PDA

Visualizza Versione Completa : Ultimo film visto | I commenti sono graditi!



Pagine : 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 [55] 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142

Key Paradise
17-07-11, 14:49:41
Potremmo definirlo un Capolavoro?

:rickds:

Robo@nte
17-07-11, 14:50:54
Potremmo definirlo un Capolavoro?
oddio, proprio no:asd:

Gouki
17-07-11, 14:54:44
Potremmo definirlo un Capolavoro?

Hai qualche problema? Ti da fastidio quel che dico?
Non leggerlo che fai prima.

Key Paradise
17-07-11, 15:19:20
http://files.ilmagodiinternet.webnode.it/system_preview_detail_200000165-7eb4b7fac3/Venere-nera-locandina-film.jpg

venus noire - abdellatif kechiche
pioneristico spettacolo basato sullo sfruttamento del corpo femminile, nel 1810 saarjia bartman si esibisce tra londra e parigi, fonte d'attrazione i suoi enormi glutei, in serate che spesso terminano nelle molestie sessuali. la riflessione sul mondo dello spettacolo è palese, sin troppo didascalica e puntellata di osservazioni al limite del pleonastico (in una scena sarah viene accusata di non essere un'attrice da una sua collega di teatro). la questione razziale sembra ben più banale, ma pare invece spegnersi presto. in sostanza una rappresentazione piuttosto misera di riferimenti o riflessioni, che vede i suoi maggiori pregi in una inaspettata scorrevolezza e in una buona costruzione della protagonista.

medicine bottle
17-07-11, 16:18:05
venus noire - abdellatif kechiche

in settimana me lo vedo pure io, finalmente.

Rullo
17-07-11, 16:26:07
Potremmo definirlo un Capolavoro?


Hai qualche problema? Ti da fastidio quel che dico?
Non leggerlo che fai prima.

suvvia si scherza

http://files.ilmagodiinternet.webnode.it/system_preview_detail_200000165-7eb4b7fac3/Venere-nera-locandina-film.jpg

venus noire - abdellatif kechiche
pioneristico spettacolo basato sullo sfruttamento del corpo femminile, nel 1810 saarjia bartman si esibisce tra londra e parigi, fonte d'attrazione i suoi enormi glutei, in serate che spesso terminano nelle molestie sessuali. la riflessione sul mondo dello spettacolo è palese, sin troppo didascalica e puntellata di osservazioni al limite del pleonastico (in una scena sarah viene accusata di non essere un'attrice da una sua collega di teatro). la questione razziale sembra ben più banale, ma pare invece spegnersi presto. in sostanza una rappresentazione piuttosto misera di riferimenti o riflessioni, che vede i suoi maggiori pregi in una inaspettata scorrevolezza e in una buona costruzione della protagonista.

lo volevo vedere pure io, ma dura 3 ore o sbaglio?

Togg
17-07-11, 17:21:16
http://files.ilmagodiinternet.webnode.it/system_preview_detail_200000165-7eb4b7fac3/Venere-nera-locandina-film.jpg

venus noire - abdellatif kechiche
pioneristico spettacolo basato sullo sfruttamento del corpo femminile, nel 1810 saarjia bartman si esibisce tra londra e parigi, fonte d'attrazione i suoi enormi glutei, in serate che spesso terminano nelle molestie sessuali. la riflessione sul mondo dello spettacolo è palese, sin troppo didascalica e puntellata di osservazioni al limite del pleonastico (in una scena sarah viene accusata di non essere un'attrice da una sua collega di teatro). la questione razziale sembra ben più banale, ma pare invece spegnersi presto. in sostanza una rappresentazione piuttosto misera di riferimenti o riflessioni, che vede i suoi maggiori pregi in una inaspettata scorrevolezza e in una buona costruzione della protagonista.

l'ho appena finito anch'io, fortissima gestione teorica. ottima regia e montaggio. Non mi è sembrato poi tanto misero, anzi. Il problema è che proprio riflessioni così serrate le vedo meglio sulla pagine scritta che filmate.



suvvia si scherza


lo volevo vedere pure io, ma dura 3 ore o sbaglio?

due ore e venticinque

utente 8693
17-07-11, 18:47:33
Ma è Massimo Boldi quello? :o

Lateralus
17-07-11, 18:56:06
Ma è Massimo Boldi quello? :o

ahahah, magari lo fosse... xD

Hushabye
17-07-11, 19:35:59
Ma è Massimo Boldi quello? :o

lol..^^

Gargaros
17-07-11, 19:54:05
L'arco
Dicono che Kim Ki-duk sia il più occidentale dei registi orientali. Devo ancora capire perché lo dicono. Dopo aver visto L'arco però comincio a credere che chi lo dice non stia tanto apposto con la testa.
Un vechio vive su un barcone con una ragazza di 15 anni che lui adottò, avendola trovata (non viene detto dove) nove anni prima, senza dire niente ai genitori. Ed è proprio così, visto che a un certo punto del film viene fuori che la stanno ancora cercando. In ogni caso, il vecchio la cura, la ama come un nonno ama una nipotina, la pulisce, e insomma le vuole un bene dell'anima. Intanto annota i giorni che passato su un calendario, nell'attesa che lei compia 16 anni per poterla sposare! Siccome il barcone viene affittato a pescatori provetti, un giorno arriva un ragazzo che s'innamora della ragazza. Comincia così in lei il desiderio della sessualità e quello di poter vivere la vita altrove, sulla terra ferma e in mezzo all'altra gente (va detto che lei non è mai scesa dal barcone fin da quando fu trovata dal vecchio). Cominciano i primi attriti col vecchio, le litigate furibonde, ma trasmesse con i soli sguardi, perché i due non diranno una parola che sia una durante tutto il film (il silenzio è una caratteristica dei personaggi di Ki-duk). Il vecchio non vuole lasciarla andare, lei vuole, il ragazzo pure. A un certo punto il vecchio tenta il suicidio, la ragazza allora comprende quanta importanza ha per il vecchio, e decide di accontentarlo: si fa sposare. Ma proprio quando stanno per consumare, il vecchio si uccide gettandosi in mare. A questo punto la ragazza viene posseduta carnalmente dallo spirito del vecchio, e che sia una possessione vera lo si capisce dal sangue imenico che impresca la veste bianca. Il vecchio ha avuto quello che voleva, quindi la ragazza è libera e può vivere la sua vita. Fine.
Se Ki-duk fosse occidentale come dicono, questo film sarebbe comprensibile. Invece non si capisce nulla della complessa sequela di simbolismi e metafore orientali che passa a video. L'arco come simbolo di morte, di controllo, di amore, la vecchiaia feconda, la giovinezza fecondata e positiva alla vita... Boh, davvero, è troppo orientale per essere compreso da noi. Il vecchio visto coi nostri occhi non si comporta granché bene: prima cresce una ragazzina con le amorevoli cure del nonno, poi la sposa, poi la possiede in forma di spirito (e lei soffre, he, anche se poi è felice di essere stata liberata); insomma un vecchio occidentale, se si comportasse così, verrebbe criticato da tutti, e qualcuno gli muoverebbe accuse pure ingiuriose. Tanto più che quando il ragazzo cerca di fargli capire che ha sbagliato a crescere così la ragazza e continua a farlo in vista del progetto che ha in testa di realizzare, questi non sente ragione e alla fine ottiene quello che vuole. Il finale soprannaturale, poi, mi sembra così inserito malamente che mi ha fatto ridere, e mi ha lasciato pure interdetto! Insomma, secondo me non è riuscitissimo, come film. Lo dico pure in virtù del fatto che, per gli altri film di Ki-duk, non ho dovuto studiare per afferarrne il senso...

Gouki
18-07-11, 02:29:44
Skyline
Che cesso di film.
Ci fosse una cosa salvabile in questo film, una sola.
Per non parlare del finale, ai limiti del ridicolo.
Che cagata.

Key Paradise
18-07-11, 12:33:15
l'ho appena finito anch'io, fortissima gestione teorica. ottima regia e montaggio. Non mi è sembrato poi tanto misero, anzi. Il problema è che proprio riflessioni così serrate le vedo meglio sulla pagine scritta che filmate.

che intendi per gestione teorica?
per misero intendo esageratamente esplicito, non lascia dubbi sulla posizione di vittima occupata dalla protagonista all'interno della storia. su cosa si dovrebbe riflettere? praticamente l'opera dice tutto. io invece trovo che dal momento che l'essenza del film (spettacolo, sottomissione) sia nelle esibizioni, le immagini hanno comunque un ruolo fondamentale

bambacione81
18-07-11, 13:01:18
Proprio ieri sera mi sono vita in streaming Closer, tra gli interpreti ci sono la roberts, jude law e la portman.molto bello, secondo me.anche s eti fa capire l´assurdita´di certi rapporti d´amore.
vi linko la trama:
http://www.mymovies.it/film/2004/closer/

Decaivi
18-07-11, 14:10:19
Oggi ho avuto il piacere di vedere Shutter Island e The Prestige.
Del primo sono rimasto piacevolmente stupefatto grazie agli ultimi 30 minuti che sono veramente una roba pazzesca, e oltretutto posso finalmente dire che Di Caprio è ora un attore maturo, nonostante prima non riuscissi a sopportarlo. Insomma, Shutter Island era proprio il film che cercavo e lo trovo decisamente meglio di Inception che inizia in una maniera stupefacente ma che finisce con l'afflosciarsi, cosa che nel primo non accade assolutamente dato che ti trasmette ansia dall'inizio alla fine. 9 pieno.
The Prestige è veramente un gran bel film, le interpretazioni di Bale e Jackman sono spettacolari, e la trama l'ho trovata molto originale, anche se non ha un finale che ti lascia con l'amaro in bocca come quelli che piacciono a me dato che tutto alla fine viene svelato. Anche per questo film, 9 pieno.

Aku
18-07-11, 14:37:08
http://paizo.com/image/product/catalog/ADV/ADVDDMJ002_360.jpeg

Il perfido dignitario Odate tradisce e uccide il suo signore Hanabasa e si impadronisce del castello Yamanaka e dei territori ad esso soggetti. Il fedele Kogenta riesce a portare in salvo i figli del Lord spodestato, e li affida alle cure di Shinobu, una sacerdotessa che vive nelle sacre caverne del dio Majin. Mentre il popolo langue, il tiranno prosegue l'incessante caccia agli eredi del legittimo principe, e sembra avere la meglio quando riesce a catturare Kogenta e a massacrare la povera Shinobu.Ma i due giovani trovano il modo di infondere la vita nella statua colossale, e Majin si leva contro Odate ed i suoi perfidi accoliti.
"Sulla cima di una montagna, in Giappone, veglia la statua di pietra di un gigante, guardiano immobile e silenzioso di ciò che accade nelle vallate circostanti. Stiano in guardia i malvagi, perchè in qualsiasi luogo vite innocenti saranno minacciate, e si alzeranno invocazioni di salvezza, là il campione della giustizia si leverà per punire il seme del demonio. Perchè egli è lo spirito della vendetta, e incarna la furia del dio della guerra. E' Daimajin".


Daimajin è senza dubbio un prototipo di Kaiju Eiga [film con i mostri tipo Godzilla-Motra-Gamera] assai atipico e bizzarro, eppure incredibilmente affascinante. Essenzialmente le pellicole sfruttano al meglio la tradizione/leggenda ebraica del Golem, per costruire un trittico fanta-avventuroso con elementi chanbara assai ben realizzato, che continua a riscuotere apprezzamenti e consensi quasi unanimi ancora oggi. L'aspetto favolistico delle tre storie contrasta nettamente con la crudezza del mondo in cui le vicende si svolgono, un Giappone medioevale spietato e violento, nel quale sembra che la giustizia possa affermarsi solo mediante un intervento soprannaturale. La trilogia è molto interessante anche sotto un profilo tecnico: mirabili fx e scenografie accurate rendono Daimajin una piacevole escursione filmica fantasy.
http://www.monstrula.de/news/202/daimajin.jpg

Consigliato agli addetti ai lavori o ai curiosoni ovviamente.
:wush:

Hushabye
18-07-11, 16:16:56
Oggi ho avuto il piacere di vedere Shutter Island e The Prestige.
Del primo sono rimasto piacevolmente stupefatto grazie agli ultimi 30 minuti che sono veramente una roba pazzesca, e oltretutto posso finalmente dire che Di Caprio è ora un attore maturo, nonostante prima non riuscissi a sopportarlo. Insomma, Shutter Island era proprio il film che cercavo e lo trovo decisamente meglio di Inception che inizia in una maniera stupefacente ma che finisce con l'afflosciarsi, cosa che nel primo non accade assolutamente dato che ti trasmette ansia dall'inizio alla fine. 9 pieno.
The Prestige è veramente un gran bel film, le interpretazioni di Bale e Jackman sono spettacolari, e la trama l'ho trovata molto originale, anche se non ha un finale che ti lascia con l'amaro in bocca come quelli che piacciono a me dato che tutto alla fine viene svelato. Anche per questo film, 9 pieno.

personalmente di caprio lo è dai tempi di buon compleanno mr grape,ovvio scorsese abbia aiutato parecchio

See
18-07-11, 17:47:17
Sylvain Chomet | L'illusionista

Da una sceneggiatura di Jacques Tati ritrovata solo di recente, un lungometraggio d'animazione firmato Sylvain Chomet, riflesso dell'arte e del carattere dell'artista francese. Tati, oltre ad essere l'autore della sceneggiatura, l'ispiratore di ogni nota e fotogramma, rivive vestendo i panni animati dello stesso protagonista, almalgamando in questo modo un semplice racconto sul rapporto tra magia e realtà dallo stile delicato, elegante e malinconilco, dove le parole lasciano spazio alla mimica e all'espressività e dove la computer grafica e gli effetti speciali Pixar lasciano spazio alla semplice 'magia' del disegno che prende vita.


http://www.youtube.com/watch?v=mPdLrxxo4mg&feature=fvwrel

AndY_
18-07-11, 18:11:19
Slevin - Patto Criminale

Molto bello, anche se nel finale
speravo in una punizione di Mr. Goodcat

Comunque basta voglio Sin City 2 :cry2:

Decaivi
19-07-11, 01:02:51
http://www.locandinebest.net/imgk/vanilla%20sky.jpg

Visto stasera questo splendido film. Era da molto tempo che avevo in programma la sua visione ma non ero mai riuscito a recuperarlo. Le mie aspettative non sono state deluse, Tom Cruise ha dimostrato ancora una volta di essere un grande attore anche se non ho apprezzato moltissimo il suo doppiaggio... La trama è sicuramente interessante e fino alla fine non mi sarei mai aspettato che il finale sarebbe stato in quel modo, infatti gli ultimi 20 minuti volano che è una bellezza a differenza della prima parte che secondo me va un po' a rilento. Soundtrack eccezionale. Nel complesso un 7 e mezzo lo merita.



personalmente di caprio lo è dai tempi di buon compleanno mr grape,ovvio scorsese abbia aiutato parecchio

Non mi trovo molto d'accordo, a me il Di Caprio che piace è quello da Gangs of New York in poi, e quindi dall'inizio dei lavori con Scorsese, poi ovviamente è questione di gusti...;)

Gouki
19-07-11, 01:30:53
Wristcutters: Una Storia D'Amore
Visto con la mia ragazza e devo dire che mi è piaciuto parecchio.
Una bella e strana commedia, divertente al punto giusto.

Valhalla Rising
Seriamente, io devo ancora capire il senso di questo film di mèrdà.
Inizia che sembra carino, ci troviamo davanti questo guerriero dalla forza disumana che combatte contro altri guerrieri e roba simile.
Lui è tenuto prigioniero da un gruppo di persone, si libera, le trucida a parte un bambino (questo bambino gli da sempre da mangiare) che, una volta risparmiato, decide di seguirlo.
Da qui in poi il nulla. Nessun combattimento. Pochissimi dialoghi (all'inizio pensavo si trattasse di un film muto) e una trama che è di una confusione allucinante.
Non parliamo poi di alcuni pezzi ridicoli che appena li si vedono ci si chiede "Ma il regista prima di girare 'sta mèrdà quanta roba ha sniffato?".
Il finale poi non ha senso (non che il film ne abbia), ma la conclusione è da mettersi le mani nei capelli da quanto fa cagare.
Che porcata.

bambacione81
19-07-11, 10:11:22
Oggi ho avuto il piacere di vedere Shutter Island e The Prestige.
Del primo sono rimasto piacevolmente stupefatto grazie agli ultimi 30 minuti che sono veramente una roba pazzesca, e oltretutto posso finalmente dire che Di Caprio è ora un attore maturo, nonostante prima non riuscissi a sopportarlo. Insomma, Shutter Island era proprio il film che cercavo e lo trovo decisamente meglio di Inception che inizia in una maniera stupefacente ma che finisce con l'afflosciarsi, cosa che nel primo non accade assolutamente dato che ti trasmette ansia dall'inizio alla fine. 9 pieno.
The Prestige è veramente un gran bel film, le interpretazioni di Bale e Jackman sono spettacolari, e la trama l'ho trovata molto originale, anche se non ha un finale che ti lascia con l'amaro in bocca come quelli che piacciono a me dato che tutto alla fine viene svelato. Anche per questo film, 9 pieno.

Leonardo di Caprio, forse anche grazie a Scorsese, ha fatto proprio un salto di qualita´!Shutter Island e´ uno di quei film in cui non c´e´ un minuto in cui pensi"ma quando finira´", ti prende troppo fin dall´inizio!Inception sinceramente non l ho capito, forse perche´ non amo particolarmente i film di fantascienza o forse perche´ non c ho capito proprio niente!!!

supercaso
19-07-11, 11:06:25
51785
c'eravamo tanto amati 1974 Ettore Scola
Bello e nostalgico, comico agrodolce e spesso amaro. Ricordi di un Italia passata. Alternanza tra Bianco e nero e Colore per il salto temporale di 30 anni di vita di tre protagonisti idealisti e non ciascuno con la propria vita e una donna d'amare. Fa sorridere e pensare. Bellissimo film, ocn qualche dilungamento all'italiana che ti fà smettere di pensare, ma interpretato da grandi attori!

Decaivi
19-07-11, 13:35:30
Leonardo di Caprio, forse anche grazie a Scorsese, ha fatto proprio un salto di qualita´!Shutter Island e´ uno di quei film in cui non c´e´ un minuto in cui pensi"ma quando finira´", ti prende troppo fin dall´inizio!Inception sinceramente non l ho capito, forse perche´ non amo particolarmente i film di fantascienza o forse perche´ non c ho capito proprio niente!!!

Beh è ovvio che Scorsese sia stato determinante per una prestazione del genere... Inception è un film che potrebbe essere interpretato in più modi, a causa anche di un finale non chiarissimo...

Aku
19-07-11, 15:34:59
http://www.videofantasylivorno.com/departed.jpg
Mi hanno praticamente obbligato a vederlo ben sapendo che reputo il film originale (INFERNAL AFFAIRS) inarrivabile.


Eh ma che dici ?con tutti quei cinesi...
...Ma va là vuoi mettere "Cin Ciun La con Di Caprio
Scorsese eh ? Scorsese non Tony Te Tin Cul
...Capirai, in quello che dici te ci saranno un sacco di pistolotti volanti...
Non ho mai visto "Infernal Coso" ma questo è meglio.



Nota personale : prox volta gentilmente declinare invito futuro
^^o

Darkanno
19-07-11, 20:02:41
http://www.videofantasylivorno.com/departed.jpg
Mi hanno praticamente obbligato a vederlo ben sapendo che reputo il film originale (INFERNAL AFFAIRS) inarrivabile.

Penso che nel giudizio abbia gravato molto il fatto che sei partito già con la convinzione che questo remake sia inferiore all'originale, io invece reputo il film di Scorsese inarrivabile, ma ovviamente ognuno ha le proprie opinioni ;)


Beh è ovvio che Scorsese sia stato determinante per una prestazione del genere... Inception è un film che potrebbe essere interpretato in più modi, a causa anche di un finale non chiarissimo...

Preciso che il finale di Inception è fatto apposta in quella maniera, dire non chiarissimo mi sembra brutto, quasi come se non si capisse perché è girato male :asd: Il finale è volutamente enigmatico ed a libera interpretazione, parola di Nolan, e ci tengo a precisare che per capire al meglio il film, questo deve essere visto sicuramente più di una volta :sisi:

http://3.bp.blogspot.com/_AGXlKNxtdl8/S1H74fI6z4I/AAAAAAAAA8k/-oVPEYh7Oi4/s400/fantastic-mr-fox-poster.jpg

Visto The Fantastic Mr. Fox, parto dicendo che lo stile grafico ineccepibile, un altro straordinario trionfo per lo Stop Motion, che è una tecnica per cui vado matto dopo aver visto Coraline e Nightmare Before Christmas, il vero punto forte di questo film è però la particolare comicità che la fa da padrone, dall'inizio alla fine, che riesce nell'intento di dare una marcia in più al film, un film per tutti. Voto 7.5

Decaivi
19-07-11, 21:40:36
Preciso che il finale di Inception è fatto apposta in quella maniera, dire non chiarissimo mi sembra brutto, quasi come se non si capisse perché è girato male :asd: Il finale è volutamente enigmatico ed a libera interpretazione, parola di Nolan, e ci tengo a precisare che per capire al meglio il film, questo deve essere visto sicuramente più di una volta :sisi:

Beh si, è ovvio che il finale sia volutamente in quella maniera, mi sono espresso male io...:asd: E da lettore di Stephen King non possono che farmi piacere i finali di questo tipo...:asd:

SL/\Yer
19-07-11, 22:24:39
51785
c'eravamo tanto amati 1974 Ettore Scola
Bello e nostalgico, comico agrodolce e spesso amaro. Ricordi di un Italia passata. Alternanza tra Bianco e nero e Colore per il salto temporale di 30 anni di vita di tre protagonisti idealisti e non ciascuno con la propria vita e una donna d'amare. Fa sorridere e pensare. Bellissimo film, ocn qualche dilungamento all'italiana che ti fà smettere di pensare, ma interpretato da grandi attori!

complimenti davvero, ti sei visto un gran bel film della madonna , un vero CAPOLAVORO !!!!!!





Valhalla Rising
Seriamente, io devo ancora capire il senso di questo film di mèrdà.
Inizia che sembra carino, ci troviamo davanti questo guerriero dalla forza disumana che combatte contro altri guerrieri e roba simile.
Lui è tenuto prigioniero da un gruppo di persone, si libera, le trucida a parte un bambino (questo bambino gli da sempre da mangiare) che, una volta risparmiato, decide di seguirlo.
Da qui in poi il nulla. Nessun combattimento. Pochissimi dialoghi (all'inizio pensavo si trattasse di un film muto) e una trama che è di una confusione allucinante.
Non parliamo poi di alcuni pezzi ridicoli che appena li si vedono ci si chiede "Ma il regista prima di girare 'sta mèrdà quanta roba ha sniffato?".
Il finale poi non ha senso (non che il film ne abbia), ma la conclusione è da mettersi le mani nei capelli da quanto fa cagare.
Che porcata.

in effetti e' un po insipido, vuole emulare aguirre furore di dio in un altra salsa, ma non ha le carte in regola per avvicinarsi al capolavoro di herzog.

cmq si lascia guardare

Rullo
19-07-11, 22:41:36
faccio il lavoro sporco di freccia, contate dei no un po' ovunque

utente 8693
19-07-11, 23:01:09
Valhalla Rising
Seriamente, io devo ancora capire il senso di questo film di mèrdà.
Inizia che sembra carino, ci troviamo davanti questo guerriero dalla forza disumana che combatte contro altri guerrieri e roba simile.
Lui è tenuto prigioniero da un gruppo di persone, si libera, le trucida a parte un bambino (questo bambino gli da sempre da mangiare) che, una volta risparmiato, decide di seguirlo.
Da qui in poi il nulla. Nessun combattimento. Pochissimi dialoghi (all'inizio pensavo si trattasse di un film muto) e una trama che è di una confusione allucinante.
Non parliamo poi di alcuni pezzi ridicoli che appena li si vedono ci si chiede "Ma il regista prima di girare 'sta mèrdà quanta roba ha sniffato?".
Il finale poi non ha senso (non che il film ne abbia), ma la conclusione è da mettersi le mani nei capelli da quanto fa cagare.
Che porcata.
Giue..
Il film è spalmato su troppo screentime, per i contenuti che propone, ma mi sembra che tu sti esgerando un tantino. :asd:
Tra l'altro non vedo come dei combatimenti l'avrebbero salvato :P.

Gouki
19-07-11, 23:37:33
Giue..
Il film è spalmato su troppo screentime, per i contenuti che propone, ma mi sembra che tu sti esgerando un tantino. :asd:
Tra l'altro non vedo come dei combatimenti l'avrebbero salvato :P.

A me ha fatto davvero schifo, non mi è piaciuto proprio.
Troppo palloso e assurdo.

utente 8693
20-07-11, 00:09:54
A me ha fatto davvero schifo, non mi è piaciuto proprio.
Troppo palloso e assurdo.
Allora non vederti mai Lynch :P

Gouki
20-07-11, 01:31:54
La Promessa Dell'Assassino
L'avevo sentito nominare qui sul forum e ho voluto vederlo.
Bellissimo, davvero.
Ottima la trama e com'è raccontata, non mi aspettavo che Nikolai Luzhin fosse un'agente infiltrato e la scena della sauna è veramente fantastica.
Grandissimo film.

z3fir.
20-07-11, 01:44:36
Dylan Dog
voto 5.5

Lateralus
20-07-11, 03:33:30
Per sfortuna che ci sei
Era gratis con grandecinema3. Sulle cose gratis, anche se fanno schifo, non ci si può lamentare :sisi:

Hellbound : Hellraiser II
Meno peggio del primo, troppo confusionario però.

mickes2
20-07-11, 11:01:42
Mysterious Skin (2004) di Gregg Araki
http://www.cinemartmagazine.it/wordpress/wp-content/uploads/2011/04/mysterious-skin-1.jpg
La pedofilia raccontata attraverso gli occhi di due adolescenti, due modi diversi di reagire ad una terribile violenza. Gregg Araki, con una regia poetica e morbosa - perché di morbosità si parla - seziona il dramma e ce ne racconta la varie sfaccettature. Indaga tra le piaghe del trauma attraverso un caleidoscopio di ricordi e flashback intrisi di duro e straziante realismo. Tra genitori distratti e assenti prendono vita l'incubo e l'ossessione, da una parte; la consapevolezza di essere speciali dall'altra. Meravigliosa ed intensa parabola sui ragazzi.


(3° visione) Il monello (1921) di Charles Chaplin
http://www.positanonews.it/publicnew/articles/2008/Gennaio/il-monello_8214.jpg
Poetico e carico di sensibilità, Chaplin racconta una storia sull'abbandono, la cattiveria, la paura, le ingiustizie sociali e culturali. Una danza allegorica e favolistica, emblema della povertà, ricca di immagini dolcissime, delicate e divertenti. Malinconico e pieno di rancore nel narrare uno spaccato di vita della Londra malfamata dell '800. Ci si commuove e si ride nel giro di pochi fotogrammi, tragico (in misura maggiore) e comico sono splendidamente in simbiosi, e sfociano in un magnifico finale onirico dal sapore di fiaba. Capolavoro.

Gouki
20-07-11, 15:29:48
Priest
Che cagata.

Hushabye
20-07-11, 17:27:38
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/8/89/Bloodworth_poster.jpg/220px-Bloodworth_poster.jpg

Drammone familiare, cast all altezza,mi è piaciuto..

Simix92
20-07-11, 18:50:27
A night at Roxurbury.... o come si scrive...

diciamo che mi aspettavo di meglio, sinceramente si prende un 5,5.

Gouki
20-07-11, 19:20:32
Dylan Dog: Dead Of Night
Sono un grandissimo fan di Dylan Dog e lo seguo da tantissimi anni.
Di Dylan Dog in questo "film" c'è solo il titolo.
Io mi chiedo solo una cosa. Perché?
Perché gli americani devono toccare qualcosa che non è loro e rovinarlo? Fatevi i cazzì vostri, no?
Certo che no. Mi prendono il mio fumetto preferito e lo trucidano alla grande.
In questo "film", Dylan è rissoso, spavaldo e pure buffone, cosa che lui non è.
Lo pestano alla grande e lui si rialza sempre e non si fa quasi niente.
Vogliamo parlare dell'assistente? Chi cazzò è questo Marcus? Da dove è uscito?
Vogliamo parlare del maggiolino nero? Vogliamo parlare del fatto che è ambientato a New Orleans e non a Londra?
Vogliamo anche parlare del fatto che nella lingua americana dice "Jackpot" al posto di "Giuda Ballerino"? Vogliamo parlare del fatto che usa un fottuto biglietto da visita con su scritto "No Pulse? No Problem."?
Vogliamo parlare del fatto che Dylan lavora con i mostri? Vogliamo parlare del fatto che in questo "film" non esiste Groucho e non esiste l'ispettore Bloch?
Per gli ultimi due hanno messo una foto all'inizio che li ritraeva, che cosa pessima, per non parlare degli omaggi a Bonelli e Sclavi... Di una tristezza infinita.
Ci sono tantissime altre cose da elencare (quando spara un cazzottone a un lupo mannaro con un tira pugni d'argento o la scena dove sfonda un muro con la macchina e comincia a sparare all'impazzata facendo fuori dei vampiri) ma preferisco risparmiarvele.
Kevin Munroe è da denuncia per aver girato un'oscenità simile, davvero.
Che "film" di mèrdà.

Decaivi
20-07-11, 22:15:50
http://4.bp.blogspot.com/-zYoSEpD3P3w/TbcDx90uGdI/AAAAAAAAAFc/9Mu_AOn150o/s320/la-locandina-di-se-mi-lasci-ti-cancello-8584.jpg

Visto ieri sera. Film carino ma niente di particolare, buona l'interpretazione di Kate Winslet, un po' meno quella di Jim Carrey che a mio avviso non riesce proprio a recitare un pianto cadendo nel ridicolo quando ci prova. Buona colonna sonora, e bella trama anche se a mio avviso finisce con lo stancare dopo un po' dato che si ripetono più o meno sempre le stesse cose, per fortuna il finale fa salire un po' l'attenzione facendoci strappare anche qualche lacrimuccia. 6 e mezzo.

Bakline
21-07-11, 01:07:36
http://4.bp.blogspot.com/-zYoSEpD3P3w/TbcDx90uGdI/AAAAAAAAAFc/9Mu_AOn150o/s320/la-locandina-di-se-mi-lasci-ti-cancello-8584.jpg

Visto ieri sera. Film carino ma niente di particolare, buona l'interpretazione di Kate Winslet, un po' meno quella di Jim Carrey che a mio avviso non riesce proprio a recitare un pianto cadendo nel ridicolo quando ci prova. Buona colonna sonora, e bella trama anche se a mio avviso finisce con lo stancare dopo un po' dato che si ripetono più o meno sempre le stesse cose, per fortuna il finale fa salire un po' l'attenzione facendoci strappare anche qualche lacrimuccia. 6 e mezzo.

Prima regola di spaziofilm: chiamate i film col nome originale
Seconda regola di spaziofilm: dovete sempre chiamare i film col nome originale
Terza regola di spaziofilm: se è la vostra prima sera dovete guardare un film. :sisi:

Gouki
21-07-11, 02:03:21
The Strangers
Un Thriller carico di tensione che lascia col fiato sospeso dall'inizio alla fine.
Mi è piaciuto parecchio.

Hushabye
21-07-11, 10:56:05
http://4.bp.blogspot.com/-zYoSEpD3P3w/TbcDx90uGdI/AAAAAAAAAFc/9Mu_AOn150o/s320/la-locandina-di-se-mi-lasci-ti-cancello-8584.jpg

Visto ieri sera. Film carino ma niente di particolare, buona l'interpretazione di Kate Winslet, un po' meno quella di Jim Carrey che a mio avviso non riesce proprio a recitare un pianto cadendo nel ridicolo quando ci prova. Buona colonna sonora, e bella trama anche se a mio avviso finisce con lo stancare dopo un po' dato che si ripetono più o meno sempre le stesse cose, per fortuna il finale fa salire un po' l'attenzione facendoci strappare anche qualche lacrimuccia. 6 e mezzo.

è un film abbastanza controverso,da amare o odiare...all epoca non entusiasmò tanto manco a me,devo rivederlo..ma sulle interpretazioni non sono d'accordo^^

MEGA
21-07-11, 12:22:27
http://4.bp.blogspot.com/-zYoSEpD3P3w/TbcDx90uGdI/AAAAAAAAAFc/9Mu_AOn150o/s320/la-locandina-di-se-mi-lasci-ti-cancello-8584.jpg

Visto ieri sera. Film carino ma niente di particolare, buona l'interpretazione di Kate Winslet, un po' meno quella di Jim Carrey che a mio avviso non riesce proprio a recitare un pianto cadendo nel ridicolo quando ci prova. Buona colonna sonora, e bella trama anche se a mio avviso finisce con lo stancare dopo un po' dato che si ripetono più o meno sempre le stesse cose, per fortuna il finale fa salire un po' l'attenzione facendoci strappare anche qualche lacrimuccia. 6 e mezzo.

no, no no no
per niente
non ci siamo proprio
argh.

utente 8693
21-07-11, 12:28:54
no, no no no
per niente
non ci siamo proprio
argh.
Argh...omentare.

Decaivi
21-07-11, 14:05:11
Prima regola di spaziofilm: chiamate i film col nome originale
Seconda regola di spaziofilm: dovete sempre chiamare i film col nome originale
Terza regola di spaziofilm: se è la vostra prima sera dovete guardare un film. :sisi:

Vorrà dire che la prossima volta posterò la locandina originale...:asd:



è un film abbastanza controverso,da amare o odiare...all epoca non entusiasmò tanto manco a me,devo rivederlo..ma sulle interpretazioni non sono d'accordo^^

Ma guarda, io non ho nulla da dire riguardo l'interpretazione di Jim Carrey, è solo che lo odio quando piange, secondo me non gli riesce proprio, tutto qui... ;)



no, no no no
per niente
non ci siamo proprio
argh.

Vedi quote sotto...:ahsisi:


Argh...omentare.

Quoto...:ahsisi:

JT26
21-07-11, 19:53:21
I baci mai dati di Roberta Torre

Aaah, erano secoli che non andavo a cinema. Storia di una tredicenne (che tredicenne non sembra) che raggiunge la popolarità nella provincia siciliana. Un cammino tra la fede e la credenza popolare sotto lo sguardo di una trashissima effigie di Madonna.
Vediamo, non fa schifo. Sa essere eccessivo, didascalico, pompato, debole, non evita ahimè la retorica, degradare nella commedia di periferia (a proposito, in Italia il cinema di periferia va come da nessuna parte), sbagliare l'approccio con il pubblico. Ma sa anche essere molto figo, l'incipit (decontestualizzato) è davvero bello, mentre il finale (contestualizzato) per me è caruccio. A me la protagonista è piaciuta, ho sentito critiche in sala, prova complessiva degli attori mh. Non mi è pesato più di tanto, visivamente fa la sua porca figura eh, tra il soggetto e la sua trattazione c'è qualcosa che manca, ma non perde la sufficienza.

Ma parliamo di Erica Mou, il lancio della colonna sonora funziona molto meglio del finale a presunta sorpresa, risveglia da un eventuale torpore, semicommuove, invoglia a godersi i titoli di coda. Oltre le apparenze, oltre le stupide credenze. Idea perfetta, completiva, meravigliosa. **

6,5.


http://www.youtube.com/watch?v=NZm_PH2vbyM

Gouki
22-07-11, 01:48:36
Eternal Sunshine Of The Spotless Mind
L'ho visto con la mia ragazza e non mi è piaciuto molto, sinceramente.
Troppo confusionario, a tratti noioso e sottotono.
Bravissima la Winslet e sempre bravissimo Carrey (che però preferisco quando fa il completo idiota nei film).

JT26
22-07-11, 02:18:27
Eternal Sunshine Of The Spotless Mind
L'ho visto con la mia ragazza e non mi è piaciuto molto, sinceramente.
Troppo confusionario, a tratti noioso e sottotono.
Bravissima la Winslet e sempre bravissimo Carrey (che però preferisco quando fa il completo idiota nei film).

sì vabbè.

Lateralus
22-07-11, 03:35:07
E venne il giorno
L'ho guardato per la seconda volta perchè lo davano in tv ( su Cielo precisamente ).
Caruccio, almeno se guardato in compagnia.

Gargaros
22-07-11, 08:29:05
Visto ieri sera. Film carino ma niente di particolare, buona l'interpretazione di Kate Winslet, un po' meno quella di Jim Carrey che a mio avviso non riesce proprio a recitare un pianto cadendo nel ridicolo quando ci prova. Buona colonna sonora, e bella trama anche se a mio avviso finisce con lo stancare dopo un po' dato che si ripetono più o meno sempre le stesse cose, per fortuna il finale fa salire un po' l'attenzione facendoci strappare anche qualche lacrimuccia. 6 e mezzo.

Non sono d'accordo, su niente. No, sulla Winslet sì. Su tutto il resto no. Jim è fantastico. Non riesce a piangere? Ma cosa dici? Si vede che gli hai cucito addosso la tonaca del comico al punto che se fa il serio ti risulta poco credibile. In questo film si dimostra un grandissimo attore, senza se e senza ma.

Se dici poi "film carino ma nulla di che" dimostri che l'hai capito poco. Può darsi che non hai la sensibilità adatta e quindi non ha toccato in te certe corde.


Prima regola di spaziofilm: chiamate i film col nome originale
Seconda regola di spaziofilm: dovete sempre chiamare i film col nome originale

Ma anche no :asd:

Finiamola con questo luogo comune che tutti i titoli in italiano fanno cagare. E' vero con "se mi lasci ti cancello" (ma più che altro perché sembra un titolo per una commedia, mentre il film è fantastico/drammatico), ma ci sono titoli "tradotti" in ita che sono meglio di quelli originali. Pensa a "Era mio padre", che in americano fa "Road to perdition"... alé, la fiera della scontatezza, oltre che a essere completamente fuori tema (chi è che si perde? Il moccioso non di certo)...

utente 8693
22-07-11, 08:44:36
Pensa a "Era mio padre", che in americano fa "Road to perdition"... alé, la fiera della scontatezza, oltre che a essere completamente fuori tema (chi è che si perde? Il moccioso non di certo)...

http://thafeedback.com/wp-content/uploads/2008/06/208ttt0.jpg

Protip: Perdition è un doppiosenso.
1) Il posto (reale) dove vive la zia da cui il rgazzino va a vivere alla fine e in cui lo sta portando suo padre.
2) La perdizione del padre in senso metaforico.
e
3) era mio padre non significa un *****, se non il solito titolo melenso da 2 soldi.

Gouki
22-07-11, 10:49:02
sì vabbè.

E' un mio parere personale, se non ti sta bene poco m'importa. :asd:

Rullo
22-07-11, 11:33:34
http://thafeedback.com/wp-content/uploads/2008/06/208ttt0.jpg

Protip: Perdition è un doppiosenso.
1) Il posto (reale) dove vive la zia da cui il rgazzino va a vivere alla fine e in cui lo sta portando suo padre.
2) La perdizione del padre in senso metaforico.
e
3) era mio padre non significa un *****, se non il solito titolo melenso da 2 soldi.

:rickds:
quoto

Gouki
22-07-11, 12:41:52
Hatchet 2
Il primo era una figata assurda e questo è una figata allo stesso modo.
E' un gran film horror, ti diverte dall'inizio alla fine e le uccisioni sono un qualcosa di assurdo e brutale.
Spero facciano un terzo film perché amo questa Saga, Victor Crowley è diventato un'icona Horror grazie a questi due grandi film.

Lady
22-07-11, 15:04:02
Colpo di fulmine - Il mago della truffa (eng I love you Phillip Morris)

Jim Carrey rimane sempre tra i mei attori comici preferiti, e anche in questo film non si smentisce. Non è il suo migliore ma è una visione che consiglio un pò a tutti, nella parte conclusiva perde buona parte del carisma iniziale ma tutto sommato il finale non stona.
Dai, per sorridere e intrattenersi una serata

Decaivi
22-07-11, 15:11:53
Non sono d'accordo, su niente. No, sulla Winslet sì. Su tutto il resto no. Jim è fantastico. Non riesce a piangere? Ma cosa dici? Si vede che gli hai cucito addosso la tonaca del comico al punto che se fa il serio ti risulta poco credibile. In questo film si dimostra un grandissimo attore, senza se e senza ma.

Se dici poi "film carino ma nulla di che" dimostri che l'hai capito poco. Può darsi che non hai la sensibilità adatta e quindi non ha toccato in te certe corde.

Ma io l'ho scritto che alla fine mi ha fatto strappare qualche lacrima, il punto è che alla fine diventa in parte noioso dato che il film si rigira sempre sulla stessa cosa per terminare con un finale scontato. E comunque su Jim Carrey non ho cucito la tonaca del comico dato che i miei suoi film preferiti sono Man on the moon e The Truman Show, a me sembra scontato e senza se e senza ma il fatto che lui non riesca a piangere, poi ovviamente è questione di gusti, tutti qui ;)

utente 8693
22-07-11, 15:44:06
Colpo di fulmine - Il mago della truffa (eng I love you Phillip Morris)

Jim Carrey rimane sempre tra i mei attori comici preferiti, e anche in questo film non si smentisce. Non è il suo migliore ma è una visione che consiglio un pò a tutti, nella parte conclusiva perde buona parte del carisma iniziale ma tutto sommato il finale non stona.
Dai, per sorridere e intrattenersi una serata
Un film abbastanza dimenticabile, ma devo dire che il colpo di scena finale mi ha fregato in pieno. :asd:

Lady
22-07-11, 17:34:28
Un film abbastanza dimenticabile, ma devo dire che il colpo di scena finale mi ha fregato in pieno. :asd:

Di certo non è un capolovaro ma è guardabile, soprattutto per la bravura di jim carrey che tiene il piedi il film.. Si comunque avviandosi al finale sembrava scadere molto, per poi sorprendere xD

Gargaros
22-07-11, 18:35:46
http://thafeedback.com/wp-content/uploads/2008/06/208ttt0.jpg

Protip: Perdition è un doppiosenso.
1) Il posto (reale) dove vive la zia da cui il rgazzino va a vivere alla fine e in cui lo sta portando suo padre.
2) La perdizione del padre in senso metaforico.
e
3) era mio padre non significa un *****, se non il solito titolo melenso da 2 soldi.

Il padre si perde? :rotfl:

Ma per favore :asd:

La verità è che siete convinti. E la convinzione vi limita il senso critico.

Hushabye
22-07-11, 19:11:34
Colpo di fulmine - Il mago della truffa (eng I love you Phillip Morris)

Jim Carrey rimane sempre tra i mei attori comici preferiti, e anche in questo film non si smentisce. Non è il suo migliore ma è una visione che consiglio un pò a tutti, nella parte conclusiva perde buona parte del carisma iniziale ma tutto sommato il finale non stona.
Dai, per sorridere e intrattenersi una serata
144 anni di carcere,poverino:kep88:

SL/\Yer
23-07-11, 02:11:16
a me sembra scontato e senza se e senza ma il fatto che lui non riesca a piangere, poi ovviamente è questione di gusti, tutti qui ;)


mi sa che non hai visto the ethernal sunshine on the spotless mind

Gouki
23-07-11, 02:35:41
Blade
Visto con la mia ragazza e questo è il mio capitolo preferito della trilogia.
Una figata dall'inizio alla fine, pieno di azione e con un buona dose d'ironia che rende godevole e divertente la visione.

Dead End
Devo ancora capire bene in che genere catalogarlo ma due sono le cose sicure.
La prima è che fa spaccare dal ridere e la seconda è che è una figata assurda di film.
E' svolto troppo bene e l'ambientazione sa il fatto suo.
Ottimo il finale che vi spiazza alla grande.
Ovviamente lo consiglio.

Lateralus
23-07-11, 02:35:46
28 giorni dopo
Tutto sommato mi è piaciuto, la vicenda principale dell'infezione ecc ecc è qualcosa di già visto. Però tutto ciò che le ruota intorno è molto interessante.

Trick or treat - Morte a 33 giri
Così così, è pur un film vecchiotto, però ha la sua particolarità che lo rende piacevole, che è il carattere rock in ogni dove.

Lateralus
23-07-11, 16:59:16
The Wizard of Gore 1970 di Herschell Gordon Lewis.

La cosa migliore di questo strampalato horror del papà del gore va ricercata nell'astrusa capacità di confondere realtà e sogno,mettendo in scena uno spettacolo degno di un baraccone da fiera.Ripetitivo,balzano e pedante,diretto coi piedi e interpretato col culo.E bravo Lewis:il vero mago sei sempre tu!Da applausi i soliti pecorecci effettacci gore.Solo per appassionati irriducibili e diabolici.



sto immaginando i lavori sul set :rickds:

Ctekcop
23-07-11, 20:35:23
ho rivisto (per l'ennesima volta visto che è uno dei rarissimi titoli che ho in DVD)

IL NEMICO ALLE PORTE

http://www.mymovies.it/filmclub/2001/02/010/locandinapg1.jpg

http://img524.imageshack.us/img524/6296/screenmnj.jpg

E devo ribadirlo che si tratta di un bel film.

Paolo.o
23-07-11, 21:00:10
2012.

C'è poco da dire... belli gli effetti speciali, ma troppo scontato. Di Emmerich ho preferito di gran lunga The Day after Tomorrow :sisi:.
6.

Key Paradise
24-07-11, 00:22:57
http://www.chud.com/wp-content/uploads/2011/01/vanishing_on_seventh_street_ver2.jpg

vanishing on 7th street - brad anderson
in pratica un post-apocalittico con variazione al tema: l'apocalisse rappresentata dall'oscurità, inghiotte chiunque non sia nei pressi di una fonte di luce. l'idea è fica, le sequenze delle varie scomparizioni anche, l'atmosfera è a portata di mano. per il resto, il film si chiude ben presto all'interno di quattro mura perdendo molto d'interesse e pathos, purtroppo. tante troppe parole.

medicine bottle
24-07-11, 02:07:54
http://img828.imageshack.us/img828/8572/pollsilove80s4436969997.jpgla settimana, visto che rullo mi vuole stalkerare

esame di arte contemporanea - *****
freccia, unipd, 2011.

a history of violence - ***+
david cronemberg, usa/germania, 2005.

into the wild - ***
sean penn, usa, 2007.

1997: fuga da new york - **
john carpenter, usa/uk, 1979.

lui - ***+
luis bunuel, messico, 1953.

cinematografo estate - *
gigggi marzullo, raiminzolini, ora.

qualche "no" sparso < 3

Lateralus
24-07-11, 02:09:20
Buried
Sono (molto,molto) claustrofobico. Ho ancora i brividi e l'ansia addosso.
Ho fatto lammerda. :tristenev:

Detto questo:
magari chi non è nella mia situazione si è annoiato per tutto il film.
Io, purtroppo, sono ''di parte'' e devo dire che è un buon film, non un capolavoro, ma buono lo stesso.
Oggettivamente però mi è piaciuto. Sia per l'idea, che per la realizzazione. Sia per la prova del protagonista e annesso doppiatore italiano. Sia per tutto ciò che si svolge attorno alla bara, collegato all'interno da un telefono.

Rullo
24-07-11, 02:29:28
http://img828.imageshack.us/img828/8572/pollsilove80s4436969997.jpgla settimana, visto che rullo mi vuole stalkerare

esame di arte contemporanea - *****
freccia, unipd, 2011.

a history of violence - ***+
david cronemberg, usa/germania, 2005.

into the wild - ***
sean penn, usa, 2007.

1997: fuga da new york - **
john carpenter, usa/uk, 1979.

lui - ***+
luis bunuel, messico, 1953.

cinematografo estate - *
gigggi marzullo, raiminzolini, ora.

qualche "no" sparso < 3

yeeeee <3

mickes2
24-07-11, 03:01:28
1997: fuga da new york - **
john carpenter, usa/uk, 1979.


così poco?

utente 8693
24-07-11, 05:27:38
into the wild - **
sean penn, usa, 2007.

1997: fuga da new york - ***
john carpenter, usa/uk, 1979.
Al limite.

SL/\Yer
24-07-11, 10:08:38
Buried
Sono (molto,molto) claustrofobico. Ho ancora i brividi e l'ansia addosso.
Ho fatto lammerda. :tristenev:

Detto questo:
magari chi non è nella mia situazione si è annoiato per tutto il film.
Io, purtroppo, sono ''di parte'' e devo dire che è un buon film, non un capolavoro, ma buono lo stesso.
Oggettivamente però mi è piaciuto. Sia per l'idea, che per la realizzazione. Sia per la prova del protagonista e annesso doppiatore italiano. Sia per tutto ciò che si svolge attorno alla bara, collegato all'interno da un telefono.

no no che noia altroche', e' un gran bel film .

non e' da tutti tenere incollati allo schermo, in un film che ha come unica location una cassa, poi e' pure ben congeniato,privo di tempi morti

utente 8693
24-07-11, 11:16:17
Il padre si perde? :rotfl:

Ma per favore :asd:

La verità è che siete convinti. E la convinzione vi limita il senso critico.
Ma convinti di cosa? :asd:
Manco sapevi che la città in cui stanno anando si chiama perdition e mò ti arrampichi sugli specchi come un macaco con le ventose, sù :.bip:

Hushabye
24-07-11, 12:07:25
[IMS]
into the wild - ***
sean penn, usa, 2007.

sia lodato sean penn:hail:

http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/a/a1/Neverletmegoposterquad.jpg/220px-Neverletmegoposterquad.jpg
lasciate ogni speranza o voi che entrate, probabilmente questo è il cartello appeso a Hailsham...una crudele storia di sacrificio e sofferenza concentrata nell urlo struggente di Tommy..

Gargaros
24-07-11, 13:32:51
Ma convinti di cosa? :asd:
Manco sapevi che la città in cui stanno anando si chiama perdition e mò ti arrampichi sugli specchi come un macaco con le ventose, sù :.bip:

Infatti non lo sapevo, pur avendo visto il film (che, tra l'altro, è mediocre). Non ricordavo questo particolare.

Che resta comunque un particolare a sé. "Road to perdition" è comunque un titolo brutto. E' un'indicazione, sterile, senza sostanza. Specialmente per il tipo di film che vuole essere, è un titolo brutto, senza sfumature.

Al contrario, devi essere uno sciocchino per non sentire quanta malinconia e nostalgia c'è nel titolo "Era mio padre".

Macaco glielo dici al tizio che vedi nello specchio, grazie. E resto convinto (a ragione, IO!) che questa storia che i titoli inglesi sono SEMPRE migliori è una di quelle idee stupidissime di una gioventù troppo inglesizzata.

lo squallor man
24-07-11, 13:43:09
ho visto l'ultimo dei templari...
un buon film, nicolas cage ottimo come al solito :sisi:

Raxor
24-07-11, 13:55:46
ho visto l'ultimo dei templari...
un buon film, nicolas cage ottimo come al solito :sisi:

http://www.nioutaik.fr/images/galerie/not-sure-if-serious.jpg

Lateralus
24-07-11, 13:57:03
http://www.nioutaik.fr/images/galerie/not-sure-if-serious.jpg

sta trollando spero :tristenev:

lo squallor man
24-07-11, 13:57:51
sta trollando spero :tristenev:

non mi è sembrato tutto sto schifo :sisi:

frozenliger
24-07-11, 14:01:00
IL RITO con Anthony Hopkins.

Lateralus
24-07-11, 14:06:08
non mi è sembrato tutto sto schifo :sisi:

E' il peggior / uno dei peggiori film del 2011 :asd:
A partire dal titolo. Hanno usato la solita solfa dei templari per attirare gente, ma non ci sono templari nell'azione principale nè tantomeno Cage è l'ultimo templare (non è l'ultimo perchè ce n'erano migliaia, non è nemmeno un templare perchè ha disertato). Il titolo originale è Season of the witch, infatti si parla di streghe non di templari.
Poi anche come film in sè non mi sembra granchè, visivamente è fatto bene ( tranne la parrucca di Nicolas Cage :asd: ) però la trama è banalissima e noiosa secondo me. Si può vedere se proprio non c'è altro o se è gratis (io l'ho visto nel secondo caso).

SL/\Yer
24-07-11, 14:26:33
Infatti non lo sapevo, pur avendo visto il film (che, tra l'altro, è mediocre). Non ricordavo questo particolare.

Che resta comunque un particolare a sé. "Road to perdition" è comunque un titolo brutto. E' un'indicazione, sterile, senza sostanza. Specialmente per il tipo di film che vuole essere, è un titolo brutto, senza sfumature.

Al contrario, devi essere uno sciocchino per non sentire quanta malinconia e nostalgia c'è nel titolo "Era mio padre".

Macaco glielo dici al tizio che vedi nello specchio, grazie. E resto convinto (a ragione, IO!) che questa storia che i titoli inglesi sono SEMPRE migliori è una di quelle idee stupidissime di una gioventù troppo inglesizzata.

se mi parli di doppiaggio sono daccordo ma per quanto riguarda i titoli totalmente storpiati hai torto, non se ne salva uno.
E la gioventu' inglesizzata, non centra assolutamente niente

utente 8693
24-07-11, 14:26:45
Infatti non lo sapevo, pur avendo visto il film (che, tra l'altro, è mediocre). Non ricordavo questo particolare.

Che resta comunque un particolare a sé. "Road to perdition" è comunque un titolo brutto. E' un'indicazione, sterile, senza sostanza. Specialmente per il tipo di film che vuole essere, è un titolo brutto, senza sfumature.

Al contrario, devi essere uno sciocchino per non sentire quanta malinconia e nostalgia c'è nel titolo "Era mio padre".

Macaco glielo dici al tizio che vedi nello specchio, grazie. E resto convinto (a ragione, IO!) che questa storia che i titoli inglesi sono SEMPRE migliori è una di quelle idee stupidissime di una gioventù troppo inglesizzata.
Sì, peccato che tu parti con i pregiudizi su gli altri (gioventù troppo inglesizzata?) e preconcetti tutti tuoi, basati non si sa su cosa.

Io invece ti porto un fatto, ovvero che Road to Perdition ha un doppio significato, "Era mio padre" ha giusto il gusto malinconico e melenso della frase in sè.
Aldilà di quale poi a te piaccia di più (e non mi riguarda) qui l'unico FATTO, è che hai fatto un'analisi parziale (per palese mancanza di informazioni) del titolo originale, sentenziando a destra e a manca.
Tutto il resto, giovani inglesizzati, fissa per volere i titoli inglesi (titoli originali =/= titoli inglesi, approposito) sono tue personalissime elucubrazioni e paranoie basate sul nulla, perlomeno in questa discussione.


se mi parli di doppiaggio
Questo è un discorso ancora a parte, anche se io aborro pure il doppiaggio.
Ma sono due punti diversi.
La questione titoli a me interessa poco, gli ho solo fatto notare la miopia con cui ha analizzato "road to perdition".
Sul doppiaggio il discorso è ben più profondo.

Fr@ncesco
24-07-11, 14:30:17
Purtroppo ho visto Le colline hanno gli occhi 2, il remake del primo non era male, almeno ricordo così, ma questo secondo capitolo è quanto di peggio abbia mai visto. Trama zero ma forse è il difetto minore, "mostri" ridicoli, fotografia pessima. Ad essere proprio buoni 4-.

Invece vorrei spezzare una lancia a favore di the descent 2 che nonostante il riciclo di idee non è così pessimo come leggevo. 6+

Aku
24-07-11, 15:26:29
Priest
Che cagata.
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/1/1f/Priest_Cover.png
Ennesimo stupro degli amerigani, il manwa (manga coreano) è sublime e con uno stile pazzesco.
Se si mettettero le mani in .... dalle parti USA, sarebbe meglio.

Ah sì, visto THE LAST AIRBENDER.
A me piace tutto di Shymalaaaan ma questo robo è terrificante, la serie anime sarà anche un culto, ma questa roba è oscena da qualunque punto di vista lo si voglia guardare, un film fuori tempo massimo, negli anni 90 l'avrei digerito meglio.

---------- Post added at 15:26:29 ---------- Previous post was at 15:17:13 ----------


Penso che nel giudizio abbia gravato molto il fatto che sei partito già con la convinzione che questo remake sia inferiore all'originale, io invece reputo il film di Scorsese inarrivabile, ma ovviamente ognuno ha le proprie opinioni ;)



Preciso che il finale di Inception è fatto apposta in quella maniera, dire non chiarissimo mi sembra brutto, quasi come se non si capisse perché è girato male :asd: Il finale è volutamente enigmatico ed a libera interpretazione, parola di Nolan, e ci tengo a precisare che per capire al meglio il film, questo deve essere visto sicuramente più di una volta :sisi:

http://3.bp.blogspot.com/_AGXlKNxtdl8/S1H74fI6z4I/AAAAAAAAA8k/-oVPEYh7Oi4/s400/fantastic-mr-fox-poster.jpg

Visto The Fantastic Mr. Fox, parto dicendo che lo stile grafico ineccepibile, un altro straordinario trionfo per lo Stop Motion, che è una tecnica per cui vado matto dopo aver visto Coraline e Nightmare Before Christmas, il vero punto forte di questo film è però la particolare comicità che la fa da padrone, dall'inizio alla fine, che riesce nell'intento di dare una marcia in più al film, un film per tutti. Voto 7.5

A questo punto, e con questa risposta, c'è ben poco da replicare.
^^o

Gargaros
24-07-11, 15:56:58
per quanto riguarda i titoli totalmente storpiati hai torto, non se ne salva uno.

Cero, certo. Hai ragione.


Sì, peccato che tu parti con i pregiudizi su gli altri (gioventù troppo inglesizzata?) e preconcetti tutti tuoi, basati non si sa su cosa.

Pregiudizi? Preconcetti? Ti rendi conto che oggi si preferisce far uso di termini inglesi in sostituzione di quelli italiani solo perché c'è la moda che fa più figo e moderno? :asd:


Io invece ti porto un fatto, ovvero che Road to Perdition ha un doppio significato, "Era mio padre" ha giusto il gusto malinconico e melenso della frase in sè.

Certo, il fatto che a te suona meglio solo perché ha un doppio senso. C'è il senso pratico della detinazione e c'è quello metaforico della perdizione umana. Peccato solo che io la perdizione del padre non la vedo proprio. Non c'è. Compie una vendetta, viene ucciso, ma intanto ha salvato il figliolo dal divetare a sua volta un assassino. Sta perdizione dove sta? Lo sai almeno che significa "perdizione"?

La perdizione è un tema abusatissimo, caro mio. Infatti prima l'ho criticato come la fiera della banalità. Qui viene usato pure per fare la metafora che, però, appunto perché non c'è perdizione, risulta inutile e fuori luogo.

Quindi l'unica valenza obiettivamente certa è quella dell'indicazione del luogo. Una cosa sterile, fredda, senza senso in un film come questo.

"Era mio padre" può sembrarti melenso quanto vuoi, ma non stai negando che non abbia più "sostanza" del titolo originale. Se capisci cosa intendo (ma mi sa di no)...



Aldilà di quale poi a te piaccia di più (e non mi riguarda) qui l'unico FATTO, è che hai fatto un'analisi parziale (per palese mancanza di informazioni) del titolo originale, sentenziando a destra e a manca.

Veramanete ho argomentato degnamente fin dall'inizio. Ho detto che era un titolo banale per la metafora (la letteratura e il cinema, ripeto, sono pieni di perdizioni varie e assortite). Non ricordavo che ci fosse anche il luogo, ma il mio giudizio non cambia. E' banale per la metafora (oltre che inutile) ed è bruttino per l'altro senso.


titoli originali =/= titoli inglesi, approposito

La strada per Perdizione... brrr :asd:

frozenliger
24-07-11, 16:26:45
sto' cercando di sorbirmi forzatamente la replica di silver hawk sul digitale...quanto sono ridicoli gli attori nipponici/coreani quando simulano mosse devastanti di arti marziali me ne rendo conto sempre di piu', piu' gli anni passano inesorabili.Come c**** si fa a colpire con un calcio volante su rincorsa, sorridendo? :wush:

SL/\Yer
24-07-11, 16:49:47
Ennesimo stupro degli amerigani, il manwa (manga coreano) è sublime e con uno stile pazzesco.
Se si mettettero le mani in .... dalle parti USA, sarebbe meglio.


oh ***** io ero convinto che avessero preso un fumetto americano a me sconosciuto come spunto O____O

***** durante il film mi chiedevo ma non potevano ispirarsi al manga di priest. e ora che tu mi dici che e' ispirato al manga mi cadono le palle,
azz non centra un emerita minchi, azz quello era un capolavoro blasfemo in salsa western


Cero, certo. Hai ragione.




non so gargaros fammi un esempio di titolo ritradotto che sia decente

utente 8693
24-07-11, 16:51:46
Vabbè, la moda dell'inglese a me non interessa e la storia dei titoli originali manco mi preme più di tanto, come ho detto.
Ma la perdizione nel film c'è.
La perdizione è su più livelli:
Il primo evidenzia il viaggio come abbiamo detto (alla città).
Il secondo è quello del padre che nonostante i ripetuti allarmi, non si tira indietro dalla vendetta, mettendo a repentaglio la vita del figlio e sua (infatti gli viene offerta la possibilità di ripartire da zero, ma lui la rifiuta, appunto per compiere la vendetta, questo PRIMA che gli mettano alle costole Jude Law).
L'ultimo (fondamentale), è quello del mondo stesso della criminalità, che perde ogni minimo valore, e si corrompe sempre di più (infatti il film sottolinea abbastanza forte, il passaggio da uomini come Tom hanks e Paul Newman e la nuova "mala" che si svende che è senza ritegno, che uccide anche i bambini ecc ecc).

La perdizione c'è eccome.
Tema banale? Indubbiamente, ma è pur sempre un tema portante del film, e qui non stiamo giudicando il film, ma l'attinenza del titolo.
Era mio padre è un titolo molto più ristretto, solo relativo al ricordo nostalgico del figlio verso il padre, "nonostante tutto" (per altro concetto anch'esso parecchio banale, il: "era quello che era, ma gli volevo bene perchè era mio padre").

SL/\Yer
24-07-11, 16:58:22
ops doppio post

Gargaros
24-07-11, 17:04:57
L'ultimo (fondamentale), è quello del mondo stesso della criminalità, che perde ogni minimo valore, e si corrompe sempre di più (infatti il film sottolinea abbastanza forte, il passaggio da uomini come Tom hanks e Paul Newman e la nuova "mala" che si svende che è senza ritegno, che uccide anche i bambini ecc ecc).

Scusa, Utente, ma per me stai dicendo solo immonde minchiate. Che non voglio neanche controbattere.

Ti riporto solo il significato di "perdizione" che c'è nel mio dizionario:

perdizione
[vc. dotta, lat. tardo perditione(m), da perditus. V. perdita; 1268]
s. f.
1 Rovina morale, dannazione dell'anima: il vizio lo condurrà alla perdizione; gli amici lo trascinano alla perdizione | (relig.) Dannazione.

Ora, io ignoro se in USA ci sono delle accezioni che rendono il titolo adatto anche per la valenza metaforica. Se ci fossero, a maggior ragione hanno fatto bene a cambiarlo in italiano, perché come faccio fatica a collegarlo al film in originale, lo avrei trovato fuori luogo pure tradotto. Per questo per me il titolo puzza di gratuito e scontato lontano un miglio: perché conosco il significato di quella parola, e ho capito che nel film non c'è nessuna perdizione.

A sto punto, dimentichiamoci la valenza metaforica e diamogli per unico motivo quello del luogo. Per me risulta freddo e privo di emotività, ma potrebbe anche essere una cosa soggettiva.

utente 8693
24-07-11, 17:08:40
Rovina morale, dannazione dell'anima: il vizio lo condurrà alla perdizione

il passaggio da uomini come Tom hanks e Paul Newman e la nuova "mala" che si svende che è senza ritegno, che uccide anche i bambini ecc ecc
no comment.

Gargaros
24-07-11, 17:14:54
no comment.

E io ti ripeto come sopra: stai dicendo immonde minchiate :asd:

La mala non ha mai avuto "etica", non è mai stata "pura" o "corretta". Anche negli anni 20. Ammazzavano i bambini come ammazzavano le donne e gli innocenti complessivamente.

Sei davvero sicuro di quello che dici? :asd:

SL/\Yer
24-07-11, 17:22:11
Per questo per me il titolo puzza di gratuito e scontato lontano un miglio: perché conosco il significato di quella parola, e ho capito che nel film non c'è nessuna perdizione.



scusa ma che film hai visto???

non c'e' nessuna perdizione? te lo sei trovato anche da solo il significato dannazione dell'anima, dannazione .
a tom hanks gli viene sterminata la famiglia, non e' per te una dannazzione il fatto che a causa della natura del suo lavoro , a perso tutto cio' che a lui era caro , a eccezione di un figlio che protegge fino alla morte.

Rullo
24-07-11, 17:26:15
era mio padre invece ha molto senso

Aku
24-07-11, 17:36:17
oh ***** io ero convinto che avessero preso un fumetto americano a me sconosciuto come spunto O____O

***** durante il film mi chiedevo ma non potevano ispirarsi al manga di priest. e ora che tu mi dici che e' ispirato al manga mi cadono le palle,
azz non centra un emerita minchi, azz quello era un capolavoro blasfemo in salsa western




non so gargaros fammi un esempio di titolo ritradotto che sia decente

Esatto, gli americans sono noti e apprezzati per le loro immense doti con comprovate abilità di spegnitura massificata del cervello, l'estirpazione di ogni pensiero valenza/critica/ragionamento e il naturale ricongiungimento/rimpiazzamento di ogni elemento con colpi di pistola e/o salti sui sassi volanti e/o esplosioni (non verdi).
Prendi una qualunque storia, da una qualunque cultura, la storia sia underground o no non ce ne frega, prendi una storia non sia "loro", toh, capita giusto il Dylan Dog (tanto per dire) o i Transminchia (non proprio usa..) E vedrai l'insostenibile leggrezza del nulla del loro cinema.
A parte i loro comix di ***** (eccezione per Batman e altri pochissime strisce) tutto ciò che toccano a livello di interpretazione si trasforma in parossistica mervda.
Tolti quei 50 registi di culto il cinema usa non ha un *****.
Gente come questa qui non merita neanche l'appellativo di "regista" eddai, torna a giocare tra pizze e tombini.
http://www.mymovies.it//filmclub/registi/21056.jpg

Rullo
24-07-11, 17:45:15
Esatto, gli americans sono noti e apprezzati per le loro immense doti con comprovate abilità di spegnitura massificata del cervello, l'estirpazione di ogni pensiero valenza/critica/ragionamento e il naturale ricongiungimento/rimpiazzamento di ogni elemento con colpi di pistola e/o salti sui sassi volanti e/o esplosioni (non verdi).
Prendi una qualunque storia, da una qualunque cultura, la storia sia underground o no non ce ne frega, prendi una storia non sia "loro", toh, capita giusto il Dylan Dog (tanto per dire) o i Transminchia (non proprio usa..) E vedrai l'insostenibile leggrezza del nulla del loro cinema.
A parte i loro comix di ***** (eccezione per Batman e altri pochissime strisce) tutto ciò che toccano a livello di interpretazione si trasforma in parossistica mervda.
Tolti quei 50 registi di culto il cinema usa non ha un *****.
Gente come questa qui non merita neanche l'appellativo di "regista" eddai, torna a giocare tra pizze e tombini.
http://www.mymovies.it//filmclub/registi/21056.jpg

:rickds:

utente 8693
24-07-11, 17:46:52
E io ti ripeto come sopra: stai dicendo immonde minchiate :asd:

La mala non ha mai avuto "etica", non è mai stata "pura" o "corretta". Anche negli anni 20. Ammazzavano i bambini come ammazzavano le donne e gli innocenti complessivamente.

Sei davvero sicuro di quello che dici? :asd:
Ma mi prendi in giro?
Stiamo parlando delle tematiche DEL FILM, non di quelle della realtà.
Il film rappresenta Hanks e Newman come uomini d'onore della vecchia guardia e gli altri come gente senza codice, senza scrupoli.
Vero o non vero il film così li rappresenta, quindi la tematica c'è.

Hushabye
24-07-11, 18:04:02
aku domani notte fammi compagnia sparandoti anche tu Vampire hunter D ...non lo vedo da troppo tempo :)

Gargaros
24-07-11, 18:04:58
scusa ma che film hai visto???

non c'e' nessuna perdizione? te lo sei trovato anche da solo il significato dannazione dell'anima, dannazione .
a tom hanks gli viene sterminata la famiglia, non e' per te una dannazzione il fatto che a causa della natura del suo lavoro , a perso tutto cio' che a lui era caro , a eccezione di un figlio che protegge fino alla morte.


Ma mi prendi in giro?
Stiamo parlando delle tematiche DEL FILM, non di quelle della realtà.
Il film rappresenta Hanks e Newman come uomini d'onore della vecchia guardia e gli altri come gente senza codice, senza scrupoli.
Vero o non vero il film così li rappresenta, quindi la tematica c'è.

Voi state fuori. Completamente.

Il significato di perdizione sta lì, ve l'ho messo. Sappiatelo leggere, prima che intepretarlo.

Tom non perde NULLA nella propria anima, perde la famiglia! Era un padre amorevole e un marito gentile. Non diventa IL CONTRARIO con la morte dei cari.

Ma le medie le avete fatte (specialmente tu, Slayer)? Non ci vuole una laurea in letteratura per capire cosa significa "rovina morale"...

E certo ce ne vuole per attribuire un senso morale a dei mafiosi "ante-litteram" (e pure quelli del film, eh) :asd:

Oh, non ha più senso continuare. Sapete che vi dico?


http://www.youtube.com/watch?v=T9QeVKetFoM

Hushabye
24-07-11, 18:18:58
Voi state fuori. Completamente.


non penso arriverete mai ad un accordo ^^

p a n z e r
24-07-11, 18:20:06
non penso arriverete mai ad un accordo ^^

ma lasciali continuare. se vuoi ti do un po' dei miei pop corn :sisi:

JT26
24-07-11, 18:22:44
Voi state fuori. Completamente.

Il significato di perdizione sta lì, ve l'ho messo. Sappiatelo leggere, prima che intepretarlo.

Tom non perde NULLA nella propria anima, perde la famiglia! Era un padre amorevole e un marito gentile. Non diventa IL CONTRARIO con la morte dei cari.

Ma le medie le avete fatte (specialmente tu, Slayer)? Non ci vuole una laurea in letteratura per capire cosa significa "rovina morale"...

E certo ce ne vuole per attribuire un senso morale a dei mafiosi "ante-litteram" (e pure quelli del film, eh) :asd:

Oh, non ha più senso continuare. Sapete che vi dico?


http://www.youtube.com/watch?v=T9QeVKetFoM

Mah, guarda, ricorri anche alle definizioni italiane di un termine inglese. A me sembra ti sia stato detto di tutto, continui ad incentrarti sul protagonista e a non cogliere il film nel suo panorama e contesto più ampio. D'altronde è lo stesso procedimento utilizzato dai traduttori italiani nello scegliere "Era mio padre" come titolo, quindi tutti d'accordo. Hai le tue ragioni.

E comunque temo tu non abbia colto la differenza tra titoli inglesi e titoli originali. Quindi anche se a 16 anni metto le magliette con le stampe e gli occhialoni non vuol dire che io preferisca sempre il titolo inglese, dipende dall'origine del film.

utente 8693
24-07-11, 18:26:23
http://i291.***********.com/albums/ll317/evil_enemy/lolcats-funny-picture-lalalalala.jpg?t=1256021211

:sisi:

Aku
24-07-11, 18:39:34
aku domani notte fammi compagnia sparandoti anche tu Vampire hunter D ...non lo vedo da troppo tempo :)

Sure, why not.
Ma parli del "BloodLust" right ?

http://www.youtube.com/watch?v=Wz4jPSjtNUY
Probabilmente il miglior anime su vampiri da mo e non c'è pezza con Hellsing o Blood, il dhampir regna.
Potente e stiloso il tratto dei MAD HOUSE, storia commovente (Mier Link uno di noi :saluto:) superbolico in ogni frangente, assieme a Jubei No Ninpucho (Ninja Scroll).
Un anime da ricordare.

utente 8693
24-07-11, 18:46:54
Oddio, Vampire Hunter D è da quando ho tipo 10 anni che non lo vedo.

Hushabye
24-07-11, 18:50:32
Sure, why not.
Ma parli del "BloodLust" right ?

Probabilmente il miglior anime su vampiri da mo e non c'è pezza con Hellsing o Blood, il dhampir regna.
Potente e stiloso il tratto dei MAD HOUSE, storia commovente (Mier Link uno di noi :saluto:) superbolico in ogni frangente, assieme a Jubei No Ninpucho (Ninja Scroll).
Un anime da ricordare.

no,mi riferisco a

http://www.youtube.com/watch?v=-tCcRcLKmOk

lo preferisco al bloodlust

Gouki
24-07-11, 20:25:39
Scream
Ottimo film secondo me, rende bene, mette tensione e ti fa pensare in continuazione "Ma chi càzzò è l'assassino?"
Mi è piaciuto parecchio.

Scream 2
Davvero bello anche questo e scoprire l'identità dell'assassino ti spiazza non poco.

Scream 3
Questo l'avevo già visto ma l'ho rivisto per la mia maratona.
Ai tempi mi era piaciuto parecchio e pure ora continua a piacermi.
Interessante anche qua l'identità dell'assassino.

Scream 4
Ho letto molti pareri negativi su questo film ma a me è piaciuto un sacco lo stesso.
E' nel pure stile dei precedenti e ci sono parecchi colpi di scena che ti spiazzano.
In definitiva amo questa Saga.

SL/\Yer
24-07-11, 23:26:54
Voi state fuori. Completamente.

Il significato di perdizione sta lì, ve l'ho messo. Sappiatelo leggere, prima che intepretarlo.

Tom non perde NULLA nella propria anima, perde la famiglia! Era un padre amorevole e un marito gentile. Non diventa IL CONTRARIO con la morte dei cari.

Ma le medie le avete fatte (specialmente tu, Slayer)? Non ci vuole una laurea in letteratura per capire cosa significa "rovina morale"...

E certo ce ne vuole per attribuire un senso morale a dei mafiosi "ante-litteram" (e pure quelli del film, eh) :asd:

Oh, non ha più senso continuare. Sapete che vi dico?



si sappiamo che ci dici , che ti levi dalle palle cosi non dobbiamo piu' sentire ste stronzate e possiamo passare a discutere di altro

cioe leggi quello che hai scritto :" tom non perde nulla della propria anima , perde la famiglia" O_________O
dannazione dell'anima vuol dire che non ti dai pace per un qualcosa che ti ha coivolto visceralmente.
ed ogni persona reagisce in modo diverso ad una tragedia,e qui ci troviamo di fronte a un gangster freddo ma di vecchio stampo , che non va orgoglioso del suo lavoro e di sicuro non lo vuole per i suoi figli.
Questo individuo ( non privo di un passato ) reagisce alla tragedia in modo freddo e controllato solo in apparenza , perche' al suo interno brucia il desiderio di vendetta che lo logora da dentro .
Sa' che abbattersi non serve a niente , perche' e' il suo lavoro, il suo mondo e se si lascia andare e' fottuto ma soprattutto non e' nel suo carattere arrendersi, e deve proteggere l'ultima cosa che gli e' rimasta cara al mondo.

Gargaros
25-07-11, 00:14:39
Mah, guarda, ricorri anche alle definizioni italiane di un termine inglese.

Infatti ho accennato a possibili accezioni del teminee in inglese che siano più collegate al senso del film. Perché in ITALIANO "perdizione" vuol dire tutt'altro.


A me sembra ti sia stato detto di tutto, continui ad incentrarti sul protagonista e a non cogliere il film nel suo panorama e contesto più ampio.

No, il film l'ho capito. E vorrei vedere il contrario, vista la sua cristallina semplicità. E anche dal film intero vedo poca perdizione (quella iataliana, è meglio ribadirlo).


E comunque temo tu non abbia colto la differenza tra titoli inglesi e titoli originali. Quindi anche se a 16 anni metto le magliette con le stampe e gli occhialoni non vuol dire che io preferisca sempre il titolo inglese, dipende dall'origine del film.

Colsi, colsi. La differenza è che geralmente i titoli "storpiati" in italiano sembrano indicare cose che col film c'entrano poco. Ma all'opposto ci sono titoli logicamente connessi e che sono meglio di quelli inglesi. Ma perché dico che sono meglio? Perché esprimono qualcosa, laddove gli americani preferiscono generalmente titoli freddi e impersonali. Loro lo chiamano solo "Amelie", tanto per fare un esempio. Che vordì?

L'attimo fuggente è un esempio di titolo venuto meglio in italiano. In originale è un'indicazione sterile e fredda (e se va di culo qualcuno ignaro potrebbe pensare pure a un horror raffinato). In italiano acquista spessore, significati, e arricchisce l'esperienza della visione del film.

La verità è che chi parla di titoli inglesi sempre migliori non ha capito proprio un cazzetto, e non ha capito perché l'inglesizzazione è così penetrata nella cultura (e presto la dominerà del tutto, aimé) che il valore della lingua italiana non viene più neanche subodorato. E' più facile allora seguire la moda e dire che i distributori di pellicole italiane storpiano sempre i titoli, piuttosto che sgombrare un po' di fumo dal cervello per cercare di capire perché lo fanno.

http://traductionproduction.blogspot.com/2011/07/titoli-italiani-e-titoli-inglesi.html

Facci caso, quando il titolo è "esatto", diventa senza alcun motivo "gratuito". Le intenzioni per cui viene adottato un titolo alternativo non vengono neanche sondate per sbaglio...

La questione "Amelie" poi è epica: in inglese il titolo (che è storpiato!) è "comunque meglio che da noi" :rickds:

SL/\Yer
25-07-11, 01:16:21
Infatti ho accennato a possibili accezioni del teminee in inglese che siano più collegate al senso del film. Perché in ITALIANO "perdizione" vuol dire tutt'altro.



No, il film l'ho capito. E vorrei vedere il contrario, vista la sua cristallina semplicità. E anche dal film intero vedo poca perdizione (quella iataliana, è meglio ribadirlo).



Colsi, colsi. La differenza è che geralmente i titoli "storpiati" in italiano sembrano indicare cose che col film c'entrano poco. Ma all'opposto ci sono titoli logicamente connessi e che sono meglio di quelli inglesi. Ma perché dico che sono meglio? Perché esprimono qualcosa, laddove gli americani preferiscono generalmente titoli freddi e impersonali. Loro lo chiamano solo "Amelie", tanto per fare un esempio. Che vordì?

L'attimo fuggente è un esempio di titolo venuto meglio in italiano. In originale è un'indicazione sterile e fredda (e se va di culo qualcuno ignaro potrebbe pensare pure a un horror raffinato). In italiano acquista spessore, significati, e arricchisce l'esperienza della visione del film.

La verità è che chi parla di titoli inglesi sempre migliori non ha capito proprio un cazzetto, e non ha capito perché l'inglesizzazione è così penetrata nella cultura (e presto la dominerà del tutto, aimé) che il valore della lingua italiana non viene più neanche subodorato. E' più facile allora seguire la moda e dire che i distributori di pellicole italiane storpiano sempre i titoli, piuttosto che sgombrare un po' di fumo dal cervello per cercare di capire perché lo fanno.

http://traductionproduction.blogspot.com/2011/07/titoli-italiani-e-titoli-inglesi.html

Facci caso, quando il titolo è "esatto", diventa senza alcun motivo "gratuito". Le intenzioni per cui viene adottato un titolo alternativo non vengono neanche sondate per sbaglio...

La questione "Amelie" poi è epica: in inglese il titolo (che è storpiato!) è "comunque meglio che da noi" :rickds:

ma cosa cambia se mettono il favoloso mondo di amelie invece del favoloso destino di amelie.

cambia quando invece di mettere "Before the Devil Knows You're Dead" ci piazzano onora il padre e la madre.
cambia quando invece di mettere "The Hudsucker Proxy" ci piazzano mister hula hoop

ma soprattutto quando trovano la parolina magica e ci giocano sopra del tipo

partendo da amore a prima vista ( film italiano con salemme e soci)
ti tirano fuori amore a prima svista, amore a primo sesso, amore al primo tuffo, amore al cesso.

o se scappi ti sposo , se scappi ti cancello, se scappi ti trovo , se cucini ti sposo , prima ti sposo poi ti rovino.

cioe' c'hanno i titoli gia' fatti , e aspettano il film giusto per appiopparcelo

capisco il cambiare totalmente il titolo solo se quello inglese e' intraducibile tipo:

to kill a mockingbird = il buio oltre la siepe
the catcher in the rye = il giovane holden

poi dei film di jean pierre launet amelie non e' manco sta tragedia considerando che La cité des enfants perdus l'han tradotto la citta' perduta' vabbe la parola bambini perduti in italia deve far scalpore a qaunto pare, magari qualcuno pensa che sia un film che parla di pedofilia e non lo va a vedere, e poi c'e' anche l'esplosivo piano di bazil che in francese e' Micmacs à tire-larigot , che non so che ***** significhi ma di sicuro non centra na ceppa con quello italiano.

una volta davamo dei titoli della madonna in italiano, invece adesso sono decisi a tavolino da una congrega di menti di latta

Gargaros
25-07-11, 01:23:39
una volta davamo dei titoli della madonna in italiano, invece adesso sono decisi a tavolino da una congrega di menti di latta

Non è sempre così. E' questo che mi preme dire, togliere di mezzo il luogo comune che gli itagliano stroppieno li titoli stragneri senpre.

Pure a me certe storpiature mi fanno rabbrividire, come è per il caso di "Se mi lasci ti cancello". Ma ci sono titoli migliori.

Dr. Hiratzu
25-07-11, 01:25:49
Mi sto vedendo "L'amico del cuore" e mi sto spaccando delle risate :whawha:

Hushabye
25-07-11, 16:21:06
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/f/ff/Alice-In-Wonderland-Theatrical-Poster.jpg/220px-Alice-In-Wonderland-Theatrical-Poster.jpg

Burton non reperito

Lady
25-07-11, 16:55:41
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/f/ff/Alice-In-Wonderland-Theatrical-Poster.jpg/220px-Alice-In-Wonderland-Theatrical-Poster.jpg

Burton non reperito

Mi aveva annoiata a morte quell'Alice :(
Quasi che mi assopivo al cine...

Hushabye
25-07-11, 17:46:41
Mi aveva annoiata a morte quell'Alice :(
Quasi che mi assopivo al cine...

brutto brutto:sisi:

Gouki
25-07-11, 17:56:40
brutto brutto:sisi:

A me è piaciuto parecchio. :sisi:

utente 8693
25-07-11, 18:12:37
A me è piaciuto parecchio. :sisi:
C... Capo... Capola....










:asd:

charlesjudges
25-07-11, 18:35:32
Harry Potter e i Doni della Morte: Parte II di David Yates (2011):

Il commento è nel relativo topic.

SUFFICIENTE (oggi mi sento buono)

utente 8693
25-07-11, 18:41:30
Holyshit Charlesjudges è tornato.

Togg
25-07-11, 19:29:33
Harry Potter e i Doni della Morte: Parte II di David Yates (2011):

Il commento è nel relativo topic.

SUFFICIENTE (oggi mi sento buono)

Ho letto, più che buono. Misericordioso.

Togg
25-07-11, 19:29:46
Harry Potter e i Doni della Morte: Parte II di David Yates (2011):

Il commento è nel relativo topic.

SUFFICIENTE (oggi mi sento buono)

Ho letto, più che buono. Misericordioso.

Baron Samedi
25-07-11, 19:42:52
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/f/ff/Alice-In-Wonderland-Theatrical-Poster.jpg/220px-Alice-In-Wonderland-Theatrical-Poster.jpg

Burton non reperito
Burton quando fa remake (Fabbrica del Cioccolato e Pianeta delle scimmie) o deve lavorare su roba non partorita dalla sua mente un pò malata dà il peggio di se...
Credo che questo comunque sia il suo peggior film...
Io volevo una versione con un Alice dark e gotica...:bah!:

Cusack
25-07-11, 20:21:43
Ho finito di vedere Tron, molto carino.

Voto: 7.5 :sisi:

JT26
25-07-11, 20:38:18
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/f/ff/Alice-In-Wonderland-Theatrical-Poster.jpg/220px-Alice-In-Wonderland-Theatrical-Poster.jpg

Burton non reperito

L'ho visto al cinema con quella che poi è diventata la mia attuale ragazza, vorrei lo fosse stata già all'epoca. Almeno avremmo limonato durante la proiezione, mamma che palle.
Anche qui, 3D nonsense.

Stasera cerco finalmente di vedere Io sono l'amore.

Gouki
25-07-11, 23:04:49
C... Capo... Capola....










:asd:

Mi sa che in questa sezione non vado molto a genio eh?
Se è così basta che lo dite tranquillamente che evito di postare.

p a n z e r
25-07-11, 23:17:39
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/f/ff/Alice-In-Wonderland-Theatrical-Poster.jpg/220px-Alice-In-Wonderland-Theatrical-Poster.jpg

Burton non reperito
madò, lo schifo


Mi aveva annoiata a morte quell'Alice :(
Quasi che mi assopivo al cine...

io mi sono proprio addormentato. mai successo prima d'ora al cinema. mi sono risvegliato giusto per il balletto scemo alla fine


Mi sa che in questa sezione non vado molto a genio eh?
Se è così basta che lo dite tranquillamente che evito di postare.
in questa sezione ci prendiamo un po' tutti per il culo, basta prenderla con filosofia. e soprattutto è doveroso rispondere agli insulti

Gouki
25-07-11, 23:19:41
in questa sezione ci prendiamo un po' tutti per il culo, basta prenderla con filosofia. e soprattutto è doveroso rispondere agli insulti

Ho ricevuto un'educazione diversa.
Io non prendo per il culo chi non conosco.

p a n z e r
25-07-11, 23:25:38
Ho ricevuto un'educazione diversa.
Io non prendo per il culo chi non conosco.
e allora internet non fa per te

Gouki
25-07-11, 23:27:47
e allora internet non fa per te

Sono stato sempre in pace su questo forum, entro in questa sezione e trovo quello che trovo.
Quindi hai toppato a scrivere quella frase.

Rullo
25-07-11, 23:35:18
Sono stato sempre in pace su questo forum, entro in questa sezione e trovo quello che trovo.
Quindi hai toppato a scrivere quella frase.

non puoi negare però che hai visto molti Capolavori :ahsisi:

e non lo dico per offendere, è come dice panzer, ci prendiamo tutti per il culo qui (vero togg?)

charlesjudges
25-07-11, 23:39:13
non puoi negare però che hai visto molti Capolavori :ahsisi:

e non lo dico per offendere, è come dice panzer, ci prendiamo tutti per il culo qui (vero togg?)

Tutto ciò è molto bello, rotolone, ma non mi sembra di aver capito qual è il tuo ultimo film visto. :sisi:

Gouki
25-07-11, 23:40:48
non puoi negare però che hai visto molti Capolavori :ahsisi:

e non lo dico per offendere, è come dice panzer, ci prendiamo tutti per il culo qui (vero togg?)

Ma è un mio parere personale e va rispettato.
Se per me alcuni film sono Capolavori e per voi non lo sono di certo non vengo a sfottervi perché non la pensate come me.
Il fatto di prendere per il culo o scherzare io di solito lo faccio con persone che conosco, non con persone di cui non so nemmeno il nome.
Non sono permaloso ne antipatico, mi piace ridere e scherzare, ma con persone che conosco.

mickes2
25-07-11, 23:51:50
(2° visione) Happiness di Todd Solondz
http://img402.imageshack.us/img402/8702/vlcsnap2507277.jpg (http://imageshack.us/photo/my-images/402/vlcsnap2507277.jpg/)
Quant’è alienata e controversa l’America(n) di Solondz. Toglie il filtro da quella beauty di Mendes e ci regala uno spaccato corale, pregno di humour nero, capace di cesellare ed analizzare i suoi personaggi con cura maniacale; rispettoso di essi, ma allo stesso tempo cinico, spietato, trasgressivo, ironico, beffardo nel raccontare l’apparente assurda e patetica normalità, celando l’orrore di gesti e vicende – piccole o grandi, decorose o luride – tutte affette da un male impaziente ed isterico: la voglia di felicità. Non c’è comunicazione né comprensione: il regista estremizza l’impudicizia con toni gelidi e schietti. Tagliente.

Lateralus
25-07-11, 23:58:47
Ma è un mio parere personale e va rispettato.
Se per me alcuni film sono Capolavori e per voi non lo sono di certo non vengo a sfottervi perché non la pensate come me.
Il fatto di prendere per il culo o scherzare io di solito lo faccio con persone che conosco, non con persone di cui non so nemmeno il nome.
Non sono permaloso ne antipatico, mi piace ridere e scherzare, ma con persone che conosco.

Non ti fare troppi problemi, proprio perchè non ci/li conosci, non devi offenderti. E' normale (più o meno). Offenditi se è un amico stretto o un parente a dirti che guardi ***** su pellicola (per esempio).
Almeno in questa sezione mi sono abituato alle prese per il culo, offese, elogi (non ne sono sicuro) a vicenda :asd:
Fa parte della vita sul web. Se prendi 'ste cose alla leggera magari ti diverti pure. Non evitare di postare per così poco :asd:
E' anche vero che gli altri potrebbero essere meno cattivi :rickds:

Aku
26-07-11, 00:01:17
Oddio, Vampire Hunter D è da quando ho tipo 10 anni che non lo vedo.

Minchia ma sei te un dhampir, ma quanti polverosi secoli hai sul groppone ?
^^o
O era per dire "questa roba da cinni" non la vedo da quando avevo 10 anni ?
boh ^^o

JT26
26-07-11, 01:40:28
Ma è un mio parere personale e va rispettato.
Se per me alcuni film sono Capolavori e per voi non lo sono di certo non vengo a sfottervi perché non la pensate come me.
Il fatto di prendere per il culo o scherzare io di solito lo faccio con persone che conosco, non con persone di cui non so nemmeno il nome.
Non sono permaloso ne antipatico, mi piace ridere e scherzare, ma con persone che conosco.

No wait, se sei qui a chiedere rispetto mi chiedo cosa ci faccia ancora qui.

Vai su facebook e condividi un link con Vin Diesel, piuttosto.

Togg
26-07-11, 01:52:18
non puoi negare però che hai visto molti Capolavori :ahsisi:

e non lo dico per offendere, è come dice panzer, ci prendiamo tutti per il culo qui (vero togg?)

Vero vero. Consiglio a tutti pillole di relax a dosi continuative. Evitando sfottò che possano dare troppo fastidio.

Il mio ultimo film visto è breaking bad, che fino a prova contraria è un FILM.

Rullo
26-07-11, 02:52:35
Vero vero. Consiglio a tutti pillole di relax a dosi continuative. Evitando sfottò che possano dare troppo fastidio.

Il mio ultimo film visto è breaking bad, che fino a prova contraria è un FILM.

guess what? è una serie tv

JT26
26-07-11, 03:43:01
Io sono l'Amore Giuro che domani commento, siamo sopra il 7.

utente 8693
26-07-11, 07:41:52
Mi sa che in questa sezione non vado molto a genio eh?
Se è così basta che lo dite tranquillamente che evito di postare.
Sì invece, non scherzerei con uno che mi sta sulle balle, lo ignorerei.

Ma è un mio parere personale e va rispettato.
Se per me alcuni film sono Capolavori e per voi non lo sono di certo non vengo a sfottervi perché non la pensate come me.
Il fatto di prendere per il culo o scherzare io di solito lo faccio con persone che conosco, non con persone di cui non so nemmeno il nome.
Non sono permaloso ne antipatico, mi piace ridere e scherzare, ma con persone che conosco.
Mi sa che invece un po' permaloso lo sei e magari lo hai scoperto solo ora. :P
L'idea che si possa scherzare solo con chi si conosceper filo e per segno è, maggiormente su internet, assurda.
Quando arrivi in una community nuova, perdipiù in un circoletto abbastanza piccolo come la sezione cinema, dovresti essere felice del fatto che c'è gente che, proprio per farti inserire e farti sentire parte del gruppo, ti tratta come uno di loro, senza distinzioni.
Io non conosco il nome di nessuno qui dentro e se l'hanno detto non lo ricordo (giusto Panzer mi pare sia un'abbreviazione del suo cognome) non so la maggiorparte quanti anni abbia o se gli piaccia prenderlo nel didietro (abitudine rispettabilissima, btw :asd:) non serve aver visto un altra persona in mutande, per poterci scherzare allegramente.

Sei libero di fare come vuoi, ma io ti consiglio di rilassarti un atimo e goderti quello che un'interazione casuale può offrirti, non è che qualcuno ti mangia, se dai confidenza (per altro si parla di cazzeggiare, non ti chiedo il numero del bancomat) ad uno sconosciuto su internet.
La prossima volta che qualcuno ti prende in giro con una battuta (fatta con spirito amichevole, ci tengo a precisarlo) invece di irrigidirti ed indispettirti, rispondi indietro con una frecciata o mandalo/mi a cagare, non mi offendo. :asd:
Magari mettici una faccina per evitare equivoci. :ahsisi:

James
26-07-11, 08:48:04
Bronson by Nicolas Winding Refn (2009)

52040

"Bronson è basato sulla vita di uno dei più famosi criminali inglesi, Michael Gordon Peterson. Nel 1974, a 19 anni, Peterson era un teppistello che per farsi un nome, tentò di rapinare un ufficio postale con un fucile a canne mozze. Arrestato, fu condannato a sette anni di carcere: ma in prigione, ossessionato dall'idea di diventare famoso, iniziò ad attaccare con violenza gli altri detenuti e i secondini, ottenendo così prolungamenti di pena che lo fanno rimanere in prigione ancora oggi. 34 anni passati dietro le sbarre, 30 dei quali in isolamento: nel corso di questi 34 anni, Michael Gordon Peterson ha assunto il "nome d'arte" di Charles Bronson"

Refn ci consegna un Biopic bizzarro su un personaggio che è un concentrato di narcisimo e violenza(alla fine ammazza solo il pedofilo)a cui piace lo spettacolo.
Biopic non facile da fare,alla fine come puoi farlo su di uomo che ha passato 30 anni di isolamento?Refn invece ci riesce e tra sequenze che ricordano molto Kubrick,altre che ricordano il De niro di "Re per una notte"(alla fine solo i monologhi teatrali lo ricordano) con l ossessione dell essere famoso e altre puramente artistiche come il Magritte vivente fatto con l insegnante d arte.Il tutto accompagnato da un colonna sonora di musica classica e pezzi anni '80.
Tom Hardy è in ruolo per tutto il film,gigioneggia molto ma col personaggio ci stà qualche esagerazione.
Un film veramente bello:sisi:

Scene da segnalare: Il balletto degli svitati in manicomio sulle note di "It's a Sin" dei Pet Shop Boys e il cartoon psichedelico fatto con i disegni di Bronson.

Gouki
26-07-11, 11:51:24
Vai su facebook e condividi un link con Vin Diesel, piuttosto.

Quando l'ignoranza parla, l'intelligenza tace.


La prossima volta che qualcuno ti prende in giro con una battuta (fatta con spirito amichevole, ci tengo a precisarlo) invece di irrigidirti ed indispettirti, rispondi indietro con una frecciata o mandalo/mi a cagare, non mi offendo. :asd:
Magari mettici una faccina per evitare equivoci. :ahsisi:

Così va bene? :asd:

Hushabye
26-07-11, 11:59:06
Sono stato sempre in pace su questo forum, entro in questa sezione e trovo quello che trovo.
Quindi hai toppato a scrivere quella frase.

se a te un film piace,che te ne frega di quello che dicono gli altri?^^

http://katewinsletfan.com/gallery/albums/albums/movies/2004_eternal-sunshine-of-the-spotless-mind/screen-captures-bluray/normal_eternal-suinshine-of-the-spotless-mind_blu-ray_0034.jpg
Eternal Sunshine Of The Spotless Mind

Chissà che avevo l unica volta che lo vidi nel 2006 per non apprezzarlo in pieno... kate winslet stupenda come sempre,assieme a Little children miglior prova, Jim carrey nel dramma mi convince sempre, ottima colonna sonora, e gran finale:all amore non si può rinunciare,anche se spesso ci fa male

http://isohunt.com/img.php?mode=release&path=453169.jpg

James
26-07-11, 12:02:23
Madonna quanti pipponi mentali! Cerchiamo di tornare IN!:sisi:
Commentate film,commentate,commentate,commentate,commentate,c ommentate,commentate.

Gouki
26-07-11, 12:11:02
Fight Club
Un bel film ma con un finale veramente osceno che non rende giustizia a quello cartaceo.
Bravi Norton e Pitt, il film è più o meno fedele, mi è piaciuto ma preferisco di gran lunga il libro.

Togg
26-07-11, 12:12:42
Fight Club
Un bel film ma con un finale veramente osceno che non rende giustizia a quello cartaceo.
Bravi Norton e Pitt, il film è più o meno fedele, mi è piaciuto ma preferisco di gran lunga il libro.

Sai che il libro non l'ho letto? Che differenza c'è nel finale?


guess what? è una serie tv

Ma è di 13 puntate e io la voglio vedere al cinema di seguito.

Gouki
26-07-11, 12:19:50
Sai che il libro non l'ho letto? Che differenza c'è nel finale?

Finisce che sono sul tetto del palazzo, Marla arriva con alcune persone di un gruppo di sostenimento e dicono a Tyler di non spararsi.
Lui si uccide, finisce in Paradiso e parla pure con Dio.

Togg
26-07-11, 12:27:36
Finisce che sono sul tetto del palazzo, Marla arriva con alcune persone di un gruppo di sostenimento e dicono a Tyler di non spararsi.
Lui si uccide, finisce in Paradiso e parla pure con Dio.

Nun me piaceeeeee :asd:

p a n z e r
26-07-11, 12:33:05
Nun me piaceeeeee :asd:
a me direttamente non piace Palahniuk :sisi:

Rullo
26-07-11, 14:07:23
Nun me piaceeeeee :asd:

quoto il togge

Aku
26-07-11, 14:13:35
se a te un film piace,che te ne frega di quello che dicono gli altri?^^

http://katewinsletfan.com/gallery/albums/albums/movies/2004_eternal-sunshine-of-the-spotless-mind/screen-captures-bluray/normal_eternal-suinshine-of-the-spotless-mind_blu-ray_0034.jpg
Eternal Sunshine Of The Spotless Mind

Chissà che avevo l unica volta che lo vidi nel 2006 per non apprezzarlo in pieno... kate winslet stupenda come sempre,assieme a Little children miglior prova, Jim carrey nel dramma mi convince sempre, ottima colonna sonora, e gran finale:all amore non si può rinunciare,anche se spesso ci fa male

http://isohunt.com/img.php?mode=release&path=453169.jpg

Eggià.
http://static.blogo.it/cineblog/vampire-girl-vs-frankenstein-girl-le-foto-dellhorror-giapponese/vampiregirlvsfrankensteingirlposter_thumb.jpg

Bakline
26-07-11, 15:09:49
a me direttamente non piace palahniuk :sisi:

:tristenev:

JT26
26-07-11, 15:14:59
Nun me piaceeeeee :asd:

appoggio togg.

AndY_
26-07-11, 17:55:42
American History X

Capolavoro.

Gouki
26-07-11, 18:04:39
American History X

Capolavoro.

Verrai preso di mira, sappilo. :asd:
Scherzo ovviamente, comunque anche per me è un Capolavoro.
Lo è e non si discute. :sisi:

mickes2
26-07-11, 18:14:48
Verrai preso di mira, sappilo. :asd:
Scherzo ovviamente, comunque anche per me è un Capolavoro.
Lo è e non si discute. :sisi:

scusate, ma qua nessuno vuole prendere di mira nessuno. la questione è che se piace moltissimo un film, non per questo vuol dire sia un Capolavoro, quantomeno oggettivamente (so che è una parola enorme, ma rende l'idea).
Quindi, quando si è così categorici, sarebbe gradita qualche motivazione in più... sennò il tutto può diventare un auto-pompino (passatemi il termine) fine a se stesso.

quando te dici "lo è e non si discute", io lo posso anche accettare... ma devi anche accettare il fatto che molti potrebbero storcere il naso di fronte ad un'affermazione così categorica, e reagire in maniera diversa. per me American History X è pieno di ricatti e fa della facile retorica... ma il taglio in regia sa appassionare ed attrarre lo spettatore. è un buon film che ho anche in collezione e sono contento di averlo.

Gouki
26-07-11, 18:17:48
scusate, ma qua nessuno vuole prendere di mira nessuno. la questione è che se piace moltissimo un film, non per questo vuol dire sia un Capolavoro, quantomeno oggettivamente (so che è una parola enorme, ma rende l'idea).
Quindi, quando si è così categorici, sarebbe gradita qualche motivazione in più... sennò il tutto può diventare un auto-pompino (passatemi il termine) fine a se stesso.

quando te dici "lo è e non si discute", io lo posso anche accettare... ma devi anche accettare il fatto che molti potrebbero storcere il naso di fronte ad un'affermazione così categorica, e reagire in maniera diversa. per me American History X è pieno di ricatti e fa della facile retorica... ma il taglio in regia sa appassionare ed attrarre lo spettatore. è un buon film che ho anche in collezione e sono contento di averlo.

Se non scherzo sono permaloso.
Se scherzo vi viene il pepe al culo.
Mi dite che càzzò devo fare? :asd:

utente 8693
26-07-11, 18:33:12
scusate, ma qua nessuno vuole prendere di mira nessuno. la questione è che se piace moltissimo un film, non per questo vuol dire sia un Capolavoro, quantomeno oggettivamente (so che è una parola enorme, ma rende l'idea).
Quindi, quando si è così categorici, sarebbe gradita qualche motivazione in più... sennò il tutto può diventare un auto-pompino (passatemi il termine) fine a se stesso.

quando te dici "lo è e non si discute", io lo posso anche accettare... ma devi anche accettare il fatto che molti potrebbero storcere il naso di fronte ad un'affermazione così categorica, e reagire in maniera diversa. per me American History X è pieno di ricatti e fa della facile retorica... ma il taglio in regia sa appassionare ed attrarre lo spettatore. è un buon film che ho anche in collezione e sono contento di averlo.
Stava scherzando. :asd:

Se non scherzo sono permaloso.
Se scherzo vi viene il pepe al culo.
Mi dite che càzzò devo fare? :asd:
Va bene così daje. :asd:
Diciamo che il discorso di Mickes era più in generale, che riferito al tuo post specifico.

mickes2
26-07-11, 18:52:14
vabbè non ho letto con attenzione gli ultimi post, non potevo saperlo :rickds:

medicine bottle
26-07-11, 19:28:14
perché vedere american history x quando si può stare in nazicompagnia di suzy putrid?

http://www.youtube.com/watch?v=HtLoHFZ2mmQ

AndY_
26-07-11, 21:03:50
Non ho motivato perchè non avevo voglia :morris82: e comunque ieri ho guardato Requiem for a dream e mi ha fatto vomitare.

Decaivi
26-07-11, 22:56:12
http://pad.mymovies.it/filmclub/2006/09/150/locandina.jpg

Non avevo mai visto questo film prima di ieri sera. Ho riso troppo, anche se in alcune parti cala un po' il ritmo ma è comunque un gran film. 7.

Gabe Krios
26-07-11, 23:04:42
Captain America: The First Avengers [8,0]

-Quest'ultimo film MARVEL è migliore rispetto a Thor, la storia è avvincente,se non si conosce quest'universo. I fan,invece,storceranno il naso. Gli attori sono stati davvero bravi. Peccato per il finale che si svolge in così poco tempo e conclude il tutto molto stupidamente. Dunque bisogna prendere questo CAP,come un film random,non come un film incentrato su una saga durata più di 70 anni . VOTO 8.

Gargaros
26-07-11, 23:38:35
La notte dei demoni (Night of the Demons ) 1988 di Kevin Tenney.

Un gruppo di ragazzi passa la notte di Halloween in una casa maledetta.Kevin Tenney (autore del dignitoso Spiritika) segue tutti i cliché del teen-movie (appetiti sessuali,impennate ormonali e ragazze piuttosto disinibite),tanto che per un'oretta non succede praticamente nulla di orrorifico.Nell'ultima parte la pellicola trova la sua ragion d'essere,costruendo (anche grazie al buon mestiere del regista) un'atmosfera malaticcia soddisfacente,ben supportata dagli effetti speciali degli indemoniati.I dialoghi sono volgarotti,ma strappano qualche risata.

Adoro Spiritica, anche se ne ammetto la sua mediocrità (ma forse sono ingiusto). Devo vedere pure questo, che non conoscevo...

Gouki
27-07-11, 02:10:32
Ghost Rider
M'è piaciuto.
Certo, avrei preferito che i nemici durassero di più e che ci fossero più scene d'azione, però tutto sommato l'ho apprezzato.
Interessanti anche i tredici minuti di scene in più.
Ora aspettiamo Ghost Rider: Spirit Of Vengeance.

JT26
27-07-11, 02:29:44
Non ho motivato perchè non avevo voglia :morris82: e comunque ieri ho guardato Requiem for a dream e mi ha fatto vomitare.

Che tipo di vomito?

AndY_
27-07-11, 02:44:01
Che tipo di vomito?

Quello giallo puzzolente e con i pezzetini di roba.

mickes2
27-07-11, 08:33:00
... comunque ieri ho guardato Requiem for a dream e mi ha fatto vomitare.

posso chiederti il motivo?

James
27-07-11, 10:28:27
posso chiederti il motivo?


:rickds: Tira una brutta aria:sisi:
Ma magari ha vomitato non perchè gli ha fatto schifo il film,magari il montaggio ossessivo e ripetitivo gli ha fatto venire la nausea.:sisi:

Rullo
27-07-11, 11:23:52
:rickds: Tira una brutta aria:sisi:
Ma magari ha vomitato non perchè gli ha fatto schifo il film,magari il montaggio ossessivo e ripetitivo gli ha fatto venire la nausea.:sisi:

o forse ha vomitato perchè ha guardato una cagata di due ore

James
27-07-11, 11:30:56
o forse ha vomitato perchè ha guardato una cagata di due ore

:rickds: dai su non esageriamo.

medicine bottle
27-07-11, 14:15:27
Ghost Rider
M'è piaciuto.
Certo, avrei preferito che i nemici durassero di più e che ci fossero più scene d'azione, però tutto sommato l'ho apprezzato.
Interessanti anche i tredici minuti di scene in più.
Ora aspettiamo Ghost Rider: Spirit Of Vengeance.

no, dai. ma proprio sinceramente, no, dai.
è una delle robe più brutte e inutili che abbia mai visto :__(


o forse ha vomitato perchè ha guardato una cagata di due ore

tevojobbene

Gouki
27-07-11, 14:29:01
no, dai. ma proprio sinceramente, no, dai.
è una delle robe più brutte e inutili che abbia mai visto :__(

E' carino dai, non è da buttare. :sad:

AndY_
27-07-11, 14:29:23
:rickds: Tira una brutta aria:sisi:
Ma magari ha vomitato non perchè gli ha fatto schifo il film,magari il montaggio ossessivo e ripetitivo gli ha fatto venire la nausea.:sisi:

This.
Il film anzi mi è pure piaciuto, ma il montaggio è qualcosa di impressionante. Il film sulla droga migliore rimane comunque Trainspotting.

Rullo
27-07-11, 14:33:33
no, dai. ma proprio sinceramente, no, dai.
è una delle robe più brutte e inutili che abbia mai visto :__(



tevojobbene

<3


E' carino dai, non è da buttare. :sad:

è da bruciare infatti, così che nel futuro non rischino di trovare questo reperto degli anni 2000


This.
Il film anzi mi è pure piaciuto, ma il montaggio è qualcosa di impressionante. Il film sulla droga migliore rimane comunque Trainspotting.

ma come fa a far star male quel montaggio? io non ci credo
solo togg può

AndY_
27-07-11, 15:51:19
ma come fa a far star male quel montaggio? io non ci credo
solo togg può

Tutto troppo veloce :sisi:

JT26
27-07-11, 15:56:36
Wait ma Ghost Rider è quella robaccia con Nicholas Cage in cui non succede nulla di nulla? Lo vidi tipo alle medie con amici, che brutta cosa.

p a n z e r
27-07-11, 16:08:44
Wait ma Ghost Rider è quella robaccia con Nicholas Cage in cui non succede nulla di nulla? Lo vidi tipo alle medie con amici, che brutta cosa.

ma come alle medie, ti facevo più grande :asd: e comunque mi aggiungo pure io a quelli a cui non è piaciuto

utente 8693
27-07-11, 16:23:39
Wait ma Ghost Rider è quella robaccia con Nicholas Cage in cui non succede nulla di nulla? Lo vidi tipo alle medie con amici, che brutta cosa.
Pensavo fossi del 1926.

JT26
27-07-11, 16:26:03
Ma va' che ho 16 anni.

p a n z e r
27-07-11, 16:30:00
ma allora gareggi con rullo a "utente più ggiovane della sezione" :sisi:

JT26
27-07-11, 16:32:26
ma allora gareggi con rullo a "utente più ggiovane della sezione" :sisi:

Rullo è ggiovane dentro.

Ho capito con tipo 10 minuti di ritardo la battuta di bip.

utente 8693
27-07-11, 17:07:22
Perchè sei ancora giovane per certe battute sconce.

Lateralus
27-07-11, 21:22:14
Il film sulla droga migliore rimane comunque Trainspotting.
Perchè è figo ?

utente 8693
27-07-11, 21:42:27
Perchè è figo ?
So why did I do it? I could offer a million answers, all false.
The truth is that I'm a bad person, but that's going to change, I'm going to change. This is the last of this sort of thing. I'm cleaning up and I'm moving on, going straight and choosing life. I'm looking forward to it already. I'm going to be just like you: the job, the family, the fucking big television, the washing machine, the car, the compact disc and electrical tin opener, good health, low cholesterol, dental insurance, mortgage, starter home, leisurewear, luggage, three-piece suite, DIY, game shows, junk food, children, walks in the park, nine to five, good at golf, washing the car, choice of sweaters, family Christmas, indexed pension, tax exemption, clearing the gutters, getting by, looking ahead, to the day you die.
:asd:

Gargaros
27-07-11, 21:55:46
Siamo arrivati persino a dire quale sia il film migliore sulla droga :asd:

Spero che sopra stavate scherzando. Il film migliore sulla droga è quello capace di farti vivere sulla pelle il dramma e l'orrore di non poter uscire dal "tunnel". E Requiem for a dream ci riesce alla grande. Ma il grande di questo film sta nel fatto che qua e là illude che si possa uscire...

p a n z e r
27-07-11, 21:59:50
trainspotting è più che figo. c'è begbie

Lateralus
27-07-11, 22:10:19
So why did I do it? I could offer a million answers, all false.
The truth is that I'm a bad person, but that's going to change, I'm going to change. This is the last of this sort of thing. I'm cleaning up and I'm moving on, going straight and choosing life. I'm looking forward to it already. I'm going to be just like you: the job, the family, the fucking big television, the washing machine, the car, the compact disc and electrical tin opener, good health, low cholesterol, dental insurance, mortgage, starter home, leisurewear, luggage, three-piece suite, DIY, game shows, junk food, children, walks in the park, nine to five, good at golf, washing the car, choice of sweaters, family Christmas, indexed pension, tax exemption, clearing the gutters, getting by, looking ahead, to the day you die.
:asd:
bastava un si :rickds:


Siamo arrivati persino a dire quale sia il film migliore sulla droga :asd:

Spero che sopra stavate scherzando. Il film migliore sulla droga è quello capace di farti vivere sulla pelle il dramma e l'orrore di non poter uscire dal "tunnel". E Requiem for a dream ci riesce alla grande. Ma il grande di questo film sta nel fatto che qua e là illude che si possa uscire...

anche io lo preferisco

AndY_
27-07-11, 22:49:13
Perchè è figo ?

Perchè non ha dei semi ritardati come protagonisti.

Key Paradise
27-07-11, 22:53:25
requiem for a dream è molto banale sisi

Lateralus
27-07-11, 23:05:04
Perchè non ha dei semi ritardati come protagonisti.
non è un buon motivo, quelli sono ritardati dalla droga :asd:

Lady
27-07-11, 23:44:32
Turistas

Noioso e banale. Per oltre mezz'ora non succede nulla, e quando le cose iniziano a succedere altro non sono che in parte un copia incolla da hostel (che per quanto non brilli già di suo, al confronto è dio), e dall'altra il solito polpettone americano teen horror. Tensione zero.

---------- Post added at 23:44:32 ---------- Previous post was at 23:38:58 ----------


Siamo arrivati persino a dire quale sia il film migliore sulla droga :asd:

Spero che sopra stavate scherzando. Il film migliore sulla droga è quello capace di farti vivere sulla pelle il dramma e l'orrore di non poter uscire dal "tunnel". E Requiem for a dream ci riesce alla grande. Ma il grande di questo film sta nel fatto che qua e là illude che si possa uscire...

Trainspotting tutta la vita.. Requiem for a dream non mi ha detto nulla, l'n-esima rappresentazione di come le droghe possano fare male, ma c'è solo quello. Trainspotting è ironico, geniale, e trasmette di più di quel che fa Requiem of a dream. Almeno dipende forse un pò da quale "visione" di diverse cose ti appartiene di più...

Scegliete la vita!

Rullo
27-07-11, 23:55:06
requiem for a shit è un film che colpisce chi vuole farsi colpire, come kava, ma in realtà vale ben poco
come dice key, scontato fino al midollo
ass to ass mothafucka

AT-33
28-07-11, 00:09:13
ma allora gareggi con rullo a "utente più ggiovane della sezione" :sisi:

Io ho 14 anni :D
Comunque appena noleggiato Dylan Dog :sisi:

mickes2
28-07-11, 00:28:05
Requiem for a dream è un vortice, è una discesa colma di disillusione. è un amarissima riflessione sul mondo dell'apparenza, sull'esteriorità a tutti i costi, dell'immagine e dell'ingerenza dei media nella vita degli uomini. è un iperbole impazzito che scandaglia e racconta storie di vita incrociate riuscendo a mischiare visioni e illusioni. la disperazione si mescola con la regia ed il montaggio allucinato e allucinante. Storie di ordinaria dipendenza che assumono molteplici forme: le aspirazioni, i sogni, i desideri non solo non si avvereranno... ma diventeranno degli incubi veri e propri.
la storia è scandita in tre momenti, che corrispondo a tre stagioni: estate, autunno e inverno. manca la primavera che è simbolo di speranza, proprio quella speranza che riesce a rimanere accesa, ma che poi pian piano svanisce in un mare di fallimenti e delusioni. una croce sul sogno americano, che riesce a fagocitarti grazie ad un montaggio velocissimo che disturba, ma che è necessario per imprimere al film quel senso di fuori di testa che tanto serve.... forse si esagera un po' in questo senso.
Requiem è superiore in tutto e per tutto a Trainspotting

Rullo
28-07-11, 00:32:54
ho visto diversi film ma commento solo gli ultimi tre perchè gnè

the pixar story (2007) - leslie iwerks

http://www.filmbuffonline.com/FBOLNewsreel/wordpress/wp-content/uploads/2010/01/Pixar_animation_studios_logo.jpg

documentario sulla storia pixar dai primi inizi di lasseter & co. fino alla produzione di cars. al contrario di quanto ci si aspetterebbe, la focalizzazione non è sulla pura produzione dei film animati, ma piuttosto sulle difficoltà iniziali di creare uno studio capace di lavorare in grafica 3D. complessivamente gustoso, con molti interventi dei diretti interessati.

memories of murder (2003) - bong joon-ho

http://www.moviemail-online.co.uk/images/large/Memories-of-Murder_press09.jpg

film che si dilunga molto e con un ritmo dai rintocchi lenti, presenta una narrazione abbastanza lineare, ed è anche grazie a queste caratteristiche che in molti lo accomunano a zodiac di fincher (anche giustamente, visto che la somiglianza c'è). in ogni caso la fotografia è uno dei punti forti del film, che talvolta ricorda un malick più malinconico, insieme ad uno script abbastanza solido (ispirato a storia vera) ed una colonna sonora memorabile. ottima regia.

mother (2009) - bong joon-ho

http://2.bp.blogspot.com/_apCJhCuK-xg/S73AX73XhsI/AAAAAAAAGy4/_6prwrW-AUA/s1600/Mother_korean_movie-2.jpg

mother racconta la storia di un figlio, ritardato, estremamente legato alla madre (da qui il titolo). ben presto il tutto si trasformerà in un giallo dalla forte vena drammatica (complice una fotografia molto grigia). diverse scene sono fortemente toccanti, tanto sono ben girate. il ritmo inizialmente lento tende a crescere in modo direttamente proporzionale alla durata del film. bravi gli attori.

The Link
28-07-11, 00:39:05
Millions, dal regista di "28 giorni dopo" e di "the millionaire", davvero molto bello e significativo e con una sceneggiatura molto originale..

Key Paradise
28-07-11, 00:42:52
memories of murder <3

Gargaros
28-07-11, 01:03:53
Trainspotting tutta la vita.. Requiem for a dream non mi ha detto nulla, l'n-esima rappresentazione di come le droghe possano fare male, ma c'è solo quello. Trainspotting è ironico, geniale, e trasmette di più di quel che fa Requiem of a dream. Almeno dipende forse un pò da quale "visione" di diverse cose ti appartiene di più...

Scegliete la vita!

Trainspotting è un grande film, ma non è credibile. O meglio, è un film costruito su una certa storia. Ma cosa vuole dire? Credi che "scegliete la vita" basti a far uscire dalla droga? Tu non la conosci, la droga, altrimenti vedresti in RFAD (Requiem for a dream) IL film sulla droga. Trainspotting è artificioso, l'altro no. Trainspotting è geniale, ma perché è una storia. RFAD invece è la realtà raccontata, e raccotata bene. I sogni di ribalta che per quanto vividi e possibili si infrangono contro un malessere troppo viscerale per potersene liberare. Oh, intendiamoci, anche RFAD è una storia, ma è più credibile. Per fortuna c'è dietro una grande regia, e per questo non diventa uno pseudo docufilm come tanti altri.

Voi non l'avete capito.


Requiem for a dream è un vortice, è una discesa colma di disillusione. è un amarissima riflessione sul mondo dell'apparenza, sull'esteriorità a tutti i costi, dell'immagine e dell'ingerenza dei media nella vita degli uomini. è un iperbole impazzito che scandaglia e racconta storie di vita incrociate riuscendo a mischiare visioni e illusioni. la disperazione si mescola con la regia ed il montaggio allucinato e allucinante. Storie di ordinaria dipendenza che assumono molteplici forme: le aspirazioni, i sogni, i desideri non solo non si avvereranno... ma diventeranno degli incubi veri e propri.
la storia è scandita in tre momenti, che corrispondo a tre stagioni: estate, autunno e inverno. manca la primavera che è simbolo di speranza, proprio quella speranza che riesce a rimanere accesa, ma che poi pian piano svanisce in un mare di fallimenti e delusioni. una croce sul sogno americano, che riesce a fagocitarti grazie ad un montaggio velocissimo che disturba, ma che è necessario per imprimere al film quel senso di fuori di testa che tanto serve.... forse si esagera un po' in questo senso.
Requiem è superiore in tutto e per tutto a Trainspotting

Ecco.

AndY_
28-07-11, 01:17:20
Trainspotting è un grande film, ma non è credibile. O meglio, è un film costruito su una certa storia. Ma cosa vuole dire? Credi che "scegliete la vita" basti a far uscire dalla droga? Tu non la conosci, la droga, altrimenti vedresti in RFAD (Requiem for a dream) IL film sulla droga. Trainspotting è artificioso, l'altro no. Trainspotting è geniale, ma perché è una storia. RFAD invece è la realtà raccontata, e raccotata bene. I sogni di ribalta che per quanto vividi e possibili si infrangono contro un malessere troppo viscerale per potersene liberare. Oh, intendiamoci, anche RFAD è una storia, ma è più credibile. Per fortuna c'è dietro una grande regia, e per questo non diventa uno pseudo docufilm come tanti altri.

Voi non l'avete capito.



Ecco.

Perchè Trainspotting non è credibile, perchè alla fine non crepano tutti di overdose ?


Requiem for a dream è un vortice, è una discesa colma di disillusione. è un amarissima riflessione sul mondo dell'apparenza, sull'esteriorità a tutti i costi, dell'immagine e dell'ingerenza dei media nella vita degli uomini. è un iperbole impazzito che scandaglia e racconta storie di vita incrociate riuscendo a mischiare visioni e illusioni. la disperazione si mescola con la regia ed il montaggio allucinato e allucinante. Storie di ordinaria dipendenza che assumono molteplici forme: le aspirazioni, i sogni, i desideri non solo non si avvereranno... ma diventeranno degli incubi veri e propri.
la storia è scandita in tre momenti, che corrispondo a tre stagioni: estate, autunno e inverno. manca la primavera che è simbolo di speranza, proprio quella speranza che riesce a rimanere accesa, ma che poi pian piano svanisce in un mare di fallimenti e delusioni. una croce sul sogno americano, che riesce a fagocitarti grazie ad un montaggio velocissimo che disturba, ma che è necessario per imprimere al film quel senso di fuori di testa che tanto serve.... forse si esagera un po' in questo senso.
Requiem è superiore in tutto e per tutto a Trainspotting

Riassumendo, un film sulla droga.

Zeno
28-07-11, 01:41:19
Requiem for a dream è fin troppo melodrammatico per i miei gusti. In generale trovo sia sopravvalutato, come il suo regista del resto.

Gouki
28-07-11, 01:44:21
Comunque appena noleggiato Dylan Dog :sisi:

Mi dispiace tanto (te lo dico perché sono fan di Dylan Dog da tantissimi anni e quel film è una gran puttanata e con L'Indagatore Dell'Incubo non c'entra niente).

AndY_
28-07-11, 02:52:51
Requiem for a dream è fin troppo melodrammatico per i miei gusti. In generale trovo sia sopravvalutato, come il suo regista del resto.


A proposito del regista, The Wrestler è cosi' bello come si dice ?

JT26
28-07-11, 03:09:06
A proposito del regista, The Wrestler è cosi' bello come si dice ?

Secondo me sì.

Trainspotting è un romanzo cinematografato, con le sue distorsioni e perversioni, con i suoi colori. A me è piaciuto, miscela l'ambiente underground delle dipendenze con la cultura pop dell'immagine in maniera decisamente affascinante, è una bella storia. Ma il vortice emotivo dettato dal montaggio di Requiem for a dream e dalla colonna sonora di Mansell (meglio di un porno) è del tutto inarrivabile. E' crudo e delicato, insieme, è bellissimo.

utente 8693
28-07-11, 07:28:23
bastava un si :rickds:
Il mio intento era un altro. :asd:
E' uno di quei monologhi stile 25esima ora che la gente ripete a pappagallo. :P
Comunque non è un brutto film.

mickes2
28-07-11, 08:40:12
Riassumendo, un film sulla droga.

francamente non capisco.

da quello che ho scritto credo si evinca che non è "solamente" un film sulla droga

Lady
28-07-11, 08:50:37
Trainspotting è un grande film, ma non è credibile. O meglio, è un film costruito su una certa storia. Ma cosa vuole dire? Credi che "scegliete la vita" basti a far uscire dalla droga? Tu non la conosci, la droga, altrimenti vedresti in RFAD (Requiem for a dream) IL film sulla droga. Trainspotting è artificioso, l'altro no. Trainspotting è geniale, ma perché è una storia. RFAD invece è la realtà raccontata, e raccotata bene. I sogni di ribalta che per quanto vividi e possibili si infrangono contro un malessere troppo viscerale per potersene liberare. Oh, intendiamoci, anche RFAD è una storia, ma è più credibile. Per fortuna c'è dietro una grande regia, e per questo non diventa uno pseudo docufilm come tanti altri.

Voi non l'avete capito.



Ecco.

LOL. Scegliere la vita è proprio la chiave dell'ironia del film, è mega ovvio che non basti quello. Sono d'accordo con chi ha detto che requiem colpisce chi vuole farsi colpire, è un film sulla droga e sulle conseguenze certo ma nella solita chiave "quanto possano fare male", quanto sia difficile uscirne, ma a vedere dell'altro concreto bisogna già farsi dei castelli che non esistono.
Per il discorso che "non conosco le droghe", non sono una tossicodipendente per fortuna, ma comunque si ritengo che il montaggio che porta quasi alla nausea di requiem sia efficice nel ricordare un certo malessere della dipendenza... ma resta il fatto che secondo me non è IL film sulla droga, ma un film che si limita a cercare di sbattere in faccia le conseguenze nel solito modo. In trainspotting alla fine per come la vedo io c'è più dramma, che magari ad alcuni resta en passant per la caratterizzazione ironica del film.

---------- Post added at 08:50:37 ---------- Previous post was at 08:43:06 ----------


Requiem for a dream è un vortice, è una discesa colma di disillusione. è un amarissima riflessione sul mondo dell'apparenza, sull'esteriorità a tutti i costi, dell'immagine e dell'ingerenza dei media nella vita degli uomini. è un iperbole impazzito che scandaglia e racconta storie di vita incrociate riuscendo a mischiare visioni e illusioni. la disperazione si mescola con la regia ed il montaggio allucinato e allucinante. Storie di ordinaria dipendenza che assumono molteplici forme: le aspirazioni, i sogni, i desideri non solo non si avvereranno... ma diventeranno degli incubi veri e propri.
la storia è scandita in tre momenti, che corrispondo a tre stagioni: estate, autunno e inverno. manca la primavera che è simbolo di speranza, proprio quella speranza che riesce a rimanere accesa, ma che poi pian piano svanisce in un mare di fallimenti e delusioni. una croce sul sogno americano, che riesce a fagocitarti grazie ad un montaggio velocissimo che disturba, ma che è necessario per imprimere al film quel senso di fuori di testa che tanto serve.... forse si esagera un po' in questo senso.
Requiem è superiore in tutto e per tutto a Trainspotting

Insomma xD
Riflessione sul mondo dell'apparenza e sull'esteriorità, dei media... secondo me no. E comunque trattata male, in modo artificioso proprio perchè manca l'ironia che caratterizza trainspotting. Nella storia della vecchia ci vedo più la tematica della condizione di molti anziani.

Estate-autunno-inverno è la normale successione di un film drammatico, comunque della tragedia, fosse stato inverno-primavera-estate sarebbe stata una commedia. E aggiungo che è scontatissimo, la solita storia di droga quasi narrata accademicamente.

Zweick
28-07-11, 09:14:39
Che vuol dire che nella vecchia ci vedi la tematica della condizione di molti anziani? Al netto del montaggio videoclipparo e di un'estetica da mtv, il parellilismo tra dipendenze socialmente accettate incarnato dalla mamma e quella stigmatizzata dei ragazzi mi pare la cosa più riuscita del film, e trattata anche discretamente.

mickes2
28-07-11, 09:15:00
Insomma xD
Riflessione sul mondo dell'apparenza e sull'esteriorità, dei media... secondo me no. E comunque trattata male, in modo artificioso proprio perchè manca l'ironia che caratterizza trainspotting. Nella storia della vecchia ci vedo più la tematica della condizione di molti anziani.

Estate-autunno-inverno è la normale successione di un film drammatico, comunque della tragedia, fosse stato inverno-primavera-estate sarebbe stata una commedia. E aggiungo che è scontatissimo, la solita storia di droga quasi narrata accademicamente.

secondo te no, e perchè no??
trattata male in modo artificioso?? perchè manca l'ironia? da quando l'ironia è sinonimo di realismo? dove sta scritto che un film con una tematica così dura deve avere per forza una buona dose d'ironia?
suvvia... l'artificio dov'è? ...c'è l'artificio perchè manca l'ironia?

poi... perdonami...la condizione degli anziani è una lettura del tutto superficiale.

narrata accademicamente??? non c'è proprio nulla di accademico in Requiem, se mi parlavi di regia compiaciuta ed al limite dell'esercizio di stile, potevo capire... ma accademico è una castroneria bella grossa

scontatissimo? non è un film che fa leva e pone la sua forza sul colpo di scena.

non riesco a condividere nulla di ciò che hai scritto...


il parellilismo tra dipendenze socialmente accettate incarnato dalla mamma e quella stigmatizzata dei ragazzi mi pare la cosa più riuscita del film, e trattata anche discretamente.

altro punto di forza :sisi:

Lady
28-07-11, 09:29:01
secondo te no, e perchè no??
trattata male in modo artificioso?? perchè manca l'ironia? da quando l'ironia è sinonimo di realismo? dove sta scritto che un film con una tematica così dura deve avere per forza una buona dose d'ironia?
suvvia... l'artificio dov'è? ...c'è l'artificio perchè manca l'ironia?

poi... perdonami...la condizione degli anziani è una lettura del tutto superficiale.

narrata accademicamente??? non c'è proprio nulla di accademico in Requiem, se mi parlavi di regia compiaciuta ed al limite dell'esercizio di stile, potevo capire... ma accademico è un castroneria bella grossa

scontatissimo? non è un film che fa leva e pone la sua forza sul colpo di scena.

non riesco a condividere nulla di ciò che hai scritto...

Come io non codivido ciò che hai scritto tu, però è interessante il vedere come ci sia chi preferisce uno o l'altro, ripeto che secondo me dipende da alcune vedute alla base.
Comunque si può andare avanti in eterno, ma ovvio che non intendevo l'ironia elemento essenziale per la narrazione, ritengo invece che trainspotting con una dose di ironia riesce dove requiem fallisce (con me).
L'unica cosa che rende unico requiem è il montaggio che fa il suo bel lavoro, la storia per quanto mi riguarda mi dice la stessa solita cosa del mondo delle droghe. Della condizione degli anziani è secondo me quella che ancora si salva nella rappresentazione del film, certo che ci sono altre letture, ma se vogliamo parlare delle droge "socialmente accettate" ritorno a dire che preferisco come me lo rappresenta trainspotting.

Xenoheart
28-07-11, 13:01:35
Ieri ho visto "Il Padrino"...il primo.
Ovunque sentivo dire che fosse un capolavoro, di solito quando succedono 'ste cose mi hyppo abbestia e snobbo il film\videogioco a causa del troppo Hype, invece The Godfather ha saputo sorprendere le mie aspettative...certe scene epiche omg

Hushabye
28-07-11, 13:22:43
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/f/fe/The_Jacket_poster.JPG/220px-The_Jacket_poster.JPG

7+

Armin
28-07-11, 13:27:02
Freaks di Tod Browning
Capolavoro assoluto, film incredibile per l'epoca.
Peccato la censura di quegli anni abbia tagliato 20 minuti molto importanti andati persi per sempre.
Voto 9,5

L'Ora del Lupo di Ingmar Bergman
Un thriller ad alta tensione, tecnicamente eccelso.
Musiche ed immagini a tratti agghiaccianti, il solito ottimo cast.
Ho visto soltanto 3 film di Bergman, ma sto cominciando ad amare la sua regia e la fotografia di Nykvist.
Voto 9,0

medicine bottle
28-07-11, 14:13:38
L'Ora del Lupo di Ingmar Bergman

da tagliarsi le palle e servirle glassate :pole:


comunque trainspotting > requiem for a dream
che poi, oh, per quanto mi riguarda born slippy fa metà del lavoro

Gargaros
28-07-11, 14:38:42
Perchè Trainspotting non è credibile, perchè alla fine non crepano tutti di overdose ?

Non è credibile perché non si esce dal tiunnel solo perché hai un banco di soldi e puoi scegliere :asd:

Nella droga NON puoi scegliere (o almeno non come fa il protagonista di Trainspotting), come lo dimostrano i protagonisti di Requiem.

Da questo punto di vista Requiem è più realistico. Ma Trainspotting non vuole essere realistico: è un film che vuole andare da un'altra parte, e ci riesce benissimo (per questo voglio precisare che, a suo modo, anche lui è un gran bel film).

Mi sa che chi ne fa un confronto e sceglie o l'uno o la'ltro... ecco chi sbaglia :asd:

Zweick
28-07-11, 15:26:49
Non è credibile perché non si esce dal tiunnel solo perché hai un banco di soldi e puoi scegliere :asd:

Nella droga NON puoi scegliere (o almeno non come fa il protagonista di Trainspotting), come lo dimostrano i protagonisti di Requiem.

Da questo punto di vista Requiem è più realistico. Ma Trainspotting non vuole essere realistico: è un film che vuole andare da un'altra parte, e ci riesce benissimo (per questo voglio precisare che, a suo modo, anche lui è un gran bel film).

Mi sa che chi ne fa un confronto e sceglie o l'uno o la'ltro... ecco chi sbaglia :asd:

Mi sembra esagerato asserire che assolutamente nella droga non puoi scegliere, e quindi Requiem è più realistico perchè mostra questo aspetto; anche se so già che ora tu dirai che sei un extossico o che hai un parente morto per droga, e quindi sai di cosa parli.
In tutto ciò poi sottovaluti il fatto che Trainspotting ha dalla sua un titolo inglese che calza a pennello con il film, mica come come Road to Perdition.

utente 8693
28-07-11, 15:42:52
Vabè, chiaro che il rapporto con la droga è diverso da persona a persona (anche chimicamente) :asd:
Io comunque non ho visto Requiem e taccio. :sisi:

Zweick
28-07-11, 16:03:47
Non mi sembra chiaro a Gargaros :asd: Che mi pare non consideri l'aspetto ludico-ricreativo o ribellistico che volenti o nolenti riguarda anch'esso l'uso di stupefacenti; ma forse è l'account di Giovanardi.

Lady
28-07-11, 16:07:25
Non è credibile perché non si esce dal tiunnel solo perché hai un banco di soldi e puoi scegliere :asd:

Nella droga NON puoi scegliere (o almeno non come fa il protagonista di Trainspotting), come lo dimostrano i protagonisti di Requiem.

Da questo punto di vista Requiem è più realistico. Ma Trainspotting non vuole essere realistico: è un film che vuole andare da un'altra parte, e ci riesce benissimo (per questo voglio precisare che, a suo modo, anche lui è un gran bel film).

Mi sa che chi ne fa un confronto e sceglie o l'uno o la'ltro... ecco chi sbaglia :asd:

Dal monologo finale non puoi certo dire se è uscito dalla droga, anzi, lascia pensare il contrario. :P
Il dramma secondo me c'è tutto in trainspotting, la morte di tommy, il neonato lasciato a marcire perchè erano talmente fatti da neppure sentire piangere.. tutto raccontanto in modo diverso da requiem e non a caso spesso su questi due film i confronti sono automatici, cioè o piace più uno o più l'altro.

AndY_
28-07-11, 16:44:30
Non è credibile perché non si esce dal tiunnel solo perché hai un banco di soldi e puoi scegliere :asd:

Nella droga NON puoi scegliere (o almeno non come fa il protagonista di Trainspotting), come lo dimostrano i protagonisti di Requiem.

Da questo punto di vista Requiem è più realistico. Ma Trainspotting non vuole essere realistico: è un film che vuole andare da un'altra parte, e ci riesce benissimo (per questo voglio precisare che, a suo modo, anche lui è un gran bel film).

Mi sa che chi ne fa un confronto e sceglie o l'uno o la'ltro... ecco chi sbaglia :asd:

Secondo me il finale non è proprio cosi' esplicito, cioè io dopo il discorsetto finale ho pensato "si certo come no :asd: " e comunque io non ho proprio fatto un confronto, sono film diversi.

Bakline
28-07-11, 16:57:52
Il discorso finale mi sembra un po' ironico, cioè secondo me poi non ha abbandonato veramente l'eroina.

p a n z e r
28-07-11, 17:00:46
ma che poi, anche avesse abbandonato l'eroina non è che l'alternativa sia tanto migliore. io ricordo che trainspotting giocava molto su questa duplice versione del mondo, ovvero da una parte il mondo pulito senza droghe, dove hai una famiglia, un lavoro e ti prendi tutte quelle cose inutili di cui non hai bisogno (per dirla alla fight club), e dall'altra parte c'è il mondo dell'eroina.

non è detto che uscendo dal mondo dell'eroina si ritrovi all'improvviso in un mondo migliore, anzi. e comunque anche per me lasciava intendere che tempo 24 e già era lì a bucarsi come un dannato, quindi gg

Togg
28-07-11, 20:06:45
io ricordo che trainspotting giocava molto su questa duplice versione del mondo, ovvero da una parte il mondo pulito senza droghe, dove hai una famiglia, un lavoro e ti prendi tutte quelle cose inutili di cui non hai bisogno (per dirla alla fight club), e dall'altra parte c'è il mondo dell'eroina.

Devo dire che questa estremizzazione è un po' furbetta.

Hushabye
28-07-11, 20:56:36
stanotte Your Highness,sono proprio curioso:asd:

Rullo
28-07-11, 20:59:01
memories of murder <3

yuk me l'ero perso sto post C:

Gargaros
28-07-11, 21:02:03
Non mi sembra chiaro a Gargaros :asd: Che mi pare non consideri l'aspetto ludico-ricreativo o ribellistico che volenti o nolenti riguarda anch'esso l'uso di stupefacenti; ma forse è l'account di Giovanardi.

Giovachi? No, tranqui, sono genuino al 100% :asd:

Comunque quando ho scritto che nella droga "NON si può scegliere", non intendevo dire che dal tunnel non si esce. Altrimenti i tossici schiatterebbero tutti... Volevo dire bensì che in Trainspotting l'uscita avviene, o sembra avvenire, senza scossoni. Il protagonista è un tossico a tutti gli effetti, ma col discorso finale sembra invece dimostrare che potrebbe uscirne come se un bambino decidesse di non mangiare più caramelle (sostituendole col cioccolato). Pensa a quanti fumatori dicono che potrebbero smettere dall'oggi al domani, ma nessuno lo fa. Questo perché un vizio, specie se pesante come quello per una droga, è difficile da estirpare. Quindi scegliere è possibile, ma attuare la scelta quasi impossibile. In Requiem quest'impossibilità viene mostrata con eccellenza, in più la sceneggiatura si fa bastarda perché qua e là c'illude che l'happy ending sia possibile...

In ogni caso, a proposito del discorso finale di Trainspotting, questi post mi hanno messo in crisi:


Dal monologo finale non puoi certo dire se è uscito dalla droga, anzi, lascia pensare il contrario. :P
Il dramma secondo me c'è tutto in trainspotting, la morte di tommy, il neonato lasciato a marcire perchè erano talmente fatti da neppure sentire piangere.. tutto raccontanto in modo diverso da requiem e non a caso spesso su questi due film i confronti sono automatici, cioè o piace più uno o più l'altro.


Secondo me il finale non è proprio cosi' esplicito, cioè io dopo il discorsetto finale ho pensato "si certo come no :asd: " e comunque io non ho proprio fatto un confronto, sono film diversi.


Il discorso finale mi sembra un po' ironico, cioè secondo me poi non ha abbandonato veramente l'eroina.

Che io ricordi male? Infatti l'ho visto ormai sono anni fa...


Devo dire che questa estremizzazione è un po' furbetta.

Eh, infatti.

PaLeX
28-07-11, 21:05:59
Bitch Slap
se volete vedere un film ve lo sconsiglio
se volete vedere tette andate di corsa
no davvero è stato tremendo, pur partendo con bassissime aspettative :asd:

AndY_
28-07-11, 21:35:11
Giovachi? No, tranqui, sono genuino al 100% :asd:

Comunque quando ho scritto che nella droga "NON si può scegliere", non intendevo dire che dal tunnel non si esce. Altrimenti i tossici schiatterebbero tutti... Volevo dire bensì che in Trainspotting l'uscita avviene, o sembra avvenire, senza scossoni. Il protagonista è un tossico a tutti gli effetti, ma col discorso finale sembra invece dimostrare che potrebbe uscirne come se un bambino decidesse di non mangiare più caramelle (sostituendole col cioccolato). Pensa a quanti fumatori dicono che potrebbero smettere dall'oggi al domani, ma nessuno lo fa. Questo perché un vizio, specie se pesante come quello per una droga, è difficile da estirpare. Quindi scegliere è possibile, ma attuare la scelta quasi impossibile. In Requiem quest'impossibilità viene mostrata con eccellenza, in più la sceneggiatura si fa bastarda perché qua e là c'illude che l'happy ending sia possibile...

In ogni caso, a proposito del discorso finale di Trainspotting, questi post mi hanno messo in crisi:

Che io ricordi male? Infatti l'ho visto ormai sono anni fa...

Eh, infatti.

Secondo la mia interpretazione personale, Mark Renton è solo il classico tossico che fotterebbe pure i suoi migliori amici per una dose, e che si illude di poter smettere schioccando le dita quando li pare.

Comunque, visto La Caduta - Gli ultimi giorni di Hitler molto carino, nonostante la lunga durata (+ di 2 ore e mezzo) non si è mai rivelato lento o pesante, e mostra gli ultimi giorni di vita di un uomo che aveva ormai completamente perso il lume della ragione e la cognizione della realtà.

p a n z e r
28-07-11, 23:21:31
Devo dire che questa estremizzazione è un po' furbetta.

meh, sticazzi, la prossima volta insegnami la scala della furberia che così non commetto errori


oppure è più costruttivo continuare a discutere su quale dei due film sia più realistico? no perchè lo so perchè i drogati si drogano, io mi drogavo, so di che parlo

mapaan
28-07-11, 23:40:25
Per adesso solo voti dei film visti in settimana. Domani edito :D

The Orphanage 7,5
Ghost Rider 4,5
Captain America 7+
Blow 8+
Boris - Il Film 7,5
Winter's Bone 8-
Black Hawk Down 7
Avatar 6,5
The Hurt Locker 7+
Face/Off - Due Facce di un Assassino 7
Saw 3D - Il Capitolo Finale --------> Film complessivamente bruttino, segue a ruota i capitoli che vanno dal 3 in poi in quanto a qualità quindi più di 5... 5,5 non si merita. In compenso il finale visto nell'insieme e quindi a conclusione di una saga è davvero buono. Di conseguenza: 5,5 per il film mentre un bel 7 per il finale della serie di Jigsaw.

medicine bottle
28-07-11, 23:47:36
bella, abbisogno dei cinque titoli di cronenberg che ritenete i migliori (esclusi a history of violence e la promessa dell'assassino).

pinguotto
28-07-11, 23:50:43
Ragazzi com'è il discorso del re?

p a n z e r
28-07-11, 23:53:50
bella, abbisogno dei cinque titoli di cronenberg che ritenete i migliori (esclusi a history of violence e la promessa dell'assassino).
ho visto solo videodrome, quindi dico il pasto nudo.

medicine bottle
28-07-11, 23:55:48
Ragazzi com'è il discorso del re?

sopravvalutato


ho visto solo videodrome, quindi dico il pasto nudo.

devo ancora digerire il libro :asd:

mapaan
28-07-11, 23:58:41
bella, abbisogno dei cinque titoli di cronenberg che ritenete i migliori (esclusi a history of violence e la promessa dell'assassino).

Ehm, se posso permettermi i migliori per quanto mi riguarda sono:

Spider
The Dead Zone
Crash
Inseparabili
M. Butterfly


Invece La Mosca, eXistenZ e The Brood per quanto interessanti non mi hanno fatto particolarmente impazzire. Magari appena puoi guarda anche quelli.

mickes2
28-07-11, 23:59:06
Existenz è obbligatorio :sisi:

p a n z e r
28-07-11, 23:59:16
io devo ancora andare oltre la quinta pagina :asd:


la beat generation è molto boh. ho apprezzato enormemente ginsberg, ma decisamente meno kerouac.

Gouki
29-07-11, 00:12:23
Sucker Punch
Visto con la mia ragazza e dico solo due cose su questo film.
Lo amo e lo venero.

Key Paradise
29-07-11, 00:16:35
bella, abbisogno dei cinque titoli di cronenberg che ritenete i migliori (esclusi a history of violence e la promessa dell'assassino).

CRASH

inseparabili
videodrome
il pasto nudo
la mosca

Togg
29-07-11, 00:59:52
bella, abbisogno dei cinque titoli di cronenberg che ritenete i migliori (esclusi a history of violence e la promessa dell'assassino).

videodrome
crash
dead rings
existenz
shivers

:sisi:

Ferra15
29-07-11, 01:04:27
Ieri sera ho visto Captain America...meh, potevano fare di più, non cè proprio una scena che ti rimane impressa come epica e lo trovato un po' piatto...l'agente smith è stata una scelta azzeccata per interpretare il red skull mentre Chris Evans è troppo giovane per fargli fare Cap e il padre di tony stark non si poteva proprio vedere: un ragazzino con i baffetti brrr...

JT26
29-07-11, 04:23:49
Io sono l'Amore di Guadagnino
Le mie aspettative erano discretamente elevate e neanche del tutto deluse. Gaudagnino ha un suo stile, lo si vede dai titoli di testa. Lo si vede soprattutto dalla scena di sesso centrale che è una delle cose (eroticamente) più fighe che abbia mai visto. Soprattutto mi è piaciuto nella gestione dei ritmi, reggendo anche i cambiamenti di velocità, la macchina da presa e gli attori andavano di pari passo, dalle stasi alle accelerazioni, dai silenzi ai dialoghi corali, tutto molto godibile. L'impressione è che in Italia quando non parliamo di periferia, saliamo nell'alta borghesia. C'è sempre un ambiente di riferimento molto forte, molto marcato, un po' leccato, forse a giustificare una materia di sceneggiatura non raffinatissima o perlomeno non interessantissima. Trattata molto bene, ma è la storia stessa a cui manca un po' di mordente, un po' di attrattiva. Ovviamente il film non manca di qualche discesa nella retorica ma si risolleva con stile. A mio avviso il finale è un po' mh, un po' già visto, un po' buttato lì. 7+.

Bad Lieutenant di Herzog.
Beccato per caso su Sky, mai visto nulla fin qui di Herzog. Positivo positivo, Nicholas Cage mi è sembrato finalmente un attore. L'ironia di fondo è vincente, la qualità di riprese e fotografia evidente. Per quanto trattato "alla leggera" (soluzione inevitabile o quantomeno decisiva per i miei gusti, visto l'ambiente poliziesco) il tema del rapporto con le droghe c'è e seppur "a suo modo" è sviluppato fino in fondo fino alla fine. Anche la carrellata di eventi finali buttati lì non perde di quell'ironia che caratterizza tutto il film e che lo alleggerisce ma non di valore, lo snellisce conservandone intatto il peso specifico. Ottimo anche il montaggio. 8.

Kim Possible: So the Drama.
Prendetemi per il culo. Con Kim Possible ci sono pressochè cresciuto e ritrovarmi un lungometraggio di cui non conoscevo l'esistenza sbattuto lì alle 3 di notte mi ha hyppato terribilmente. A distanza di anni il ricordo positivo e rimasto, Kim Possible è uno se non IL cartone più figo mai transitato dai canali Disney. I villains sono perfettamente caratterizzati, hanno introdotto persino il nerd tuttofare sin dal lontano 2002, sono troppo avanti. E poi se devo sorbirmi l' "action" di Transformers mi prendo tutta la vita l'action di Kim Possible, adeguatamente eccessivo e per quanto prevedibile comunque brillante. Il film è un bell'omaggio alla serie, ne conserva tutte le caratteristiche e non soffre del rischio di dilatare il solito copione di 20/25 minuti in un arco di tempo quadruplicato. Non posso dare un voto serio, per me Kim Possible ha rappresentato qualcosa, mentre voi magari leggevate già i fumetti Marvel.


io devo ancora andare oltre la quinta pagina :asd:


la beat generation è molto boh. ho apprezzato enormemente ginsberg, ma decisamente meno kerouac.

io li conosco giusto di nome ma la mia ragazza ti appoggia. ogni tanto la ascolto quando parla di libri. :sisi:

AT-33
29-07-11, 07:18:01
Visto ieri sera Dylan Dog ..
Un 1 ora e 36 minuti di film molto godibile e ha mio avviso anche molto bello :sisi:

James
29-07-11, 09:43:26
CRASH

inseparabili
videodrome
il pasto nudo
la mosca

Quoto,questi 5 pure per me.ci mettereri anche "existenz"

SL/\Yer
29-07-11, 10:02:24
Visto ieri sera Dylan Dog ..
Un 1 ora e 36 minuti di film molto godibile e ha mio avviso anche molto bello :sisi:


il topic delle stronzate e' in altro

Gouki
29-07-11, 10:56:30
Visto ieri sera Dylan Dog ..
Un 1 ora e 36 minuti di film molto godibile e ha mio avviso anche molto bello :sisi:

Questo non è il topic delle barzellette tristi.