PDA

Visualizza Versione Completa : Ultimo film visto | I commenti sono graditi!



Pagine : 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 [51] 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142

Rullo
08-06-11, 14:44:38
io ho la serie a fumetti, son curioso di vedermi il film, me lo cerco :nev:



beh se non ti piace un film automaticamente fai un "fail" :rickds:

se lo distruggi con motivazioni ridicole sì

James
08-06-11, 16:52:38
se lo distruggi con motivazioni ridicole sì

Dai su Rullo,sta bono:ahsisi:
Non gli è piaciuto "Adventureland"amen.

BlackWizard
08-06-11, 17:14:49
Scusa ma che senso ha mettere un immagine gigante per mettere un commentino striminzito?



Finalmente qualcuno che ha guardato il film senza pregiudizio:sisi:
Se lo si guarda così è un ottimo film,almeno per me.



:rickds: il tizio che ha fatto il film di facebook :rickds:

No dai c'è di molto peggio in giro.

L'ho finito di vedere alle quattro del mattino, non è che avessi molta volgia di scrivere una recensione.

Casinò


http://i53.tinypic.com/w42m1.jpg
Cinque anni dopo "Quei bravi ragazzi" Scorsese ritorna con il duo De Niro/Pesci in un film che denuncia la dipendenza dell'uomo dal denaro, ma sopratutto come questo ti riesca a cambiare facendoti perdere il senno ("Las Vegas aveva dato alla testa a tutti"); magistralmente intepretato dai tre protagonisti. Grande doppiaggio di Proietti.
9+

Key Paradise
08-06-11, 18:38:35
interrompo il mio silenzio stampa per dire che bad guy di kim ki-duk è disgustosamente bello e mi è piaciuto proprio tanto ma tanto, ci ho ritrovato la fisicità ed il carisma degli antieroi kitaniani, ed inoltre è una storia d'amore sorprendentemente riuscita, tra abusi e violenze sembrerebbe strano ma il sentimento è proprio evidente, scevro di metafore o rappresentazioni sofisticate/autoreferenziali, paradossale ma genuino
e sono stupito di averci trovato questo brano, che a giudicare dai commenti di youtube sembrano aver scoperto in molti grazie al film


http://www.youtube.com/watch?v=ULlEDO3oIHU

Zeno
08-06-11, 18:41:47
Quello che mi è passato davanti agli occhi ieri, quando ho incontrato una bionda al supermercato.

p a n z e r
08-06-11, 19:41:21
Quello che mi è passato davanti agli occhi ieri, quando ho incontrato una bionda al supermercato.

Il topic del cinema hard è più sotto :sisi:

Zeno
08-06-11, 19:53:26
Il topic del cinema hard è più sotto :sisi:

Il mio non era un porno. :none:

p a n z e r
08-06-11, 19:55:31
Il mio non era un porno. :none:

seeeeeeeeeeeeeeee. e con una bionda che ci fai, ci parli?

Zeno
08-06-11, 19:59:46
seeeeeeeeeeeeeeee. e con una bionda che ci fai, ci parli?

Ognuno ha i suoi problemi. :bruniii:

gtadany
08-06-11, 20:09:58
Benvenuti a Zombieland.
Fa morire da ridere, è una parodia moderna su un'invasione zombi ... Tutti gli amanti delle saghe come Re, Silenti Hill &Co. apprezzeranno il film!

mickes2
08-06-11, 20:20:11
Bronson (2008) di Nicolas Winding Refn
http://www.lockstockandtwofilmgeeks.com/wp-content/uploads/2010/03/bronson1.jpg
Tratto da una storia vera, il film narra le vicissitudini di Michael Peterson, in arte Charles Bronson “il detenuto più violento del Regno unito”, e la sua spiccata predisposizione alla violenza. Prima pellicola per me di Refn, e devo dire di essermi trovato di fronte ad una buona regia. Un soggetto esuberante e violento; il regista si adatta alle sue gesta regalandoci una grande forza espressiva mostrando la violenza con un gusto spiccato per le inquadrature (carrellate, geometrie), ed un grande utilizzo della musica che non può non far venire in mente l’<i>Arancia Meccanica</i> di Kubrick. Rimando che non infastidisce, anzi… ma forse si eccede un po’ con le musiche spezzando la verve narrativa che avrebbe inevitabilmente preso piede. Regia comunque solida ma a tratti forse un po’ troppo sopra le righe. Bella fotografia e gran lavoro in fase recitativa, dove Tom Hardy ci mette anima e “corpo” in tutti i sensi (appositamente per il film aumentò di moltissimo la sua massa muscolosa). La scena del ballo nel manicomio è da applausi a scena aperta.

7/7,5

Lateralus
09-06-11, 03:40:56
seeeeeeeeeeeeeeee. e con una bionda che ci fai, ci parli?


Ognuno ha i suoi problemi. :bruniii:

:rickds::rickds::rickds::rickds:

kail Relax
09-06-11, 09:15:58
se lo distruggi con motivazioni ridicole sì

no ma fammi capire, se a me un film mi fa cagare x dei motivi semplicissimi a voi non sta bene?non sapevo che bisognava essere laureati in cinematografia x poter postare qua :ahsisi:
mi scuso se non sono al vostro livello :asd:

Togg
09-06-11, 09:59:14
no ma fammi capire, se a me un film mi fa cagare x dei motivi semplicissimi a voi non sta bene?non sapevo che bisognava essere laureati in cinematografia x poter postare qua :ahsisi:
mi scuso se non sono al vostro livello :asd:

sì, però non è che ci si può fare venire i complessi di inferiorità parlando con Rullo :asd: Capisco fossi stato io.

kail Relax
09-06-11, 10:05:46
sì, però non è che ci si può fare venire i complessi di inferiorità parlando con Rullo :asd: Capisco fossi stato io.

non mi vengono manco se parlo con spielberg vai tranquillo :asd:
ma non è che mi si deve cagare il ***** se dico che un film mi ha fatto vedere, io non ne capisco nulla e non mi metto ad analizzare questo questo e quest'altro, dico semplicemente: mi ha fatto cagare/mi è piaciuto, fine :asd:

Key Paradise
09-06-11, 10:11:34
non mi vengono manco se parlo con spielberg vai tranquillo :asd:
ma non è che mi si deve cagare il ***** se dico che un film mi ha fatto vedere, io non ne capisco nulla e non mi metto ad analizzare questo questo e quest'altro, dico semplicemente: mi ha fatto cagare/mi è piaciuto, fine :asd:

miracoloooo!!!

Frank
09-06-11, 10:13:31
visto la bellezza del somaro
rimasto un pò deluso,sinceramente
m'aspettavo un film gagliardo,uno dei film dell'anno,titolo filosofico..invece a parte i personaggi principali(castellitto mi piace moltissimo)che pero fanno sempre gli stessi personaggi(sfigati frustrati e esauriti)gli altri sono spesso inutili,irritanti,fastidiosi.
pieno di clichè,alla fin fine il motivo della lite del film è quello che fa riavvicinare i 2..gia visto in moltissimi film...scene evitabili tipo quella iniziale del funerale(in cui un paio di battute mi hanno avvicinato al k.o che mi avrebbe fatto chiudere tutto subito) o la battuta da bar ormai gratuita e scontata su berlusconi,che nn c'entrava una fava..
6/10

Togg
09-06-11, 10:16:57
non mi vengono manco se parlo con spielberg vai tranquillo :asd:
ma non è che mi si deve cagare il ***** se dico che un film mi ha fatto vedere, io non ne capisco nulla e non mi metto ad analizzare questo questo e quest'altro, dico semplicemente: mi ha fatto cagare/mi è piaciuto, fine :asd:

sì però tieni conto che per quanto possa essere sgarbato Rullo ( :rickds: ) uno può sempre esprimere un parere netto e non ragionato (lo faccio spesso anch'io) però non è che poi ti puoi stupire se la risposta è sulla stessa linea.

---------- Post added at 10:16:57 ---------- Previous post was at 10:15:40 ----------


miracoloooo!!!

loll

Hushabye
09-06-11, 11:23:59
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/d/d5/Madame_Bovary_%281991_film%29.jpg

buona trasposizione del romanzo..

kail Relax
09-06-11, 15:00:40
miracoloooo!!!

volevo scrivere cagare non vedere :rickds:


sì però tieni conto che per quanto possa essere sgarbato Rullo ( :rickds: ) uno può sempre esprimere un parere netto e non ragionato (lo faccio spesso anch'io) però non è che poi ti puoi stupire se la risposta è sulla stessa linea.

chiaro ognuno può dire quello che gli pare io mica sono il papa(e meno male), da dimmi "a me è piaciuto xke questo e xke quello", non "fail" o altre cazzate da bimbominkia che fa il figo xke lui ne capisce e io sono ignorante :ahsisi:
io se mi guardo un film mi devo divertire-passarci bene il tempo-altro, mica mi metto a "studiarlo" o altro, checcaspio :asd:

utente 8693
09-06-11, 15:42:16
interrompo il mio silenzio stampa per dire che bad guy di kim ki-duk è disgustosamente bello e mi è piaciuto proprio tanto ma tanto, ci ho ritrovato la fisicità ed il carisma degli antieroi kitaniani, ed inoltre è una storia d'amore sorprendentemente riuscita, tra abusi e violenze sembrerebbe strano ma il sentimento è proprio evidente, scevro di metafore o rappresentazioni sofisticate/autoreferenziali, paradossale ma genuino
e sono stupito di averci trovato questo brano, che a giudicare dai commenti di youtube sembrano aver scoperto in molti grazie al film


http://www.youtube.com/watch?v=ULlEDO3oIHU
Davvero.
Per altro non ho saputo trattenere una risata, quando lui parla per la prima volta. :asd:

mickes2
09-06-11, 15:57:21
chiaro ognuno può dire quello che gli pare io mica sono il papa(e meno male), da dimmi "a me è piaciuto xke questo e xke quello", non "fail" o altre cazzate da bimbominkia che fa il figo xke lui ne capisce e io sono ignorante :ahsisi:
io se mi guardo un film mi devo divertire-passarci bene il tempo-altro, mica mi metto a "studiarlo" o altro, checcaspio :asd:

ah, uno dovrebbe dirti a me è piaciuto perchè questo e perchè quello e te puoi sparare tutte le puttanate di questo mondo?

forse non ti è chiaro, ma qua SIAMO IN UN FORUM IN CUI SI DISCUTE DI CINEMA. se te giudichi un film in quella maniera, aspettati sempre risposte alla tua altezza (come giustamente ha sottolineato Togg).

che tu poi voglia vedere un film solo per passare il tempo è sacrosanto...ma questo non ti autorizza a sparlare di ogni cosa che non ti piace.

e al posto di giudicare bimbominchia che dice cazzate chi invece vuole cercare di farti capire con dati oggettivi e CON PAZIENZA che stai in qualche modo sbagliando, pensa a ciò che scrivi la prossima volta. uomo avvisato, mezzo salvato :D

Key Paradise
09-06-11, 16:43:18
Davvero.
Per altro non ho saputo trattenere una risata, quando lui parla per la prima volta. :asd:

eheh sì, scena stranissima

ken-chan90
09-06-11, 19:38:57
Ho rivisto per la seconda volta apocalypse now, non ricordavo fosse un tale capolavoro :asd:

Togg
09-06-11, 20:46:34
La casa, Sam Raimi 1981

Per gusto personale preferisco tutta la prima parte nondelirante :asd: Comunque davvero bello, con pochissimi soldi è riuscito a dare tantissimo. Ogni inquadratura una trovata.

8


Ho rivisto per la seconda volta apocalypse now, non ricordavo fosse un tale capolavoro :asd:

o yea. Versione originale o REDUX?

Rullo
09-06-11, 20:54:46
sì però tieni conto che per quanto possa essere sgarbato Rullo ( :rickds: ) uno può sempre esprimere un parere netto e non ragionato (lo faccio spesso anch'io) però non è che poi ti puoi stupire se la risposta è sulla stessa linea.

---------- Post added at 10:16:57 ---------- Previous post was at 10:15:40 ----------



loll

ma infatti anche i tuoi commenti fan cagare

Togg
09-06-11, 21:06:22
ma infatti anche i tuoi commenti fan cagare

però quando me lo dite io apprezzo :sisi:

mickes2
09-06-11, 21:10:09
La casa, Sam Raimi 1981

Per gusto personale preferisco tutta la prima parte nondelirante :asd: Comunque davvero bello, con pochissimi soldi è riuscito a dare tantissimo. Ogni inquadratura una trovata.

8


yeeee, grande utilizzo della Shaky cam.

Togg
09-06-11, 21:18:06
yeeee, grande utilizzo della Shaky cam.

quella è davvero stupenda.

Paolo.o
09-06-11, 22:29:28
http://www.vivacinema.it/img/l_uomo_che_fissa_le_capre.jpg.

L'uomo che fissa le capre. 6.
Secondo me è un film scarso e noioso, gli abbuono la sufficenza per qualche trovata divertente, ma queste si possono contare sulle punte delle dita :kep88:.

Vall77
09-06-11, 23:50:34
Melancholia Lars Von Trier

http://t3.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcThVMFZgyCBH5TnfRysba4wB1SaVq2yF KAP2RfT9DQFgxOMXe3s&t=1

Difficile scrivere un commento dopo un film che ti toglie (letteralmente) le parole, ma volevo farlo subito.
Un film che non solo toglie le parole, ma infierisce: ridicolizza la speranza, annichilisce l'esigenza tutta umana di dare un senso alle cose. Allo stesso tempo, magicamente, un film che non annoia mai e riesce a finire come una strana bomba emotiva.

Magicamente, dicevo, anche considerando il fatto che il finale è tutto tranne che una sorpresa: Melancholia viene a distruggerci, lo sappiamo da subito. Per tutto il film, non abbiamo mai l'impressione che possa andare in un altro modo. Fine.

Per diversi motivi, il paragone con The Tree of Life di Malick mi pare (anche lui) abbastanza inevitabile. Paragone, chiaramente, per assoluto contrasto. L'amore è ciò che da senso alla vita, da una parte. Dall'altra: la vita sulla Terra, che è l'unica nell'Universo intero, è malvagia e merita di finire. Senza urla, senza strepiti, senza celebrazioni.

Quasi un'apologia della depressione, Melancholia è (come suggerito peraltro dal regista stesso) il film più cupo e negativo di Lars. Il che è tutto dire, considerando il regista. In effetti, è cupo come pochi altri film che io ricordi.

Aspetto di riordinare meglio le idee e le sensazioni prima di commentare oltre. Sicuramente il mio giudizio è estremamente positivo. Tra i migliori di Von Trier, l'impressione che mi ha lasciato è potente. Applausi in sala, e senza dubbio anche da parte mia.

Lateralus
10-06-11, 00:11:54
Non vedo l'ora di vederlo. :tragic:

Zeno
10-06-11, 00:20:49
La cosa più bella che ho letto è stata: "Applausi in sala.."

mickes2
10-06-11, 00:23:18
Melancholia Lars Von Trier

http://t3.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcThVMFZgyCBH5TnfRysba4wB1SaVq2yF KAP2RfT9DQFgxOMXe3s&t=1

Difficile scrivere un commento dopo un film che ti toglie (letteralmente) le parole, ma volevo farlo subito.
Un film che non solo toglie le parole, ma infierisce: ridicolizza la speranza, annichilisce l'esigenza tutta umana di dare un senso alle cose. Allo stesso tempo, magicamente, un film che non annoia mai e riesce a finire come una strana bomba emotiva.

Magicamente, dicevo, anche considerando il fatto che il finale è tutto tranne che una sorpresa: Melancholia viene a distruggerci, lo sappiamo da subito. Per tutto il film, non abbiamo mai l'impressione che possa andare in un altro modo. Fine.

Per diversi motivi, il paragone con The Tree of Life di Malick mi pare (anche lui) abbastanza inevitabile. Paragone, chiaramente, per assoluto contrasto. L'amore è ciò che da senso alla vita, da una parte. Dall'altra: la vita sulla Terra, che è l'unica nell'Universo intero, è malvagia e merita di finire. Senza urla, senza strepiti, senza celebrazioni.

Quasi un'apologia della depressione, Melancholia è (come suggerito peraltro dal regista stesso) il film più cupo e negativo di Lars. Il che è tutto dire, considerando il regista. In effetti, è cupo come pochi altri film che io ricordi.

Aspetto di riordinare meglio le idee e le sensazioni prima di commentare oltre. Sicuramente il mio giudizio è estremamente positivo. Tra i migliori di Von Trier, l'impressione che mi ha lasciato è potente. Applausi in sala, e senza dubbio anche da parte mia.

beh...direi folgorante :sisi:

i am DIO
10-06-11, 00:27:11
pirati dei caraibi oltre i confini del mare,STUPENDO!!

Vall77
10-06-11, 00:33:10
Non vedo l'ora di vederlo. :tragic:

Credo uscirà a settembre in Italia... Inutile dire che lo consiglio ^^


La cosa più bella che ho letto è stata: "Applausi in sala.."

Nel senso che il resto del commento ti ha fatto cadere le palle? Beh insomma, l'ho scritto un pò di getto, molti aspetti relativi all'impostazione e alla realizzazione del film li ho omessi.

Sono stanco, e mo vado a dormire :asd:


beh...direi folgorante :sisi:

Da vedere mickes. Von Trier sa essere un vero buffone, nella vita, ma le recenti sparate ha saputo farsele perdonare in modo molto ma molto interessante.

utente 8693
10-06-11, 01:17:33
Aspetto il commento di un nonfanboy di VonTrier.










trollfeis.

Armin
10-06-11, 01:26:19
Melancholia Lars Von Trier

http://t3.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcThVMFZgyCBH5TnfRysba4wB1SaVq2yF KAP2RfT9DQFgxOMXe3s&t=1

Difficile scrivere un commento dopo un film che ti toglie (letteralmente) le parole, ma volevo farlo subito.
Un film che non solo toglie le parole, ma infierisce: ridicolizza la speranza, annichilisce l'esigenza tutta umana di dare un senso alle cose. Allo stesso tempo, magicamente, un film che non annoia mai e riesce a finire come una strana bomba emotiva.

Magicamente, dicevo, anche considerando il fatto che il finale è tutto tranne che una sorpresa: Melancholia viene a distruggerci, lo sappiamo da subito. Per tutto il film, non abbiamo mai l'impressione che possa andare in un altro modo. Fine.

Per diversi motivi, il paragone con The Tree of Life di Malick mi pare (anche lui) abbastanza inevitabile. Paragone, chiaramente, per assoluto contrasto. L'amore è ciò che da senso alla vita, da una parte. Dall'altra: la vita sulla Terra, che è l'unica nell'Universo intero, è malvagia e merita di finire. Senza urla, senza strepiti, senza celebrazioni.

Quasi un'apologia della depressione, Melancholia è (come suggerito peraltro dal regista stesso) il film più cupo e negativo di Lars. Il che è tutto dire, considerando il regista. In effetti, è cupo come pochi altri film che io ricordi.

Aspetto di riordinare meglio le idee e le sensazioni prima di commentare oltre. Sicuramente il mio giudizio è estremamente positivo. Tra i migliori di Von Trier, l'impressione che mi ha lasciato è potente. Applausi in sala, e senza dubbio anche da parte mia.

Screenshot stupendo :sisi:
Ho grandi aspettative da questo film.


Aspetto il commento di un nonfanboy di VonTrier.










trollfeis.

Giusto :asd:

Zeno
10-06-11, 02:06:58
Nel senso che il resto del commento ti ha fatto cadere le palle? Beh insomma, l'ho scritto un pò di getto, molti aspetti relativi all'impostazione e alla realizzazione del film li ho omessi.

Sono stanco, e mo vado a dormire :asd:

Me lo sentivo di aver scritto a caxxo :asd:
Volevo dire che la cosa che mi colpisce di più è sapere che è stato applaudito (dalle mie parti capita molto raramente). Sul commento non mi pronuncio perché mi dicono che sei un fanboy. :sisi:

JT26
10-06-11, 05:56:05
Melancholia Lars Von Trier

http://t3.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcThVMFZgyCBH5TnfRysba4wB1SaVq2yF KAP2RfT9DQFgxOMXe3s&t=1

Difficile scrivere un commento dopo un film che ti toglie (letteralmente) le parole, ma volevo farlo subito.
Un film che non solo toglie le parole, ma infierisce: ridicolizza la speranza, annichilisce l'esigenza tutta umana di dare un senso alle cose. Allo stesso tempo, magicamente, un film che non annoia mai e riesce a finire come una strana bomba emotiva.

Magicamente, dicevo, anche considerando il fatto che il finale è tutto tranne che una sorpresa: Melancholia viene a distruggerci, lo sappiamo da subito. Per tutto il film, non abbiamo mai l'impressione che possa andare in un altro modo. Fine.

Per diversi motivi, il paragone con The Tree of Life di Malick mi pare (anche lui) abbastanza inevitabile. Paragone, chiaramente, per assoluto contrasto. L'amore è ciò che da senso alla vita, da una parte. Dall'altra: la vita sulla Terra, che è l'unica nell'Universo intero, è malvagia e merita di finire. Senza urla, senza strepiti, senza celebrazioni.

Quasi un'apologia della depressione, Melancholia è (come suggerito peraltro dal regista stesso) il film più cupo e negativo di Lars. Il che è tutto dire, considerando il regista. In effetti, è cupo come pochi altri film che io ricordi.

Aspetto di riordinare meglio le idee e le sensazioni prima di commentare oltre. Sicuramente il mio giudizio è estremamente positivo. Tra i migliori di Von Trier, l'impressione che mi ha lasciato è potente. Applausi in sala, e senza dubbio anche da parte mia.

ok sono hyppato e un po' ti odio. spero di non incocciare in aspettative iperdeluse. non so che aspettarmi il che è comunque sempre positivo.

Togg
10-06-11, 07:54:19
Vall vaff.

mickes2
10-06-11, 10:01:21
Da vedere mickes. Von Trier sa essere un vero buffone, nella vita, ma le recenti sparate ha saputo farsele perdonare in modo molto ma molto interessante.

immagino. sarà l'esaltazione a caldo, sarà che per quanto riguarda Von trier sei di parte (ed è normale con i nostri registi preferiti), ma poche volte ti ho letto così rapìto.

ken-chan90
10-06-11, 10:23:59
La casa, Sam Raimi 1981

Per gusto personale preferisco tutta la prima parte nondelirante :asd: Comunque davvero bello, con pochissimi soldi è riuscito a dare tantissimo. Ogni inquadratura una trovata.

8



o yea. Versione originale o REDUX?

La versione originale non sono mai riuscito a reperirla :(.

Baron Samedi
10-06-11, 10:52:55
Paul.

Storia di due nerd inglesi appassionati di fantascienza, che dopo essersi recati negli USA per andare al Comicon decidono di noleggiare un camper e percorrere l'America nei luoghi noti per gli avvistamenti ufo...
Sulla loro strada ne troveranno uno molto "sboccato" e tremendamente simpatico...

Ho trovato questa commedia molto divertente, il doppiaggio dell'alieno fatto da Elio (di Elio e le storie tese) è veramente azzeccato.

Voto 7.

kail Relax
10-06-11, 11:36:47
ah, uno dovrebbe dirti a me è piaciuto perchè questo e perchè quello e te puoi sparare tutte le puttanate di questo mondo?

forse non ti è chiaro, ma qua SIAMO IN UN FORUM IN CUI SI DISCUTE DI CINEMA. se te giudichi un film in quella maniera, aspettati sempre risposte alla tua altezza (come giustamente ha sottolineato Togg).

che tu poi voglia vedere un film solo per passare il tempo è sacrosanto...ma questo non ti autorizza a sparlare di ogni cosa che non ti piace.

e al posto di giudicare bimbominchia che dice cazzate chi invece vuole cercare di farti capire con dati oggettivi e CON PAZIENZA che stai in qualche modo sbagliando, pensa a ciò che scrivi la prossima volta. uomo avvisato, mezzo salvato :D


http://greed.net78.net/wp-content/uploads/2008/09/failure.jpg


mi sa che non conosco il significato del termine pazienza :asd:
tra l'altro, su quel film ho solo detto che mi ha fatto cagare e la storia delle tempeste ormonali, mica ho detto che il regista è un down, che gli attori sono dei down, che chi lo guarda è down eccetera:asd:

Togg
10-06-11, 12:11:18
La versione originale non sono mai riuscito a reperirla :(.

intendi quella che ho visto io?

Hushabye
10-06-11, 12:12:47
Melancholia Lars Von Trier

http://t3.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcThVMFZgyCBH5TnfRysba4wB1SaVq2yF KAP2RfT9DQFgxOMXe3s&t=1

Difficile scrivere un commento dopo un film che ti toglie (letteralmente) le parole, ma volevo farlo subito.
Un film che non solo toglie le parole, ma infierisce: ridicolizza la speranza, annichilisce l'esigenza tutta umana di dare un senso alle cose. Allo stesso tempo, magicamente, un film che non annoia mai e riesce a finire come una strana bomba emotiva.

Magicamente, dicevo, anche considerando il fatto che il finale è tutto tranne che una sorpresa: Melancholia viene a distruggerci, lo sappiamo da subito. Per tutto il film, non abbiamo mai l'impressione che possa andare in un altro modo. Fine.

Per diversi motivi, il paragone con The Tree of Life di Malick mi pare (anche lui) abbastanza inevitabile. Paragone, chiaramente, per assoluto contrasto. L'amore è ciò che da senso alla vita, da una parte. Dall'altra: la vita sulla Terra, che è l'unica nell'Universo intero, è malvagia e merita di finire. Senza urla, senza strepiti, senza celebrazioni.

Quasi un'apologia della depressione, Melancholia è (come suggerito peraltro dal regista stesso) il film più cupo e negativo di Lars. Il che è tutto dire, considerando il regista. In effetti, è cupo come pochi altri film che io ricordi.

Aspetto di riordinare meglio le idee e le sensazioni prima di commentare oltre. Sicuramente il mio giudizio è estremamente positivo. Tra i migliori di Von Trier, l'impressione che mi ha lasciato è potente. Applausi in sala, e senza dubbio anche da parte mia.

si voglio vederlo:sisi:

.GoldenBoy
10-06-11, 12:46:51
E' normale che mi venga voglia di ririririvedere Lady vendetta nonostante nell'arco di un mese l'abbia già visto 3 volte? :nfox:

Key Paradise
10-06-11, 12:57:17
commento qualcosina di kim dato che ci sono

http://www.lankelot.eu/filesV2/UserFiles/Image/movi/wa1.jpg

wild animals - kim ki-duk
sorta di "john woo" middleuropeo, kim ki-duk racconta di amicizia fraterna e criminalità a parigi, attraverso un intreccio privo di punti d'interesse, gettando qua e là citazioni artistiche. indubbiamente il suo peggiore finora.

http://s3.amazonaws.com/auteurs_production/stills/25854/original.jpg?1297186792

birdcage inn - kim ki-duk
prostituzione raccontata con sguardo genuino, a tratti solare. consideratemi scemo ma di tanto in tanto mi ha ricordato un miyazaki in carne ed ossa. kim al solito isola il lato umano di una situazione problematica, ed allo stesso tempo coglie il fascino decadente di un lungomare industrializzato. una vera sorpresa.

Rullo
10-06-11, 14:27:39
Melancholia Lars Von Trier

http://t3.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcThVMFZgyCBH5TnfRysba4wB1SaVq2yF KAP2RfT9DQFgxOMXe3s&t=1

Difficile scrivere un commento dopo un film che ti toglie (letteralmente) le parole, ma volevo farlo subito.
Un film che non solo toglie le parole, ma infierisce: ridicolizza la speranza, annichilisce l'esigenza tutta umana di dare un senso alle cose. Allo stesso tempo, magicamente, un film che non annoia mai e riesce a finire come una strana bomba emotiva.

Magicamente, dicevo, anche considerando il fatto che il finale è tutto tranne che una sorpresa: Melancholia viene a distruggerci, lo sappiamo da subito. Per tutto il film, non abbiamo mai l'impressione che possa andare in un altro modo. Fine.

Per diversi motivi, il paragone con The Tree of Life di Malick mi pare (anche lui) abbastanza inevitabile. Paragone, chiaramente, per assoluto contrasto. L'amore è ciò che da senso alla vita, da una parte. Dall'altra: la vita sulla Terra, che è l'unica nell'Universo intero, è malvagia e merita di finire. Senza urla, senza strepiti, senza celebrazioni.

Quasi un'apologia della depressione, Melancholia è (come suggerito peraltro dal regista stesso) il film più cupo e negativo di Lars. Il che è tutto dire, considerando il regista. In effetti, è cupo come pochi altri film che io ricordi.

Aspetto di riordinare meglio le idee e le sensazioni prima di commentare oltre. Sicuramente il mio giudizio è estremamente positivo. Tra i migliori di Von Trier, l'impressione che mi ha lasciato è potente. Applausi in sala, e senza dubbio anche da parte mia.

snob

ken-chan90
10-06-11, 14:31:44
intendi quella che ho visto io?

Si, l'unica versione che sono riuscito a trovare è quella redux, non quella originale (che presumo sia quella che hai visto tu).

medicine bottle
10-06-11, 14:55:23
mica ho detto che il regista è un down, che gli attori sono dei down, che chi lo guarda è down eccetera:asd:

non ti passa per l'anticamera del cervello che qualcuno potrebbe avere in famiglia persone con disabilità e che il tuo discorso discriminatorio potrebbe ferire?
cresci, bambino, cresci.

James
10-06-11, 16:47:00
Cerchiamo di darci un taglio a tutta questa storia che ne ho abbastanza:sisi:

Donnie Darko
10-06-11, 17:22:47
Ma possibile che si debbano creare polemiche se a Tizio non è piaciuto un film e lo dice senza molte spiegazioni?
Non tutti sono grandissimi appassionati di cinema e molto spesso un "non mi è piaciuto" basta e avanza.
E comunque Togg ha sempre ragione!

utente 8693
10-06-11, 17:26:01
Ma possibile che si debbano creare polemiche se a Tizio non è piaciuto un film e lo dice senza molte spiegazioni?
Non tutti sono grandissimi appassionati di cinema e molto spesso un "non mi è piaciuto" basta e avanza.
E comunque Togg ha sempre ragione!
Implicando che apprezzare Adventure Land sia da grandi esperti di cinema. :ahsisi:

Vall77
10-06-11, 17:27:55
Slipp Jimmy fri

Pescato su Mubi questo film di animazione norvegese. Divertente. Della serie "animazione per adulti", resta decisamente una commedia. Personaggi azzeccati, scorretto, promosso. Poi insomma, c'è la storia di un elefante da circo assuefatto all'eroina e alle anfetamine, merita la visione.

Donnie Darko
10-06-11, 18:00:53
Implicando che apprezzare Adventure Land sia da grandi esperti di cinema. :ahsisi:

No vecchio Bip, mi riferivo alla capacità di spiegare cosa non è piaciuto del film attraverso un discorso minuzioso.
E comunque Adventureland mi è piaciuto moltissimo. :nev:

Hushabye
10-06-11, 18:06:05
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/5/55/Two_lovers_ver2.jpg/220px-Two_lovers_ver2.jpg

Visione dopo visione non perde la sua bellezza,finale tremendamente triste...Joaquin phoenix superbo

Togg
10-06-11, 18:10:02
E comunque Togg ha sempre ragione!

Uuu! Grazie, finalmente qualcuno capisce la mia bontà.


Si, l'unica versione che sono riuscito a trovare è quella redux, non quella originale (che presumo sia quella che hai visto tu).

aaaa, pensavo parlassi dell'altro film. Comunque si trovano entrambi, anche io ho visto la redux :sisi:


http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/5/55/Two_lovers_ver2.jpg/220px-Two_lovers_ver2.jpg

Visione dopo visione non perde la sua bellezza,finale tremendamente triste...Joaquin phoenix superbo

Ora key si innamorerà di te.

Key Paradise
10-06-11, 18:14:09
Ora key si innamorerà di te.

:sisi:


http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/5/55/Two_lovers_ver2.jpg/220px-Two_lovers_ver2.jpg
Visione dopo visione non perde la sua bellezza,finale tremendamente triste...Joaquin phoenix superbo

:claudia:


http://www.youtube.com/watch?v=ttd1M4mUSrY

<3 <3 <3

ken-chan90
10-06-11, 18:24:46
Uuu! Grazie, finalmente qualcuno capisce la mia bontà.



aaaa, pensavo parlassi dell'altro film. Comunque si trovano entrambi, anche io ho visto la redux :sisi:



Ora key si innamorerà di te.

quale altro film :morris82: ?

mickes2
10-06-11, 18:27:37
ma è assurdo!!! quasi quasi ha ragione kail relax :D

Donnie Darko
10-06-11, 18:34:48
ma è assurdo!!! quasi quasi ha ragione kail relax :D

Dovrebbe aver torto se non gli è piaciuto Adventureland? I film sono forme d'arte e quindi si prestano ad una valutazione soggettiva. Solo questo, nulla di più.
Poi è ovvio, anche io ci tengo a leggere commenti logici sul perchè una pellicola non è piaciuta, ma capisco che non tutti sono in grado di scrivere l'epopea di Gilgamesh una volta terminata la visione.

mickes2
10-06-11, 18:48:23
Dovrebbe aver torto se non gli è piaciuto Adventureland? I film sono forme d'arte e quindi si prestano ad una valutazione soggettiva. Solo questo, nulla di più.
Poi è ovvio, anche io ci tengo a leggere commenti logici sul perchè una pellicola non è piaciuta, ma capisco che non tutti sono in grado di scrivere l'epopea di Gilgamesh una volta terminata la visione.

non è questo il punto. ripeto, che ci sono MODI E MODI per esprimere un dissenso verso qualcosa che non è piaciuto. e questa cose bisogna farle notare, sennò diventerebbe uno schifo il topic. questa è la verità.

domani guardo Inland empire e dico che Lynch fa del cinema manierato, che si specchia e si rispecchia tra le sue pippe mentali, che è colui che si diverte a giochicchiare per ore e ore col cervello della gente. può dare emozioni, ok..ma in fin dei conti ti prende per il culo. (ovviamente la mia è un'estremizzazione)

non so in quanti saranno contenti di leggere ciò.

ripeto, mi sorprende molto il tuo richiamo, io sono stato l'unico che ha cercato di spiegare a kail relax (senza alcun sarcasmo e presa in giro) che ciò che aveva visto non era così malvagio, e con cosa mi ritrovo? mi ritrovo con lui che mi da del bimbominchia perchè scrivo un "papiro" e con te che fai la stessa cosa ironizzando con l'epopea di Gilgamesh.

anch'io 2 anni fa non ero in grado di scrivere una sega, ma certe sparate a film che non mi erano piaciuti me la risparmiavo, oppure cercavo un attimino di motivare nei miei grossi limiti.

Togg
10-06-11, 18:56:10
dai dai che mi sembra si sia chiarito tutto :sisi:



domani guardo Inland empire e dico che Lynch fa del cinema manierato, che si specchia e si rispecchia tra le sue pippe mentali, che è colui che si diverte a giochicchiare per ore e ore col cervello della gente. può dare emozioni, ok..ma in fin dei conti ti prende per il culo. (ovviamente la mia è un'estremizzazione)

non so in quanti saranno contenti di leggere ciò.

nonostante ami Lynch sarò contento uguale :unsisi:

Hushabye
10-06-11, 19:02:50
:sisi:



:claudia:


http://www.youtube.com/watch?v=ttd1M4mUSrY

<3 <3 <3

e non dimenticare questa:

http://www.youtube.com/watch?v=kZ5O7G8Tp7w
STUPENDA

Key Paradise
10-06-11, 19:07:59
domani guardo Inland empire e dico che Lynch fa del cinema manierato, che si specchia e si rispecchia tra le sue pippe mentali, che è colui che si diverte a giochicchiare per ore e ore col cervello della gente. può dare emozioni, ok..ma in fin dei conti ti prende per il culo. (ovviamente la mia è un'estremizzazione)

che brutto esempio :cry:

Donnie Darko
10-06-11, 19:24:07
non è questo il punto. ripeto, che ci sono MODI E MODI per esprimere un dissenso verso qualcosa che non è piaciuto. e questa cose bisogna farle notare, sennò diventerebbe uno schifo il topic. questa è la verità.

domani guardo Inland empire e dico che Lynch fa del cinema manierato, che si specchia e si rispecchia tra le sue pippe mentali, che è colui che si diverte a giochicchiare per ore e ore col cervello della gente. può dare emozioni, ok..ma in fin dei conti ti prende per il culo. (ovviamente la mia è un'estremizzazione)

non so in quanti saranno contenti di leggere ciò.

ripeto, mi sorprende molto il tuo richiamo, io sono stato l'unico che ha cercato di spiegare a kail relax (senza alcun sarcasmo e presa in giro) che ciò che aveva visto non era così malvagio, e con cosa mi ritrovo? mi ritrovo con lui che mi da del bimbominchia perchè scrivo un "papiro" e con te che fai la stessa cosa ironizzando con l'epopea di Gilgamesh.

anch'io 2 anni fa non ero in grado di scrivere una sega, ma certe sparate a film che non mi erano piaciuti me la risparmiavo, oppure cercavo un attimino di motivare nei miei grossi limiti.

Ma non ho fatto nessun richiamo e assolutamente non ho criticato le tue risposte. Anzi.
Ho semplicemente fatto notare che è ridicolo creare una piccola diatriba su una (sbagliata) esternazione di un utente su di una pellicola e deriderlo con tanto di image fail.

mickes2
10-06-11, 19:37:22
nonostante ami Lynch sarò contento uguale :unsisi:

questo vuol dire che non te ne frega nulla di ciò che penso :(


che brutto esempio :cry:

ma è così, si sa, poi può piacere ed anche molto, ci mancherebbe.


Ma non ho fatto nessun richiamo e assolutamente non ho criticato le tue risposte. Anzi.
Ho semplicemente fatto notare che è ridicolo creare una piccola diatriba su una (sbagliata) esternazione di un utente su di una pellicola e deriderlo con tanto di image fail.

sul ridicolo se ne può discutere, però torniamo sempre al discorso di prima: la risposta è congruente all'affermazione iniziale.

James
10-06-11, 19:37:41
non è questo il punto. ripeto, che ci sono MODI E MODI per esprimere un dissenso verso qualcosa che non è piaciuto. e questa cose bisogna farle notare, sennò diventerebbe uno schifo il topic. questa è la verità.

domani guardo Inland empire e dico che Lynch fa del cinema manierato, che si specchia e si rispecchia tra le sue pippe mentali, che è colui che si diverte a giochicchiare per ore e ore col cervello della gente. può dare emozioni, ok..ma in fin dei conti ti prende per il culo. (ovviamente la mia è un'estremizzazione)

non so in quanti saranno contenti di leggere ciò.

ripeto, mi sorprende molto il tuo richiamo, io sono stato l'unico che ha cercato di spiegare a kail relax (senza alcun sarcasmo e presa in giro) che ciò che aveva visto non era così malvagio, e con cosa mi ritrovo? mi ritrovo con lui che mi da del bimbominchia perchè scrivo un "papiro" e con te che fai la stessa cosa ironizzando con l'epopea di Gilgamesh.

anch'io 2 anni fa non ero in grado di scrivere una sega, ma certe sparate a film che non mi erano piaciuti me la risparmiavo, oppure cercavo un attimino di motivare nei miei grossi limiti.

Ma io sono d accordo con te sul fatto dell esprimere il proprio dissenso in un certo modo.
Però bisogna anche capire che molti degli utenti che postano in questo thread sono degli spettatori occasionali a cui del Cinema importa poco.
Se poi a tutto questo aggiungi un vocabolario da scaricatore di porto(senza offesa per gli scaricatori) il quadro è completo.
Se qualcuno non và oltre il:è una ***** o è una cazzofigata non possiamo fargliene una colpa!è un loro giudizio,è facile da leggere e da dimenticare.
Indubbiamente quando leggo certi commenti tipo:"Ho visto il film del tipo che ha fatto Rambo con la tizia che teneva le gambe aperte in Basic Instict e mi ha fatto cacare l anima"mi viene l orticaria ma finisce lì.

Per quanto riguarda il film di Lynch il tuo commento non m interessa:imfao: scherzo.

Key Paradise
10-06-11, 19:42:34
ma è così, si sa, poi può piacere ed anche molto, ci mancherebbe.

ma come "si sa"? :rickds:

mickes2
10-06-11, 19:48:18
ma come "si sa"? :rickds:

ma che càzzo :D quasi tutti i film di Lynch hanno un comune denominatore, eddai.

Donnie Darko
10-06-11, 21:01:53
sul ridicolo se ne può discutere, però torniamo sempre al discorso di prima: la risposta è congruente all'affermazione iniziale.

No, se uno fa un affermazione stupida, non è detto che si debba rispondere con un'altra affermazione stupida. Non è il tuo caso comunque.

Armin
10-06-11, 22:06:15
From Paris with love di Pierre Morel

http://t0.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcTpg0t6GWPYDB5XAPi8cG8NwerP5AD36 LbuCzlDcytqcNjVUo1WnQ

Il personaggio di John Travolta è strepitoso :asd:
Diverse situazione divertenti e grottesche, ovviamente la storia lascia il tempo che trova.
Ottimo per una serata "disimpegnata" con gli amici.
Voto 7

Togg
10-06-11, 22:40:26
x men first class
E' tardi e non ho tempo di illustrarvi quanto mi è sembrato piallato e senza mordente.
6


questo vuol dire che non te ne frega nulla di ciò che penso :(


Ma non è vero su :asd:

Rullo
10-06-11, 23:19:39
si ma uno che critica il film perchè ha pregiudizi sugli attori mi lascia perplesso

kail Relax
11-06-11, 09:08:52
non ti passa per l'anticamera del cervello che qualcuno potrebbe avere in famiglia persone con disabilità e che il tuo discorso discriminatorio potrebbe ferire?
cresci, bambino, cresci.

certo che mi passa x l'anticamera del cervello, ad esempio io ho uno zio down, e quindi?
ritenta, sarai più fortunato :patpat:
http://greed.net78.net/wp-content/uploads/2008/09/failure.jpg cit.

direi di finirla qua, altrimenti rischio cartellini perchè qualcuno è troppo esperto di cinema :asd:

Key Paradise
11-06-11, 10:25:16
ma che càzzo :D quasi tutti i film di Lynch hanno un comune denominatore, eddai.

e sarebbe? :asd:

Rullo
11-06-11, 13:00:40
e sarebbe? :asd:

il non si capisce una sega ma sono ed è così snob che mi piace ficoiea

Togg
11-06-11, 13:12:14
la casa 2, Sam Raimi
un rigurgito del primo (non in senso negativo) con una spiccata tendenza all'ironia. Ci sono 4-5 scene fantastiche :asd: Ho buone aspettative per il terzo.
8

kail Relax
11-06-11, 13:55:03
togg visto che ti stai riguardando la casa, o le case :asd:
l'armata delle tenebre sbaglio o era sempre collegato?

Togg
11-06-11, 13:59:36
togg visto che ti stai riguardando la casa, o le case :asd:
l'armata delle tenebre sbaglio o era sempre collegato?

sì sì è collegato :sisi:

medicine bottle
11-06-11, 14:21:48
certo che mi passa x l'anticamera del cervello, ad esempio io ho uno zio down, e quindi?
ritenta, sarai più fortunato :patpat:


bella considerazione che hai di lui, quindi. bravo.
ripeto, pensa prima di scrivere.


non aprite quella porta - l'inizio - **
un pelino meglio del remake del 2003, ma sempre poca roba.

Togg
11-06-11, 14:30:19
bella considerazione che hai di lui, quindi. bravo.
ripeto, pensa prima di scrivere.


non aprite quella porta - l'inizio - **
un pelino meglio del remake del 2003, ma sempre poca roba.

il primo invece è bello? :nev:

medicine bottle
11-06-11, 14:32:50
il primo invece è bello? :nev:

l'originale dici? devo ancora vederlo.
questi due li ho visti giusto perché passavano su rai4 e non avevo voglia di alzarmi dal letto :asd:

Vall77
11-06-11, 14:56:27
La morte sospesa Touching the Void (2003) di Kevin Macdonald.

Docu-fiction su due alpinisti che negli anni 80 scalarono la parete ovest del Siula Grande nelle Ande Peruviane.Efficace pellicola da parte di Kevin Macdonald che,con una narrazione incalzante e senza cadute di stile,alterna la ricostruzione degli eventi con i commenti dei veri alpinisti sopravvissuti all'incredibile disavventura.Una storia di determinazione e volontà:la fortezza del corpo e soprattutto dello spirito per sopravvivere,mentre la Natura incombe e sovrasta,costringendo l'uomo ad una solitudine inaudita."L'eterna sfida" continua.Da scalare fino alla cima.

http://www.smh.com.au/ffximage/2004/06/25/430_void2605,0.jpg

Contento ti sia piaciuto. Solo Togg è rimasto indifferente, ma c'era da aspettarselo visto il personaggio.

:rickds:

Mi ero perso invece il fatto che all'ultimo festival di Cannes ci fosse anche il remake di Harakiri, girato da Takashi Miike. Anzi, mi ero proprio perso il fatto che l'avesse girato. Bel coraggio a tentare la strada del remake del capolavoro di Kobayashi, che tra l'altro a mio parere resta estremamente moderno e fruibile anche oggi. Su un sito concorrente però ne ho letto benissimo, di questo remake...

Mah, sono combattuto tra l'aspettarlo (molto) e il fare finta che non esista. Più la seconda, sinceramente.

mickes2
11-06-11, 15:11:44
Ma non è vero su :asd:

heheehehhihihi


e sarebbe? :asd:

non so se ci stiamo prendendo per il culo o cosa :D


bella considerazione che hai di lui, quindi. bravo.
ripeto, pensa prima di scrivere.


non aprite quella porta - l'inizio - **
un pelino meglio del remake del 2003, ma sempre poca roba.

lascia perdere


sei un po' severuccio :unsisi:
ci sta ma l'ho gradito nettamente di più del rimeik


il primo invece è bello? :nev:

certo che è bello (8)

Baron Samedi
11-06-11, 16:23:23
Ma qualcuno che guardi film non praticamente sconosciuti in questo forum non c'è? :rickds:

Key Paradise
11-06-11, 17:55:30
http://3.bp.blogspot.com/_7ADRcdyZO2k/S1wIOWBrSaI/AAAAAAAAAgw/h8iR0iMnluU/s400/vlcsnap-2010-01-14-13h14m38s44.png

rebels of the neon god - tsai ming-liang
un po' il classico film d'esordio: girovagare senza meta del regista attorno ai suoi personaggi, un tranche de vie di ragazzi "ribelli". nel fluttuare tra le loro vite si delineano già elementi di uno stile nascente ma non ancora emerso, ed inoltre, vuoi per la collocazione spazio-temporale (metropoli taiwanese, inizio anni 90), vuoi per una storia non del tutto assente, i minuti scorrono senza eccessiva pesantezza.

http://i52.tinypic.com/33dz3tl.jpg

vive l'amour - tsai ming-liang
vincitore del leone d'oro 1994. gli intenti si fanno più precisi, gli elementi di un percorso già delineati: alienazione e solitudine diventano unico vero aspetto della vita nella metropoli. una donna e due uomini si ritrovano a condividere, saltuariamente, una stesso appartamento in vendita: questo l'unico filo conduttore di un'opera che si protrae lenta e silenziosa, ritraendo le circostanze delle loro vite e dei loro incontri. ecco, questo invece è seriamente pesante ed a mio parere non riuscito, perchè sostanzialmente nessuno dei protagonisti appare talmente solo da giustificare il fulcro attorno a cui gira l'intera film.

Rullo
11-06-11, 18:01:47
Ma qualcuno che guardi film non praticamente sconosciuti in questo forum non c'è? :rickds:

a questo punto, a parte gli utenti random che scrivono ogni tanto, direi di no :asd:

JT26
11-06-11, 20:09:04
Ma qualcuno che guardi film non praticamente sconosciuti in questo forum non c'è? :rickds:

io. :nev:

ma posto pochissimo proprio perchè vedo pochissimi film. :unsisi:

medicine bottle
11-06-11, 20:10:46
tragedia greca

it is <3

L4GANN
11-06-11, 20:54:13
Antonio albanese al ritorno dalla propria famiglia, dopo quattro anni di assenza:
"Mi è mancata tanto la mia famiglia.
Era così forte la mancanza, che nel frattempo, me ne sono fatta un altra"

Da Qualunquemente.

:rickds:

Togg
11-06-11, 21:44:01
Ma qualcuno che guardi film non praticamente sconosciuti in questo forum non c'è? :rickds:

io ieri ho visto icsmen :rock:



Cmq La casa è il pregio ma anche il limite dello stile di Raimi (non ne vuole sapere di abbandonarla).

Avevo notato :P



certo che è bello (8)

Lo vedrò :sisi:


Contento ti sia piaciuto. Solo Togg è rimasto indifferente, ma c'era da aspettarselo visto il personaggio.

:rickds:

O yea.


l'originale dici? devo ancora vederlo.
questi due li ho visti giusto perché passavano su rai4 e non avevo voglia di alzarmi dal letto :asd:

ma sei proprio disperato :asd:

L4GANN
11-06-11, 23:09:25
Finito Qualunquemente.
Gran bel film, contrariamente alle mie bassissime aspettative, devo dire che l'ho gradito molto.

8,5

Più pilù pì tutti!!!!!:gab:

Lateralus
12-06-11, 03:12:45
Finito Qualunquemente.
Gran bel film, contrariamente alle mie bassissime aspettative, devo dire che l'ho gradito molto.

8,5

Più pilù pì tutti!!!!!:gab:

E' divertentissimo, ma in fin dei conti è solo un grande mosaico di tutte le gag singole di Cetto Laqualunque (A. Albanese) degli anni addietro. :asd:
La nota positiva è la critica alla classe politica, meridionale ( e non solo ). E' assurdamente ( non è una battuta :rickds: ) realistico; cioè le cose del film, al Sud particolarmente ( e ve lo dico io che sono della provincia di Napoli), sono all'ordine del giorno. Ma non solo al Sud, un esempio è un certo nano milanese e ce ne sono di sicuro a centinaia se non migliaia di politici così in tutto lo stivale. :sisi:
8,5 mi pare esagerato, ma il voto è personale. :sisi:

Rullo
12-06-11, 15:41:46
Gli occhi della notte (Wait until dark) 1967 di Terence Young.

Tre loschi individui tentano di circuire una cieca,per poter così entrare in possesso di una bambola che scotta.Thriller da camera, intriso di tensione e tenuto saldamente per le corna da mister 007 Terence Young. La sceneggiatura, pur scricchiolante, non perde un filo di forza in un crescendo emozionale fino ad implodere nello scontro finale tra la povera Audrey Hepburn ed il brutale Alan Arkin. Le musiche di Henry Mancini sono la ciliegina sulla torta. Incredibilmente credibile la Hepburn in un ruolo difficile da sostenere, soprattutto nel finale, che la vede impaurita ma caparbia.

http://i2.squidoocdn.com/resize/squidoo_images/-1/draft_lens12736861module114745091photo_1281809006W ait_Until_Dark_2.jpg

I due volti della vendetta (One-eyed Jacks) 1960 di Marlon Brando.

Prima e unica prova dietro la macchina da presa per il divo Marlon Brando,che prese il posto di Stanley Kubrick (che vide così sfumare la possibilità di girare un western).La storia è quella di una amicizia tradita sullo sfondo di un Messico arido e infuocato e di una california assolata con un mare increspato dove la vendetta sembra l'unico scopo e la menzogna l'unica verità.La sceneggiatura (in cui troviamo lo zampino di Peckinpah) è corposa e ben organata,allontanandosi un po' dalla stilizzazione essenziale del genere e abbandonado dove possibile ogni forma di machismo (perde un po' di forza giusto nell'ultima parte).L'ambigua prova di Karl Malden (bravissimo) ricorda il futuro personaggio di Hackman ne Gli spietati.

http://29.media.tumblr.com/tumblr_l4wd2dPWm71qayvz8o1_500.jpg

quello del marlone lo volevo recuperare pure io, mi incuriosisce

IL GURU
12-06-11, 15:42:10
Robin hood(2010)
Film molto bello e ricco di azione,con una buona trama.
Voto 8.5

Vall77
12-06-11, 16:32:53
Tony Manero Pablo Larraín

http://www.zapster.it/multimedia/2000/1971/big/Alfredo_Castro_Tony_Manero---09.jpg

Arrivo tardi ma l'ho visto anch'io, e sale immediatamente nelle primissime posizioni dei film recenti che ho apprezzato. Chiara ma raffinata metafora della situazione chilena sotto il regime di Pinochet, la storia e il suo protagonista colpiscono e lasciano un segno preciso. Raul, nella sua psicotica e vana ricerca di affermazione, insegue un'idea folle di se stesso. Prima e più di lui (e quasi sull'onda di una inspiegabile, istantanea e mortale rassegnazione) di questa idea sono convinti quelli che gli stanno attorno. Il simbolo è vuoto e malvagio, ma il bisogno di adesione all'ideale è imperativo per tutti. Non è solo la paura, a condizionarci verso il peggio, ma un sentimento ancora più atavico: l'impossibilità stessa di fare a meno di quei simboli, per quanto vuoti, inutili e dannosi essi siano. Geniale la scena del rapporto con Paula, in questo senso. In assoluto, per quanto la regia mi sia risultata fin troppo asciutta e priva di veri slanci, un capolavoro di significati.

mickes2
12-06-11, 17:17:17
Dogville (2003) di Lars Von Trier
http://www.cinecircus.it/wp-content/uploads/2010/04/dogville.jpg
Un’interminabile mattonata! Una pièce teatrale con toni alienati e drammatici priva di mordente. Sempre in bilico tra il compiaciuto e lo spocchioso, messa in scena interessantissima con le sole righe bianche a fare da confine materiale, ma di confini sociologici in Dogville ce ne sono molti, ma la vicenda si dipana eccessivamente romanzata, soporifera e flebile; non estrapola emozioni, non ha quel respiro e quella verve necessaria per attecchire e sostenere i 178 minuti di pellicola. Finale del tutto sensazionalistico, redenzione e riscatto al di fuori della portata del film non avendone le basi (insomma è facile colpire ed essere incisivi con tali immagini). La confezione è sempre pregevole e la Kidman è davvero brava (e non solo lei ovviamente), ma per me il film è fumoso a tutti gli effetti. Bocciato il film. Arrabbiatissimo io.

5,5



Address unknown (2001) di Kim ki-duk
http://img.***********.com/albums/v38/kujuta/Violet%20Box/AddressUnknown.jpg
Il regista cinese abbandona il mondo surreale de L’Isola, e ci trasporta in una cittadina coreana a lungo dominata da una base militare USA. Siamo negli anni ’70, tre giovani: Chang-gook, Ji-hum e Eun-ok sono accumunati da un passato meschino, le loro vite sono state profondamente segnate dalla guerra di Corea conclusasi cinquant’anni prima. Viene descritta la situazione in cui vivevano i coreani e i soldati americani in quell'epoca. L’incedere con situazioni grottesche, le sterzate sulla violenza fisica ed autolesionista, lo spiazzare lo spettatore, sono gli elementi che ki-duk porta con sé dal film precedente. Questa volta però alza il tiro: vengono messe ben a fuoco le derive dei protagonisti, il melodramma è tagliente e corale: si divide tra deliri e sadismo. L’amore e la felicità vengono annullate in favore di un senso di impotenza e solitudine misto a tragedia e rabbia. Tende forse a sfilacciarsi dal punto di vista narrativo nella seconda parte, ma il respiro rimane vivo.

7,5/8




Super (2010) di James Gunn
http://mr.comingsoon.it/imgdb/PrimoPiano/5756_pp.jpg
Un altro antieroe con un passato tormentato e voglia di riscatto, al servizio della comunità in modi piuttosto anti-convenzionali. Secondo me paga lo scotto nell’essere uscito dopo Kick-ass (che in ogni caso ritengo superiore per personaggi, personalità ed incisività). Super è più minimale e non riesce a raggiungere picchi di divertimento tali da farti soprassedere ad alcuni difetti. I flash-back sono poco funzionali, narrativamente l’ho trovato un po’ sfilacciato e con poca presa. Ma Rainn Wilson è in forma, si prende il film sulle spalle (specie nella prima parte) e anche grazie a buone trovate registiche, violenza cazzuta e divertente, ovviamente a mo’ di fumetto, e sangue, la pellicola scorre bene. Non da meno è l’interpretazione della sempre bravissima Ellen Page con almeno quattro scene notevolissime :D. Finale amaro che non ti aspetti, con quel pizzico di profondità che non guasta, ma che forse è un po’ fuori luogo e al di fuori della portata del film.

6,5

utente 8693
12-06-11, 17:34:45
Anche io ho rivalutato i due Dogville/Manderlay ultimamente.
Se non ti è piaciuto Dogville, Manderlay ti farà vomitare per la retorica. :asd:
alla prima visione era ancora stordito da quel capolavoro di Mishima (visto subito prima) e a dire il vero, non l'avevo seguito veramente.. pensandoci a posteriori, non ho potuto far a meno di ammette che non fosse granchè.
Dogville invece è comunque meno ovvio e fastidioso, nella sua metafora dell'imperialismo.

mickes2
12-06-11, 18:26:40
Anche io ho rivalutato i due Dogville/Manderlay ultimamente.
Se non ti è piaciuto Dogville, Manderlay ti farà vomitare per la retorica. :asd:
alla prima visione era ancora stordito da quel capolavoro di Mishima (visto subito prima) e a dire il vero, non l'avevo seguito veramente.. pensandoci a posteriori, non ho potuto far a meno di ammette che non fosse granchè.
Dogville invece è comunque meno ovvio e fastidioso, nella sua metafora dell'imperialismo.

Dogville non lo rivaluterò mai. Manderlay per me può anche bruciare :asd:

spara il titolo del film di Mishima che mi interessa :sisi:

utente 8693
12-06-11, 18:39:57
Mishima: A life in four chapters.

http://www.youtube.com/watch?v=b50vS55sFYU

Vall77
12-06-11, 18:58:33
Oddsac Danny Perez

http://t1.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcSKCU-CBSMMdxq7dNFZFVG6dXA8YRudqIfaib_zFbgcvStbiQ2J

L'anno scorso il visual artist Danny Perez e la mia band preferita (gli Animal Collective) collaborano a questo progetto. Posto qua in Cinema perchè non saprei dove altro farlo, ma considerate che di narrativo, in questo "film", non c'è niente. Un'ora di bellissima musica di Panda e soci, con un discutibile video appiccicato sopra.

Purtroppo, come visual opera non convince, anche se a tratti affascina. Lisergico al massimo, fa trasparire qualcosa del naturalismo magico degli Animal Collective, ma la componente catartica e liberatoria di molta della loro musica (parlo di quella meno "pop" e più sperimentale) qua manca del tutto. Una sorta di bad trip lynchiano, noiosetto visivamente e solo a tratti potente.

Però un fatto durante la visione mi ha sconvolto! Stavo lì con le cuffie e le imposte chiuse, semi-ipnotizzato dalle immagini, quando un pipistrello ha iniziato a svolazzare per la stanza. Io, lui, piccole creature comunicanti. Piccole particelle nel flusso interminabile del Tutto :morris82:

Insomma, Oddsac guardatelo solo se siete fan sfegatati degli Animali Collective e/o se siete dei fattoni di Lsd.

Voto: 10, al pipistrello.



Dogville non lo rivaluterò mai. Manderlay per me può anche bruciare :asd:

Ellamadonna mickes :asd:

Se però, quando li vedrai, non mi metti neppure un 8,5-9 ad uno qualsiasi tra Europa, Idioti, Riget, Breaking the Waves, Anitchrist o Melancholia... Inizierò a pensare che non siamo più amici loooooool.

utente 8693
12-06-11, 19:21:08
Antichrist lo amo, ma é piú da 7.5, per me.

Boom Shakalaka!
12-06-11, 19:26:02
Paul

divertente, alcune scene fanno davvero rotolare :rickds: consigliato

L4GANN
12-06-11, 19:26:08
Che bella giornata.
ho odiato il primo film di Zalone come poche altre cose al mondo.. ma questo secondo film l'ho gradito molto.

Fossero tutti così i film italiani..

Vall77
12-06-11, 20:08:53
Antichrist lo amo, ma é piú da 7.5, per me.

I voti sono sempre una cosa bizzarra. Poi tu mi pare che non li dai mai, come non faccio neppure io, quindi diventa ancora più difficile contestualizzarne uno isolato.

In una scala che mi invento adesso potrei dire Europa 8,5 - Idioti 8,5 - Riget 10 (quello sempre e comunque) - Breaking the Waves 9 - Dancer in the dark 8 - Dogville 8 - Manderlay 6,5 - Anitchrist 8,5 - Melancholia dall'8 al 10 :asd:

The Element of Crime, Epidemic e Medea li ho visti tutti una volta sola, e molto tempo fa. Mi astengo!

p a n z e r
12-06-11, 20:27:14
Chi pensa che michele sia un pagliaccio alzi la mano.


\o

Boom Shakalaka!
12-06-11, 20:35:42
chi non sa chi è michele alzi la mano

\o

:morris82:

L4GANN
12-06-11, 21:27:11
Il corvo.
La versione in hd che ho visto, differiva leggermente dalla versione originale, per via di alcune(poche)scene aggiuntive.
Fantastico film, un cult.

Voto:9

mickes2
12-06-11, 22:09:38
Ellamadonna mickes :asd:

Se però, quando li vedrai, non mi metti neppure un 8,5-9 ad uno qualsiasi tra Europa, Idioti, Riget, Breaking the Waves, Anitchrist o Melancholia... Inizierò a pensare che non siamo più amici loooooool.

:asd:

guarda, ti posso già dire che forse arriverò all'8,5 per Le onde del destino, ma per gli altri la vedo dura, soprattutto Gli idioti. Riget mi incuriosisce molto e lo vedrò sicuramente, con il voto ora non ti saprei dire :asd:

comunque Von trier mi trasmette del fascino :sisi:


Antichrist lo amo, ma é piú da 7.5, per me.

io lo adoro il giusto, sto sul 7 pieno. Se solo si fosse risparmiato qualche eccesso inutile qua e là, sarei arrivato tranquillamente all'8

p.s. grazie per il titolo!


Chi pensa che michele sia un pagliaccio alzi la mano.


\o

heheheeh

Key Paradise
12-06-11, 23:09:14
concordo su address unknown, una visione trasversale della guerra ed una riflessione su due popoli che non possono coesistere. dogville invece lo considero geniale.

nel frattempo segnatevi questo, che è davvero notevole:

http://auteurs_production.s3.amazonaws.com/stills/8899/the_hole.jpg

the hole - tsai ming-liang
solitudine ed alienazione non sono più condizioni mentali, ma fisiche, concrete: le condividono i protagonisti, tra gli ultimi abitanti di una zona urbana posta in quarantena a causa di un virus sconosciuto, che rende il comportamento di chi lo contrae simile a quello degli scarafaggi. i due protagonisti saranno legati da un buco realizzato nel pavimento che unirà i loro appartamenti. pioggia battente per novanta minuti, desolazione e degrado metropolitano, plot dal tono apocalittico e pessimismo da fine millennio: questi gli elementi bladerunneriani di un dramma che resta intimo, di grande portata simbolica (il buco come vuoto dell'anima, ma anche come catalizzatore di avvenimenti), coerente alla poetica dell'autore, capace di contaminarla con il prodotto "di genere" ed allo stesso tempo di generare un anomalo rappresentante del "genere".

mickes2
12-06-11, 23:38:47
concordo su address unknown, una visione trasversale della guerra ed una riflessione su due popoli che non possono coesistere. dogville invece lo considero geniale.


ma ki-duk l'hai visto già tutto?

su Dogville non mi schiodo. insomma, è un film particolare e su questo siamo d'accordo...a me di solito nn piace dirlo, ma davvero: o si ama o si odia. ma la parola geniale la riserverei per altre pellicole francamente.

sulla messa in scena possiamo discuterne, è molto interessante. ma la storia per me è retorica e didascalica oltre il limite di sopportazione. Altra cosa fondamentale per me, è che il regista (specialmente in un film dalla durata così ampia) deve creare interesse, deve saper interessare lo spettatore... secondo me qua Von trier non riesce a fare nè l'una, nè l'altra cosa.
Come non bastasse, pensandoci, questo mi sembra un altro dramma ricattatorio, ma 'sta volta, ciò che in Dancer mi aveva colpito tanto da farmi soprassedere, qua non trova riscontro. il film per me affonda fin dalla prima mezz'ora. Il finale è assurdamente apocalittico ed esagerato come da suo stile: è indifendibile e fumoso.

dai che forse troveremo un punto d'accordo :D

Vigo
12-06-11, 23:59:13
Di recente:

Paprika di Satoshi Kon
Veramente eccezionale sotto il profilo tecnico, complessissimo dal punto di vista narrativo, infatti devo assolutamente rivederlo. Però mi è piaciuto un sacco, anche se non ho capito molto ahah

Deadly Outlaw Rekka di Takashi Miike
Io ci credo sempre, sul fatto che il film sarà serio fino alla fine: poi Miike mi frega sempre. Divertente, degna di nota per i miei gusti la scena dell'imboscata.

Ctekcop
13-06-11, 00:00:31
THE DAMNED UNITED

http://cotesaintluclibrary.files.wordpress.com/2010/06/damned-united.jpg


Strepitoso e magnifico film che narra alcune vicende di Brian Clough. Visto rigorosamente in lingua originale e godibilissimo anche da chi non ha letto il libro o non ha presente chi sia costui (cioè un precursore di Mourinho). Veramente ben fatto, montato agilmente e con una superba prestazione dell'attore protagonista Michael Sheen.
Guardatelo anche se non ve ne frega niente.


http://www.youtube.com/watch?v=LYzsswqPk6s

mickes2
13-06-11, 10:22:24
ieri ho visto Two lovers e per quanto l'abbia apprezzato, se devo fare un paragone con un film che tratta lo stesso tema visto di recente, gli preferisco Blue valentine; se non altro per il finale, che se in Two lovers è piuttosto prevedibile e con poco respiro, in Blue valentine è senza fine e splendidamente disilluso ed amaro. ma ci penso.

Hushabye
13-06-11, 11:48:34
ieri ho visto Two lovers e per quanto l'abbia apprezzato, se devo fare un paragone con un film che tratta lo stesso tema visto di recente, gli preferisco Blue valentine; se non altro per il finale, che se in Two lovers è piuttosto prevedibile e con poco respiro, in Blue valentine è senza fine e splendidamente disilluso ed amaro. ma ci penso.

due film che adoro..non saprei quale scegliere,nella loro sincerità sono abbastanza diversi... riguardo i finali entrambi amarissimi devo però ammettere che quello che mi lascia piu tristezza è quello di two lovers..per quanto prevedibile,il ''suicidio morale'' di Leonard e l ultimo suo sguardo alla camera,mi spezzano il cuore... essenzialmente blue valentine racconta un amore finito,two lovers mette in scena un ragazzo che sembra quasi essere rifiutato dall amore stesso.Dopo la prima batosta riesce a riprendersi a fatica,ma questo nuovo rifiuto lo uccide;effettivamente lui in quella spiaggia decide di morire tornando a casa e siccome penso non ci sia cosa più tremenda dell' accontentarsi in amore,trovo più amaro il finale di two lovers,ma è una visione personale...tra l altro da qualche giorno sto leggendo Le notti bianche di dostoevskij, da cui trae ispirazione proprio two lovers..

Rullo
13-06-11, 13:19:04
the tree of life - terrence malick

http://1.bp.blogspot.com/_UewMV5cjkNE/TPiFhHMKS0I/AAAAAAAAABM/5taXgQ0ySNs/s1600/Tree+of+life+movie+%25282%2529.jpg

il film si può dividere in due aspetti: quello meramente estetico, e quello della trama.
per quanto riguarda il primo, malick ha un gran gusto per l'inquadratura e lo dimostra, accompagnato da una musica incessante e dal gran numero di battute sottovoce degli attori ci mostra ogni scena da molteplici angoli (mai un piano sequenza) complice anche un buon montaggio e una fotografia del mexicano ai suoi massimi livelli. alcune immagini sono particolarmente coinvolgenti, e infatti spesso e volentieri malick esagera nel mostrarcele portando o a noia o a stupore. tutto soggettivo quindi ed anche troppo, per questo primo aspetto del film che da solo fa in modo di renderlo un bellissimo quadro avvolgente, rimane comunque la trama da analizzare. essa sembra solo di contorno alle immagini meravigliose, ma fa il suo dovere coinvolgendo lo spettatore nella storia dei protagonisti, in una casa del ceto borghese degli anni '50 e ai giorni nostri, con un ispiratissimo brad pitt e uno sbocciante hunter mccracken (il ragazzino, per intenderci). esperienza visiva e uditiva ai grandi livelli, una specie di odissea nello spazio moderna, capace anche di analizzare tramite grandi metafore quello che è l'albero della vita, con dio posto sul ramo più alto.

Siero
13-06-11, 13:44:09
Dogville (2003) di Lars Von Trier
http://www.cinecircus.it/wp-content/uploads/2010/04/dogville.jpg
Un’interminabile mattonata! Una pièce teatrale con toni alienati e drammatici priva di mordente. Sempre in bilico tra il compiaciuto e lo spocchioso, messa in scena interessantissima con le sole righe bianche a fare da confine materiale, ma di confini sociologici in Dogville ce ne sono molti, ma la vicenda si dipana eccessivamente romanzata, soporifera e flebile; non estrapola emozioni, non ha quel respiro e quella verve necessaria per attecchire e sostenere i 178 minuti di pellicola. Finale del tutto sensazionalistico, redenzione e riscatto al di fuori della portata del film non avendone le basi (insomma è facile colpire ed essere incisivi con tali immagini). La confezione è sempre pregevole e la Kidman è davvero brava (e non solo lei ovviamente), ma per me il film è fumoso a tutti gli effetti. Bocciato il film. Arrabbiatissimo io.

5,5

diciamo che in generale non sono per niente daccordo. :sisi:
ma ok.
solo una cosa. soporifero?
ricordo che la prima volta che lo vidi lo beccai all'1 di notte su rete quattro... ancora andavo a scuola.

mickes2
13-06-11, 14:06:28
due film che adoro..[cut]

molto buono il tuo punto di vista, e devo dire che è così pensandoci. il protagonista si "arrende" di nuovo alla monotonìa che lo aveva afflitto fino a qualche settimana fa. ritorna in mezzo alle braccia calde di una famiglia e di una fidanzata sicura...troppo sicura.

metti qualche spoiler, è meglio.


diciamo che in generale non sono per niente daccordo. :sisi:
ma ok.
solo una cosa. soporifero?
ricordo che la prima volta che lo vidi lo beccai all'1 di notte su rete quattro... ancora andavo a scuola.

non ho ben capito il senso della tua frase, ma ci provo.

vuoi dire che la prima volta che l'hai visto, era all'1 di notte e non l'hai trovato soporifero? oppure non ti sei addormentato? andavi a scuola quindi eri fin troppo "piccolo" per comprendere il film eppure non ti ha annoiato?

io non mi sono addormetato cmq, il film è soporifero (è un dato di fatto), flebile, smorto, retorico, didascalico, c'è troppo fumo negli occhi.

Hushabye
13-06-11, 14:15:31
molto buono il tuo punto di vista, e devo dire che è così pensandoci. il protagonista si "arrende" di nuovo alla monotonìa che lo aveva afflitto fino a qualche settimana fa. ritorna in mezzo alle braccia calde di una famiglia e di una fidanzata sicura...troppo sicura.

metti qualche spoiler, è meglio.




in effetti ho spoilerato un pò,lol

cmq ho dimenticato sempre a favore del finale di two lovers,
http://www.youtube.com/watch?v=kZ5O7G8Tp7w perfetto

Rullo
13-06-11, 15:37:53
diciamo che in generale non sono per niente daccordo. :sisi:
ma ok.
solo una cosa. soporifero?
ricordo che la prima volta che lo vidi lo beccai all'1 di notte su rete quattro... ancora andavo a scuola.

voto 4 più 2 spunti quindi?

Vigo
13-06-11, 15:50:53
Zombieland
Film in generale godibile, simpatica la serie di "regole" e qualche scena (come quella in cui il protagonista esce con la moto enorme e diciamo che non va molto lontano :asd:), anche se molte idee e situazioni ormai incominciano ad essere abusate anche in queste sorta di parodie.

Key Paradise
13-06-11, 16:05:17
di kim ki-duk mi mancano solo dream e soffio mickes, il tempo di vederli e posto un po di considerazioni sull'intera filmografia

mickes2
13-06-11, 16:13:50
in effetti ho spoilerato un pò,lol

cmq ho dimenticato sempre a favore del finale di two lovers,
http://www.youtube.com/watch?v=kZ5O7G8Tp7w perfetto

molto molto bello :sisi:


Zombieland
Film in generale godibile, simpatica la serie di "regole" e qualche scena (come quella in cui il protagonista esce con la moto enorme e diciamo che non va molto lontano :asd:), anche se molte idee e situazioni ormai incominciano ad essere abusate anche in queste sorta di parodie.

oddio, a me è parso un prodotto frizzantissimo ed originale. le molte situazioni abusate non le ho viste, specialmente nella messa in scena.


di kim ki-duk mi mancano solo dream e soffio mickes, il tempo di vederli e posto un po di considerazioni sull'intera filmografia

porca vacca! vai vai, sono interessatissimo.
ma quali altri autori orientali hai finito o quasi?

p.s the hole me lo sono segnato

Key Paradise
13-06-11, 16:23:53
pochi, finiti se ricordo bene solo kitano, miyazaki e woo (il periodo ad hong kong, quello negli usa non mi interessa molto)

Hushabye
13-06-11, 16:27:13
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/4/47/Home_alone.jpg/220px-Home_alone.jpg

quante risate da bambino...

Vigo
13-06-11, 18:05:03
molto molto bello :sisi:



oddio, a me è parso un prodotto frizzantissimo ed originale. le molte situazioni abusate non le ho viste, specialmente nella messa in scena.



porca vacca! vai vai, sono interessatissimo.
ma quali altri autori orientali hai finito o quasi?

p.s the hole me lo sono segnato

Oddio se penso che io non ho finito probabilmente nessun regista, nemmeno occidentale, mi viene il magone ahahah

Comunque Zombieland non mi ha fatto schifo eh, magari non mi sono espresso bene.. però diciamo che deve moltissimo (fin troppo) ai videogiochi di zombie-parodia (non a caso penso che sia basato su Left 4 Dead) :ahsisi:

mickes2
13-06-11, 18:24:54
pochi, finiti se ricordo bene solo kitano, miyazaki e woo (il periodo ad hong kong, quello negli usa non mi interessa molto)

azz, io di Kitano ho visto solo Sonatine e di Miyazaki solo Ponyo. Di Woo, Face off lo puoi vedere.




Comunque Zombieland non mi ha fatto schifo eh, magari non mi sono espresso bene.. però diciamo che deve moltissimo (fin troppo) ai videogiochi di zombie-parodia (non a caso penso che sia basato su Left 4 Dead) :ahsisi:

si, ci può stare...ecco, io soprassiedo volentieri in questo caso, per me Zombieland è un figata :asd:

Vigo
13-06-11, 18:42:03
azz, io di Kitano ho visto solo Sonatine e di Miyazaki solo Ponyo. Di Woo, Face off lo puoi vedere.



si, ci può stare...ecco, io soprassiedo volentieri in questo caso, per me Zombieland è un figata :asd:

Il mio giudizio è influenzato dal fatto che le storie cazzare di zombie in generale preferisco giocarle, piuttosto che guardarle :sisi:

Rullo
13-06-11, 18:48:10
bronson (2008) - nicolas winding refn

http://www.spietati.it/public/un-immagine-del-film-bronson-133354.jpg

regista danese alle prese con lo script di una storia vera. già conosciuto nell'ambiente cinematografico con la saga di pusher, con bronson consolida la sua rinomata immagine di regista di classe.
spicca il gusto per la bella inquadratura, alcune scene di violenza sono a dir poco meravigliose, nonostante la loro brutalità lasciano infatti a bocca aperta come un'incredibile opera d'arte, per non parlare di tom hardy, maestoso nel fisico e nell'interpretazione, senza nessun pudore ripropone il "criminale più famoso d'inghilterra" - denominato charles bronson - senza troppi fronzoli. refn sembra giocare quindi a livello visivo (è la sua prima opera che vedo) regalando uno stile delizioso e crudo come solo pochi hanno saputo fare.
enorme talento, film promosso a pieni voti e vedrò di recuperare la sua filmografia <3

beppe92
13-06-11, 19:25:08
Four Rooms - Allison Anders, Alexandre Rockwell, Robert Rodriguez, Quentin Tarantino

Quattro brevi vicende che vedono protagonista un fattorino (Tim Roth) di un hotel alle prese con svariate e allucinanti situazioni: una congrega di streghe, un finto rapimento, un occultamento di cadavere e uno strano gioco pericoloso. Il cast si completa con un ottimo Antonio Banderas, Quentin Tarantino e Bruce Willis che si districano bene in una commedia dall'umorismo nero e che cavalca l'onda della stagione pulp. Film molto divertente, le vicende si intersecano fra loro con qualche auto citazione tra i vari episodi. Roth si destreggia bene in una parte poco discorsiva un po' come Jerry Lewis ne "Il fattorino tuttofare" tra l'altro citato nella stessa pellicola. Ho scoperto adesso che la parte del protagonista era stata scritta per Buscemi (uno dei miei attori preferiti e che secondo il mio parere avrebbe fatto un'ottima interpretazione), il quale rifiutò. Consigliato a tutti.

zlatanstyle
13-06-11, 19:49:17
bronson (2008) - nicolas winding refn

http://www.spietati.it/public/un-immagine-del-film-bronson-133354.jpg

regista danese alle prese con lo script di una storia vera. già conosciuto nell'ambiente cinematografico con la saga di pusher, con bronson consolida la sua rinomata immagine di regista di classe.
spicca il gusto per la bella inquadratura, alcune scene di violenza sono a dir poco meravigliose, nonostante la loro brutalità lasciano infatti a bocca aperta come un'incredibile opera d'arte, per non parlare di tom hardy, maestoso nel fisico e nell'interpretazione, senza nessun pudore ripropone il "criminale più famoso d'inghilterra" - denominato charles bronson - senza troppi fronzoli. refn sembra giocare quindi a livello visivo (è la sua prima opera che vedo) regalando uno stile delizioso e crudo come solo pochi hanno saputo fare.
enorme talento, film promosso a pieni voti e vedrò di recuperare la sua filmografia <3

2008? ma non doveva uscire quest'anno?

p a n z e r
13-06-11, 19:50:45
2008? ma non doveva uscire quest'anno?
da noi forse, nel resto del mondo è già uscito da tempo :asd:

Woody
13-06-11, 19:52:41
mickes ho appena letto il tuo commento su dogville, hai appena guadagnato parecchi punti di stima cinematografica :kep88:

zlatanstyle
13-06-11, 19:57:35
da noi forse, nel resto del mondo è già uscito da tempo :asd:

minchia 3 anni
grazie cmq dell'info

mickes2
13-06-11, 20:09:00
Il mio giudizio è influenzato dal fatto che le storie cazzare di zombie in generale preferisco giocarle, piuttosto che guardarle :sisi:

capisco :sisi:


bronson (2008) - nicolas winding refn

regista danese alle prese con lo script di una storia vera. già conosciuto nell'ambiente cinematografico con la saga di pusher, con bronson consolida la sua rinomata immagine di regista di classe.
spicca il gusto per la bella inquadratura, alcune scene di violenza sono a dir poco meravigliose, nonostante la loro brutalità lasciano infatti a bocca aperta come un'incredibile opera d'arte, per non parlare di tom hardy, maestoso nel fisico e nell'interpretazione, senza nessun pudore ripropone il "criminale più famoso d'inghilterra" - denominato charles bronson - senza troppi fronzoli. refn sembra giocare quindi a livello visivo (è la sua prima opera che vedo) regalando uno stile delizioso e crudo come solo pochi hanno saputo fare.
enorme talento, film promosso a pieni voti e vedrò di recuperare la sua filmografia <3

bravo riccà! ma secondo me i fronzoli ci sono eccome, anzi è con quelli che la regia di Refn spicca (forse anche troppo) perchè sono ben utilizzati.

da recuperare assolutamente tutti i suoi lavori, senza dubbio


mickes ho appena letto il tuo commento su dogville, hai appena guadagnato parecchi punti di stima cinematografica :kep88:

eheheh :.bip:

IL GURU
13-06-11, 20:43:26
Visto Il pianeta rosso,mi aspettavo di più e qualche scena poteva essere realizzata meglio,comunque molto carino.Voto 7

Zweick
13-06-11, 20:56:24
mickes ho appena letto il tuo commento su dogville, hai appena guadagnato parecchi punti di stima cinematografica :kep88:

Facciamo così, adesso voi due mi tirate su un film della stessa caratura e poi ne riparliamo :kappe:
Capisco che sentirsi dire che siamo degli schiavi meschini, che in fondo godono della propria succube esistenza non sia il massimo; capisco anche che il punto di vista appaia retorico e riccatatorio. Ma dove in un Kubrick ci vedo un algido entomologo che osserva l'umanità dall'alto come fossero degli insetti, in Von Trier c'è un odio antiumano partecipe dove quando si invoca la fine come unica soluzione si è ben cosci che questa toccherà in primis se stesso.
Andiamo, è una visione della società drammaticamente realista, lucida e più che plausibile :sisi: Per me tanto di cappello.

mickes2
13-06-11, 21:20:28
Facciamo così, adesso voi due mi tirate su un film della stessa caratura e poi ne riparliamo :kappe:
Capisco che sentirsi dire che siamo degli schiavi meschini, che in fondo godono della propria succube esistenza non sia il massimo; capisco anche che il punto di vista appaia retorico e riccatatorio. Ma dove in un Kubrick ci vedo un algido entomologo che osserva l'umanità dall'alto come fossero degli insetti, in Von Trier c'è un odio antiumano partecipe dove quando si invoca la fine come unica soluzione si è ben cosci che questa toccherà in primis se stesso.
Andiamo, è una visione della società drammaticamente realista, lucida e più che plausibile :sisi: Per me tanto di cappello.

questa su Kubrick mi è nuova :asd:

il problema principale (o almeno lo è stato per me) è che Von trier eccedde, eccede, eccedeeccede!!!!

sotto molti aspetti. se devo scegliere chi indaga sulla società, chi scruta, chi da una visione della stessa..scelgo i Dardenne tutta la vita...quindi Rosetta si mangia a colazione la Kidman e Von trier messi insieme :D

film irrecuperabile per me.

Zweick
13-06-11, 21:32:22
questa su Kubrick mi è nuova :asd:

il problema principale (o almeno lo è stato per me) è che Von trier eccedde, eccede, eccedeeccede!!!!

sotto molti aspetti. se devo scegliere chi indaga sulla società, chi scruta, chi da una visione della stessa..scelgo i Dardenne tutta la vita...quindi Rosetta si mangia a colazione la Kidman e Von trier messi insieme :D

film irrecuperabile per me.

Perchè tu in Kubrick ci vedi della partecipazione a quello che sta raccontando, che non sia adesso vi descrivo (da dio, per carità) cosa penso della società? Poi a me è nuova sentire stroncare Dogville senza appello o che i Dardenne si magnano Von Trier, il mondo è bello percè è avariato :.bip:

mickes2
13-06-11, 21:52:23
Perchè tu in Kubrick ci vedi della partecipazione a quello che sta raccontando, che non sia adesso vi descrivo (da dio, per carità) cosa penso della società? Poi a me è nuova sentire stroncare Dogville senza appello o che i Dardenne si magnano Von Trier, il mondo è bello percè è avariato :.bip:

non so quanto sia partecipe, ma so che ci ha sempre messo anima e corpo, senza il compiacimento ostentato e la spocchia di Trier.

non parlo in generale: sono autori talmente differenti nei modi che non credo si possano paragonare.

dicevo che se devo scegliere "un occhio sulla società" scelgo tutta la vita la dirompenza che scuote lo spettatore, lo stile asettico, crudo, della camera a mano che ci fa entrare nell'anima dellla protagonista (così si usa!!!! altro che il back-stage di Von trier), dei Dardenne...che cesellano un obiettivo e lo rendono graffiante ed intenso, lacerano l'animo perchè rendono Rosetta verissima e di conseguenza sublime nel suo incedere.
Von trier in questo non è stato capace...Dancer in the dark è un altro paio di maniche, come credo lo sarà per me Le onde del destino

sul mondo pensavo la stessa cosa :D:.bip:

Zweick
13-06-11, 22:31:24
Quindi chi sottrae, sottrae, sottrae ed è fermo a un idea di pedinamento dei personaggi che abbiamo inventato noi più di sessanta anni fa e che oggi personalmente è più in odore di vezzo intellettuale che altro è un genio; chi ha la felice intuizione di coniugare un'altra declinazione del credo zavattiano, il Dogma a cui anche Rosetta deve qualcosa , con un cinema più tecnico e visivamente impattante ed elaborato, fatto anche inevitabilmente di eccessi, è uno che ostenta con spocchia.
Non sono d'accordo, e torno a vedere Zombi 3 :sad:

Kumiko
13-06-11, 22:59:52
Sono il numero quattro.
Film normale non ve lo consiglio.

mickes2
13-06-11, 23:14:18
Quindi chi sottrae, sottrae, sottrae ed è fermo a un idea di pedinamento dei personaggi che abbiamo inventato noi più di sessanta anni fa e che oggi personalmente è più in odore di vezzo intellettuale che altro è un genio; chi ha la felice intuizione di coniugare un'altra declinazione del credo zavattiano, il Dogma a cui anche Rosetta deve qualcosa , con un cinema più tecnico e visivamente impattante ed elaborato, fatto anche inevitabilmente di eccessi, è uno che ostenta con spocchia.
Non sono d'accordo, e torno a vedere Zombi 3 :sad:

per te sono "fermi" ad un'idea di pedinamento, per me è tutt'altro e l'ho scritto sopra. è uno scavare in divenire prezioso. siamo agli antipodi, io la chiuderei qua :D

Che ne pensi dei pedinamenti di Van sant? (curiosità)

cmq Dogville mi ha "impattato" solo un cosa...anzi due! :D

p.s. io stavo guardando Pusher di Refn, davvero cazzutissimo!

Vall77
13-06-11, 23:25:49
Ora basta ragazzi, calmatevi su Von Trier, Kubrick, Malick e i massimi sistemi e quello che è.

Tiriamo fuori il lato buono del testosterone, quello glaciale stile Steve McQueen/Sam Peckinpah che (diciamolo, rivendichiamolo) non può fare a meno di esaltarci tutti quanti.

looooool


Drive - Nicolas Winding Refn

http://t2.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcRpDdC8p5GmCu-lVXD_JR7l0Kj9poUWC3KmuP6SwN9FY3jR-UFP



Eccolo il thriller/noir semi-perfetto che, non so voi, ma io in fondo in fondo stavo aspettando da un pezzo. Da quello che ho visto di suo, Refn è un regista che cambia estremamente da un film all'altro, e questo Refn-meets-Hollywood difficilmente poteva uscire meglio. Trama abbastanza classica ma tagliente di "rapina sfortunata", Drive brilla per i personaggi, per le tante sequenze destinate a restare indelebili (una su tutte: il bacio in ascensore) oltre alla regia che riesce ad essere secca e ispiratissima allo stesso tempo. Su tutto e tutti, brilla lui, the Driver, che (se riesco vagamente a rendere l'idea senza che fraintendiate) è un figo-ma-figo-càzzo-che-figo: una cosa da maestro zen. Stronzate a parte, c'è anche un cast della madonna. Gli amanti di Breaking Bad possono allegramente gioire per la presenza (pur secondaria, ma impeccabile) del nostro eroe Bryan Cranston, tutti gli altri godere senza remore di fronte all'interpretazione del mitologico Ron Perlman. Musiche synth-pop perfette, c'è anche una specie di mezza e sbilenca storia d'amore, ma poco ci importa. Quest'ultima frase è anche un messaggio subliminale: lasciate a casa le donne. Magari a qualche rappresentante del gentil sesso potrebbe piacere, ma sono pronto a scommettere che siano un'esigua minoranza.

Tutto perfetto quindi? Quasi. Mi bastava un finale appena appena un pò più secco e minimalista e avrei dato una specie di 9,5. Così com'è, invece, rallenta forse un pò troppo. Ma è un piccolo appunto. Dal mio punto di vista, potete iniziare a godere in vista della visione.

mickes2
13-06-11, 23:45:07
hihihihih

impazza la Refn manìa!!!! :D

su Drive mi hai hyppato troppo..non me lo dovevi faaaare...:ninja:

Rullo
14-06-11, 00:03:08
cazzogodochehype

Vall77
14-06-11, 00:07:25
Adesso mi chiudo nel silenzio :asd:

No all'hype! Prendetelo come una specie di "servizio pubblico": giusto per info visto che non l'ha visto nessuno.

Tranne per Togg, a cui mi sto preparando ad apparire in sogno.
Con le peggiori intenzioni :sisi:

beppe92
14-06-11, 00:59:27
Dal Tramonto all'alba - Rodriguez

Rodriguez non si smentisce, dopo la prima mezz'ora di film pulp, la pellicola si trasforma in un b-movie da paura senza esclusione di vampiri e di armi improvvisate. Da sottolineare l'ottima performance di un giovanissimo Clooney affiancato da un ottimo Tarantino che sto iniziando ad amare anche come attore ormai :asd:

Zweick
14-06-11, 01:03:21
Eh, io avevo detto che Refn merita :nfox: Ieri poi mi sono riguardato Valhalla Rising
in BD ed è uno spettacolo visivo mica da ridere, oltre ad essere in assoluto un grande film. Guardatevi anche Bleeder oltre alla trilogia di Pusher :sisi: (con cui Mickes si è fatto perdonare per i Dardenne :pffs:; scherzo ;p)

Vigo
14-06-11, 01:14:49
Dall'alba al tramonto - Rodriguez

Rodriguez non si smentisce, dopo la prima mezz'ora di film pulp, la pellicola si trasforma in un b-movie da paura senza esclusione di vampiri e di armi improvvisate. Da sottolineare l'ottima performance di un giovanissimo Clooney affiancato da un ottimo Tarantino che sto iniziando ad amare anche come attore ormai :asd:

Però è Dal'tramonto all'alba :sisi:

mickes2
14-06-11, 09:02:09
Eh, io avevo detto che Refn merita :nfox: Ieri poi mi sono riguardato Valhalla Rising
in BD ed è uno spettacolo visivo mica da ridere, oltre ad essere in assoluto un grande film. Guardatevi anche Bleeder oltre alla trilogia di Pusher :sisi: (con cui Mickes si è fatto perdonare per i Dardenne :pffs:; scherzo ;p)

e te ti sei fatto perdonare sui Dardenne :D;p

si, anche di Bleeder ho letto bene. di Fear X cosa mi dici?

Donnie Darko
14-06-11, 09:07:58
Drive quando esce in Italia?

L4GANN
14-06-11, 11:04:36
Dall'alba al tramonto - Rodriguez

Rodriguez non si smentisce, dopo la prima mezz'ora di film pulp, la pellicola si trasforma in un b-movie da paura senza esclusione di vampiri e di armi improvvisate. Da sottolineare l'ottima performance di un giovanissimo Clooney affiancato da un ottimo Tarantino che sto iniziando ad amare anche come attore ormai :asd:
"Dal tramonto all'alba" vorrai dire.

Hushabye
14-06-11, 11:49:17
Drive quando esce in Italia?

boh..settembre in america

beppe92
14-06-11, 12:41:55
Però è Dal'tramonto all'alba :sisi:


"Dal tramonto all'alba" vorrai dire.

Già è vero... Si vede che ero un po' addormentato a quell'ora :asd:
Correggo.

Woody
14-06-11, 13:24:11
Million dollar baby 2004 di Clint Eastwood.

La boxe come metafora della vita. Una piccola favola dal respiro classico sul riscatto e sulla volontà, interpretata alla grandissima da Hilary Swank,mentre Eastwood si ritaglia il ruolo di un uomo tormentato dalla colpa e dalla mancanza di perdono. L'ultima parte vira bruscamente, addentrandosi coraggiosamente in un tema spinoso come quello dell'eutanasia, senza esasperazioni, riuscendo ad evitare di annegare nel patetico. Per quanto mi riguarda,il miglior film di Clint.





un film meraviglioso ma che non riguarderò mai, è stato capace di provocarmi del dolore fisico.

Hushabye
14-06-11, 13:56:55
[B]
Il regista Derek Cianfrance, con uno stile vicino al cinema indipendente, ci racconta una storia d'amore che s'arena, incapace di sormontare le amerezze, le rinuncie e le delusioni della vita. In contrapposizione con un presente ormai disilluso e amaro ci vengono mostrati, con l'ausilio dei flashback, i momenti importanti che hanno portato i due protagonisti ad amarsi. Non è certo originalissimo, ma bisogna riconoscere al regista l'onestà e la voglia di raccontare senza esasperazioni o manierismi. La Williams e Gosling non deludono. Dignitoso.

http://media.onsugar.com/files/2010/12/52/2/192/1922283/d38ab619522b6e04_blue-valentine1.jpg
imo
si mangia buona parte dei film candidati agli scorsi oscar...gosling è il mio oscar maschile...

Key Paradise
14-06-11, 14:45:17
Ora basta ragazzi, calmatevi su Von Trier, Kubrick, Malick e i massimi sistemi e quello che è.

Tiriamo fuori il lato buono del testosterone, quello glaciale stile Steve McQueen/Sam Peckinpah che (diciamolo, rivendichiamolo) non può fare a meno di esaltarci tutti quanti.

looooool


Drive - Nicolas Winding Refn

http://t2.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcRpDdC8p5GmCu-lVXD_JR7l0Kj9poUWC3KmuP6SwN9FY3jR-UFP



Eccolo il thriller/noir semi-perfetto che, non so voi, ma io in fondo in fondo stavo aspettando da un pezzo. Da quello che ho visto di suo, Refn è un regista che cambia estremamente da un film all'altro, e questo Refn-meets-Hollywood difficilmente poteva uscire meglio. Trama abbastanza classica ma tagliente di "rapina sfortunata", Drive brilla per i personaggi, per le tante sequenze destinate a restare indelebili (una su tutte: il bacio in ascensore) oltre alla regia che riesce ad essere secca e ispiratissima allo stesso tempo. Su tutto e tutti, brilla lui, the Driver, che (se riesco vagamente a rendere l'idea senza che fraintendiate) è un figo-ma-figo-càzzo-che-figo: una cosa da maestro zen. Stronzate a parte, c'è anche un cast della madonna. Gli amanti di Breaking Bad possono allegramente gioire per la presenza (pur secondaria, ma impeccabile) del nostro eroe Bryan Cranston, tutti gli altri godere senza remore di fronte all'interpretazione del mitologico Ron Perlman. Musiche synth-pop perfette, c'è anche una specie di mezza e sbilenca storia d'amore, ma poco ci importa. Quest'ultima frase è anche un messaggio subliminale: lasciate a casa le donne. Magari a qualche rappresentante del gentil sesso potrebbe piacere, ma sono pronto a scommettere che siano un'esigua minoranza.

Tutto perfetto quindi? Quasi. Mi bastava un finale appena appena un pò più secco e minimalista e avrei dato una specie di 9,5. Così com'è, invece, rallenta forse un pò troppo. Ma è un piccolo appunto. Dal mio punto di vista, potete iniziare a godere in vista della visione.

ho letto che il film di riferimento per questo drive sarebbe strade violente di mann *_*

Carnage
14-06-11, 14:48:38
Una notte da leoni voto 8,5
http://it.wikipedia.org/wiki/Una_notte_da_leoni


http://www.youtube.com/watch?v=PgSnWR4h9Vk

Vall77
14-06-11, 16:27:18
ho letto che il film di riferimento per questo drive sarebbe strade violente di mann *_*

Oddio, confesso che il film di Mann (di cui non sono il fan numero1) non l'ho visto nè lo conoscevo O_0

Leggendo un attimo la sinossi, in effetti alcuni punti in comune ci sono. D'altronde, non è sicuramente l'estrema originalità a far brillare Drive, ma un pò tutto il resto, incluso un massiccio e (secondo me) riuscitissimo citazionismo di genere a 360°.

Curiosità: entrambi i film sono tratti da romanzi, di autori diversi. Sarebbe interessante ripercorrere il filo delle citazioni incrociate e cross-mediali, ma lascio a qualcun altro questo lavoro :asd:

Vigo
14-06-11, 18:29:39
Shrek e vissero felici e contenti
Mmmmmh. Niente idee interessanti, poco curato, prova ad essere divertente ma non ci riesce: mi spiace, ma quest'ultimo capitolo potevano risparmiarselo...

C.r.o.w.s. Zero
Peccato che sia lunghissimo. Peccato perchè Miike era riuscito a farmi davvero esaltare con questo, ma c'è almeno un'oretta in mezzo di nulla o quasi che ho trovato poco interessante e difficile da seguire. Per il resto uno dei suoi film più curati in quanto a inquadrature, fotografia, colori e ambientazioni, davvero fenomenale :ahsisi:

ken-chan90
14-06-11, 20:56:40
Million dollar baby 2004 di Clint Eastwood.

La boxe come metafora della vita. Una piccola favola dal respiro classico sul riscatto e sulla volontà, interpretata alla grandissima da Hilary Swank,mentre Eastwood si ritaglia il ruolo di un uomo tormentato dalla colpa e dalla mancanza di perdono. L'ultima parte vira bruscamente, addentrandosi coraggiosamente in un tema spinoso come quello dell'eutanasia, senza esasperazioni, riuscendo ad evitare di annegare nel patetico. Per quanto mi riguarda,il miglior film di Clint.

Anche a me è piaciuto molto, però in alcune sue parti, specie alla fine, è un pò "spinto" ed esasperato. Anche se come hai fatto notare non annega nel patetico come altri film.

L4GANN
14-06-11, 21:29:01
Xmen firt class.
Davvero una piccola gemma.
Voto:8

Lateralus
15-06-11, 03:11:55
Martyrs
Non capisco perchè venga così esaltato, la trama è molto prevedibile, anche il finale...
E' fatto molto bene, molto realistico. La trama ha buoni spunti ma che finiscono sempre nel banale e nella prevedibilità.
E' un buon film, ma, ripeto, non capisco cosa abbia di così speciale.
6

Rec 2
Questo invece può sembrare banale, lo è, ma non eccessivamente. Un film horror deve, o dovrebbe far paura e questo ci riesce.
Sulla linea del primo, è molto ben fatto visivamente, molto realistico. Ovvio che come trama si scende nel trascendentale e questo ha qualcosina di ridicolo (per me), che ricorda l'esorcista ( gli insulti dei posseduti al prete :bah!: )
Le 2-3 storie del presente, e quella del passato, vengono intrecciate in modo vicino all'impeccabile. Certo, non è un capolavoro, ma mi è piaciuto molto.
6,5-7

Werckmeister harmòniàk
Mi è piaciuto abbastanza, anche se mi sono trovato spaesato a livello stilistico e registico. Quindi l'approccio che ho avuto è stato un susseguirsi di opposti e sensazioni molto diverse.
Molte scene sono molto poetiche ed evocative ( tipo l'inizio nel bar, la balena, quella scena particolare nell'ospedale che non spolero ), altre invece abbastanza noiose ( ma Bela Tarr ama la gente che cammina ? :rickds: ,in mezzo film si vede solo questo, in vari modi e quantità ), si va quindi da un estremo all'altro.
Devo rivederlo perchè mi ha lasciato spiazzato, e devo ammettere che ci ho capito poco ( devo leggere qualcosa mi sà,prima di rivederlo ).

Zweick
15-06-11, 08:58:27
Martyrs
Non capisco perchè venga così esaltato, la trama è molto prevedibile, anche il finale...E' fatto molto bene, molto realistico. La trama ha buoni spunti ma che finiscono sempre nel banale e nella prevedibilità.
E' un buon film, ma, ripeto, non capisco cosa abbia di così speciale.
6

Rec 2
Questo invece può sembrare banale, lo è, ma non eccessivamente. Un film horror deve, o dovrebbe far paura e questo ci riesce.
Sulla linea del primo, è molto ben fatto visivamente, molto realistico. Ovvio che come trama si scende nel trascendentale e questo ha qualcosina di ridicolo (per me), che ricorda l'esorcista ( gli insulti dei posseduti al prete :bah!: )
Le 2-3 storie del presente, e quella del passato, vengono intrecciate in modo vicino all'impeccabile. Certo, non è un capolavoro, ma mi è piaciuto molto.
6,5-7

Werckmeister harmòniàk
Mi è piaciuto abbastanza, anche se mi sono trovato spaesato a livello stilistico e registico. Quindi l'approccio che ho avuto è stato un susseguirsi di opposti e sensazioni molto diverse.
Molte scene sono molto poetiche ed evocative ( tipo l'inizio nel bar, la balena, quella scena particolare nell'ospedale che non spolero ), altre invece abbastanza noiose ( ma Bela Tarr ama la gente che cammina ? :rickds: ,in mezzo film si vede solo questo, in vari modi e quantità ), si va quindi da un estremo all'altro.
Devo rivederlo perchè mi ha lasciato spiazzato, e devo ammettere che ci ho capito poco ( devo leggere qualcosa mi sà,prima di rivederlo ).

Cioè tu avevi già capito che un gruppo organizzato di fanatici religiosi torturava giovani donne per provocarne l'estasi e carpire i segreti della vita dopo la morte?

mickes2
15-06-11, 09:17:54
Cioè tu avevi già capito che un gruppo organizzato di fanatici religiosi torturava giovani donne per provocarne l'estasi e carpire i segreti della vita dopo la morte?

ma infatti, non lo vedo così prevedibile

il 6 fatico a vederlo, perchè ritegno Martyrs la summa dell'horror francese dell'ultimo decennio...un film che ti catapulta letteralmente nel dolore fisico e soprattutto morale della protagonista. Regia solidissma di Laugier che spazia tra primi piani, campi corti e fuori campo da brividi. Sale il senso di angoscia, ci fa immergere nella disperazione prima, nell'assoluta ed immensa disillusione poi, in una visione generale molto originale. Con il suo ritmo congeniale ti entra sottopelle da subìto, si empatizza, raggiunge stomaco e mente. sto sull 8/8,5

e poi, non è un film che gioca propriamente sul colpo di scena e sull'imprevedibilità

IL GURU
15-06-11, 09:49:00
La città verrà distrutta all alba(2010)
Molto bello,mi aspettavo un pò di horror in più,ma comunque mi è piaciuto molto:ahsisi:

Jarhead91
15-06-11, 10:51:57
9
di Shane Acker.

Mi aspettavo molto di più da questo film, finale deludente.
6+

utente 8693
15-06-11, 11:08:28
Martyrs
Non capisco perchè venga così esaltato, la trama è molto prevedibile, anche il finale...
E' fatto molto bene, molto realistico. La trama ha buoni spunti ma che finiscono sempre nel banale e nella prevedibilità.
E' un buon film, ma, ripeto, non capisco cosa abbia di così speciale.
6

Rec 2
Questo invece può sembrare banale, lo è, ma non eccessivamente. Un film horror deve, o dovrebbe far paura e questo ci riesce.
Sulla linea del primo, è molto ben fatto visivamente, molto realistico. Ovvio che come trama si scende nel trascendentale e questo ha qualcosina di ridicolo (per me), che ricorda l'esorcista ( gli insulti dei posseduti al prete :bah!: )
Le 2-3 storie del presente, e quella del passato, vengono intrecciate in modo vicino all'impeccabile. Certo, non è un capolavoro, ma mi è piaciuto molto.
6,5-7
Non esiste linea temporale o dimensione spaziale alternativa, in cui quella cagata di Rec 2 è migliore di Martyrs.
Se è vero che Martyrs ha uno script scritto all'ìultimo secondo (o così pare, guardando il film) almeno lui ha una perfezionie visiva e un editing grandioso dalla sua.
Rec è solo un'incredibile cumulo di stronzate da quando parte a quando finisce, i personaggi non sono credibili neanche per 10 secondi e continuamente fanno azioni così guidate dal plot device e dal bisogno della trama di mostrare "qualcosa", che si perde completamente il senso di realismo che permeava il primo capitolo.
In più mettici tutte le assurdità che sembrano spuntate da un film di Rodriguez sul diavolo e la società segreta dei Preti combattenti..

p a n z e r
15-06-11, 11:25:44
Ma infatti Martyrs mica è prevedibile, è semplicemente poco interessante.

Key Paradise
15-06-11, 11:27:00
in verità vi dico che per gusto personale per me rec 2 non è poi molto lontano da martyrs

mickes2
15-06-11, 11:28:20
Non esiste linea temporale o dimensione spaziale alternativa, in cui quella cagata di Rec 2 è migliore di Martyrs.
Se è vero che Martyrs ha uno script scritto all'ìultimo secondo (o così pare, guardando il film) almeno lui ha una perfezionie visiva e un editing grandioso dalla sua.
Rec è solo un'incredibile cumulo di stronzate da quando parte a quando finisce, i personaggi non sono credibili neanche per 10 secondi e continuamente fanno azioni così guidate dal plot device e dal bisogno della trama di mostrare "qualcosa", che si perde completamente il senso di realismo che permeava il primo capitolo.
In più mettici tutte le assurdità che sembrano spuntate da un film di Rodriguez sul diavolo e la società segreta dei Preti combattenti..

certo, ma Martyrs non fa della compessità dello script il suo punto di forza, (ma credo sìano pochi gli horror che facciano della complessità della trama il loro punto di forza) più che altro è il messaggio che ne deriva che colpisce, ed ovviamente l'atmosfera, l'impatto visivo, il senso d'angoscia e quant'altro.

Rec 2 non l'ho ancora visto, ma pensavo la stessa cosa :asd: anche per quel motivo il 6 a Martyrs è davvero poco poco.

un'altra cosa su cui non son d'accordo con Lateralus è quando dice che un horror deve far paura (a quanto ho capito "solo" far paura) non è così. un horror può incutere altre sensazioni ed essere cmq riuscitissimo.

James
15-06-11, 11:34:15
Ahahahahah cosa mi tocca leggere:rickds:

"Martyrs" non è ne prevedibile e nemmeno scontato.E' un pugno nello stomaco altrochè:sisi:

Cmq NO

mickes2
15-06-11, 11:43:49
Pusher (1996) di Refn
http://www.moviecritic.com.au/userimages/user624_1170633148.gif
megafico!!! primo capitolo della trilogia davvero coinvolgente; merito di una regia ispiratissima che ti fa immedesimare fin da subito col protagonista Frank. Dal respiro densissimo e carico di pathos, ritmo calzante che ben si adegua allo spirito ed alle derive metropolitane e malavitose del nostro Pusher preferito.

8

James
15-06-11, 11:49:52
Super By James Gunn

Il fatto di essere uscito dopo "Kick Ass" incide molto sull originalità del progetto ma nonostante questo il buon Gunn riesce a tirare fuori un ottimo film sempre in perfetto equilibrio tra dramma e commedia.
Rainn Wilson perfetto nei panni di Crimson Bolt :rickds: e una Ellen Page a volte un po' troppo sopra le righe.
Da segnalare la scena di sesso in costume:pffs:

medicine bottle
15-06-11, 11:55:44
sono più o meno in disaccordo con tutti :cat:

mickes2
15-06-11, 12:00:49
Super By James Gunn

Il fatto di essere uscito dopo "Kick Ass" incide molto sull originalità del progetto ma nonostante questo il buon Gunn riesce a tirare fuori un ottimo film sempre in perfetto equilibrio tra dramma e commedia.
Rainn Wilson perfetto nei panni di Crimson Bolt :rickds: e una Ellen Page a volte un po' troppo sopra le righe.
Da segnalare la scena di sesso in costume:pffs:

ottimo??? non andiamo il discreto intrattenimento.

è il personaggio che richiede l'essere sopra le righe.


sono più o meno in disaccordo con tutti :cat:

anche con me? :cry3:

e se ti dico che la terza stagione di Tara la vedo sui livelli della prima?

James
15-06-11, 12:04:10
ottimo??? non andiamo il discreto intrattenimento.

è il personaggio che richiede l'essere sopra le righe.



Non andiamo il discreto intrattenimento?
In che sensooooooooo?!

medicine bottle
15-06-11, 12:04:11
e se ti dico che la terza stagione di Tara la vedo sui livelli della prima?

penso un po' sotto, ma sicuramente sopra alla seconda. a due puntate dalla fine è un gran casino (ma la nostra katykate è sempre bellissima <3)

mickes2
15-06-11, 12:19:52
Non andiamo il discreto intrattenimento?
In che sensooooooooo?!

mi sono mangiato "oltre" :rickds:


penso un po' sotto, ma sicuramente sopra alla seconda. a due puntate dalla fine è un gran casino (ma la nostra katykate è sempre bellissima <3)

di sicuro sopra la seconda. sono arrivato alla nona, appena escono le altre me le pappo.

sempre bellissima e brava :.bip: anche se le hanno affibbiato un ruolo che mi pare troppo di "contorno"

James
15-06-11, 12:25:50
mi sono mangiato "oltre" :rickds:



Ma "ottimo film" è riferito all ambito del filone di questi supereroi strampalati.
Come ti ho già detto in altra sede il film di Gunn è superiore a "Kick Ass".In questo non ci sono bambini che fanno acrobazie incredibili,c'è un uomo normale che combatte da uomo normale con una chiave inglese:rickds:
E poi ha un Kevin Bacon sempre cazzuto.

mickes2
15-06-11, 13:47:23
Ma "ottimo film" è riferito all ambito del filone di questi supereroi strampalati.
Come ti ho già detto in altra sede il film di Gunn è superiore a "Kick Ass".In questo non ci sono bambini che fanno acrobazie incredibili,c'è un uomo normale che combatte da uomo normale con una chiave inglese:rickds:
E poi ha un Kevin Bacon sempre cazzuto.

ma un ottimo film è un ottimo film, non si può dividere in filoni.

Che me ne faccio del realismo in un film del genere? Che ti piaccia più Super è sacrosanto, ma non puoi dire che sia superiore a Kick ass...che è molto più eclettico di Super. anche sul fattore "villain" non c'è storia: Bacon è in gamba e piace anche a me, ma Strong lo svernicia.


L'ultimo treno della notte 1975 di Aldo Lado.

Quando L'ultima casa a sinistra si sposta sulle rotaie...Aldo Lado dirige con mano sapiente un rape & revenge corposo e violento che gode di una sceneggiatura solida e dagli snodi tutto sommato plausibili, con una prima parte ambientata sul treno veramente morbosa, claustrofobica e malata, in cui le scene forti si susseguono in maniera incredibile. Convincenti le prove di Flavio Bucci e Gianfranco De Grassi. Bravissima Macha Méril nel ruolo della perversa signora per bene. In un piccolo ma incredibile ruolo Franco Fabrizi.Musiche di Morricone.


questo me lo segno :sisi:

Key Paradise
15-06-11, 13:49:35
oddio ma quello del poster di fango bollente è inzaghi? io invece mi segno carnival of souls

Lateralus
15-06-11, 14:09:54
certo, ma Martyrs non fa della compessità dello script il suo punto di forza, (ma credo sìano pochi gli horror che facciano della complessità della trama il loro punto di forza) più che altro è il messaggio che ne deriva che colpisce, ed ovviamente l'atmosfera, l'impatto visivo, il senso d'angoscia e quant'altro.

Rec 2 non l'ho ancora visto, ma pensavo la stessa cosa :asd: anche per quel motivo il 6 a Martyrs è davvero poco poco.

un'altra cosa su cui non son d'accordo con Lateralus è quando dice che un horror deve far paura (a quanto ho capito "solo" far paura) non è così. un horror può incutere altre sensazioni ed essere cmq riuscitissimo.

Nono, non ''solo'', però in un horror la sensazione principale generalmente dovrebbe essere quella, oltre ad altre.
Però nei film ciò che mi colpisce maggiormente è la trama, la sorpresa,e..

@James
Gli do un 6 perchè capivo già da prima quello che sarebbe successo dopo tranne che per una ( e dico UNA ) scena : quella dove entrano gli ''uomini in nero'' e sparano alla martire precedente
e già avevo intuito dalle prime scene che era quella cosa che perseguitava Lucy.
Se non è da definire scontata/prevedibile una cosa così (cioè il fatto di prevedere il ''dopo''), cosa lo è ? Per quanto riguarda il messaggio, ovvio che non si può sapere il contenuto. Dicesi ovvietà.

Rullo
15-06-11, 14:36:17
oddio ma quello del poster di fango bollente è inzaghi? io invece mi segno carnival of souls

:rickds:

aldo lado bel nome

IL GURU
15-06-11, 15:25:08
Basta guardare il cielo molto emozionante,ti colpisce al cuore,sopratutto mi è piaciuto il rapporto che si è creato tra i due protagonisti:hail:Voto 9
Van helsing,molto bello,bella trama e che scenari,fantastici.Voto 8

utente 8693
15-06-11, 16:25:48
certo, ma Martyrs non fa della compessità dello script il suo punto di forza, (ma credo sìano pochi gli horror che facciano della complessità della trama il loro punto di forza) più che altro è il messaggio che ne deriva che colpisce, ed ovviamente l'atmosfera, l'impatto visivo, il senso d'angoscia e quant'altro.

Rec 2 non l'ho ancora visto, ma pensavo la stessa cosa :asd: anche per quel motivo il 6 a Martyrs è davvero poco poco.

un'altra cosa su cui non son d'accordo con Lateralus è quando dice che un horror deve far paura (a quanto ho capito "solo" far paura) non è così. un horror può incutere altre sensazioni ed essere cmq riuscitissimo.
Beh, neanche Shining ha una trama che fa riflettere, ma è scritto decisamente meglio ed è molto più omogeneo.
Martyrs si tira fuori tutto l'accrocchio finale/motivazioni- fuori dal culo all'ultimo secondo, senza un minimo di foreshadowing.

mickes2
15-06-11, 19:48:44
Beh, neanche Shining ha una trama che fa riflettere, ma è scritto decisamente meglio ed è molto più omogeneo.
Martyrs si tira fuori tutto l'accrocchio finale/motivazioni- fuori dal culo all'ultimo secondo, senza un minimo di foreshadowing.

e sticazzi, proprio uno a caso ne hai preso :asd:

il significato di foreshadowing mi sfugge

Hushabye
15-06-11, 20:17:49
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/b/b0/Season_of_the_Witch.jpg/220px-Season_of_the_Witch.jpg

bah,avevo letto fosse una cagata... non mi è parso tale

Armin
15-06-11, 20:38:47
Alien di Ridley Scott

http://fusedfilm.com/wp-content/uploads/2009/04/alien1.jpg

Ottima tensione generale che viene mantentuta costante per tutto il film, un "villain" molto ben caratterizzato e terrificante al punto giusto.
Svolgimento un pochino prevedibile.
Voto 8,5



La sposa in nero di Francois Truffaut

http://lh5.ggpht.com/_Vku2M0lW5M4/S36WxS-5CSI/AAAAAAAAACI/fmfwnzPTzaA/4031629102_56c77bb705.jpg

Prima metà del film caratterizzata da un'ottimo ritmo e da una storia decisamente interessante.
E' troppo lunga la parte dedicata al pittore e con meno ritmo rispetto alle precedenti.
Kill Bill ha preso parecchio da questo film come storia di fondo.
Voto 8

Spartan
15-06-11, 20:46:53
Ho appena finito Dylan Dog.
http://www3.varesenews.it/immagini_articoli/201103/dylan_dog_film_410px.jpg
Non male, mi è piaciuta la storia. Peccato per la mancanza di groucho.

utente 8693
16-06-11, 00:14:19
e sticazzi, proprio uno a caso ne hai preso :asd:

il significato di foreshadowing mi sfugge
Quello che serve per evitare l'effetto deus ex machina.

Key Paradise
16-06-11, 00:27:12
come promesso

crocodile - 7/10
wild animals - 5/10
birdcage inn - 8/10
real fiction - 6.5/10
l'isola - 7.5/10
indirizzo sconosciuto - 7/10
bad guy - 9/10
the coast guard - 7/10
primavera estate autunno inverno e ancora primavera - 8/10
la samaritana - 6.5/10
ferro 3 - 8/10
l'arco - 6.5/10
time - 6.5/10
soffio - 4/10
dream - 6/10

James
16-06-11, 09:42:55
L'ultimo treno della notte 1975 di Aldo Lado.

Quando L'ultima casa a sinistra si sposta sulle rotaie...Aldo Lado dirige con mano sapiente un rape & revenge corposo e violento che gode di una sceneggiatura solida e dagli snodi tutto sommato plausibili, con una prima parte ambientata sul treno veramente morbosa, claustrofobica e malata, in cui le scene forti si susseguono in maniera incredibile. Convincenti le prove di Flavio Bucci e Gianfranco De Grassi. Bravissima Macha Méril nel ruolo della perversa signora per bene. In un piccolo ma incredibile ruolo Franco Fabrizi.Musiche di Morricone.

http://robie2008.files.wordpress.com/2011/05/lasttrain.jpg?w=497&h=275


Carnival of souls 1962 di Herk Harvey.

Sorprendente horror d'atmosfera che si colloca a metà strada tra il cinema allucinato di Edgar G. Ulmer e quello onirico di David Lynch. Tutta la vicenda in cui è coinvolta la protagonista sembra un incubo ad occhi aperti, reso ancora più efficace dallo splendido utilizzo di desolanti campi lunghi. L'eccellente bianco e nero dà al film la giusta aria spettrale. Finale con sorpresa. Cinema trasognate tanto caro alle decadi future dell'horror e del fantastico. Assolutamente da vedere.

http://2.bp.blogspot.com/_b9mzfGkQ5tQ/St0ZUWjlmCI/AAAAAAAABdg/DikLM6HaMn4/s400/CARNIVAL17.jpg

Ma scusa Pastore,quanti "Carnival of souls" esistono? 3?
Invece il film di Lado è molto bello:sisi: cinema di genere che non tornerà mai più:tragic:

Donnie Darko
16-06-11, 09:53:35
come promesso

crocodile - 7/10
wild animals - 5/10
birdcage inn - 8/10
real fiction - 6.5/10
l'isola - 7.5/10
indirizzo sconosciuto - 7/10
bad guy - 9/10
the coast guard - 7/10
primavera estate autunno inverno e ancora primavera - 8/10
la samaritana - 6.5/10
ferro 3 - 8/10
l'arco - 6.5/10
time - 6.5/10
soffio - 4/10
dream - 6/10
E' grave che non conosco nessuna di queste pellicole?

Woody
16-06-11, 10:04:57
E' grave che non conosco nessuna di queste pellicole?

beato te :asd:

Donnie Darko
16-06-11, 10:49:02
Non esiste linea temporale o dimensione spaziale alternativa, in cui quella cagata di Rec 2 è migliore di Martyrs.
Se è vero che Martyrs ha uno script scritto all'ìultimo secondo (o così pare, guardando il film) almeno lui ha una perfezionie visiva e un editing grandioso dalla sua.
Rec è solo un'incredibile cumulo di stronzate da quando parte a quando finisce, i personaggi non sono credibili neanche per 10 secondi e continuamente fanno azioni così guidate dal plot device e dal bisogno della trama di mostrare "qualcosa", che si perde completamente il senso di realismo che permeava il primo capitolo.
In più mettici tutte le assurdità che sembrano spuntate da un film di Rodriguez sul diavolo e la società segreta dei Preti combattenti..

Sembra assurdo, ma a me è piaciuto più Rec 2 di Martyrs.
Sulla parte "tecnica" non mi esprimo, anche se sicuramente Martyrs è un pelino sopra. Ma per quanto riguarda la storia Martyrs mi ha ricordato molto Nameless e non mi ha appassionato più di tanto. Il finale poi l'ho trovato stupido.
Però c'è da dire che negli horror apprezzo molto di più la suspance (un condominio infestato da zombie :asd:) piuttosto che mezz'ora di scorticamento.

mickes2
16-06-11, 11:26:33
come promesso

crocodile - 7/10
wild animals - 5/10
birdcage inn - 8/10
real fiction - 6.5/10
l'isola - 7.5/10
indirizzo sconosciuto - 7/10
bad guy - 9/10
the coast guard - 7/10
primavera estate autunno inverno e ancora primavera - 8/10
la samaritana - 6.5/10
ferro 3 - 8/10
l'arco - 6.5/10
time - 6.5/10
soffio - 4/10
dream - 6/10

azz solo 6,5 all'Arco, la Samaritana e Time?

4 a soffio :ninja:

io ho preferito l'indirizzo sconosciuto all'Isola, ma sono finezze :sisi:

il prossimo per me sarà Bad Guy

---------- Post added at 11:26:33 ---------- Previous post was at 10:49:25 ----------

Le conseguenze dell'amore (2004) di Paolo Sorrentino
http://i217.***********.com/albums/cc82/gogollo/leconsamore.jpg
Titta Di Girolamo è un commercialista che vive ormai da ben otto anni in un albergo, in Svizzera. Estremamente metodico, estraniato, isolato dal Mondo, lontano dalle persone più care…immerso in una routine claustrofobica e asettica, nasconde un segreto inconfessabile.
Un dramma intimo e profondo quello raccontato da Sorrentino; messa in scena raffinata ed elegante che fa da palcoscenico all’introspezione di un’eccezionale Tony Servillo: espressiva, intensa ed emozionante la sua prova; alterna una timidezza impacciata all’interno dell’hotel nei confronti di Sofia…ad un’affascinante freddezza e disinvoltura nel tragitto fatidico hotel-banca. Il ritmo cadenzato (specie nella prima parte) ci fa entrare nell’anima del protagonista: il rigore formale, la tecnica ed i virtuosismi di Sorrentino, con movimenti di camera eccellenti, ci aiutano ancor di più in questo senso. La deriva di Titta la trovo straordinaria, perché è un uomo solo che a causa di un errore è schiavo, sia dei vizi, che di persone senza scrupoli. L’amore irromperà nella sua vita, porterà instabilità, lo risveglierà da quel torpore emotivo e psichico che lo affligge, che aveva ormai spento il suo cuore… da tanto, troppo tempo. Il piano-sequenza nella parte conclusiva è formidabile: pathos, atmosfera (condita dalla bellissima colonna sonora), si uniscono e ci regalano qualcosa di potentissimo e poetico. Non è da meno il finale dove la memoria non può non andare subito al Sonatine di Kitano.

Key Paradise
16-06-11, 12:39:05
E' grave che non conosco nessuna di queste pellicole?

naaa


azz solo 6,5 all'Arco, la Samaritana e Time?

4 a soffio :ninja:

io ho preferito l'indirizzo sconosciuto all'Isola, ma sono finezze :sisi:

il prossimo per me sarà Bad Guy[COLOR="Silver"]



l'arco l'ho trovato ammiccante, sembra continuamente ripetere "ehi io sono kim ki-duk, quello che non fa spiccicare una parola ai suoi personaggi"
time ha una buona idea di partenza, ma è alla lunga ripetitivo ed ha un finale senza senso
soffio denuncia una povertà di idee allarmante: due situazioni ripetute in loop con qualche inserto da regista-demiurgo pretestuoso ed antiestetico
la samaritana del blocco è il migliore, disomogeneo ma ancora, a tratti, potente

mickes2
16-06-11, 13:32:40
l'arco l'ho trovato ammiccante, sembra continuamente ripetere "ehi io sono kim ki-duk, quello che non fa spiccicare una parola ai suoi personaggi"
time ha una buona idea di partenza, ma è alla lunga ripetitivo ed ha un finale senza senso
soffio denuncia una povertà di idee allarmante: due situazioni ripetute in loop con qualche inserto da regista-demiurgo pretestuoso ed antiestetico
la samaritana del blocco è il migliore, disomogeneo ma ancora, a tratti, potente

hehehe ho capito, si compiace un po' troppo. è anche vero che questi sono film da far "respirare": li hai visti per caso in tempi ravvicinati l'uno dall'altro?

Key Paradise
16-06-11, 13:47:36
fino alla samaritana sì, ferro 3 già l'avevo visto, i restanti invece no
negli ultimi giorni ho visto anche

http://www.bfi.org.uk/distribution/sites/bfi.org.uk.distribution/files/images/jules_et_jim_01.jpg

jules et jim - francois truffaut
adattamento di frenesia visiva e narrativa. l'impressione è che inizialmente, sin quando mantiene un registro da commedia sofisticata, funzioni, ma con la deriva sentimentale cominci a perdere di mordente e dimostri la sua natura originariamente letteraria: troppo scritto.

http://i2.listal.com/image/1311869/500full.jpg

tirez sur le pianiste - francois truffaut
noir decostruzionista, elegantemente buffo, una parodia di classe insomma. una visione molto particolare del genere, senza dubbio innovativa. piaciuto un sacco.

utente 8693
16-06-11, 13:54:04
Ieri ho visto Let me In.
Francamente penso sia on-par con l'originale.
Scritto meglio, hanno tolto molta roba inutile, che complicava inutilmente le cose (tipo Abby è un maschio castrato o la orribile scena dei gatti) e per il resto, mi pare che veramente non abbia nulla da invidiare all'originale.
Visivamente prende un approccio meno naturale ed algido, più artificiale, ma non per questo necessariamente peggiore, anzi, alcune scene sono da brivido, anche se a volte sfora un po' esagerando (con quei ***** di lens flare).
la scena dell'auto magnifica, come molte altre.
QUESTA (http://www.saintvespaluus.com/let_the_right_one_in_photo2.jpg)era indubbiamente meglio nell'originale però.

Musiche belle (meno anonime di quelle nell'originale) ma fin troppo invasive, avrei lasciato più silenzi e suoni naturali, per evitare l'effetto melodramma che a volte fa capolino nel remake.
Performance degli attori ugualmente strepitose, niente da dire, veramente bravissimi.
Il ruolo del poliziotto non è invasivo ed è anche lui ben messo in scena da Koteas, molto pacato e delicato.
Un'ottimo lavoro, se ne può contestare l'utilità, visto che tutto sommato è molto simile all'originale con un solo anno di distanza, ma tant'è.

Tyrann
16-06-11, 13:55:05
Ho rivisto per l'ennesima volta Le ali della libertá :sisi:
Cavolo quant'é capolavorico sto film :bruniii:

utente 8693
16-06-11, 13:57:37
Io l'ho visto l'altro giorno, l'ho trovato fastidioso, devo dire.
Forse non è il mio genere.

mickes2
16-06-11, 14:10:26
fino alla samaritana sì, ferro 3 già l'avevo visto, i restanti invece no
negli ultimi giorni ho visto anche

http://www.bfi.org.uk/distribution/sites/bfi.org.uk.distribution/files/images/jules_et_jim_01.jpg

jules et jim - francois truffaut
adattamento di frenesia visiva e narrativa. l'impressione è che inizialmente, sin quando mantiene un registro da commedia sofisticata, funzioni, ma con la deriva sentimentale cominci a perdere di mordente e dimostri la sua natura originariamente letteraria: troppo scritto.


capito

secondo me in Jules et Jim per quanto si avverta la leggerezza del racconto di Truffaut, la tematica in cui è immerso il film (che prende piede nella seconda parte) è invecchiata non poco. aspetto piuttosto deleterio nel complesso. detto ciò rimane cmq un grande film :claudia:


Ieri ho visto Let me In.
Francamente penso sia on-par con l'originale.
Scritto meglio, hanno tolto molta roba inutile, che complicava inutilmente le cose (tipo Abby è un maschio castrato o la orribile scena dei gatti) e per il resto, mi pare che veramente non abbia nulla da invidiare all'originale.


allora lo vedrò, dato che l'originale mi era piaciuto molto.


Io l'ho visto l'altro giorno, l'ho trovato fastidioso, devo dire.
Forse non è il mio genere.

addirittura fastidioso? Darabont è "facile" ma allo stesso tempo il film ha un respiro notevole. io sto sul 8,5.

mickes2
16-06-11, 16:31:36
Per quanto riguarda Jules e Jim lo ritengo impeccabile per eleganza e delicatezza narrativa e formale,ma la materia ormai è invecchiata e soprattutto nella seconda parte risulta indigeribile, troppo figlia del suo tempo, quando probabilmente c'era l'urgenza di scardinare determinate barriere morali per celebrare l'amour fou.


non si può rimanere indifferenti a questo ;p

Ciccios
16-06-11, 16:37:52
Appena visto shining..Putroppo l'ho visto dopo aver già letto il libro e alcuni cambiamenti/tagli mi hanno fatto storcere il naso..resta un gran film, con un protagonista che recita da Dio. Non mi sono piaciuti però nè il doppiaggio, soprattutto quello di jack, nè l'interpretazione dell'attrice di wendy, direi l'attrice di wendy in toto, faccia di cavallo! :rickds:
Voto: 8,8 :unsisi:

beppe92
16-06-11, 18:27:47
Apocalypse Now - F.F. Coppola
Film straordinario, rappresenta la crudeltà e l'assurdità della guerra come pochi altri film. Il monologo finale del Colonnello Kurtz (Marlon Brando) è straordinario, ottimo preludio per il finale che ritengo uno dei più belli

Machete - R. Rodriguez
Rodriguez nel suo habitat, un b-movie divertente che riesce a bene nel suo intento per tutta la durata. Ottimo cast e varie citazioni (rivedere De Niro su un Taxi fa sempre un certo effetto :asd:). Peccato molti personaggi non siano stati approfonditi...

Donnie Darko
16-06-11, 18:58:28
Ieri ho visto Let me In.
Francamente penso sia on-par con l'originale.
Scritto meglio, hanno tolto molta roba inutile, che complicava inutilmente le cose (tipo Abby è un maschio castrato o la orribile scena dei gatti) e per il resto, mi pare che veramente non abbia nulla da invidiare all'originale.
Visivamente prende un approccio meno naturale ed algido, più artificiale, ma non per questo necessariamente peggiore, anzi, alcune scene sono da brivido, anche se a volte sfora un po' esagerando (con quei ***** di lens flare).
la scena dell'auto magnifica, come molte altre.
QUESTA (http://www.saintvespaluus.com/let_the_right_one_in_photo2.jpg)era indubbiamente meglio nell'originale però.

Musiche belle (meno anonime di quelle nell'originale) ma fin troppo invasive, avrei lasciato più silenzi e suoni naturali, per evitare l'effetto melodramma che a volte fa capolino nel remake.
Performance degli attori ugualmente strepitose, niente da dire, veramente bravissimi.
Il ruolo del poliziotto non è invasivo ed è anche lui ben messo in scena da Koteas, molto pacato e delicato.
Un'ottimo lavoro, se ne può contestare l'utilità, visto che tutto sommato è molto simile all'originale con un solo anno di distanza, ma tant'è.

Colpo di scena. Pensavo fosse il solito remake inutile.
Tieni presente che l'originale è fra i miei film preferiti nel suo genere.

Vall77
16-06-11, 20:14:01
Ieri ho visto Let me In.
Francamente penso sia on-par con l'originale.
Scritto meglio, hanno tolto molta roba inutile, che complicava inutilmente le cose (tipo Abby è un maschio castrato o la orribile scena dei gatti) e per il resto, mi pare che veramente non abbia nulla da invidiare all'originale.
Visivamente prende un approccio meno naturale ed algido, più artificiale, ma non per questo necessariamente peggiore, anzi, alcune scene sono da brivido, anche se a volte sfora un po' esagerando (con quei ***** di lens flare).
la scena dell'auto magnifica, come molte altre.
QUESTA (http://www.saintvespaluus.com/let_the_right_one_in_photo2.jpg)era indubbiamente meglio nell'originale però.

Musiche belle (meno anonime di quelle nell'originale) ma fin troppo invasive, avrei lasciato più silenzi e suoni naturali, per evitare l'effetto melodramma che a volte fa capolino nel remake.
Performance degli attori ugualmente strepitose, niente da dire, veramente bravissimi.
Il ruolo del poliziotto non è invasivo ed è anche lui ben messo in scena da Koteas, molto pacato e delicato.
Un'ottimo lavoro, se ne può contestare l'utilità, visto che tutto sommato è molto simile all'originale con un solo anno di distanza, ma tant'è.

Per me è pessimo ^^
Ricordo ancora una dolcissima polemica con il mitico Legion :asd:

Mi autoquoto tagliuzzando qua e là il mio commento, ma cercando di lasciare più o meno il senso (svogliato già allora mentre scrivevo):


No oggettivamente, la storia di partenza lo sappiamo tutti che è molto buona, ma qua si sono messi di impegno per rovinare il feeling. Un sonoro onnipresente (fastidiosissimo e spesso emotivamente sballato), un cast debole, la ragazzina troppo normale quando è normale e troppo mostruosa quando è quello che è: sfumatura ciao, siamo in America. Religione messa quasi in mezzo, quando non c'entra niente. Potrei continuare ma ho già perso abbastanza tempo.

Bocciato, bocciato, bocciato.

Quasi mi dispiace che con te non ci riesco fisicamente a polemizzare :.bip:

No scherzo, più che altro questo remake l'ho praticamente rimosso, non saprei neanche come replicare ulteriormente :asd:

utente 8693
16-06-11, 22:22:51
No oggettivamente, la storia di partenza lo sappiamo tutti che è molto buona, ma qua si sono messi di impegno per rovinare il feeling. Un sonoro onnipresente (fastidiosissimo e spesso emotivamente sballato), un cast debole, la ragazzina troppo normale quando è normale e troppo mostruosa quando è quello che è: sfumatura ciao, siamo in America. Religione messa quasi in mezzo, quando non c'entra niente. Potrei continuare ma ho già perso abbastanza tempo.

Bocciato, bocciato, bocciato.
Sul sonoro concordo (l'ho detto, OST invasiva) anche se neanche l'originale era perfetto da questo punto di vista.
Sul resto, cast debole è un'eresia, può piacerti meno Abby americana (opinabile ma condivisibile, è vero che è più normale, ma credo derivi semplicemente dal fatto che gli Americani li vediamo tutti i giorni, gli scandinavi meno) ma debole proprio no, cacchio gli attori sono ottimi, tutti.
Pensavo che i bulli avrebbero perso senza quel fare algido da scandinavi, invece sono più che credibili, quasi più degli originali.

Ultimo punto: la religione non è affatto a caso, è perfettamente giustificata come tematica, dal backgorund del bambino, che ha una madre molto religiosa, motivo di conflitto tra lei e il padre.
E' un'inclusione ottima, perchè permette pure la scena chiave in cui lui si sente abbandonato pure dal padre, che al telefono non lo caga di striscio pensando subito di inveire contro la madre sulla religione.
Inoltre apre il suo dilemma sul male, che non è offerto in maniera banale o retorica, rendendo la sua scelta finale (di sacrificare il poliziotto e scappare con abby) molto più densa ed interessante.
Insomma, l'elemento religioso è trattato da Dio (:asd:) e mai calcato o fuori posto, se poi consideriamo quanto siano religiosi gli states.

sulle "sfumature" non so a cosa ti riferisci.

Vall77
16-06-11, 22:43:39
Sul fattore religione ribadisco il dissenso. A me sembra un'introduzione inutile. Sono d'accordo con te quando dici "se consideriamo quanto siano religiosi gli states...", anzi è proprio questo il punto: mi pare introdurre una tematica del tutto superflua in maniera palesemente furbetta.

Sul discorso sfumature addio, l'ho detto: la ragazzina troppo normale quando è normale e troppo mostruosa quando è quello che è. Grossa parte del fascino dell'originale, dal mio punto di vista, era proprio derivante dal fatto che questa "trasformazione" della protagonista era molto meno marcata. Sfumatura, raffinatezza... chiamiamola come vogliamo. Da qui, e conseguentemente, il minore apprezzamento per la recitazione, che mi viene difficile scindere dalla caratterizzazione del personaggio.

Per quanto non sia atroce, questo remake, i dubbi sulla sua utilità (che sollevi anche tu) diventano per me una insopportabile realtà. Questo mi porta ad ingigantirne i difetti? Ma senz'altro :asd:

Però vaffanzum, lato mio non lo dovevano fare e basta. Quando può peggiora, migliorare niente ^^

utente 8693
16-06-11, 22:59:20
Sulla religione io ti ribadisco che il fatto che sia un elemento degli states è un +, non un -.
Significa che è una trasposizione fatta con senno e come ho detto, aggiunge spessore al tutto.. del resto non mi puoi dire che la religione non c'entra nulla con la tematica del vampiro dai.

Per il "migliora niente" anche non concordo, lo script è migliore, più asciutto e senza elementi che creavano inutile casino (grossa ingenuità lasciarli dentro, per altro).
Inoltre rende il "padre" di Abby, un Owen cresciuto, invece di un pedofilo random, cosa che rima perfettamente e non era chiarita nell'originale (il fatto che NON fosse un equivalente di Oskar).
Scritto molto bene, recitato splendidamente, qualche punto a sfavore ma anche più di un punto a favore, per me tutto sommato sono sullo stesso livello qualitativo, anche se, ovviamente, l'originale ha infiniti meriti in più, non avendo avuto alcun perno di riferimento(libro a parte) cosa che non può essere detta del remake, che prende il 99% della roba dall'originale.
Se guardiamo però la qualità in sè, decontestualizzata dalla situazione "originale/remake", non mi sento di definirlo peggiore.

Vall77
16-06-11, 23:13:30
Sulla religione io ti ribadisco che il fatto che sia un elemento degli states è un +, non un -.
Significa che è una trasposizione fatta con senno e come ho detto, aggiunge spessore al tutto.. del resto non mi puoi dire che la religione non c'entra nulla con la tematica del vampiro dai.

Per il "migliora niente" anche non concordo, lo script è migliore, più asciutto e senza elementi che creavano inutile casino (grossa ingenuità lasciarli dentro, per altro).
Inoltre rende il "padre" di Abby, un Owen cresciuto, invece di un pedofilo random, cosa che rima perfettamente e non era chiarita nell'originale (il fatto che NON fosse un equivalente di Oskar).
Scritto molto bene, recitato splendidamente, qualche punto a sfavore ma anche più di un punto a favore, per me tutto sommato sono sullo stesso livello qualitativo, anche se, ovviamente, l'originale ha infiniti meriti in più, non avendo avuto alcun perno di riferimento(libro a parte) cosa che non può essere detta del remake, che prende il 99% della roba dall'originale.
Se guardiamo però la qualità in sè, decontestualizzata dalla situazione "originale/remake", non mi sento di definirlo peggiore.

Bip, che ti posso dire di più, è chiaramente una decontestualizzazione che tu ti senti di fare, io per niente. Magari ce la farò con Harakiri, di cui mi fanno un remake 50 anni dopo (FORSE ce la farò) ma in questo caso: no, no e ancora no. Non ce la faccio proprio :asd:

Nel merito: la religione è un + negli states, ma certo. Nell'ottica del remake inutile (la mia) è una furberia +. Che poi il vampirismo possa avere senso legato alla religione, pure lì, ma certo. Però per una volta in cui non entrava per niente in ballo ( nè nel libro, nè nell'originale... e in modo così riuscito) perchè mai introdurlo come tema? La mia risposta è intuibile: sempre per furberia +.

E poi, a me il fatto che il "padre" della ragazzina fosse un Oskar cresciuto e non un pedofilo laqualsiasi era parso estremamente chiaro già nell'originale. Palese e limpido. Magari... solo un pò più sfumato (+). Sempre se ho compreso bene la tua frase... la doppia negazione magari mi ha fatto fraintendere ^^

Però prometto davvero che non aggiungo altro, sei troppo più fresco di visione, rispetto a me.

tvb eh :asd:

Azure Grimoire
16-06-11, 23:53:40
http://www.100bimbi.it/uploads/rapunzel_locandina.jpg

Credo che sia il mio nuovo standard nei film Disney, assolutamente splendido <3

E tecnicamente è qualcosa di assurdo in BluRay :asd:

voto 8.5

utente 8693
17-06-11, 00:05:29
bastard0, la linea finale penalizza la mia opinione ingiustamente. :tristenev:

Comunque concordo con la tua obiezione su abby, sia chiaro, ritengo che la ragazzina (non ricordo il nome, quella di KickAss)abbia fatto un lavoro eccellente, ma è vero che l'altra aveva un portamento già di base più alienante.

Su l'aspetto della religione non concordo perchè non è una tematica resa centrale ed opprimente nel film, è una sfumatura, una sfumatura che agginge un'ombra ulteriore al personaggio di Owen/Oskar.
La natura dell'aggettivo "furbetto" non la comprendo e mai la comprenderò :asd: ma do per scontato che sottìintenda: "elemento con cui accalappiare una fetta di pubblico a gratisse", ma io non lo vedo così, perchè non è trattata come una faciloneria.
Quando ho sentito Raegan nel discorso iniziale, anche io ho pensato "daje che ci infilano Gesù pure qui" ma dopo mi son ricreduto e appunto, mi piace come l'hanno trattato, il fatto che quando la madre prega a tavola, lui alza gli occhi basito, restando però titubante, in seguito, sulla sull'abbandonare la vecchia via per la nuova.
Per me è un elemento metaforico trattato molto bene, che arricchisce il film, già di per sè con qualche simbolismo.

Per il fatto che sia un remake, tutto sommato, inutile: sì, ma è un fatto che avev già messo in conto (e da una parte) quando ho deciso di comprarne il BD. :asd:

Ah, nel film originale il padre di abby non è così chiaro se sia una ripetizione di Oskar o un pedofilo, lo dico perchè parecchia gente sui forum del film portava avanti questa discussione.
Come ti dissi, nonho letto il libro e non ne ho idea, un po' di confusione la crea. :asd:

Edward
17-06-11, 00:08:35
Profumo - Storia di un assassino

Film shokkante e bello allo stesso tempo

Key Paradise
17-06-11, 00:29:16
Bene,prima di tutto mi piacerebbe sapere da te,visto che ti sei sparato la filmografia di kim ki duk,se effettivamente come ho letto in giro Primavera estate ecc. è il suo film più accondiscendente ad un certo cinema in grado di piacere a più platee,quindi che si discosta un po' diciamo così dal suo solito stile.Almeno se ti ha dato questa impressione.Io di ki duk ho visto poco,ma non sono un suo fan.


accondiscendente no, avrà dato quest'impressione perchè non è un pugno allo stomaco al pari di opere come l'isola o bad guy, e perchè trattando la vita di un monaco buddhista potrebbe apparire come il classico film-cartolina da esportazione. però sticazzi, a me di film-cartolina sottomano qualcuno ne è passato, e non ritengo tale questo, che conserva ancora una potente forza figurativa (una simbologia ancora naturale, chiara e decifrabile, a differenza degli ultimi lavori) oltre che essere estremamente godibile

JT26
17-06-11, 02:46:07
Rapunzel

Credo che sia il mio nuovo standard nei film Disney, assolutamente splendido <3

E tecnicamente è qualcosa di assurdo in BluRay :asd:

voto 8.5

ooh. <3 <3

Lateralus
17-06-11, 03:00:44
A l'intèrieur
Che dire, questo film se ha dei difetti, ne ha davvero pochi. Trovo ottime le interpretazioni, ottima l'idea, ottimo il modo in cui il tutto viene messo in scena.
Un horror che mantiene i piedi ben saldi a terra e ne fa un punto di forza, molto realistico e senza fronzoli. Privo di banalità di cui gli altri film del genere sono pieni, sia a livello di trama (nel senso di ''susseguirsi di eventi'') sia come soggetto, sia negli effetti splatter.
Il mio massimo è 9 (non riesco a dare i 10 perchè nessun film è perfetto),non amo dare i mezzi voti, quindi:
8

mickes2
17-06-11, 08:57:52
A l'intèrieur
Che dire, questo film se ha dei difetti, ne ha davvero pochi. Trovo ottime le interpretazioni, ottima l'idea, ottimo il modo in cui il tutto viene messo in scena.
Un horror che mantiene i piedi ben saldi a terra e ne fa un punto di forza, molto realistico e senza fronzoli. Privo di banalità di cui gli altri film del genere sono pieni, sia a livello di trama (nel senso di ''susseguirsi di eventi'') sia come soggetto, sia negli effetti splatter.
Il mio massimo è 9 (non riesco a dare i 10 perchè nessun film è perfetto),non amo dare i mezzi voti, quindi:
8

A l'interieur di difetti ne ha. a partire dalla sceneggiatura che più volte fa acqua, azioni tra l'improbabile e l'inverosimile, realistico si ma non sempre (basta vedere il finale). piedi saldi a terra per un buon 70% (son d'accordo) ma il resto è campato un po' per aria. capisco cmq benissimo il tuo 8: Beatrice Dalle mostruosa, il film lo trovo un gioiello tecnicamente, tra fotografia sublime, con giochi di luci e ombre fantastico, e gusto per l'inquadratura invidiabile (geometrie a profusione).
io sto sul 7,5 per i "contro" sopra citati, ma il film per me rimane un gioiello di tensione, un pugno nello stomaco.

James
17-06-11, 11:11:34
Da quel che so esiste una specie di remake prodotto da Craven,ma non l'ho visto (grazie a Dio?).
Per quanto riguarda il cinema di genere italiano purtroppo sì :tristenev:,ma d'altra parte chi sarebbe oggi in grado di fare quel tipo di cinema: non solo mancano gli interpreti,ma non ci sono nemmeno i presupposti.Altri tempi.



Allora mi sono confuso:sisi:
Ne avevi già scritto di questo un mesetto fà mi pare,lo screen differente mi ha fatto venire il dubbio:rickds: Devo ancora guardarlo mannaggia.


Appena visto shining..Putroppo l'ho visto dopo aver già letto il libro e alcuni cambiamenti/tagli mi hanno fatto storcere il naso..resta un gran film, con un protagonista che recita da Dio. Non mi sono piaciuti però nè il doppiaggio, soprattutto quello di jack, nè l'interpretazione dell'attrice di wendy, direi l'attrice di wendy in toto, faccia di cavallo! :rickds:
Voto: 8,8 :unsisi:Veramente?
Il doppiaggio di Giannini è perfetto e calza a pennello con la recitazione di Jack.Pure Kubrick aveva mandato un telegramma a Giannini per complimentarsi del lavoro.

Lelouch vi Britannia
17-06-11, 13:12:07
Ieri sera ho visto Donnie Darko. Sapevo mi sarebbe piaciuto, ma non pensavo così tanto. E' entrato nell'Olimpo dei miei film preferiti di sempre. Lo so, sono uno stupido per non averlo visto prima, è un vero capolavoro.:D

Voto: 9,7

E ho il DVD del "sequel", S. Darko, il problema è che ho un po' paura di guardarlo, ho la sensazione che sia quel genere di sequel che rovina il primo capitolo.:sisi:

Vigo
17-06-11, 13:42:35
The Bird People in China di Miike
A mio parere un film meraviglioso. Decisamente diverso dal Miike a cui sono abituato, e con un giovane Masahiro Motoki (quello di Departures), l'ho trovato splendido sotto quasi ogni punto di vista: la prima metà è più allegra e simpatica, la seconda più lenta e poetica; strepitosi soprattutto i paesaggi e le inquadrature; riflessioni sulla tecnologia e sulle tradizioni sicuramente ben studiate ed azzeccate. Sono curioso di sapere se sia tratto da qualche libro/leggenda o se addirittura sia stato scritto dal regista (ma sono abbastanza scettico)

Armin
17-06-11, 13:51:27
E ho il DVD del "sequel", S. Darko, il problema è che ho un po' paura di guardarlo, ho la sensazione che sia quel genere di sequel che rovina il primo capitolo.:sisi:

E' una mezza porcata :asd:

Lelouch vi Britannia
17-06-11, 13:55:04
E' una mezza porcata :asd:

Proprio come avevo previsto:sisi:

Sono un genio:chris:

Però lo guarderò comunque, forse qualche cosa che si salva c'è:D

Armin
17-06-11, 13:58:46
Proprio come avevo previsto:sisi:

Sono un genio:chris:

Però lo guarderò comunque, forse qualche cosa che si salva c'è:D

Si salva solo la protagonista :love:
Altrimenti sarebbe stata una porcata completa :asd:

Lelouch vi Britannia
17-06-11, 14:03:09
Si salva solo la protagonista :love:
Altrimenti sarebbe stata una porcata completa :asd:

E' pur sempre qualcosa, dai:asd:

Lateralus
17-06-11, 15:06:57
A l'interieur di difetti ne ha. a partire dalla sceneggiatura che più volte fa acqua, azioni tra l'improbabile e l'inverosimile, realistico si ma non sempre (basta vedere il finale). piedi saldi a terra per un buon 70% (son d'accordo) ma il resto è campato un po' per aria. capisco cmq benissimo il tuo 8: Beatrice Dalle mostruosa, il film lo trovo un gioiello tecnicamente, tra fotografia sublime, con giochi di luci e ombre fantastico, e gusto per l'inquadratura invidiabile (geometrie a profusione).
io sto sul 7,5 per i "contro" sopra citati, ma il film per me rimane un gioiello di tensione, un pugno nello stomaco.
Eh sugli aspetti tecnici purtroppo non sò nulla, vorrei farmi una ''culturina'', ma devo procurarmi un manuale generale secondo me. :sisi:
I miei voti sono basati su 2 fattori, comparto visivo nel complesso - soggetto e trama nel complesso. 7,5 mi sembrava poco e 8,5 troppo, visto che non dò mezzi voti ecco l'8.;p
Devo recuperare questo gap sugli aspetti tecnici che mi pregiudica il giudizio, anche se per me è un aspetto secondario, quando vedo un quadro non mi interessa che gamma di colori ha usato il pittore,che tipo di tela o come ha mosso il pennello ecc., anche se è molto interessante saperlo. :tragic:

Key Paradise
17-06-11, 15:16:16
Eh sugli aspetti tecnici purtroppo non sò nulla, vorrei farmi una ''culturina'', ma devo procurarmi un manuale generale secondo me. :sisi:
I miei voti sono basati su 2 fattori, comparto visivo nel complesso - soggetto e trama nel complesso. 7,5 mi sembrava poco e 8,5 troppo, visto che non dò mezzi voti ecco l'8.;p
Devo recuperare questo gap sugli aspetti tecnici che mi pregiudica il giudizio, anche se per me è un aspetto secondario, quando vedo un quadro non mi interessa che gamma di colori ha usato il pittore,che tipo di tela o come ha mosso il pennello ecc., anche se è molto interessante saperlo. :tragic:

visto che non dai mezzi voti potevi dargli 9 ad à l'interieur, che è il voto che si merita :sisi:

Lateralus
17-06-11, 15:24:18
visto che non dai mezzi voti potevi dargli 9 ad à l'interieur, che è il voto che si merita :sisi:
Eh avevo specificato anche che il mio massimo è 9, non do mai i 10. L'8 mio è un 9 alla fine :asd:

mickes2
17-06-11, 16:04:32
visto che non dai mezzi voti potevi dargli 9 ad à l'interieur, che è il voto che si merita :sisi:

mah :nev:

Donnie Darko
17-06-11, 18:24:12
Ieri sera ho visto Donnie Darko. Sapevo mi sarebbe piaciuto, ma non pensavo così tanto. E' entrato nell'Olimpo dei miei film preferiti di sempre. Lo so, sono uno stupido per non averlo visto prima, è un vero capolavoro.:D

Voto: 9,7

E ho il DVD del "sequel", S. Darko, il problema è che ho un po' paura di guardarlo, ho la sensazione che sia quel genere di sequel che rovina il primo capitolo.:sisi:
Stima infinita per te. Piccolo consiglio: evita S.Darko come la peste.


:asd:
Come al solito chiarissimo ed esaustivo ;)

E adesso un po' di robina che piace tanto anche a James:sisi:

Paura nella città dei morti viventi 1980 di Lucio Fulci.

Un prete si suicida in un cimitero,dando il via ad accadimenti terrificanti.Dopo Zombi 2, ancora non-morti per il buon Fulci. Il grande merito è dato dall'atmosfera che permea tutta la pellicola (angosciante, suggestiva, soffocante) e dalla sapiente mano del regista, che confeziona momenti davvero terrorizzanti (specialmente se ci si immedesima nel bambino). Notevoli anche gli effetti speciali, con abbondante spargimento e spappolamento di interiora e cervelli. Indimenticabili il trapanamento e la sepoltura. Mitico Lucio! E Tarantino ringrazia.

http://26.media.tumblr.com/tumblr_la2q9nEqQR1qc3kwlo1_500.jpg

Quella villa accanto al cimitero 1981 di Lucio Fulci.

Uno studioso viene incaricato di portare a termine alcune ricerche storiche si di una strana casa.Ecco il cinema dell'orrore che amo di più. Quello che da piccolo infestava i miei sonni. Rivisto ultimamente (come Paura nella città dei morti viventi) ne ho apprezzato anche il lato tecnico, gustandomi appieno l'atmosfera sognante e malata che lo pervade. La bravura di Fulci sta nello spaventare senza ricorrere ad impennate di decibel, ma costruendo sapientemente il climax ideale. Da brividi la cantina e le relative soggettive del Dr. Freudstein (un "Babau" decisamente spaventevole,con un nome finissimo). Ottimi gli effetti gore di Giannetto De Rossi.

http://content9.flixster.com/photo/11/67/27/11672795_gal.jpg

Se ti piace Fulci ci sono diversi film molto belli. Ti consiglio "L'aldilà, E tu vivrai nel terrore" (un capolavoro), "Un Gatto nel cervello" e "Quando alice Ruppe lo specchio".

Darkanno
17-06-11, 20:37:00
Visto Easy A, che dire un film davvero carino e ben realizzato, in molti frangenti mi ha strappato più di un sorriso. Buono, voto 6.5 :sisi:

Vigo
17-06-11, 23:16:47
Dead or Alive, Dead or Alive 2:Birds e Dead or Alive: Final
Tutta la trilogia di Miike! Un commento veloce: ho preferito soprattutto il primo e il terzo (in particolare l'ultimo), perchè il secondo l'ho trovato un po' troppo confusionario e anche eccessivamente lento (per quanto sulla carta sia probabilmente il più interessante). Il finale finale dell'ultimo è un qualcosa di tragicomicamente epico ahahah. Meritano moltissimo secondo me :sisi:

Rullo
17-06-11, 23:31:54
i tre giorni del condor (1975) - sydney pollack

http://blogs.creativeloafing.com/theclog/files/2010/02/condor3.jpg

ritmo ben gestito sopratutto nella prima parte, un po' di calo verso la fine nonostante si risollevi con un finale abbastanza coraggioso. pollack dirige bene e redford (mancino, ficoiea) fa la sua porca figura. più porca è faye dunaway però <3


revolver (2005) - guy ritchie

http://www.collider.com/uploads/imageGallery/Revolver/ray_liotta_revolver_movie_image.jpg

le premesse c'erano tutte, anche l'inizio incoraggiante. ciononostante si nota subito la diffrenza rispetto agli altri film di ritchie. dov'è quel montaggio figherrimo che ci ha provocato dure erezioni in snatch e lock/stock? e la fotografia?
purtroppo non c'è nulla di tutto ciò, manca anche una sceneggiatura solida che non riesce a mantenere l'attenzione dello spettatore a lungo durante la visione. peccato, anche perchè mi aspettavo di certo qualcosa di più da guy

forgetting sarah marshall (2008) - nicholas stoller

http://www.altfg.com/Stars/f/forgetting-sarah-marshall-jason-segel.jpg

commedia agrodolce davvero interessante. protagonista jason segel (how i met yo mom), che fa anche da sceneggiatore, circondato da gnocchissime come la kunis o la bionda di cui non so il nome e che non ho voglia di cercare su google, un jonah hill supermegaiea e quello che si bomba katy perry (cit.)
molto divertente, certe scene sono anche abbastanza spinte, al contrario di quanto mi aspettassi, e la storia, seppur semplice, regge bene tutta la sua durata

Magnottone
17-06-11, 23:54:30
:asd:
Come al solito chiarissimo ed esaustivo ;)

E adesso un po' di robina che piace tanto anche a James:sisi:

Paura nella città dei morti viventi 1980 di Lucio Fulci.

Un prete si suicida in un cimitero,dando il via ad accadimenti terrificanti.Dopo Zombi 2, ancora non-morti per il buon Fulci. Il grande merito è dato dall'atmosfera che permea tutta la pellicola (angosciante, suggestiva, soffocante) e dalla sapiente mano del regista, che confeziona momenti davvero terrorizzanti (specialmente se ci si immedesima nel bambino). Notevoli anche gli effetti speciali, con abbondante spargimento e spappolamento di interiora e cervelli. Indimenticabili il trapanamento e la sepoltura. Mitico Lucio! E Tarantino ringrazia.

http://26.media.tumblr.com/tumblr_la2q9nEqQR1qc3kwlo1_500.jpg

Quella villa accanto al cimitero 1981 di Lucio Fulci.

Uno studioso viene incaricato di portare a termine alcune ricerche storiche si di una strana casa.Ecco il cinema dell'orrore che amo di più. Quello che da piccolo infestava i miei sonni. Rivisto ultimamente (come Paura nella città dei morti viventi) ne ho apprezzato anche il lato tecnico, gustandomi appieno l'atmosfera sognante e malata che lo pervade. La bravura di Fulci sta nello spaventare senza ricorrere ad impennate di decibel, ma costruendo sapientemente il climax ideale. Da brividi la cantina e le relative soggettive del Dr. Freudstein (un "Babau" decisamente spaventevole,con un nome finissimo). Ottimi gli effetti gore di Giannetto De Rossi.

http://content9.flixster.com/photo/11/67/27/11672795_gal.jpg

A proposito di zombi2... oggi mi sono fatto una gran chiacchierata con Al Cliver :asd::asd:
Grande, che tipo... un personaggio unico guarda.

http://www.pollanetsquad.it/asp/attori/img/9_00.jpg



ps:
Ho visto ora blindness cecità.
M'è piaciuto tutto sommato, ho apprezzato molto la parte centrale, all inizio come era partito mi stava preoccupando.

incontrerai l uomo dei tuo sogni pure, è una bufala doc.

Lateralus
18-06-11, 01:31:53
L'ultimo dei templari
Una cagata pazzesca, a partire dal titolo italiano che in originale è Season of the witch. Indescrivibilmente pessimo.
4

Magnottone
18-06-11, 12:09:45
Ci chiacchiero sempre si puo dire tutti i giorni ormai, quindi del piu e del meno, l altro giorno gli ho bloccato il parcheggio per la sua macchina per farti un esempio... lunedi al 99% lo incontrerò.
su wiki non c'è pero glielo chiedo lo stesso
http://it.wikipedia.org/wiki/Al_Cliver

Darkanno
18-06-11, 12:10:25
Fra un pò vedo Coraline :stema:

Magnottone
18-06-11, 12:11:36
Fra un pò vedo Coraline :stema:
non è bello, di più.

Vigo
18-06-11, 13:25:23
non è bello, di più.

Concordo :sisi:

Darkanno
18-06-11, 14:36:01
non è bello, di più.


Concordo :sisi:


http://www.vivacinema.it/wp-galleryo/coraline/coraline-locandina-2.jpg

Coraline (2009) di Henry Selick

Ho appena finito di vederlo, che dire, se non che ci troviamo davanti ad un prodotto davvero straordinario, atmosfera sublime, per molti versi mi ha ricordato lo stile di Tim Burton. Per quanto riguarda la colonna sonora, musiche ottime e soprattutto adatte alla tipologia di film, personaggi molto caratterizzati, in special modo Coraline davvero ottima, come se non bastasse, la trama è molto interessante e con qualche gradito colpo di scena, davvero un film da non perdere. Consigliato a tutti. Voto 8.5

p a n z e r
18-06-11, 14:55:24
http://img2.timeinc.net/ew/dynamic/imgs/090108/First-Look/Adventureland-Stewart_l.jpg

Adventureland, di Greg Mottola.


Ma ditemi cosa manca a questo film. Abbiamo tutto, tutto!
Abbiamo una storia d'amore adolescenziale semplice quanto bella, quei primi amori che non si posso dimenticare (a meno che non siate stati giovani troppo tempo fa quindi magari non ve lo ricordate più, ma non ve ne faccio di certo una colpa, in questa sezione accogliamo anche gli anziani).
Abbiamo davvero degli ottimi personaggi. Una vera sorpresa, perchè uno da una commedia romantica si aspetta magari dei personaggi poco delineati, o comunque eccessivamente stereotipati, invece sono ben caratterizzati.
Abbiamo la buonissima interpretazione di Eisenberg, perfetto adolescente romantico e intellettuale a tempo perso; buona anche Kristen Stewart, davvero adorabile in praticamente tutto il film.
Infine abbiamo una colonna sonora a dir poco perfetta, nessuna canzone fuori posto e tutte adatte alla situazione. C'è Lou Reed un po' ovunque, che bello!

voto 10+, comunque preciso che l'ho apprezzato solo perchè ho 12 anni.

Rullo
18-06-11, 18:15:10
http://img2.timeinc.net/ew/dynamic/imgs/090108/First-Look/Adventureland-Stewart_l.jpg

Adventureland, di Greg Mottola.


Ma ditemi cosa manca a questo film. Abbiamo tutto, tutto!
Abbiamo una storia d'amore adolescenziale semplice quanto bella, quei primi amori che non si posso dimenticare (a meno che non siate stati giovani troppo tempo fa quindi magari non ve lo ricordate più, ma non ve ne faccio di certo una colpa, in questa sezione accogliamo anche gli anziani).
Abbiamo davvero degli ottimi personaggi. Una vera sorpresa, perchè uno da una commedia romantica si aspetta magari dei personaggi poco delineati, o comunque eccessivamente stereotipati, invece sono ben caratterizzati.
Abbiamo la buonissima interpretazione di Eisenberg, perfetto adolescente romantico e intellettuale a tempo perso; buona anche Kristen Stewart, davvero adorabile in praticamente tutto il film.
Infine abbiamo una colonna sonora a dir poco perfetta, nessuna canzone fuori posto e tutte adatte alla situazione. C'è Lou Reed un po' ovunque, che bello!

voto 10+, comunque preciso che l'ho apprezzato solo perchè ho 12 anni.

beautiful commento <3

mickes2
18-06-11, 18:39:49
(2° visione) Apocalypse now (1979) di Francis Ford Coppola
http://static.guim.co.uk/sys-images/Arts/Arts_/Pictures/2009/3/10/1236684360079/Apocalypse-Now-001.jpg
edit

JT26
18-06-11, 19:38:23
http://img2.timeinc.net/ew/dynamic/imgs/090108/First-Look/Adventureland-Stewart_l.jpg

Adventureland, di Greg Mottola.


Ma ditemi cosa manca a questo film. Abbiamo tutto, tutto!
Abbiamo una storia d'amore adolescenziale semplice quanto bella, quei primi amori che non si posso dimenticare (a meno che non siate stati giovani troppo tempo fa quindi magari non ve lo ricordate più, ma non ve ne faccio di certo una colpa, in questa sezione accogliamo anche gli anziani).
Abbiamo davvero degli ottimi personaggi. Una vera sorpresa, perchè uno da una commedia romantica si aspetta magari dei personaggi poco delineati, o comunque eccessivamente stereotipati, invece sono ben caratterizzati.
Abbiamo la buonissima interpretazione di Eisenberg, perfetto adolescente romantico e intellettuale a tempo perso; buona anche Kristen Stewart, davvero adorabile in praticamente tutto il film.
Infine abbiamo una colonna sonora a dir poco perfetta, nessuna canzone fuori posto e tutte adatte alla situazione. C'è Lou Reed un po' ovunque, che bello!

voto 10+, comunque preciso che l'ho apprezzato solo perchè ho 12 anni.

Essì ma non mi hyppate.

Adoro la Stewart, mi piace Eisenberg, e sono incredibilmente in vena di amori adolescenziali. Se va a finire che non mi piace mi dispiacerebbe troppo, ma me lo segno.