
Riguardati la scena iniziale, noterai che è una profezia agli avvenimenti che avverranno nel film

TestaMatta89
27-02-16, 11:06:01
The world's end

Finalmente ho completato il cornetto.
Il più strutturato, un tiro della madonna, montaggio fantastico, attori carichi a palla, effetti speciali in linea con tutto il resto.
Un crescendo inarrestabile, momenti significativi e quasi inaspettati a più riprese.
Superiore a hot fuzz per me.

Sono tutti e due stupendi.
Io preferisco "Hot Fuzz" perché lo trovo un po' più raffinato nella sua comicità citazionista.

Brother's Killer
27-02-16, 11:14:33
Anch'io trovo Hot Fuzz il migliore della trilogia mi fa morire dalle risate ogni volta che lo vedo :asd:

TestaMatta89
27-02-16, 11:25:51
Ho rivisto "The Thing" dopo tantissimi anni e... wow! WOW! Non me lo ricordavo così!
è un capolavoro, il mistero è appassionante e la tensione è alle stelle dall'inizio alla fine. Impressionanti gli effetti speciali, sono invecchiati molto meglio rispetto a quelli della trilogia di Star Wars, quindi per l'epoca erano veramente qualcosa di pazzesco.
Personalmente non mi ha fatto paura, ma in realtà non sono convinto che fosse questa l'intenzione di Carpenter: effettivamente è più un film psicologico-thriller che un horror, quindi penso abbia senso che io fossi più incuriosito che spaventato.
Finale moooooooooolto ambiguo, mi sono fatto una teoria che non riesco più a togliermi dalla testa che Macready sia in realtà "la cosa", quasi quasi faccio un video su questa teoria con tutti gli indizi che ci sono nel film :ahsisi:

P.S. In effetti in "The Hateful Eight" ci sono vari riferimenti a "The Thing", alcuni esilaranti :asd:

P.P.S. Consiglio di vedere la puntata "Lice capades" di South Park, è una parodia geniale di "The Thing" :rickds:

edorenzi91
27-02-16, 11:58:47
Io mi sono assicurato due capolavori del cinema nostrano

Vacanze di Natale 83' e Yuppies

Capolavori, nulla da dire, due oscar rubati al Dogui che non fa altro che rubare il maggior numero di scene possibili

"io non sono bello, piaccio"


Togg non pensare bene di me, è che odio i bambini, sopratutto quelli creati ad hoc per mettersi un vestitino carino per gli oscar

Sei un genio, anche secondo me questo sono film da Oscar .. Potrei recitarti tutte le scene a memoria

- - - Aggiornato - - -

Comunque ieri sera sono andato a vedere PERFETTI SCONOSCIUTI .. Film divertentissimo è geniale, soprattutto il finale ..

Consigliato raga :gab:

Togg
27-02-16, 12:10:35
Anche Il grido di Antonioni è vedibile ma trascurabile.

Buddha94
27-02-16, 15:38:33
Gangs of New York: buon film di vendetta con una grande interpretazione di Daniel Day-Lewis, ottima la ricostruzione storica della New York dell'800.

Insomnia: un bel thriller con due ottimi interpreti, soprattutto Al Pacino che è riuscito a rendere molto bene il detective tormentato. Inoltre mi ha fatto piacere rivedere Robin Williams, era da veramente tanto tempo che non vedevo qualcosa di suo.

Goodfella
27-02-16, 15:44:12
Sei un genio, anche secondo me questo sono film da Oscar .. Potrei recitarti tutte le scene a memoria

- - - Aggiornato - - -

Comunque ieri sera sono andato a vedere PERFETTI SCONOSCIUTI .. Film divertentissimo è geniale, soprattutto il finale ..

Consigliato raga :gab:

whisky, sole, e sei in pole position

mickes2
27-02-16, 16:08:34
Anche Il grido di Antonioni è vedibile ma trascurabile.
per me è da 9

Togg
27-02-16, 16:22:39
per me è da 9

Blow Up / Zabriskie Point / La Notte 24 :sisi:

TestaMatta89
27-02-16, 16:29:59
Gangs of New York: buon film di vendetta con una grande interpretazione di Daniel Day-Lewis, ottima la ricostruzione storica della New York dell'800.

Insomnia: un bel thriller con due ottimi interpreti, soprattutto Al Pacino che è riuscito a rendere molto bene il detective tormentato. Inoltre mi ha fatto piacere rivedere Robin Williams, era da veramente tanto tempo che non vedevo qualcosa di suo.

Se non l'hai mai visto, guardati "One Hour Photo".

Buddha94
27-02-16, 17:19:16
Se non l'hai mai visto, guardati "One Hour Photo".

No non l'ho visto. Interessante, me lo segno :ahsisi:

Rage Against
27-02-16, 17:55:36
Zootropolis
Che bel film!:nev:
La Disney sta cominciando ad ingranare, finalmente. La storia può sembrare semplice, invece succedono alcuni colpi di scena inaspettati e il messaggio è molto bello.
Tecnicamente e visivamente è CLAMOROSO, stiamo raggiungendo dei livelli incredibili ormai.
I personaggi sia principali che secondari sono caratterizzati molto bene.
Ci sono due scene che mi hanno fatto venire le lacrime dal ridere.:rickds:
il bradipo in posta :rickds::rickds::rickds:

Altro che le battutine cazzoh, fiiga, scopa di altri film.

Non vedo l'ora di prenderlo in BluRay.:gab:

Voto 8

mickes2
27-02-16, 18:00:19
Blow Up / Zabriskie Point / La Notte 24 :sisi:

appena discreto il primo e inguardabile il secondo.
la notte un filmone, gli si può dare anche 10 perchè no.

Togg
27-02-16, 18:43:16
Whaaat. Blow Up appena discreto? 0_0

Goodfella
27-02-16, 18:59:32
blow up appena discreto?

Väinämöinen
28-02-16, 01:36:21
The Lego Movie

Tecnicamente è impressionante. Vedendo il budget non ci credevo.

Adam ~
28-02-16, 02:43:35
Sicario
Benicio Del Toro veramente immenso e alcune sequenze girate magistralmente (quella sull'autostrada, in primis)

TestaMatta89
28-02-16, 12:31:26
"They Live"
Divertente e pungente satira del mondo dominato dai media, ed interessante parodia degli action-movie e dei film complottisti.
Alcune gag sono davvero ben costruite e strappano risate amare.
Fanastici gli aforismi che prendono in giro quelli dei classici d'azione anni '80: "I have come here to chew bubble gum and kick ass... and I'm all out of bubble gum."
:asd:

dante3vergil
28-02-16, 12:49:01
Beautiful di Inarritu. Girato bene e attori molto bravi, ma, a dirla tutta, non ho capito il senso del film :sad:

Rage Against
28-02-16, 13:46:31
Prisoners | 2013
Bel thriller, ottimi Jackman e Gyllenhaal. Forse leggermente lungo per un film del genere (due ore e mezza?!). Voto 7

Il Lato Positivo | 2012
L'avevo visto al cinema, e non mi aveva convinto appieno e ho deciso di rivederlo. Mi è piaciuto sicuramente di più, ma non comprendo come mai sia cosi osannato, soprattutto Jennifer Lawrence che mi piace come attrice, ma secondo me è stata molto più brava in American Hustle ad esempio. Voto 6.5/7

edorenzi91
28-02-16, 17:32:03
whisky, sole, e sei in pole position

Libiiiiidine :gab:

Ouroboros
28-02-16, 22:13:59
"They Live"
Divertente e pungente satira del mondo dominato dai media, ed interessante parodia degli action-movie e dei film complottisti.
Alcune gag sono davvero ben costruite e strappano risate amare.
Fanastici gli aforismi che prendono in giro quelli dei classici d'azione anni '80: "I have come here to chew bubble gum and kick ass... and I'm all out of bubble gum."
:asd:

Leggendario.
Io ho guardato Gueros

https://www.youtube.com/watch?v=t-w6MbK_eZA
Più che altro ci ho provato, il file faceva un casino pazzesco ho resistito mezz'ora prima di mollare.
Peccato perché sembra molto interessante, ci riprovo più avanti.

Goodfella
29-02-16, 06:53:44
Soldi Sporchi di Raimi è un altro filmone di un regista che riuscirebbe a mettere contenuti pure in un film sui campi di concentramento

dom87
29-02-16, 08:18:04
Crimson peak, piaciuto poco . Buona la fotografia ma la storia è banale e si capisce poco."Il labirinto del fauno" sta anni luce avanti

Steeb
29-02-16, 11:39:33
The Survivalist - Stephen Fingleton (2015) Film indipendente abbastanza particolare, girato interamente in un unica location con tre personaggi e pochissimi dialoghi. A seguito di una catastrofe l'umanità viene decimata e i pochi supersistiti cercano disperatamente di sopravvivere. Proprio su questo aspetto viene costruito l'intero film con un ottima regia accompagnata da un sonoro coinvolgente, e da ottime interpretazioni degli attori. Storia semplice ma funzionale, un film crudo e senza fronzoli. Non per tutti.

Beginners - Mike Mills (2011) Direi che è un ritratto sociale abbastanza schietto che si concentra sul come certe tematiche siano ancora oggi "difficili" da affrontare. Davvero una bella prova corale degli attori basata su una sceneggiatura fluida e frizzante. Mi è piaciuto!
Plummer immenso! Devo assolutamente vedere Remember

Anto91
29-02-16, 11:47:24
Snoopy & Friends - Il film dei Peanuts - Sono un grande fan dei Peanuts e devo dire che il film mi è piaciuto molto. Tecnica d'animazione fantastica e storia tutto sommato gradevole, anche se avrei preferito una trama costruita meglio e meno scenette coi famosi tormentoni dei vari personaggi. Ma capisco che il film sia stato volutamente fatto in quel modo lì, Martino è un grande ammiratore dei protagonisti e questa pellicola è un chiarissimo omaggio al loro mondo (animato più che cartaceo, ma capisco anche questa scelta).

mickes2
29-02-16, 12:01:04
rivisto Millennium mambo di Hou hsiao-hsien
lo ricordavo più incisivo, rimane una buona indagine esistenziale con una Shu-qi davvero affascinante.
ci tengo sempre a mettere la scena iniziale che è favolosa.

https://www.youtube.com/watch?v=dmarbuvfV6g

Ryo Narushima
29-02-16, 17:38:19
Visto Southpaw

http://filmtornado.eu/covers2/18.jpg

L'ho trovato bello drammatico per essere un film sul pugilato. Anzi incontri e training passano quasi in secondo piano. South è una sfida contro se stessi, l'abisso e la sofferenza di uomo che perde la cosa più importante. Mi ha commosso, quando si parla di questo sport mi scende la lacrima facile.
Ottima l'interpretazione di Jake, sia attoriale che fisica. Incredibili gli allenamenti che ha fatto per fare questa parte. Sembra davvero un pugile professionista. Giusto la bambina ho trovato un pò sottotono come recitazione, forse un pò troppo freddina.

8,5/10 meritatissimo

Togg
01-03-16, 01:56:58
Identificazione di una donna, Antonioni
pasticcio... e le voci? brr.

Havgard
01-03-16, 09:20:40
Moon
bello, questa è la fantascienza che mi piace!! ottimo l'attore, a tratti mi ha ricordato Christian Bale, un po frettoloso e superficiale il finale.

Quattro
01-03-16, 10:11:29
Commenti velocissimi di visioni recenti.

___

Viskningar och rop (Sussurri e grida) – Ingmar Bergman, 1972. Pornografia cinefila. Per il resto ho mal sopportato lo strazio in cui Bergman ama crogiolarsi, attualmente mi è impossibile esprimere una valutazione univoca. Da rivedere.

Requiem for a dream – Darren Aronofsky, 2000. Pubblicato nel Duemila sì, ma Anni Novanta fino al midollo, regia frenetica e schizzatissima. Bel trip, non era facile tenere insieme un film tanto eccentrico. Visto in condizioni diciamo subottimali, lo rivedrò con piacere. Aspettavo di vederlo da tipo cinque anni, bella storia.

Birdman or: (The unexpected virtue of ignorance) – Alejandro González Iñárritu , 2014. Seconda visione. Sfolgorante e sofisticatissimo, prova di (meta) Cinema titanica in ogni comparto.

Shaun the Sheep Movie – Mark Burton e Richard Starzak, 2015. Carinissimo. Ogni tanto è bello tornare bambini con film come questo.
___

Poi ho visto un pezzo di Scream 2 che parte benissimo però non mi ha catturato, ricicla un po' troppo per entusiasmare di nuovo e lo spessore aggiunto ai personaggi del primo non funziona. Magari ci riprovo un'altra volta.

Ora mi immergo in Twin peaks che voglio vedere tipo da quando è uscito. Per ora ho visto il pilota e direi che siamo partiti benissimo.

IO ME MEDESIMO
01-03-16, 10:42:13
Ieri sera sono andato al cinema per la seconda volta di fila(record personale :ivan:) e mi sono visto The Danish Girl (lo so sono ritardatario cronico :asd:, ma non essendo il mio genere mi hanno dovuto convincere per andare :asd:).

Ottimo film con una superba l'interpretazione del protagonista, peccato solo per il finale "telefonato":ahsisi:


E nel WE mi toccherà Revenant :ivan:

Väinämöinen
01-03-16, 11:08:14
Ieri sera sono andato al cinema per la seconda volta di fila(record personale :ivan:) e mi sono visto The Danish Girl (lo so sono ritardatario cronico :asd:, ma non essendo il mio genere mi hanno dovuto convincere per andare :asd:).

Ottimo film con una superba l'interpretazione del protagonista, peccato solo per il finale "telefonato":ahsisi:

A Goodfella piace questo elemento.

dante3vergil
01-03-16, 11:11:44
Spotlight (visione in originale)

Bel film, con buone prove attoriali (uno su tutti Ruffalo), che racconta uno scandalo particolare, poco trattato. Dal lato tecnico nulla di particolare, fa il suo compito e basta. Film sicuramente da 8, ma non da oscar.

Codice
01-03-16, 11:37:49
Revanant : Sinceramente ragazzi? Non mi è piaciuto per nulla. L'ho visto più come un documentario alla Wild anziché un film. Ho trovato Revenant piatto sotto il punto di vista emozionale, Glass non mi ha trasmesso nulla dall'inizio alla fine, non so come un personaggio cosi possa farsi strada in futuro nell'immaginario collettivo del-laggente. Belle le riprese nonché gli scenari, ma non mi hanno entusiasmato più di tanto.

Voto finale : 6,5.

Jaga
01-03-16, 11:53:10
Effetto notte di Francois Truffaut. Un vero e proprio capolavoro, forse il miglior film metacinematografico che abbia mai visto.

TestaMatta89
01-03-16, 12:38:43
Commenti velocissimi di visioni recenti.

___

Viskningar och rop (Sussurri e grida) – Ingmar Bergman, 1972. Pornografia cinefila. Per il resto ho mal sopportato lo strazio in cui Bergman ama crogiolarsi, attualmente mi è impossibile esprimere una valutazione univoca. Da rivedere.

Requiem for a dream – Darren Aronofsky, 2000. Pubblicato nel Duemila sì, ma Anni Novanta fino al midollo, regia frenetica e schizzatissima. Bel trip, non era facile tenere insieme un film tanto eccentrico. Visto in condizioni diciamo subottimali, lo rivedrò con piacere. Aspettavo di vederlo da tipo cinque anni, bella storia.

Birdman or: (The unexpected virtue of ignorance) – Alejandro González Iñárritu , 2014. Seconda visione. Sfolgorante e sofisticatissimo, prova di (meta) Cinema titanica in ogni comparto.

Shaun the Sheep Movie – Mark Burton e Richard Starzak, 2015. Carinissimo. Ogni tanto è bello tornare bambini con film come questo.
___

Poi ho visto un pezzo di Scream 2 che parte benissimo però non mi ha catturato, ricicla un po' troppo per entusiasmare di nuovo e lo spessore aggiunto ai personaggi del primo non funziona. Magari ci riprovo un'altra volta.

Ora mi immergo in Twin peaks che voglio vedere tipo da quando è uscito. Per ora ho visto il pilota e direi che siamo partiti benissimo.

Guarda, sono d'accordo con te su "Sussurri e Grida", anche se mi sento di spezzare una lancia a favore del regista svedese, visto che la maggiorparte della sua filmografia è di tutt'altro tenore rispetto a quel film, ci sta un delirio d'onnipotenza artistica come "Sussurri e Grida", in mezzo ad un mare di capolavori più godibili e concreti.
Ti consiglio "Ansiktet - Il Volto", esattamente agli antipodi di "Sussurri e Grida".

Robo@nte
01-03-16, 17:09:54
Commenti velocissimi di visioni recenti.

___

Viskningar och rop (Sussurri e grida) – Ingmar Bergman, 1972. Pornografia cinefila. Per il resto ho mal sopportato lo strazio in cui Bergman ama crogiolarsi, attualmente mi è impossibile esprimere una valutazione univoca. Da rivedere.

Per caso hai già visto Persona? ecco, in caso in caso non l'avessi fatto, tieniti pronto:asd:

- - - Aggiornato - - -

Comunque di Bergman ti consiglio Il Silenzio :sasa:

Luca.Lampard.
01-03-16, 17:49:00
Il caso Spotlight.

Dio mio, che filmone. Non è un capolavoro, indubbiamente. Ma cavolo, quanto è bello? Mi ha tenuto incollato per due ore, e ne volevo ancora! Praticamente tutti gli bravissimi, ritmo serratissimo e mai un secondo di noia. Probabilmente per qualcuno sarà l'ennesimo polpettone confezionato a posta per vincere l'Oscar. Secondo me, non è così. Non tratta del solo scandalo in sé, ma di altre cose legate al mondo del giornalismo. Ed è per questo che probabilmente mi è piaciuto così tanto. In certi momenti, è come se la storia principale venga messa in secondo piano, in favore delle vicende personali dei protagonisti. In generale, un film girato davvero bene. Non so se sia effettivamente il miglior film dell'anno, ma è un film che vale indubbiamente vedere. Non solo per lo scandalo legato alla Chiesa.

Goodfella
01-03-16, 18:10:29
A Goodfella piace questo elemento.

Non me ne parlare :rickds:


Il caso Spotlight.

Dio mio, che filmone. Non è un capolavoro, indubbiamente. Ma cavolo, quanto è bello? Mi ha tenuto incollato per due ore, e ne volevo ancora! Praticamente tutti gli bravissimi, ritmo serratissimo e mai un secondo di noia. Probabilmente per qualcuno sarà l'ennesimo polpettone confezionato a posta per vincere l'Oscar. Secondo me, non è così. Non tratta del solo scandalo in sé, ma di altre cose legate al mondo del giornalismo. Ed è per questo che probabilmente mi è piaciuto così tanto. In certi momenti, è come se la storia principale venga messa in secondo piano, in favore delle vicende personali dei protagonisti. In generale, un film girato davvero bene. Non so se sia effettivamente il miglior film dell'anno, ma è un film che vale indubbiamente vedere. Non solo per lo scandalo legato alla Chiesa.

Ecco, secondo me è la regia il punto debole. Perchè McCarthy non è un grande regista, anzi. Sembra incentrata al risparmio, televisiva. Le minacce della chiesa dove sono? Perchè non c'è mezzo frame in grado di dare quella grandezza che aveva il film di Pakula (anche quello, filmissimo, ma non capolavoro). Il punto è: se negli anni 70 un grande film di giornalismo era tutti gli uomini del presidente, e se nel 2016 il grande film di giornalismo è spotlight, allora la qualità media si è abbassata, e tanto anche.

Il Commodoro
01-03-16, 18:59:06
Rivisto Mad Max: Fury Road, ogni volta diventa sempre più bello


https://www.youtube.com/watch?v=RjgjZwTf--0

E sono sempre più dell'opinione che poteva benissimo vincere l'Oscar alla Migliore Fotografia

Manuel 23
01-03-16, 19:29:15
Mud by Jeff Nichols (2013)
Prima visione. Io non ne ho visti molti di film coming-of-age, ma questo è uno dei migliori. La crescita del ragazzo in questo caso è soprattutto legata all'amore, e questa pellicola è quasi uno studio di come gli adulti (quasi tutti uomini nel caso del film) lo affrontano. Nichols riesce a proporre molto bene sia i pro che i contro di una relazione che Ellis, il giovane protagonista, vive sia direttamente e, soprattutto, indirettamente; lui infatti deve aiutare Mud, (Matthew McConaughey in una delle sue migliori interpretazioni) un misterioso uomo, sporco sia letteralmente che figurativamente (il nome, perciò, è perfetto), a ricongiungersi con la sua ragazza Juniper con la quale ha una relazione che complicata è dir poco. Oltre a ciò un altro punto di forza del film è come vengono riproposte i vari scenari del sud degli Stati Uniti, sembra quasi un documentario per quanto fatto bene. Ciò che secondo me stona (abbastanza) è la battaglia finale, ma dai, alla fine si può sorvolare. Il finale vero e proprio è invece perfetto,
Mud riesce finalmente a lasciarsi alle spalle Juniper e il passato complicato che non gli permette di vivere una vita serena (simboleggiato nel corso del film dalle continue inquadrature dei rami degli alberi che lasciano pochi spazi alla luce di filtrare), ed iniziare una nuova vita (ora infatti ha, letteralmente, un mare di possibilità di fronte a sè).
Questo è il primo film di Nichols che vedo ma non vedo l'ora di vederne almeno un altro, ho infatti sentito parlare molto bene di Take Shelter... :morristend:
Voto: 8


Ho visto anche Synecdoche, New York di Charlie Kaufman e penso che possa trattarsi di un filmone (non voglio utilizzare la parola capolavoro però ci siamo capiti), tuttavia non mi sento di commentarlo perchè non l'ho nemmeno capito più di tanto; però ho questa sensazione che dopo altre visioni finirò per includerlo (?) nella mia lista di film preferiti. In ogni caso lo consiglio perchè film così vanno visti.

Goodfella
01-03-16, 20:14:35
A Goodfella piace questo elemento.


Rivisto Mad Max: Fury Road, ogni volta diventa sempre più bello


https://www.youtube.com/watch?v=RjgjZwTf--0

E sono sempre più dell'opinione che poteva benissimo vincere l'Oscar alla Migliore Fotografia

Sinceramente chiunque l'avesse vinto in quella categoria, sarebbe andato benissimo. Sarebbe servito uno split tra i 4 che ho visto, poi Carol non l'ho visto ma l'opinione generale è quella

Il Commodoro
01-03-16, 21:37:27
Hai ragione, la fotografia di The Revenant, Mad Max, The Hateful Eight e Sicario è ottima, anche quella di Carol è molto bella però la più debole tra le cinque, imho principalmente a causa della tipologia di film che non ha permesso di creare scene dove la fotografia poteva essere sfruttata al massimo.

Brother's Killer
01-03-16, 21:41:16
Secondo me quella di Carol invece è proprio la migliore delle 5 :asd: Levi la fotografia e hai un altro film.

Togg
01-03-16, 22:21:52
Non c'è paragone dai... Carol è come dice Brother's, la fotografia è fondamentale e lavoratissima su vari livelli (tecnico estetici, ricerca storica, legami coi personaggi etc). Mad Max è il solito stanchissimo orange e teal. The Revenant gran lavoro ma come si è già detto non è che poi il film riesca ad approfittarne quindi resta più un esperimento su cui ritornare come riflessione. Sicario è classica niente di particolare. Tarantino pure classica e grandioso ritorno al 70mm ma Carol davvero è quello da premiare.

Brother's Killer
01-03-16, 22:30:36
Qui c'è un articolo su Carol che fa capire molte cose riguardo la fotografia:
http://www.indie-eye.it/cinema/covercinema/carol-di-todd-haynes-la-recensione.html

Ouroboros
01-03-16, 22:36:51
Bombetta mica male The Survivalist.
Solito finale trito ma per il resto veramente un esordio coi controqazzi. La scena nell'erba è una bomba.
Plus: la fregna di Mia Goth (contrapposta però al birillo del protagonista e alle grinze della vecchia :bruniii: )

Togg
01-03-16, 22:40:15
Io ne avevo letto uno in inglese che credo dica super giù le stesse cose. Che 16mm favoloso <3

Il Commodoro
01-03-16, 23:22:12
Secondo me quella di Carol invece è proprio la migliore delle 5 :asd: Levi la fotografia e hai un altro film.
Si potrebbe dire la stessa cosa di Mad Max (che tra l'altro non è il "solito T&O", sono invece riusciti a valorizzare questa palette di colori invece di usarla a casaccio)

https://hardcoregamer102.files.wordpress.com/2015/07/tom-hardy-mad-max-fury-road-01-600x350.jpg
https://i.ytimg.com/vi/hEJnMQG9ev8/maxresdefault.jpg

Idem per The Revenant, una delle poche cose cose che mi è piaciuta di quel film
http://pictures.digitalrev.com/image/upload/w_1400,c_fill,q_60/v1450740527/oqabd2b4f8toq6i5tmd9.jpg

Anche quella di Carol è ottima, però quest'anno la competenza era troppo agguerrita, imho le altre sono superiori
https://pbs.twimg.com/media/CVO116RXIAAQ_jR.jpg

Siero
01-03-16, 23:57:51
diciamo che la fotografia (la color corection va...) di mad max non è niente di nuovo, praticamente. moltissimi film usano questa color da filmkaer spassionati a mega produzioni. ma per me rispecchia la sua natura, il più rompiculi film d'azione con l'orange e teal più estremo e palesato di sempre.
insomma oltre che metro di paragone per il cinema d'azione lo è anche per la color da blockbster (arancio e azzurro fuckenglish ) :sisi: imho


Si potrebbe dire la stessa cosa di Mad Max (che tra l'altro non è il "solito T&O", sono invece riusciti a valorizzare questa palette di colori invece di usarla a casaccio)

https://hardcoregamer102.files.wordpress.com/2015/07/tom-hardy-mad-max-fury-road-01-600x350.jpg
https://i.ytimg.com/vi/hEJnMQG9ev8/maxresdefault.jpg

Idem per The Revenant, una delle poche cose cose che mi è piaciuta di quel film
http://pictures.digitalrev.com/image/upload/w_1400,c_fill,q_60/v1450740527/oqabd2b4f8toq6i5tmd9.jpg

Anche quella di Carol è ottima, però quest'anno la competenza era troppo agguerrita, imho le altre sono superiori
https://pbs.twimg.com/media/CVO116RXIAAQ_jR.jpg

la prima che hai postato sembra più una foto di scena, la seconda invece è sul livello del film

- - - Aggiornato - - -

cioè
https://wtfbabe.files.wordpress.com/2015/07/mad-max-fury-road-27-sc-this-place-is-for-the-birds-wtf-watch-the-film-saint-pauly.jpg
http://www.scifimix.com/wp-content/uploads/2015/05/Screen-Shot-2015-05-17-at-12.59.32-PM.png
https://pbs.twimg.com/media/CDD2k50WEAEk9BR.jpg:large
http://static1.squarespace.com/static/5530da0ae4b031859b3da114/t/5639eab9e4b090ad9afbe068/1446636218170/Mad+Max+Fury+Road+Night



:sisi:

dante3vergil
02-03-16, 00:18:25
diciamo che la fotografia (la color corection va...) di mad max non è niente di nuovo, praticamente. moltissimi film usano questa color da filmkaer spassionati a mega produzioni. ma per me rispecchia la sua natura, il più rompiculi film d'azione con l'orange e teal più estremo e palesato di sempre.
insomma oltre che metro di paragone per il cinema d'azione lo è anche per la color da blockbster (arancio e azzurro fuckenglish ) :sisi: imho



la prima che hai postato sembra più una foto di scena, la seconda invece è sul livello del film

- - - Aggiornato - - -

cioè
https://wtfbabe.files.wordpress.com/2015/07/mad-max-fury-road-27-sc-this-place-is-for-the-birds-wtf-watch-the-film-saint-pauly.jpg
http://www.scifimix.com/wp-content/uploads/2015/05/Screen-Shot-2015-05-17-at-12.59.32-PM.png
https://pbs.twimg.com/media/CDD2k50WEAEk9BR.jpg:large
http://static1.squarespace.com/static/5530da0ae4b031859b3da114/t/5639eab9e4b090ad9afbe068/1446636218170/Mad+Max+Fury+Road+Night



:sisi:
Madò la secondaaaa :ooo:

Il Commodoro
02-03-16, 02:04:58
diciamo che la fotografia (la color corection va...) di mad max non è niente di nuovo, praticamente. moltissimi film usano questa color da filmkaer spassionati a mega produzioni. ma per me rispecchia la sua natura, il più rompiculi film d'azione con l'orange e teal più estremo e palesato di sempre.
insomma oltre che metro di paragone per il cinema d'azione lo è anche per la color da blockbster (arancio e azzurro fuckenglish ) :sisi: imho



la prima che hai postato sembra più una foto di scena, la seconda invece è sul livello del film

- - - Aggiornato - - -

cioè
https://wtfbabe.files.wordpress.com/2015/07/mad-max-fury-road-27-sc-this-place-is-for-the-birds-wtf-watch-the-film-saint-pauly.jpg
http://www.scifimix.com/wp-content/uploads/2015/05/Screen-Shot-2015-05-17-at-12.59.32-PM.png
https://pbs.twimg.com/media/CDD2k50WEAEk9BR.jpg:large
http://static1.squarespace.com/static/5530da0ae4b031859b3da114/t/5639eab9e4b090ad9afbe068/1446636218170/Mad+Max+Fury+Road+Night



:sisi:
La prima l'ho postata per mostrare come sarebbe stato MM senza teal and orange e perché è stato fondamentale per il film

TestaMatta89
02-03-16, 11:31:06
"Escape from New York", bel film, con una storia forse un po' troppo canonica, ma con grande stile estetico: bellissima scenografia e straordinari costumi.
Avendolo visto adesso per la prima volta in inglese (anni fa lo vidi in italiano) riesco a riconoscere che Kojima da Snake Plissken non abbia preso solo l'aspetto per il suo Snake, ma pure il tono di voce. Ora ha un po' più senso la voce sopra le righe di David Hayter, anche se in MGS4 e Peace Walker ha francamente esagerato, molto meglio in MGS1-2-3.

Ouroboros
02-03-16, 12:13:33
Riguardo i colori, magari da qua si può prendere qualche spunto riguardo Mad Max

https://www.youtube.com/watch?v=aXgFcNUWqX0
Quando Walter in Breaking Bad (scena I am the danger) aggrava il suo tono, si toglie la blusa rossa e mostra sotto la maglietta ancora più scura e sbrocca.
:hail::hail::hail:

Quattro
02-03-16, 15:06:45
Guarda, sono d'accordo con te su "Sussurri e Grida", anche se mi sento di spezzare una lancia a favore del regista svedese, visto che la maggiorparte della sua filmografia è di tutt'altro tenore rispetto a quel film, ci sta un delirio d'onnipotenza artistica come "Sussurri e Grida", in mezzo ad un mare di capolavori più godibili e concreti.
Ti consiglio "Ansiktet - Il Volto", esattamente agli antipodi di "Sussurri e Grida".


Per caso hai già visto Persona? ecco, in caso in caso non l'avessi fatto, tieniti pronto:asd:

Comunque di Bergman ti consiglio Il Silenzio :sasa:

Ho avuto modo di constatare che l'espressione "pornografia cinefila" è stata completamente fraintesa. :asd: Non intendevo affatto disprezzare il film, anzi ne volevo esaltare il voluttuoso splendore. Bianco rosso è un accostamento supremo e violentissimo che adoro, e ho amato vederlo utilizzato così magnificamente. Non parliamo poi delle scenografie, dei costumi, della composizione delle immagini che non ha nulla da invidiare agli interni di un Barry Lyndon a caso, o dei primi piani, capaci di annichilire addirittura le opere precedenti dello stesso Bergman; non parliamo neppure della bellezza della Ullman, o di una Thulin ormai sfiorita ma non per questo meno affascinante. Il comparto recitativo è poi qualcosa di semplicemente fuori parametro, sfrutta tutta l'esasperazione della sceneggiatura per tirar fuori interpretazioni letteralmnte sconvolgenti per intensità e qualità tecnica.

L'unico grosso problema per me è stata proprio quest'esasperazione, che è l'essenza stessa del film, l'ho digerita male e quindi l'apprezzamento generale non ha potuto che risentirne. Per questo mi sono riservato dall'esprimere un giudizio univoco, una seconda visione è quanto meno necessaria per capire se si tratti di un'impressione contingente o se proprio questo genere di sentimento non sia nelle mie corde – cosa attualmente piuttosto probabile, ragione per cui credo che aspetterò che passi del tempo.

Ho già visto sia Ansiktet che Persona. Il primo è un gioco intellettuale mirabilmente costruito e manco a dirlo formalmente splendido, forse mi ha lasciato più freddo di quanto sperassi ma è sicuramente un valido manifesto di poetica; Persona in effetti può ricordare Sussurri e grida per certi versi ma l'ho apprezzato di più – comunque vorrei rivedere pure questo, non sono certo film che si metabolizzano con una sola visione. Alla fine fra quelli che ho visto credo che i due Bergman a cui sono più affezionato siano i primi due che ho visto, e cioè Il settimo sigillo e il cosiddetto Monica e il desiderio. Il silenzio non l'ho visto, lo terrò a mente.


Non c'è paragone dai... Carol è come dice Brother's, la fotografia è fondamentale e lavoratissima su vari livelli (tecnico estetici, ricerca storica, legami coi personaggi etc). Mad Max è il solito stanchissimo orange e teal. The Revenant gran lavoro ma come si è già detto non è che poi il film riesca ad approfittarne quindi resta più un esperimento su cui ritornare come riflessione. Sicario è classica niente di particolare. Tarantino pure classica e grandioso ritorno al 70mm ma Carol davvero è quello da premiare.

Vero vero, però non sottovaluterei così Mad Max. Comunque credo che la proiezione di Carol a cui ho assistito non sia stata il massimo, quindi i miei dubbi a riguardo potrebbero essere anche dovuti a questo. Credo che quando passerà in televisione lo rivedrò per fugarli – o meno probabilmente, confermarli.

Ouroboros
02-03-16, 15:14:11
La fotografia riguarda anche la composizione e distribuzione delle inquadrature. Non ho visto Carol ancora, ma Mad Max ha una sequela di composizioni fotografiche splendide, non si tratta solo di palette.

Quattro
02-03-16, 15:18:27
La fotografia riguarda anche la composizione e distribuzione delle inquadrature. Non ho visto Carol ancora, ma Mad Max ha una sequela di composizioni fotografiche splendide, non si tratta solo di palette.

... che comunque è usata gloriosamente. Vero vero. :sisi:

Ouroboros
02-03-16, 15:25:09
... che comunque è usata gloriosamente. Vero vero. :sisi:

Fra l'altro, nonostante l'ambientazione piuttosto monotematica riesce a costruire molto con poco regalando svariate istantanee peculiari per tutto il film.
Non mi pare succeda la stessa cosa in Revenant per esempio che a suo vantaggio ha però il fatto di essere uno smostro tecnico.

diennea2
02-03-16, 17:15:00
Visto di recente Operazione U.N.C.L.E. di Guy Ritchie.
So che è una specie di reboot di un vecchio film o telefilm degli anni '60/'70 o giù di lì, che però non ho mai visto.
Nonostante lo stile si rifà molto ai vecchi James Bond (ma molto alla lontana), il film non mi è particolarmente piaciuto. I colpi di scena sono telefonati e per un film di spionaggio non è proprio il massimo, Henry Cavill è adatto al suo ruolo, ma gli altri ( e soprattutto la Vikander) non mi sono piaciuto manco per il cz.
L'ho visto solo perchè solitamente lo stile del regista mi piace, ma quì non mi ha fatto impazzire

Rivoglio i film alla Lock and Stock boia ladra :l4gann:

Brother's Killer
02-03-16, 18:23:03
Himizu
di Sion Sono
http://i.imgur.com/oSnYLO3l.png


Fantasmi si aggirano fra le rovine di Fukushima. Il Giappone non riconosce sé stesso, ogni forma di identità è straziata e ridotta a brandelli. La famiglia è disgregata, i genitori cercano di uccidere i figli, ogni speranza per un futuro è perduta. La scuola e la società sono mutate e tendono all'individualismo sfrenato e alla competizione distruttiva. Nessuna forma di rifugio sembra auspicabile senza portare alla rovina.

Maledetto Sono, potevi farmi il filmone assoluto... Perché quella prima parte così sfilacciata e frettolosa. Maledetto. Intanto conserverò per sempre nel cuore uno dei finali più struggenti che abbia mai visto:

https://www.youtube.com/watch?v=NqL0Dn5fO5c

Ouroboros
02-03-16, 21:59:20
Ho terminato la visione di Himizu.
Premessa, è solo il secondo film che guardo di Sion Solo. L'anno scorso ho guardato la filmografia di Kim Ki-duk, e ciò che veniva fuori film dopo era un filo rosso che collegava tutta la sua produzione, composto da elementi fra i quali per esempio gelosia e possessività.
Sion Solo alla visione di un suo secondo film comincia già a mostrare anch'esso un filo rosso. Sembra che questa sia una peculiarità dei registi orientali, mi torna alla mente anche Wong Kar-wai al riguardo.
Himizu è splendido, molto, molto bello. Tralasciando gli aspetti tecnici e i pregi della regia, e la prova recitativa impressionante dei due ragazzi, il film è travolgente.
Credo sia uno di quei film su cui c'è veramente tanto da dire, e approfondità le mie impressioni cercando un po' di recensioni e analisi.
Il film sembra una preghiera al cambiamento da parte del regista al Giappone, messa in scena con la storia di un ragazzo completamente perso, senza guida e senza identità.
E per tutto il film c'è questo seme di disperazione e disorientamento fortissimi, con il finale dove il fiore citato sboccia e Sumida che grida a se stesso di farcela, di sognare, di non arrendersi e di vivere.
Intorno a questo grande nucleo si vede una critica, credo veramente forte, alla distruzione della famiglia, alla povertà, all'essere schiavi di obblighi morali da cui a qualunque costo come essere umani bisogna trovare una via d'uscita.
Avrei dovuto prendere degli appunti durante la visione per segnarmi svariati dialoghi chiave che espongono punti di vista e veri e propri messaggi.
E anche questa estremizzazione e messa in scena di aspetti della società a cui anche noi siamo messi davanti, con le differenze che abbiamo, anche da fatti di cronaca, è un dono del cinema orientale.
Il modo in cui poi viene mostrato il Giappone immediatamente post Fukushima, e anche l'incombenza delle responsabilità di Sumida, mi ha ricordato la 25° ora.
Veramente splendido.

Togg
02-03-16, 22:14:24
L'eclisse, Antonioni
Bellino, prova tante cose. Non è direzionato davvero su nessuna però.

La Notte / Blow Up / Zabriskie Point quelli che consiglierei davvero.

Brother's Killer
02-03-16, 22:20:04
Ho terminato la visione di Himizu.
Premessa, è solo il secondo film che guardo di Sion Solo. L'anno scorso ho guardato la filmografia di Kim Ki-duk, e ciò che veniva fuori film dopo era un filo rosso che collegava tutta la sua produzione, composto da elementi fra i quali per esempio gelosia e possessività.
Sion Solo alla visione di un suo secondo film comincia già a mostrare anch'esso un filo rosso. Sembra che questa sia una peculiarità dei registi orientali, mi torna alla mente anche Wong Kar-wai al riguardo.
Himizu è splendido, molto, molto bello. Tralasciando gli aspetti tecnici e i pregi della regia, e la prova recitativa impressionante dei due ragazzi, il film è travolgente.
Credo sia uno di quei film su cui c'è veramente tanto da dire, e approfondità le mie impressioni cercando un po' di recensioni e analisi.
Il film sembra una preghiera al cambiamento da parte del regista al Giappone, messa in scena con la storia di un ragazzo completamente perso, senza guida e senza identità.
E per tutto il film c'è questo seme di disperazione e disorientamento fortissimi, con il finale dove il fiore citato sboccia e Sumida che grida a se stesso di farcela, di sognare, di non arrendersi e di vivere.
Intorno a questo grande nucleo si vede una critica, credo veramente forte, alla distruzione della famiglia, alla povertà, all'essere schiavi di obblighi morali da cui a qualunque costo come essere umani bisogna trovare una via d'uscita.
Avrei dovuto prendere degli appunti durante la visione per segnarmi svariati dialoghi chiave che espongono punti di vista e veri e propri messaggi.
E anche questa estremizzazione e messa in scena di aspetti della società a cui anche noi siamo messi davanti, con le differenze che abbiamo, anche da fatti di cronaca, è un dono del cinema orientale.
Il modo in cui poi viene mostrato il Giappone immediatamente post Fukushima, e anche l'incombenza delle responsabilità di Sumida, mi ha ricordato la 25° ora.
Veramente splendido.

Quel finale :bruniii:


L'eclisse, Antonioni
Bellino, prova tante cose. Non è direzionato davvero su nessuna però.

La Notte / Blow Up / Zabriskie Point quelli che consiglierei davvero.

Come non è direzionato su nessuna. Il finale è quello che fa capire la direzione di tutto il discorso che ha fatto nella trilogia invece :asd: Personalmente l'ho preferito anche a La Notte.

Kirillov
02-03-16, 22:48:20
Ho terminato la visione di Himizu.
Premessa, è solo il secondo film che guardo di Sion Solo. L'anno scorso ho guardato la filmografia di Kim Ki-duk, e ciò che veniva fuori film dopo era un filo rosso che collegava tutta la sua produzione, composto da elementi fra i quali per esempio gelosia e possessività.
Sion Solo alla visione di un suo secondo film comincia già a mostrare anch'esso un filo rosso. Sembra che questa sia una peculiarità dei registi orientali, mi torna alla mente anche Wong Kar-wai al riguardo.
Himizu è splendido, molto, molto bello. Tralasciando gli aspetti tecnici e i pregi della regia, e la prova recitativa impressionante dei due ragazzi, il film è travolgente.
Credo sia uno di quei film su cui c'è veramente tanto da dire, e approfondità le mie impressioni cercando un po' di recensioni e analisi.
Il film sembra una preghiera al cambiamento da parte del regista al Giappone, messa in scena con la storia di un ragazzo completamente perso, senza guida e senza identità.
E per tutto il film c'è questo seme di disperazione e disorientamento fortissimi, con il finale dove il fiore citato sboccia e Sumida che grida a se stesso di farcela, di sognare, di non arrendersi e di vivere.
Intorno a questo grande nucleo si vede una critica, credo veramente forte, alla distruzione della famiglia, alla povertà, all'essere schiavi di obblighi morali da cui a qualunque costo come essere umani bisogna trovare una via d'uscita.
Avrei dovuto prendere degli appunti durante la visione per segnarmi svariati dialoghi chiave che espongono punti di vista e veri e propri messaggi.
E anche questa estremizzazione e messa in scena di aspetti della società a cui anche noi siamo messi davanti, con le differenze che abbiamo, anche da fatti di cronaca, è un dono del cinema orientale.
Il modo in cui poi viene mostrato il Giappone immediatamente post Fukushima, e anche l'incombenza delle responsabilità di Sumida, mi ha ricordato la 25° ora.
Veramente splendido.
Questo film è l'adattamento di un manga vero? Quanto si deve alla fonte originaria?

Domino Hurley
02-03-16, 23:11:12
Gattaca

Ho finalmente visto Gattaca...bello mi e` piaciuto ma mi ha lasciato un po` perplesso :morristend:

Jaga
02-03-16, 23:55:52
Nella casa di François Ozon. Un film francese davvero interessante. Non sto qui a riportare la trama sia per pigrizia, che soprattutto perché finirei per renderlo agli occhi di chi non l'ha visto meno interessante di quanto in verità esso sia. Un film intelligente, scritto davvero bene, con forse qualche piccola sbavatura, ma che riflette in maniera interessante sul concetto di come si costruisce una narrazione e di come questa possa influenzarci.

Il Commodoro
03-03-16, 00:15:50
Il Padrino - Parte II
Stupendo, uno dei film migliori di sempre, mi fa morire il fatto che ogni volta che lo guardo mi tocca mettere i sottotitoli nelle parti in cui parlano siciliano :rickds:

Goodfella
03-03-16, 00:17:23
Visto di recente Operazione U.N.C.L.E. di Guy Ritchie.
So che è una specie di reboot di un vecchio film o telefilm degli anni '60/'70 o giù di lì, che però non ho mai visto.
Nonostante lo stile si rifà molto ai vecchi James Bond (ma molto alla lontana), il film non mi è particolarmente piaciuto. I colpi di scena sono telefonati e per un film di spionaggio non è proprio il massimo, Henry Cavill è adatto al suo ruolo, ma gli altri ( e soprattutto la Vikander) non mi sono piaciuto manco per il cz.
L'ho visto solo perchè solitamente lo stile del regista mi piace, ma quì non mi ha fatto impazzire

Rivoglio i film alla Lock and Stock boia ladra :l4gann:

cioè copie di tarantino?

skrocco
03-03-16, 00:26:40
cioè copie di tarantino?

https://media.giphy.com/media/9uoYC7cjcU6w8/giphy.gif

Comunque vedetevi il corto Ellis, un De Niro da orgasmo, sceneggiatura di Eric Roth e bella fotografia.

S1lent17
03-03-16, 01:31:20
Oblivion.
Film di fantascienza carino, la prima parte mi ha molto incuriosito, soprattutto per capire il nesso della storia.
Nella parte finale un pelino l'ho trovato meno ispirato e più telefonato, ma tutto sommato rimane un buon film.
Voto personale 7.5

:blbl:

diennea2
03-03-16, 02:07:33
cioè copie di tarantino?

Copie?

Goodfella
03-03-16, 02:53:16
Copie?

Dai, Lock&Stock e Snatch, per quanto divertenti, sono derivazione dello stile pulp e "frizzante" di Tarantino dopo Le Iene e Pulp Fiction, come anche un sacco di altre produzioni come Get Shorty per dire. Dai dimmi se un sacco di dialoghi non ti sembrano un tentativo di caratterizzare i personaggi come uno qualsiasi di Pulp Fiction, tutti pieni di insulti e inventiva (solo che in questi casi, veramente esasperata/disperata).

Poi oh, sono anche divertenti, tipo il dialetto zingaro di Burd Pitt

TheNightflier
03-03-16, 04:44:14
Remember

Thriller con gli inossidabili Christopher Plummer e Martin Landau ritmo lento ma ben girato,godibilissimo

.GoldenBoy
03-03-16, 09:34:48
Mi è passato sotto gli occhi il trailer di Hardcore! (Il punto esclamativo fa parte del titolo. Non sono per niente eccitato) E be.. no comment.

diennea2
03-03-16, 09:35:32
Dai, Lock&Stock e Snatch, per quanto divertenti, sono derivazione dello stile pulp e "frizzante" di Tarantino dopo Le Iene e Pulp Fiction, come anche un sacco di altre produzioni come Get Shorty per dire. Dai dimmi se un sacco di dialoghi non ti sembrano un tentativo di caratterizzare i personaggi come uno qualsiasi di Pulp Fiction, tutti pieni di insulti e inventiva (solo che in questi casi, veramente esasperata/disperata).

Poi oh, sono anche divertenti, tipo il dialetto zingaro di Burd Pitt

Anche se fosse? Sono film costruiti molto bene e se si rifanno a Tarantino, o anche Boyle per dirne un altro, non vedo il problema, anzi pagherei oro per vedere altre pellicole come Lock and Stock, ma non credo che quello di Ritchie sia uno scimmiottare lo stile di Tarantino.
E invece film quali operazione Uncle no, c'entra molto poco con Tarantino, non a caso è stata una mezza delusione misto ciofeca per me.

Se sa usare bene i "metodi" di Tarantino, buon per lui e per noi (o per me, dipende dai tuoi gusti)

Goodfella
03-03-16, 19:37:43
Anche se fosse? Sono film costruiti molto bene e se si rifanno a Tarantino, o anche Boyle per dirne un altro, non vedo il problema, anzi pagherei oro per vedere altre pellicole come Lock and Stock, ma non credo che quello di Ritchie sia uno scimmiottare lo stile di Tarantino.
E invece film quali operazione Uncle no, c'entra molto poco con Tarantino, non a caso è stata una mezza delusione misto ciofeca per me.

Se sa usare bene i "metodi" di Tarantino, buon per lui e per noi (o per me, dipende dai tuoi gusti)


Secondo me invece fa quello, scimmiotta, e quando non fa quello viene ma from uncle che è veramente un aborto. Ma poi ripeto, mi piacciono, ma da un punto di vista critico non mi convince per nulla un autore a cui viene bene solo ricopiare lo stile di un altro.

TestaMatta89
03-03-16, 20:56:20
Ho visto "Zootropolis".
Grandissimo film, esteticamente spaventoso, forse l'animazione 3D più impressionante che abbia mai visto.
Ultimamente sono un po' abusati i temi del razzismo, del sessismo e degli stereotipi da ribaltare, ma devo dire che qui sono trattati in modo brillante, quindi non mi lamento.
Mi ha appassionato il caso poliziesco, ed il film in generale mi ha ricordato (forse troppo) "Chi ha incastrato Roger Rabbit" per la storia ed i temi trattati.
è un film divertente ma anche molto impegnato e a tratti sconvolgente per le politiche ed i metodi estremi che vengono descritti.
è un film per adulti, ed è un gran bel film. Dovete andare a vederlo!!! :sisi:

Devil_Trigger
03-03-16, 21:14:53
Ho visto "Zootropolis".
Grandissimo film, esteticamente spaventoso, forse l'animazione 3D più impressionante che abbia mai visto.
Ultimamente sono un po' abusati i temi del razzismo, del sessismo e degli stereotipi da ribaltare, ma devo dire che qui sono trattati in modo brillante, quindi non mi lamento.
Mi ha appassionato il caso poliziesco, ed il film in generale mi ha ricordato (forse troppo) "Chi ha incastrato Roger Rabbit" per la storia ed i temi trattati.
è un film divertente ma anche molto impegnato e a tratti sconvolgente per le politiche ed i metodi estremi che vengono descritti.
è un film per adulti, ed è un gran bel film. Dovete andare a vederlo!!! :sisi:

Visto anch'io ieri sera, tratta temi molto interessanti e alla fine è un film per tutti, non solo adulti :asd: Protagonista azzeccato (è così tenerella e carina :claudia:), belle citazioni e storia intrigante. Il doppiaggio con i personaggi famosi si poteva anche evitare, non mi ha colpito per niente. E peccato che non durasse di più il film, quando è finito ne volevo ancora :sisi: (la canzone di Shakira poi mi è entrata in testa :XD: )

TestaMatta89
03-03-16, 21:34:48
Visto anch'io ieri sera, tratta temi molto interessanti e alla fine è un film per tutti, non solo adulti :asd: Protagonista azzeccato (è così tenerella e carina :claudia:), belle citazioni e storia intrigante. Il doppiaggio con i personaggi famosi si poteva anche evitare, non mi ha colpito per niente. E peccato che non durasse di più il film, quando è finito ne volevo ancora :sisi: (la canzone di Shakira poi mi è entrata in testa :XD: )

è un film per tutti semplicemente perché i bambini non riescono a cogliere certe cose o certe battute, se le capissero sto film sarebbe vietato ai minori di 13 anni :asd:
Dopotutto ci sono citazioni de "Il Padrino" e di "Breaking Bad", c'è la mafia, truffe, racket, vengono descritte politiche di apartheid e di strategia "della paura" e di capri espiatori da dare in pasto al pubblico tramite i media
è molto maturo sto film :sisi:

P.S. Ruffini è una vergogna!

S1lent17
04-03-16, 00:46:08
Visto Collateral. La prima parte è davvero bella, mette curiosità e ti tiene incollato allo schermo. Almeno fino a quando Vincent smette di tenere un profilo basso in discoteca. la parte finale purtroppo è telefonatissima sin dal principio. Tutto sommato un bel film. Belle le prove recitative di Foxx e Cruise. Belli anche alcuni dialoghi tra Vincent e Max.
Voto personale 7.5

:blbl:

Togg
04-03-16, 02:16:51
Ho rivisto Scream con un amico. Sapete già che è un capolavoro immortale. Forse apprezzerei ancora di più la revisione del 2 visto che aumenta il fattore ossessione su Sidney. <3


https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net/hphotos-xtl1/v/wl/t34.0-12/12787985_902171426546717_1227723767_n.jpg?oh=fd8a4 88e7c28fe00a5e36722fa79b0b3&oe=56DC1A23

Brother's Killer
04-03-16, 16:48:28
Ma che brutto che è Tetsuo 3? Ma poi perché l'inglese, i dialoghi mi facevano ridere :rickds: No sul serio non capisco perché dopo aver imboccato un nuovo percorso interessante Tsukamoto sia tornato sui suoi passi con questo, non ha veramente nulla da dire che non fosse già stato detto e per inciso ci ho trovato molte brutture stilistiche e di sceneggiatura, perché ampliare ancora di più il substrato pseudoscientifico e complottistico dietro? Bah. Comunque il prossimo è Kotoko che Togg guarda proprio se non mi piace ti do tante botte mannaggia a te che mi fai vedere sti film :kep88:

TestaMatta89
04-03-16, 17:04:08
Ho rivisto "Ghostbusters" dopo decenni che non lo guardavo :asd:
Grandissima commedia, piena di battute memorabili, tutte di Bill Murray ovviamente, al suo apice in questo film: "Is it True?" - "Yes... this man has no dick." :rickds:
Gli effetti speciali sono invecchiati tantissimo, ma chissene frega, sto film è uno spasso!

Manuel 23
04-03-16, 18:21:48
Toy Story by John Lasseter (1995)
Prima visione. Film che ha fatto la storia non solo dell'animazione ma, per me, del cinema in generale dato che segna di fatto la nascita di uno dei miei studios preferiti, la Pixar :claudia:. Per quanto riguarda il contenuto in sè molto buono, è il classico buddy movie, è vero, ma è comunque fatto molto bene. Ho adorato soprattutto l'invidia di Woody verso Buzz nella prima parte della pellicola che lo porta a compiere un gesto estremo che mai avrei pensato un protagonista di un film per bambini (perchè comunque il target principale sono loro alla fine) potesse arrivare a fare. Veramente devastante, inoltre, quando
Buzz scopre di essere solo un giocattolo, apprendendo così che la sua vita è sempre stata soltanto un'illusione e in quel momento pensa di non avere alcuna importanza :tragic:
Film semplice (e anche piuttosto corto) ma del quale non riesco (nè voglio, a dirla tutta) trovare difetti perchè, soprattutto per le persone che lo videro nel 1995, è semplicemente magico. Poi trovare il nome di Steve Jobs tra quello dei produttori esecutivi... :gab::tragic: E "You've Got A Friend In Me" :claudia:
P.S. Ma il cane impacchettato come un regalo di Natale alla fine? Glieli avranno messi i buchi per respirare spero, porello :rickds:
Voto: 8+

Wurdalak
04-03-16, 19:46:59
Ho rivisto Scream con un amico. Sapete già che è un capolavoro immortale. Forse apprezzerei ancora di più la revisione del 2 visto che aumenta il fattore ossessione su Sidney. <3


https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net/hphotos-xtl1/v/wl/t34.0-12/12787985_902171426546717_1227723767_n.jpg?oh=fd8a4 88e7c28fe00a5e36722fa79b0b3&oe=56DC1A23

Io ancora non riesco a spiegarmi come mai ho adorato oltre ogni limite questo e invece Nightmare mi ha deluso. Boh.

dante3vergil
04-03-16, 21:55:36
Toy Story by John Lasseter (1995)
Prima visione. Film che ha fatto la storia non solo dell'animazione ma, per me, del cinema in generale dato che segna di fatto la nascita di uno dei miei studios preferiti, la Pixar :claudia:. Per quanto riguarda il contenuto in sè molto buono, è il classico buddy movie, è vero, ma è comunque fatto molto bene. Ho adorato soprattutto l'invidia di Woody verso Buzz nella prima parte della pellicola che lo porta a compiere un gesto estremo che mai avrei pensato un protagonista di un film per bambini (perchè comunque il target principale sono loro alla fine) potesse arrivare a fare. Veramente devastante, inoltre, quando
Buzz scopre di essere solo un giocattolo, apprendendo così che la sua vita è sempre stata soltanto un'illusione e in quel momento pensa di non avere alcuna importanza :tragic:
Film semplice (e anche piuttosto corto) ma del quale non riesco (nè voglio, a dirla tutta) trovare difetti perchè, soprattutto per le persone che lo videro nel 1995, è semplicemente magico. Poi trovare il nome di Steve Jobs tra quello dei produttori esecutivi... :gab::tragic: E "You've Got A Friend In Me" :claudia:
P.S. Ma il cane impacchettato come un regalo di Natale alla fine? Glieli avranno messi i buchi per respirare spero, porello :rickds:
Voto: 8+
Dare 8+ a Toy Story dovrebbe essere illegale. Solo dal 9 in su :mah:

Ouroboros
04-03-16, 23:15:49
Everest
Visivamente notevole, ma manca per me di tensione emotiva. È anche un po' confusionario anche se piuttosto fedele agli eventi reali.

_Gemba_
04-03-16, 23:55:08
Il ponte delle spie
Bel film! Storia davvero bella che mi ha tenuto incollato. Consiglio la visione :sisi:

Togg
05-03-16, 00:24:59
Io ancora non riesco a spiegarmi come mai ho adorato oltre ogni limite questo e invece Nightmare mi ha deluso. Boh.

evvabuò insomma non ci scandalizziamo, è tutto ok.

peter6xx
05-03-16, 19:06:43
Ho rivisto "Ghostbusters" dopo decenni che non lo guardavo :asd:
Grandissima commedia, piena di battute memorabili, tutte di Bill Murray ovviamente, al suo apice in questo film: "Is it True?" - "Yes... this man has no dick." :rickds:
Gli effetti speciali sono invecchiati tantissimo, ma chissene frega, sto film è uno spasso!
Rivisti entrambi da poco e consiglio a tutti di rivederli. 2 ore di risate e ricordi. Aggiungo la trilogia di ritorno al futuro:ahsisi:

Ho visto il redivivo e ho capito perchè ha vinto l'oscar, non è facile interpretare un personaggio che striscia come un lombrico per metà del film:ahsisi:

Zio Maccio
05-03-16, 23:46:44
Dead Snow 2

Due volte più bello del primo, capolavoro del trash. Guardatelo tutti

dante3vergil
06-03-16, 01:30:06
Perfetti sconosciuti.

Bel film, attori bravi e credibili, fa ridere il giusto, prendendosi ovviamente, i suoi momenti di serietà (grosso modo il quarto finale del film o poco più), anche se il finale non mi ha convinto; l'ho capito, ma non mi ha convinto.

S1lent17
06-03-16, 01:40:47
American Gangster.
Bel film e con un buon ritmo, grandi attori e buone interpretazioni.
Però nonostante questo non è riuscito a darmi le stesse sensazioni dei migliori film del genere, è come se mancasse qualcosa a renderlo un grande film.
Rimane un po' l'amaro in bocca alla fine.
Voto personale 8

:blbl:

Il Commodoro
06-03-16, 16:55:22
The Bourne Identity
Mmmm...mi aspettavo un bel film d'azione invece l'ho trovato noiosissimo, a metà film mi sono pure addormentato :morristend:

Brother's Killer
06-03-16, 20:12:16
http://i.imgur.com/Uye9Ptbl.png
La vita


Rivisto nuovamente in versione integrale, che peccato che le scene aggiuntive abbiano una qualità visiva così scarsa, arricchiscono realmente quello che già di per sé è un capolavoro immortale. Quattro ore che potrebbero essere anche il doppio e non le sentirei. L'epopea definitiva.

Rage Against
06-03-16, 20:29:30
The Bourne Identity
Mmmm...mi aspettavo un bel film d'azione invece l'ho trovato noiosissimo, a metà film mi sono pure addormentato :morristend:
Allora non sono l'unico a cui hanno annoiato i Bourne Movie. :morristend:

Togg
06-03-16, 20:56:18
Umberto D., De Sica

Bello bello anche se non tanto quanto Ladri di biciclette. Deve essere stato una bomba da vedere in sala nel 52.

Ouroboros
06-03-16, 22:02:32
Leviathan
Un film veramente crudele, e bellissimo. La scena dal giudice è un capolavoro. Con calma in settimana mi leggo un po' analisi, è un film che mette su parecchia carne al fuoco, è molto critico. La regia e la fotografia sono strepitose.

Ida
Piuttosto intellettuale, anche troppo forse. Sicuramente non è un film adatto alle masse, è piuttosto silenzioso e statico. Splendide regia e fotografia anche qua. Come sopra in settimana mi leggo un po' di analisi.

Indubbiamente sono entrambi film veramente validi, ma Ida l'ho trovato un po' pretenzioso, e quindi forse tendente a perdere il fine che potrebbe avere una storia di questo tipo. C'è molto di non detto e sottinteso.

Togg
06-03-16, 22:58:14
A tutt* quell* che hanno visto Leviathan in questi ultimi mesi dico solo una cosa: ce n'è UN ALTRO :kappe:

Ouroboros
06-03-16, 23:33:59
A tutt* quell* che hanno visto Leviathan in questi ultimi mesi dico solo una cosa: ce n'è UN ALTRO :kappe:

Quale?

Il film anche in questo caso si basa come soggetto su un fatto di cronaca reale avvenuto in Colorado (dove in tipico stile americano la cosa è andata più alla Michael Bay)
https://en.wikipedia.org/wiki/Marvin_Heemeyer

Togg
07-03-16, 00:02:25
questo che è bellissimissimo, https://en.wikipedia.org/wiki/Leviathan_%282012_film%29

mickes2
07-03-16, 08:54:54
questo che è bellissimissimo, https://en.wikipedia.org/wiki/Leviathan_%282012_film%29

molto suggestivo ma alla lunga è un pochetto ripetitivo imho

Brother's Killer
07-03-16, 16:27:16
Kotoko. Bello bello, intenso viaggio nella follia. Esperimento ai margini come Vital ma secondo me qui Tsukamoto è riuscito ad incalanare molto meglio il suo stile in qualcosa sulla carta meno disturbante e l'effetto destabilizzante per lo spettatore è notevole, nonostante il soggetto classicissimo. Mi aspettavo qualcosa di più però, penso che Tetsuo continui a rimanere il suo film che ho apprezzato di più.

Togg
07-03-16, 18:55:49
Madonna Kotoko <3

Ouroboros
07-03-16, 23:20:09
Afternoon delight
Purtroppo sono in trasferta e non avevo niente altro da vedere.
Onestamente mi aspettavo qualcosa di meglio, credo sia un film più adatto ad una audience più femminile :asd:
Pellicola sul piattume della vita di coppia, qualche momento wtf, qualche scena divertente, ma niente di speciale.

Jaga
08-03-16, 00:08:01
Ieri, oggi, domani di Vittorio De Sica :cuore:

Il Commodoro
08-03-16, 00:23:04
The Breakfast Club
Che dire, me lo aspettavo meglio, rimane comunque un bel film con un bel messaggio

Goodfella
08-03-16, 01:30:52
Empire of the Sun, di Spielberg

Oltre al fatto che è meraviglioso, oltre al fatto che Spielberg visivamente ma sopratutto narrativamente è una cosa mostruosa, oltre alla sceneggiatura di ferro, Christian Bale è ECCEZIONALE. Del tipo, se a quel ***** di Jacob Tremblay in Room avrei tirato cacciaviti negli occhi e lo avrei cucinato, stringerei la mano a questo giovanissimo Bale, che a Tremblay, così come al 99% dei "bambini attori" con questo film ha sgommato in testa a tutti alla grandissima.

Sissel8
08-03-16, 09:20:33
Sarà passato minimo un anno dall'ultima volta che ho scritto qui, ma non sono un appassionato di cinema e da un bel po' di tempo non ne guardo più molti, mi capita sempre più raramente.
Detto questo....

Babadook regia di Jennifer Kent

Un horror psicologico che, devo ammettere, mi è piaciuto molto, e lo dico io che non apprezzo il genere.
Durante tutto il film pervade un senso di inquietudine che garantisce un'atmosfera fenomenale, sia grazie alle situazioni proposte, sia grazie alle bellissime scene in cui si vedono in azione i due protagonisti e il loro rapporto.
Profondi e per nulla banali i temi trattati e molto bello anche il messaggio che il film vuole trasmettere.
Lo consiglio sia ai fan dei film horror, sia a quelli a cui non piacciono tanto come me, il film fa "paura" ma a modo suo, non come un classico film horror.

Kirillov
08-03-16, 17:02:40
Sunset Boulevard di Billy Wilder.
Film di spessore su una tramontata diva del cinema muto e sul lato oscuro del divismo. Una funerea meditazione sulla solitudine, sulla vecchiaia e sul fascino della decadenza; il tutto impreziosito dalla scelta del cast con diversi attori che reinterpretano se stessi

Jaga
08-03-16, 17:07:27
Sunset Boulevard di Billy Wilder.
Film di spessore su una tramontata diva del cinema muto e sul lato oscuro del divismo. Una funerea meditazione sulla solitudine, sulla vecchiaia e sul fascino della decadenza; il tutto impreziosito dalla scelta del cast con diversi attori che reinterpretano se stessi
Capolavoro assoluto della storia del cinema.

Brother's Killer
08-03-16, 17:14:30
"Io sono sempre grande, è il cinema che è diventato piccolo! "
Capolavoro

Kirillov
08-03-16, 17:50:48
Anche The Lost Weekend è un film di tutto rispetto

Stepet82
08-03-16, 17:54:32
The Visit: mi è piaciuto tantissimo, sorprendente.

Mario87
08-03-16, 18:20:24
Recuperato La Storia Della Principessa Splendente in bluray, sono rimasto senza parole, a fine film ero distrutto :cry:, un grandissimo capolavoro. 10/10
Ora sotto a recuperare gli altri di Isao Takahata.

Piccola nota: Ma come caxxo è mai possibile che agli oscar 2014 abbia vinto Big Hero 6 ? :tristenev:

Rivisto per la prima volta in bluray: Christine La Macchina Infernale, Regia di Carpenter pulitissima e funzionale al film, senza fronzoli e tecnicismi vari, con qualche tocco di classe, ottimi tutti gli attori in particolare il protagonista nerd che fa una parte davvero convincente, buona anche la fotografia, film che scorre bene fino all'epilogo finale, fatico a trovarci un difetto, per uno tra i film più sottovalutati del maestro, certamente non un capolavoro, ma un bel film si. 7.5/10
Colonna sonora splendida:


https://www.youtube.com/watch?v=kh5ZggmSQc8


https://www.youtube.com/watch?v=KdwO2smdoNc

Goodfella
08-03-16, 20:18:52
Io sono sempre grande, e' il cinema che e' diventato piccolo!

:bruniii:

ma che filmone raga :bruniii:

apriamo una pagina per il defunto william holden, ex FBI :bruniii:

Wurdalak
08-03-16, 21:00:57
Viale del tramonto, detto anche "il film con la più bella scena iniziale evah".

http://youtu.be/F7U6-6zBYFc

- - - Aggiornato - - -


Recuperato La Storia Della Principessa Splendente in bluray, sono rimasto senza parole, a fine film ero distrutto :cry:, un grandissimo capolavoro. 10/10

Io ero distrutto già dopo QUESTO:

http://youtu.be/o_seOqRPDBE

:morris82: 10 è anche troppo poco per questo film

skrocco
08-03-16, 21:16:09
Vorrei ricordare che Quattro non ha pianto con Kaguya per poi commuoversi durante la visione di "Colpa delle stelle" :sisi:

Kirillov
08-03-16, 22:27:35
Viale del tramonto, detto anche "il film con la più bella scena iniziale evah".

http://youtu.be/F7U6-6zBYFc

- - - Aggiornato - - -



Io ero distrutto già dopo QUESTO:

http://youtu.be/o_seOqRPDBE

:morris82: 10 è anche troppo poco per questo film
Quella scena iniziale che fa subito pensare a Tony Montana e Brian Jones :sad:
Curioso che sia così apprezzata quando l'idea del regista era far raccontare la storia dalla camera mortuaria

Jaga
08-03-16, 22:58:30
Zootropolis di Byron Howard. Grande film d'animanzione Disney dall'anima fortemente antirazzista, che condanna l'utilizzo della paura per prendere il potere. Un film assolutamente attuale e ben costruito, con alcune gag divertenti e una realizzazione tecnica impeccabile.

Kirillov
09-03-16, 13:06:23
Paths of Glory di Stanley Kubrick. Aspra critica del mondo militare e della sua disumanità

TestaMatta89
09-03-16, 13:36:50
"Batman Returns", rivisto dopo tantissimi anni.
Grande film di Tim Burton, incompreso da molti, e secondo me all'altezza del precedente capitolo. Divertente, bizzarro, grottesco e sopra le righe, uno spettacolo per quanto mi riguarda.
Ribadisco che secondo me Burton è riuscito a ritrarre meglio di chiunque altro il fumetto del cavaliere oscuro, sul grande schermo almeno.

Quattro
09-03-16, 15:06:43
La battaglia di Algeri – Gillo Pontecorvo, 1966. Gli esordi del Fronte di Liberazione Nazionale algerino rappresentati con uno stile quasi indistinguibile dal documentario, sullo stesso filone dei film-inchiesta di F. Rosi. L'intento essenziale è la critica della questione coloniale, intorno al quale sviluppa i diversi argomenti sollevati dai terribili fatti di Algeri (bellissimo il titolo, fra l'altro). L'imparzialità della narrazione è assoluta, al limite dell'ambiguità: i due schieramenti vengono seguiti in modo oserei dire simmetrico, entrambi vittime ed entrambi carnefici, esponendone le motivazioni per poi mortificarle al cospetto dell'orrore del conflitto. Ottime fotografia e colonna sonora, per quanto quest'ultima limitata ad un numero di tracce esiguo. (Che sorpresa ritrovare qui uno dei più bei temi di Inglorious basterds!) Complessivamente la precisione asettica della trattazione conferisce una certa freddezza ad un'opera che in realtà è evidentemente sentitissima e impegnata fin quasi a compromettersi: sinceramente mi è dispiaciuto, ma si potrebbe giustificare la scelta del regista con il timore – non a torto – che un maggior coinvolgimento emotivo avrebbe fatto apparire il discorso come fazioso. Per cui, bene così.



La vita

Rivisto nuovamente in versione integrale, che peccato che le scene aggiuntive abbiano una qualità visiva così scarsa, arricchiscono realmente quello che già di per sé è un capolavoro immortale. Quattro ore che potrebbero essere anche il doppio e non le sentirei. L'epopea definitiva.

Esagerato. :ooo: Comunque bello questo stile di commento – con la figura, intendo.


Ida
Piuttosto intellettuale, anche troppo forse. Sicuramente non è un film adatto alle masse, è piuttosto silenzioso e statico. Splendide regia e fotografia anche qua. Come sopra in settimana mi leggo un po' di analisi.

Indubbiamente sono entrambi film veramente validi, ma Ida l'ho trovato un po' pretenzioso, e quindi forse tendente a perdere il fine che potrebbe avere una storia di questo tipo. C'è molto di non detto e sottinteso.

Boh io Ida l'ho trovato semplice semplice. :azz: E mi è piaciuto un sacco anche per questo, la pretenziosità di cui sento parlare non ce l'ho proprio vista – o non ce l'ho voluta vedere, tant'è.


Vorrei ricordare che Quattro non ha pianto con Kaguya per poi commuoversi durante la visione di "Colpa delle stelle" :sisi:

:rickds:

È vero. :bruniii: (la faccina è ovviamente dedicata a quei quattro minuti e mezzo The fault in our stars)


https://www.youtube.com/watch?v=9ItBvH5J6ss

Shailene. :bruniii:

Non morire Shailene. :bruniii:

Per non parlare di :bruniii:


https://www.youtube.com/watch?v=2_HwFuRRPu0

:bruniii:

Steeb
09-03-16, 17:14:36
Empire of the Sun, di Spielberg

Oltre al fatto che è meraviglioso, oltre al fatto che Spielberg visivamente ma sopratutto narrativamente è una cosa mostruosa, oltre alla sceneggiatura di ferro, Christian Bale è ECCEZIONALE. Del tipo, se a quel ***** di Jacob Tremblay in Room avrei tirato cacciaviti negli occhi e lo avrei cucinato, stringerei la mano a questo giovanissimo Bale, che a Tremblay, così come al 99% dei "bambini attori" con questo film ha sgommato in testa a tutti alla grandissima.

Gran bel film (tra l'altro visto a caso su la 7 un pomeriggio a caso), Bale talento enorme da bambino e Spielberg che fà Spielberg

Vedendo Unbroken mi è tornato proprio in mente empire of the sun, però il confronto è ingeneroso verso il primo :asd:

Il Commodoro
09-03-16, 23:33:10
8 1/2
Ogni volta che rivedo i film di Fellini mi viene sempre in mente La Grande Bellezza, e di come Fellini sia riuscito a far vincere l'Oscar ad uno che secondo me ha saputo solo a malapena imitare i suoi film senza coglierne la vera essenza

By the way, c'è poco da dire sul film, una perfetta via di mezzo tra La Dolce Vita ed Amarcord

Jaga
10-03-16, 01:16:14
Room di Lenny Abrahamson. Non mi è dispiaciuto, ma gli manca qualcosa, soprattutto alla seconda parte del film. E anche nella prima alcune cose potevano essere studiate un pò meglio.

Togg
10-03-16, 02:08:43
11 minuti, Skolimovski
Facciamo che l'ho visto per voi così ve lo potete risparmiare. Un'ora e dieci riempita con una caterva di personaggi superflui che fanno piccole cose neppure troppo importanti per la loro vita, la scrittura cerca di aggiustare il problema enfatizzandone dei tic scocciantissimi. Si risolve tutto in un qualcosa che non preciso per non spoilerare ma in ogni caso di poco conto, sia dal lato che dei personaggi minori che maggiori manca un qualsiasi interesse. Peccato.

Ouroboros
10-03-16, 11:18:10
Diary of a teenage girl
Il film tratta i turbamenti sessuali di una 15enne che si interroga sull'amore. Il tutto ambientato in una San Francisco (mi pare) a cavallo tra anni 60 e 70 libertina, contesto storico riprodotto, con poco, molto molto bene.
E' un film coming of age con un po' di situazioni limite, ma che risultano perfettamente in linea con il contesto e con il poco che si sa della protagonista.
Merita la visione, e forse anche un approfondimento riguardo alla graphic novel da cui è tratto.

Key Paradise
10-03-16, 14:23:13
11 minuti, Skolimovski
Facciamo che l'ho visto per voi così ve lo potete risparmiare. Un'ora e dieci riempita con una caterva di personaggi superflui che fanno piccole cose neppure troppo importanti per la loro vita, la scrittura cerca di aggiustare il problema enfatizzandone dei tic scocciantissimi. Si risolve tutto in un qualcosa che non preciso per non spoilerare ma in ogni caso di poco conto, sia dal lato che dei personaggi minori che maggiori manca un qualsiasi interesse. Peccato.

nooooooooooo

Togg
10-03-16, 15:26:14
nooooooooooo

Purtroppo... Sfido tutti a vederlo e soffrire.

naxel
10-03-16, 16:36:47
http://i.imgur.com/JwCtx0E.jpg?1

Respire, Melanie Laurent
Un adattamento molto sentito messo in scena nel secondo lungometraggio alla regia della Shosanna di Inglourious Basterds, che dimostra un notevole talento anche dietro la macchina da presa. La regia non ha infatti mai momenti di incertezza, regalando anche momenti tutt'altro che banali nella gestione degli spazi.
Ciò che più spicca è però la direzione delle attrici e la prova delle due giovani protagoniste che rendono al film un sapore autentico e particolarmente intenso.
Un gioiellino che rimane ben impresso in mente ben oltre i titoli di coda.

Ouroboros
10-03-16, 16:52:48
http://i.imgur.com/JwCtx0E.jpg?1

Respire, Melanie Laurent
Un adattamento molto sentito messo in scena nel secondo lungometraggio alla regia della Shosanna di Inglourious Basterds, che dimostra un notevole talento anche dietro la macchina da presa. La regia non ha infatti mai momenti di incertezza, regalando anche momenti tutt'altro che banali nella gestione degli spazi.
Ciò che più spicca è però la direzione delle attrici e la prova delle due giovani protagoniste che rendono al film un sapore autentico e particolarmente intenso.
Un gioiellino che rimane ben impresso in mente ben oltre i titoli di coda.

Piaciuto molto anche a me, finale inaspettato, ha vari picchi d'intensità, come la scena in discoteca.
E poi, che **** la bionda. :predicatore:

Ryo Narushima
10-03-16, 19:07:25
Ieri ho visto per la prima volta The Truman show

Mi è piaciuto davvero tanto. E' quel classico film che ti lascia una bella sensazione alla fine. Un pò di tristezza, un pò di rabbia, un pò di commozione.
Il messaggio che lascia poi è molto attuale. Jim mi ha fatto proprio tenerezza in questa storia. Grandissima esperienza, non lo dimenticherò.

Kirillov
10-03-16, 20:15:37
L'invasione degli ultracorpi di Don Siegel.
La fantascienza al servizio del paranoide. Dietro la figura degli ultracorpi si può leggere di tutto, dall'alienazione comunista a quella della modernità

Wurdalak
11-03-16, 00:06:01
Sicario
Ottimo, anche se inferiore agli ultimi di Villeneuve. I difetti principali sono due, il primo è che sa un pò di già visto, e se qualcuno si ricorda per esempio zero dark thirty avrà qualche dejavu. Il secondo sono i dialoghi, non particolarmente esaltanti se non proprio buttati lì (a parte qualche eccezione, soprattutto nel finale). Ottimo perchè allora? Perchè Roger Deakins è il miglior direttore della fotografia vivente e perchè Benicio Del Toro da solo eleva il film di almeno un paio punti. E perchè film così posati e "lenti come la melassa" li adoro.

- - - Aggiornato - - -

Ho scoperto solo ora che il prossimo di Villeneuve non sarà blade runner 2 ma un altro film di fantascienza, Story Of Your Life, con Amy Adams impegnata a decifrare messaggi alieni. E dovrebbero uscire tipo quest'anno, lo scorso settembre era già in post produzione :morris82: Hype

A.Nick.to.the.past
11-03-16, 00:39:21
Appena uscito dalla sala, ho visto The Danish Girl...ho pianto tanto per la moglie di lui, il personaggio migliore del film.
I due protagonisti comunque fenomenali, ho trovato invece poco curati i personaggi di contorno anche se forse è stato un bene perché non hanno distolto l'attenzione dalla storia.

Devil_Trigger
11-03-16, 09:18:21
Visto Hitman: Agent 47
Beh che dire, una vera porcata. Ci sono molte cose che ricordano il personaggio dei videogiochi, ma è comunque nettamente inferiore al precedente film su Hitman. Spero che non ne facciano altri di film su di lui :sisi:

ilmagonero
11-03-16, 12:13:37
Visto il film d'animazione The boy and the beast, dallo stesso regista di Wolf Children, assolutamente da vedere :sisi:
prossimo nella lista summer wars

thend
11-03-16, 17:47:35
Volevo passare un pomeriggio spensierato e ho visto Daddy's home. Commedia leggera e "familiare" mai una gag sporca o fuori posto, certe scene grottesche ma esilaranti comunque. Will Ferell mi fa morire ogni volta e la coppia con Mark Wallberg colpisce nuovamente (Poliziotti di riserva è il top :rickds:)


Visto Hitman: Agent 47
Beh che dire, una vera porcata. Ci sono molte cose che ricordano il personaggio dei videogiochi, ma è comunque nettamente inferiore al precedente film su Hitman. Spero che non ne facciano altri di film su di lui :sisi:
Non che il primo fosse tutta sta gran cosa :asd:

S1lent17
11-03-16, 18:21:43
American Sniper: film carino, ma come già J. Edgar, anche questo film biografico su alcuen cose mi ha deluso un pochetto. Qua ho riscontrato un po' troppa progaganda e americanismo e poca biografia del personaggio. Il film in sè non mi è dispiaciuto, anche se non è mai riuscito a prendermi veramente.
Voto personale: 8

:blbl:

Manuel 23
11-03-16, 19:00:11
Aliens by James Cameron (1986)
Prima visione. Premessa: l'ho visto di notte ed ero stanco quindi magari mi servirebbe una seconda visione per apprezzarlo appieno. In ogni caso, se c'è qualcuno che sa fare i sequel quello è Cameron, dopo questo ho la conferma (l' altro è ovviamente Terminator 2 :gab::claudia:). Che poi più che sequel è proprio un completamento del primo Alien dal mio punto di vista, e, soprattutto, ci regala definitivamente uno dei migliori (il migliore?) personaggio femminile nella storia del cinema, Ellen Ripley che, oltre ad essere una sopravvissuta, ora viene mostrata sotto un'altra luce, più femminea: una madre.
E sopravvissuta ancora una volta tra l'altro, insieme a Newt, a discapito del team ultra-macho. Vengono ripresi in questo secondo capitolo alcuni temi del primo e viene esaltata la figura femminile ancor di più, sia attraverso Ripley che il nemico finale ("bitch" :rickds:). Riprodotta perfettamente l'atmosfera e la tensione dell'invadere un pianeta sconosciuto, allo stesso modo la paura è palpabile quando si rendono conto che il nemico che hanno contro è molto peggio di quello che si aspettavano ("escono dalle fottute pareti!" :rickds::rickds:). Prima parte giusto sufficiente per quanto mi riguarda, la seconda invece è un tripudio di tensione e sequenze incredibili, sceglierne una è difficile. La nota negativa maggiore del film sono i soldati, non ce la faccio proprio a sopportarli,
Che godimento ad ogni morte, soprattutto l'impalamento da parte della regina :gab: Ma anche Newt non è che sia tanto meglio eh (come quasi ogni bambino mai apparso in un film)... Per fortuna che le luci sono tutti per una persona sola, una grande, grandissima Sigourney Weaver.
P.S. Ma che figata è la nave spaziale che sembra un'arma? :gab:
Voto: 8,5/9-

Goodfella
11-03-16, 19:34:25
Dead space : Alien = Dead Space 2 : Aliens

Jaga
11-03-16, 23:04:18
The Breakfast Club di John Hughes. Squisitamente datato e stereotipato a livello di personaggi, mi è piaciuto parecchio perché è un bellissimo affresco degli adolescenti americani negli anni 80, con tutte le loro insicurezze e i continui confronti con la generazione precedente :ahsisi:

- - - Aggiornato - - -


Dead space : Alien = Dead Space 2 : Aliens
Quanto mi manca questa saga :tristenev:

Il Commodoro
11-03-16, 23:14:57
Ave, Cesare!
Non amo particolarmente gli ultimi film dei Coen, e questo si aggiunge alla lista purtroppo. Mi ha annoiato molto, e a tratti volevo addirittura lasciare la sala, in un momento mi sono addirittura addormentato. :asd: Nella regia si sono ispirati fortemente al cinema di fine anni '40 inizio '50, infatti il film è colmo di citazioni a film di quel periodo (ma anche di pellicole uscite recentemente sull'argomento, esempio Trumbo) a tal punto che le varie sezioni di Ave, Cesare! sono dedicate ai generi tipici di quell'epoca (Western, Musical, Kolossal alla Ben-Hur, Noir, e via dicendo) e a tutto ciò che di conseguenza ne comporta. Per questo motivo credo che potrebbe essere un film molto interessante per gli amanti del cinema di quel periodo.

IO ME MEDESIMO
12-03-16, 01:22:38
Il Signore Degli Anelli La Compagnia dell'Anello

Prima volta che lo vedo(lo so sono scandaloso :asd:) e mi sarei dovuto vedere pure gli altri 2 fino a domattina, ma mi ha abbandonato la compagnia :bruniii:

Veramente un bel film, che cazz.o mi ero perso :asd: ora spero di riuscire a recuperare gli altri 2 al più presto:ahsisi:

Togg
12-03-16, 01:32:59
Indovina chi viene a cena, Kramer

Avevo un po' paura di trovarlo intollerabile e invece per fortuna no, durante tutto il film il nocciolo liberale bianco (o non-nero...) è sì presente ma tenuto a bada da un movimento generale che impedisce alla retorica di incacrenirsi. Poi c'è una bellissima scena con la madre delusa e il tramonto. Solo il finale ricade nel consueto orrore, monologo che più conciliante non si può con chiusura estremamente aggressiva, anche con tutta la buona volontà e talento da certe visioni non si scappa


Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto, Petri

Bellissimo, una sfida continua non inciampare nei mille intoppi che pone un soggetto così intricato e poco realistico dal punto di vista psicologico. Limpido, indimenticabile. La regia sofisticatissima, pur rimanendo impercettibile, riesce con ascensioni e mezzi volteggi a ruotare attorno ai momenti più delicati, riportando ogni volta lo spettatore ai problemi focali che si ricollegano punto per punto alla deriva mentale del protagonista, senza però dare vita a uno sproloquio metaforico. Una bomba politico/estetica.



PS: voglio provare a vedere Avengers2 ma cazz dura due ore e venti...
PPS: continuo a dimenticarmi di dire di che parlano i film che commento :l4gann:

TestaMatta89
12-03-16, 10:10:18
Ieri notte ho avuto il piacere di vedere per la prima volta "Halloween" di Carpenter.
Strepitoso, mi ha lasciato senza parole, semplicemente il miglior slasher movie che abbia mai visto.
Geniale per la paziente costruzione della tensione, è un film horror subdolo e d'atmosfera, non è uno di quegli slasher tutto jumpscare e sangue a fiumi, e questo è un grande merito.
Grandiosa la fotografia, alcune scene sono davvero straordinarie nel restituire allo spettatore la sensazione di essere seguiti ed osservati.
Colonna sonora leggendaria, composta dallo stesso Carpenter.
Meraviglioso il finale.
Un capolavoro del genere per me.

P.S. è bello vedere Donald Pleasence in un film di valore, ultimamente ero troppo abituato a vederlo in film trash come "L'uomo Puma" ed "I predatori dell'anno omega" :asd:

Ouroboros
12-03-16, 13:43:03
Tutti a riempire lacune in questi giorni :asd:


Aliens by James Cameron (1986)
Prima visione. Premessa: l'ho visto di notte ed ero stanco quindi magari mi servirebbe una seconda visione per apprezzarlo appieno. In ogni caso, se c'è qualcuno che sa fare i sequel quello è Cameron, dopo questo ho la conferma (l' altro è ovviamente Terminator 2 :gab::claudia:). Che poi più che sequel è proprio un completamento del primo Alien dal mio punto di vista, e, soprattutto, ci regala definitivamente uno dei migliori (il migliore?) personaggio femminile nella storia del cinema, Ellen Ripley che, oltre ad essere una sopravvissuta, ora viene mostrata sotto un'altra luce, più femminea: una madre.
E sopravvissuta ancora una volta tra l'altro, insieme a Newt, a discapito del team ultra-macho. Vengono ripresi in questo secondo capitolo alcuni temi del primo e viene esaltata la figura femminile ancor di più, sia attraverso Ripley che il nemico finale ("bitch" :rickds:). Riprodotta perfettamente l'atmosfera e la tensione dell'invadere un pianeta sconosciuto, allo stesso modo la paura è palpabile quando si rendono conto che il nemico che hanno contro è molto peggio di quello che si aspettavano ("escono dalle fottute pareti!" :rickds::rickds:). Prima parte giusto sufficiente per quanto mi riguarda, la seconda invece è un tripudio di tensione e sequenze incredibili, sceglierne una è difficile. La nota negativa maggiore del film sono i soldati, non ce la faccio proprio a sopportarli,
Che godimento ad ogni morte, soprattutto l'impalamento da parte della regina :gab: Ma anche Newt non è che sia tanto meglio eh (come quasi ogni bambino mai apparso in un film)... Per fortuna che le luci sono tutti per una persona sola, una grande, grandissima Sigourney Weaver.
P.S. Ma che figata è la nave spaziale che sembra un'arma? :gab:
Voto: 8,5/9-

Aliens è profondamente diverso dal primo, ma entrambi sono veramente una bomba atomica.
Mi piacerebbe leggerne una analisi relativa al femminismo. Al di là dell'aspetto terrorifico della vicenda (forse possiamo confrontare il primo Alien con Lo Squalo?) il personaggio di Ripley e il rapporto tra lei e la regina racchiude probabilmente un messaggio dal peso specifico superiore.




Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto, Petri

Bellissimo, una sfida continua non inciampare nei mille intoppi che pone un soggetto così intricato e poco realistico dal punto di vista psicologico. Limpido, indimenticabile. La regia sofisticatissima, pur rimanendo impercettibile, riesce con ascensioni e mezzi volteggi a ruotare attorno ai momenti più delicati, riportando ogni volta lo spettatore ai problemi focali che si ricollegano punto per punto alla deriva mentale del protagonista, senza però dare vita a uno sproloquio metaforico. Una bomba politico/estetica.



PS: voglio provare a vedere Avengers2 ma cazz dura due ore e venti...
PPS: continuo a dimenticarmi di dire di che parlano i film che commento :l4gann:

La cosa che mi è piaciuta di più è che questo film sembra un grido, penso che sia il film migliore di questo genere per merito di Volonté.


Ieri notte ho avuto il piacere di vedere per la prima volta "Halloween" di Carpenter.
Strepitoso, mi ha lasciato senza parole, semplicemente il miglior slasher movie che abbia mai visto.
Geniale per la paziente costruzione della tensione, è un film horror subdolo e d'atmosfera, non è uno di quegli slasher tutto jumpscare e sangue a fiumi, e questo è un grande merito.
Grandiosa la fotografia, alcune scene sono davvero straordinarie nel restituire allo spettatore la sensazione di essere seguiti ed osservati.
Colonna sonora leggendaria, composta dallo stesso Carpenter.
Meraviglioso il finale.
Un capolavoro del genere per me.

P.S. è bello vedere Donald Pleasence in un film di valore, ultimamente ero troppo abituato a vederlo in film trash come "L'uomo Puma" ed "I predatori dell'anno omega" :asd:

In questi giorni mi è capitato di pensare alla figura di Myers (che è il mio più grande incubo).
La rappresentazione del male puro, fine a se stesso, asettico, privo di emotività, in relazione ai fatti di cronaca nera che giungono da ormai più parti d'Italia e del mondo.



Il Signore Degli Anelli La Compagnia dell'Anello

Prima volta che lo vedo(lo so sono scandaloso :asd:) e mi sarei dovuto vedere pure gli altri 2 fino a domattina, ma mi ha abbandonato la compagnia :bruniii:

Veramente un bel film, che cazz.o mi ero perso :asd: ora spero di riuscire a recuperare gli altri 2 al più presto:ahsisi:

Il migliore del lotto per me.
La minaccia che incombe è rappresentata al meglio, come la scena della locanda in cui si presenta il ramingo. Gli altri secondo me rappresentano peggio l'immaginario di Tolkien. E' credo anche quello che invecchia peggio e si fa riguardare più che volentieri. Moria è incredibile.

Manuel 23
12-03-16, 18:24:47
Ex Machina by Alex Garland (2015)
Prima visione. Che dire? Un gioiellino. Avevo già apprezzato le doti di Garland in 28 Days Later (anche se mi cade nel finale), ma non pensavo potesse regalare una pellicola del genere al suo primo colpo, complimenti. Il film è molto affascinante, sia per la base allo stesso tempo futuristica e claustrofobica, che per la premessa in sè. Il personaggio di Ava è però la cosa che mi ha colpito di più, e sinceramente il colpo di scena finale non me l'ero immaginato neanche lontanamente,
Intendo Ava che seduce Caleb (e noi spettatori) come parte del test di Turing di Nathan; o perlomeno, ad esempio io ho provato pietà per lei quando ha chiesto a Caleb come le stesse il vestito, come se stesse cercando qualcuno che potesse finalmente apprezzarla dato che il suo creatore non sembrava proprio il tipo, e temevo anche che facesse una brutta fine per mano di Nathan, e invece... Molto bravi tutti e tre gli attori principali; e inoltre, come qualsiasi film di fantascienza che si rispetti fa riflettere sulla realtà che ci circonda e sul futuro che ci potrebbe attendere, del quale si potrebbe avere un primo indizio dal finale vero e proprio (gran finale tra l'altro).
Voto: 8,5

dante3vergil
12-03-16, 18:38:16
Il Signore Degli Anelli La Compagnia dell'Anello

Prima volta che lo vedo(lo so sono scandaloso :asd:) e mi sarei dovuto vedere pure gli altri 2 fino a domattina, ma mi ha abbandonato la compagnia :bruniii:

Veramente un bel film, che cazz.o mi ero perso :asd: ora spero di riuscire a recuperare gli altri 2 al più presto:ahsisi:
Madò, alla buon'ora :bruniii: sparati subito gli altri due, che sono pazzeschi :bruniii:

Togg
12-03-16, 22:48:29
Il sapore del riso al tè verde, Ozu
Ero troppo stanco per apprezzarlo.

Brother's Killer
12-03-16, 23:10:04
Il sapore del riso al tè verde, Ozu
Ero troppo stanco per apprezzarlo.

E riguardalo a mente riposata scusa :asd:

Rage Against
12-03-16, 23:48:54
Il Signore Degli Anelli La Compagnia dell'Anello

Prima volta che lo vedo(lo so sono scandaloso :asd:) e mi sarei dovuto vedere pure gli altri 2 fino a domattina, ma mi ha abbandonato la compagnia

Veramente un bel film, che cazz.o mi ero perso :asd: ora spero di riuscire a recuperare gli altri 2 al più presto:ahsisi:http://vignette2.wikia.nocookie.net/mlp/images/e/e2/I'm_outta_here!.gif/revision/latest?cb=20130808210140

Aspetta di vedere gli altri, soprattutto Il Ritorno Del Re. Il primo è magico, il secondo è crudo, il terzo è epico e magnifico sotto ogni aspetto :bruniii:

S1lent17
13-03-16, 00:52:55
Visto Jack Reacher.
La storia mi ha tenuto incollato fino alla fine e in un thriller d'azione è una cosa molto buona, il protagonista come personaggio mi è piaciuto davvero molto.
Premettendo che a me Tom Cruise ed i film che fa piacciono quasi sempre non poco.
Voto personale 8.5

:blbl:

Togg
13-03-16, 02:30:29
E riguardalo a mente riposata scusa :asd:

era al cinema...

- - - Aggiornato - - -

Ci ho riprovato con Avengers2. Che pacco mamma mia, ma come si fa. Sono riuscito a vederne metà e mi volevo strappare i capelli. Già solo il fatto che sono film in cui non può morire nessuno o esserci confronti fisici e vitali seri, stanno tutti a raccontarsi storielle da anima buona che un adulto non capisco come possa tollerare. O meglio lo capisco, il discorso è sempre quello: esplosionine a ripetizione e stereotipi consolidati. Le scene di azione sono trascinate senza interesse, spesso commentate in sottofondo per renderle più leggibili, iniziano dal nulla e finiscono nel nulla. Non esiste costruzione spaziale o temporale, se un personaggio non ti serve più ti inventi un motivo totalmente a caso e lo metti da quella parte per i tot secondi in cui si è deciso che ci saranno solo gli altri. Whaaat. Il cattivo è a fare questo e i buoni parlottano perché c'è l'intoppo e allora inventiamoci uno sviluppo che ci dia il polso di quanto siamo recenti (ci sarebbero screenshot da questi scambi di battute da fare accapponare la pelle). Psicologie che si vanno riformulando senza sosta solo per creare occasioni per aggiungere un'altra tranche da 20 minuti.
E poi ovviamente fin dall'inizio tutti i peggiori riferimenti politici. Solo nei primi 5 minuti c'è la popolazione che urla "avengers go home", classica coda di paglia autoassolutoria made in usa, volevamo solo il bene in Iraq uffa etc :tragic: Lascio perdere il resto per pietà.

Quattro
13-03-16, 10:51:37
Il sapore del riso al tè verde, Ozu
Ero troppo stanco per apprezzarlo.

Ma che commento è. :rickds:


era al cinema...

- - - Aggiornato - - -

Ci ho riprovato con [B]Avenge

Mi sono fermato qua. :asd:

Papa Demilol
13-03-16, 10:54:23
IMM sempre più scandaloso. :l4gann:

Togg
13-03-16, 11:30:07
Ma che commento è. :rickds:


Tu non sei mai troppo stanco per apprezzare un film? Sei un avengers!

Togg
13-03-16, 21:08:39
Oxhide 2, Liu Jia Yin
Poche scene a camera fissa in cui una famiglia cucina ravioli e ogni tanto parla di problemi familiari. Bello ma chiaramente molto difficile da vedere.

TestaMatta89
13-03-16, 21:13:56
Oxhide 2, Liu Jia Yin
Poche scene a camera fissa in cui una famiglia cucina ravioli e ogni tanto parla di problemi familiari. Bello ma chiaramente molto difficile da vedere.

Com'erano conditi i ravioli?

Brother's Killer
13-03-16, 21:14:09
Oxhide 2, Liu Jia Yin
Poche scene a camera fissa in cui una famiglia cucina ravioli e ogni tanto parla di problemi familiari. Bello ma chiaramente molto difficile da vedere.

Tempo fa ci fu Zeno che dopo che postasti una cosa del genere (mi par Bovines) disse giustamente "ma vuoi smetterla che poi avranno tutte le ragioni per prenderci per il culo?" :rickds:

IO ME MEDESIMO
13-03-16, 21:32:31
Madò, alla buon'ora :bruniii: sparati subito gli altri due, che sono pazzeschi :bruniii:
Dovevamo vederceli questa sera, ma mi ha bidonato :sad2:
Domani o martedì penso di recuperarli:ahsisi:

http://vignette2.wikia.nocookie.net/mlp/images/e/e2/I'm_outta_here!.gif/revision/latest?cb=20130808210140

Aspetta di vedere gli altri, soprattutto Il Ritorno Del Re. Il primo è magico, il secondo è crudo, il terzo è epico e magnifico sotto ogni aspetto :bruniii:
eh lo so. Ho il BD in caldo :ivan:

IMM sempre più scandaloso. :l4gann:

non sono scandaloso. Semplicemente mi rompo preventivamente a guardare film o serie tv :asd:

Solitamente mi devono o rompere per settimane(trono di spade) o devo trovare una buona compagnia. E a sto giro mi è andata pure bene perché l'altra volta questa amica mi ha portato a vedere the danish girl :asd:

Togg
13-03-16, 22:21:48
Com'erano conditi i ravioli?

Carne di maiale (credo) e una verdura verde lunga. E ci vuole un botto di tempo per farli.


Tempo fa ci fu Zeno che dopo che postasti una cosa del genere (mi par Bovines) disse giustamente "ma vuoi smetterla che poi avranno tutte le ragioni per prenderci per il culo?" :rickds:


Bovines è un capolavoro :asd:

TestaMatta89
13-03-16, 22:27:45
Carne di maiale (credo) e una verdura verde lunga. E ci vuole un botto di tempo per farli.

Interessante. Sai in un film del genere, non puoi sbagliare il condimento dei ravioli, perché fa scenografia.
Son contento che almeno abbia dato un tono di verde all'ambiente :ahsisi:

Kirillov
13-03-16, 22:36:22
North by Northwest di Alfred Hitchcock.
Un film dinamico dominato dalla suspence in tutte le sue forme e senza sosta alcuna, ma il tono generale resta leggero e "positivo"

TestaMatta89
13-03-16, 22:40:10
North by Northwest di Alfred Hitchcock.
Un film dinamico dominato dalla suspence in tutte le sue forme e senza sosta alcuna, ma il tono generale resta leggero e "positivo"

è il film che ha di fatto ispirato il tono e la forma di tutti i film di Bond, con Connery.
Hitch ha ispirato qualunque cosa :asd:

Brother's Killer
13-03-16, 22:47:08
Bovines è un capolavoro :asd:

Rimane il fatto che si tratta della cosa più vicina, insieme all'ultimo che hai appena descritto, al capolavoro fortemente consigliato da Moretti: Vento

https://www.youtube.com/watch?v=eIx_J6KuKnA

Peccato che questa si tratti di una parodia, riflettici :kep88:

TestaMatta89
13-03-16, 22:49:19
Rimane il fatto che si tratta della cosa più vicina, insieme all'ultimo che hai appena descritto, al capolavoro fortemente consigliato da Moretti: Vento

https://www.youtube.com/watch?v=eIx_J6KuKnA

Peccato che questa si tratti di una parodia, riflettici :kep88:

Giuro che ho pensato alla stessa cosa quando ho letto quel post, ma pensavo non lo ricordasse nessuno quello sketch :asd:

Brother's Killer
13-03-16, 22:50:34
Giuro che ho pensato alla stessa cosa quando ho letto quel post, ma pensavo non lo ricordasse nessuno quello sketch :asd:


https://www.youtube.com/watch?v=aLCM5UXXEAA

Da aggiungere alla lista in effetti ma se n'è già parlato:sisi:

EDIT Avevo linkato lo stesso che cazz :asd:

Kirillov
13-03-16, 22:53:01
è il film che ha di fatto ispirato il tono e la forma di tutti i film di Bond, con Connery.
Hitch ha ispirato qualunque cosa :asd:
Sai che però mi aspettavo ancora di più? Un film seminale a quanto pare, ma altri di Alfred mi hanno colpito molto di più

TestaMatta89
13-03-16, 22:57:23
Sai che però mi aspettavo ancora di più? Un film seminale a quanto pare, ma altri di Alfred mi hanno colpito molto di più

Sì ti capisco, non è uno dei miei preferiti, quindi non sei l'unico. Resta comunque un gran film.

Togg
13-03-16, 23:12:27
Rimane il fatto che si tratta della cosa più vicina, insieme all'ultimo che hai appena descritto, al capolavoro fortemente consigliato da Moretti: Vento

vabbé dai il solito sketch populista :asd: ma che ne devono capire. Bovines è davvero un capolavoro, quest'ultimo no ma Bovines sì. Ha fatto delle cose nuove, importanti e riuscitissime. E' molto molto emozionante.

Wurdalak
13-03-16, 23:12:31
North by Northwest di Alfred Hitchcock.
Un film dinamico dominato dalla suspence in tutte le sue forme e senza sosta alcuna, ma il tono generale resta leggero e "positivo"

Il Film perfetto :claudia:

diennea2
14-03-16, 02:07:08
Visto Legend...che dire: mi aspettavo un bel film, ma invece ni.
La prima metà scorre bene, anzi, molto bene, ma poi il secondo tempo perde di "ritmo" e alla fine il film ti lascia un senso di vuoto...molto probabilmente avevo aspettative alte, ma vabbè.

Hardy qui è veramente, ma veramente bravo. Complimenti.

Togg
14-03-16, 12:37:30
La classe operaia va in paradiso, Petri
Bello, ormai ha fatto storia quindi è rimasticato da mille visioni successive. In quegli anni sarà stata una bella botta per il pubblico militante.

ilmagonero
14-03-16, 14:20:13
visto Turbo Kid, molto divertente, soprattutto durante i combattimenti anche se il protagonista potevano sceglierlo meglio, ha 0 carisma

dante3vergil
14-03-16, 22:22:34
Lo chiamavano Jeeg Robot, andate a vederlo, se potete. Non esiste descrizione migliore che "un hero-movie all'italiana"

Kirillov
14-03-16, 23:22:52
Vertigo di Alfred Hitchcock.
Film complesso, dall'elemento psicologico spiccatissimo, pieno di suspence ma anche di metafore, di simboli, di nevrosi

Prince Wolf
15-03-16, 10:18:47
Evil Dead II (1987, Sam Raimi)

La trilogia di Raimi è quella che riguardo più spesso senza accennare mai a un briciolo di stanchezza, Evil Dead II è il ''ponte'' in ogni senso possibile tra il primo e Army Of Darkness, e come tale è anche nell'anima quello più ''misto'': Evil Dead I è il più horror, Army Of Darkness il più comico, EVII sta nel mezzo. Forse è proprio questo che me lo potrebbe far collocare al primo posto della trilogia, ma sono in eterna lotta con me stesso, non riesco a decidermi.
Che dire, dopo quel capolavoro di regia del primo (ricordo: con 350.000 dollari ha sfornato inquadrature e scenografia da cult), il budget aumenta x 10 e i risultati si vedono. La trasformazione dal horrorifico al demenziale che avviene qua per me è una genialata assurda che segna il marchio di fabbrica di questa saga (anche nel primo lo si era volutamente, ma in maniera molto molto più lieve.
Evil Dead II è SEMPRE, anche alla TRENTESIMA VISIONE, magnificamente ridicolo e stupendo da vedere.

Voto: 8.5

Quattro
15-03-16, 15:48:18
Rocco e i suoi fratelli – Luchino Visconti, 1960. Dramma familiare (e non solo) dal respiro romanzesco, quasi epico. Le passioni in scena sono potentissime, ma ben veicolate dal lento incedere della narrazione: non avesse avuto una struttura tanto granitica, il patetismo toccato in alcuni passaggi avrebbe funzionato difficilmente. Questo senso di imponenza si riflette anche in altri aspetti dell'opera, dalla stupenda fotografia in bianco e nero alla visceralità delle interpretazioni. (Non mi è piaciuta la scelta di doppiare gli attori, e mi riferisco in particolare proprio a Delon/Rocco che, seppur bravo, ho trovato a tratti poco credibile.) Da lodare infine il coraggio di Visconti nel rappresentare scene di inaspettata crudezza, e nel trattare con grande lucidità alcuni delle più delicate problematiche (e dei più scottanti tabù) dell'epoca. Rocco e i suoi fratelli non è affatto una visione leggera, ma ripaga generosamente. Visto da oltre cinquant'anni di distanza, è un monumento ad un modo di fare Cinema che non c'è più.


Tu non sei mai troppo stanco per apprezzare un film? Sei un avengers!

Ma non è per quello, è per non-commento in sé. :rickds:


Lo chiamavano Jeeg Robot, andate a vederlo, se potete. Non esiste descrizione migliore che "un hero-movie all'italiana"

Vero vero. Contento di averlo visto. :sisi:

IO ME MEDESIMO
15-03-16, 18:57:31
Attacco al potere 2

Visto ieri sera e grazie a dio ma l'hanno offerto :asd: la solita americanata che mal sopporto in cui il protagonista è un One Man Army e i nemici hanno la stessa intelligenza di un IA settata a modalità Bambino Deficiente :asd:

Però c'è da dire che si lascia guardare :asd:, ma forse era meglio andare a guardare Room o Perfetti Sconosciuti(anche se quest'ultimo non lo voleva vedere la mia amica :sad2:)

Devil_Trigger
15-03-16, 19:10:28
The Transporter Legacy

Come rovinare una saga con sta sorta di prequel/reboot. Vabbè che già dal terzo film la qualità era cominciata a calare, ma con questo che è il quarto hanno proprio toppato! Si sente troppo la mancanza di Jason Statham, anche se è rimasto Luc Besson alla sceneggiatura. Insomma con Transporter questo film non c'entra niente, evitatelo se vi è piaciuta la trilogia perchè fa cagare :sisi:

Goodfella
15-03-16, 20:08:12
Attacco al potere 2

Visto ieri sera e grazie a dio ma l'hanno offerto :asd: la solita americanata che mal sopporto in cui il protagonista è un One Man Army e i nemici hanno la stessa intelligenza di un IA settata a modalità Bambino Deficiente :asd:

Però c'è da dire che si lascia guardare :asd:, ma forse era meglio andare a guardare Room o Perfetti Sconosciuti(anche se quest'ultimo non lo voleva vedere la mia amica :sad2:)

Room era sicuramente una scelta migliore , specie data la concorrenza :asd:

Istrice450
15-03-16, 20:12:18
Room era sicuramente una scelta migliore , specie data la concorrenza :asd:

Anche perfetti sconosciuti non è male per niente. L ho trovato molto arguto come film

Inviato dal mio SM-N9005 utilizzando Tapatalk

dante3vergil
15-03-16, 20:54:25
Rocco e i suoi fratelli – Luchino Visconti, 1960. Dramma familiare (e non solo) dal respiro romanzesco, quasi epico. Le passioni in scena sono potentissime, ma ben veicolate dal lento incedere della narrazione: non avesse avuto una struttura tanto granitica, il patetismo toccato in alcuni passaggi avrebbe funzionato difficilmente. Questo senso di imponenza si riflette anche in altri aspetti dell'opera, dalla stupenda fotografia in bianco e nero alla visceralità delle interpretazioni. (Non mi è piaciuta la scelta di doppiare gli attori, e mi riferisco in particolare proprio a Delon/Rocco che, seppur bravo, ho trovato a tratti poco credibile.) Da lodare infine il coraggio di Visconti nel rappresentare scene di inaspettata crudezza, e nel trattare con grande lucidità alcuni delle più delicate problematiche (e dei più scottanti tabù) dell'epoca. Rocco e i suoi fratelli non è affatto una visione leggera, ma ripaga generosamente. Visto da oltre cinquant'anni di distanza, è un monumento ad un modo di fare Cinema che non c'è più.



Ma non è per quello, è per non-commento in sé. :rickds:



Vero vero. Contento di averlo visto. :sisi:
Madò, che poi, solo io penso che l'attore che fa il cattivo sia uguale a Gyllenhaal in Lo Sciacallo?

Kirillov
15-03-16, 23:13:28
Shadows di John Cassavetes.
Tutto il film si sviluppa come un brano Jazz: improvvisazione, vena amatoriale, alienazione urbana, tema razziale, free form

Jaga
15-03-16, 23:39:31
Ho approfittato del fatto che sia appena stato aggiunto su Netflix per guardarmi Colazione da Tiffany per la prima volta, uno di quei classici che metti in conto di guardare ogni volta che lo senti nominare e che poi ti dimentichi puntualmente di recuperare. Impossibile non innamorarsi di Audrey Hepburn :claudia:

Bellissimo comunque Rocco e i suoi fratelli :ahsisi:

Whirring
15-03-16, 23:59:11
Vertigo di Alfred Hitchcock.
Film complesso, dall'elemento psicologico spiccatissimo, pieno di suspence ma anche di metafore, di simboli, di nevrosi

Quel film ha uno degli spiegoni più memorabili nella storia del cinema :asd:

Kirillov
16-03-16, 00:03:11
Quel film ha uno degli spiegoni più memorabili nella storia del cinema :asd:
Cioè?

IO ME MEDESIMO
16-03-16, 00:30:39
Captain America- The Winter Soldier
Me ne avevano parlato benissimo, si buon film, ma ho preferito il primo(tolto il finale del cazz.o :asd:). Ora finalmente hanno senso alcune cose che non mi tornavano in avengers 2 :asd:
Domani sera, champions permettendo, penso di recuperarmi il secondo thor giusto per togliermi la marvel fino a maggio :asd:

Room era sicuramente una scelta migliore , specie data la concorrenza :asd:

Non avevo dubbi guarda :asd:

diennea2
16-03-16, 01:07:53
Appena finito di vedere Youth
Consiglio solo a chi ha amato La Grande Bellezza o i film di Sorrentino.
Un film molto profondo con delle immagini stupende. Introspettivo come le vicende di Gep Gambardella, forse anche un pelo di più...e di conseguenza non adatto a tutti.
Gran bel film secondo me

Goodfella
16-03-16, 03:55:54
Quel film ha uno degli spiegoni più memorabili nella storia del cinema :asd:

C'è differenza tra spiegone e monologo suvvia

Whirring
16-03-16, 10:06:31
C'è differenza tra spiegone e monologo suvvia
Infatti è uno spiegone, nessun monologo

Cioè?

La scena finale sulla torre, il dialogo sulle scale. Il protagonista ha già capito come sono andate le cose, ma quando parla con la bionda comincia a spiegare punto per punto ogni dettaglio del piano, le motivazioni che l'hanno giustificato, le conseguenze e il suo ruolo nella vicenda. Si chiama "spiegone" perché è rivolto allo spettatore, il pubblico dell'epoca non era come quello di oggi e certe cose non le avrebbe capito (ancora oggi c'è gente che non capisce il finale aperto, i film corali o particolari scelte di montaggio), quindi si cercava di far quadrare tutto per favorire la comprensione dello spettatore medio. Non è un errore di Hitchcock, moltissimi gialli dell'epoca hanno lo spiegone, mostrato sul finale nei modi più disparati.

L'attitudine a voler spiegare tutto è anche legata ai classici del giallo di inizio novecento, in quel caso la semplice forma scritta non consentiva ulteriori forme di comunicazione e quindi era necessario spiegare le trame e gli intrighi in modo chiaro e preciso. Per intenderci lo spiegone di Conan super detective con gli occhiali :asd: o quello della signora in giallo (1:lo so che sei stato tu, l'hai fatto per questo motivo, hai usato questo metodo e hai incastrato X per Y motivo ecc 2:Confessione dell'assassino, rivelazione del piano e delle motivazioni).

NB: Hitchcock è uno dei registi che amo di più in assoluto

Kirillov
16-03-16, 10:15:49
Infatti è uno spiegone, nessun monologo


La scena finale sulla torre, il dialogo sulle scale. Il protagonista ha già capito come sono andate le cose, ma quando parla con la bionda comincia a spiegare punto per punto ogni dettaglio del piano, le motivazioni che l'hanno giustificato, le conseguenze e il suo ruolo nella vicenda. Si chiama "spiegone" perché è rivolto allo spettatore, il pubblico dell'epoca non era come quello di oggi e certe cose non le avrebbe capito (ancora oggi c'è gente che non capisce il finale aperto, i film corali o particolari scelte di montaggio), quindi si cercava di far quadrare tutto per favorire la comprensione dello spettatore medio. Non è un errore di Hitchcock, moltissimi gialli dell'epoca hanno lo spiegone, mostrato sul finale nei modi più disparati.

L'attitudine a voler spiegare tutto è anche legata ai classici del giallo di inizio novecento, in quel caso la semplice forma scritta non consentiva ulteriori forme di comunicazione e quindi era necessario spiegare le trame e gli intrighi in modo chiaro e preciso. Per intenderci lo spiegone di Conan super detective con gli occhiali :asd: o quello della signora in giallo (1:lo so che sei stato tu, l'hai fatto per questo motivo, hai usato questo metodo e hai incastrato X per Y motivo ecc 2:Confessione dell'assassino, rivelazione del piano e delle motivazioni).
Ah ho capito, ma lo spiegone per me ha anche un forte ruolo nel far crescere la tensione e rappresenta l'apice del climax emotivo di questa seconda parte del film.

Nel mio commento del film dicevo che ero rimasto colpito da tutti i meta-riferimenti del film (Cos'è la vertigine? Cosa rappresenta il campanile? Oltre alla famosa scena del sogno di lui) più che dalla trama in sé e per sé (per noi spettatori odierni smaliziati)

Whirring
16-03-16, 10:29:31
Ah ho capito, ma lo spiegone per me ha anche un forte ruolo nel far crescere la tensione e rappresenta l'apice del climax emotivo di questa seconda parte del film.

Nel mio commento del film dicevo che ero rimasto colpito da tutti i meta-riferimenti del film (Cos'è la vertigine? Cosa rappresenta il campanile? Oltre alla famosa scena del sogno di lui) più che dalla trama in sé e per sé (per noi spettatori odierni smaliziati)
Se non sbaglio, la ripresa che enfatizza il senso di vertigine l'ha inventata Hitchcock. Il suo livello tecnico non si discute.

Ovviamente il dialogo ha il compito di incalzare lo spettatore, ma il suo valore strumentale è innegabile, stessa cosa si può dire sulla scena della lettera, un momento di approfondimento psicologico che ha comunque il compito di far capire allo spettatore cosa sta accadendo.

L'aspetto che amo di quel film è la sottotraccia horror, il pedinamento iniziale, il sogno e il colpo di scena finale. È come se il fantasma avesse giocato un ruolo nel film, come se fosse stato presente ad ogni evento e abbia influenzato il corso degli eventi. Mi piace credere che l'ombra che si vede nei primi due secondi sia quella del fantasma e non la sagoma della suora.

Kirillov
16-03-16, 10:37:06
Se non sbaglio, la ripresa che enfatizza il senso di vertigine l'ha inventata Hitchcock. Il suo livello tecnico non si discute.

Ovviamente il dialogo ha il compito di incalzare lo spettatore, ma il suo valore strumentale è innegabile, stessa cosa si può dire sulla scena della lettera, un momento di approfondimento psicologico che ha comunque il compito di far capire allo spettatore cosa sta accadendo.

L'aspetto che amo di quel film è la sottotraccia horror, il pedinamento iniziale, il sogno e il colpo di scena finale. È come se il fantasma avesse giocato un ruolo nel film, come se fosse stato presente ad ogni evento e abbia influenzato il corso degli eventi. Mi piace credere che l'ombra che si vede nei primi due secondi sia quella del fantasma e non la sagoma della suora.
Sbaglio o nel film si dice che la storia dietro la figura del fantasma è stata inventata di sana pianta? Difficile essere suggestionati come prima dopo questa rivelazione.

Non mi riferivo comunque all'aspetto tecnico ma a quello metaforico delle scene e degli eventi

Whirring
16-03-16, 10:51:50
Sbaglio o nel film si dice che la storia dietro la figura del fantasma è stata inventata di sana pianta? Difficile essere suggestionati come prima dopo questa rivelazione.

Non mi riferivo comunque all'aspetto tecnico ma a quello metaforico delle scene e degli eventi
Non vedo il film da parecchio, comunque se non sbaglio diceva che la storia era in parte vera. Le vicende di Carlotta comunque erano vere, confermate anche dal bibliotecario.

ps: mi piacerebbe sapere quali metafore hai colto, tanto per capire se la pensiamo allo stesso modo.

Kirillov
16-03-16, 10:58:10
Non vedo il film da parecchio, comunque se non sbaglio diceva che la storia era in parte vera. Le vicende di Carlotta comunque erano vere, confermate anche bibliotecario.
Il bibliotecario interviene molto prima della rivelazione sugli eventi, non è chiarito se è un complice o meno. Nell' ombra della suora potrebbe vedersi il fantasma della vera vittima?

Whirring
16-03-16, 11:09:12
Il bibliotecario interviene molto prima della rivelazione sugli eventi, non è chiarito se è un complice o meno. Nell' ombra della suora potrebbe vedersi il fantasma della vera vittima?

Il bibliotecario è un amico della "compagna" del protagonista, escludo che abbia una parte nel tranello. Sull'ombra nel finale io ho sempre pensato al fantasma, ma non escludo che la paura di un'entità sovrannaturale (e quindi più una paranoia che altro) l'abbia portata ad un gesto così estremo. Obiettivamente è molto più probabile la seconda ipotesi, considerando l'importanza che ha la paranoia nel film

Kirillov
16-03-16, 11:17:15
Il bibliotecario è un amico della "compagna" del protagonista, escludo che abbia una parte nel tranello. Sull'ombra nel finale io ho sempre pensato al fantasma, ma non escludo che la paura di un'entità sovrannaturale (e quindi più una paranoia che altro) l'abbia portata ad un gesto così estremo. Obiettivamente è molto più probabile la seconda ipotesi, considerando l'importanza che ha la paranoia nel film
Non è facile capire quanto sia da poter escludere a priori e quanto non lo sia in questo genere di film. È inoltre interessante vedere quanto Hitchcock abbia giocato sul potere della suggestione dell'individuo esercitandola dapprima sul protagonista e poi sulla nuova vittima nel finale, e infine sul pubblico stesso come le nostre idee su quella figura suggeriscono!

Whirring
16-03-16, 11:22:33
Non è facile capire quanto sia da poter escludere a priori e quanto non lo sia in questo genere di film. È inoltre interessante vedere quanto Hitchcock abbia giocato sul potere della suggestione dell'individuo esercitandola dapprima sul protagonista e poi sulla nuova vittima nel finale, e infine sul pubblico stesso come le nostre idee su quella figura suggeriscono!
Devo recuperarlo, soprattutto per chiarire la questione sulla paranoia e il paranormale :ahsisi:

TestaMatta89
16-03-16, 12:06:42
Non vedo "Vertigo" da un sacco di tempo, ma ricordo come l'esistenza del "fantasma" sia lasciata alla libera interpretazione dello spettatore.
Quindi è inutile discuterne, ognuno la può vedere come vuole, anche perché sono abbastanza sicuro che nemmeno Hitchcock lo sapesse :asd:

Fr@ncesco
16-03-16, 12:59:23
Visto Fargo e Non è una paese per vecchi. Nonostante il primo abbia una trama con qualche guizzo in più, ho preferito il secondo soprattutto perché dopo aver visto la prima stagione di Fargo, il fim sapeva di già visto. Sì, lo so che il film viene prima ma avendoli visti in questo ordine il senso di Deja-vu è stato troppo marcato. Non è un paese per vecchi nonostante la durata maggiore di Fargo è stato meno lento e anche più divertente, complice Javier Bardem che ha interpretato magistralmente la parte del cattivone dall'acconciatura improbabile ma comunque temibile. Anche la fotografia l'ho preferita nettamente, forse complice anche l'ambientazione distante dal Minnesota.

Goodfella
16-03-16, 13:03:42
Infatti è uno spiegone, nessun monologo


La scena finale sulla torre, il dialogo sulle scale. Il protagonista ha già capito come sono andate le cose, ma quando parla con la bionda comincia a spiegare punto per punto ogni dettaglio del piano, le motivazioni che l'hanno giustificato, le conseguenze e il suo ruolo nella vicenda. Si chiama "spiegone" perché è rivolto allo spettatore, il pubblico dell'epoca non era come quello di oggi e certe cose non le avrebbe capito (ancora oggi c'è gente che non capisce il finale aperto, i film corali o particolari scelte di montaggio), quindi si cercava di far quadrare tutto per favorire la comprensione dello spettatore medio. Non è un errore di Hitchcock, moltissimi gialli dell'epoca hanno lo spiegone, mostrato sul finale nei modi più disparati.

L'attitudine a voler spiegare tutto è anche legata ai classici del giallo di inizio novecento, in quel caso la semplice forma scritta non consentiva ulteriori forme di comunicazione e quindi era necessario spiegare le trame e gli intrighi in modo chiaro e preciso. Per intenderci lo spiegone di Conan super detective con gli occhiali :asd: o quello della signora in giallo (1:lo so che sei stato tu, l'hai fatto per questo motivo, hai usato questo metodo e hai incastrato X per Y motivo ecc 2:Confessione dell'assassino, rivelazione del piano e delle motivazioni).

NB: Hitchcock è uno dei registi che amo di più in assoluto

Si ma la delivery è importante per come è scritto è decisamente un monologo. Certo, la funzione è quella, però è a mo di, per fare un esempio recente, quello a metà di gone girl.

Togg
16-03-16, 14:02:53
La proprietà non è più un furto, Petri
Insomma, ad un certo punto inizia a fare una cavolata dietro l'altra.

Togg
16-03-16, 21:32:18
The Exterminating Angel, Bunuel
Vedibile e a tratti interessante ma non lo consiglierei.

Brother's Killer
16-03-16, 21:54:31
The Exterminating Angel, Bunuel
Vedibile e a tratti interessante ma non lo consiglierei.

:morris82::morris82::morris82::morris82::morris82: :morris82::morris82:

Non ho più parole