PDA

Visualizza Versione Completa : Ultimo film visto | I commenti sono graditi!



Pagine : 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 [28] 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142

Key Paradise
27-08-10, 17:01:24
Kubrick non era un grande regista allora :asd:



Esatto :sisi: Ammettilo che hai sbirciato su wikipedia :asd:

riguardo cosa?

James
27-08-10, 18:26:39
Purtroppo Romero mi sa che è andato,vi sembra brutto "Diary of the dead"?Provate a vedere l ultimo,spero per lui che sia stata una specie di parodia perchè è peggio ancora:imfao:
"Land of the Dead" lo salvo tranne Asia che è proprio una cagna,lì la critica sociale dei vecchi tempi c era eccome:sisi:Anche l idea di "umanizzare" gli Zombi era buona(già vista in Il giorno degli Zombi con Bub)mandava avanti la storia dei capitoli precedenti.Perchè riazzerare il tutto?Secondo me,e ripeto,ci siamo giocati il buon George.

utente 8693
27-08-10, 18:35:03
L'ultimo sarebbe?

Key Paradise
27-08-10, 18:37:55
survival of the dead
in cui gli zombie dovrebbero convivere assieme ad una comunità umana

utente 8693
27-08-10, 18:41:22
:asd: l'incipit mi pare geniale.

charlesjudges
27-08-10, 18:49:57
I Love Radio Rock. Colonna sonora scontatamente bella, buone prove degli attori con un Branagh forse eccessivo nel suo ruolo di cattivo, film leggero senza troppe pretese e senza troppi pensieri. Troppo lungo rispetto a quello che deve dire. ***½

medicine bottle
27-08-10, 18:51:51
non ho voglia di leggere le ultime pagine, comunque, così, sulla fiducia, considerate abbia messo qualche "no".
:rickds:

a short stay in switzerland - ***
film tv prodotto dalla bbc.
il tema trattato è quello dell'eutanasia e viene ripresa una vicenda realmente accaduta.
al di là delle premesse il risultato è modesto a causa di una regia opaca, di un uso retorico della musica e di dialoghi didascalici.

James
27-08-10, 18:55:00
:asd: l'incipit mi pare geniale.

La cosa fondamentale è che c'è pure l aria Western,dagli un occhiata che c'è una scena di autoerotismo sulla jeep niente male:rickds:

Togg
27-08-10, 21:53:42
non ho voglia di leggere le ultime pagine, comunque, così, sulla fiducia, considerate abbia messo qualche "no".
:rickds:


E tu considera qualche " :bah!: " in risposta ai tuoi "no" :asd:


riguardo cosa?

Sui sogni :sisi:


Giornata Ozon, dopo swimming pool visto Ricky

Allora, diciamo che il film tenta qualcosa di molto particolare. Si inizia con la narrazione di una situazione familiare anomala con il padre assente e i problemi che ne possono derivare, il tema è quindi quello dei disagi e della vita che deve condurre la bimba, fra l'altro di una bellezza incontrastata, ecc...
La svolta arriva col bimbo alato, che in qualche modo riprende le varie problematiche aggiungendo la chiave del "diverso" che però non viene minimamente sfruttata.
Tant'è che lo stesso Ozon a un certo punto
abbandona Ricky tagliandolo fuori dalla scena e non mostrando alcun tipo di reazione da genitore alla sua scomparsa. L'attenzione quindi ritorna sulla bimba (bellissima).
Insomma rimane un po' un retrogusto cattivo per l'uso pretestuoso del bambino ma nel complesso la struttura regge bene l'elemento fantastico inserito in un film socio-familiare.

7,7

Ifrit03
27-08-10, 23:04:43
stasera ho visto giustizia privata.
Mi è piaciuto veramente tanto, bellissimo, soprattutto la prima parte.
Il protagonista è il mio idolo.

utente 8693
27-08-10, 23:13:03
stasera ho visto giustizia privata.
Mi è piaciuto veramente tanto, bellissimo, soprattutto la prima parte.
Il protagonista è il mio idolo.
Guardati questo:
http://www.iwatchstuff.com/2007/07/19/death-sentence-poster.jpg

James
27-08-10, 23:14:33
Guardati questo:
http://www.iwatchstuff.com/2007/07/19/death-sentence-poster.jpg

Grande Bip hai tirato fuori uno dei miei cult,anche se è un quasi remake

Ifrit03
27-08-10, 23:30:46
Guardati questo:
http://www.iwatchstuff.com/2007/07/19/death-sentence-poster.jpg
Cercherò di procurarmelo al più presto :gab:

Rullo
28-08-10, 01:02:26
mars attacks!:
miglior trashata di sempre. cattivissimo, violento e geniale. un cast mostruoso per una sceneggiatura semplice, ma che scorre alla grande. la voce di nicholson è impagabile. :asd:
4+/5

utente 8693
28-08-10, 01:08:33
Grande Bip hai tirato fuori uno dei miei cult,anche se è un quasi remake
Non lo sapevo :o sarebbe?

Baracca
28-08-10, 01:26:06
mars attacks!:
miglior trashata di sempre. cattivissimo, violento e geniale. un cast mostruoso per una sceneggiatura semplice, ma che scorre alla grande. la voce di nicholson è impagabile. :asd:
4+/5

Che spettacolo di film. :predicatore:

mickes2
28-08-10, 01:38:15
Thank you for smoking di Jason Reitman

bella commedia ,essendo il suo primo lungometraggio,mi è sembrato che nel film abbia voluto mettere un po' tutte le idee maturate nel corso degli anni precedenti,con buoni risultati...
ma il film non mi ha catturato moltissimo devo dire,buonissimi i dialoghi,fa riflettere,ma gli manca un po' di peperoncino
molto bella la fotografia con questa tinta giallastra e ottimi i giochi di messa a fuoco ,tra primo piano e campo lungo

voto:7

James
28-08-10, 09:44:32
Non lo sapevo :o sarebbe?
"Il giustiziere della notte":sisi:

Audu87
28-08-10, 10:10:58
ieri sera ho visto questo...

http://jonnasvilja.blogg.se/images/2008/man_on_fire_19416519.jpg


uno dei miei film preferiti...stupendo..

Key Paradise
28-08-10, 13:24:12
per la serie howard hawks ho visto il sergente york: notevole la prima ora nella rappresentazione di un villaggio di campagna ancora fuori dal mondo nonostante la grande guerra alle porte, peggiora durante la seconda, con diversi passaggi affrettati ed una bella dose di retorica nella mutazione a war-movie; arcipelago in fiamme, buon film di propaganda bellica, totalmente incentrato sull'aviazione (che vive l'entrata degli stati uniti nella seconda guerra mondiale dall'alto), perlopiù ambientato su una bombardiera in volo, ritrae ovviamente le dinamiche interne tra i diversi "ospiti" tornando sempre a quelle che sono le tematiche portanti del cinema hawksiano (amicizia virile, coraggio, sacrificio...) ed è sicuramente meno forzato nella raffigurazione della guerra. inoltre contiene ottime sequenze d'azione e suggestive visioni dall'alto dell'attacco a pearl harbour. ancora, colpo di fulmine, sorta di biancaneve e i sette nani, laddove i sette sono rappresentati da buffi intellettuali alle prese con la redazione di un enciclopedia (tra questi cary grant) e biancaneve è la smaliziata futura sposa di un gangster costretta a nascondersi nella loro abitazione per qualche giorno. discretamente divertente, basato soprattutto su linguaggio e slang, inevitabilmente perde qualcosa nel doppiaggio; ero uno sposo di guerra, commedia in cui l'ambientazione bellica è trattata secondo un registro comico che fa solo da sfondo a divertentissimi siparietti tra cary grant e ann sheridan, basati sull'antagonia dei sessi, per poi diventare centrale in una simpaticamente esagerata critica alla burocrazia (che porterà grant ad essere "sposo di guerra" per poter andare a vivere assieme alla sheridan negli states).

Vigo
28-08-10, 15:22:46
Il vangelo secondo Matteo di Pier Paolo Pasolini
E' il primo film che vedo di Pasolini, e ne sono rimasto entusiasta. Ha girato quella che per me è la miglior trasposizione cinematografica del testo evangelico e della vita di Gesù, caratterizzandola con un forte realismo eppure restando pienamente fedele a quanto narrato nel Vangelo. E' un film che, complice la durata abbastanza elevata, riesce a dare giusto spazio ad ogni singola vicenda. Se scene come quella fondamentale della crocifissione di Gesù sembrano meno enfatizzate di come ci si aspetterebbe, è perchè secondo me Pasolini ha voluto evitare quello che molte altre opere sbagliano: colpire lo spettatore esasperando la morte di Cristo emotivamente e visivamente, che per quanto atroce, crudele, inumana, era comunque riservata all'epoca anche a tutti gli altri uomini condannati. Forse le sequenze che mi sono piaciute di più sono quelle nel tribunale, in cui Gesù è accusato prima dai rabbini e poi è interrogato da Pilato, in cui la telecamera si sposta umile e distante tra la folla. In definitiva, l'opera più sincera che io abbia mai visto dedicata all'argomento, e per giunta da parte di un uomo come Pasolini, dalla personalità e mentalità assolutamente non religiosa.

Vigo
28-08-10, 16:08:44
Ti riferisci al film di Gibson:ahsisi:
Bel commento,sono d'accordo.
Indubbiamente un dei suoi film più riusciti:sisi:

Ma non solo a quello... che tra l'altro vorrei rivedere, quando l'ho guardato ero un bimbetto poi :asd:

Sebaryu
28-08-10, 16:14:55
Bubba Ho-Tep - Il re è qui
Film veramente trash che mi ha divertito parecchio.
Vi dico solo che nel film c'è Elvis Presley (interpretato da Bruce Campbell) anziano e ricoverato in un ospizio (dove tutti lo credono Sebastian Haff, un sosia di Elvis) che combatte assieme ad un vecchio di colore (che crede di essere J.F. Kennedy) una mummia egiziana...

OverEvil
28-08-10, 16:34:16
PELHAM 1 2 3 : ostaggi in metropolitana.
Film carino :sisi:
voto 7,5. Ottima interpretazione di john travolta (a mio parere). Buona quella di washington.

mickes2
28-08-10, 19:46:00
Alpha Dog di Nick Cassavetes

dopo lo stupendo "La custode di mia sorella" mi apprestavo a vedere quest'altro film di Nick film con le migliori aspettative,e devo dire che ne sono rimasto favorevolmente impressionato.
Tratto da una storia vera,il film è molto ben curato,la trama e la sceneggiatura sono abbastanza semplici e lineari,è un film che vuole cercare di raccontare la malavita di Los Angeles (senza necessariamente parlare dei neri),e riesce bene nell'intento,colonne sonore stupende.
Bravo Emile Hirsch,ma non molto credibile a mio parere (boh ha troppo la faccia da bravo ragazzo) ,mi è piaciuto moolto di più in "Into the wild" senza dubbio,sono rimasto più colpito invece da Ben Foster.
Quanto è bella Amanda Seyfried :Morris82:

voto:7.5


Road trip di Todd Phillips

carina e sollazzante commedia comico-demenziale,trama ovviamente semplicissima,le risate le strappa,non gli si puo chiedere di più
nota per me dolente , è il doppiaggio pessimo di Seann William Scott,una voce che stona del tutto in relazione al personaggio

voto: 6.5

BioNherz
28-08-10, 23:53:36
Il 3-D, per me, non era necessario;Computer grafica scarsa e La trama prevedibile però devo dire che è meglio del terzo, non bello quanto il primo ma meglio del terzo e, forse, del secondo: una via di mezzo insomma. Il finale è ben fatto, molti personaggi non protagonisti erano ben fatti come il cuoco degli orchi ribelli . Nel complesso il film mi è piaciuto abbastanza, sicuramente non è bello come molti altri film d'animazione come: UP, Wall-e, Kung Fu Panda, Toy story...
Voto: 7,5

Rullo
29-08-10, 00:24:45
Il 3-D, per me, non era necessario;Computer grafica scarsa e La trama prevedibile però devo dire che è meglio del terzo, non bello quanto il primo ma meglio del terzo e, forse, del secondo: una via di mezzo insomma. Il finale è ben fatto, molti personaggi non protagonisti erano ben fatti come il cuoco degli orchi ribelli . Nel complesso il film mi è piaciuto abbastanza, sicuramente non è bello come molti altri film d'animazione come: UP, Wall-e, Kung Fu Panda, Toy story...
Voto: 7,5

di che film parli?

Togg
29-08-10, 00:32:01
Shreck 3D

Brother's Killer
29-08-10, 00:32:50
di che film parli?

Sta parlando di Shrek Forever After

Rullo
29-08-10, 00:37:08
Sta parlando di Shrek Forever After

l'ho capito dopo che ho aperto lo spoiler. XD

XeNoWiiZe93
29-08-10, 09:58:37
ieri mi sono visto united 93 molto bello...

Altair2
29-08-10, 11:56:12
Visto ieri "il patriota" in BD è gradevole e non annoia mai nonostante le quasi 3 ore buona interpretazione di Mel Gibson e anche di Heath Ledger.Per quanto riguarda il BD dal lato video è molto buono con definizione ottima cala un pò nelle scene all'interno degli edifici ma si riprende alla grande nei paesaggi. La traccia audio è ottima sembra di essere dentro alla battaglia. Extra niente di particolare con 25 minuti composti da trailer e vari dietro le quinte.
FILM:8,5
VIDEO:8,5
AUDIO:8,5
EXTRA:6,0

Robo@nte
29-08-10, 13:46:12
Bubba Ho-Tep - Il re è qui
Film veramente trash che mi ha divertito parecchio.
Vi dico solo che nel film c'è Elvis Presley (interpretato da Bruce Campbell) anziano e ricoverato in un ospizio (dove tutti lo credono Sebastian Haff, un sosia di Elvis) che combatte assieme ad un vecchio di colore (che crede di essere J.F. Kennedy) una mummia egiziana...

visto tempo fa...si molto divertente:asd:

Andromeda
29-08-10, 15:04:09
Finito di vedere funny games, non l'avevo visto e avendo trovato il blu-ray a poco ho rimediato. Perverso e geniale, mi è piaciuto molto, ma non ho capito una scena:
il "rewind" che si vede durante la scena in salotto, dove lei prende il fucile e spara al compagno, perchè la riavvolge? Poteva essere un finale alternativo?

XeNoWiiZe93
29-08-10, 16:52:06
appena finito di vedere la matassa di ficarra e picone molto divertente come sempre...

Saruman
29-08-10, 17:29:57
Visto finalmente The rocky horror picture show, mastodonte della storia del cinema! E lo dice un non-amante dei musical... Tim Curry come sempre straordinario!

Vigo
29-08-10, 18:16:07
Visto finalmente The rocky horror picture show, mastodonte della storia del cinema! E lo dice un non-amante dei musical... Tim Curry come sempre straordinario!

Capolavoro...

E credo sia l'unico musical che mi sia davvero piaciuto

Rullo
29-08-10, 18:25:19
Capolavoro...

E credo sia l'unico musical che mi sia davvero piaciuto

come musical che mi siano davvero piaciuti, cito sweeney todd e, appunto, il rocky horror. :sisi:

charlesjudges
29-08-10, 18:52:42
Capolavoro...

E credo sia l'unico musical che mi sia davvero piaciuto

The Blues Brothers?

Key Paradise
29-08-10, 21:27:09
http://www.fipresci.org/undercurrent/issue_0407/images/fata_morgana.jpg

fata morgana - werner herzog
herzog trascorre circa un anno di viaggio in africa durante il quale gira due lungometraggi (fata morgana ed anche i nani hanno cominciato da piccoli) ed un documentario (i medici volanti dell'africa orientale). orgininariamente un film di fantascienza, muta poi in una semplice serie di filmati del continente che il regista ritiene affascinanti, per infine assumere la definitiva forma di opera in tre atti (creazione, paradiso, età dell'oro) in sala di montaggio. nella prima parte ad immagini di paesaggi extra-urbani, fotografati come se appartenessero a pianeti alieni e contaminati da elementi totalmente fuori contesto (rottami di aerei, fabbriche e macchine abbandonati nel nulla) è sovrapposta la lettura di passaggi del popol vuh, raccolta a carattere mitologico maya; nella seconda l'immagine incontra villaggi e popoli africani, ritratti comunque senze velleità documentaristiche: le figure sono molteplici e prive di legami, non sappiamo quasi mai chi siano o cosa vogliano dirci, e spesso non lo sa nemmeno herzog stesso. ciononostante seconda e terza parte (la quale si svolge totalmente sull'isola di lanzarote, nelle canarie) hanno in comune queste figure in comportamenti bizzarri, rappresentati però senza ironia: ciò porta ad uno stato di tensione ed imbarazzo palpabile. ancora, tutti e tre gli atti sono legati da immagini di un particolare fenomeno, rinominato appunto fata morgana, secondo cui gli strati di aria calda riflettono oggetti e persone a distanza di km dalla loro effettiva posizione. costante è la deformazione e decontestualizzazione dello spazio, riprodotto spesso come se non appartenesse alla Terra (reminiscenze magari dell'originario script sci-fi) e la ricerca di un qualcosa che vada oltre l'immagine, un qualcosa di metafisico e superiore rappresentato in questo caso dal miraggio. opera totalmente libera a partire dalla genesi, interessantissima ed imprevidibilmente scorrevole.

mickes2
29-08-10, 22:20:15
Il favoloso mondo di Amelie di Jean-Pierre Jeunet

tecnicamente una vera chicca,con questa cinepresa che stringe,allarga,si alza,si abbassa,converge... bellissimo!,bella anche la fotografia e musiche molto gradevoli,ma la storia per quanto mi riguarda,è si carina,diversa ed originale,ma troppo innocua e dolce,di conseguenza anche i dialoghi non mi hanno colpito,tutto ciò mi farà dimenticare il film abbastanza velocemente,purtroppo,e dico purtroppo perchè questo film poteva realmente diventare un mio capolavoro personale
brava Audrey Tautou

voto:7.5

Dreamer95
29-08-10, 22:59:17
Proprio ieri sera ho visto Splice al cinema. Che dire, un buon film fantascientifico con un buon messaggio di fondo (giocare a fare Dio non porta mai nulla di buono) e realizzato molto bene, soprattutto per quanto riguarda Dren e le animazioni. Darei un 8 su 10.

medicine bottle
29-08-10, 23:11:58
fata morgana

non c'entra una sega, però è bellissima

http://www.youtube.com/watch?v=bgup84hpSeI


Il favoloso mondo di Amelie di Jean-Pierre Jeunet
voto:7.5

ma daiiiiiiii

boogie
29-08-10, 23:24:17
Il favoloso mondo di Amelie di Jean-Pierre Jeunet

tecnicamente una vera chicca,con questa cinepresa che stringe,allarga,si alza,si abbassa,converge... bellissimo!,bella anche la fotografia e musiche molto gradevoli,ma la storia per quanto mi riguarda,è si carina,diversa ed originale,ma troppo innocua e dolce,di conseguenza anche i dialoghi non mi hanno colpito,tutto ciò mi farà dimenticare il film abbastanza velocemente,purtroppo,e dico purtroppo perchè questo film poteva realmente diventare un mio capolavoro personale
brava Audrey Tautou

voto:7.5

Combinazione, l'ho visto anch'io proprio oggi. Sono d'accordo con te su tutti i pregi, ma quello che tu hai definito un difetto io l'ho trovato un grandissimo punto a favore. E' un film dolce, ha non solo una trama dolce, ma anche personaggi dolci, ambientazioni dolci, riprese dolci, dialoghi dolci, musiche dolci
E non potrei immaginare questo film con un attrice diversa da Audrey Tatou. Per me questo film è un gioiellino

charlesjudges
29-08-10, 23:57:10
La colonna sonora, ad esempio, potrebbe farmi passare tranquillamente per gay visto come mi riduce. Anche se poi è tutto il film in realtà.


http://www.youtube.com/watch?v=CgYnRh8ACGQ

http://www.youtube.com/watch?v=ZaBcs0NEc6w

Rullo
30-08-10, 00:15:42
se7ven:
decisamente un thriller coraggioso, in quanto prende la via del sadismo, intrapresa anche da funny games (anche se in questo caso la critica non l'ha apprezzato troppo) seppur in un certo senso distante, che personalmente ho trovato inquietante ed interessante. nonostante ciò rimane lineare, anche perchè con un plot simile ottenere il contrario sarebbe difficile (ma la pellicola riesce comunque a stupire). interessante il finale, coraggioso, ma allo stesso tempo sensato. fotografia superba. essendo uno dei primi di fincher direi che non è assolutamente male. anzi, lo reputo uno dei suoi migliori film, insieme a fight club. buoni gli attori, stupito in positivo da pitt.

****+


PS: sì ho messo le stellette, non ho resisto. per non far arrabbiare freccia dico chiaramente: RADIOFRECCIA HA BREVETTATO LE 5 STELLE

charlesjudges
30-08-10, 00:23:24
Grandissimo Fincher.

mickes2
30-08-10, 00:52:49
ma daiiiiiiii

eh lo so :asd:,è comunque un film che tutti dovrebbero vedere ,anche solo per l'originalità della storia e per lo spessore tecnico che mette in campo il regista


Combinazione, l'ho visto anch'io proprio oggi. Sono d'accordo con te su tutti i pregi, ma quello che tu hai definito un difetto io l'ho trovato un grandissimo punto a favore. E' un film dolce, ha non solo una trama dolce, ma anche personaggi dolci, ambientazioni dolci, riprese dolci, dialoghi dolci, musiche dolci
E non potrei immaginare questo film con un attrice diversa da Audrey Tatou. Per me questo film è un gioiellino

ecco ,è proprio tutta questa dolcezza non mi è andata giù ,davvero troppa :sisi:
concordo per Audrey Tautou


La colonna sonora, ad esempio, potrebbe farmi passare tranquillamente per gay visto come mi riduce. Anche se poi è tutto il film in realtà.


http://www.youtube.com/watch?v=CgYnRh8ACGQ

http://www.youtube.com/watch?v=ZaBcs0NEc6w

le musiche le ho trovate anch'io bellissime :sisi:




Molto incinta di Apatow

Seth rogen mi sta troppo simpatico,il film è ovviamente piacevole e strappa delle belle risate

voto: 7

medicine bottle
30-08-10, 01:57:34
PS: sì ho messo le stellette, non ho resisto. per non far arrabbiare freccia dico chiaramente: RADIOFRECCIA HA BREVETTATO LE 5 STELLE

:gab:

racconti da stoccolma - ***
film del 2006 del regista svedese nilsson che racconta il tema della violenza (con una fin troppo evidente critica alla legge e alla giustizia dell'avanguardistico paese nordico, sticazzi!) attraverso tre vicende.
si passa dall'onore di una famiglia araba, alla violenza domestica, fino alla testimonanza giudiziaria, con esiti non sempre soddisfacenti (li ho ordinati per gradimento).
regia troppo scolastica e un sacco di retorica.

Togg
30-08-10, 09:47:00
La colonna sonora, ad esempio, potrebbe farmi passare tranquillamente per gay visto come mi riduce. Anche se poi è tutto il film in realtà.

http://www.youtube.com/watch?v=CgYnRh8ACGQ


Questa è una delle migliori track in assoluto.

Giustizia privata
Visto al cinema tanto perché c'erano degli amici e non c'era nient altro.
Ultra prevedibile e mal bilanciato.

5,8

There will be blood

Mi ha ricordato molto nelle tematiche non è un paese per vecchi, stretto legarsi di soldi e sangue nella vita di un petroliere che attraversa 50 anni di America. Ritmo costante e fotografia ottima, nonostante le frequenti aberrazioni cromatiche e i flares, probabilmente voluti.
Un Lewis che sostiene tutto il film in modo straordinario.
8,8

Saruman
30-08-10, 12:10:09
The Blues Brothers?

Sì, è vero, è innegabile: Rocky horror e Blues brothers.

medicine bottle
30-08-10, 12:17:31
Giustizia privata


il trialer con butler che crede di essere ancora dentro 300 fa riderissimo

Togg
30-08-10, 12:43:48
il trialer con butler che crede di essere ancora dentro 300 fa riderissimo

In effetti anche il trailer mi aveva fatto schifo :asd:

Ieri ho avuto tendenze masochistiche :sisi:

Altair2
30-08-10, 12:55:13
Visionato ieri pomeriggio "L.A Confidential" in BD il film non è niente male come trama,a livello video mi è parso buono vista anche l'età del film,la traccia italiana è discreta gli extra non ho avuto modo di visionarli.
FILM:8
VIDEO:8,3
AUDIO:6,5
EXTRA: non visionati.

Vigo
30-08-10, 13:49:02
Il Decameron di Pier Paolo Pasolini
Un ottimo film, dalle scelte cromatiche e paesaggistiche alla decisione di far parlare tutti i personaggi nei vari dialetti. Purtroppo non ho avuto modo di leggere l'intero Decameron, ma dalle novelle che ho letto e che Pasolini ha scelto per la sua trasposizione cinematografica mi è sembrato che il regista abbia saputo fare un lavoro senza troppe sbavature per adattarle, pur rielaborandole a modo suo per rendere l'opera più personale. Le scene che reputo veramente perfette sono la storia di Andreuccio da Perugia (per altro Ninetto Davoli è strepitoso nel suo ruolo), quella di Masetto che si finge un sordo muto e infine quella di Caterina. Anche il resto del film è divertente, ma a mio parere non eccezionale come nei momenti che ho detto, e sempre secondo me ci sono due novelle che forse potevano essere realizzate meglio: quella di ser Ciappelletto, così divertente nel testo di Bocaccio ma a mio parere troppo trascurata da Pasolini (poteva farla durare qualche minuto in più, sarebbe stata più completa e sicuramente il film non ne avrebbe risentito in ritmo e lunghezza) e gli intermezzi del pittore in cerca di ispirazione.

Saruman
30-08-10, 15:07:52
Il Decameron di Pier Paolo Pasolini
Un ottimo film, dalle scelte cromatiche e paesaggistiche alla decisione di far parlare tutti i personaggi nei vari dialetti. Purtroppo non ho avuto modo di leggere l'intero Decameron, ma dalle novelle che ho letto e che Pasolini ha scelto per la sua trasposizione cinematografica mi è sembrato che il regista abbia saputo fare un lavoro senza troppe sbavature per adattarle, pur rielaborandole a modo suo per rendere l'opera più personale. Le scene che reputo veramente perfette sono la storia di Andreuccio da Perugia (per altro Ninetto Davoli è strepitoso nel suo ruolo), quella di Masetto che si finge un sordo muto e infine quella di Caterina. Anche il resto del film è divertente, ma a mio parere non eccezionale come nei momenti che ho detto, e sempre secondo me ci sono due novelle che forse potevano essere realizzate meglio: quella di ser Ciappelletto, così divertente nel testo di Bocaccio ma a mio parere troppo trascurata da Pasolini (poteva farla durare qualche minuto in più, sarebbe stata più completa e sicuramente il film non ne avrebbe risentito in ritmo e lunghezza) e gli intermezzi del pittore in cerca di ispirazione.

Al contrario di quanto molti pensano e professano, Pasolini era un vero maestro di cinema. I suoi film sono capolavori, che bisogna "comprendere", certo, ma lo sono. Condivido ciò che hai detto, soprattutto gli aspetti positivi. E, se non l'hai ancora fatto, ti consiglio caldamente di vedere "Salò o le 120 giornate di Sodoma", l'ultimo suo (capo)lavoro cinematografico.

Vigo
30-08-10, 15:13:44
Al contrario di quanto molti pensano e professano, Pasolini era un vero maestro di cinema. I suoi film sono capolavori, che bisogna "comprendere", certo, ma lo sono. Condivido ciò che hai detto, soprattutto gli aspetti positivi. E, se non l'hai ancora fatto, ti consiglio caldamente di vedere "Salò o le 120 giornate di Sodoma", l'ultimo suo (capo)lavoro cinematografico.

Guarda, ho visto i suoi due film che ho commentato in questi giorni, ed è uno dei registi più bravi che abbia mai incontrato secondo me. Magari il mio sul decameron sembra un commento negativo, ma su IMDB per me è un 8 pieno, mica schifezza :asd: Salò volevo lasciarlo per ultimo, so di cosa parla e non so se sono pronto :sisi: non è mica una passeggiatina di film o sbaglio? Comunque a vedere i film di Pasolini (e di Fellini e De Sica...) mi viene il magone a pensare quanto fosse avanti l'Italia artisticamente fino a pochi decenni fa.

p a n z e r
30-08-10, 15:54:52
Recupera però al più presto anche Accattone e Mamma roma.

Vigo
30-08-10, 15:58:58
Accattone è giusto il prossimo della lista :asd:

Saruman
30-08-10, 17:24:15
Guarda, ho visto i suoi due film che ho commentato in questi giorni, ed è uno dei registi più bravi che abbia mai incontrato secondo me. Magari il mio sul decameron sembra un commento negativo, ma su IMDB per me è un 8 pieno, mica schifezza :asd: Salò volevo lasciarlo per ultimo, so di cosa parla e non so se sono pronto :sisi: non è mica una passeggiatina di film o sbaglio? Comunque a vedere i film di Pasolini (e di Fellini e De Sica...) mi viene il magone a pensare quanto fosse avanti l'Italia artisticamente fino a pochi decenni fa.

Salò è un pugno nello stomaco. Guardatelo quando te la senti. ;)

utente 8693
30-08-10, 19:04:58
Proprio ieri sera ho visto Splice al cinema. Che dire, un buon film fantascientifico con un buon messaggio di fondo (giocare a fare Dio non porta mai nulla di buono) e realizzato molto bene, soprattutto per quanto riguarda Dren e le animazioni. Darei un 8 su 10.
Ma dai?

medicine bottle
30-08-10, 19:08:39
e giochi a fare dio, manipolando il tuo dna, così se vuoi cambiare invece resti uguale per l'eternità

James
30-08-10, 19:24:30
Davanti agli occhi by Vadim Perelman(2007)

Non ne sapevo niente di questo film,l ho guardato solo perchè nella breve descrizione di Sky ho letto il nome Evan Rachel Wood:rickds:

C'è anche Uma Thurman,ma la vera protagonista è la Wood che poi sarebbe la Thurman da giovane,quindi la Thurman è la protagonista anche se la Wood si vede per 3/4 di film quindi è lei la protagonista però è la Thurman o forse la sua amica o addirittura non ci sono protagonisti(ho scritto apposta ingarbugliato che quà dentro non si sa mai).

Strage in un college americano,vediamo Diana 15 anni dopo quei fatti e nn riesce a dimenticare di aver perso la sua migliore amica "Davanti agli occhi"(eh?hai capito),ha continue visioni della loro amicizia,tanto per cambiare la Wood fà la zozzona anche in questo film,e della loro separazione.
Non mi è piaciuto,gli do 6 solo per il finale.
Dico solo:Come si fà a credere che Evan Rachel Wood sia Uma Thurman da grande,lineamenti completamente diversi e naso importante di mezzo.
Voto:6

Ieri ho rivisto:
Tempi Moderni
Luci Della Città
Il grande Dittatore

Lacrime,inutile commentare

utente 8693
30-08-10, 19:27:30
e giochi a fare dio, manipolando il tuo dna, così se vuoi cambiare invece resti uguale per l'eternità
Per non giocare a fare Dio, penso che non userò più cure mediche.
Morirò di raffreddore.

Vigo
30-08-10, 19:30:31
Ciao Vigo,immagino che ti farai tutta la filmografia di Pasolini:io ti consiglio vivamente La ricotta,episodio del film Ro.Go.Pa.G.,dove recita anche il grande Orson Welles, e Che cosa sono le nuvole? episodio del film Capriccio all'italiana,è anche l'ultimo film di Totò.Li ho citati giusto perché sono episodi di film collettivi,e a volte possono sfuggire e sarebbe un peccato perché sono magnifici:sisi:
Se li hai già visti o li hai in programma tanto meglio:sisi:

Credo di averli visti citati nella filmografia di Pasolini su IMDB, quindi probabilmente non mi sarebbero sfuggiti, ma grazie per avermeli scritti... non si sa mai :sisi:

Vall77
30-08-10, 19:44:47
Rivisto Little Odessa che non vedevo da parecchio tempo. Si riconferma un capolavoro assoluto.
Parlare di gangster movie è limitante.

Glaciale, secco, perfetto.

Key Paradise
30-08-10, 20:35:06
bellissimo little odessa, ancor più bello per me two lovers
gray è uno su cui ho molta fiducia, non vedo l'ora che esce the lost city of z

---------- Post added at 20:35:06 ---------- Previous post was at 19:54:48 ----------

comunque ho visto tre cortometraggi di polanski giovane


http://www.youtube.com/watch?v=TQcKPbei8Tg&p=8FDF11A877AD2E29&playnext=1&index=2

we destroy this party: una gruppo di ragazzi interrompe una festa distruggendo tutto. trascurabile, se non fosse per una buona tecnica (espressa soprattutto nel montaggio dinamico). si dice che il fatto fosse vero è registrato in diretta da polanski ma è chiaro che sia una stronzata.


http://www.youtube.com/watch?v=nponsMD-Sn4&p=8FDF11A877AD2E29&index=4&playnext=1

due uomini e l'armadio: due uomini provenienti dal mare trasportano un grosso armadio e vengono cacciati un po' ovunque. comicità da cinema muto e qualche momento in cui polanski sembra volerci dire qualcosa, ma non si capisce cosa. divertentemente surreale, già si intravede buona tecnica.


http://www.youtube.com/watch?v=t_lAJ8vlU3Y&feature=related

la caduta dell'angelo: una vecchia sorvegliante di un bagno pubblico ricorda scene della sua giovinezza osservando quello che le accade attorno. le sequenze in flashback sono a colori e trattano di una storia d'amore funestata dalla guerra. un po' di maniera, ma presenta diversi colpi d'occhio notevoli. a suo modo il capolavoro del primo periodo polanskiano.

massy95
30-08-10, 22:55:02
io ora sto vedendo star wars episodio 2 li ho visti tutti e sono bellissimi

Armin
30-08-10, 23:01:53
Visti:

-La sottile linea rossa di Terrence Malik 8,9
-City of God di Fernando Meirelles 8,7
-Natural Born Killers di Oliver Stone 8,6

mickes2
30-08-10, 23:04:37
Natural born killers è cazzutissimo :sisi:

Armin
30-08-10, 23:05:10
Natural born killers è cazzutissimo :sisi:

Sì :sisi:
Mi sono piaciuti molto tutti e 3 i film che ho citato :gab:

Vigo
30-08-10, 23:29:00
Rivisto Juno (mentre leggucchiavo... giusto perchè lo guardava mia sorella)... forse ero stato troppo duro quando l'ho valutato la prima volta.

medicine bottle
30-08-10, 23:37:58
Rivisto Juno (mentre leggucchiavo... giusto perchè lo guardava mia sorella)... forse ero stato troppo duro quando l'ho valutato la prima volta.

ripeti con me: juno è bellissimo, juno è bellissimo, juno è bellissimo, senti le palpebre calare?

mickes2
30-08-10, 23:45:46
io non dico nulla a Vigo :sisi: :asd:
solo Juno :claudia:

charlesjudges
31-08-10, 00:28:38
Stavo per uscire quando ho sentito la canzone dei titoli di testa di Juno provenire dal salotto, c'è voluto ogni grammo della mia forza di volontà per non sedermi sul divano e bidonare gli amici.

€do
31-08-10, 00:52:36
ripeti con me: juno è bellissimo, juno è bellissimo, juno è bellissimo, senti le palpebre calare?

ma non è che se lo faccio io, che già lo so, mi fa l'effetto inverso e finisce che juno mi fa cahà?

S3phiroth
31-08-10, 00:54:44
Boh, l'ho visto oggi per la prima volta e mi ha lasciato un po' così, pensavo molto meglio.
E mi faceva innervosire tantissimo il fatto che lei dovesse usare per forza modi "strani" per descrivere qualsiasi cosa attinente alla gravidanza per far vedere "cioè io sono giovane e parlo strano", schiaffi.

Rullo
31-08-10, 01:03:26
Boh, l'ho visto oggi per la prima volta e mi ha lasciato un po' così, pensavo molto meglio.
E mi faceva innervosire tantissimo il fatto che lei dovesse usare per forza modi "strani" per descrivere qualsiasi cosa attinente alla gravidanza per far vedere "cioè io sono giovane e parlo strano", schiaffi.

a me pure, ma è un problema del doppiaggio.

charlesjudges
31-08-10, 01:03:41
Boh, l'ho visto oggi per la prima volta e mi ha lasciato un po' così, pensavo molto meglio.
E mi faceva innervosire tantissimo il fatto che lei dovesse usare per forza modi "strani" per descrivere qualsiasi cosa attinente alla gravidanza per far vedere "cioè io sono giovane e parlo strano", schiaffi.

Mi ricordi un mio amico che dice di non sopportarlo per i dialoghi stile Una mamma per amica.

S3phiroth
31-08-10, 01:10:14
Mi ricordi un mio amico che dice di non sopportarlo per i dialoghi stile Una mamma per amica.
Non sono pienamente d'accordo, ma comprendo benissimo

Saruman
31-08-10, 01:30:15
Visto stasera Indovina chi sposa Sally. Un consiglio? Evitatelo come la peste. Sceneggiatura ridicola, regia scialba, attori pessimi, per non parlare di fotografia, musiche e montaggio. Diciamo che l'Irlanda non va ricordata per il suo cinema...

Togg
31-08-10, 01:40:35
E mi faceva innervosire tantissimo il fatto che lei dovesse usare per forza modi "strani" per descrivere qualsiasi cosa attinente alla gravidanza per far vedere "cioè io sono giovane e parlo strano", schiaffi.

Quoto, troppo pompata la sceneggiatura.




Mi ricordi un mio amico che dice di non sopportarlo per i dialoghi stile Una mamma per amica.

Una mamma per amica è un telefilm quindi ci può stare :sisi:

Rullo
31-08-10, 01:42:17
Quoto, troppo pompata la sceneggiatura.

in originale, ripeto, non mi è sembrato così volgare ed esagerato.
fagiolo, gamberetto e quant'altro non c'erano di certo. :asd:

Boys like boobs
31-08-10, 02:56:02
inutile ripeterlo che il doppiaggio rovina quasi sempre.

che poi ti vanno a tradurre il nome di un album (Raw Power degli Stooges) con "potenza bruta" c'è qualcosa che non va.

utente 8693
31-08-10, 03:41:05
Boh, l'ho visto oggi per la prima volta e mi ha lasciato un po' così, pensavo molto meglio.
E mi faceva innervosire tantissimo il fatto che lei dovesse usare per forza modi "strani" per descrivere qualsiasi cosa attinente alla gravidanza per far vedere "cioè io sono giovane e parlo strano", schiaffi.
Questa cosa l'ho sentita dire da parecchia gente, in effetti.

Key Paradise
31-08-10, 06:18:02
http://auteurs_production.s3.amazonaws.com/stills/19247/gentlemen_prefer_blondes_1953.jpg

gentlemen prefer blondes - howard hawks
marylin monroe e jane russell s'imbarcano per parigi, dove la prima sposerà il suo ricco fidanzato. mantenere la fedeltà durante il viaggio sarà l'ultima prova prima del matrimonio e così sulle loro tracce viene messo un detective privato. commedia dagli ampi sipari musicali, regge sulle spalle (ed il resto del corpo) delle due splendide protagonista. visione dell'amore al femminile, abbozza una giustificazione per l'indubbio fascino che denaro e ricchezza operano sulle donne e fa della superficialità proprio vessillo. ottima fotografia (è il primo hawks in technicolor che vedo), qualche gag riuscita. divertente ma lontano dai suoi precedenti capolavori. manca la figura maschile.

http://thisdistractedglobe.com/wp-content/uploads/2006/09/Monkey2.jpg

monkey business - howard hawks
chimico scopre la formula per l'elisir della giovinezza. cast stellare (in un solo screen cary grant, ginger rogers, marilyn monroe... e manca charles coburn) per una variazione in chiave quasi fantascientifica della screwball-comedy, in conclusione apologo della genuina e (noiosa) vita di coppia. comicità slapstick riuscita. peccato che la monroe abbia un ruolo marginale, è bellissima.

http://www.brutalashell.com/wp-content/uploads/2010/06/FearlessVampireKillers_00.jpg

the fearless vampire killers - roman polanski
parodia del genere vampiresco che diede poi origine al filone di cui fa parte anche frankenstein junior. polanski riprende gli stilemi dei film hammer, utilizzandoli in salsa slapstick, memore dei suoi primi lavori. bellissime location, di grande suggestività nonostante il registro comico (stesso effetto che produceva il capolavoro di mel brooks, d'altronde il gotico è sempre il gotico e la transilvania conserva il suo indubbio fascino), qualche sequenza crea perfino tensione. riuscita la coppia protagonista maestro-aiutante, con il secondo interpretato dallo stesso polanski; altrettanto bravi ferdy mayne e iain quarrier nel ruolo di vampiri, presente anche sharon tate che di lì a poco sarebe stata assassinata. divertentissimo e tecnicamente impeccabile, alla fotografia douglas slocombe che avrebbe poi curato quella dei tre indiana jones.


http://www.youtube.com/watch?v=99dux-kCNfI

nocturne - lars von trier
poco da dire, mi è piaciuto molto. statico, notturno, dilatato, sussurrato, silenzioso. se avete otto minuti liberi guardatelo.

Vigo
31-08-10, 08:44:38
http://auteurs_production.s3.amazonaws.com/stills/19247/gentlemen_prefer_blondes_1953.jpg

gentlemen prefer blondes - howard hawks
marylin monroe e jane russell s'imbarcano per parigi, dove la prima sposerà il suo ricco fidanzato. mantenere la fedeltà durante il viaggio sarà l'ultima prova prima del matrimonio e così sulle loro tracce viene messo un detective privato. commedia dagli ampi sipari musicali, regge sulle spalle (ed il resto del corpo) delle due splendide protagonista. visione dell'amore al femminile, abbozza una giustificazione per l'indubbio fascino che denaro e ricchezza operano sulle donne e fa della superficialità proprio vessillo. ottima fotografia (è il primo hawks in technicolor che vedo), qualche gag riuscita. divertente ma lontano dai suoi precedenti capolavori. manca la figura maschile.

http://thisdistractedglobe.com/wp-content/uploads/2006/09/Monkey2.jpg

monkey business - howard hawks
chimico scopre la formula per l'elisir della giovinezza. cast stellare (in un solo screen cary grant, ginger rogers, marilyn monroe... e manca charles coburn) per una variazione in chiave quasi fantascientifica della screwball-comedy, in conclusione apologo della genuina e (noiosa) vita di coppia. comicità slapstick riuscita. peccato che la monroe abbia un ruolo marginale, è bellissima.

http://www.brutalashell.com/wp-content/uploads/2010/06/FearlessVampireKillers_00.jpg

the fearless vampire killers - roman polanski
parodia del genere vampiresco che diede poi origine al filone di cui fa parte anche frankenstein junior. polanski riprende gli stilemi dei film hammer, utilizzandoli in salsa slapstick, memore dei suoi primi lavori. bellissime location, di grande suggestività nonostante il registro comico (stesso effetto che produceva il capolavoro di mel brooks, d'altronde il gotico è sempre il gotico e la transilvania conserva il suo indubbio fascino), qualche sequenza crea perfino tensione. riuscita la coppia protagonista maestro-aiutante, con il secondo interpretato dallo stesso polanski; altrettanto bravi ferdy mayne e iain quarrier nel ruolo di vampiri, presente anche sharon tate che di lì a poco sarebe stata assassinata. divertentissimo e tecnicamente impeccabile, alla fotografia douglas slocombe che avrebbe poi curato quella dei tre indiana jones.


http://www.youtube.com/watch?v=99dux-kCNfI

nocturne - lars von trier
poco da dire, mi è piaciuto molto. statico, notturno, dilatato, sussurrato, silenzioso. se avete otto minuti liberi guardatelo.

Monkey Business è anche nella mia lista di quelli da vedere :D

mickes2
31-08-10, 08:46:26
crocefiggere Juno per i dialoghi inventati e dico inventati , dal doppiaggio,mi sembra eccessivo :sisi:
poi sono d'accordo che il linguaggio è scanzonato,puo piacere e puo piacere un po' meno
fagiolo non si puo sentire:tragic:

TR€NO
31-08-10, 09:53:56
mi è piaciuto Happy Family con De Luigi.....me so fatto 2 risate, non male dai

Robo@nte
31-08-10, 10:08:04
Kick-Ass



Allora, devo dire che la prima parte mi ha un pò annoiato. Nella seconda parte invece il film si riprende alla grande, mettendo in mostra scene di azione e violenza a go-go. Cage l'ho trovato abbastanza inutile se devo essere sincero, ma vabbè. Film originale, e parecchio citazionista; da Tarantino a, se vogliamo, Sergio Leone.
Un buon film, ma non di certo un capolavoro come molti dicono:sisi:
E come al solito la media di IMDb non si spiega:asd:

utente 8693
31-08-10, 10:38:21
crocefiggere Juno per i dialoghi inventati e dico inventati , dal doppiaggio,mi sembra eccessivo :sisi:
poi sono d'accordo che il linguaggio è scanzonato,puo piacere e puo piacere un po' meno
fagiolo non si puo sentire:tragic:
No le critiche che ho sentito io vengono da forum e siti americani, quindi doppiaggi originale.
Tuttavia non è che le appoggi, non avendo visto il film per intero.

mickes2
31-08-10, 10:49:15
No le critiche che ho sentito io vengono da forum e siti americani, quindi doppiaggi originale.
Tuttavia non è che le appoggi, non avendo visto il film per intero.

critiche che non comprendo francamente :tristenev:,bò sarò troppo di parte...

utente 8693
31-08-10, 10:51:53
No per carità, potresti aver ragione, dico solo che sono in tanti a criticarlo proprio per la sceneggiatura e i personaggi, anche gente che guarda film di qualità, il che non significa affatto che abbiano ragione.

Dreamer95
31-08-10, 13:20:41
Visto ieri sera Le Cronache dei Morti Viventi su Sky Cinema Max.
Un ottimo film horror, lo stile di Romero si fa come sempre sentire e ho apprezzato l' idea di riprendere il film interamente con una videocamera amatoriale, ripercorrendo le vicende dell' attacco degli zombies viste da un gruppo di studenti, che diffondono attraverso le immagini riprese la verità su quello che accade contrariamente a come fanno i media.

Un ottimo film: 8 su 10.

IL GURU
31-08-10, 15:23:56
Visti:
-Codice Genesi-The book of ely:molto bello con una trama interessante,anche se all'inizio ti annoi,la parte finale merita davvero.
-Nightmare nuovo incubo:bello e pieni di sangue:sisi:

Darko26
31-08-10, 16:45:29
"La double vie de Vèronique" di Kieslowski

http://i120.***********.com/albums/o162/ouatitw/PDVD_046.jpg

Boh, lei è perfetta, la fotografia è da sogno (in tutti i sensi), ci sono alcune scene e alcune inquadrature che mi hanno fatto venire una morsa allo stomaco per l'intensità.

utente 8693
31-08-10, 17:02:52
Io Kieslowski non so se ho il coraggio di riprenderlo.
La famosa trilogia di colori (unici suoi che ho visto) mi annoiò a morte anni fà.

notteincubo
31-08-10, 17:29:38
Visto ieri in televisione Juno(molto raro che guardo un film in tv soprattutto a quell'ora). Molto carino, belle le citazioni a Hershell Gordon Lewis.

allanon80
31-08-10, 18:26:17
visto h2odio.....horror psicologico....che di horror ha molto poco....è più un thriller introspettivo....personalmente mi ha annoiato a morte.....evitabile

l'onda.....ottimo film di "denuncia" godibile sia come filmetto serale che come film introspettivo....se vi capita,dateci uno sguardo...

Key Paradise
31-08-10, 19:11:13
si è vero, lei e bateman parlano di argento e gordon lewis :asd:

notteincubo
31-08-10, 19:16:17
COSAAAAAAAAAAA???????????????????????????????????? ??????????????:phraengo:

Si guardano the wizard of gore...:morristend:

Rullo
31-08-10, 19:35:26
:morristend:,così mi avete convinto (costretto) a guardarlo:sisi:

ma non è che ne parlano per tutto il film eh. o_o

fenucotch
31-08-10, 19:40:59
amabili resti....mi ha un pò deluso per i pezzi fatti in stile king kong....ma x il resta bella trama e ottimi attori...7,5...

Altair2
31-08-10, 19:55:19
Visto "Fargo" in BD be' il film e' uno dei migliori dei Coen il loro stile e' inconfondibile, per quanto riguarda la parte video non mi e' parso cosi' male come descritto apparte i primi dieci minuti poi migliora il dettaglio aumenta e' di molto superiore al dvd. L' audio e' discreto anche se almeno la traccia inglese poteva essere realizzata meglio.Extra non male con un documentario e il making del film,lo spot,il trailer e la galleria fotografica.
Film:8,5
Video:7
Audio:7
Extra: 7,5

Key Paradise
31-08-10, 20:18:43
http://cinegeek.com/wp-content/uploads/2009/05/el-dorado.jpg

el dorado - howard hawks
l'ho adorado. scherzo. gran bel western crepuscolare: wayne fa sempre wayne, brennan fa sempre brennan ma un po' più cazzuto, caan fa caan un po' meno cazzuto e poi c'è mitchum, se non altro il più interessante, un personaggio decadente su cui ci si poteva soffermare meglio. il film funziona, ha i suoi bei dialoghi e le sparatorie non sono affatto noiose, riesce ad alternare perfettamente parole e pallottole, il cast non ha bisogno di presentazioni, e nonostante la vecchiaia avanzi ed i miti decadano (come dice bene mitchum, ad un certo punto la sua squadra è formata da "due storpi, un giovincello ed un rompicoglioni") si affrontano gli avvenimenti sempre con la giusta ironia. poi c'è da sottolineare che io vado più per i western urbani, e questo oltre ad essere quasi totalmente ambientato in paese ha diverse sparatorie notturne.

charlesjudges
31-08-10, 20:23:37
Hai già visto Il grande sonno, di Hawks? Un noir splendido, te lo consiglio, dato che mi pare tu stia approfondendo il regista.

mickes2
31-08-10, 20:27:29
:morristend:,così mi avete convinto (costretto) a guardarlo:sisi:

guardalo,non te ne pentirai :sisi: la scena in cui tirano in ballo Lewis e Argento dura pochi minuti :D

Key Paradise
31-08-10, 20:27:47
Hai già visto Il grande sonno, di Hawks? Un noir splendido, te lo consiglio, dato che mi pare tu stia approfondendo il regista.

sì, non il mio noir preferito ma indubbiamente un film eccezionale
trama fittissima

charlesjudges
31-08-10, 20:34:31
sì, non il mio noir preferito ma indubbiamente un film eccezionale
trama fittissima

Va be', siamo d'accordo, da noir splendido a noir preferito ce ne passa. :asd:

L4GANN
31-08-10, 21:39:26
Stò rivedendo Arancia Meccanica.
Fantastico!!
Amo Kubrick, amo la sua intera filmografia!!!
Solo una cosa di Arancia meccanica non riuscirò mai ad apprezzare.. ovverosia i costumi e le scenografie.
Si vede che all epoca Kubrick non aveva tantissimi soldi a disposizione... in ogni caso il risultato finale è a dir poco lodevole.

Gli uomini come Kubrick non muoiono mai, perchè le loro opere li rendono immortali.

Rullo
31-08-10, 23:14:02
Stò rivedendo Arancia Meccanica.
Fantastico!!
Amo Kubrick, amo la sua intera filmografia!!!
Solo una cosa di Arancia meccanica non riuscirò mai ad apprezzare.. ovverosia i costumi e le scenografie.
Si vede che all epoca Kubrick non aveva tantissimi soldi a disposizione... in ogni caso il risultato finale è a dir poco lodevole.

Gli uomini come Kubrick non muoiono mai, perchè le loro opere li rendono immortali.

sono una delle cose che caratterizza il film. :asd:

bruno - ***
decisamente inferiore a borat, e si spinge anche molto più verso il demenziale, non risparmiandosi nulla. scelta coraggiosa che ho apprezzato. cohen è davvero bravissimo a fare i vari accenti (in questo caso tedesco).
purtroppo non un film apprezzabile da tutti.
finale davvero... strano.

L4GANN
31-08-10, 23:47:35
sono una delle cose che caratterizza il film. :asd:

bruno - ***
decisamente inferiore a borat, e si spinge anche molto più verso il demenziale, non risparmiandosi nulla. scelta coraggiosa che ho apprezzato. cohen è davvero bravissimo a fare i vari accenti (in questo caso tedesco).
purtroppo non un film apprezzabile da tutti.
finale davvero... strano.

Lo sò che i costumi caratterizzano il film... e a modo mio li trovo.. interessanti, ma il parrucchino della madre del protagonista non se può vede XD

Borat l'ho odiato... è un tipo di comicità che mi ha fatto venire uno sfogo sulla pelle.... Bruno stranamente sono riuscito ad... ecco non voglio usare la parola"apprezzare".. ma la sera in cui lo vidi ero in vena di farmi del male, e Bruno era il film perfetto:gab:


Gesù.. quella risatina:bah!:

Armin
31-08-10, 23:51:13
Lo sò che i costumi caratterizzano il film... e a modo mio li trovo.. interessanti, ma il parrucchino della madre del protagonista non se può vede XD

Borat l'ho odiato... è un tipo di comicità che mi ha fatto venire uno sfogo sulla pelle.... Bruno stranamente sono riuscito ad... ecco non voglio usare la parola"apprezzare".. ma la sera in cui lo vidi ero in vena di farmi del male, e Bruno era il film perfetto:gab:


Gesù.. quella risatina:bah!:

Anche per me Borat è stato terribile :asd:

Blackjack
01-09-10, 00:26:30
Visti tre film oggi, tutti su premium cinema:

-Spy game: Bel film, un po' lento nell'avvio se devo essere sincero, ma poi scorre bene ed è fatto davvero molto bene. Posso definirlo un film del mio stile: spionaggio, battaglie, movimenti complicati ma quando rivelati, molto interessanti. Voto: 7.5
-Requiem for a dream: all'inizio ero scettico, pensavo fosse molto simile a "Christiane F.". Invece è un film davvero ben fatto, profondo, un po' incasinato ma molto, molto interessante e piacevole da vedere. La canzone base del film poi è splendida. Voto: 8
-La rivolta delle ex: L'ho cominciato a 15 minuti dall'inizio, poichè requiem for a dream finiva un po' più tardi dell'inizio. Film abbastanza scorrevole e piacevole, anche perchè basato sul classicone di natale di dickens reinterpretato alla "fidanzata del passato, presente e futuro". Un po' smielato e soprattutto prevedibile il finale. Voto 6.5

utente 8693
01-09-10, 01:46:13
Non guarderò mai Requiem for a Dream solo per il theme, non mi importa, manco fosse il più grande capolavoro della storia del cinema, quando sento quel theme, mi viene uno sfogo rosso sul 70% dell'epidermide.
E data la presenza di Jennifer Connelly, me lo vedrei pure volentieri. :asd:

EmptyShades
01-09-10, 01:49:16
Stra-abusato ?

utente 8693
01-09-10, 02:06:07
Stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra- stra-abusato ?
Appunto.

Master Kamper
01-09-10, 04:08:04
Visto:
Giustizia Privata.

Affascinante e tecnico,perora uno dei migliori film di quest'estate :)

∆CH∆I∆H
01-09-10, 05:45:20
Dal tramonto all'alba....
e The Wrestler....

Key Paradise
01-09-10, 07:58:24
http://www.dvdtimes.co.uk/protectedimage.php?image=NoelMegahey/elementofcrime1.jpg

forbrydelsens element - lars von trier
noir che per struttura strizza fortemente l'occhio a certa hollywood: omicidio, dark lady, investigatore, capo della polizia che ovviamente conosce quest'ultimo... e d'altronde i nomi dei protagonisti paiono pura dichiarazione d'intenti (fisher, kim, osbourne, kramer). magari se ne poteva fare a meno, ad ogni modo il film parte da questi elementi per percorrere tutt'altra strada. anticipa l'immedesimazione totale nel killer come metodo investigativo, componente che sarà poi anche leit-motiv di opere americane quali manhunter e to live and die in los angeles. l'intera vicenda è presentata come ricordo sotto ipnosi: la narrazione è quindi instabile, rasenta sempre il filo dell'onirico seppur a conti fatti si presenti perfettamente comprensibile. messinscena e regia sono le vere protagoniste: von trier fa più volte riferimento al fatto di trovarsi in europa, nel bel mezzo del continente europeo, al centro del continente. la pone in contrapposizione al cairo, città da cui il film parte. lo spazio in cui si svolge il film pare questione fondamentale per il regista: l'europa è presentata come una terra oramai alla deriva, una fogna, zona aliena, distopica (tarkovskij?), costantemente bagnata dalla piogga, immersa nella notte, in acque ristagnanti ed edifici decadenti (blade runner). ne deriva che ogni personaggio è lurido ed inevitabilmente corrotto. come si nota dallo screen, la scelta cromatica è di virare verso pesante giallo-arancio, spezzato solo dalla fluorescenza di luci al neon. la regia è fluida, la camera in movimento, si sofferma su particolari della scenografia spesso oscurati, mentre attraverso il montaggio spazi ed azioni distanti sono legati senza soluzione di continuità, probabilmente sempre in funzione e conseguenza dell'ipnosi. opera solo in apparenza distaccata, in realtà pulsante, totalmente presa ed immersa nella propria materia filmica. un esordio di questa portata merita attenzione, comincio seriamente a credere di aver sottovalutato questo tizio.

finito, ***** che bel commento che ho scritto.

Togg
01-09-10, 09:54:59
Dal tramonto all'alba

I "nonlopossodire" più divertenti di sempre :asd:
Ripetitivo in alcuni frangenti ma non importa più di tanto.

8

Robo@nte
01-09-10, 10:30:15
Il Sesto Senso

Visto per la seconda volta. Allora, già più di una volta ho detto che amo Shyamalan, quindi non lo ripeto per l'ennesima volta:asd:
Un film che ha fatto epoca, ma secondo me resta sopravvalutato. La prima volta che lo vidi mi era piaciuto, ma non mi aveva colpito più di tanto. Scorre che è una meraviglia, quello si, e alcune scene da sole valgono il film (la scena della videocassetta...spiazzante). Tuttavia ho adorato il regista in questione per altri suoi film (The Village, il suo vero capolavoro), e questo Sesto Senso, a differenza degli altri, non mi ha lasciato molto dentro. Insomma, un thriller che senza dubbio merita di essere visto, anche per il colpo di scena finale che è entrato nell'immaginario collettivo, ma pur sempre un pelino sopravvalutato (per me). Prima parte da 8, seconda parte da 6.

Marcus91
01-09-10, 10:42:21
Visto "la mosca"

mickes2
01-09-10, 11:08:25
Dal tramonto all'alba

I "nonlopossodire" più divertenti di sempre :asd:
Ripetitivo in alcuni frangenti ma non importa più di tanto.

8

finalmente l'hai visto,troppo figo :asd:
prima parte Tarantino style,seconda Rodriguez style

Altair2
01-09-10, 12:51:04
"Sweeney Todd" in BD il film conferma la bravura di Burton (il suo stile si avverte molto)anche in un genere che non è da lui ottimo anche Depp, il video è più che buono molto dettagliato considerando che praticamente il 90% delle scene sono buie,l'audio discreta la traccia italiana ottima quella inglese,gli extra sono ottimi.
FILM:8,0
VIDEO:8,7
AUDIO:8
EXTRA:9

Vashy
01-09-10, 14:09:39
Codice Genesi: mi aspettavo di più, poco sopra la sufficienza comunque :sisi:

Togg
01-09-10, 14:27:37
A Nightmare on Elm Street

Bhe questi si che erano effetti speciali, altro che cagatelle in CG.

8

ciro76
01-09-10, 15:17:13
Ieri ho rivisto con piacere facendo un tuffo nel passato "senza esclusione di colpi" nel suo genere e' un piccolo capolavoro

James
01-09-10, 20:03:44
rivisto:

FREAKS

35212

Capolavoro,anche se la canzone del matrimonio in Italiano la ricordavo sottotitolata e non doppiata in modo osceno:rickds:
Filmone

Rullo
01-09-10, 21:45:25
donnie darko - ***+
mi aspettavo qualcosina in più, soprattutto per quanto riguarda le musiche non mi ha stupito molto. al contrario invece il finale mi è molto piaciuto.

Rob917
01-09-10, 21:57:32
http://thecia.com.au/reviews/h/images/hot-fuzz-poster-1.jpg


tempo fa avevo visto l'alba dei morti dementi, sempre di edgar wright, e sempre con la coppia Simon Pegg e Nick Frost, devo dire che ormai mi sono affezionato a questi 2, e mi sto affezionando anche al regista, i suoi film sono molto particolari, e molti fanno l'errore di scambiarli per dei film di parodia di altri film; è un film che non si prende sul serio, ma è sempre un film completo, non è come gli scary movie e simili che non hanno ne capo ne coda, l'ironia usata non è di quelle che ti fa rotolare giu dal divano dalle risate, ma è simpaticissimo come film, e non va continuamente sul volgare come succede di solito.

il film è pieno di autocitazioni, è talmente lungo il film che si cita da solo in alcune parti, e non solo c'è anche una citazione dell'alba dei morti dementi, ovvero quando dice "hai mai preso una scorciatoia?" e la scena è praticamente identica a quella :asd:

se lo si prende per il verso giusto il film risulta scorrevole e passa in fretta, io stesso la prima volta mi è sembrato un po strano, qualche giorno dopo l'ho rivisto ed è passato anche piuttosto in fretta ed ho riso anche di più.

se devo dargli un voto... gli do un 7.5

mickes2
01-09-10, 23:19:06
Scuola per canaglie di Todd Phillips

commedia molto carina e spensierata,non proprio quella che ti fà morire dalle risate,ma che comunque è caratterizzata da un buon intreccio a livello di trama e da due bravissimi attori come Jon Heder e Billy Bob Thornton,quest'ultimo sempre in versione "bàstardo" :rickds:

voto:7+

ora si cambia registro,upcoming next :

Requiem for a dream
La sottile linea rossa
Lost in traslation :gab:

L4GANN
01-09-10, 23:25:31
finalmente l'hai visto,troppo figo :asd:
prima parte Tarantino style,seconda Rodriguez style

Molto, molto, molto meglio la prima parte.
Questioni di gusti ovviamente, d'altronde Tarantino è il mio regista preferito.

---------- Post added at 23:25:31 ---------- Previous post was at 23:24:33 ----------


Visto "la mosca"

Good movie :)

mickes2
01-09-10, 23:28:03
Molto, molto, molto meglio la prima parte.
Questioni di gusti ovviamente, d'altronde Tarantino è il mio regista preferito.


quoto quoto :sisi: ,la prima parte è poesia pura

p a n z e r
01-09-10, 23:40:46
Ho appena finito di vedere La Chute de la Maison Usher di Epstein, sopratutto dopo le ottime impressioni di Key e avendo già letto (e apprezzato) tempo fa il racconto da cui si ispira.

Splendido, veramente. Piuttosto diverso dal racconto, sfrutta la magnifica ambientazione per svolgervi un'altra storia (o quasi). Un compito per niente facile visto che il racconto è di un certo Edgar Allan Poe, ma al confronto l'opera di Epstein non sfigura minimamente. La casa è stata riprodotta in maniera incredibile, mostrando interni enormi e al tempo stesso assolutamente spogli, con lunghissime tende alle pareti e quel poco di luce che filtra dalle poche finestre. La natura che circonda il luogo va di pari passo con l'ambiente al suo interno, alberi senza foglie e desolazione assoluta.
Questo paesaggio fa da sfondo alla storia di Roderick Usher e sua moglie Madeleine, affetta da un male non riconducibile a niente che la scienza abbia già incontrato. Preoccupato per questo, in perenne stato d'ansia e forse in cerca di conforto, Roderick invia una lettera a un suo amico d'infanzia chiedendogli se poteva raggiungerlo (sia nel racconto che nel film il nome dell'ospite rimane un mistero). Il film inizia così, con l'amico che si reca a una locanda in cerca di un mezzo per raggiungere casa Usher. Una volta raggiunta quindi destinazione (non dopo essersi scontrato con la superstizione delle persone del luogo, le quali non vedevano di buon occhio quel posto) lo accoglie calorosamente Roderick, e fa anche subito la conoscenza del medico di famiglia, il quale si sta prendendo cura (invano) di Madeleine. Raggiunta quindi la sala più grande della casa l'ospite nota un meraviglioso dipinto di Madeleine, e Roderick gli spiega come un'antica tradizione di famiglia vuole che il marito si dedichi totalmente alla realizzazione di un ritratto della propria moglie. Alla vista di quel quadro il medico nota come la figura dipinta abbia un'aria viva, a dispetto delle reali condizioni della donna. Una volta lasciata la sala, Roderick invita l'amico a fare due passi intorno alla dimora, in quanto voleva essere lasciato in pace per ultimare il suo lavoro. L'amico acconsente, e una volta iniziato Roderick viene raggiunto dalla moglie, sempre più debole. E' qui che inizia a prendere totalmente forma il mistero, sembra infatti che a ogni pennellata data al dipinto Medeleine venga privata di un po' di forza vitale. Roderick continuerà finchè la donna non muore.
Assistiamo quindi a una serie di sequenze incredibili, che non sto a raccontare per paura di rovinare dei particolari a qualcuno. Basta dire che alcune immagin sono incredibilmente evocative, possiedono una forza incredibile, e diverse trovate mi hanno lasciato letteralmente a bocca aperta (o almeno, non ho ancora visto nulla del genere in un altro film di quell'epoca).

Mamma quanto sono contento di avere visto questo film :sisi:

Key Paradise
02-09-10, 00:01:17
bravo bravissimo :sisi:

Rullo
02-09-10, 01:51:04
la sottile linea rossa - ****+
sono senza parole. montaggio sonoro incredibile (si nota sulla collina soprattutto). come primo malick direi che non c'è male.
nient'altro da dire che non sia già stato detto.

Togg
02-09-10, 02:59:55
Martyrs

Bhe non male.
Si difende bene in entrambe le parti. Trucco e parrucco migliorabile. Solita storia la congregazione e il finale.

7,2

Masterchief95
02-09-10, 07:19:06
Fired Up-
Bel film a mio parere,comico e con tante ragazze :asd:
Voto:7,9

mickes2
02-09-10, 08:42:56
Martyrs

Bhe non male.
Si difende bene in entrambe le parti. Trucco e parrucco migliorabile. Solita storia la congregazione e il finale.

7,2

solo?:tragic:

Saruman
02-09-10, 08:59:16
Visto finalmente Urlo, film che tratta la vicenda del processo a Ferlinghetti con accusa di oscenità dopo la pubblicazione di "Howl" (Urlo, appunto) di Allen Ginsberg. Il film è praticamente perfetto. A prescindere dal fatto che la storia è interessantissima (soprattutto per gli amanti della beat-generation, che NON possono perderselo), anche a livello tecnico è realizzato ottimamente: ottima sceneggiatura, regia molto pulita e precisa, cast di attori assolutamente all'altezza (impressionante James Franco nei panni dello stesso Ginsberg), bellissime le sezioni animate, ideate dallo stesso Ginsberg. Insomma, un film assolutamente da vedere. Consigliatissimo a tutti.

Vall77
02-09-10, 09:41:08
Visto finalmente Urlo, film che tratta la vicenda del processo a Ferlinghetti con accusa di oscenità dopo la pubblicazione di "Howl" (Urlo, appunto) di Allen Ginsberg. Il film è praticamente perfetto. A prescindere dal fatto che la storia è interessantissima (soprattutto per gli amanti della beat-generation, che NON possono perderselo), anche a livello tecnico è realizzato ottimamente: ottima sceneggiatura, regia molto pulita e precisa, cast di attori assolutamente all'altezza (impressionante James Franco nei panni dello stesso Ginsberg), bellissime le sezioni animate, ideate dallo stesso Ginsberg. Insomma, un film assolutamente da vedere. Consigliatissimo a tutti.

Interessante. Confesso che non ne conoscevo l'esistenza^^
Con gli anni mi sono allontanato dalla beat-generation ma quei poeti e scrittori hanno avuto un ruolo importante nella mia formazione, a cominciare da "On the road" letto a 14 anni. Ginsberg l'ho anche visto di persona (assistendo ad un suo reading) una quindicina di anni fa a Milano.

Robo@nte
02-09-10, 10:04:09
Sukiyaki Western Django



Il film il più delle volte annoia, e quindi tutto questo intrattenimento che mi sarei aspettato non c'è stato. Va detto comunque che la pellicola in questione dal punto di vista estetico è un gioilellino non da poco. Una fotografia che gioca tutto su toni caldi e accesi, fino ad arrivare al rosso, il colore per eccellenza del film. Insomma, un film che omaggia il western all'italiana, ma che pecca in alcune cose, primo su tutti una sceneggiatura non delle migliori. Cinefilia allo stato puro.

p a n z e r
02-09-10, 10:08:33
Visto finalmente Urlo, film che tratta la vicenda del processo a Ferlinghetti con accusa di oscenità dopo la pubblicazione di "Howl" (Urlo, appunto) di Allen Ginsberg. Il film è praticamente perfetto. A prescindere dal fatto che la storia è interessantissima (soprattutto per gli amanti della beat-generation, che NON possono perderselo), anche a livello tecnico è realizzato ottimamente: ottima sceneggiatura, regia molto pulita e precisa, cast di attori assolutamente all'altezza (impressionante James Franco nei panni dello stesso Ginsberg), bellissime le sezioni animate, ideate dallo stesso Ginsberg. Insomma, un film assolutamente da vedere. Consigliatissimo a tutti.

Come film mi interessa moltissimo, ma ammetto di non conoscere minimamente questa corrente letteraria. Prima di andarlo a vedere comunque ho già intenzione di leggere ALMENO Urlo di Ginsberg (oggi a costo di girare tutta Milano devo assolutamente trovare la versione con testo inglese a fronte), ma dici che è troppo poco? Ci sono autori che devono essere letti per forza?

Vall77
02-09-10, 10:17:54
Come film mi interessa moltissimo, ma ammetto di non conoscere minimamente questa corrente letteraria. Prima di andarlo a vedere comunque ho già intenzione di leggere ALMENO Urlo di Ginsberg (oggi a costo di girare tutta Milano devo assolutamente trovare la versione con testo inglese a fronte), ma dici che è troppo poco? Ci sono autori che devono essere letti per forza?

Invecchiati male o meno, direi almeno qualcosa di Kerouac e W. Burroughs

p a n z e r
02-09-10, 10:29:15
Ma Burroughs è quello de Il pasto nudo? Già mi interessava leggerlo, a questo punto gli do la precedenza :sisi:

Vall77
02-09-10, 10:47:40
Ma Burroughs è quello de Il pasto nudo? Già mi interessava leggerlo, a questo punto gli do la precedenza :sisi:

sì sì è lui, preparati ad un vero delirio allucinatorio, ma credo conservi il suo fascino anche oggi ^^

Kerouac sicuramente molto più accessibile, forse rischia di risultare un pò noioso oggi, ma senz'altro ha un peso importante nella letteratura. Sulla strada, o I vagabondi del Dharma, sono i libri che consiglierei

Togg
02-09-10, 13:12:36
solo?:tragic:

Bhe si :(
Di più sarebbe esagerato :sisi:

IL GURU
02-09-10, 15:00:03
Visto Il Villaggio de Dannati,carino,ma niente di più

Buddha94
02-09-10, 16:07:53
Visto I mercenari. Davvero un ottimo film d'azione, come tutti i film del genere la trama non è nulla di che ma le scene d'azione sono davvero epiche. Ci sono molti riferimenti alla carriera degli attori, in particolare Stallone e Rourke. Ci sono anche i cameo di Willis e Schwarzenegger con una battuta sulla carriera politica intrapresa da quest'ultimo. Un film che consiglio a tutti gli appassionati del genere per godersi due ore spensierate a suon di sparatorie e ossa rotte.
Voto: 8

Robo@nte
02-09-10, 16:49:18
Bhe si :(
Di più sarebbe esagerato :sisi:

son d'accordo con te sul voto, e lo stesso vale per A L'interieur:asd:
Entrambi non meritano più del 7:sisi:

mickes2
02-09-10, 16:58:25
son d'accordo con te sul voto, e lo stesso vale per A L'interieur:asd:
Entrambi non meritano più del 7:sisi:

:tragic::tragic:

Robo@nte
02-09-10, 16:59:32
:tragic::tragic:

eh lo so, so fatto così, pretendo una trama decente oltre che una violenza estrema:asd:

medicine bottle
02-09-10, 17:09:08
ok, roboante vi ha dato parecchio materiale per i vostri insulti nel periodo della mia assenza :rickds:

mickes2
02-09-10, 17:18:38
eh lo so, so fatto così, pretendo una trama decente oltre che una violenza estrema:asd:

per A l'interieur ci sta,anche se c'è un buon motivo di fondo per tutto quello che succede,ma ok è esagerato nello svolgimento e la trama è ridotta all'osso,
ma su Martyrs no,c'è una buona trama e lo svolgimento ti prende moltissimo,è proprio un pugno nello stomaco quel film imho :sisi:

James
02-09-10, 17:28:17
per A l'interieur ci sta,anche se c'è un buon motivo di fondo per tutto quello che succede,ma ok è esagerato nello svolgimento e la trama è ridotta all'osso,
ma su Martyrs no,c'è una buona trama e lo svolgimento ti prende moltissimo,è proprio un pugno nello stomaco quel film imho :sisi:

Devi guardare il lato positivo,non si è messo a ridere:sisi:forse...

Togg
02-09-10, 18:21:38
Devi guardare il lato positivo,non si è messo a ridere:sisi:forse...

Veramente ci sono state delle scene troppo lollose :rickds:

Penso a Gollum o alla "bussa e spara" :sisi:

James
02-09-10, 18:47:47
Veramente ci sono state delle scene troppo lollose :rickds:

Penso a Gollum o alla "bussa e spara" :sisi:
Gollum un cavolo,quella ti spacca in 2:sisi:

Key Paradise
02-09-10, 18:50:57
http://4.bp.blogspot.com/_CDDQKPO3sPo/Sxhaiug3UJI/AAAAAAAAChU/wXm0DPHyka8/s400/E2_title.jpg

epidemic - lars von trier
lo screen racchiude perfettamente l'obiettivo (od uno degli obiettivi, quantomeno quello portante) del film: sdoppiare un'opera, scriverla e raccontarla. cos'è epidemic? due scenggiatori realizzano uno script, ma prima che lo inviino al produttore, esso va perduto; entrambi sfruttano così i giorni rimanenti alla consegna per realizzare una nuova storia che descrive un'epidemia non meglio identificata. il legame tra l'opera ed il mondo che circonda gli autori, oltre che da una narrazione costruita secondo l'intersecamento delle due dimensioni, si evince dai continui spunti (decisamente concreti) che i due ricavano dalla malata realtà circostante per la stesura del testo. di fatto del film ci vengono mostrati pochi passaggi e non troppo chiari, il resto è raccontato attraverso le stesse parole dei protagonisti, suggerito dalle loro descrizioni, immaginato attraverso le sensazioni che vediamo provare da una delle attrici nel finale, immersa nel film epidemic attraverso l'ipnosi. qual'è il vero epidemic dunque? nonostante non ci venga mostrato nulla, siamo riusciti a vederlo? esperimento interessante, a contatto con lo spettatore nonostante si basi sull'altra faccia del cinema, quella dei personaggi dietro la produzione; opera statica, dialogata, concede pochi momenti al cinema-cinema a differenza del lavoro precedente, realizzata con due soldi in uno sgranato bianco e nero. nel bene e nel male tenta sempre nuove possibilità.

Robo@nte
02-09-10, 19:34:55
ok, roboante vi ha dato parecchio materiale per i vostri insulti nel periodo della mia assenza :rickds:

sempre pronto per queste cose:asd:

---------- Post added at 19:34:55 ---------- Previous post was at 19:34:19 ----------

si martyrs una trama ce l'ha, mi riferivo a A l'interieur:sisi:

mickes2
02-09-10, 19:42:10
Devi guardare il lato positivo,non si è messo a ridere:sisi:forse...

Perdonalo James :sisi:

Togg
02-09-10, 21:03:16
Lost in translation

Immergersi in un mondo con delle persone che non viaggiano al tuo stesso battito ti immerge in un'atmosfera particolare. La Coppola prende due personaggi di età diverse e ne analizza minuziosamente l'incapacità di entrare in contatto col resto delle persone, o meglio il contrario. I dialoghi sono dosati con parsimonia ma dotati di un particolare ritmo. Volto sempre a creare quella particolare atmosfera.
Tanti sguardi, pilastri della pellicola, ma che non ricadono mai in una esplicitazione fastidiosa.
Le scene sono prevalentamente al chiuso, nonostante le frequenti viste di grandi esterni, forse l'unica cosa che personalmente avrei voluto vedere in più. Ma sarebbe stato un altro film.
I due matrimoni "falliti" dei protagonisti si sfiorano ma senza mai veramente riuscire a unirsi. Non ce n'è la possibilità. O ci sarebbe ma ormai si è talmente invischiati da non riuscire più a uscirne.

Meritato l'oscar alla sceneggiatura.
E ci sarebbe voluto anche quello alla fotografia.

9

Rullo
02-09-10, 21:04:54
Lost in translation

Immergersi in un mondo con delle persone che non viaggiano al tuo stesso battito ti immerge in un'atmosfera particolare. La Coppola prende due personaggi di età diverse e ne analizza minuziosamente l'incapacità di entrare in contatto col resto delle persone, o meglio il contrario. I dialoghi sono dosati con parsimonia ma dotati di un particolare ritmo. Volto sempre a creare quella particolare atmosfera.
Tanti sguardi, pilastri della pellicola, ma che non ricadono mai in una esplicitazione fastidiosa.
Le scene sono prevalentamente al chiuso, nonostante le frequenti viste di grandi esterni, forse l'unica cosa che personalmente avrei voluto vedere in più. Ma sarebbe stato un altro film.
I due matrimoni "falliti" dei protagonisti si sfiorano ma senza mai veramente riuscire a unirsi. Non ce n'è la possibilità. O ci sarebbe ma ormai si è talmente invischiati da non riuscire più a uscirne.

Meritato l'oscar alla sceneggiatura.
E ci sarebbe voluto anche quello alla fotografia.

9

chi l'ha vinto per la fotografia, al suo posto?

Key Paradise
02-09-10, 21:25:05
Lost in translation

Immergersi in un mondo con delle persone che non viaggiano al tuo stesso battito ti immerge in un'atmosfera particolare. La Coppola prende due personaggi di età diverse e ne analizza minuziosamente l'incapacità di entrare in contatto col resto delle persone, o meglio il contrario. I dialoghi sono dosati con parsimonia ma dotati di un particolare ritmo. Volto sempre a creare quella particolare atmosfera.
Tanti sguardi, pilastri della pellicola, ma che non ricadono mai in una esplicitazione fastidiosa.
Le scene sono prevalentamente al chiuso, nonostante le frequenti viste di grandi esterni, forse l'unica cosa che personalmente avrei voluto vedere in più. Ma sarebbe stato un altro film.
I due matrimoni "falliti" dei protagonisti si sfiorano ma senza mai veramente riuscire a unirsi. Non ce n'è la possibilità. O ci sarebbe ma ormai si è talmente invischiati da non riuscire più a uscirne.

Meritato l'oscar alla sceneggiatura.
E ci sarebbe voluto anche quello alla fotografia.

9

!!!


chi l'ha vinto per la fotografia, al suo posto?

master and commander

Ctekcop
02-09-10, 21:42:41
ah ne avevo chiesto info quì settimana scorsa mi pare, ed ho visto The dead zone, tratto dall'omonimo libro di King....
devo dire che il film è veramente bello (come il libro del resto) e merita davvero, nonostante sapessi già ciò che succedeva ero incollato allo schermo, veramente ottime la regia e la colonna sonora, incredibilmente epiche e perfette oltre che magniloquenti le performance di Walken e Sheen (tra l'altro m'ha fatto impressione vederli così giovani - addirittura stavo quasi per scambiare Martin col figlio Charlie.....)....
da vedere subito a prescindere se non lo avete ancora visto!

Togg
02-09-10, 22:03:59
!!!


non so con precisione cosa vuoi dire ma: <3



master and commander

:sisi:

:bah!:

Vigo
02-09-10, 23:53:00
Da grande con Pozzetto
Personalmente adoro Pozzetto, e ho riso proprio di gusto con questo film :asd: La premessa è semplicissima (con Marco, nove anni, che improvvisamente diventa un adulto) però fa in modo da incatenare una scena esilarante dopo l'altra (e soprattutto grazie allo stile di recitazione di Pozzetto, che ricorda neanche troppo vagamente mio nonno :rickds:). Stavo soffocando nella scena in cui prova a farsi la barba, o in quella in cui piange per il Lego nel negozio.

Armin
02-09-10, 23:59:11
Visto S. Darko :sisi:
E' la sottomarca del film Donnie Darko, scene paranormali troppo estremizzate e per il resto è la brutta copia del "predecessore".
Sono ufficialmente innamorato della protagonista :stema2:
Voto 6,5 ;)

boogie
03-09-10, 00:08:40
Visto in tivì Serpico. Tratto da una storia vera, narra dei tentativi di un integerrimo poliziotto newyorkese atti a contrastare la corruzione dilagante nel corpo di polizia stesso

Bravissimo Al Pacino, per il resto il film l'ho apprezzato (ovviamente) più per la tematica sociale che per particolari qualità prettamente filmiche o narrative. Comunque, resta un film che ha davvero tanto da dire. Da vedere

Rullo
03-09-10, 01:12:41
serpico - ***
parte bene, ma si perde un po' per strada. bravo al pacino (a fare l'italiano :rickds:), come del resto ci ha abituati.


the expendables - ***
decisamente pieno d'azione, talvolta splatterosa talvolta "classica". cast d'eccezione (con diverse comparse importanti). la trama non è originale, in ogni caso riesce comunque a farsi seguire, rendendo alcuni clichee nemmeno così evidenti, come in altri film. divertente, ma non da prendere assolutamente come film serio, perchè non lo è.

L4GANN
03-09-10, 02:14:48
Million dollar baby.
Clint eastwood si stà facendo a pugni un posto nella mia top five dei miei registi preferiti.
Alla fine del film sono arrivato a trattenere a stento le lacrime.

Commovente e affascinante.

Robo@nte
03-09-10, 09:36:54
:sisi:

:bah!:
bè aspè, master and commander ha una grande fotografia...

Buddha94
03-09-10, 10:48:01
Ieri sera ho visto Giustizia privata. Troppo irreale per i miei gusti.

Armin
03-09-10, 13:20:03
bè aspè, master and commander ha una grande fotografia...

Il film però era una boiata pazzesca :asd:

Togg
03-09-10, 14:11:06
8 donne e un mistero Ozon

Stile teatrale onnipresente in questa indagine sull'omicidio dell'unico uomo del film.
Interpretazioni coinvolgenti, Isabelle Huppert mi ha fatto morire dalle risate :asd:
Emmanuelle Béart è di una bellezza sconvolgente.
Avevo "quasi" indovinato chi era l'assassino :D

8

boogie
03-09-10, 14:26:38
Visto I giorni del cielo. Conferma tutte le aspettative, davvero una gioia per gli occhi, stupende le inquadrature dei dettagli e le scene di vita rurale come quella del raccolto, che per quanto lunghe non annoiano. Incredibili anche le musiche di Morricone

Robo@nte
03-09-10, 14:46:55
Il film però era una boiata pazzesca :asd:

mah, non è di certo un capolavoro, però non era malvagio:unsisi:

Me lo devo rivedere:sisi:

L4GANN
03-09-10, 21:34:18
Il film però era una boiata pazzesca :asd:

Perchè?A me non è dispiaciuto.

Armin
03-09-10, 21:40:24
Perchè?A me non è dispiaciuto.

Per tutto il film si attende una battaglia epica che alla fine dura 3 minuti...una noia mortale :facepalm:
Stesse sensazioni con Le Crociate :sisi:

Darkanno
04-09-10, 15:11:09
Ieri su Fox c'era la serata "Fear Itself" hanno fatto due film,uno echi del passato,e il libro maledetto...Che dire due film mediocri :sisi:

Key Paradise
04-09-10, 15:41:59
http://www.paraethos.com/images/europa.jpg

europa - lars von trier
bellissimo. una miniera d'invenzioni visive applicate alla storia di un'idealista americano trapiantato nella germania del dopoguerra. ma la trama, sebbene perfettamente strutturata e narrata (e scorrevolissima, e coerente, e perfino divertente) ha poco rilevanza. tutto poggia su un cinema allo stato puro, libero, esagerato, espressionista. fuori dal tempo.

qualche esempio:

http://www.dvdbeaver.com/film/DVDReviews16/von%20trier/Europa_Sp_013604.jpg
http://www.dvdbeaver.com/film/DVDReviews16/von%20trier/Europa_Sp_003840.jpg
http://3.bp.blogspot.com/_caaFwRlZM8E/SVvLaSMIb9I/AAAAAAAALuk/8s36Awt3P-k/s400/macasev-europa2.jpg
http://cynicritics.files.wordpress.com/2010/07/europa.png?w=465&h=357

Sebaryu
04-09-10, 15:54:48
"I mercenari"
Mi sono divertito veramente tanto, tralasciando ovviamente che è un film privo di trama.
Botte da orbi, proiettili, esplosioni, napalm, scontri corpo a copro, arti spezzati, chopper, tatuaggi e molto altro...ecco a cosa vi troverete di fronte.
Bello ed adenalinico, grandi Sly (per l'età che ha è in formissima), Rourke (anche se ormai sono 3/4 film che ha sempre lo stesso identico look) e Lundrgren, divertenti i camei di Schwazy e Willis, bravissimo Statham (il presente e futuro degli action movie è lui)...
Sono uscito dal cinema con la voglia di demolire un auto con un bazooka.

Voto 8

Rullo
04-09-10, 16:35:21
la sposa cadavere - **+
mi aspettavo di più.

scott pilgrim vs the world - ****
è un peccato che non ci sia splatter come negli altri due, ma devo dire che -come sempre- il montaggio superbo di wright, e i divertentissimi effetti speciali mi hanno fatto dimenticare il "problema".
primo film US ottimo, bravo cera anche in questo ruolo d'azione.

mickes2
04-09-10, 17:48:01
The Wrestler di Darren Aronofsky

è il primo film di Aronofsky che guardo,e mi ha colpito moltissimo,a tratti abbastanza crudo,proprio per trasmettere allo spettatore lo stato di sofferenza del protagonista,grandiosa la regia ,con molto "carattere",a tutto ciò si aggiunge il fascino della camera mobile che a me piace moltissimo,e con queste riprese di spalle,quasi a non voler far vedere il declino subìto nei lunghi anni di carriera,con il viso ormai stravolto...
La storia di questo wrestler è appassionante ed a tratti commovente , Mickey Rourke la interpreta proprio alla grande.

voto: 8.5

James
04-09-10, 17:58:58
Rivisti:
Il Monello e Vita da Cani by Chaplin

Il monello è uno dei miei preferiti,vita da cani pure:sisi:
Non riesco mai a valutare bene i film di Chaplin,troppo avanti nelle trame e nei tempi..per me sono tutti belli.

Ho scoperto solo oggi che il bambino del monello sarebbe diventato lo Zio Fester degli Addams.

charlesjudges
04-09-10, 18:13:58
http://angam.ang.univie.ac.at/class/ko/Fargo/fargo.jpg

Come ricordavo, non riesco a trovare difetti in questo film. Sceneggiatura, recitazione, luci, ambientazione, suoni, dialoghi, regia, tutti elementi che riescono a regalare quell'atmosfera quasi grottesca cui ci hanno abituato i fratelli Coen. Incredibile come lo script si avvicini, lato sensu, a quello di Onora il padre e la madre (chi li ha visti entrambi può immaginare a cosa io mi riferisca, tanto che la prima volta che vidi il film di Lumet mi balzò subito alla mente l'idea di fondo) ma come allo stesso tempo siano due film di generi tanto diversi, adoro l'umorismo nero come la pece di cui è impregnata questa pellicola. Oserei definirlo il migliore dei Coen, sicuramente è tra i miei preferiti. - *****

James
04-09-10, 18:15:51
http://angam.ang.univie.ac.at/class/ko/Fargo/fargo.jpg

Come ricordavo, non riesco a trovare difetti in questo film. Sceneggiatura, recitazione, luci, ambientazione, suoni, dialoghi, regia. Oserei, a caldo, definirlo il migliore dei Coen, sicuramente è tra i miei preferiti. - *****

Dato che con i Coen ho un rapporto di amore/odio "Fargo" per me è il loro miglior film.

Robo@nte
04-09-10, 18:17:04
scott pilgrim vs the world - ****
è un peccato che non ci sia splatter come negli altri due, ma devo dire che -come sempre- il montaggio superbo di wright, e i divertentissimi effetti speciali mi hanno fatto dimenticare il "problema".
primo film US ottimo, bravo cera anche in questo ruolo d'azione.

azz, quindi è bello??? Mi incuriosiva molto effettivamente...

Rullo
04-09-10, 18:20:29
http://angam.ang.univie.ac.at/class/ko/Fargo/fargo.jpg

Come ricordavo, non riesco a trovare difetti in questo film. Sceneggiatura, recitazione, luci, ambientazione, suoni, dialoghi, regia. Oserei, a caldo, definirlo il migliore dei Coen, sicuramente è tra i miei preferiti. - *****

è decisamente il loro miglior film, tra quelli che ho visto. non è un paese per vecchi ci si avvicina molto però.

azz, quindi è bello??? Mi incuriosiva molto effettivamente...

sisi, merita sicuramente.

mickes2
04-09-10, 18:26:00
http://angam.ang.univie.ac.at/class/ko/Fargo/fargo.jpg

Come ricordavo, non riesco a trovare difetti in questo film. Sceneggiatura, recitazione, luci, ambientazione, suoni, dialoghi, regia, tutti elementi che riescono a regalare quell'atmosfera quasi grottesca cui ci hanno abituato i fratelli Coen. Incredibile come lo script si avvicini, in senso lato, a quello di Onora il padre e la madre (chi li ha visti entrambi può immaginare a cosa io mi riferisca, tanto che la prima volta che vidi il film di Lumet mi colpì questo particolare) ma come allo stesso tempo siano due film di generi tanto diversi, adoro l'umorismo nero come la pece di cui è impregnata questa pellicola. Oserei, a caldo, definirlo il migliore dei Coen, sicuramente è tra i miei preferiti. - *****

dopo aver visto 8 film dei Coen,questo lo reputo il mio preferito fin'ora :sisi:
anche il BD gode di un'ottimo trasferimento

p a n z e r
04-09-10, 18:55:27
http://www.imdb.com/title/tt0422401/

5,8, ma andassero a zappare.

Un old school american horror ci avevano promesso e un old school american horror ci hanno dato. Grottesco, ultra-violento, esasperante, tette, c'è un mostro che è elephant man, ancora sangue, ancora tette, la Feldman è molto gnocca, altro sangue. La palude ha sempre il suo fascino, e questo piccolo gioello dell'horror è stata una vera rivelazione. Ma è datato 2006? E dai noi arriva solo ora? E ma che bello.

Nel finale ero tipo in piedi a urlare

VOGLIO UN CRISTO DI COCCODRILLO CHE LI AMMAZZI ENTRAMBI. E loro mi riportano in vita per l'ennesima volta elephant man. Che usa il braccio del ragazzo per tirare su la tipa. No dico, è pura poesia

8


Se si parla di Coen preferito io dico L'uomo che non c'era :sisi:

Togg
04-09-10, 19:05:34
http://angam.ang.univie.ac.at/class/ko/Fargo/fargo.jpg

Come ricordavo, non riesco a trovare difetti in questo film. Sceneggiatura, recitazione, luci, ambientazione, suoni, dialoghi, regia, tutti elementi che riescono a regalare quell'atmosfera quasi grottesca cui ci hanno abituato i fratelli Coen. Incredibile come lo script si avvicini, lato sensu, a quello di Onora il padre e la madre (chi li ha visti entrambi può immaginare a cosa io mi riferisca, tanto che la prima volta che vidi il film di Lumet mi balzò subito alla mente l'idea di fondo) ma come allo stesso tempo siano due film di generi tanto diversi, adoro l'umorismo nero come la pece di cui è impregnata questa pellicola. Oserei definirlo il migliore dei Coen, sicuramente è tra i miei preferiti. - *****

Capolavoro, come barton fink, non è un paese per vecchi, burn after reading, il grande lebowski, a serious man :sisi:


Dato che con i Coen ho un rapporto di amore/odio "Fargo" per me è il loro miglior film.

Odio in quali ?


Dimenticavo
Somewhere Coppola

Commento nel suo topic

8,7

mickes2
04-09-10, 19:21:45
Dimenticavo
Somewhere Coppola

Commento nel suo topic

8,7

sei salito di un decimo è :asd:

James
04-09-10, 19:36:14
Capolavoro, come barton fink, non è un paese per vecchi, burn after reading, il grande lebowski, a serious man :sisi:



Odio in quali ?


Ladykillers,Mr Hula Hoop,Arizona Junior e un po' pure Fratello dove sei?

Armin
04-09-10, 20:52:32
Capolavoro, come barton fink, non è un paese per vecchi, burn after reading, il grande lebowski, a serious man :sisi:


Dai, non esagerare :asd:

Rullo
04-09-10, 21:05:58
Dai, non esagerare :asd:

ma tu di commedie non ne capisci proprio nulla eh? :asd:

mickes2
04-09-10, 21:12:29
bè ma non è un capolavoro Burn after dai :asd:,come non lo è A serious man imho :sisi::morristend:

L4GANN
04-09-10, 21:28:56
Per tutto il film si attende una battaglia epica che alla fine dura 3 minuti...una noia mortale :facepalm:
Stesse sensazioni con Le Crociate :sisi:

Io non mi sono annoiato affatto.
Mica possiamo ridurre i criteri di giudizio del film alla durate delle battaglie ^_^

Armin
04-09-10, 21:32:06
ma tu di commedie non ne capisci proprio nulla eh? :asd:

Se una commedia non fa ridere PER NIENTE, è una pessima commedia ;)



Io non mi sono annoiato affatto.
Mica possiamo ridurre i criteri di giudizio del film alla durate delle battaglie ^_^

L'ho visto moltissimo tempo fa, un mio amico mi ha detto di averlo rivisto ultimamente e di averlo rivalutato...magari era una serata storta :asd:

p a n z e r
04-09-10, 21:34:14
Se una commedia non fa ridere PER NIENTE, è una pessima commedia ;)
Se è un film serio, non mi piace neanche come film serio.

Se una commendia non TI fa ridere per niente magari puoi avere un pessimo senso dell'umorismo. Precisando che nemmeno per me Burn after reading è un capolavoro.

Pulse
04-09-10, 21:35:11
Ho appena ri-ri-rivisto Stargate.
Sono contento.

L4GANN
04-09-10, 21:37:15
Ho appena visto cinque, sei videorecensioni di film trash di Yotobi.


Stò male.. non pensavo che la mente umana potesse partorire certe schifezze.

Armin
04-09-10, 21:38:10
Se una commendia non TI fa ridere per niente magari puoi avere un pessimo senso dell'umorismo. Precisando che nemmeno per me Burn after reading è un capolavoro.

Magari ho un senso dell'umorismo differente :asd:
Comunque ditemi quando fa ridere perchè sono curioso :asd:

Pulse
04-09-10, 21:38:25
Ho appena visto cinque, sei videorecensioni di film trash di Yotobi.


Stò male.. non pensavo che la mente umana potesse partorire certe schifezze.

Chi? Tipo Yotobi dici?

Togg
04-09-10, 21:50:58
Se una commedia non fa ridere PER NIENTE, è una pessima commedia ;)


Io credo che stavo per morire seduta stante pisciato addosso per le risate :rickds:

bè ma non è un capolavoro Burn after dai :asd:,come non lo è A serious man imho :sisi::morristend:

Entrambi lo son :sisi: Ma è tutto IMHO obviously.


Dai, non esagerare :asd:

:sisi:


Ladykillers,Mr Hula Hoop,Arizona Junior e un po' pure Fratello dove sei?

I primi tre ok ma fratello dove sei non puoi dirlo :unsisi:


sei salito di un decimo è :asd:

Eheh lo so :asd:

Magari ho un senso dell'umorismo differente :asd:
Comunque ditemi quando fa ridere perchè sono curioso :asd:

O dio ma mica ti posso citare tutte le scene cazz :asd:
Al lampo mi vengono
Quello che lo pedina che cerca di uscire dal posto in cui si è parcheggiato
La scoperta del temibile marchingegno inculante
Lo sparo in automatico di clooney
Le facce di brad pitt
Loro che cercano di fottere il consolato russo
Clooney che sclera
Tutte le altre scene


Visto Mean streets Scorsese
Goduto alla fine :asd:
Che bella la grana <3

7,7

Key Paradise
04-09-10, 21:51:04
http://27.media.tumblr.com/tumblr_l05iqfdnNL1qzsc5qo1_500.jpg

le streghe - jean-marie straub
come promesso ho visto il corto mandato in onda da fuori orario ieri notte, in diretta assieme a rullo e mickes (più o meno :rickds:)
molto bello, mi è piaciuto. due donne citano passaggi dei dialoghi con leucò di pavese in una interpretazione molto teatrale, forzata: talvolta simile alla cantilena, talvolta in grado di restituire grande forza espressiva. per tutta la durata restano ferme nel luogo che vedete nello screen. la sensazione è che si sia voluto contrapporre alla natura rigogliosa dello sfondo un artificialità sfaccia nella recitazione.

mickes2
04-09-10, 21:59:25
io credo che la paura oppure le risate guardando un film,siano moooolto soggettive :sisi:

Togg
04-09-10, 22:02:31
http://27.media.tumblr.com/tumblr_l05iqfdnNL1qzsc5qo1_500.jpg

le streghe - jean-marie straub
come promesso ho visto il corto mandato in onda da fuori orario ieri notte, in diretta assieme a rullo e mickes (più o meno :rickds:)
molto bello, mi è piaciuto. due donne citano passaggi dei dialoghi con leucò di pavese in una interpretazione molto teatrale, forzata: talvolta simile alla cantilena, talvolta in grado di restituire grande forza espressiva. per tutta la durata restano ferme nel luogo che vedete nello screen. la sensazione è che si sia voluto contrapporre alla natura rigogliosa dello sfondo un artificialità sfaccia nella recitazione.

C'ero anche io a vederlo :asd:

Inutile dire che key non ha capito una cippa :ahsisi:
La natura è li perché è bella. La recitazione è da vedere in funzione di quella di due dee e non di due umani.
Sceneggiatura incredibilmente emozionante e intensa.
Le due attrici non sono sempre al massimo, ma erano ruoli molto molto difficili. Io avrei fatto di meglio. D'altro quello del dio è il mio ruolo migliore :sisi:

Armin
04-09-10, 22:07:00
io credo che la paura oppure le risate guardando un film,siano moooolto soggettive :sisi:

Infatti ;)
A me Borat e Burn After Reading non fanno ridere...non penso sia un reato :sisi:

Togg
04-09-10, 22:14:57
Infatti ;)
A me Borat e Burn After Reading non fanno ridere...non penso sia un reato :sisi:

Il reato non è che non ti facciano ridere ora, ma che tu non abbia il progetto futuro di risolvere la situazione :sisi:

Key Paradise
04-09-10, 22:45:31
ah ho visto pure

http://voiceover.blogdiario.com/img/franti.jpeg

frantic - roman polanski
discreto, polanski europeo in salsa molto hitchcockiana. fosse stato di un altro l'avrei anche elogiato, ma da roman mi aspetto roba più significativa. nel lotto dei tre thriller più convenzionali del regista, sta dietro l'uomo nell'ombra ma sicuramente davanti a la nona porta.

Rullo
04-09-10, 22:49:09
Infatti ;)
A me Borat e Burn After Reading non fanno ridere...non penso sia un reato :sisi:

burn non mi ha fatto ridere. però è una commedia geniale.

ah e fratello dove sei non è piaciuto molto nemmeno a me.


my son, my son, what have ye done - *****
scorre, in modo lineare, ma scorre. shannon fa il suo lavoro, e ci riesce molto, molto bene. regia di herzog strepitosa, purtroppo però avevo capito il finale dopo mezz'ora di visione (ma solo perchè ho una mente bacata, non credo che tutti riescano a capirlo), cionostante sono stato assorbito dalla trama. fatta a flashback, ma concepiti in modo geniale. non mi sembra di averci visto molto (e sottolineo molto) il tocco di lynch, anche se forse sotto-sotto è presente. stupendo.

James
05-09-10, 01:17:27
I primi tre ok ma fratello dove sei non puoi dirlo :unsisi:


Infatti ho scritto un po',mi sono dimenticato "Burn After Reading" che se me lo consideri capolavoro non ci siamo per niente.

Vigo
05-09-10, 01:31:48
Rivisto con amici cinefili Il senso della vita, ancora più divertente di quando l'ho visto per la prima volta :rickds: E la scena del signor Creosonte è davvero la cosa più disgustosa che abbia mai visto in un film

James
05-09-10, 01:36:22
Rivisto con amici cinefili Il senso della vita, ancora più divertente di quando l'ho visto per la prima volta :rickds: E la scena del signor Creosonte è davvero la cosa più disgustosa che abbia mai visto in un film
Porca vacca quel ciccione si gonfia a dismisura:imfao:

mickes2
05-09-10, 02:19:33
Lost in traslation di Sofia Coppola

delicato e romantico ,bellissimo il rapporto tra i due protagonisti,inquadrature ottime,mai casuali,dialoghi brillanti, lo stile di Sofia Coppola sta iniziando a piacermi moltissimo.
Così a caldo però ,gli preferisco Somewhere.

voto:8+

Armin
05-09-10, 02:39:01
Visto stasera Giustizia Privata.
Storia coinvolgente, ci sono delle trovate esagerate, ma comunque scorre piacevolmente...il finale mi ha un po' deluso :sisi:
Voto 7,5 ;)

∆CH∆I∆H
05-09-10, 04:13:37
La terza madre di Dario Argento....
veramente brutto come film.... :bah!:

Asia come attrice è pessima....

alkampfer82
05-09-10, 10:36:28
Grazie a queste 2 settimane di vacanze mi sono permesso il lusso di sedermi sul divano e guardare un bel po di film come non lo facevo da anni...
cito quelli che mi vengono prima in mente (premetto non sono esperto di film)

Vita da Camper
commedia con robin williams, qualche scena molto divertente (r.w. è uno dei miei attori preferiti) e qualche spunto di riflessione sulla morale,sui pregiudizi, etc.
scorrevole direi voto 6.5
ps: da non guardare mentre si mangia (qualche scena ha fatto passare l'appetito alla mia ragazza ahahah)

Il samurai del crepuscolo
film giapponese che parla di un uomo che in seguito alla morte della moglie tocca occuparsi del lavoro delle figlie e della mamma un po andata di testa . incontrando una sua vecchia amica si riaccende la fiamma della vita (e della spada) in lui.
è un film che mi è piaciuto moltissimo, anche perchè amante del giappone in generale.
Voto 8+

Closer
commedia sulla volatilità dei sentimenti, devo dire che mi è piaciuto molto di più la prima volta che lo vidi. rimane comunque un ottimo film da vedere.
voto 7

Little Miss Sunshine
Film "on the road", una famiglia si mette in viaggio per far partecipare la bimbetta ad un concorso di bellezza. divertentissimo ma non per questo banale, anzi.
Voto 7.5

La ricerca della felicità
film di muccino con will smith che parla di un uomo che tenta di sbarcare il lunario vendendo con scarso successo dei macchinari elettromedicali, viene lasciato
dalla moglie che per la difficile situazione economica in cui si trovano. Si trova a dover affrontare da solo le difficoltà sobbarcandosi anche la responsabilità del suo
figlioletto. un film che mi è piaciuto moltissimo, tratto da una storia vera. a tratti commovente.
Voto 8

Il Pianeta Verde
E' il film che avrei girato io se fossi stato del campo :D
è un film francese del 1995 diretto da Coline Serreau che fa anche da attrice protagonista.
tratta tematiche che a me stanno a cuore (inquinamento, dieta onnivora non adatta all'uomo,lotta al potere,rapporto tra uomo e natura in generale)
in modo egregio,anche con scene che fanno sbellicare dalle risate.molto belli i paesaggi.E' DA VEDERE ASSOLUTAMENTE.
Voto 10

I guardiani della notte - I guardiani del giorno
2 film russi, da guardarsi nell'ordine.tratto da rispettivi romanzi fantasy.
sarà che l'ho visto sonnecchiando e non ho capito molto ma non mi sono piaciuti affatto. parla di due stirpi di esseri con poteri che dopo una grande guerra stipulano
un patto di non belligeranza che viene fatto rispettare dai guardiani scelti tra di loro.
il film non mi ha comunicato niente.
voto 5.5

Vigo
05-09-10, 10:50:00
Porca vacca quel ciccione si gonfia a dismisura:imfao:

Ieri sera io e un mio amico, che l'avevamo già visto, ridevamo come dei deficienti... gli altri due a momenti stavano male pure loro :rickds:

Togg
05-09-10, 11:21:14
Infatti ho scritto un po',mi sono dimenticato "Burn After Reading" che se me lo consideri capolavoro non ci siamo per niente.

Niente risate nemmeno per te ? :asd:


Lost in traslation di Sofia Coppola

delicato e romantico ,bellissimo il rapporto tra i due protagonisti,inquadrature ottime,mai casuali,dialoghi brillanti, lo stile di Sofia Coppola sta iniziando a piacermi moltissimo.
Così a caldo però ,gli preferisco Somewhere.

voto:8+

Nuuuuu :tragic:
In LiT ci sono più sguardi sognanti, più luci, e tanto tanto amore.
Superioreeeeeeeeeee :asd:


Visto stasera Giustizia Privata.
Storia coinvolgente, ci sono delle trovate esagerate, ma comunque scorre piacevolmente...il finale mi ha un po' deluso :sisi:
Voto 7,5 ;)

Brutto TRASH :sisi:

IL GURU
05-09-10, 11:42:32
Visti:
Harry Potter e il Principe Mezzosangue,voto:9
Bellissimo film,occhio alla trama:molti colpi di scena,la morte di Silente,il tradimento di Piton,ma già si sapeva,non pensavo che Hermione fosse innamorata di Ron,Malfoy é una schiappa:sisi:
Sette anime.voto 9.5
Fantastico film,ti fa davvero capire l'importanza della vita,poi will smith mi sta già simpatico,poi fa queste interpretazioni magnifiche,:cry:Ottimo film

James
05-09-10, 12:05:45
Niente risate nemmeno per te ? :asd:

Non è questione di risate o meno,i personaggi di Pitt e Clooney sono buoni però che palle!Posso dire palle?che palle.:sisi:

Togg
05-09-10, 12:31:02
Non è questione di risate o meno,i personaggi di Pitt e Clooney sono buoni però che palle!Posso dire palle?che palle.:sisi:

Se ce le hai lo puoi dire :sisi:

Armin
05-09-10, 12:47:19
Brutto TRASH :sisi:

Almeno in alcune fasi fa ridere :pffs:



Se ce le hai lo puoi dire :sisi:

:rickds:

Togg
05-09-10, 12:49:21
Almeno in alcune fasi fa ridere :pffs:


Vero :sisi:

p a n z e r
05-09-10, 14:10:50
http://www.tatteredcoat.com/images/opening-lost-in-translation.jpg


Ora mi sento una persona migliore. Intimo, delicato, dolce e romantico. Ah si, anche perfetto. Ho sperato fino alla fine che non rovinassero il tutto con una happy ending completamente fuori luogo, e quando è partita Just like honey ho capito che non ci sono cascati. Ora però ho troppo hype per Somewhere, accidenti!

9

Togg
05-09-10, 14:17:41
http://www.tatteredcoat.com/images/opening-lost-in-translation.jpg


Ora mi sento una persona migliore. Intimo, delicato, dolce e romantico. Ah si, anche perfetto. Ho sperato fino alla fine che non rovinassero il tutto con una happy ending completamente fuori luogo, e quando è partita Just like honey ho capito che non ci sono cascati. Ora però ho troppo hype per Somewhere, accidenti!

9

Credo che quello screen sia la migliore scena iniziale di sempre.
Corri a vederti somewhere su :sisi:

p a n z e r
05-09-10, 14:21:03
Credo che quello screen sia la migliore scena iniziale di sempre.
Corri a vederti somewhere su :sisi:

andrò vederlo prestissimo, sisi. Ma prima devo dare la precedenza a I mercenari :sisi:

Togg
05-09-10, 14:25:13
andrò vederlo prestissimo, sisi. Ma prima devo dare la precedenza a I mercenari :sisi:

Eresia :sisi:

Vigo
05-09-10, 14:36:56
http://www.tatteredcoat.com/images/opening-lost-in-translation.jpg


Ora mi sento una persona migliore. Intimo, delicato, dolce e romantico. Ah si, anche perfetto. Ho sperato fino alla fine che non rovinassero il tutto con una happy ending completamente fuori luogo, e quando è partita Just like honey ho capito che non ci sono cascati. Ora però ho troppo hype per Somewhere, accidenti!

9

Perdonate l'ignoranza... posso avere il titolo del film? :asd:

Togg
05-09-10, 14:44:57
Perdonate l'ignoranza... posso avere il titolo del film? :asd:

-.-

LOST IN TRANSLATION


:asd:

boogie
05-09-10, 15:16:07
Lost in Translation mi manca proprio... Però non mi va di prendere il dvd a occhi chiusi, mi sa proprio che lo affitterò

Togg
05-09-10, 15:34:10
Lost in Translation mi manca proprio... Però non mi va di prendere il dvd a occhi chiusi, mi sa proprio che lo affitterò

Uomo di poca fede :sisi:

boogie
05-09-10, 15:36:18
Sai, il dubbio me l'ha fatto venire mia madre che mi ha detto che l'ha trovato noioso :asd:

E ora di chi mi fido, di Togg o di mammà?

p a n z e r
05-09-10, 15:37:54
Sai, il dubbio me l'ha fatto venire mia madre che mi ha detto che l'ha trovato noioso :asd:

E ora di chi mi fido, di Togg o di mammà?
Io ho smesso di ascoltare i pareri dei miei in ambito cintematografico da un bel pò di tempo :sisi:

Rullo
05-09-10, 15:52:19
togg ha visto lost in translation 3 giorni fa ed è diventato un fanboy fastidioso. :sisi:

Togg
05-09-10, 16:05:46
togg ha visto lost in translation 3 giorni fa ed è diventato un fanboy fastidioso. :sisi:

Zitto :sisi:

Fra l'altro l'avevo già visto mesi fa, 3 giorni fa l'ho solo rivisto :ahsisi:


Io ho smesso di ascoltare i pareri dei miei in ambito cintematografico da un bel pò di tempo :sisi:

:rock:


Sai, il dubbio me l'ha fatto venire mia madre che mi ha detto che l'ha trovato noioso :asd:

E ora di chi mi fido, di Togg o di mammà?

E la fai a me questa domanda :asd:

Vai a leggere il mio topic sui miei genitori in altro :sisi:

boogie
05-09-10, 16:33:45
Mi dispiace, la storia la conosco, ti auguro di risolverla al meglio

Mio padre non è mai stato molto interessato al cinema, mia madre invece sì anche se un po' alla lontana. Il fatto è che spesso lei ci azzecca coi film.. Va bè, ho capito, mi sa che il prossimo ordine da play.com comprenderà anche LiT :asd:

Armin
05-09-10, 16:49:19
Mi dispiace, la storia la conosco, ti auguro di risolverla al meglio

Mio padre non è mai stato molto interessato al cinema, mia madre invece sì anche se un po' alla lontana. Il fatto è che spesso lei ci azzecca coi film.. Va bè, ho capito, mi sa che il prossimo ordine da play.com comprenderà anche LiT :asd:

Fai bene :sisi:

James
05-09-10, 17:26:26
Ho sentito parlare di "Lost in Translation" più questa settimana rispetto alla sua uscita.

Armin
05-09-10, 17:27:42
Ho sentito parlare di "Lost in Translation" più questa settimana rispetto alla sua uscita.

Con l'uscita di Somewhere è tornato in voga :asd:

Rullo
05-09-10, 17:38:51
Con l'uscita di Somewhere è tornato in voga :asd:

no, semplicemente togg l'ha visto, gli è piaciuto, e ora lo spamma ovunque. :sisi:

Togg
05-09-10, 18:01:46
no, semplicemente togg l'ha visto, gli è piaciuto, e ora lo spamma ovunque. :sisi:

Vergognati di quello che dici :ahsisi:


Ho sentito parlare di "Lost in Translation" più questa settimana rispetto alla sua uscita.

Festeggia rivedendolo :sisi:


I mercenari

Bello dai :asd: Cameo di Schwarzenegger fantastico :rickds:

Troppa musica gestita male.
Alcune scene di azione potevano essere migliori.

7,4

Rullo
05-09-10, 18:04:56
Vergognati di quello che dici :ahsisi:



Festeggia rivedendolo :sisi:


I mercenari

Bello dai :asd: Cameo di Schwarzenegger fantastico :rickds:

Troppa musica gestita male.
Alcune scene di azione potevano essere migliori.

7,6

non è forse così?
a me è piaciuto, ma mi limito a tenere l'avatar. :asd:

IL GURU
05-09-10, 18:42:23
Visto l'alba dei moerti dementi
voto 8
divertentissimo:rickds:
spettacolo quando shaun alla fine va in giardino e gioca con ed:asd:

Odarius
05-09-10, 18:49:22
Ho visto il film "The expandables", grande ritorno di grandi attori dei grandi film anni 80 e 90. Molto felice di averlo visto e sono rimasto molto contento del film in se. Un bel 8 glielo do :ahsisi:

mickes2
05-09-10, 18:50:13
La sottile linea rossa di Terrence Malik

http://img819.imageshack.us/img819/9425/thinredline.jpg (http://img819.imageshack.us/i/thinredline.jpg/)

è il primo film che guardo di Terrence ,per me è un capolavoro.
Intenso come pochi, inquadrature stupende ,sullo sfondo un'ambientazione bellissima quanto pericolosa e inquietante per via della guerra,le voci fuori campo sono la ciliegina sulla torta (poi io personalmente le adoro in tutti i film vedi per esempio l'introduzione di Trainspotting) il tutto contornato da un cast stellare!
Il mio film di guerra preferito,rimane Full Metal Jacket,ma questo gli sta appena dietro...

voto: 9.5

Key Paradise
05-09-10, 18:53:32
se non fosse per me non conoscereste coppola :sisi:

mickes2
05-09-10, 18:58:28
se non fosse per me non conoscereste coppola :sisi:

io ormai la adoro :sisi:

se non era per me non conoscevi A l'interieur :sisi:


:rickds: