PDA

Visualizza Versione Completa : Ultimo film visto | I commenti sono graditi!



Pagine : 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 [40] 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140

Armatus
15-01-11, 23:44:41
Ikarus....film da 6.5 nè dispiace nè esalta

il titolo è praticamente insensato visto che il nome Ikarus viene pronunciato 3 volte :bah!:

Rullo
15-01-11, 23:49:55
http://2.bp.blogspot.com/_Po_U8Qx1Cko/TPeUejOChcI/AAAAAAAACBE/VJONfIFtJ_c/s1600/paris_texas.jpg

paris, texas - wim wenders

il viaggio di un padre che ritrova sè stesso, il figlio e la moglie, il tutto con i deserti texani sullo sfondo
nulla di più bello

Togg
16-01-11, 01:21:55
per me è uno dei migliori altrochè

nu nu, porco rosso mononoke e la città sono sopra :nev: ma hai detto bene tu che nelle fasce alte diventa tutto personale


127 hours, boyle

commento nel suo topic

7,5

utente 8693
16-01-11, 02:20:52
per me è uno dei migliori altrochè
Infatti.
Sarà che la comunità anime è in generale abituata ai drammoni overblownati che campeggiano nel genere?

Comunque:

http://miff.com.au/assets/2009films/11458/medium/treeless_mountain_02.jpg
Treeless Mountain (So Yong Kim, 2008):

Film con tempi molto dilatati e riprese sempre strettissime (generalmente primi piani delle bambine) che creano un'aura vagamente claustrofobica e confusa-- credo voglia restituire la sensazione di queste bambine, sballottate in giro, senza reale cognizione di causa.
La trama apparentemente è molto semplice, tuttavia alcune scene nascondo diversi sottotesti che meritano sicuramente una riflessione (ad esempio quando le bambine rinunciano al loro salvadanaio per dare alla Nonna delle scarpe nuove)
Di prim'acchitto non mi ha folgorato, sinceramente, ma aspetto di rifletterci un po' sù.

Hushabye
16-01-11, 11:45:51
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/9/91/Neverletmegoposter.jpg/220px-Neverletmegoposter.jpg

Triste..all'inizio il tema delle donazioni l ho trovato una scemenza,ma mi sono ricreduto...reperirò il libro

Vigo
16-01-11, 12:56:44
Infatti.
Sarà che la comunità anime è in generale abituata ai drammoni overblownati che campeggiano nel genere?

Comunque:

http://miff.com.au/assets/2009films/11458/medium/treeless_mountain_02.jpg
Treeless Mountain (So Yong Kim, 2008):

Film con tempi molto dilatati e riprese sempre strettissime (generalmente primi piani delle bambine) che creano un'aura vagamente claustrofobica e confusa-- credo voglia restituire la sensazione di queste bambine, sballottate in giro, senza reale cognizione di causa.
La trama apparentemente è molto semplice, tuttavia alcune scene nascondo diversi sottotesti che meritano sicuramente una riflessione (ad esempio quando le bambine rinunciano al loro salvadanaio per dare alla Nonna delle scarpe nuove)
Di prim'acchitto non mi ha folgorato, sinceramente, ma aspetto di rifletterci un po' sù.

Mi intriga molto, dal tuo commento e dal fotogramma... ricordami che devo recuperarlo :asd:

Azure Grimoire
16-01-11, 13:03:51
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/9/91/Neverletmegoposter.jpg/220px-Neverletmegoposter.jpg

Triste..all'inizio il tema delle donazioni l ho trovato una scemenza,ma mi sono ricreduto...reperirò il libro

ce l'ho in programma per oggi, son curioso :sisi:

Key Paradise
16-01-11, 13:36:35
http://www.offoffoff.com/film/2008/images/encounters_at_the_end_of_the_world.jpg

encounters at the end of the world - werner herzog
werner goes to antartica. bellissimo documentario su questa terra, luogo per sognatori di professione, magnetico per una quantità di tipi decisamente fuori dal normale. l'isolamento e la re-invenzione della civilità; in un certo senso anch'esso prodotto di genere, perchè come afferma werner "è il luogo più simile alla luna che si possa trovare sulla Terra". straordinarie le riprese subacquee, di religiosa bellezza, mi sono piaciute persino di più di quelle de l'ignoto spazio profondo. analogo a il diamante bianco.

http://i261.photobucket.com/albums/ii75/loqax/SchreiAusStein_scene02.jpg

grido di pietra - werner herzog
diciamocelo, brutto. unico film in cui herzog non ha messo mano alla sceneggiatura e si vede. lavoro autocelebrativo e convenzionale, chiuso su sè stesso, inno all'alpinismo. numerose concessioni al mainstream. noioso.

Hushabye
16-01-11, 14:35:48
ce l'ho in programma per oggi, son curioso :sisi:

Documentandomi un po,sto iniziando ad apprezzarlo di più..non avevo colto appieno la distopia...avrei preferito leggere prima il libro..

mickes2
16-01-11, 16:36:51
Doomsday di Neil Marshall

caciarone e citazionista, tra l'altro anche un soldato si chiama Carpenter :rickds:. iea.

6,5/7


Intrigo Internazionale di Alfred Hitchcock

l'intreccio della trama non appesantisce, ma al contrario rende il tutto molto godibile. a metà tra una spy-story ed una commedia, la fusione tra questi due generi è ottima. dialoghi umoristici e molto intelligenti, il tutto supportato da un bravissimo Cary Grant. e come non citare la sequenza dell'attacco dell' aeroplano al protagonista in mezzo al campo di granoturco.

8,5

JT26
16-01-11, 17:31:48
mercoledì danno in un cinema scriato, The Box di Richard Kelly, ditemi se vale la pena.

Key Paradise
16-01-11, 17:36:48
non vale la pena

p a n z e r
16-01-11, 18:43:16
In rete si leggono commenti mediamente positivi.

Togg
16-01-11, 19:00:48
In rete si leggono commenti mediamente positivi.

se ne leggono tante :sisi:


mercoledì danno in un cinema scriato, The Box di Richard Kelly, ditemi se vale la pena.

dipende, se volete fare una serata B con amici e godere di qualche sana risata si.

scherzi a parte, no

Armatus
16-01-11, 19:12:34
visto oggi pomeriggio al cinema "che bella giornata" di Checco Zalone.... Voto: 8.5 il grande cantante neomelodico mostra come l'ignoranza fa ridere

Togg
16-01-11, 19:22:39
visto oggi pomeriggio al cinema "che bella giornata" di Checco Zalone.... Voto: 8.5 il grande cantante neomelodico mostra come l'ignoranza fa ridere

beh ma bastava andare al bar allora !

utente 8693
16-01-11, 20:03:03
Mi intriga molto, dal tuo commento e dal fotogramma... ricordami che devo recuperarlo :asd:
Ok, anche se non è il primo che consiglierei. :asd:
le due bambine comunque sono tenerelle :asd:

Rullo
16-01-11, 20:37:20
beh ma bastava andare al bar allora !

giuro che non vorrei, ma rido

BlackWizard
16-01-11, 21:35:32
Hereafter
Clint:facepalm:.Film blando e noioso, con trama altrettanto banalotta.
Peccato. 5

Fearless
Bel film con jet li, mi ha tenuto incollato allo schermo. 7

Key Paradise
16-01-11, 22:45:20
http://3.bp.blogspot.com/_CDDQKPO3sPo/SXkGVP9PkrI/AAAAAAAACT8/nvNoJb8V6L0/s400/invincible+roth.jpeg

invincibile - herzog
herzog racconta il nazismo attraverso due figure del cabaret dell'epoca: il chiaroveggente hanussen ed il forzuto zisha. didascalico, retorico e banale sino al fastidioso. una faticaccia.

Simix92
16-01-11, 22:51:56
Animatrix.

Bellissimo, anche se non è che abbia capito tutto subito. ;)

Togg
16-01-11, 23:08:30
Animatrix.

Bellissimo, anche se non è che abbia capito tutto subito. ;)

meglio no ? Io Animatrix lo ricordo come un gioiellino.



http://3.bp.blogspot.com/_CDDQKPO3sPo/SXkGVP9PkrI/AAAAAAAACT8/nvNoJb8V6L0/s400/invincible+roth.jpeg

invincibile - herzog
herzog racconta il nazismo attraverso due figure del cabaret dell'epoca: il chiaroveggente hanussen ed il forzuto zisha. didascalico, retorico e banale sino al fastidioso. una faticaccia.

madonna, eppure dalle interviste mi sembra di ricordare che non volesse parlare del nazismo.


giuro che non vorrei, ma rido

mi fa piacere :asd:

---------- Post added at 23:08:30 ---------- Previous post was at 23:06:33 ----------

aggiungo che oggi non ho potuto vedere nulla per cause concomitanti (biologia-compleanno-libri)

Key Paradise
16-01-11, 23:10:30
madonna, eppure dalle interviste mi sembra di ricordare che non volesse parlare del nazismo.

oddio, per essere precisi potremmo dire che è il solito herzog focalizzato su un'impresa umana
il fatto è che quest'uomo è talmente piatto che mi pareva ancor più banalizzante assegnare sta definizione, è una sorta di john coffey ebreo

Armin
16-01-11, 23:18:32
mercoledì danno in un cinema scriato, The Box di Richard Kelly, ditemi se vale la pena.

Sarebbe? :asd:

Togg
16-01-11, 23:45:25
oddio, per essere precisi potremmo dire che è il solito herzog focalizzato su un'impresa umana
il fatto è che quest'uomo è talmente piatto che mi pareva ancor più banalizzante assegnare sta definizione, è una sorta di john coffey ebreo

capito, peccato

JT26
17-01-11, 00:31:55
Sarebbe? :asd:

in realtà non è affatto scriato, ma è l'unico per cui dovrei prendere la moto, gli altri sono tutti pressochè sotto casa,. questo sono venti minuti a piedi, non mi azzecca.

vabbè allora non ci vado.

comunque è il kennedy.

Baracca
17-01-11, 00:42:10
Ieri sera con gli amici Suxbad - tre menti sopra il pelo voto 6.
Come suggerisce il titolo, ma soprattutto il sottotitolo, non è Fellini, ecco. Si tiene un pelo (appunto) sopra la media degli american pie, ma di poco, più che altro per alcuni dialoghi in cui un nerd arra*ato non può non riconoscersi, e perché alla fin fine poteva veramente essere una cacatina ma non lo è. Consigliato se non avete proprio nulla di meglio da vedere o se siete ubriachi e quindi non reggereste un film un pochino più impegnato.

Armin
17-01-11, 00:43:52
in realtà non è affatto scriato, ma è l'unico per cui dovrei prendere la moto, gli altri sono tutti pressochè sotto casa,. questo sono venti minuti a piedi, non mi azzecca.

vabbè allora non ci vado.

comunque è il kennedy.

Non capivo la parola scriato :asd:

JT26
17-01-11, 00:48:30
Non capivo la parola scriato :asd:

snob.

comunque gli altri film della rassegna sono:

the horde (potrei andarci, tanto ho già il manuale di toffolo a casa. ^^)
splice
devil

quali sì e quali no?

Legion
17-01-11, 01:14:54
snob.

comunque gli altri film della rassegna sono:

the horde (potrei andarci, tanto ho già il manuale di toffolo a casa. ^^)
splice
devil

quali sì e quali no?

The horde assolutamente.

JT26
17-01-11, 02:41:49
The horde assolutamente.

in effetti il manuale di autodifesa di toffolo mi aveva intrigato molto (cioè, mi è sembrato una figata connetterlo ad un film sugli zombie, una buona pubblicità) e pensavo comunque di andarci. allora quello.

utente 8693
17-01-11, 03:30:32
snob.

comunque gli altri film della rassegna sono:

the horde (potrei andarci, tanto ho già il manuale di toffolo a casa. ^^)
splice
devil

quali sì e quali no?
The Horde l'ho trovato abbastanza inutile.
Gli altri due non li ho visti.
-----

http://c.imagehost.org/0263/agora_2009_1024x768_639681.jpg

Agorà (Amenàbar, 2009):
Bellissimo film.
Sebbene non mi abbia stupito più di tanto nelle scelte stilistiche o nelle interpretazioni, non abusa della computer grafica, non indugia in maniera morbosa sulla violenza, pur non avendo paura di mostrare i vari atti ignobili consumatisi.
Resta sempre abbastanza credibile, pur concedendosi un tocco di caricatura sui personaggi, come si addice ai film in costume, del resto.
Le riprese dallo spazio, secondo me, incanalano bene l'idea di un metodo di pensiero ben avanti con i tempi (di secoli, per l'esattezza), e sono un tocco magnifico.
La vicenda in sè poi è di quelle che (beh, almeno, a me) fanno star male solo a seguirle, quindi probabilmente anche un pessimo film avrebbe avuto un certo effetto, tuttavia il film è magnifico nel comunicare la passione per la conoscenza e la magnificenza di una mente illuminata dalla curiosità insaziabile.
Rahcel Weisz interpreta perfettamente una donna al di sopra dei ridicoli giochi di potere dei vari leader spirituali, al tempo stesso estremamente intelligente, ma ancora capace di stupirsi come una bambina davanti alle fattezze della natura. (posto che una cosa non esclude l'altra)

Legion
17-01-11, 04:05:48
The horde è francese. Ed è un horror. MUST a prescindere.

utente 8693
17-01-11, 04:07:31
Infatti inizia bene, come un bell'horror francese brutale ecc ecc.. poi diventa abbastanza noioso e ridicolo, secondo me, perdendo ogni verve.

mickes2
17-01-11, 08:56:00
Ieri sera con gli amici Suxbad - tre menti sopra il pelo voto 6.
Come suggerisce il titolo, ma soprattutto il sottotitolo, non è Fellini, ecco. Si tiene un pelo (appunto) sopra la media degli american pie, ma di poco, più che altro per alcuni dialoghi in cui un nerd arra*ato non può non riconoscersi, e perché alla fin fine poteva veramente essere una cacatina ma non lo è. Consigliato se non avete proprio nulla di meglio da vedere o se siete ubriachi e quindi non reggereste un film un pochino più impegnato.

però se pensi di guardare Suxbad, pensando di trovarci un'altro "8 e 1/2" sbagli l'approccio secondo me. a mio modo di vedere Suxbad è una delle commedie più riuscite di Apatow e soci, proprio per la sua spensieratezza e demenzialità, fà ridere ed anche molto: missione compiuta. poi, Consigliato se non avete proprio nulla di meglio da vedere o se siete ubriachi e quindi non reggereste un film un pochino più impegnato.: ma proprio no. consigliato a chi vuole passare due ore spegnendo completamente il cervello e ridere bene. poi è chiaro, bisogna apprezzare un certo tipo di comicità, sennò si parte prevenuti.


Infatti inizia bene, come un bell'horror francese brutale ecc ecc.. poi diventa abbastanza noioso e ridicolo, secondo me, perdendo ogni verve.

sono d'accordo :sisi:

Price
17-01-11, 09:13:23
Ieri sera con gli amici Suxbad - tre menti sopra il pelo voto 6.
Come suggerisce il titolo, ma soprattutto il sottotitolo, non è Fellini, ecco. Si tiene un pelo (appunto) sopra la media degli american pie, ma di poco, più che altro per alcuni dialoghi in cui un nerd arra*ato non può non riconoscersi, e perché alla fin fine poteva veramente essere una cacatina ma non lo è. Consigliato se non avete proprio nulla di meglio da vedere o se siete ubriachi e quindi non reggereste un film un pochino più impegnato.
commento con meno senso nel 2011.

Azure Grimoire
17-01-11, 09:41:16
snob.

comunque gli altri film della rassegna sono:

the horde (potrei andarci, tanto ho già il manuale di toffolo a casa. ^^)
splice
devil

quali sì e quali no?

the horde è l'unico che si può salvare ma ad essere buoni

gli altri due tendono più verso l'orrido, per non parlare del finale di Devil che è qualcosa di esilarante, Splice invece è omogeneamente ***** per tutta la durata (l'idea non era male però) :sisi:

Euler19
17-01-11, 10:58:11
qualcuno ha visto l'ultimo film di checco zalone e mi sa dire se ne vale la pena?

utente 8693
17-01-11, 11:08:06
qualcuno ha visto l'ultimo film di checco zalone e mi sa dire se ne vale la pena?
Il primo ti è piaciuto?

Lacecy
17-01-11, 11:49:08
L'ultimo film visto al cinema è l'ultimo dominatore dell'aria. bellissimo e gli effetti speciali???? spettacolari!
Domani esce dvd e andrò a prenderlo al volo!
navigando ho trovato anche un concorso per poterlo vincere, magari provo...fortuna sostienimi!!!!!!!
http://www.nonsolocinema.com/Concorso-L-ultimo-dominatore-dell_21955.html

utente 8693
17-01-11, 11:56:08
Chi è il regista di L’ultimo dominatore dell’aria?
1) Ron Howard
2) M. Night Shyamalan
3) Steven Spielberg

:rickds:

Baracca
17-01-11, 12:14:01
però se pensi di guardare Suxbad, pensando di trovarci un'altro "8 e 1/2" sbagli l'approccio secondo me. a mio modo di vedere Suxbad è una delle commedie più riuscite di Apatow e soci, proprio per la sua spensieratezza e demenzialità, fà ridere ed anche molto: missione compiuta. poi, Consigliato se non avete proprio nulla di meglio da vedere o se siete ubriachi e quindi non reggereste un film un pochino più impegnato.: ma proprio no. consigliato a chi vuole passare due ore spegnendo completamente il cervello e ridere bene. poi è chiaro, bisogna apprezzare un certo tipo di comicità, sennò si parte prevenuti.

Hai centrato il punto, è che sono sempre scettico verso questo tipo di comicità, però ho scritto pure che si vede che è sopra la media nel genere. Nel senso che qualche risata me l'ha strappata, e appunto non succede spesso con questo tipo di film. Il 6 (che non è un 4, comunque, eh :asd:) forse è un po' ingeneroso, ma Suxbad non brilla certo per originalità o per qualche trovata particolarmente brillante. Si salva perché è ben scritto e nonostante rischi spesso di farlo, non trascende mai nel trash. Che poi sia ottimo per passare un paio d'ore non lo metto in dubbio, ma c'è anche di meglio.

@ V.Price: il 2011 è ancora lungo :asd:

Saruman
17-01-11, 13:29:30
L'altro ieri mi sono rivisto Il caso Thomas Crawford, che mi ero gustato al cinema quando uscì. La prima volta mi aveva incantato (merito tutto di Anthony Hopkins) e mi aveva lasciato una gran bella sensazione. A rivederlo è uno dei tanti, troppi thriller stampo classico americano. Però godibile. Lui divino.

Key Paradise
17-01-11, 13:36:08
qualcuno ha visto l'ultimo film di checco zalone e mi sa dire se ne vale la pena?

per me no e te lo dice uno a cui zalone piace

Zweick
17-01-11, 14:12:16
Ieri ho visto Animal Kingdom: il film funziona una meraviglia fino a metà, storia di criminalità dura e senza fronzoli; poi qualcosa si rompe, da osservatore esterno e glaciale Michod finisce per calcare la mano sul drammone e si perde tra lungaggini inutili e uno script che comincia inesorabilmente a scricchiolare. Il finale è citofonato, ma risolleva comunque il tutto. Buon film, ma è l'esempio che a volte bisogna avere anche le palle di decidere quando fermarsi ad un livello narrativo più superficiale :sisi:

Iniziata anche la visione di Histoire(s)du cinema: per il momento posso dire che è tronfio e masturbatorio; se continua così, per me sarà l'ultimo chiodo sulla bara di Godard.

Euler19
17-01-11, 14:47:38
Il primo ti è piaciuto?

non l'ho visto il primo


per me no e te lo dice uno a cui zalone piace

già a me il genere non pace... questa frase mi scoraggia, cercherò di convincere i miei amici a cambiare film ma sarà dura

Hushabye
17-01-11, 15:03:00
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/6/6a/I_Love_You_Phillip_Morris.jpg

Non me l'aspettavo

Catch me if you can la vendetta...da anni a mio parere non vedevo un bel film di jim carrey...l'ultimo film che mi ha divertì fu una settimana da dio,in generale da Eternal Sunshine mi mancava jim ...Yes man l avevo trovato noisetto tranne alcune scene.....che tipo Steven Jay Russell

mickes2
17-01-11, 15:06:19
Hai centrato il punto, è che sono sempre scettico verso questo tipo di comicità, però ho scritto pure che si vede che è sopra la media nel genere. Nel senso che qualche risata me l'ha strappata, e appunto non succede spesso con questo tipo di film. Il 6 (che non è un 4, comunque, eh :asd:) forse è un po' ingeneroso, ma Suxbad non brilla certo per originalità o per qualche trovata particolarmente brillante. Si salva perché è ben scritto e nonostante rischi spesso di farlo, non trascende mai nel trash. Che poi sia ottimo per passare un paio d'ore non lo metto in dubbio, ma c'è anche di meglio.


ma il 6 ci sta, era il commento che non mi convinceva, non sei avvezzo ad un certo tipo di comicità, ci sta. che ci sia di meglio sono d'accordo, ma c'è anche mooolto peggio :asd:




Iniziata anche la visione di Histoire(s)du cinema: per il momento posso dire che è tronfio e masturbatorio; se continua così, per me sarà l'ultimo chiodo sulla bara di Godard.

che colpo al cuore :(

Zweick
17-01-11, 15:18:24
ma il 6 ci sta, era il commento che non mi convinceva, non sei avvezzo ad un certo tipo di comicità, ci sta. che ci sia di meglio sono d'accordo, ma c'è anche mooolto peggio :asd:



che colpo al cuore :(

Dai, ti consolo: I quattrocento colpi è uno dei miei film preferiti :sisi:
Ma Godard, Godard doveva continuare a scrivere di cinema e stop.

mickes2
17-01-11, 15:46:05
Dai, ti consolo: I quattrocento colpi è uno dei miei film preferiti :sisi:
Ma Godard, Godard doveva continuare a scrivere di cinema e stop.

benissimo per I 400 copi :)
quali film hai visto di Godard?

Zweick
17-01-11, 15:53:25
benissimo per I 400 copi :)
quali film hai visto di Godard?

Anche per esigenze di formazione universitaria, la maggior parte dei suoi film.
Per me viaggia dallo sconclusionato e tecnicamente inguardabile degli esordi al mero intellettualismo; l'unica cosa che mi è vagamente piaciuta è Passion, che almeno ha dei gran bei movimenti di macchina nei tableu vivant ;p

MasterTuri
17-01-11, 16:17:54
Ieri mi son visto "Cado dalle nubi". Voto 6,5. Film carino, ma mi son fatto molte più risate col secondo film di Checco, non so come alcuni dicano di preferirlo al secondo, ma comunque i gusti son gusti.

Price
17-01-11, 17:33:05
Non me l'aspettavo

Catch me if you can la vendetta...da anni a mio parere non vedevo un bel film di jim carrey...l'ultimo film che mi ha divertì fu una settimana da dio,in generale da Eternal Sunshine mi mancava jim ...Yes man l avevo trovato noisetto tranne alcune scene.....che tipo Steven Jay Russell
io lo vidi al cinema e non mi piaque per niente, mi sembrò tutto sbagliato

James
17-01-11, 17:41:16
però se pensi di guardare Suxbad, pensando di trovarci un'altro "8 e 1/2" sbagli l'approccio secondo me. a mio modo di vedere Suxbad è una delle commedie più riuscite di Apatow e soci, proprio per la sua spensieratezza e demenzialità, fà ridere ed anche molto: missione compiuta. poi, Consigliato se non avete proprio nulla di meglio da vedere o se siete ubriachi e quindi non reggereste un film un pochino più impegnato.: ma proprio no. consigliato a chi vuole passare due ore spegnendo completamente il cervello e ridere bene. poi è chiaro, bisogna apprezzare un certo tipo di comicità, sennò si parte prevenuti.


SuperBad non Sucsbad.
Questo per far capire quanto i nostri distributori abbiano usato la fantasia per trovare un titolo geniale come "Suxbad-3 menti sopra il pelo".Certamente se uno non ha la minima idea del film che stà per guardare parte prevenuto con un titolo del genere:rickds:

Rob917
17-01-11, 18:06:14
per me no e te lo dice uno a cui zalone piacesecondo me c'entra poco se zalone piace o meno, non ho visto l'ultimo, ma cado dalle nubi non è proprio un film, è come se fosse una serie di scene collegate, un po come tre uomini e una gamba che in un film poi riprendevano battute del teatro, ma qui è diverso, zalone in "cado dalle nubi" l'ho trovato un po diverso dallo zalone di zelig e TV, leggermente meno volgare, e sinceramente pur non piacendomi zalone, mi è piaciucchiato(omg che terminaccio) "cado dalle nubi", immagino che il secondo sia sulla stessa strada.

il primo concordo con il voto di MasterTuri, 6.5 va bene, anche se non è uno di quei film curatissimi che ti aspetti di vedere al cinema, è un po come vedere il teatro, lo si vede per farsi 2 risate, senza cercare altri sensi o motivi secondi alla pura risata.

e a me zalone non piace :asd:

Vall77
17-01-11, 19:29:34
Rivisto per la seconda volta The Wrestler, dopo una prima visione tempo fa che mi aveva lasciato diviso. E questa volta non è diverso. Grandissima interpretazione di Rourke, bello il personaggio di Randy, ma la sua parabola (che si esplica nella seconda parte del film) mi suona sempre un pò troppo superficiale. Dopo un lungo incipit descrittivo dell'ambiente e del personaggio (ineccepibile nel minimalismo) il successivo tentativo di redenzione, fallimento del tentativo e sacrificio sono troppo condensati, e il risultato incrina la credibilità e la solidità della storia. Comunque il voto scolastico è un 7 pieno.

Moltissime le analogie con l'ultimo Black Swan, che trovo però ampiamente superiore.

utente 8693
17-01-11, 20:41:25
Rivisto per la seconda volta The Wrestler, dopo una prima visione tempo fa che mi aveva lasciato diviso. E questa volta non è diverso. Grandissima interpretazione di Rourke, bello il personaggio di Randy, ma la sua parabola (che si esplica nella seconda parte del film) mi suona sempre un pò troppo superficiale. Dopo un lungo incipit descrittivo dell'ambiente e del personaggio (ineccepibile nel minimalismo) il successivo tentativo di redenzione, fallimento del tentativo e sacrificio sono troppo condensati, e il risultato incrina la credibilità e la solidità della storia. Comunque il voto scolastico è un 7 pieno.

Moltissime le analogie con l'ultimo Black Swan, che trovo però ampiamente superiore.
Premetto che è l'unico film che ho visto di Anofronoforonosky ma, sbaglio, o quest'uomo ha un gusto pe il melodrammatico? No perchè anche il theme di Requiem for a Dream, mi pare "melodramma concentrato".

Jarhead91
17-01-11, 20:53:54
Visto:
The Elephant Man di Lynch

Mio primo film di Lynch e, probabilmente, anche l'ultimo.
Ero partito con grandi aspettative verso questo titolo osannato da molti ma sono state tremendamente deluse.
Il film non m'ha lasciato nulla, ho trovato la trama scontatissima, tutto va come te lo aspetti, nessun colpo di scena, nessuna sequenza che si eleva rispetto alle altre per originalità, tutto mi sa di già visto, di "vecchio".

Posso salvare gli ultimi minuti del film, realizzati molto bene, la fotografia e le musiche, ma un film non è solo questo.

Spero che qualcuno a cui questo film è davvero piaciuto mi illustri le sue motivazioni :morristend:

p a n z e r
17-01-11, 20:58:17
Visto:
The Elephant Man di Lynch

Mio primo film di Lynch e, probabilmente, anche l'ultimo.
Ero partito con grandi aspettative verso questo titolo osannato da molti ma sono state tremendamente deluse.
Il film non m'ha lasciato nulla, ho trovato la trama scontatissima, tutto va come te lo aspetti, nessun colpo di scena, nessuna sequenza che si eleva rispetto alle altre per originalità, tutto mi sa di già visto, di "vecchio".

Posso salvare gli ultimi minuti del film, realizzati molto bene, la fotografia e le musiche, ma un film non è solo questo.

Spero che qualcuno a cui questo film è davvero piaciuto mi illustri le sue motivazioni :morristend:
Se non ti commuovi davanti a The elephant man ti consiglio di farti controllare, quasi sicuramente ti manca un cuore.

In ogni caso c'è poco da dire sui pregi, è una storia altamente toccante che fatico davvero a capire come possa lasciare indifferenti. Per il resto posso consigliarti di non abbandonare Lynch solo per questo film, in quanto manca quasi totalmente lo stile vero e proprio del regista. Vai di Eraserhead :sisi:

Jarhead91
17-01-11, 21:11:10
Me lo procurerò.
Non che io non mi commuova mai :asd: Semplicemente questo non c'è riuscito...
Come detto, la storia del "mostro" che tutti credono brutto e cattivo ma che alla fine si rivela buono e con dei sentimenti non mi sembra originalissima...

mickes2
17-01-11, 21:13:17
Visto:
The Elephant Man di Lynch

Mio primo film di Lynch e, probabilmente, anche l'ultimo.
Ero partito con grandi aspettative verso questo titolo osannato da molti ma sono state tremendamente deluse.
Il film non m'ha lasciato nulla, ho trovato la trama scontatissima, tutto va come te lo aspetti, nessun colpo di scena, nessuna sequenza che si eleva rispetto alle altre per originalità, tutto mi sa di già visto, di "vecchio".

Posso salvare gli ultimi minuti del film, realizzati molto bene, la fotografia e le musiche, ma un film non è solo questo.

Spero che qualcuno a cui questo film è davvero piaciuto mi illustri le sue motivazioni :morristend:

a me non piace il Lynch onirico, ma questo Lynch lo adoro.
sono d'accordo col post di panza qua sopra ed aggiungo anche che questo film, tra gli altri meriti, è caratterizzato da una messa in scena grandiosa. ogni sequenza sembra studiata nei minimi dettagli, è impossibile notare la minima sbavatura o la minima incertezza. penso che nessuno mi contraddica se scrivo che ogni sequenza e ogni inquadratura rappresentano una bellezza assoluta. poi ci sono in contrasti presenti nella società vittoriana, quello tra scienza e natura; come dice Merrick, la gente ha paura di quello che non riesce a capire. perfetta anche la crisi che ha il dottore verso la fine del film, combattuto dalla sensazione che il bene che stia facendo sia meramente frutto del suo egoismo. in realtà comprendiamo che fa molto per Merrick e ciò lo capisce anche quest’ultimo che malato e allo stremo delle forze decide di morire nel giorno più felice della sua vita, giorno in cui capisce la vera importanza dell’amicizia e del calore umano, profuso non per compassione o per carità ma per vero sentimento.

per me è 8.5/9

Vigo
17-01-11, 21:15:38
Visto:
The Elephant Man di Lynch

Mio primo film di Lynch e, probabilmente, anche l'ultimo.
Ero partito con grandi aspettative verso questo titolo osannato da molti ma sono state tremendamente deluse.
Il film non m'ha lasciato nulla, ho trovato la trama scontatissima, tutto va come te lo aspetti, nessun colpo di scena, nessuna sequenza che si eleva rispetto alle altre per originalità, tutto mi sa di già visto, di "vecchio".

Posso salvare gli ultimi minuti del film, realizzati molto bene, la fotografia e le musiche, ma un film non è solo questo.

Spero che qualcuno a cui questo film è davvero piaciuto mi illustri le sue motivazioni :morristend:

A parte il fatto che è un film biografico quindi sulla trama c'è poco da manipolare (anzi, Lynch ha semplificato alcuni elementi per facilitare la visione, ad esempio ha reso comprensibile il modo di parlare dell'Elephant man o ha assimilato alcuni episodi). Se ti sembra scontata e poco interessante la storia di Joseph Merrick...

In ogni caso la fotografia in bianco e nero è una delle più riuscite del cinema degli ultimi anni, e soprattutto di quel periodo (ormai erano veramente pochi i film girati in BN). Inoltre, ripeto quello che ha detto panzer: Elephant Man è molto diverso dallo stile tipico di Lynch (anche se riconducibile a lui, ma questo è un altro discorso) e soprattutto è sbagliatissimo non dare fiducia a un regista (specie rinomato come lui, capirei se fosse l'ultimo arrivato) solo perchè non ti è piaciuto una sua opera.

EDIT:

Poverino, è il solito mostro dopotutto:

http://it.wikipedia.org/wiki/Joseph_Merrick

Ctekcop
17-01-11, 21:18:47
finalmente ho visto:

MEMENTO

film che avevo da vedere da tempo immemore, semplicemente stupendo, di diritto già da ora tra i miei preferiti, brillantissimo Nolan (mi è piaciuto molto la struttura a puzzle/al contrario), ancora di più Guy Pierce l'attore protagonista.
Veramente meritevole, incolla allo schermo pur richiedendo una certa dose di attenzione, due ore circa ben spese; finale onesto come piace a me.

Vall77
17-01-11, 21:21:47
Premetto che è l'unico film che ho visto di Anofronoforonosky ma, sbaglio, o quest'uomo ha un gusto pe il melodrammatico? No perchè anche il theme di Requiem for a Dream, mi pare "melodramma concentrato".

Azzo già di suo ha un cognome stranino :asd:
Comunque concordo, direi che c'è molto melò in Aronofsky, anche se in The Wrestler, secondo me, è proprio l'aspetto che funziona peggio. Il rapporto e l'addio con la figlia, la storia d'amore... li trovo veramente tirati via. Il valore del film è in tutto il resto. Come fallisce qui, a mio parere riesce invece in Black Swan. E riesce in The Fountain, che dopo Black Swan è il mio preferito del regista.

Requiem for a dream l'ho visto una volta sola e mi è piaciuto, forse solo un pò troppo videoclipparo da quel che ricordo, anche se sono un grandissimo ammiratore di Hubert Selby Jr. (imperdibile l'antologia "Canto della neve silenziosa") quindi ero tifoso fin dall'inizio ^^



finalmente ho visto:

MEMENTO

film che avevo da vedere da tempo immemore, semplicemente stupendo, di diritto già da ora tra i miei preferiti, brillantissimo Nolan (mi è piaciuto molto la struttura a puzzle/al contrario), ancora di più Guy Pierce l'attore protagonista.
Veramente meritevole, incolla allo schermo pur richiedendo una certa dose di attenzione, due ore circa ben spese; finale onesto come piace a me.

Abbondantemente il miglior Nolan di sempre.



a me non piace il Lynch onirico, ma questo Lynch lo adoro.
sono d'accordo col post di panza qua sopra ed aggiungo anche che questo film, tra gli altri meriti, è caratterizzato da una messa in scena grandiosa. ogni sequenza sembra studiata nei minimi dettagli, è impossibile notare la minima sbavatura o la minima incertezza. penso che nessuno mi contraddica se scrivo che ogni sequenza e ogni inquadratura rappresentano una bellezza assoluta. poi ci sono in contrasti presenti nella società vittoriana, quello tra scienza e natura; come dice Merrick, la gente ha paura di quello che non riesce a capire. perfetta anche la crisi che ha il dottore verso la fine del film, combattuto dalla sensazione che il bene che stia facendo sia meramente frutto del suo egoismo. in realtà comprendiamo che fa molto per Merrick e ciò lo capisce anche quest’ultimo che malato e allo stremo delle forze decide di morire nel giorno più felice della sua vita, giorno in cui capisce la vera importanza dell’amicizia e del calore umano, profuso non per compassione o per carità ma per vero sentimento.

per me è 8.5/9

A me piace di più il Lynch onirico del Lynch di Elephant Man, ma comunque è un filmone e questo è abbastanza insindacabile.
Pensandoci, l'unica cosa che mi fa storcere il naso, in questo, è la mancata sfumatura ( o dubbio) morale per quanto riguarda il dottore, che poteva benissimo starci, e che mancando "riduce" il film ad un favola buona e triste. Niente di male, ma avrei preferito e mi sarei aspettato qualcosa di ancora più controverso.

Armin
17-01-11, 21:29:06
Se non ti commuovi davanti a The elephant man ti consiglio di farti controllare, quasi sicuramente ti manca un cuore.

In ogni caso c'è poco da dire sui pregi, è una storia altamente toccante che fatico davvero a capire come possa lasciare indifferenti. Per il resto posso consigliarti di non abbandonare Lynch solo per questo film, in quanto manca quasi totalmente lo stile vero e proprio del regista. Vai di Eraserhead :sisi:

Non posso che quotare il buon Panzer :sisi:

Jarhead91
17-01-11, 21:34:24
a me non piace il Lynch onirico, ma questo Lynch lo adoro.
sono d'accordo col post di panza qua sopra ed aggiungo anche che questo film, tra gli altri meriti, è caratterizzato da una messa in scena grandiosa. ogni sequenza sembra studiata nei minimi dettagli, è impossibile notare la minima sbavatura o la minima incertezza. penso che nessuno mi contraddica se scrivo che ogni sequenza e ogni inquadratura rappresentano una bellezza assoluta. poi ci sono in contrasti presenti nella società vittoriana, quello tra scienza e natura; come dice Merrick, la gente ha paura di quello che non riesce a capire. perfetta anche la crisi che ha il dottore verso la fine del film, combattuto dalla sensazione che il bene che stia facendo sia meramente frutto del suo egoismo. in realtà comprendiamo che fa molto per Merrick e ciò lo capisce anche quest’ultimo che malato e allo stremo delle forze decide di morire nel giorno più felice della sua vita, giorno in cui capisce la vera importanza dell’amicizia e del calore umano, profuso non per compassione o per carità ma per vero sentimento.

per me è 8.5/9

Sono d'accordo sul fattore "inquadrature perfette in ogni dettaglio", ma ripeto, una bella fotografia, una bella colonna sonora, una bella realizzazione delle sequenze non rende un film oggettivamente bello.
Tutte le tematiche trattate mi ricordano l'opera Frankenstein (ovviemente mi riferisco al libro), il mostro, il divario tra scienza e natura, il cercare di valicare i propri limiti...
Poi, ovviamente, i critici mi danno torto, ma IMHO è così ;)


A parte il fatto che è un film biografico quindi sulla trama c'è poco da manipolare (anzi, Lynch ha semplificato alcuni elementi per facilitare la visione, ad esempio ha reso comprensibile il modo di parlare dell'Elephant man o ha assimilato alcuni episodi). Se ti sembra scontata e poco interessante la storia di Joseph Merrick...

In ogni caso la fotografia in bianco e nero è una delle più riuscite del cinema degli ultimi anni, e soprattutto di quel periodo (ormai erano veramente pochi i film girati in BN). Inoltre, ripeto quello che ha detto panzer: Elephant Man è molto diverso dallo stile tipico di Lynch (anche se riconducibile a lui, ma questo è un altro discorso) e soprattutto è sbagliatissimo non dare fiducia a un regista (specie rinomato come lui, capirei se fosse l'ultimo arrivato) solo perchè non ti è piaciuto una sua opera.

EDIT:

Poverino, è il solito mostro dopotutto:

http://it.wikipedia.org/wiki/Joseph_Merrick

Ma infatti sto leggendo da molti che questo film si discosta molto dai canoni di Lynch...approfondirò il regista...
Resta il fatto che non è stato un ottimo inizio :asd:

mickes2
18-01-11, 00:30:53
1)Abbondantemente il miglior Nolan di sempre.

2) A me piace di più il Lynch onirico del Lynch di Elephant Man, ma comunque è un filmone e questo è abbastanza insindacabile.
Pensandoci, l'unica cosa che mi fa storcere il naso, in questo, è la mancata sfumatura ( o dubbio) morale per quanto riguarda il dottore, che poteva benissimo starci, e che mancando "riduce" il film ad un favola buona e triste. Niente di male, ma avrei preferito e mi sarei aspettato qualcosa di ancora più controverso.

1) non ho ancora visto Following e Insomnia, ma Memento lo preferisco anch'io a tutti i Nolan che ho visto fin'ora, anche per me è il migliore :sisi:

2) vero, ci poteva stare :sisi: ,ma essendo una storia biografica, forse e dico forse, Lynch non volle calcare la mano più di tanto.

---------- Post added at 21:58:28 ---------- Previous post was at 21:53:04 ----------


Premetto che è l'unico film che ho visto di Anofronoforonosky ma, sbaglio, o quest'uomo ha un gusto pe il melodrammatico? No perchè anche il theme di Requiem for a Dream, mi pare "melodramma concentrato".

Requiem for a dream è da vedere. non ti do le motivazioni perchè sarebbe un ripetermi fastidioso.


Sono d'accordo sul fattore "inquadrature perfette in ogni dettaglio", ma ripeto, una bella fotografia, una bella colonna sonora, una bella realizzazione delle sequenze non rende un film oggettivamente bello.
Tutte le tematiche trattate mi ricordano l'opera Frankenstein (ovviemente mi riferisco al libro), il mostro, il divario tra scienza e natura, il cercare di valicare i propri limiti...
Poi, ovviamente, i critici mi danno torto, ma IMHO è così ;)


no ma infatti, io lasciavo sott'inteso che il film racconta una bellissima storia, con degli ottimi personaggi e relative caratterizzazioni strutturate molto bene ;)

comunque ci sta che non ti sia piaciuto, dovresti provare col Lynch onirico ;)

---------- Post added 18-01-11 at 00:30:53 ---------- Previous post was 17-01-11 at 21:58:28 ----------




City of God (2002) di Fernando Meirelles

http://img560.imageshack.us/img560/9971/cityofgodlacittadidio28.jpg

Uno sguardo crudo, reale, su una delle tante favelas che sorgono alla periferia di Rio De Janeiro. tra la miseria e la disperazione molti ragazzi crescono, cercando si sopravvivere avvalendosi di mezzi poco leciti. a metà strada fra film e documentario, City of God è un vero e proprio pugno nello stomaco, innervosisce da quanto è a tratti cattivo, oltre ogni limite. in campo c'è molto, la violenza, la cattiveria umana, la disperazione, la vendetta, l'odio. basato sul romanzo di Paulo Lins, e quindi su una storia vera, il film colpisce ancora di più, pensando che racconta una realtà di cui sappiamo l'esistenza, ma che forse incosciamente ci sembra sempre poco probabile. ottima la scansione temporale dislocata nei 3 decenni, dove è tutto un crescendo di cattiveria e cinismo. le atmosfere diventano spasmodiche, adrenaliniche, le vite di molti dei protagonisti cambiano repentinamente, la violenza la fa da padrone, la malavita è ormai un dato di fatto: vale sempre e ancora di più la regola del più forte. il racconto di uno spaccato di umanità, il tutto accompagnato da un magnifico montaggio ed una buonissima regia.

8,5/9

Togg
18-01-11, 00:38:45
soul kitchen

caruccia l'ambientazione, usa bene i grandangoli. non fa ridere abbastanza e gli sviluppi sono troppo prevedibili

6,6

utente 8693
18-01-11, 00:51:13
City of God capolavoro.

City of Men com'è?

----
http://www.moviesfunzone.com/movie_gallery/images/ValhallaRising03.jpg
http://a.imagehost.org/0589/ValhallaRising03.jpg
Valhalla Rising (Nicolas Winding Refn, 2009):
Tanto stile, poca sostanza.
Motivo percui il film sembra trascinato per i capelli, nonostante apparentemente non sia peggio di uno di Malick (in termini di shot naturali senza dialoghi); Gli manca il contenuto e il pacing è piatto, anche.
In assoluto, mi è piaciuta l'atmosfera che si costruisce (veramente unica) e la soundtrack, che contribuisce a questo (ma il sound design in generale è particolare) e mi è piaciuta pure la regia e in generale quello che hanno provato a fare,ma assomiglia più ad un cortometraggio troppo lungo, anzichè un lungometraggio troppo corto (1:20, tipo).
Non è un brutto film, secondo me, ma è uno spreco, visto che avrebbe benissimo potuto essere un capolavoro.

Key Paradise
18-01-11, 14:24:46
http://3.bp.blogspot.com/_meAn67jJEs0/TFW0xDqbfaI/AAAAAAAACLc/5KcvOt2qq14/s1600/belly-of-an-architect.jpg

il ventre dell'architetto - peter greenaway
vortice di distruzione nella città d'arte più importante del pianeta. greenaway mantiene la giusta ambiguità e tensione narrativa ma lascia al termine il sapore di irrisolto, contrariamente a quanto avvenuto in compton house. interessante da un punto di vista estetico, sicurametne qualche taglio in più gli avrebbe giovato. nota a margine: musiche spettacolari, forse più appaganti delle immagini stesse.

Rullo
18-01-11, 14:26:01
City of God capolavoro.

City of Men com'è?

----
http://www.moviesfunzone.com/movie_gallery/images/ValhallaRising03.jpg

Valhalla Rising (Nicolas Winding Refn, 2009):
Great style, little substance.
And that's why the movie feels dragged on, even though it's not worst than, say, a Malick's one (in terms of nature shots with no dialogues); it lacks substance and the pacing is flat, too.
All in all, i liked it, loved the mood (pretty unique) and the sound track (sound design in general) and i even liked the direction, but it felt more like a too long short, rather than a too short feature.
It's not a bad film, in my opinion, but it's a bit of a waste, as it could have been a masterpiece, too bad.

--
prometto che appena posso traduco, ora sono di fretta.
--

come mai in eng?

Saruman
18-01-11, 15:28:32
Visto finalmente L'uomo che verrà. Ero indeciso se scrivere un lungo commento o due parole. Ho optato per la seconda: Da vedere.

mickes2
18-01-11, 15:44:48
Quel pomeriggio di un giorno da cani (1975) di Sidney Lumet

http://img29.imageshack.us/img29/9597/bankrobberydogdayaftern.jpg

Film davvero denso di significati, in primo piano c'è la critica di Lumet verso l'America di quel tempo: denunciando l’ipocrisia di un paese che in quegli anni stava fottendo alla grande un’intera generazione in nome di una guerra di cui nessuno capiva il senso. una strada sporca, piena di transenne, cartacce e folla urlante. poliziotti obesi e sudaticci alle prese con una brutta faccenda, mastini di strada che percorrono il loro perimetro districandosi tra gli agenti federali, dipinti secondo copione arroganti e un po’ ottusi. due rapinatori rintanati in una banca con otto ostaggi; la dinamica di Dog day afternoon è abbastanza semplice, ma Lumet provvede a metterla in scena ragionando proprio sul tema detto in precedenza. le figure di Pacino e Cazale sono delineate ottimamente, personalità ironicamente goffe, ma con una diversità di fondo molto marcata: troveremo un'estroverso e gigione, mentre l'altro più chiuso e schizzoide, entrambi uniti da una sorta di disagio sociale, nello specifico l'impossibilità di trovare un lavoro.

9

naxel
18-01-11, 16:06:12
Into the Wild
Solo Wow.

Vigo
18-01-11, 16:31:45
In linea con l'assassino
Ok, abbiamo qualche problema con lo script, che almeno nei contenuti non è particolarmente originale, ma la premessa non è niente male. Quello che è ottimo è la regia, il film secondo me è stato diretto con abilità: la durata è perfetta, lo spettatore mantiene l'attenzione costante nonostante si sia sempre intorno a una cabina telefonica, la suspense viene mantenuta bene, la recitazione di Colin Farrel non è eccezionale ma comunque buona. Un film low budget che a mio parere si distingue bene, e pensare che la sceneggiatura girava già negli anni '60 e Hitchcock era interessato a girarlo (ma mancava il cecchino, mica poco :asd:)

Rullo
18-01-11, 16:55:32
Visto finalmente L'uomo che verrà. Ero indeciso se scrivere un lungo commento o due parole. Ho optato per la seconda: Da vedere.

rispondo con tre: ma anche no
oppure voglio il lungo commento

James
18-01-11, 17:34:50
Trilogia de "Piccola Peste":

Piccola Peste,Piccola Peste Torna a Far Danni,Piccola Peste si Innamora


http://www.youtube.com/watch?v=0uUh_Dxe41E

http://www.youtube.com/watch?v=uut1liR9mcM&feature=related

I primi 2 per me sono dei classici adolescenziali:rickds: il Terzo senza Michael Oliver(Junior)e John Ritter ne risente moltissimo.

Voto alla Trilogia:7

Sebaryu
18-01-11, 17:48:12
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/6/6a/I_Love_You_Phillip_Morris.jpg

Non me l'aspettavo

Catch me if you can la vendetta...da anni a mio parere non vedevo un bel film di jim carrey...l'ultimo film che mi ha divertì fu una settimana da dio,in generale da Eternal Sunshine mi mancava jim ...Yes man l avevo trovato noisetto tranne alcune scene.....che tipo Steven Jay Russell
Sai qual'è il grosso problema di questo film?
Il titolo italiano...:bah!:
http://www.elle.it/var/elleit/storage/images/entertainment/cinema-tv/colpo-di-fulmine-il-mago-della-truffa/9128897-1-ita-IT/colpo_di_fulmine_il_mago_della_truffa.jpg

Vedi la copertina, vedi il titolo e dici: "Ah, sarà il classico film comico/demenziale di Carrey!"

E non lo è assolutamente.

Hushabye
18-01-11, 19:30:37
Into the Wild
Solo Wow.

solo????????;p

---------- Post added at 19:30:37 ---------- Previous post was at 19:28:16 ----------


Sai qual'è il grosso problema di questo film?
Il titolo italiano...:bah!:
http://www.elle.it/var/elleit/storage/images/entertainment/cinema-tv/colpo-di-fulmine-il-mago-della-truffa/9128897-1-ita-IT/colpo_di_fulmine_il_mago_della_truffa.jpg

Vedi la copertina, vedi il titolo e dici: "Ah, sarà il classico film comico/demenziale di Carrey!"



lo so,il titolo è orrendo,ma guardo sempre gli originali:sisi:

Ieri al cinema ho visto La versione di Barney...... ora,avevo visto il trailer al cinema sicuramente con poca attenzione,infatti pensavo si trattasse di una commedia divertente............

Zeno
18-01-11, 22:36:28
Valhalla Rising (Nicolas Winding Refn, 2009):
Great style, little substance.
And that's why the movie feels dragged on, even though it's not worst than, say, a Malick's one (in terms of nature shots with no dialogues); it lacks substance and the pacing is flat, too.
All in all, i liked it, loved the mood (pretty unique) and the sound track (sound design in general) and i even liked the direction, but it felt more like a too long short, rather than a too short feature.
It's not a bad film, in my opinion, but it's a bit of a waste, as it could have been a masterpiece, too bad.

--
prometto che appena posso traduco, ora sono di fretta.
--

Questo mi interessa, lo vedrò a breve. :sisi:

utente 8693
18-01-11, 23:12:58
come mai in eng?
Perchè mi son dimenticato di tradurre (e' un post che ho fatto su un altro forum, internazionale), mo lo faccio.

Questo mi interessa, lo vedrò a breve. :sisi:
Sì ma... non dargli troppe priorità.
E' molto interessante e unico, ma non funziona al 100% e annoia anche un po', per la mancanza di contenuto.


EDIT: Tradotto e rimessa l'immagine.

Togg
18-01-11, 23:23:10
Lebanon

uno strano percorso fra stilizzazione e realismo, l'idea è buona ma, nonostante l'impegno dimostrato, il puzzo dei cadaveri e la follia della guerra non arriva. a parte la location è tutto già visto, inoltre il mirino del carro armato, invece di essere comunicativo delle sensazioni desiderate, risulta fin troppo freddo e "videogiocato"

se avessero tagliato due minuti prima avrebbero ottenuto un finale coi controcabbasi, forte e ambiguo
io avrei chiuso con la scena di

quello che dopo tutto il bordello finale guarda in camera, ero certo che sarebbe finito così. invece ci hanno messo appresso un paio di scene non richieste


ci tengo comunque a dire che tutto procede bene e senza grossi problemi, la fotografia è interessante e ben curata

7

utente 8693
18-01-11, 23:25:01
Devo vederlo anche io Lebanon, ce l'ho lì che mi aspetta.
Ovviamente sarò meno snob di te :sisi:.

Togg
18-01-11, 23:28:01
allora visto che sono cattivo abbasso il voto a 7 :sisi:

mickes2
18-01-11, 23:53:05
Ammesso

Frizzante commedia che pecca nell'avere una sceneggiatura un po' troppo inverosimile. comunque m'ha fatto ridere di gusto 5-6 volte, quindi è buona :D

6.5

TR€NO
19-01-11, 00:12:08
dragon trainer, non male come cartone, strappa qualche sorriso...

Gone Baby Gone, anche questo un film d'azione piacevole, anche se niente di eccezionale

Armin
19-01-11, 00:40:57
City of Men com'è?


Sicuramente da vedere.
Ottima l'atmosfera generale :sisi:

IL GURU
19-01-11, 07:23:13
Che bella giornata divertentissimo:rickds:

Vall77
19-01-11, 08:12:43
Primavera, estate, autunno, inverno.. e ancora primavera. Lenta e contemplativa, la metafora della vita attraverso le stagioni di Kim Ki-duk non mi ha annoiato neanche per un secondo. Promosso a pieni voti.

Togg
19-01-11, 09:45:35
Primavera, estate, autunno, inverno.. e ancora primavera. Lenta e contemplativa, la metafora della vita attraverso le stagioni di Kim Ki-duk non mi ha annoiato neanche per un secondo. Promosso a pieni voti.

una specie di zio boonmee ultra-semplificato :sisi:

mi sono appena svegliato e sto delirando :asd:

Zeno
19-01-11, 10:15:20
eXistenZ - D. Cronenberg (1999)

La realtà virtuale, l'erotismo e la dipendenza nei confronti di un'avveniristica tecnologia che unisce uomini e biomacchine, penetrando la carne, eccitando il corpo. Cronenberg parte da questo concept per scrivere e dirigere quello che secondo me è uno dei suoi film meno riusciti. Existenz porta con se il marchio di fabbrica del regista per quanto riguarda le tematiche e lo stile ma si dimostra carente nel ritmo e povero nella struttura narrativa. A mio avviso Cronenberg avrebbe potuto sviluppare molto meglio l'idea di base del film, purtroppo qualche elemento stimolante non vi salverà dalla noia.

Woody
19-01-11, 12:11:35
Primavera, estate, autunno, inverno.. e ancora primavera. Lenta e contemplativa, la metafora della vita attraverso le stagioni di Kim Ki-duk non mi ha annoiato neanche per un secondo. Promosso a pieni voti.

di kim ki-duk hai visto anche ferro 3? A me sfracassò i marron glacè. Infatti primavere,estate mi ha sempre incuriosito, ma ho il terrore che possa somigliare a ferro.

utente 8693
19-01-11, 13:11:35
di kim ki-duk hai visto anche ferro 3? A me sfracassò i marron glacè. Infatti primavere,estate mi ha sempre incuriosito, ma ho il terrore che possa somigliare a ferro.
Ferro 3 è un capolavoro °_______°.

medicine bottle
19-01-11, 13:13:24
ma ferro 3 è bello, non dite bugie, corbezzoli

---------- Post added at 13:13:24 ---------- Previous post was at 13:12:54 ----------


Ferro 3 è un capolavoro °_______°.

ecco, diglielo

Luis
19-01-11, 13:18:00
Ferro 3 è un bellissimo film, certo bisogna superare lo scoglio della quasi assenza di dialoghi che per alcuni risulta indigesto :asd:

Woody
19-01-11, 13:19:58
Ferro 3 è un capolavoro °_______°.

non lo metto in dubbio, ma a me comunque li aveva sfracassati :asd:

comunque seguo il consiglio di pastore, gli do un'altra chance e guardo primavera estate

mickes2
19-01-11, 13:49:43
Sì,ma perché un motivo,anzi forse il motivo, per cui Sonny (Al Pacino) ha bisogno di quei soldi?e tutto quel che succede una volta che il motivo viene rivelato?,con un Cazale (mitico!) infastidito?
Per non parlare del delizioso prologo:
che ci mostra con riprese aeree una città tranquilla,e si chiude con l'entrata dei 3 nella banca
.

davvero fede :sisi:, mi ero fermato volutamente per non rivelare nulla e non sapevo come scriverlo senza spoilerare ^^ un motivo direi nobile, e fuori avevano ormai le schiere di fan, tra l'altro :D
Cazale idolo! che faccia! :D

verissimo! favolosa scena d'apertura, mi sono proprio dimenticato di menzionarla :D

Vall77
19-01-11, 14:58:02
Dog Day Afternoon è mitologico, e non può mancare in nessuna collezione che si rispetti.


una specie di zio boonmee ultra-semplificato :sisi:

mi sono appena svegliato e sto delirando :asd:

Semplice, profondo, simbolico ma non troppo criptico... Il lato della cultura orientale che mi affascina.
Non che Boonmee mi abbia infastidito, lo sai, però però pero.



eXistenZ - D. Cronenberg (1999)

La realtà virtuale, l'erotismo e la dipendenza nei confronti di un'avveniristica tecnologia che unisce uomini e biomacchine, penetrando la carne, eccitando il corpo. Cronenberg parte da questo concept per scrivere e dirigere quello che secondo me è uno dei suoi film meno riusciti. Existenz porta con se il marchio di fabbrica del regista per quanto riguarda le tematiche e lo stile ma si dimostra carente nel ritmo e povero nella struttura narrativa. A mio avviso Cronenberg avrebbe potuto sviluppare molto meglio l'idea di base del film, purtroppo qualche elemento stimolante non vi salverà dalla noia.

Bestemmia ^^
Uno dei miei preferiti di Cronenberg, noia proprio niente, spessore narrativo e spunti registici ben presenti, e uno degli unici film cyberpunk (obliquo, ma sempre cyberpunk) più che degni di nota, tralasciando Blade Runner e A scanner Darkly (ma sono presi da Dick, non vale). Di altro cosa ci resta, Matrix Trilogy e Johnny Mnemonic? :asd:


di kim ki-duk hai visto anche ferro 3? A me sfracassò i marron glacè. Infatti primavere,estate mi ha sempre incuriosito, ma ho il terrore che possa somigliare a ferro.

A me il regista piace molto, compreso Ferro 3, e compreso anche il meno conosciuto Time. Mi manca L'Arco, ma provvederò presto.
Il suo (rarefatto) linguaggio è sempre abbastanza quello, quindi anche questo potrebbe deluderti.

naxel
19-01-11, 17:48:31
solo????????;p


Mi è piaciuto moltissimo, ieri non riuscivo atogliermelo dalla testa:sisi:
Fino a quando non ho riguardato Full Metal Jacket e a quel punto a fatto posto al Sergente Hartman:gab:

p a n z e r
19-01-11, 17:52:09
Johnny Mnemonic mi ricorda solo un film con Keanu Reeves che era al limite del trash, con delfini meccanici e roba simile. Vale la pena rivederlo o mi tengo il ricordo di film ridicolo? :asd:

Jarhead91
19-01-11, 21:23:01
Visto:
Eraserhead

Piaciuto molto più di The Elephant Man.
Ho adorato gli scenari, soprattutto la casa della famiglia della ragazza del protagonista e quella del protagonista stesso. Questi ambienti chiusi ingigantiscono l'angoscia che in certe scene è esasperante
nella scena in cui lei cerca di prendere sonno e il bambino continua a piangere, ad esempio
Tra l'altro mai mi sarei immaginato che il titolo volesse dire quello che poi durante il film si vede XD

Mi continua però a sfuggire il significato generale di tutto il film, se mai dovesse averne uno.

medicine bottle
19-01-11, 21:25:41
in heaven everything is fine:.bip:

Togg
19-01-11, 21:31:08
Visto:
Eraserhead

Piaciuto molto più di The Elephant Man.
Ho adorato gli scenari, soprattutto la casa della famiglia della ragazza del protagonista e quella del protagonista stesso. Questi ambienti chiusi ingigantiscono l'angoscia che in certe scene è esasperante
nella scena in cui lei cerca di prendere sonno e il bambino continua a piangere, ad esempio
Tra l'altro mai mi sarei immaginato che il titolo volesse dire quello che poi durante il film si vede XD

Mi continua però a sfuggire il significato generale di tutto il film, se mai dovesse averne uno.

lo devi trovare tu il significato :D Lynch dice che è il suo film più religioso e che l'intero film è spiegato da una frase della bibbia.
ma non dirà mai quale, per fortuna

felice che ti sia piaciuto ^^

Armin
19-01-11, 21:32:10
Visto:
Eraserhead

Piaciuto molto più di The Elephant Man.
Ho adorato gli scenari, soprattutto la casa della famiglia della ragazza del protagonista e quella del protagonista stesso. Questi ambienti chiusi ingigantiscono l'angoscia che in certe scene è esasperante
nella scena in cui lei cerca di prendere sonno e il bambino continua a piangere, ad esempio
Tra l'altro mai mi sarei immaginato che il titolo volesse dire quello che poi durante il film si vede XD

Mi continua però a sfuggire il significato generale di tutto il film, se mai dovesse averne uno.

Con quasi tutti i film di Lynch rimarrai sempre con questa sensazione :asd:

Togg
19-01-11, 21:35:05
Medea, Pasolini

visto col gruppo del teatro, non mi ha convinto per nulla. sarà che la Medea di Christa Wolf che ho letto di recente eclissa tutto il resto

voto non pervenuto

p a n z e r
19-01-11, 21:44:16
Medea, Pasolini

visto col gruppo del teatro, non mi ha convinto per nulla. sarà che la Medea di Christa Wolf che ho letto di recente eclissa tutto il resto

voto non pervenuto

http://web.tiscalinet.it/karmela/euripide.jpg

son, i am disappoint

Legion
19-01-11, 22:01:11
lo devi trovare tu il significato :D Lynch dice che è il suo film più religioso e che l'intero film è spiegato da una frase della bibbia.
ma non dirà mai quale, per fortuna

felice che ti sia piaciuto ^^

Ma tu ci credi? Io non credo ad una sola parola di Lynch. Spara cazzate a raffica sui suoi film solamente per alimentare il mito. Tipo i 10 indizi di Mullholland drive.

---------- Post added at 22:01:11 ---------- Previous post was at 22:00:41 ----------


dragon trainer, non male come cartone, strappa qualche sorriso...

Gone Baby Gone, anche questo un film d'azione piacevole, anche se niente di eccezionale

:facepalm:

Vall77
19-01-11, 22:05:51
Johnny Mnemonic mi ricorda solo un film con Keanu Reeves che era al limite del trash, con delfini meccanici e roba simile. Vale la pena rivederlo o mi tengo il ricordo di film ridicolo? :asd:

Ma c'è anche Kitano!
Comunque sì, è un filmetto quasi trash non ricordi male :sisi:

Jarhead91
19-01-11, 22:13:57
felice che ti sia piaciuto ^^

Yee.

Tra l'altro, domani devo vedere "Cattivo Tenente", consigliato da un amico...merita? XD

p a n z e r
19-01-11, 22:17:51
Yee.

Tra l'altro, domani devo vedere "Cattivo Tenente", consigliato da un amico...merita? XD
Dipende, quale dei due? In ogni caso da quello che so meritano entrambi :sisi:

Jarhead91
19-01-11, 22:20:54
Dipende, quale dei due? In ogni caso da quello che so meritano entrambi :sisi:

Quello di Abel Ferrara. ;)

Key Paradise
19-01-11, 22:21:40
merita, pur non essendo il migliore di ferrara

Vall77
19-01-11, 22:24:28
merita, pur non essendo il migliore di ferrara

Mal che vada è al secondo posto dopo The funeral. Ma dovrei pensarci.
Personalmente potrei invece metterlo proprio al primissimo posto.

JT26
19-01-11, 23:11:38
chiedo anche qui.

http://www.imdb.com/title/tt1266029/

questo l'ha visto qualcuno?

Togg
20-01-11, 00:01:33
tropical malady, Apichatpong

m'abbutta scrivere, stupendo

8,7


Yee.

Tra l'altro, domani devo vedere "Cattivo Tenente", consigliato da un amico...merita? XD

non l'ho visto :(


Ma tu ci credi? Io non credo ad una sola parola di Lynch. Spara cazzate a raffica sui suoi film solamente per alimentare il mito. Tipo i 10 indizi di Mullholland drive.[COLOR="Silver"]


io ci credo. poi gli indizi di mulholland dr possono essere sia visti come uno sberleffo (che ci starebbe) che come indizi veri e propri, nel bd del film c'è tutto un extra con la spiegazione completa che include anche gli indizi :nev:


http://web.tiscalinet.it/karmela/euripide.jpg

son, i am disappoint

per me non c'è paragone, molto migliore la medea di christa wolf che quella di euripide

Key Paradise
20-01-11, 08:31:13
sì, non è un remake, semplicemente un titolo imposto dalla produzione che ha voluto creare un franchising

Vall77
20-01-11, 09:01:34
Personalmente pur considerando il cattivo tenente (a proposito, Vall:tu l'hai visto quello di Herzog, giusto?,com'è?, ricordo un passaggio del tuo commento in cui dicevi che non c'entrava nulla col film di Ferrara) un buonissimo film,gli preferisco oltre a Fratelli,anche The addiction e L'angelo della vendetta.

Mi mancano ^^ almeno The addiction vedo di recuperarlo.
Altri buoni di Ferrara... King of New York, Dangerous Game. Comunque regista parecchio discontinuo. A Bad Lieutenant sono particolamente legato perchè, quando lo vidi per la prima volta al cinema, metà sala si svuotò dopo mezz'ora. Chiaramente noi invece restammo, con tanto di applausi alla fine. Durissimo, esageratissimo, un film nelle mie corde.

Per il paragone con lo pseudo-remake di Herzog, sì, come dice Key i due film sono completamente diversi. Divertente il battibecco a distanza tra i due registi, con Ferrara che commenta il titolo con una specie di "Ti ammazzo!", a cui Herzog replica più o meno "Ma chi è questo?" :rickds:

Comunque buon film, quello di Herzog, decisamente una black-comedy riuscita.

Robo@nte
20-01-11, 15:29:07
Pandorum



Credo che il problema più grosso di questo film sia la sceneggiatura. Dio, in più di un'occasione mi son chiesto di cosa ca**o parlasse il film! Un vero peccato, altrimenti son certo che mi avrebbe appasionato di più:sisi:

Sardello
20-01-11, 19:11:17
eXistenZ - D. Cronenberg (1999)

La realtà virtuale, l'erotismo e la dipendenza nei confronti di un'avveniristica tecnologia che unisce uomini e biomacchine, penetrando la carne, eccitando il corpo. Cronenberg parte da questo concept per scrivere e dirigere quello che secondo me è uno dei suoi film meno riusciti. Existenz porta con se il marchio di fabbrica del regista per quanto riguarda le tematiche e lo stile ma si dimostra carente nel ritmo e povero nella struttura narrativa. A mio avviso Cronenberg avrebbe potuto sviluppare molto meglio l'idea di base del film, purtroppo qualche elemento stimolante non vi salverà dalla noia.
Amorissimo, l'ho visto anch'io da poco... lunedì per la precisione :stema:


Comunque visto Ichi The Killer... incredibile come ancora riesca ad essere colpito dalla malattia dei Giappi

Poi ho visto anche Carlotta con la Ricci. Commediola così tanto per :asd:

Thanatos
20-01-11, 19:37:31
Visto Assassini nati (Natural born killers).
L'apoteosi della violenza gratuita e fine a se stessa, in pieno stile Tarantino (tant'è che il soggetto è suo quindi sorpresa fino a un certo punto); il film scorre che è un piacere alternando alle innumerevoli morti scene di ordinaria comicità (ovviamente anche follia) senza lasciare troppo tempo allo spettatore di domandarsi il perché di tanta cattiveria.
Devo dire che ancor più della psicopatica Juliette Lewis mi è piaciuta l'interpretazione di Harrelson.

bomba-bum-96
20-01-11, 19:58:46
Ho visto Troy una settimana fa circa, a scuola. Insomma, penso che lo sappiate tutti che è un film con la partecipazione di Brad Pitt e Orlando Bloom, che parla dell'Iliade omerica e della guerra di T r o i a. (Mi censura la parola prendendola come un insulto :mellow: )
Bel film davvero, mi ha fatto capire molte cose che non avevo capito a scuola :ahsisi:

Togg
20-01-11, 20:17:18
4 mesi 3 settimane 2 giorni

sceneggiatura imponente, ogni piano sequenza è un dono di dio

8,5

Rullo
20-01-11, 20:25:17
Ho visto Troy una settimana fa circa, a scuola. Insomma, penso che lo sappiate tutti che è un film con la partecipazione di Brad Pitt e Orlando Bloom, che parla dell'Iliade omerica e della guerra di T r o i a. (Mi censura la parola prendendola come un insulto :mellow: )
Bel film davvero, mi ha fatto capire molte cose che non avevo capito a scuola :ahsisi:

che scuola fai?

Hushabye
20-01-11, 21:16:51
che scuola fai?

mii davvero...
senza offesa eh

MasterTuri
20-01-11, 21:17:01
Codice Genesi. 8,5. Mi son piaciute parecchio le ambientazioni postapocalittiche miste a quelle tonalità di grigio che le rendevano ancora più realistiche. Ottima anche la recitazione di Denzel Washington mista ad un'altrettanto interessante trama che raggiunge il suo culmine alla fine del film.

Hushabye
20-01-11, 21:18:56
Codice Genesi. 8,5. Mi son piaciute parecchio le ambientazioni postapocalittiche miste a quelle tonalità di grigio che le rendevano ancora più realistiche. Ottima anche la recitazione di Denzel Washington mista ad un'altrettanto interessante trama che raggiunge il suo culmine alla fine del film.

oh...anche a me è piaciuto molto...tranne il titolo italiano

medicine bottle
20-01-11, 21:31:26
4 mesi 3 settimane 2 giorni

sceneggiatura imponente, ogni piano sequenza è un dono di dio

8,5

a camera ferma. cioè, dico, A CAMERA FERMA. vengo.


Ho visto Troy una settimana fa circa, a scuola. Insomma, penso che lo sappiate tutti che è un film con la partecipazione di Brad Pitt e Orlando Bloom, che parla dell'Iliade omerica e della guerra di T r o i a. (Mi censura la parola prendendola come un insulto :mellow: )
Bel film davvero, mi ha fatto capire molte cose che non avevo capito a scuola :ahsisi:

bisognerebbe segnalare il professore/la professoressa al ministero.
...
(così magari si becca pure il plauso delle ministra :rickds:)

charlesjudges
20-01-11, 21:38:30
"Scuola" mi aspettavo quasi la scrivesse con la q.

Togg
20-01-11, 22:03:24
a camera ferma. cioè, dico, A CAMERA FERMA. vengo.


infatti vorrei coniare il termine "quadro sequenza". ti raggiungo

JT26
20-01-11, 22:16:44
Per quanto sembri ignorante, che è un piano sequenza?

Robo@nte
20-01-11, 22:19:18
Per quanto sembri ignorante, che è un piano sequenza?

una lunga sequenza senza "stacchi" di montaggio...
questo per capirci


http://www.youtube.com/watch?v=zt7-aTOPFCA

Vall77
20-01-11, 23:47:05
Let me in - remake

Sottotitolo: c'è qualcosa di peggio che doppiare qualsiasi film? Sì, proporre remake del tutto immotivati a distanza di due anni dall'originale.

Il mio voto per queste due ore inutili è 2 (su 10), che potreste alzare a 4 se come me avete visto l'ottimo film originale svedese ma magari siete meno puntigliosi e meno infastiditi. Potreste alzare il voto addirittura a 6 o 7, invece, se l'originale non l'aveste visto. D'altronde non c'è un motivo al mondo che giustifichi la visione di questo remake prima di vedersi l'originale. Quindi, nel caso, il mio voto a voi (sul personale) scenderebbe comunque a 2, e chiudiamo il cerchio. Tutto chiaro? :asd:

No oggettivamente, la storia di partenza lo sappiamo tutti che è molto buona, ma qua si sono messi di impegno per rovinare il feeling. Un sonoro onnipresente (fastidiosissimo e spesso emotivamente sballato), un cast debole, la ragazzina troppo normale quando è normale e troppo mostruosa quando è quello che è: sfumatura ciao, siamo in America. Religione messa quasi in mezzo, quando non c'entra niente. Potrei continuare ma ho già perso abbastanza tempo.

Bocciato, bocciato, bocciato.



P.s. S'è capito che mi ha fatto cagare?

Hushabye
21-01-11, 00:03:28
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/d/d9/Paper_man_poster.jpg/220px-Paper_man_poster.jpg

davvero carino...

Togg
21-01-11, 00:04:24
Let me in - remake

Sottotitolo: c'è qualcosa di peggio che doppiare qualsiasi film? Sì, proporre remake del tutto immotivati a distanza di due anni dall'originale.

Il mio voto per queste due ore inutili è 2 (su 10), che potreste alzare a 4 se come me avete visto l'ottimo film originale svedese ma magari siete meno puntigliosi e meno infastiditi. Potreste alzare il voto addirittura a 6 o 7, invece, se l'originale non l'aveste visto. D'altronde non c'è un motivo al mondo che giustifichi la visione di questo remake prima di vedersi l'originale. Quindi, nel caso, il mio voto a voi (sul personale) scenderebbe comunque a 2, e chiudiamo il cerchio. Tutto chiaro? :asd:

No oggettivamente, la storia di partenza lo sappiamo tutti che è molto buona, ma qua si sono messi di impegno per rovinare il feeling. Un sonoro onnipresente (fastidiosissimo e spesso emotivamente sballato), un cast debole, la ragazzina troppo normale quando è normale e troppo mostruosa quando è quello che è: sfumatura ciao, siamo in America. Religione messa quasi in mezzo, quando non c'entra niente. Potrei continuare ma ho già perso abbastanza tempo.

Bocciato, bocciato, bocciato.



P.s. S'è capito che mi ha fatto cagare?

ti quoto anche se non ho visto il remake :sisi:

JT26
21-01-11, 00:36:20
Eternal sunshine of spotless mind, me lo sono davvero goduto. La cosa che più adoro nei film è il montaggio e qui è stupendo, winslet e jim carrey fantastici, soprattutto la winslet, adorabile.

Però per esempio, una storia d'amore come 500 days of Summer mi ha più sconvolto, nel senso di coinvolto e stravolto nello stesso tempo, qui mi sono solo stragoduto il film, meno empatia. Però bellissimo. 8.

mickes2
21-01-11, 01:00:49
rivisto Psycho (al cinema) di Alfred Hitchcock

yeeeeeee. superficoiea.

9

TR€NO
21-01-11, 01:06:55
Ammesso

Frizzante commedia che pecca nell'avere una sceneggiatura un po' troppo inverosimile. comunque m'ha fatto ridere di gusto 5-6 volte, quindi è buona :D

6.5

visto anche io ieri.............dai qualche risata la strappa.........piacevole anche se il finale così no ti prego

medicine bottle
21-01-11, 01:27:26
Eternal sunshine of spotless mind, me lo sono davvero goduto. La cosa che più adoro nei film è il montaggio e qui è stupendo, winslet e jim carrey fantastici, soprattutto la winslet, adorabile.

Però per esempio, una storia d'amore come 500 days of Summer mi ha più sconvolto, nel senso di coinvolto e stravolto nello stesso tempo, qui mi sono solo stragoduto il film, meno empatia. Però bellissimo. 8.

non son d'accordo nemmeno sulle virgole :rickds:

Armin
21-01-11, 02:08:58
rivisto Psycho (al cinema) di Alfred Hitchcock

yeeeeeee. superficoiea.

9

Solo 9? :patpat:

Price
21-01-11, 02:46:19
Vallanzasca gli angeli del male
inefficace come solo i film di Placido
2/ | 5

Legion
21-01-11, 04:32:20
ti quoto anche se non ho visto il remake :sisi:

E allora che cacchio quoti? :asd:

---------- Post added at 04:25:11 ---------- Previous post was at 04:24:31 ----------


Let me in - remake

Sottotitolo: c'è qualcosa di peggio che doppiare qualsiasi film? Sì, proporre remake del tutto immotivati a distanza di due anni dall'originale.

Il mio voto per queste due ore inutili è 2 (su 10), che potreste alzare a 4 se come me avete visto l'ottimo film originale svedese ma magari siete meno puntigliosi e meno infastiditi. Potreste alzare il voto addirittura a 6 o 7, invece, se l'originale non l'aveste visto. D'altronde non c'è un motivo al mondo che giustifichi la visione di questo remake prima di vedersi l'originale. Quindi, nel caso, il mio voto a voi (sul personale) scenderebbe comunque a 2, e chiudiamo il cerchio. Tutto chiaro? :asd:

No oggettivamente, la storia di partenza lo sappiamo tutti che è molto buona, ma qua si sono messi di impegno per rovinare il feeling. Un sonoro onnipresente (fastidiosissimo e spesso emotivamente sballato), un cast debole, la ragazzina troppo normale quando è normale e troppo mostruosa quando è quello che è: sfumatura ciao, siamo in America. Religione messa quasi in mezzo, quando non c'entra niente. Potrei continuare ma ho già perso abbastanza tempo.

Bocciato, bocciato, bocciato.



P.s. S'è capito che mi ha fatto cagare?

Finché non vedo non credo. Lo hanno osannato tutti :ahsisi:

Ah, mi aspetto l'identico tono imborghesito quando ci sarà da commentare True grit. Da tutti voi.
Ma tanto so che il metro usato non sarà lo stesso; nonostante il remake di True grit abbia molte meno ragioni di esistere del remake di Let me in.
E questo lo dico supportato dalla visione dell'originale (il Grinta) avvenuta proprio stasera.
Comunque nel commento si evince un pregiudizio incrollabile. Il film poteva essere un capolavoro inestimabile, il commento sarebbe stato lo stesso. Parola per parola.
E in effetti l'unico motivo per cui non ti è piaciuto estrapolabile dal post è il suo essere un remake.

Ti dico che questo commento mi sembra molto immaturo. E ti dico anche che mi deludi molto :sisi:
Ci sono modi e modi per demolire un film se lo volevi fare. Ma porre a presupposto che è brutto in quanto remake svaluta qualunque opinione successiva.


---------- Post added at 04:32:20 ---------- Previous post was at 04:25:11 ----------


Vallanzasca gli angeli del male
inefficace come solo i film di Placido
2/ | 5

Ormai la carriera di Placido è una lista di occasioni sprecate.

L4GANN
21-01-11, 04:53:22
Cado dalle nubi.
Bo, non sò proprio che dire, sarà una mia mancanza ma la comicità di Zalone mi lascia indifferente.
Ma cosa centra essere meridionale con l'essere ritardato e ignorante, come il protagonista del film?
L'ironia che dovrebbe caratterizzare questo film, proprio non riesco a coglierla.

E cmq sotto la scorza rude e tamarra, si nasconde un filmetto con una storia banale e scontata in cui si salvano solo le vicende del cugino raffinato di checco.

Voto 6

utente 8693
21-01-11, 05:54:52
Anche io ho letto grandi cose su Let me in, e ho deciso di mettere da parte il butthurt e vederlo (quando esce in dvd).
Resta vagamente inutile,nel senso che è sicuramente MOLTO simile all'originale ed a pochissimo tempo di distanza, ma può sempre rivelarsi un ottimo film, addirittura migliore del predecessore, chissà.
Del resto per quanto lo adori, Let the right one in, aveva diversi difetti, soprattutto nell'adattamento da libro, che potevano essere limati.

Vall77
21-01-11, 07:26:52
Finché non vedo non credo. Lo hanno osannato tutti :ahsisi:

Ah, mi aspetto l'identico tono imborghesito quando ci sarà da commentare True grit. Da tutti voi.
Ma tanto so che il metro usato non sarà lo stesso; nonostante il remake di True grit abbia molte meno ragioni di esistere del remake di Let me in.
E questo lo dico supportato dalla visione dell'originale (il Grinta) avvenuta proprio stasera.
Comunque nel commento si evince un pregiudizio incrollabile. Il film poteva essere un capolavoro inestimabile, il commento sarebbe stato lo stesso. Parola per parola.
E in effetti l'unico motivo per cui non ti è piaciuto estrapolabile dal post è il suo essere un remake.

Ti dico che questo commento mi sembra molto immaturo. E ti dico anche che mi deludi molto :sisi:
Ci sono modi e modi per demolire un film se lo volevi fare. Ma porre a presupposto che è brutto in quanto remake svaluta qualunque opinione successiva.


Finchè non vedi non credi, però nel frattempo attacchi :sisi:
Qualcuno chiamerebbe questo atteggiamento "pregiudizio". Neanch'io ne sono libero? Ma sicuramente. Nè io, nè tu, nessuno.

I motivi per cui mi ha deluso rispetto all'originale li ho elencati. Che tutti lo osannino francamente mi interessa meno di niente. Tutti chi? I lettori americani di Imdb?
La nota introduttiva del mio post (semi-ironica) di certo non giudicava il film in sè, giudicava una pratica che ho tutto il diritto di ritenere una porcata. Che tutto ciò a sua volta deluda te, vabbè pazienza :asd:

Altra nota: il paragone con True Grit c'entra come il capitone a colazione. Non puoi paragonarmi un remake odierno di un film di 50 anni fa con un'operazione di questo tipo, siamo palesemente su tutto un altro territorio. E tra parentesi, se vuoi saperlo anche quello non mi ha fatto impazzire, ma certo non perchè lo paragono al film con John Wayne, semmai perchè lo paragono ai film precedenti dei Coen.

Togg
21-01-11, 08:34:22
E allora che cacchio quoti?

sto a scherzà :asd:

mickes2
21-01-11, 08:58:15
Solo 9? :patpat:

il 9 va bene dai :sisi:

Legion
21-01-11, 09:32:04
Finchè non vedi non credi, però nel frattempo attacchi :sisi:
Qualcuno chiamerebbe questo atteggiamento "pregiudizio". Neanch'io ne sono libero? Ma sicuramente. Nè io, nè tu, nessuno.

I motivi per cui mi ha deluso rispetto all'originale li ho elencati. Che tutti lo osannino francamente mi interessa meno di niente. Tutti chi? I lettori americani di Imdb?
La nota introduttiva del mio post (semi-ironica) di certo non giudicava il film in sè, giudicava una pratica che ho tutto il diritto di ritenere una porcata. Che tutto ciò a sua volta deluda te, vabbè pazienza :asd:

Altra nota: il paragone con True Grit c'entra come il capitone a colazione. Non puoi paragonarmi un remake odierno di un film di 50 anni fa con un'operazione di questo tipo, siamo palesemente su tutto un altro territorio. E tra parentesi, se vuoi saperlo anche quello non mi ha fatto impazzire, ma certo non perchè lo paragono al film con John Wayne, semmai perchè lo paragono ai film precedenti dei Coen.

Ma il "senso" di un remake è un concetto relativo. Chi può dire se un remake ha senso o no?
D'altronde certo Let me in non è stato rifatto per i cinefili con mezzi e background necessari per potersi recuperare/voler vedere l'originale svedese.
La storia dei 50 anni se permetti fa acqua da tutte le parti proprio perché un americano/europeo è molto più probabile che abbia visto "Il grinta" piuttosto che Let me in, configurandosi quest'ultimo come un rifacimento per i pochi che dovrebbero intelligentemente valutarlo per questo, e non lasciarsi trasportare dallo snobbismo per un opera che soggettivamente è conosciuta, già apprezzata e per questo forse "tradita" da un rifacimento, ma riflettere sulla potenza divulgativa che un remake americano può esercitare sulle masse. Specialmente se si parla di un film realizzato meglio dell'originale; anche se poi, come forse sai, ai botteghini ha fallito miseramente. Quindi ponendo sempre il solito esempio (serve dirlo? ovviamente Funny games) se dietro l'operazione remake si concentra la volontà di espandere il bacino di utenza al mercato americano e ottenere più visibilità overseas (anche lì sconfessato però dagli incassi) non capisco per quale motivo una bella storia (perché quella di Let me in, a quanto ne so, lo è) non possa allargare anch'essa il bacino di utenza senza essere presa a pesci in faccia. Che poi questo non è avvenuto perché è stato osannato dalla critica, non solo dagli utenti di Imdb. Io sono abbastanza pro-remake se sono fatti coi crismi del caso, se riescono a diffondere come meglio possono una storia che lo merita e considero remake come per esempio quello di The ring come delle benedizioni. D'altronde io mi aspetto da tutti voi, che schifate i remake, di non leggere un solo libro tradotto. Perché un qualsiasi libro tradotto in italiano da una lingua straniera è la PEGGIOR FORMA DI REMAKE. E oltretutto manco 2 anni fanno passare da un'edizione all'altra; ma molto meno.

Ah e "essere su un altro territorio" per True grit deriva solamente dal suo essere diretto dai Coen. Almeno l'onestà intellettuale di questo non dovresti negarmela.

Azure Grimoire
21-01-11, 09:58:38
http://cinema-tv.corriere.it/multimedia/cinema/2007/20/268/locandina.jpg

fottutamente fantastico, appena rientro da lavoro scrivo qualcosa...Rockwell si avvicina a dio sempre di più per ogni performance che vedo, cazzarola

8.5

Price
21-01-11, 13:58:37
Ma il "senso" di un remake è un concetto relativo. Chi può dire se un remake ha senso o no?
D'altronde certo Let me in non è stato rifatto per i cinefili con mezzi e background necessari per potersi recuperare/voler vedere l'originale svedese.
La storia dei 50 anni se permetti fa acqua da tutte le parti proprio perché un americano/europeo è molto più probabile che abbia visto "Il grinta" piuttosto che Let me in, configurandosi quest'ultimo come un rifacimento per i pochi che dovrebbero intelligentemente valutarlo per questo, e non lasciarsi trasportare dallo snobbismo per un opera che soggettivamente è conosciuta, già apprezzata e per questo forse "tradita" da un rifacimento, ma riflettere sulla potenza divulgativa che un remake americano può esercitare sulle masse. Specialmente se si parla di un film realizzato meglio dell'originale; anche se poi, come forse sai, ai botteghini ha fallito miseramente. Quindi ponendo sempre il solito esempio (serve dirlo? ovviamente Funny games) se dietro l'operazione remake si concentra la volontà di espandere il bacino di utenza al mercato americano e ottenere più visibilità overseas (anche lì sconfessato però dagli incassi) non capisco per quale motivo una bella storia (perché quella di Let me in, a quanto ne so, lo è) non possa allargare anch'essa il bacino di utenza senza essere presa a pesci in faccia. Che poi questo non è avvenuto perché è stato osannato dalla critica, non solo dagli utenti di Imdb. Io sono abbastanza pro-remake se sono fatti coi crismi del caso, se riescono a diffondere come meglio possono una storia che lo merita e considero remake come per esempio quello di The ring come delle benedizioni. D'altronde io mi aspetto da tutti voi, che schifate i remake, di non leggere un solo libro tradotto. Perché un qualsiasi libro tradotto in italiano da una lingua straniera è la PEGGIOR FORMA DI REMAKE. E oltretutto manco 2 anni fanno passare da un'edizione all'altra; ma molto meno.

Ah e "essere su un altro territorio" per True grit deriva solamente dal suo essere diretto dai Coen. Almeno l'onestà intellettuale di questo non dovresti negarmela.
ma Let Me In originale mica è un film di nicchia irreperibile al mondo civilizzato eh. è uscito al cinema, io l'ho visto lì :asd:
non ho visto questo remake ma penso di poter dire che sono due concetti molto diversi di rifacimento. i Coen hanno ripreso solo in parte il film originale mentre il regista di Cloverfield (non ricordo il nome) ha rifatto il film in modo quasi identico.

Key Paradise
21-01-11, 14:32:03
true grit non è un remake ma un riadattamento del romanzo, i coen l'originale di hathaway nemmeno l'hanno visto. per inciso, loro un remake nel vero senso del termine l'hanno già realizzato ed è ladykillers, che s'è attirato critiche non esaltanti proprio per il confronto con l'originale.
il bacino di utenza lo puoi allargare anche con un'adeguata distribuzione.
la traduzione di un libro casomai può essere paragonata al doppiaggio di un film.

Price
21-01-11, 14:36:45
true grit non è un remake ma un riadattamento del romanzo, i coen l'originale di hathaway nemmeno l'hanno visto. per inciso, loro un remake nel vero senso del termine l'hanno già realizzato ed è ladykillers, che s'è attirato critiche non esaltanti proprio per il confronto con l'originale.
il bacino di utenza lo puoi allargare anche con un'adeguata distribuzione.
la traduzione di un libro casomai può essere paragonata al doppiaggio di un film.
non lo sapevo. direi che basta a far capire le differenze.

Immelman88
21-01-11, 14:45:19
visto settimana scorsa TRON, per forza l'ho dovuto vedere in 3d, altrimenti dopo lo toglievano...
Il film è molto bello e riprende fedelmente la vecchia storia del 1982, colonna sonora suggestiva, fatta da un gruppo che merita tutta la loro collaborazione i Daft Punk...
Solo una piccola cosa anzi due... Perche trasportarlo in 3d? E poi perche fare un film meta 2d e meta 3d?

utente 8693
21-01-11, 15:15:54
Sì ma aldilà di tutti i discorsi deontologici sui remake, alla fine bisogna vedere se il film è buono o meno.

Vall77
21-01-11, 15:54:32
Ma il "senso" di un remake è un concetto relativo. Chi può dire se un remake ha senso o no?
D'altronde certo Let me in non è stato rifatto per i cinefili con mezzi e background necessari per potersi recuperare/voler vedere l'originale svedese.
La storia dei 50 anni se permetti fa acqua da tutte le parti proprio perché un americano/europeo è molto più probabile che abbia visto "Il grinta" piuttosto che Let me in, configurandosi quest'ultimo come un rifacimento per i pochi che dovrebbero intelligentemente valutarlo per questo, e non lasciarsi trasportare dallo snobbismo per un opera che soggettivamente è conosciuta, già apprezzata e per questo forse "tradita" da un rifacimento, ma riflettere sulla potenza divulgativa che un remake americano può esercitare sulle masse. Specialmente se si parla di un film realizzato meglio dell'originale; anche se poi, come forse sai, ai botteghini ha fallito miseramente. Quindi ponendo sempre il solito esempio (serve dirlo? ovviamente Funny games) se dietro l'operazione remake si concentra la volontà di espandere il bacino di utenza al mercato americano e ottenere più visibilità overseas (anche lì sconfessato però dagli incassi) non capisco per quale motivo una bella storia (perché quella di Let me in, a quanto ne so, lo è) non possa allargare anch'essa il bacino di utenza senza essere presa a pesci in faccia. Che poi questo non è avvenuto perché è stato osannato dalla critica, non solo dagli utenti di Imdb. Io sono abbastanza pro-remake se sono fatti coi crismi del caso, se riescono a diffondere come meglio possono una storia che lo merita e considero remake come per esempio quello di The ring come delle benedizioni. D'altronde io mi aspetto da tutti voi, che schifate i remake, di non leggere un solo libro tradotto. Perché un qualsiasi libro tradotto in italiano da una lingua straniera è la PEGGIOR FORMA DI REMAKE. E oltretutto manco 2 anni fanno passare da un'edizione all'altra; ma molto meno.

Ah e "essere su un altro territorio" per True grit deriva solamente dal suo essere diretto dai Coen. Almeno l'onestà intellettuale di questo non dovresti negarmela.

Sull'ultimo punto, come dice benissimo Key, la traduzione di un libro puoi paragonarla semmai al doppiaggio, o forse ancora di più ai sottotitoli nella tua lingua di un film straniero. Non vedo onestamente cosa c'entri con il discorso teorico sui remake, posto che in assoluto paragonare due media diversi mi pare un volo pindarico e un azzardo che può solo confondere. La comprensione di un romanzo in lingua originale implica un livello di conoscenza linguistica e culturale che pochissimi non-madrelingua hanno, ma figuriamoci se tutti gli altri devono a questo punto precludersi la lettura di un Dostoevskij (per dirne uno grosso) giusto perchè non masticano perfettamente il Russo! Qualcosa di certo va perso nella traduzione, ma ripeto: non vedo cosa c'entri con il discorso che stiamo facendo.

Comunque, il mio post iniziale un pochino provocatorio lo era (confesso!) quindi ci stava la tua prima replica piccata, e non è mia intenzione provocare ulteriormente.

Mi citi però 3 film e 3 tipi di remake che a mio parere non sono paragonabili affatto:
- True Grit parte dal libro e si confronta cinematograficamente con un film molto datato, sempre americano per altro, e certo il fatto che a dirigerlo siano i Coen fa la differenza.
- Funny Games, caso più unico che raro di remake scena per scena rifatto dallo stesso regista dell'originale. Per inciso, di questo ho preferito il remake anch'io.
- Let me in, con cui cerco un paragone plausibile... Vediamo, dal punto di vista dell'intento il primo che mi viene in mente è "Nina", remake di "Nikita". Quando tu dici che un'operazione di questo tipo dovrebbe "far riflettere sulla potenza divulgativa che un remake americano può esercitare sulle masse", posso concordare se parliamo di Funny Games, ma in questo caso posso legittimamente, invece, leggerla come una pigra e vagamente nazionalista operazione commerciale. E' appena uscito all'estero e ha ricevuto grossi consensi di critica, invece che distribuire l'originale come si deve, rifacciamolo quasi identico ma ambientato in America, secondo me vende bene.

Punti di vista ma.. basta teoria. Qua stiamo parlando di due film che io ho visto, e di cui tu non ne hai visto neanche uno, quindi rimando volentieri la discussione a quando saremo pari :asd:

Se una volta visti entrambi troverai che il remake aggiunga veramente qualcosa all'orginale, sono pronto a ribattere. Se troverai l'interpretazione della protagonista migliore nel remake che nell'orginale, sono pronto a ribattere. Se troverai il sonoro onnipresente del remake ottimamente implementato, idem.

Togg
21-01-11, 16:00:12
oddio non avevo letto che legion aveva ri-citato funny games :asd:

quello è un caso par-ti-co-la-re !

Legion
21-01-11, 16:23:03
true grit non è un remake ma un riadattamento del romanzo, i coen l'originale di hathaway nemmeno l'hanno visto. per inciso, loro un remake nel vero senso del termine l'hanno già realizzato ed è ladykillers, che s'è attirato critiche non esaltanti proprio per il confronto con l'originale.
il bacino di utenza lo puoi allargare anche con un'adeguata distribuzione.
la traduzione di un libro casomai può essere paragonata al doppiaggio di un film.

Che True grit sia l'adattamento del romanzo è la classica balla che si autoracconta un fan dei Coen. D'altronde pure Let me in è tratto da un romanzo, e siccome True Grit è IDENTICO al Grinta tranne in due-tre risvolti che francamente sono pure inutili e deleteri nel remake (tipo l'inutilità del personaggio di Matt Damon) non vedo ALCUNA differenza tra le due operazioni.
Voi mi parlate di intenti, ma io che me ne devo fare degli intenti? Se ne può parlare, discutere in sede di dibattito, ma alla fine quando guardo un film degli intenti/incassi/voci di corridoio non me ne frega niente e parlando concretamente Funny games è un semplice remake shot for shot. Adesso se è inutile la visione del remake di Let me in per chi ha già visto Lasciami entrare mi può spiegare l'utilità nella visione del remake di Funny games per chi ha visto l'originale di Haneke? Che poi tutti dicono di aver preferito il remake us. WTF!! Ma non era solo questione ideologica?

Ma davvero credete che nel fare il remake di Lasciami entrare, film svedese uscito in 50 sale worldwide, ci possa essere la mossa pubblicitaria di cavalcare l'onda di un film di successo rifacendolo?
Questo certo non può avvenire con Let me in. Avverrà invece con il remake della trilogia Millennium di Fincher. E già so che per i Fincher-fan il problema non si pone perché tanto il loro beniamino non ha realizzato alcun remake di film, ma adatta il romanzo a suo modo. I commenti saranno questi, già lo so.
Io sinceramente sono fuori dalla logica remake=vergogna e quindi non mi pongo assolutamente il problema, sappiatelo.

---------- Post added at 16:22:04 ---------- Previous post was at 16:20:48 ----------


Sì ma aldilà di tutti i discorsi deontologici sui remake, alla fine bisogna vedere se il film è buono o meno.

Pura saggezza. Se è buono va premiato. Assolutamente.
Non punito per essere un remake.

---------- Post added at 16:23:03 ---------- Previous post was at 16:22:04 ----------


non lo sapevo. direi che basta a far capire le differenze.

Assolutamente no. Solo per chi vuole continuare la sua crociata contro i remake rimanendo al contempo estimatore dei Coen o di Fincher.

Price
21-01-11, 16:24:46
il vero problema è che legion non ha visto il Let Me In originale :asd:

Legion
21-01-11, 16:32:04
Sull'ultimo punto, come dice benissimo Key, la traduzione di un libro puoi paragonarla semmai al doppiaggio, o forse ancora di più ai sottotitoli nella tua lingua di un film straniero. Non vedo onestamente cosa c'entri con il discorso teorico sui remake, posto che in assoluto paragonare due media diversi mi pare un volo pindarico e un azzardo che può solo confondere. La comprensione di un romanzo in lingua originale implica un livello di conoscenza linguistica e culturale che pochissimi non-madrelingua hanno, ma figuriamoci se tutti gli altri devono a questo punto precludersi la lettura di un Dostoevskij (per dirne uno grosso) giusto perchè non masticano perfettamente il Russo! Qualcosa di certo va perso nella traduzione, ma ripeto: non vedo cosa c'entri con il discorso che stiamo facendo.

Comunque, il mio post iniziale un pochino provocatorio lo era (confesso!) quindi ci stava la tua prima replica piccata, e non è mia intenzione provocare ulteriormente. .

Nessuna provocazione, la mia risposta poteva sembrare accesa ma non lo era, forse dovevo metterci qualche faccina :asd:
Tranquillo, si discute e pian piano si arriva a una sintesi.

La traduzione di un libro in italiano io la paragono al remake semplicemente perché non c'è la scissione cinematografica tra immagine (che è identica per tutti) e suono (che cambia con il doppiaggio). Nel libro cambiano sia suoni che immagini. Si cerca di renderli fedeli all'originale ma non vi si riesce mai. Questo perché la classica definizione di "poesia" è: quello che si perde nella traduzione. Può darsi che una traduzione sia ben fatta, che a livello formale sia perfetta e scritta divinamente; ma ciò non toglie che quella versione non è "il romanzo scritto da tal dei tali". E' altro. E' la traduzione; una soluzione letteraria assolutamente nuova e che con l'originale condivide solo la storia alla base.
Il paragone tra due media ci può stare, se non si sbrocca nel decretare il "migliore".

---------- Post added at 16:32:04 ---------- Previous post was at 16:30:58 ----------


il vero problema è che legion non ha visto il Let Me In originale :asd:

La discussione è ovviamente allargata. E in ogni caso se mi piacerà il remake che vedrò stasera l'originale non me lo perdo, si capisce. Questo sempre con alla base l'obbiettività per giudicarli senza strane dietrologie.

Key Paradise
21-01-11, 16:33:27
guarda che sono i coen stessi ad aver affermato in un'intervista che loro il film di hathaway, pur essendosi ripromessi di recuperarlo, non sono ancora riusciti a vederlo. e non vedo perchè avrebbero dovuto raccontare una balla dato che hanno già affrontato la produzione di un remake senza vergogna.
continui a far passare lasciami entrare per una roba sconosciuta quanto ti basterebbe farti un giro su imdb o rottentomatoes per notare quanti voti/recensioni ha ottenuto. ai tempi entrò addirittura nella top 250 del sito.

come puoi notare non ho ancora dato nessun giudizio su let me in, mi diletto semplicemente a far notare quanto tu sia disinformato in merito al discorso che stai portando avanti. a cominciare dal fatto che non hai visto nè l'originale nè il remake.

Legion
21-01-11, 16:43:11
guarda che sono i coen stessi ad aver affermato in un'intervista che loro il film di hathaway, pur essendosi ripromessi di recuperarlo, non sono ancora riusciti a vederlo. e non vedo perchè avrebbero dovuto raccontare una balla dato che hanno già affrontato la produzione di un remake senza vergogna.
continui a far passare lasciami entrare per una roba sconosciuta quanto ti basterebbe farti un giro su imdb o rottentomatoes per notare quanti voti/recensioni ha ottenuto. ai tempi entrò addirittura nella top 250 del sito.

come puoi notare non ho ancora dato nessun giudizio su let me in, mi diletto semplicemente a far notare quanto tu sia disinformato in merito al discorso che stai portando avanti. a cominciare dal fatto che non hai visto nè l'originale nè il remake.

Io non sto parlando di Let me in. Non sto formulando alcun giudizio a riguardo e ho rimandato il tutto alla visione di entrambe le versioni.
I Coen possono dirmi quello che vogliono, ma i registi sono dei gran bugiardi e questo è risaputo. Specialmente davanti ai giornalisti recitano più degli attori che dirigono e non mi fido. Che non abbiano visto l'originale è una dichiarazione talmente inverosimile che mi rifiuto di commentarla.

Ah, sei tu quello che continua ad accostare la parola remake alla parola vergogna. Lo hai fatto ancora.
E tra parentesi, mi stai dicendo che Funny games non era già conosciuto prima del remake us da una buona fetta di pubblico?

---------- Post added at 16:41:25 ---------- Previous post was at 16:35:24 ----------

E parlando di informazione e non. Ne sai abbastanza per poter affermare che quello di Reeves non sia anch'esso un rifacimento del libro invece che un remake del film?

---------- Post added at 16:43:11 ---------- Previous post was at 16:41:25 ----------


Se troverai il sonoro onnipresente del remake ottimamente implementato, idem.

Ricordati che comunque, sebbene non significhi nulla, il sonoro di Let me in è stato scritto dal premio oscar in carica. E quello è il suo stile, non ci si può fare niente.
Puoi dire che non ti piace, ma non che sia un inetto Giacchino.

Key Paradise
21-01-11, 16:58:19
Io non sto parlando di Let me in in. Non sto formulando alcun giudizio a riguardo e ho rimandato il tutto alla visione di entrambe le versioni.

non formuli alcun giudizio al riguardo ma parli di "tono imborghesito" alla prima critica negativa che giunge


I Coen possono dirmi quello che vogliono, ma i registi sono dei gran bugiardi e questo è risaputo. Specialmente davanti ai giornalisti recitano più degli attori che dirigono e non mi fido. Che non abbiano visto l'originale è una dichiarazione talmente inverosimile che mi rifiuto di commentarla.

prima ero io a dire le bugie, ora sono i coen. che mondo pieno di falsità.


Ah, sei tu quello che continua ad accostare la parola remake alla parola vergogna. Lo hai fatto ancora.

ho scritto "..remake senza vergogna". più che accostarle le sto distanziando. sai com'è, per farlo è necessario usare entrambi i termini.


E tra parentesi, mi stai dicendo che Funny games non era già conosciuto prima del remake us da una buona fetta di pubblico?

non capisco il nesso, comunque no. tuttora resta roba di cui al massimo potrai leggere nel circuito dei forum. remake incluso.


E parlando di informazione e non. Ne sai abbastanza per poter affermare che quello di Reeves non sia anch'esso un rifacimento del libro invece che un remake del film?

Come è arrivato a realizzare questo remake?
[...]Mi proposero invece di fare il remake di “Lasciami entrare” di Alfredson. Rimasi colpito dallo splendore di questo film

Legion
21-01-11, 17:12:11
non formuli alcun giudizio al riguardo ma parli di "tono imborghesito" alla prima critica negativa che giunge


Beh, se permetti Val ha detto che gli fa schifo solo perché è un remake. Questa non mi sembra una base critica molto solida e l'ho scritto.

prima ero io a dire le bugie, ora sono i coen. che mondo pieno di falsità.

...
Quand'è che ti ho dato del bugiardo comunque?

ho scritto "..remake senza vergogna". più che accostarle le sto distanziando. sai com'è, per farlo è necessario usare entrambi i termini.

Lapalissiano. Certo così presupponi che fare un remake sia roba di cui vergognarsi.

non capisco il nesso, comunque no. tuttora resta roba di cui al massimo potrai leggere nel circuito dei forum. remake incluso.

Mah, siamo sicuri? Funny games remake di certo ha ottenuto più visibilità a posteriori di Let me in.

Come è arrivato a realizzare questo remake?
[...]Mi proposero invece di fare il remake di “Lasciami entrare” di Alfredson. Rimasi colpito dallo splendore di questo film

Beh, se lo dice lui sarà anche vero. Certo ci arrivavo anche per intuizione :asd:

Key Paradise
21-01-11, 17:23:10
beh, hai detto che è "la classica balla che si autoracconta un fan dei coen"
non presupponevo proprio niente, facevo semplicemente notare che non ci sarebbero motivi per cui dovrebbero mentire sulla natura di remake di true grit, avendo già affrontato un'operazione del genere. il senso era questo.
la visibilità di funny games è relativa: qui pare il film del secolo, altrove si fa fatica a trovare qualcuno con cui discuterne.

comunque mi sono rotto le palle, pace fatta :asd:
ah e io sono quello che ha bestemmiato quando ho dovuto interrompere la visione del remake dell'ultima casa a sinistra, giusto per la cronaca

charlesjudges
21-01-11, 17:28:55
Comunque la distinzione tra adattamento dal libro o remake è abbastanza sottile; per esempio, i soggetti di parecchi film di Kubrick sono tratti da opere letterarie, ma se qualcuno dovesse fare una nuova versione di Shining o di 2001: Odissea nello spazio, oltre ad essere esposto al pubblico ludibrio per la presunzione, dovrebbe scontrarsi senza possibilità di appello con le versioni precedentemente girate dal Maestro, che hanno vita propria e non portano subito a pensare al libro da cui è tratto il soggetto. Diverso è il discorso per eventuali nuove versioni, sempre per esempio, de Il Signore degli Anelli, dove l'importanza del libro sul progetto di Jackson non verrà mai eclissata. True Grit si trova un po' nel limbo, difficile non pensare a John Wayne ma plausibile che i Coen non l'abbiano nemmeno preso in considerazione, ispirandosi al libro.

Togg
21-01-11, 18:40:10
Dogtooth, Yorgos Lanthimos

messa in scena di un rapporto di folle perversione, elemento fondamentale la distorsione del linguaggio e del suo uso, stessa cosa avviene con la componente sessuale che però, essendo "usata" più comunemente, risulta meno incisiva.
me l'ha consigliato la proff ( :claudia: ), vedetelo

8,3

Legion
21-01-11, 19:13:30
beh, hai detto che è "la classica balla che si autoracconta un fan dei coen"
non presupponevo proprio niente, facevo semplicemente notare che non ci sarebbero motivi per cui dovrebbero mentire sulla natura di remake di true grit, avendo già affrontato un'operazione del genere. il senso era questo.
la visibilità di funny games è relativa: qui pare il film del secolo, altrove si fa fatica a trovare qualcuno con cui discuterne.

comunque mi sono rotto le palle, pace fatta :asd:
ah e io sono quello che ha bestemmiato quando ho dovuto interrompere la visione del remake dell'ultima casa a sinistra, giusto per la cronaca

Ma non è mai stato altrimenti. Se hai percepito tensione nelle mie risposte hai frainteso.

Quello che ti sfugge è che io non biasimo assolutamente i Coen per aver realizzato dei remake. Anzi, trovo che cimentarsi in rifacimenti di opere del passato e reinterpretarle a proprio modo sia un grande passo artistico e una prova importante. Nobile anziché criticabile.
Comunque quella poca visibilità accreditabile a Funny games è innanzitutto derivante da una campagna pubblicitaria che l'ha fatto passare per ciò che non è. In ogni caso non capisco l'amore per la versione americana, tutto qui. Non aggiunge assolutamente nulla alla versione originale. E' un fallimento cinematografico in quanto se l'obbiettivo era di ampliare l'utenza è stato palesemente disatteso.
Ma comunque pacifico eh. A me Funny games non è dispiaciuto neppure quando lo fraintesi e voi del forum mi apriste gli occhi, poi fui in grado di capire alla seconda visione che è cinematograficamente buono anche a livello di sottotesti. Ma in quanto pesantemente fallimentare nello stesso proposito che dovrebbe attribuirne il senso non capisco l'attenzione per la versione americana. E' un controsenso. Quasi come foste vittime del gioco di Haneke e non complici.

Tranquillo che pure io sono il primo a biasimare un remake quando fa schifo. Anzi, spesso sono molto più cattivo degli altri in questo senso.



Comunque la distinzione tra adattamento dal libro o remake è abbastanza sottile; per esempio, i soggetti di parecchi film di Kubrick sono tratti da opere letterarie, ma se qualcuno dovesse fare una nuova versione di Shining o di 2001: Odissea nello spazio, oltre ad essere esposto al pubblico ludibrio per la presunzione, dovrebbe scontrarsi senza possibilità di appello con le versioni precedentemente girate dal Maestro, che hanno vita propria e non portano subito a pensare al libro da cui è tratto il soggetto. Diverso è il discorso per eventuali nuove versioni, sempre per esempio, de Il Signore degli Anelli, dove l'importanza del libro sul progetto di Jackson non verrà mai eclissata. True Grit si trova un po' nel limbo, difficile non pensare a John Wayne ma plausibile che i Coen non l'abbiano nemmeno preso in considerazione, ispirandosi al libro.

Alcuni remake non possono essere fatti semplicemente perché migliorare il film originale non è possibile. Specialmente come impatto artistico.

James
21-01-11, 19:36:02
State Boniiiiiiiiiiii,che se no mi tocca prendere il machete.

medicine bottle
21-01-11, 21:10:15
Dogtooth, Yorgos Lanthimos
me l'ha consigliato la proff ( :claudia: ), vedetelo


l'hai visto solo ora perché sei un tontolone ed ignori i film che consiglio. tsk.

Togg
21-01-11, 21:40:28
l'hai visto solo ora perché sei un tontolone ed ignori i film che consiglio. tsk.

me l'avevi consigliato ? veramente ? in ogni caso tu non sei lei :ahsisi:

se ti connettessi più spesso su msn e dedicassi qualche minuto in più a convincermi magari... :D

utente 8693
21-01-11, 21:50:20
Dogtooth ce l'ho da vedere, già preso da Amazon da un paio di settimane.

Azure Grimoire
21-01-11, 22:44:30
Certo che il BluRay di Rec ha una qualità audio di ***** proprio

Eccheccazzo é_è

mickes2
21-01-11, 22:58:49
Certo che il BluRay di Rec ha una qualità audio di ***** proprio

Eccheccazzo é_è

ah si? ce l ho da molto, ma non l ho ancora visto in BD, strano però, faccio sapere :sisi:

Sardello
21-01-11, 23:31:32
American Life... veramente grazioso :stema:

7 e mess

Togg
21-01-11, 23:36:51
Medea, Lars von Trier

il buon Lars mette una dietro l'altra delle immagini fantastiche, la sua solita grana e tante belle cose che vedremo anche in riget e co.
altro che Pasolini

8


Dogtooth ce l'ho da vedere, già preso da Amazon da un paio di settimane.

fai la nottata avanti :sisi:

Zeno
21-01-11, 23:48:40
Cane di paglia - Sam Peckinpah (1971)

Dustin Hoffman è un matematico statunitense che si trasferisce in un piccolo paese della gran bretagna con la moglie. L'uomo è alla ricerca di un pò di quiete per poter lavorare ma alcuni degli abitanti del posto...

L4GANN
22-01-11, 00:56:55
Sette chili in sette giorni.
Se devo essere sincero, me lo ricordavo più divertente.... o cmq è il ricordo che mi è rimasto.

A conti fatti trovo che oggi come oggi questo film sia invecchiato maluccio.
Strappa qualche risata, ma niente di più.
6,5

medicine bottle
22-01-11, 01:08:23
me l'avevi consigliato ? veramente ? in ogni caso tu non sei lei :ahsisi:

se ti connettessi più spesso su msn e dedicassi qualche minuto in più a convincermi magari... :D

non specificatamente a te, ma l'ho elogiato qui dentro.



altro che Pasolini


a pasolini "altro che" non glielo si dice manco per ischerzo.

Saruman
22-01-11, 01:42:14
a pasolini "altro che" non glielo si dice manco per ischerzo.

Con tutto il bene che voglio a Togg, non posso non quotarti.

charlesjudges
22-01-11, 01:47:55
Togg, va a ciapà i ratt.

Togg
22-01-11, 07:51:36
non specificatamente a te, ma l'ho elogiato qui dentro.


e allora che cabbaso vuoi :asd:



a pasolini "altro che" non glielo si dice manco per ischerzo.


Con tutto il bene che voglio a Togg, non posso non quotarti.


Togg, va a ciapà i ratt.

altro che altro che ! Personalmente mi è piaciuta MOLTO di più la medea di von trier. poi Pasolini sarà bravo quanto volete bla bla

Vigo
22-01-11, 17:01:44
e allora che cabbaso vuoi :asd:







altro che altro che ! Personalmente mi è piaciuta MOLTO di più la medea di von trier. poi Pasolini sarà bravo quanto volete bla bla

Attento a come parli di Pasolini eh :asd:

Comunque ho visto 28 giorni dopo, non malvagio :ahsisi:

Ctekcop
22-01-11, 17:40:03
Eternal sunshine of spotless mind, me lo sono davvero goduto. La cosa che più adoro nei film è il montaggio e qui è stupendo, winslet e jim carrey fantastici, soprattutto la winslet, adorabile.

Però per esempio, una storia d'amore come 500 days of Summer mi ha più sconvolto, nel senso di coinvolto e stravolto nello stesso tempo, qui mi sono solo stragoduto il film, meno empatia. Però bellissimo. 8.

piacque molto anche a mè, peccato per il pessimo titolo in italiano........

Rullo
22-01-11, 17:48:01
http://cdn3.iofferphoto.com/img/item/183/775/868/QvsG.jpg

nel centro del mirino - wolfgang petersen

ben diretto, anche se gravita tutto attorno alle interpretazioni di malkovich e di eastwood. trama godibile seppur forse un po' commerciale e buonista


http://pages.prodigy.net/zvelf/28_Days_Later.jpg

28 giorni dopo - danny boyle

non sono un esperto del genere, però mi è sembrato un horror abbastanza particolare che purtroppo va a rovinarsi in un finale forse esagerato. ottima atmosfera, soprattutto per quanto riguarda la prima parte e le musiche dei godspeed non possono non essere un punto a favore, ed in generale ho notato che boyle ha un ottimo gusto nel scegliere le colonne sonore
gli attori non mi hanno particolarmente stupito, fanno il loro mestiere ma nulla di più (murphy crescerà col tempo)
nel complesso un esperimento (?) interessante e merita definitivamente una chance di essere visto

Luis
22-01-11, 18:02:17
non sono un esperto del genere, però mi è sembrato un horror abbastanza particolare che purtroppo va a rovinarsi in un finale forse esagerato. ottima atmosfera, soprattutto per quanto riguarda la prima parte e le musiche dei godspeed non possono non essere un punto a favore, ed in generale ho notato che boyle ha un ottimo gusto nel scegliere le colonne sonore
gli attori non mi hanno particolarmente stupito, fanno il loro mestiere ma nulla di più (murphy crescerà col tempo)
nel complesso un esperimento (?) interessante e merita definitivamente una chance di essere visto

La parte finale ha molte citazioni Romeriane :sisi:

Rullo
22-01-11, 18:07:32
La parte finale ha molte citazioni Romeriane :sisi:

non mi è piaciuta la scusa per cui fanno ciò che fanno

Baracca
22-01-11, 18:25:15
Drag Me To Hell voto 7,5. Divertente.

Togg
23-01-11, 00:46:40
salò o le 120 giornate di sodoma, Pasolini

finalmente ! quando il ragazzo si impegna riesce cit. narrazione chiara e dura, che racchiude una melodia particolarmente intensa. la base è data dalla sceneggiatura che parla di perversione come se fosse musica e da una scenografia (con la collaborazione di fotografia e luci) praticamente perfetta. insieme ai corpi protagonista assoluta

8,5

BlackWizard
23-01-11, 03:49:17
http://i51.tinypic.com/b8vghu.jpg

Scorsese non mi delude mai, si sente la mano del maestro.9

L4GANN
23-01-11, 06:50:25
salò o le 120 giornate di sodoma, Pasolini

finalmente ! quando il ragazzo si impegna riesce cit. narrazione chiara e dura, che racchiude una melodia particolarmente intensa. la base è data dalla sceneggiatura che parla di perversione come se fosse musica e da una scenografia (con la collaborazione di fotografia e luci) praticamente perfetta. insieme ai corpi protagonista assoluta

8,5
Sai, avevo letto pareri davvero controversi su questo film, e oltre a questo sembra che Pasolini avesse ingaggiato dei poveri ignoranti che vivevano nei paesotti allocati nelle vicinanze del set e che le punizioni corporali fossero autentiche.
Sono sempre stato incuriosito da questa pellicola... cmq il tuo è in assoluto il primo parere positivo che leggo.

Zweick
23-01-11, 10:34:15
salò o le 120 giornate di sodoma, Pasolini

finalmente ! quando il ragazzo si impegna riesce cit. narrazione chiara e dura, che racchiude una melodia particolarmente intensa. la base è data dalla sceneggiatura che parla di perversione come se fosse musica e da una scenografia (con la collaborazione di fotografia e luci) praticamente perfetta. insieme ai corpi protagonista assoluta

8,5

:bio: con questa sei entrato nella lista per il girone del sangue.
Per il resto, film immenso e attualissimo; sarebbe da imprimere nelle giovani menti appena stanno sviluppando una coscienza critica.

Hushabye
23-01-11, 10:49:55
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/d/d3/Million_Dollar_Baby_poster.jpg/220px-Million_Dollar_Baby_poster.jpg

stupendo!!

Togg
23-01-11, 11:06:06
:bio: con questa sei entrato nella lista per il girone del sangue.
Per il resto, film immenso e attualissimo; sarebbe da imprimere nelle giovani menti appena stanno sviluppando una coscienza critica.

scherzavo dai :asd: non ho visto ancora (quasi) niente di Pasolini


Sai, avevo letto pareri davvero controversi su questo film, e oltre a questo sembra che Pasolini avesse ingaggiato dei poveri ignoranti che vivevano nei paesotti allocati nelle vicinanze del set e che le punizioni corporali fossero autentiche.
Sono sempre stato incuriosito da questa pellicola... cmq il tuo è in assoluto il primo parere positivo che leggo.

beh sarei curioso di leggere i pareri negativi ! è un film violento ma imho si può capire qual è il senso di tutto, basta fermarsi un attimo a riflettere.
te lo consiglio :sisi:

utente 8693
23-01-11, 12:01:06
Sai, avevo letto pareri davvero controversi su questo film, e oltre a questo sembra che Pasolini avesse ingaggiato dei poveri ignoranti che vivevano nei paesotti allocati nelle vicinanze del set e che le punizioni corporali fossero autentiche.
Sono sempre stato incuriosito da questa pellicola... cmq il tuo è in assoluto il primo parere positivo che leggo.
Ho i miei seri dubbi.


Ioho visto Wolfman ieri.
Non sto a cercare immagini ne nulla, due palle così.
Però i lupi mannari fanno abbastanza ridere, sì.

Robo@nte
23-01-11, 12:46:41
Ioho visto Wolfman ieri.
Non sto a cercare immagini ne nulla, due palle così.
Però i lupi mannari fanno abbastanza ridere, sì.

fa ca***e quel film altrochè:sisi:

Saruman
23-01-11, 13:21:10
Sai, avevo letto pareri davvero controversi su questo film, e oltre a questo sembra che Pasolini avesse ingaggiato dei poveri ignoranti che vivevano nei paesotti allocati nelle vicinanze del set e che le punizioni corporali fossero autentiche.
Sono sempre stato incuriosito da questa pellicola... cmq il tuo è in assoluto il primo parere positivo che leggo.

Beh, allora aggiungi anche me e sei a due. E' il testamento pasoliniano, atroce e perfetto. Rigardo i "poveri ignoranti che vivevano nei paesotti...", è peculiarità di tutta la cinematografia di Pasolini. D'altronde, basti pensare che uno dei suoi testi più letti e studiati è Ragazzi di vita... Riguardo il fatto che le punizioni fossero realmente inflitte, credo sia una grandissima porcata. Su Pasolini se ne son dette di tutti i colori, si son creati miti stravaganti e controversi. Poi certo, nessuno sa dove sia la verità, ma sul Genio artistico non si può gettar fango. Avrete capito che lo consiglio. E' un film che dovrebbe essere fatto vedere al Liceo.

Azure Grimoire
23-01-11, 13:22:51
Fatto seratona Eastwood ieri sera

-Gran Torino
-Million Dollar Baby
-Mystic River


Mystic River per quanto mi sia piaciuto a metà film era diventato fin troppo prevedibile, quello che doveva colpirmi della trama diciamo che me lo ero già sputtanato facendo 2+2 e mettendo un paio di cose insieme, mi aspettavo leggermente di più da questo punto di vista, ma per il resto magnifico

MDB e GT li ho invece adorati come la prima volta che li ho visti, ne sono uscito emotivamente devastato da entrambi essendo uno che si fa prendere davvero parecchio



@Salà e le 120 giornate m'ha fatto assolutamente schifo, occhio critico o meno la mia opinione è questa, ribrezzo totale é_è

Togg
23-01-11, 14:29:09
@Salà e le 120 giornate m'ha fatto assolutamente schifo, occhio critico o meno la mia opinione è questa, ribrezzo totale é_è

è già qualcosa ! mi sembra un aspetto positivo :D

p a n z e r
23-01-11, 14:48:45
Sai, avevo letto pareri davvero controversi su questo film, e oltre a questo sembra che Pasolini avesse ingaggiato dei poveri ignoranti che vivevano nei paesotti allocati nelle vicinanze del set e che le punizioni corporali fossero autentiche.
Sono sempre stato incuriosito da questa pellicola... cmq il tuo è in assoluto il primo parere positivo che leggo.

Ma basta farsi un veloce giro per forum per trovarne di gente che lo apprezza, e non poco.

Io ancora devo vederlo, già adoro Pasolini per altri suo lavori. In compenso sto leggendo il romanzo di De Sade, non ho mai sofferto così tanto per una lettura :asd:

GIARE
23-01-11, 16:23:43
ho visto the social network, e devo dire che mi è piaciuto,
quel film mi ha fatto pensare...

Saruman
23-01-11, 16:46:38
Ma basta farsi un veloce giro per forum per trovarne di gente che lo apprezza, e non poco.

Io ancora devo vederlo, già adoro Pasolini per altri suo lavori. In compenso sto leggendo il romanzo di De Sade, non ho mai sofferto così tanto per una lettura :asd:

Sade è tostissimo! Quale ti stai leggendo? Io ho affrontato La nouvelle Justine. Mamma mia! Comunque ebbe una vita incredibile: fu imprigionato più volte, e la leggenda vuole che, essendo privato dell'inchiostro per scrivere, iniziò ad "imbrattare" i muri prima con le proprie feci e poi, a causa della scarsa nutrizione, con il sangue. Uno dei luoghi in cui fu imprigionato è il castello di Vincennes, un sobborgo di Parigi a pochi chilometri dal centro; uno dei castelli più importanti d'Europa, avendo il mastio più alto. Se guardate le foto rimanete a bocca aperta! Nei suoi fossati, e concludo, fu fucilata Mata Hari.

P.s.: per tornare un minimo in (:asd:) aggiungo che trovo assolutamente geniale la storicizzazione del romanzo sadiano nel periodo fascista da parte di PPP.

Rullo
23-01-11, 16:51:59
http://us.movies1.yimg.com/movies.yahoo.com/images/hv/photo/movie_pix/hollywood_pictures/the_sixth_sense/bruce_willis/6th.jpg

the sixth sense - m. night shymalan (sperando di averlo scritto bene)

buono ma finale scontato (ma non troppo, non ho voglia di spiegare)

Robo@nte
23-01-11, 16:56:41
http://us.movies1.yimg.com/movies.yahoo.com/images/hv/photo/movie_pix/hollywood_pictures/the_sixth_sense/bruce_willis/6th.jpg

the sixth sense - m. night shymalan (sperando di averlo scritto bene)

buono ma finale scontato (ma non troppo, non ho voglia di spiegare)
il cognome dle regista è impossibile scriverlo bene:sisi:

p a n z e r
23-01-11, 17:00:04
Sade è tostissimo! Quale ti stai leggendo? Io ho affrontato La nouvelle Justine. Mamma mia! Comunque ebbe una vita incredibile: fu imprigionato più volte, e la leggenda vuole che, essendo privato dell'inchiostro per scrivere, iniziò ad "imbrattare" i muri prima con le proprie feci e poi, a causa della scarsa nutrizione, con il sangue. Uno dei luoghi in cui fu imprigionato è il castello di Vincennes, un sobborgo di Parigi a pochi chilometri dal centro; uno dei castelli più importanti d'Europa, avendo il mastio più alto. Se guardate le foto rimanete a bocca aperta! Nei suoi fossati, e concludo, fu fucilata Mata Hari.

P.s.: per tornare un minimo in (:asd:) aggiungo che trovo assolutamente geniale la storicizzazione del romanzo sadiano nel periodo fascista da parte di PPP.
Sto leggendo proprio Le 120 giornate di Sodoma :sisi: Ma dubito che lo finirò.



the sixth sense - m. night shymalan (sperando di averlo scritto bene)

buono ma finale scontato (ma non troppo, non ho voglia di spiegare)
Ma sticazzi, lanci il sasso è nascondi la mano.

Il finale più che scontato è troppo famoso, viene citato di continuo e basta conoscere quel particolare per capire già dopo 15 minuti come finirà il film. Ma sarebbe un po' come trovare qualcuno che ancora non sa che Vader è il padre di Luke, per dire :asd:

Robo@nte
23-01-11, 17:02:34
infatti il problema del sesto senso è che rivederlo ora perde molto del suo fascino quando uscì...anch'io l'ho visto quando ormai anche sui muri c'era scritto come andava a finire:sisi:

Vall77
23-01-11, 17:07:35
the sixth sense - m. night shymalan (sperando di averlo scritto bene)

buono ma finale scontato (ma non troppo, non ho voglia di spiegare)

Se era il primo suo che vedevi... complimenti, hai praticamente già finito la filmografia decente!



il cognome dle regista è impossibile scriverlo bene:sisi:

Shyamalan Shyamalan Shyamalan

Non per altro, ma mi piace talmente poco che l'ho imparato. Così, per insultarlo meglio appena ne ho l'occasione ^^

James
23-01-11, 17:40:44
Uncle Buck by John Hughes

Penultima commedia diretta da John Hughes e penultimo film da assoluto protagonista per John Candy.

Una commedia americana come non se ne fanno più,il tipico tocco di Hughes che riesce sempre a caratterizzare i suoi personaggi.Si ride poco all inizio ma poi è un crescendo di situazioni.

Voto:7

mickes2
23-01-11, 17:43:25
rivisto Mission (1986) di Roland Joffé

grande messa in scena sostenuta da una bellissima storia di redenzione e perdono. scena finale emotivamente forte.

8+


Il nostro pane quotidiano (City Girl) (1930) di F.W. Murnau

a quanto ho letto, la Fox che produsse questo 3° film Hollywoodiano di Murnau, operò molti tagli del film specialmente nella seconda parte. ma il tocco del regista ed il tema rimangono ben chiari ed esaustivi. il film si basa sostanzialmente sul conflitto campagna/città (credo che in quegli anni fosse una questione assai seria). Il giovane contadino Lem va a Chicago, incontra Kate, cameriera nostalgica delle sue origini rurali, la sposa, la porta nella sua fattoria del Minnesota, scontrandosi con l'aperta ostilità del padre e dei compaesani. bello bello, la musica accompagna benissimo la sceneggiatura e la durata non eccessiva del film aiutano moltissimo.

7.5


rivisto The Texas Chainsaw Massacre (1974) di Tobe Hooper

atmosfera irrangiungibile, sporco, malato, grezzo quanto basta. primi piani claustrofobici ed azzeccatissimi. la scena delle cena è da incorniciare.

8+

Rullo
23-01-11, 19:07:22
Se era il primo suo che vedevi... complimenti, hai praticamente già finito la filmografia decente!




Shyamalan Shyamalan Shyamalan

Non per altro, ma mi piace talmente poco che l'ho imparato. Così, per insultarlo meglio appena ne ho l'occasione ^^

:rickds:
sisi il mio primo

comunque sapevo che il bambino vede la gente morta, così ho intuito il resto

Legion
23-01-11, 19:20:48
Se era il primo suo che vedevi... complimenti, hai praticamente già finito la filmografia decente!

Ma non è vero :ahsisi: Rimane The village che è un gran film. E ti sfido a dirmi altrimenti.

Togg
23-01-11, 19:39:04
anche a me the village piace :sisi:


Mars attack, Burton

un bel trash, caruccie le idee messe in campo. per il resto niente di che

6,6

Vall77
23-01-11, 20:31:43
Ma non è vero :ahsisi: Rimane The village che è un gran film. E ti sfido a dirmi altrimenti.

Gran film... diciamo che metto anche quello tra i decenti :asd:

Ma a un tizio che mi inanella Signs, Lady in the water e E venne il giorno io consiglierei una lunga lista di mestieri alternativi a quello di regista, che evidentemente tanto bene non gli riesce.



Mars attack, Burton

un bel trash, caruccie le idee messe in campo. per il resto niente di che

6,6

Dai simpatico Mars Attack, chiaro che non è un'opera d'arte di quelle che fanno riflettere :asd:

Legion
23-01-11, 20:38:36
Gran film... diciamo che metto anche quello tra i decenti :asd:

Ma a un tizio che mi inanella Signs, Lady in the water e E venne il giorno io consiglierei una lunga lista di mestieri alternativi a quello di regista, che evidentemente tanto bene non gli riesce.

L'esclusione di The last airbender da questa shame list da cosa è dettata? :ahsisi:
Comunque anche Unbreakable era caruccio.

Armin
23-01-11, 20:41:59
Gran film... diciamo che metto anche quello tra i decenti :asd:

Ma a un tizio che mi inanella Signs, Lady in the water e E venne il giorno io consiglierei una lunga lista di mestieri alternativi a quello di regista, che evidentemente tanto bene non gli riesce.



Dai simpatico Mars Attack, chiaro che non è un'opera d'arte di quelle che fanno riflettere :asd:

Il traduttore della lingua aliena era perfetto :rickds:

Visto oggi Cado Dalle Nubi di Zalone, carino e simpatico ma ho preferito Qualunquemente :sisi:

Robo@nte
23-01-11, 21:52:46
The Village è ASSOLUTAMENTE il miglior film di shayklaman:sisi:
capolavoro per quanto mi riguarda, nonostante non sappia scrivere il cognome del regista:sisi:

Pedro92
23-01-11, 22:00:26
The Village è ASSOLUTAMENTE il miglior film di shayklaman:sisi:
capolavoro per quanto mi riguarda, nonostante non sappia scrivere il cognome del regista:sisi:

Concordo

Vall77
24-01-11, 08:06:21
L'esclusione di The last airbender da questa shame list da cosa è dettata? :ahsisi:
Comunque anche Unbreakable era caruccio.

Unbreakable purtroppo l'ho visto quando la mia obiettività nel giudicare Shyamalan era troppo compromessa, dopo mezz'ora l'ho abbandonato ma probabilmente sì, anche lui si salva. L'altro ho evitato, dopo E venne il giorno ho deciso di sottopormi alla visione di altri film del regista solo dietro lauto compenso, e non ho trovato nessuno disposto a pagare :asd:



p.s. Mi è tornato in mente adesso un sogno che ho fatto stanotte, in cui controllavo su Wikipedia e scoprivo che Shyamalan aveva diretto anche l'orrido remake americano (Kingdom Hospital) basato su Riget di Von Trier. Un motivo in più per schifarlo, ma in questo caso il povero Shyamally è innocente, non l'ha diretto lui :rickds:

mickes2
24-01-11, 09:10:52
Mouth to Mouth (2004) di Alison Murray
http://img140.imageshack.us/img140/5894/image891j.jpg

Alison Murray all'esordio, scrive e dirige questo film a basso costo decisamente deludente. 5-6 situazioni che non mi hanno proprio convinto assieme ad una struttura narrativa che fa storcere il naso. quei tre o quattro espedienti per catturare l'attenzione dello spettatore sfociano troppo nel banale. si salvano le interpretazioni dei singoli.

5/5.5


Angeli Perduti (1995) di Wong Kar-Wai
http://img826.imageshack.us/img826/3618/34261bangeliperdutiviso.jpg

regia splendidamente allucinata e molto accattivante per un film bellissimo. Kar-Wai mette in scena due storie solo apparentemente parallele, immerse nella metropoli di Hong Kong oscura, difatti non c'è una sola scena che si giri alla luce del sole. Le storie sono quelle di un killer che lavora in coppia con una bellissima agente (che gli procaccia i “lavori”, e che stabilisce chi deve morie, dove e quando). c'è ancora la storia di un ragazzo, diventato muto dopo aver mangiato un'ananas in scatola avariata, con una passione per la videocamera e le riprese amatoriali, ed inoltre quelle di altre due ragazze che ruotano attorno a questi....Wong Kar Wai pare che giri senza una vera sceneggiatura, e direi che si vede anche, nel senso che a volte le immagini e gli avvenimenti si susseguono senza un vero filo logico, ma con un'unica tensione di natura puramente estetica. personalmente mi piace moltissimo. trovate registiche ottime, bellissima la sequenza a metà film circa, quando si menziona il fatto che gli umani sono costituiti d'acqua. perla.

8.5

Azure Grimoire
24-01-11, 13:24:10
http://static.screenweek.it/2010/5/4/I-Spit-On-Your-Grave-Teaser-Poster-USA_mid.jpg

non m'ha fatto proprio cagare, alcune idee erano buone e le torture visivamente ottime, ma non porta niente, non lascia nulla...bho m'ha divertito ma tra due giorni già me lo sarò dimenticato

voto 6

Key Paradise
24-01-11, 22:34:16
http://www.stardustmovies.com/gallery_film/%28040909215153%29il_cattivo_tenente_5.jpg

il cattivo tenente: ultima chiamata new orleans - werner herzog
bello oh, e chi se lo aspettava. black humor e rilettura di genere quasi fossero i coen. sardonico.

Vall77
24-01-11, 22:39:06
Angeli Perduti (1995) di Wong Kar-Wai


regia splendidamente allucinata e molto accattivante per un film bellissimo. Kar-Wai mette in scena due storie solo apparentemente parallele, immerse nella metropoli di Hong Kong oscura, difatti non c'è una sola scena che si giri alla luce del sole. Le storie sono quelle di un killer che lavora in coppia con una bellissima agente (che gli procaccia i “lavori”, e che stabilisce chi deve morie, dove e quando). c'è ancora la storia di un ragazzo, diventato muto dopo aver mangiato un'ananas in scatola avariata, con una passione per la videocamera e le riprese amatoriali, ed inoltre quelle di altre due ragazze che ruotano attorno a questi....Wong Kar Wai pare che giri senza una vera sceneggiatura, e direi che si vede anche, nel senso che a volte le immagini e gli avvenimenti si susseguono senza un vero filo logico, ma con un'unica tensione di natura puramente estetica. personalmente mi piace moltissimo. trovate registiche ottime, bellissima la sequenza a metà film circa, quando si menziona il fatto che gli umani sono costituiti d'acqua. perla.

8.5

Incuriosito sì sì, regista che non conosco :unsisi:




il cattivo tenente: ultima chiamata new orleans - werner herzog
bello oh, e chi se lo aspettava. black humor e rilettura di genere quasi fossero i coen. sardonico.

Quoto l'aggettivo veramente azzeccato :unsisi:

Hushabye
24-01-11, 22:44:32
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/2/25/I%27m_Still_Here_poster.jpg

Che folle....
ma un grandissimo attore che spero di rivedere presto in azione....

medicine bottle
24-01-11, 22:44:40
di wong kar wai vedete in the mood for love, il film che permise a freccia di bullarsi all'esame e prendere la lode.

http://image.spreadshirt.com/image-server/image/composition/16678280/view/1/producttypecolor/1/type/png/width/378/height/378/fuck-yea-man_design.png

Azure Grimoire
24-01-11, 22:58:04
http://www.comicbookmovie.com/images/users/uploads/8073/lwt%20mw%20in.jpg

Per alcune cose ho preferito l'originale, per altre questo...non so sbilanciarmi sinceramente, divertito molto con entrambi però

Facciamo 7.5 Let Me In e 8.2 Let The Right One In

Rullo
24-01-11, 23:05:50
http://www.stardustmovies.com/gallery_film/%28040909215153%29il_cattivo_tenente_5.jpg

il cattivo tenente: ultima chiamata new orleans - werner herzog
bello oh, e chi se lo aspettava. black humor e rilettura di genere quasi fossero i coen. sardonico.

bellosì


di wong kar wai vedete in the mood for love, il film che permise a freccia di bullarsi all'esame e prendere la lode.

http://image.spreadshirt.com/image-server/image/composition/16678280/view/1/producttypecolor/1/type/png/width/378/height/378/fuck-yea-man_design.png

:rickds:

Vall77
24-01-11, 23:12:55
Per alcune cose ho preferito l'originale, per altre questo...non so sbilanciarmi sinceramente, divertito molto con entrambi però

Facciamo 7.5 Let Me In e 8.2 Let The Right One In

In cosa hai preferito il remake all'originale?
Chiedo solo eh, prometto di non saltarti alla gola.

No scherzo, non prometto. :asd:

Togg
24-01-11, 23:42:09
Mary and Max


va be capolavoro. il 2009 è stato il trionfo dello stop motion, non so se ci sarà un'altra annata del genere.
tutto perfetto, mi ha ricordato TANTISSIMO Amelie, elementi presi pari pari.
strabordante di idee
8,8





il cattivo tenente: ultima chiamata new orleans - werner herzog
bello oh, e chi se lo aspettava. black humor e rilettura di genere quasi fossero i coen. sardonico.

uffaaa :asd:

Key Paradise
24-01-11, 23:47:41
tocca guardallo

[Fe]LiX
24-01-11, 23:55:13
Batman Il Cavaliere Oscuro :asd:
Davvero un bel film, ricco d'azione :sisi:

Armin
24-01-11, 23:59:24
Visto stasera Il Dottor Stranamore di Stanley Kubrick
Mi aspettavo qualcosa di grandioso e invece sono rimasto parzialmente deluso :sisi:
Ottimi gli attori e la fotografia, per il resto è un ottimo film ma non il capolavoro assoluto che mi aspettavo.
Per i miei gusti è anni luce inferiore rispetto a 2001, FMJ, Barry Lyndon, Shining e Arancia Meccanica.

Azure Grimoire
25-01-11, 01:33:07
In cosa hai preferito il remake all'originale?
Chiedo solo eh, prometto di non saltarti alla gola.

No scherzo, non prometto. :asd:

non lo sò davvero, cioè difficile che un remake mi possa piacere

facciamo che ha tenuto alto il merito dell'originale senza storpiarlo eccessivamente...il che vedendo le ultime robe è tutto dire

ah si i due pischelletti amerigani (il bambino è lo stesso di The Road) son stati molto bravi, ma quel rapporto quasi morboso ma allo stesso tempo innocente che nell'originale si tastava in ogni scena qua non l'ho sentito molto

Vedo di rivedere LTROI a breve così magari metto a posto la testa

_________________________

Ridley Scott x Cage x Rockwell x Newcomer

Media Rottentomatoes 82%

http://img.movieberry.com/static/photos/16053/poster.jpg


Fottutamente ADORATO

Un finale da mindfuck totale, m'ha lasciato di ***** totalmente :asd:
Cage assurdo, performance incredibile davvero, Rockwell e la piccoletta allo stesso modo...m'ha fatto ridere, m'ha fatto stare in "oh fuck oh fuck oh fuckkk" in più di un occasione e pure emotivamente m'ha preso il giusto


lo rivedrò sicuramente a breve, voto 8.7

Vall77
25-01-11, 08:37:01
Visto stasera Il Dottor Stranamore di Stanley Kubrick
Mi aspettavo qualcosa di grandioso e invece sono rimasto parzialmente deluso :sisi:
Ottimi gli attori e la fotografia, per il resto è un ottimo film ma non il capolavoro assoluto che mi aspettavo.
Per i miei gusti è anni luce inferiore rispetto a 2001, FMJ, Barry Lyndon, Shining e Arancia Meccanica.

Riguardalo :unsisi:


non lo sò davvero, cioè difficile che un remake mi possa piacere

facciamo che ha tenuto alto il merito dell'originale senza storpiarlo eccessivamente...il che vedendo le ultime robe è tutto dire

ah si i due pischelletti amerigani (il bambino è lo stesso di The Road) son stati molto bravi, ma quel rapporto quasi morboso ma allo stesso tempo innocente che nell'originale si tastava in ogni scena qua non l'ho sentito molto

Vedo di rivedere LTROI a breve così magari metto a posto la testa




C'è un aspetto, a mio parere fondamentale, che ho trovato parecchio deludente nel remake rispetto all'originale. La bellessima scena in cui la ragazzina chiede al ragazzino:

"E se io non fossi una ragazza?"

Una frase che sintetizza uno grossa diversità tra i due film. Se nell'originale la domanda appare assolutamente credibile, e davvero lo spettatore è portato a domandarselo anche lui grazie all'interpretazione e alla caratterizzazione quasi perfetta del personaggio (sembra vecchia in alcune scene, o sembra realisticamente una specie di animale selvatico), tutto questo a mio parere va completamente perso nel remake, dove la questione in sè diventa priva di vero significato, e a Chloe Moretz verrebbe da ribattere: "Ma come no?! Dai, mi sembra proprio di sì, nun scherzà!" :asd:

Eccetto che poi ribalta gli occhi, diventa visivamente un mostro a tutto tondo, e allora lo spettatore fa: "Uh, cacchio, sei proprio un mostro allora!"

Troppo facile, troppo poco raffinato. Qualcuno direbbe "for dummies", e sottoscriverei.

Anche secondo me l'originale non è un film perfetto e ha i suoi lati di migliorabilità, carente ad esempio nella caratterizzazione dei personaggi secondari (gli abitanti della cittadina), però insisto che di miglioramenti in questo remake non ne vedo neanche l'ombra.

utente 8693
25-01-11, 09:21:31
Non ho visto Let Me in, ma la scena che citi, Val, trovo invece che sia una delle poche trattate alla ***** nell'intero film (let the right one in).

Quando lei chiede a lui "Se non fossi una ragazza?" visto il tema del film, quello che viene subito spontaneo pensare è: "e se fossi un vampiro/mostro?" quando invece, il punto è che lei non è una ragazza, ma un ragazzo, visto che dopo c'è anche la scena in cui Oscar vede la cicatrce dell'evirazione che lei ha subito.
Dettaglio che nel libro pare essere reso molto più chiaramente (c'è anche tutto il passato di lei, quindi vabbè).

Altra cosa: nel remake, a quanto ho capito, il Ghoul di lei è come Oscar, un ragazzino invecchiato servendola.. mentre nell'originale (e nel libro) è "semplicemente" un pedofilo che la serve in cambio di "amore".
Nonostante sia esplicitato l'amore di lui (il vecchio) per lei, nella scena del tentato suicidio, la cosa non è mai chiara nel film originale (ma lo è nel libro).

Non dico che tutto debba essere palesato per lo spettatore eh, ma in Let the right one in, certi elementi, sembrano più che altro inseriti a minchia, frettolosamente, più che lì per lasciare un po' di dubbio.. visto che erano parti importanti del libro, li hanno messi, ma non gli hanno dedicato abbastanza tempo.
Ad esempio la scena della cicatrice è così veloce e così lontana dal "e se non fossi una ragazza" (tipo 40 minuti dopo?) che a malapena si capisce che cosa dovrebbe significare (e di certo non metto in pausa il fotogramma per capire che tipo di cicatrice è :asd:).

Io ho adorato Let the right one in, ma certi elementi, secondo me, sono stati trattati toppo frettolosamente, forse le modifiche del remake (per quanto meno coraggiose, perchè un amore sbocciato nell'infanzia fa meno scalpore di un pedofilo, pur ricordando che lei ha tipo 200 anni :asd:) funzionano meglio nell'economia narrativa generale.
Appena riesco a vederlo vi dico la mia. :asd:

Vall77
25-01-11, 09:41:10
Non ho visto Let Me in, ma la scena che citi, Val, trovo invece che sia una delle poche trattate alla ***** nell'intero film (let the right one in).

Quando lei chiede a lui "Se non fossi una ragazza?" visto il tema del film, quello che viene subito spontaneo pensare è: "e se fossi un vampiro/mostro?" quando invece, il punto è che lei non è una ragazza, ma un ragazzo, visto che dopo c'è anche la scena in cui Oscar vede la cicatrce dell'evirazione che lei ha subito.
Dettaglio che nel libro pare essere reso molto più chiaramente (c'è anche tutto il passato di lei, quindi vabbè).

Altra cosa: nel remake, a quanto ho capito, il Ghoul di lei è come Oscar, un ragazzino invecchiato servendola.. mentre nell'originale (e nel libro) è "semplicemente" un pedofilo che la serve in cambio di "amore".
Nonostante sia esplicitato l'amore di lui (il vecchio) per lei, nella scena del tentato suicidio, la cosa non è mai chiara nel film originale (ma lo è nel libro).

Non dico che tutto debba essere palesato per lo spettatore eh, ma in Let the right one in, certi elementi, sembrano più che altro inseriti a minchia, frettolosamente, più che lì per lasciare un po' di dubbio.. visto che erano parti importanti del libro, li hanno messi, ma non gli hanno dedicato abbastanza tempo.
Ad esempio la scena della cicatrice è così veloce e così lontana dal "e se non fossi una ragazza" (tipo 40 minuti dopo?) che a malapena si capisce che cosa dovrebbe significare (e di certo non metto in pausa il fotogramma per capire che tipo di cicatrice è :asd:).

Io ho adorato Let the right one in, ma certi elementi, secondo me, sono stati trattati toppo frettolosamente, forse le modifiche del remake (per quanto meno coraggiose, perchè un amore sbocciato nell'infanzia fa meno scalpore di un pedofilo, pur ricordando che lei ha tipo 200 anni :asd:) funzionano meglio nell'economia narrativa generale.
Appena riesco a vederlo vi dico la mia. :asd:

Non volevo però soffermarmi su quanto sia puntuale (in un film e nell'altro) la spiegazione di chi lei sia in realtà, anche se sinceramente la versione dell'originale a me è piaciuta.

Che lei sia un maschio, o semplicemente una creatura dalla natura inspiegabile, mi sta bene che sia un aspetto lasciato come suggestione e non spiegato nei minimi particolari. Puntavo invece l'attenzione sulla mancanza di sfumatura, sulla realizzazione più approssimata che si respira in tutto il remake, e che in quella scena (ad esempio) si sintetizza molto bene. Giusto un modo per evidenziare quanto il personaggio sia caratterizzato in maniera peggiore.

D'altronde, se già hai apprezzato poco questo aspetto nel film svedese, metto la mano sul fuoco che ti deluderà ancora di più nel remake (dove per esempio la scena della cicatrice è completamente omessa).


Non sono d'accordo poi sulla caratterizzazione dell'uomo. Anche nell'originale la sensazione che ha lasciato a me è precisamente quella che lui fosse esattamente come Oskar, invecchiato servendola da innamorato, e non un pedofilo. Mi risulta (fonte: moglie che ha letto il libro), che anche nel romanzo sia così ^^

Anzi, il modo in cui muore l'uomo, nel romanzo, è completamente diverso da quello dei due film. Viene infatti ucciso dai due ragazzi, mentre tenta a sua volta di ucciderli ingelosito dal ruolo che Oskar sta via via assumendo nella vita di lei, sentendosi rimpiazzato.

utente 8693
25-01-11, 10:56:23
Vabbè, prima di dirti qualcosa preferisco vederlo però. :asd:

Il mio punto era che quello svedese aveva dei punti che, se tagliati, avrebbero giovato all'economia del film, pur deviando dalla trama del libro (poco male).

James
25-01-11, 12:09:30
The Other Guys by Adam McKay

41632
Quando i 2 super sbirri usciranno di scena sarà il momento per Gamble (Will Ferrell) e Hoitz(Mark Wahlberg) di abbandonare la loro scrivania e prendere il loro posto.

Il quarto film di Mckay non delude le aspettative,e nonostante sia del tutto diverso dai 3 film precendenti si conferma una garanzia per quanto riguarda la commedia.
La storia è il classico poliziesco all Arma letale ma con la comicità del Frat Pack quindi una bomba:rickds:
La Coppia Ferrell/Wahlberg funziona benissimo per tutta la durata,peccato non ci sia anche John C. Reilly nel film:tragic:
Quando uscirà nei nostri cinema andrà sicuramente visto.

Voto:7,5

medicine bottle
25-01-11, 15:32:36
fiaba nera - *
visto stanotte su fuori orario. poi ho scoperto che il regista è un collaboratore del programma... per dire, non tutti i registi cinefili vengono col buco.

mickes2
25-01-11, 15:32:44
Incuriosito sì sì, regista che non conosco :unsisi:


bene :sisi:, i prossimi per me saranno : In the mood for love (consigliato anche da freccia), Hong Kong Express, 2046 (che è il seguito di In the mood for love), Happy Togheter, Un bacio romantico - My Blueberry Nights, e voglio anche recuperare i primi lavori come: Days of Being Wild e Ashes of Time

Rullo
25-01-11, 16:03:35
Mary and Max


va be capolavoro. il 2009 è stato il trionfo dello stop motion, non so se ci sarà un'altra annata del genere.
tutto perfetto, mi ha ricordato TANTISSIMO Amelie, elementi presi pari pari.
strabordante di idee
8,8




uffaaa :asd:

vabbè amelie fa cagare, questo è stupendo


Visto stasera Il Dottor Stranamore di Stanley Kubrick
Mi aspettavo qualcosa di grandioso e invece sono rimasto parzialmente deluso :sisi:
Ottimi gli attori e la fotografia, per il resto è un ottimo film ma non il capolavoro assoluto che mi aspettavo.
Per i miei gusti è anni luce inferiore rispetto a 2001, FMJ, Barry Lyndon, Shining e Arancia Meccanica.

Sticazzi, ficoiea, tric e ballacc, bim bum bam!
:superhype:

cit.

Togg
25-01-11, 17:26:44
vabbè amelie fa cagare


ma anche no

Sardello
25-01-11, 18:46:36
Sono in periodo "Commediole totalmente deficienti"... mi sono visto Forgetting Sarah Marshall.

OH, a me è piaciuto :asd:

7

Darkanno
25-01-11, 19:48:19
Visto oggi District 9 era da parecchio che avevo intenzione di guardarlo, che dire se non che è davvero un gran bel film,ottimo sotto quasi tutti i punti di vista voto 8.5/10 :ahsisi:

mickes2
25-01-11, 20:06:36
Magnolia (2000) di P.T. Anderson
http://img560.imageshack.us/img560/1153/magnoliafilmpicture.jpg

Un film che secondo me va oltre ogni schema canonico intrecciando ben 9 storie diverse tra loro e usando come filo conduttore il dolore, la tristezza, gli sbagli che ognuno di noi ha e compie nella vita comune. altro grandissimo film di Anderson, che scrive e dirige la storia di questi personaggi, le cui vite si incrociano quasi senza toccarsi. d'ora in poi penserò, Magnolia: cadono rane del cielo :asd:. bellissima sequenza finale, di cui devo ancora capire il significato per intero. Sceneggiatura eccezionale, regia superba, attori eccelsi, su tutti Cruise e Hoffman, musica che fa' da accompagnatrice a tutto il film e agli stili delle nove vicende.

8,5/9

Rullo
25-01-11, 20:20:10
bella mikke

Togg
25-01-11, 20:25:54
oggi non potrò vedere nieeeeeeente :tragic:

Sardello
25-01-11, 21:24:28
Magnolia (2000) di P.T. Anderson
http://img560.imageshack.us/img560/1153/magnoliafilmpicture.jpg

Un film che secondo me va oltre ogni schema canonico intrecciando ben 9 storie diverse tra loro e usando come filo conduttore il dolore, la tristezza, gli sbagli che ognuno di noi ha e compie nella vita comune. altro grandissimo film di Anderson, che scrive e dirige la storia di questi personaggi, le cui vite si incrociano quasi senza toccarsi. d'ora in poi penserò, Magnolia: cadono rane del cielo :asd:. bellissima sequenza finale, di cui devo ancora capire il significato per intero. Sceneggiatura eccezionale, regia superba, attori eccelsi, su tutti Cruise e Hoffman, musica che fa' da accompagnatrice a tutto il film e agli stili delle nove vicende.

8,5/9
Film stupendo :sisi:
Mia Top 10 di sempre :stema:


http://www.youtube.com/watch?v=DsqCl2vO9xA

mickes2
25-01-11, 21:43:39
sequenza davvero bellissima, e ripeto, le musiche, oltre ad essere stupende, hanno un ruolo fondamentale nell'accompagnare tutta la sceneggiatura. grandissimo film.

Ctekcop
25-01-11, 21:49:09
Visto stasera Il Dottor Stranamore di Stanley Kubrick
Mi aspettavo qualcosa di grandioso e invece sono rimasto parzialmente deluso :sisi:
Ottimi gli attori e la fotografia, per il resto è un ottimo film ma non il capolavoro assoluto che mi aspettavo.
Per i miei gusti è anni luce inferiore rispetto a 2001, FMJ, Barry Lyndon, Shining e Arancia Meccanica.

mi spiace ma non puoi essere rimasto delusi. è impossibile. avrai visto un altro film sicuramente:ahsisi:

forse troppe aspettative. BOH.

L4GANN
25-01-11, 22:52:30
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/d/d3/Million_Dollar_Baby_poster.jpg/220px-Million_Dollar_Baby_poster.jpg

stupendo!!

Capolavoro.

mickes2
25-01-11, 23:49:21
Juno 2007 di Jason Reitman.

Deliziosa commedia che senza troppe pretese affronta temi importanti con un tono delicato e leggero. Il merito del regista (coadiuvato da una bella sceneggiatura) è quello di evitare il più possibile gli stereotipi che spesso si manifestano in questo caso, riuscendo anche a far riflettere; e la prova maiuscola della minuscola Ellen Page (simpatica, spigliata, decisa) fa il resto.

BUONO

http://hannahpoturalski.files.wordpress.com/2010/02/juno.jpg

sono completamente d'accordo :kappe:

Hushabye
26-01-11, 11:30:52
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/0/04/Blue_Valentine_film.jpg/220px-Blue_Valentine_film.jpg

Ogni anno escono tanti film che parlano d'amore,spesso pieni di zucchero e clichè,ma non è sempre un male,ognuno ha bisogno di vedere che l'amore può davvero vincere su ogni cosa specie per chi ha una visione romantica di questo sentimento..ogni tanto poi qualche regista si assume l'ingrato compito di avvicinarsi di più all esperienza che ognuno di noi può vivere nel suo quotidiano,spesso fatto più di rifiuti,sofferenza,che di happy end...Cosi nel 2009 usciva Two Lovers,oggi ecco qua Blue Valentine
Capisco la definizione di vari critici:anty love story... Di sicuro Cianfrance non vuole appassionare lo spettatore mostrandogli chissà quale grande storia d'amore,semplicemente l obbiettivo è quello di porsi una domanda: l'amore può sopperire all'assenza di dialogo?... L'altro senso del film è invece racchiuso nella canzone cantata da ryan nel trailer,you always hurt the ones you love(tra l'altro una delle migliori scene del film)...Due protagonisti imperfetti per una storia d'amore imperfetta..Mi è piaciuto il montaggio,i ricordi si incastrano bene col presente..Gosling meritava quanto la Williams la candidatura all'oscar