PDA

Visualizza Versione Completa : Ultimo film visto | I commenti sono graditi!



Pagine : 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 [60] 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142

Togg
27-08-11, 13:22:27
summer of sam mi sta ricordando Zodiac.

Gargaros
27-08-11, 13:26:25
e la forma della macchina:sisi:

:tristenev:

Questa mi mancava... Ricordo quando io e mio fratello vedevamo sto film da piccoli, credo sia stata solo alla 4° visione che sono riuscito a scorgere quel diavolo, dopo innumerevoli indicazioni di mio fratello :asd:


EDIT
Medicine, chi è la raghezza che ai in avatar/firma?

Rullo
27-08-11, 13:51:20
summer of sam mi sta ricordando Zodiac.

perchè sei pirla

James
27-08-11, 14:05:24
:tristenev:

Questa mi mancava... Ricordo quando io e mio fratello vedevamo sto film da piccoli, credo sia stata solo alla 4° visione che sono riuscito a scorgere quel diavolo, dopo innumerevoli indicazioni di mio fratello :asd:




La struttura della macchina si vede poco dopo l esplosione prima del diavolo:sisi:
Dopo se riesco ti posto lo screen,magari ho avuto un allucinazione :rickds:
Edit:
53185

Dovevo prendere un fotogramma prima,le ruote si vedono ancora però:rickds:


visto pure io questa settimana (solo questo e il bel corpo celeste di alice rohrwacher, poi sono andato a bere) ma non mi ha lasciato poi tanto. Sarà che mi trovo nel personaggio di Giamatti,il vino non lo so,mi piace molto.

Dies Irae
27-08-11, 14:11:13
Il silenzio sul mare (Ano natsu, ichiban shizukana umi) 1991 di Takeshi Kitano.

Il registro è minimale,la storia cavalca le onde del quotidiano,mentre la "diversità" è sorretta dalle stampelle dell'amore.Un Kitano inedito,a digiuno fino allora da certo cinema;ma nonostante un soggetto striminzito e qualche punto un po' monotono (brutta la gara di surf),riesce nell'intento di mostrare una piccola parte dell'essere umano,delle sue passioni,dei suoi desideri.La tenacia e la forza d'animo sono i venti che muovono la piccola storia d'amore tra i due protagonisti.Attori quasi timidi, nella loro semplicità necessari.
Il silenzio sul mare è con ogni probabilità il mio Kitano preferito. Ho da poco completato la trilogia del suicidio; geniale e provocatoria, parte col botto dell'omicidio-suicidio (indice su quanto Kitano fosse stanco dell'arte di Kitano) ma si spiega solo attraverso la visione di Achille e la tartaruga. Chiusura bellissima e commovente, in un crescendo di sensibilità e personalità che osa al punto di risultare fasulla e costruita, per quanto a lungo è stata pensata. Un Kitano finalmente spoglio della propria personalità di attore (Takeshi's) e di regista (Glory to the Filmaker!), in cui la lettura di Asakusa Kid (http://www.ibs.it/code/9788804510338/kitano-takeshi/asakusa-kid.html) diventa quasi obbligata per sfiorare le motivazioni dietro a un'operazione chirurgica di tale portata. L'idea che mi sono fatto è che, dopo un film vicino alla perfezione (con ogni probabilità culmine registico di un'intera esistenza) e un film del tutto imperfetto (unico passo falso assieme a Kids Return, in una filmografia altrimenti impeccabile), il cinema di Kitano - ma soprattutto Kitano stesso - necessitasse di un reset autoinflitto, volontario e sistematico. Lo vedrei come sorta di Five Obstructions ma molto, molto meno ironico.

utente 8693
27-08-11, 14:31:53
Non ti piace Kids Return? Per me è molto grezzo e scritto non esattamente da Dio, ma ha un che di genuino e vitale dentro.

Comunque analisi magnifica la tua (anche io ho amato Asakusa Kid per questo motivo, per altro) e però mi pare tu abbia lasciato da parte il (pessimerrimo) Outrage che, a quanto pare, Kitano ha realizzato solo perchè voleva girare tutte quelle esecuzioni finali (tipo la decapitazione con la macchina e il cappio).

Dies Irae
27-08-11, 14:48:35
Outrage non l'ho visto e neppure intendo farlo, non mi piacciono i film diretti dai fantasmi dei registi suicidi.

utente 8693
27-08-11, 14:55:46
Fai bene, una porcheria.

Ja Rule
27-08-11, 17:10:59
The Wrestler 8
Ottima, davvero ottima rappresentazione di un mondo che seguo da 20 anni. La figura di "Ram" raccoglie i pregi ed i difetti dei tanti wrestler che ho visto, seguito ed ammirato in questi 2 decenni. Dedizione ma testardaggine, atleticità ma incoscienza, abuso di droghe e farmaci proibiti, spesso problemi economici.
Il cuore di Eddie Guerrero è esploso a 38 anni, Chris Benoit ha sterminato la famiglia perché aveva il cervello spappolato da ferite e da cocktail di medicinali, in tanti si umiliano a brevi comparsate per guadagnare qualcosa.
Non ho apprezzato le inquadrature alla "smack my bitch up", mentre ho apprezzato, e molto, Sweet child of mine.

Hushabye
27-08-11, 17:27:57
The Wrestler 8
Ottima, davvero ottima rappresentazione di un mondo che seguo da 20 anni. La figura di "Ram" raccoglie i pregi ed i difetti dei tanti wrestler che ho visto, seguito ed ammirato in questi 2 decenni. Dedizione ma testardaggine, atleticità ma incoscienza, abuso di droghe e farmaci proibiti, spesso problemi economici.
Il cuore di Eddie Guerrero è esploso a 38 anni, Chris Benoit ha sterminato la famiglia perché aveva il cervello spappolato da ferite e da cocktail di medicinali, in tanti si umiliano a brevi comparsate per guadagnare qualcosa.
Non ho apprezzato le inquadrature alla "smack my bitch up", mentre ho apprezzato, e molto, Sweet child of mine.

Inizialmente the wrestler e black swan erano un unico progetto, fortunatamente poi aronofski ha regalato due perle..

ovviamente si possono considerare gemelli per le tematiche :
-Parabola discendente
-Palcoscenico unica ragion d'esistere
-le sofferenze del fisico
-identica''caduta''finale

Togg
27-08-11, 17:29:48
Summer of sam, Lee

mamàààààà, questo è troppo bello. c'è pure una scena alla antichrist :asd:

GUSTO GELATO: fantasia di cioccolato e fragola

Ja Rule
27-08-11, 17:33:03
Inizialmente the wrestler e black swan erano un unico progetto, fortunatamente poi aronofski ha regalato due perle..

ovviamente si possono considerare gemelli per le tematiche :
-Parabola discendente
-Palcoscenico unica ragion d'esistere
-le sofferenze del fisico
-identica''caduta''finale

Black Swan non l'ho ancora visto, mi "spaventa" il mondo del ballo, balletto, quello che è.
Col wrestling ero molto più a mio agio, c'era pure R Truth :D

Zeno
27-08-11, 17:41:39
Black Swan non l'ho ancora visto, mi "spaventa" il mondo del ballo, balletto, quello che è.
Col wrestling ero molto più a mio agio, c'era pure R Truth :D

In che senso? :asd:

Robo@nte
27-08-11, 17:44:20
Black Swan non l'ho ancora visto, mi "spaventa" il mondo del ballo, balletto, quello che è.
Col wrestling ero molto più a mio agio, c'era pure R Truth :D
a me la danza fa ca**r, ma il film merita decisamente:ahsisi:
se intendi questo allora non pensarci due volte, procuratelo e vedilo;)

budobay
27-08-11, 17:44:33
Ho visto Limitless devo dire è un film gradevole anche se alla fine non sono riuscito a classificarlo bene se è di fantascienza, un thriller o cos'altro.
Parla di una droga che riesce a far funzionare il cervello al massimo delle sue potenzialità, il solito bello/sfigato ne entra casualmente in possesso e comincia la storia. Per me che sono un'amante di tutte le ipotesi di complotti vari non è male e una volta tanto non si sputtana troppo nel finale.
Con Bradley Cooper buono e una parte anche per Robert De Niro che non giudico perchè lo ammiro troppo e difficilmente su di lui sono imparziale.
Consigliato per una serata spensierata, voto 7,5

Ja Rule
27-08-11, 17:48:20
In che senso? :asd:

a me la danza fa ca**r, ma il film merita decisamente:ahsisi:
se intendi questo allora non pensarci due volte, procuratelo e vedilo;)

Quello che dice Robo@nte :D
Ma a sto punto mi informo


Ho visto Limitless devo dire è un film gradevole anche se alla fine non sono riuscito a classificarlo bene se è di fantascienza, un thriller o cos'altro.
Parla di una droga che riesce a far funzionare il cervello al massimo delle sue potenzialità, il solito bello/sfigato ne entra casualmente in possesso e comincia la storia. Per me che sono un'amante di tutte le ipotesi di complotti vari non è male e una volta tanto non si sputtana troppo nel finale.
Con Bradley Cooper buono e una parte anche per Robert De Niro che non giudico perchè lo ammiro troppo e difficilmente su di lui sono imparziale.
Consigliato per una serata spensierata, voto 7,5

A me è piaciuto, per motivi che non sto qui a ripetere :rickds:

Hushabye
27-08-11, 18:00:06
Ma a sto punto mi informo





di corsa:sisi:

utente 8693
27-08-11, 18:13:12
In che senso? :asd:
Boner imbarazzante in pubblico.

mickes2
27-08-11, 19:04:25
Angst di Gerald Kargl
http://filmache.files.wordpress.com/2011/02/angst-film-ache-house-1983.jpg
Delirante,claustrofobico,il sadismo negli occhi del protagonista.Scevro da orpelli Kargl imbastisce una giornata da incubo,un omicidio in diretta entrando di continuo nella mente del serial killer.Lucido e spietato il regista ci accompagna prima,e sprofondare poi,in una pulsione violenta,irrefrenabile nel bisogno viscerale nel voler far male a qualcuno.Introspezioni e pensieri taglienti,un agire senza un fine preciso supportato da una regia vivida e tecnicamente affascinante: piani sequenza,dolly,steadicam...pedinando IL serial killer.
9/oooo

Togg
27-08-11, 20:17:25
the wheel of time, Herzog
documentario classico, poco ispirato
6,5

Gargaros
27-08-11, 23:44:38
Until death
Il grande Van al serivizio di un film scritto un po coi piedi. Oh, tutto funziona discretamente, peccato solo che sia pieno di cliché già visti e rivisti in una marea di altri film polizieschi: poliziotti corrotti, talpe, cattivi poco caratterizzati, sparatorie ottuse, la niocca in pericolo ecc. Certo, tutto funziona bene se si fa eccezione un paio di forzature non da poco, come l'invito del cattivo a incotrare l'eroe poco prima che il film finisce (togliendo le castagne dal fuoco a chi lo deve cercare), l'ingresso in scena di un aiuto impovviso, imprevisto e improbabile (lo sbirro filociambellico). Se non ci fosse il Van sarebbe inguardabile, ma c'è il Van. La prima parte si regge tutta sulle sue spalle tossiche e decadenti, musone e prennemente assonnate, oltre che rabbiose e assassine. la seconda, dopo il proiettile in testa, si ammoscia un po', anzi diaciamo parecchio. Il Van dieventa buono e umano (è proprio vero che quando ti sparano in testa cominci a pensare) e il film entra nei binari canonici del filmetto senza guizzi di personalità o originalità.

Togg
27-08-11, 23:49:58
How Much Wood Would a Woodchuck Chuck, Herzog
ipnotico, nonostante il blocco centrale monolitico non mi ha mai annoiato.
7,5

frozenliger
28-08-11, 00:34:34
Dylan Dog con Kurt Angle (ICW,WWE,TNA wrestling federation) nei panni di Wolfgang il lupo mannaro.A confronto John Cena coi suoi vestitini mimetici pare un marin gay iperdotato.Dylan Dog NON e' Rupert Everett.La storia e' ambientata in una citta' popolata da non morti in incognito alla ricerca del cuore di un demone e il socio di Dylan non e' Groucho ma lo zombie Marcus;infatti la trama si dipana anni dopo rispetto a quella narrata nel fumetto di Bonelli.

Vall77
28-08-11, 17:51:27
Outrage non l'ho visto e neppure intendo farlo, non mi piacciono i film diretti dai fantasmi dei registi suicidi.


Fai bene, una porcheria.

Esagerati :sisi:

Outrage non è certamente il miglior Kitano, ma definirlo una porcheria è, dal mio punto di vista, ingiusto. Non ha niente della poetica più nobile dei suoi yakuza movies classici, quelli per cui si è guadagnato un posto nell'Olimpo, ma tutto sommato preferisco un Kitano che gira una specie di serie-Z di quello che è stato, piuttosto del Kitano super-autocelebrativo di Takeshis', che per me resta molto poco digeribile.

Outrage invece mi è risultato dimenticabilissimo ma divertente. Probabilmente non mi aspettavo molto in partenza, considerando che, lato mio, dopo il picco di Hana-bi è iniziata un'inesorabile parabola discendente.

utente 8693
28-08-11, 18:14:48
Beh se non è autocelebrativo Outrage.
Praticamente non c'è nessuna idea alla base, nessuna trama-- solo una serie di sbudellamenti senza senso, seguendo i "binari" dei suoi classici pulp Yakuza d'annata.
Io l'ho trovato un film inutile, oltre che sconclusionato e noioso.

Vall77
28-08-11, 22:45:27
Beh se non è autocelebrativo Outrage.
Praticamente non c'è nessuna idea alla base, nessuna trama-- solo una serie di sbudellamenti senza senso, seguendo i "binari" dei suoi classici pulp Yakuza d'annata.
Io l'ho trovato un film inutile, oltre che sconclusionato e noioso.

Non mi metterò a difendere Outrage a spada tratta, però insomma: alcuni passaggi della carneficina non-sense li ho trovati esilaranti. Autocelebrativo? In un certo senso sì, ok, ma è anche un film che non si prende minimamente sul serio. Pecca perchè non ci arriva, ma quasi consapevolmente direi, Takeshis' pecca perchè sbrocca completamente. E per me è peggio.

Comunque, come prontamente consigliato da James ho recuperato The Thing.
Effetto ghiacciato: più che buono. Bel film, non tra i miei preferiti di Carpenter ma godibile come lo ricordavo. Alcuni buchi di sceneggiatura (scelte del tutto inspiegabili dei personaggi) sono vistosi, ma nel complesso una visione che resta abbastanza fresca e interessante.

Togg
29-08-11, 00:37:37
Badlands, Malick
desaturato in ogni risvolto umano, capace di amplificare dubbi esistenziali con una natura d'eccezione.
8,5

mickes2
29-08-11, 01:18:17
Bedevilled (2010) di Chul-soo Jang
http://japancinema.net/wp-content/uploads/2011/02/bedevilled.jpg
Le ineluttabili urla di dolore passano per l'ottusa mentalità di un piccolo villaggio rurale, indifferenza latente, violenza e sopprusi, prepotenze contro chi non può difendersi o reagire. La vendetta come unica arma per evadere da un'esistenza soffocata, sofferente, piegata all'ignoranza, al duro egoismo in cui non esiste alcun diritto sociale. parte finale che spazia dallo splatter horrorifico alla poesia più struggente. Un altra perla del cinema orientale.
8,5

Lateralus
29-08-11, 02:49:47
Ho visto questo capolavoro. :rickds:

http://pad.mymovies.it/cinemanews/2010/41088/machete_01.jpg

Dies Irae
29-08-11, 10:18:36
Non mi metterò a difendere Outrage a spada tratta, però insomma: alcuni passaggi della carneficina non-sense li ho trovati esilaranti. Autocelebrativo? In un certo senso sì, ok, ma è anche un film che non si prende minimamente sul serio. Pecca perchè non ci arriva, ma quasi consapevolmente direi, Takeshis' pecca perchè sbrocca completamente. E per me è peggio.
Su Outrage non mi ci metto. Ma Takeshi's secondo me supera lo sbrocco estemporaneo. Scava nell'intimità del cinema di Kitano (di Kitano stesso) e appartiene ad una trilogia che merita di essere considerata nel suo insieme (la cui parte più fragile è forse il gettinganyano Glory to the Filmmaker). Il messaggio è fin da subito palese e forse anche urlato, cosa che personalmente detesto. Ma Kitano è abile nel raccontare se stesso mostrando il ventre in segno di resa, cambiando totalmente registro laddove il suo fare veniva oramai dato per scontato. La ricostruzione necessita di decostruzione e questo è quanto ha fatto, smantellando pezzo dopo pezzo parti del suo dire. Ero presente alla prima di Venezia, nel 2005. Mai sentito così tanti fischiare durante una proiezione stampa. Poi ho guardato meglio ed erano gli stessi che due anni prima si spellavano le mani in applausi fin dal logo Office Kitano, per quella m***a di Zatoichi.

Volpe
29-08-11, 11:58:36
Bedevilled (2010) di Chul-soo Jang
http://japancinema.net/wp-content/uploads/2011/02/bedevilled.jpg
Le ineluttabili urla di dolore passano per l'ottusa mentalità di un piccolo villaggio rurale, indifferenza latente, violenza e sopprusi, prepotenze contro chi non può difendersi o reagire. La vendetta come unica arma per evadere da un'esistenza soffocata, sofferente, piegata all'ignoranza, al duro egoismo in cui non esiste alcun diritto sociale. parte finale che spazia dallo splatter horrorifico alla poesia più struggente. Un altra perla del cinema orientale.
8,5

Bellissimo,lo guarderò presto. :predicatore:

Dies Irae
29-08-11, 13:04:21
Bellissimo,lo guarderò presto. :predicatore:
Una fra le peggio visioni degli ultimi anni. Violenza orrenda che supera il ridicolo e sconfina nell'odioso. La metafora, pesante come un macigno, funziona tipo finchè inizia la violenza. I miei 2 cents.

IL GURU
29-08-11, 13:15:09
Visto Shutter Island :o
Bello però molto incasinato:asd:Voto 8

utente 8693
29-08-11, 14:13:04
Su Outrage non mi ci metto. Ma Takeshi's secondo me supera lo sbrocco estemporaneo. Scava nell'intimità del cinema di Kitano (di Kitano stesso) e appartiene ad una trilogia che merita di essere considerata nel suo insieme (la cui parte più fragile è forse il gettinganyano Glory to the Filmmaker). Il messaggio è fin da subito palese e forse anche urlato, cosa che personalmente detesto. Ma Kitano è abile nel raccontare se stesso mostrando il ventre in segno di resa, cambiando totalmente registro laddove il suo fare veniva oramai dato per scontato. La ricostruzione necessita di decostruzione e questo è quanto ha fatto, smantellando pezzo dopo pezzo parti del suo dire. Ero presente alla prima di Venezia, nel 2005. Mai sentito così tanti fischiare durante una proiezione stampa. Poi ho guardato meglio ed erano gli stessi che due anni prima si spellavano le mani in applausi fin dal logo Office Kitano, per quella m***a di Zatoichi.
Reazione comprensibile considerata l'assenza di contesto dalla trilogia.
Zatoichi non mi è parso merdoso, seppur non certo un capolavoro dei samurai movies (però la concorrenza è spietata).
Vista la storica relazione di Kitano con la Yakuza (in forma cinematografica, almeno) una storia che trattasse la Yakuza primordiale ci stava, anche se secondo me già si sentiva la ricerca del distacco dalla crudeltà "apatica" che lo ha reso famoso.


Una fra le peggio visioni degli ultimi anni. Violenza orrenda che supera il ridicolo e sconfina nell'odioso. La metafora, pesante come un macigno, funziona tipo finchè inizia la violenza. I miei 2 cents.
Di questo ho il Bluray parcheggiato nello scaffale, non vedo l'ora di vederlo, visto che me lo hanno straconsigliato.

Hushabye
29-08-11, 14:28:59
http://pad.mymovies.it/filmclub/2009/06/142/locandina.jpg

Meritevole ritratto sulla figura di Charles Darwin: il periodo di stesura del suo libro L 'origine delle specie e il suo dolore per la perdita della figlia Annie..... Nessuna distribuzione da noi:bah!: 7.5

Ja Rule
29-08-11, 16:55:48
Visto Shutter Island :o
Bello però molto incasinato:asd:Voto 8

Cosa ti è parso incasinato? Avendo letto anche il libro magari posso chiarirti le idee

Vigo
29-08-11, 17:05:59
Fantozzi subisce ancora
L'ho trovato parzialmente noioso in alcuni momenti, poco ispirato in altri, ma conserva comunque qualche simpatica trovata (mi ha fatto molto ridere la figlia mostro di Mariangela e il personaggio di Loris Batacchi). Per me però questo non riesce a stare al livello dei precedenti ;)

TheNightflier
29-08-11, 18:50:16
Su Outrage non mi ci metto. Ma Takeshi's secondo me supera lo sbrocco estemporaneo. Scava nell'intimità del cinema di Kitano (di Kitano stesso) e appartiene ad una trilogia che merita di essere considerata nel suo insieme (la cui parte più fragile è forse il gettinganyano Glory to the Filmmaker). Il messaggio è fin da subito palese e forse anche urlato, cosa che personalmente detesto. Ma Kitano è abile nel raccontare se stesso mostrando il ventre in segno di resa, cambiando totalmente registro laddove il suo fare veniva oramai dato per scontato. La ricostruzione necessita di decostruzione e questo è quanto ha fatto, smantellando pezzo dopo pezzo parti del suo dire. Ero presente alla prima di Venezia, nel 2005. Mai sentito così tanti fischiare durante una proiezione stampa. Poi ho guardato meglio ed erano gli stessi che due anni prima si spellavano le mani in applausi fin dal logo Office Kitano, per quella m***a di Zatoichi.

Se Zatoichi è m....a smetti di guardare cinema...

Togg
29-08-11, 19:15:21
Se Zatoichi è m....a smetti di guardare cinema...

Su su, non ci diciamo queste cose brutte :asd:

p a n z e r
29-08-11, 19:33:05
Su su, non ci diciamo queste cose brutte :asd:

anche dire che Zatoichi è mèrda non è il massimo :asd: tra quei pochi che ho visto di Kitano è sicuramente il più debole, e l'uso della computer grafica è da denuncia da quanto è brutto, però non è completamente da buttare.

Dies Irae
29-08-11, 20:09:52
Se Zatoichi è m....a smetti di guardare cinema...
Mi sembra un ottimo indice per misurare l'interesse che disporrò nei confronti dei tuoi futuri interventi.

anche dire che Zatoichi è mèrda non è il massimo :asd: tra quei pochi che ho visto di Kitano è sicuramente il più debole, e l'uso della computer grafica è da denuncia da quanto è brutto, però non è completamente da buttare.
Trovo ben più disonesto entrare a gamba tesa, senza considerare il merito del discorso. Insomma, parliamone.. i problemi di quel film vanno ben oltre il sangue finto ma sarei il primo a sostenere che un passo falso a livello di Zatoichi se lo potrebbero permettere in pochissimi. Però l'invito a smettere di guardare cinema rimane grave e ingiustificabile.

TheNightflier
29-08-11, 20:41:50
Non sarà il migliore di Kitano ok,ma definirlo in quel modo è a dir poco oltraggioso,va visto come una variazione ironica del chanbara.
Il film è a volte un pò ruffiano ok,ma tutto il discorso relativo alla vista come senso sopravvalutato è interessante,poi la scena finale oltre che spiazzante e divertente vale da sola l'intero film.
Della Cg onestamente mi interessa poco è il risultato finale che conta e anche se gli ho preferito altri film di Kitano (Dolls,Brothers o Il silenzio sul mare ad esempio) a suo tempo lo apprezzai molto,sentirlo definire in quel modo mi fà incazzare parecchio.

Se quella e m....a tanto vale aprire la stagione di caccia per alcuni registi italiani che spopolano in cartellone ad esempio sotto natale.

---------- Post added at 20:41:50 ---------- Previous post was at 20:40:56 ----------


Mi sembra un ottimo indice per misurare l'interesse che disporrò nei confronti dei tuoi futuri interventi.

Trovo ben più disonesto entrare a gamba tesa, senza considerare il merito del discorso. Insomma, parliamone.. i problemi di quel film vanno ben oltre il sangue finto ma sarei il primo a sostenere che un passo falso a livello di Zatoichi se lo potrebbero permettere in pochissimi. Però l'invito a smettere di guardare cinema rimane grave e ingiustificabile.

Idem se scrivi certe cose non voglio avere nulla a che fare con te....poi quale discorso? ti sei limitato a dire "quel film è m....a" il sangue finto? ma per piacere.

Togg
29-08-11, 20:49:09
La situazione mi sembra chiara. Ad A non piace il film che piace a B, B non accetta un commento sommario e lancia un suggerimento opinabile. Possiamo chiudere qui? Prenderò la vostra non-risposta come un "sì" :sisi:

IL GURU
29-08-11, 21:02:04
Cosa ti è parso incasinato? Avendo letto anche il libro magari posso chiarirti le idee

Non ho ben capito la parte iniziale,com'è possibile che il protagonista,si trova sulla barca,mentre è rinchiuso li da 2 anni??:hmm:
Poi il resto,per esempio,il collega di polizia quello con qui lavorava,la donna scomparsa che trova nell dirupo sul mare le ha viste per davvero o è stata solo immaginazione??
Grazie delle risposte :)

mickes2
29-08-11, 21:09:38
Una fra le peggio visioni degli ultimi anni. Violenza orrenda che supera il ridicolo e sconfina nell'odioso. La metafora, pesante come un macigno, funziona tipo finchè inizia la violenza. I miei 2 cents.

non so, non ci vedo nulla di ridicolo nella violenza messa in scena dal regista, e nemmeno elementi che posso risultare stucchevoli, o come dici te odiosi.
io ci vedo un dramma stuggente e poetico, con venature horror/splatter e un più che buon rigore formale (almeno per tre quarti di pellicola). si affrontano temi universali ed importanti senza compiacersi, ma anzi, regalandoci un parabola profonda sull'incomunicabilità, sull'indifferenza e la misoginia oltre ogni confine sociale.

se devo muovere un appunto al film, il pre-finale col twist splatteroso l'avrei ridotto di minutaggio o cmq avrei ridotto i momenti splatter a favore di un non-vedo un po' più misurato. ma il finale riassesta tutto a mio modo di vedere :sisi:

Ja Rule
29-08-11, 21:47:11
Non ho ben capito la parte iniziale,com'è possibile che il protagonista,si trova sulla barca,mentre è rinchiuso li da 2 anni??:hmm:
Poi il resto,per esempio,il collega di polizia quello con qui lavorava,la donna scomparsa che trova nell dirupo sul mare le ha viste per davvero o è stata solo immaginazione??
Grazie delle risposte :)

La parte della barca la immagino come una montatura, gli danno un collega, distintivo e pistola e lo fanno trovare sul ponte della nave. In effetti, anche nel libro non è chiarissimo.
We, il collega è il dottore delle ultime scene :asd: sveglia :asd:
La donna scappata invece viene interpretata da un'infermiera, ma ovviamente è una montatura.


Visto intanto Vertigo, la donna che visse due volte.
Moooooolto bello, m'è piaciuto.
Sono riuscito anche a notare un po' le musiche e la pessima recitazione della compagna di John :ahsisi:

p a n z e r
29-08-11, 21:50:47
anche se può sembrare una soluzione furbetta, per me

diverse circostanze sono semplici allucinazioni. mi sembra esagerato montare un teatro simile per un paziente

ammetto comunque di non avere letto il libro

MEGA
29-08-11, 22:03:13
Bedevilled (2010) di Chul-soo Jang
http://japancinema.net/wp-content/uploads/2011/02/bedevilled.jpg
Le ineluttabili urla di dolore passano per l'ottusa mentalità di un piccolo villaggio rurale, indifferenza latente, violenza e sopprusi, prepotenze contro chi non può difendersi o reagire. La vendetta come unica arma per evadere da un'esistenza soffocata, sofferente, piegata all'ignoranza, al duro egoismo in cui non esiste alcun diritto sociale. parte finale che spazia dallo splatter horrorifico alla poesia più struggente. Un altra perla del cinema orientale.
8,5

trovo troppo stupido comunicare un messaggio tramite violenza e splatteramenti vari, boh

utente 8693
29-08-11, 22:21:42
trovo troppo stupido comunicare un messaggio tramite violenza e splatteramenti vari, boh
Parli del film nello specifico? Perchè così suna come una generalizzazione poco intelligente.


edited by Togg: cerchiamo di essere un po' più rilassati please.

Armin
29-08-11, 22:43:26
Visto ieri sera La Conversazione di Francis Ford Coppola.
Mi è piaciuto, ma gli ho preferito di gran lunga Le Vite degli Altri.
Voto 7,5

mickes2
29-08-11, 22:51:05
trovo troppo stupido comunicare un messaggio tramite violenza e splatteramenti vari, boh

la forza della messa in scena e delle dinamiche, va di pari passo col messaggio e con le tematiche che il regista vuole mettere alla luce. da par mio ti posso dire che non è assolutamente stupido: tanti autori utilizzano la violenza (anche quella più estrema) per esprimere concetti e/o tematiche scottanti.

ti posso chiedere perchè lo trovi stupido?

pit
30-08-11, 11:48:22
La parte della barca la immagino come una montatura, gli danno un collega, distintivo e pistola e lo fanno trovare sul ponte della nave. In effetti, anche nel libro non è chiarissimo.
We, il collega è il dottore delle ultime scene :asd: sveglia :asd:
La donna scappata invece viene interpretata da un'infermiera, ma ovviamente è una montatura.


Visto intanto Vertigo, la donna che visse due volte.
Moooooolto bello, m'è piaciuto.
Sono riuscito anche a notare un po' le musiche e la pessima recitazione della compagna di John :ahsisi:


anche se può sembrare una soluzione furbetta, per me

diverse circostanze sono semplici allucinazioni. mi sembra esagerato montare un teatro simile per un paziente

ammetto comunque di non avere letto il libro

qua urge spiegazione, nn ho letto il libro e il film l'ho visto 4 gg fa.
nn l'ho capito io oppure nn l'avete capito voi?
da quello che ho capito io lui era veramente un poliziotto che è andato ad indagare , poi il collega gli ha fatto il doppio gioco
questo l'ho dedotto dalla frase finale sulle scale " è meglio vivere da pazzo che morire da persona normale" fino a questa frase ero mi avevano convinto che era un paziente, ma dopo questa ho cambiato idea

p a n z e r
30-08-11, 11:54:38
qua urge spiegazione, nn ho letto il libro e il film l'ho visto 4 gg fa.
nn l'ho capito io oppure nn l'avete capito voi?
da quello che ho capito io lui era veramente un poliziotto che è andato ad indagare , poi il collega gli ha fatto il doppio gioco
questo l'ho dedotto dalla frase finale sulle scale " è meglio vivere da pazzo che morire da persona normale" fino a questa frase ero mi avevano convinto che era un paziente, ma dopo questa ho cambiato idea
bè si quella frase è abbastanza enigmatica, ma io personalmente non l'ho interpretata così

lui è pazzo, è sempre stato pazzo ed è stata tutta una montatura. come gli hanno spiegato però ha dei momenti di lucidità in cui riesce a riconoscere questa sua condizione mentale, ed è in un momento come questo che accetta ciò che è successo (la moglie pazza, l'omicidio dei suoi figli ecc...) e decide di farsi lobotomizzare, fingendo una ricaduta.

non ha più intenzione di vivere come un mostro (la pazzia), e decide di morire da uomo normale

pit
30-08-11, 12:03:43
bè si quella frase è abbastanza enigmatica, ma io personalmente non l'ho interpretata così

lui è pazzo, è sempre stato pazzo ed è stata tutta una montatura. come gli hanno spiegato però ha dei momenti di lucidità in cui riesce a riconoscere questa sua condizione mentale, ed è in un momento come questo che accetta ciò che è successo (la moglie pazza, l'omicidio dei suoi figli ecc...) e decide di farsi lobotomizzare, fingendo una ricaduta.

non ha più intenzione di vivere come un mostro (la pazzia), e decide di morire da uomo normale
hai letto male la frase allora:sisi:la frase intende proprio il contrario
visto che stava scoprendo la verita e lo avrebbero ucciso o fatto diventare pazzo lui ha preferito fingere di essere pazzo per vivere piuttosto di morire

Ja Rule
30-08-11, 12:08:14
Eeeeeeeeeeeeeh no.
Lui è sempre stato pazzo. Rinchiuso lì da anni. Il libro non lascia scampo. Nè il dubbio sulla lobotomia.

---------- Post added at 12:08:14 ---------- Previous post was at 12:05:38 ----------

Anche perché il collega che doppio gioco avrebbe fatto? Diventa medico all'improvviso? :rickds:

pit
30-08-11, 12:14:38
Eeeeeeeeeeeeeh no.
Lui è sempre stato pazzo. Rinchiuso lì da anni. Il libro non lascia scampo. Nè il dubbio sulla lobotomia.

---------- Post added at 12:08:14 ---------- Previous post was at 12:05:38 ----------

Anche perché il collega che doppio gioco avrebbe fatto? Diventa medico all'improvviso? :rickds:
tirando via il fatto di chi ha ragione
ma cosa fa quello per darti prova certa di essere medico?
cioè se io vengo a casa tua e ti dico sono gesù mi credi XD nn ho visto nulla che possa farmi credere che quello sia un medico

poi come detto del libro neanche ho visto la copertina XD e guardando il film l'ho interpretato in questo modo il finale

Hushabye
30-08-11, 12:20:46
tirando via il fatto di chi ha ragione
ma cosa fa quello per darti prova certa di essere medico?
cioè se io vengo a casa tua e ti dico sono gesù mi credi XD nn ho visto nulla che possa farmi credere che quello sia un medico

poi come detto del libro neanche ho visto la copertina XD e guardando il film l'ho interpretato in questo modo il finale

la frase finale come han già detto
ti fa capire che lui era guarito ma decide di farsi lobotomizzare,perchè non riesce più a vivere col senso di colpa per la morte dei figli
poi leggendo il libro mi han detto si deduce solo che lui era pazzo e nemmeno guarisce,la frase è un aggiunta di scorsese

il primo indizio che il collega non è un vero poliziotto è quandosi toglie la pistola maldestramente


Togg, occhio agli spoiler

klimby
30-08-11, 12:32:53
L'altro giorno ho visto Talk Radio di Oliver Stone.

Il film mi è piaciuto molto anche se (come per tantissimi film) mi aspettavo qualcosa di più per quanto riguarda l'untrospezione del protagonista. Il film praticamente parla di un sarto ebreo di detroit (mi pare) che per puro caso riesce ad avere un lavoro in radio, in un programma notturno dove la gente chiama e parla del più e del meno. Solo che questo speaker è amato/odiato da tutti perchè è molto diretto con gli interlocutori e talvolta fa perdere le staffe a chi sta dietro la cornetta.

Togg
30-08-11, 12:52:21
il primo indizio che il collega non è un vero poliziotto è quandosi toglie la pistola maldestramente


cacchio hai ragione, non avevo notato completamente, eppure è palese.

Hushabye
30-08-11, 13:20:55
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/f/f7/Worldsgreatestdad.jpg/220px-Worldsgreatestdad.jpg

Commedia nera originale; mi piaciono i messaggi che lancia;sequenza della piscina troppo ****:asd: il miglior film di robin williams dai tempi di one hour photo ... 7.5

http://moviezmobile.files.wordpress.com/2009/12/719317381.jpg

Il trio Bateman-Affleck-Kunis è perfetto, rimane una commedia piacevole anche se l avevo apprezzata di più la prima volta.. 7+

---------- Post added at 13:20:55 ---------- Previous post was at 13:17:39 ----------


cacchio hai ragione, non avevo notato completamente, eppure è palese.

cmq di shutter island non dimenticherò mai la prima notte che lo vidi,quanto mi ha inquietato:sisi: ovviamente anchè perchè tante piccole cose mi era sfuggite

Gabe Krios
30-08-11, 13:33:36
Era mio padre - VOTO: 8.5 / 10

1931, Illinois (USA). Michael - Mike - Sullivan (Tom Hanks), padre amorevole e marito affettuoso, lavora come killer per conto dell'irlandese John Rooney (Paul Newman), boss mafioso che l'ha cresciuto come un figlio. Una sera il figlio maggiore, Michael Jr. (Tyler Hoechlin), assiste ad una "esecuzione" operata dal figlio di Rooney, Connor (Daniel Craig), e da suo padre. Temendo che il ragazzino racconti tutto, Connor decide di eliminarlo, uccidendo però la moglie e il figlio più piccolo di Mike.

Per quest'ultimo e per Michael Jr. inizia dunque una disperata fuga. Per trovarli e giustiziarli, Connor ingaggia Maguire (Jude Law), un killer dal profilo psicologico contorto, il cui lavoro ufficiale è quello di fotografare i morti ammazzati. Dopo essere sfuggiti parecchie volte al sicario, e dopo aver affrontato ed eliminato John e suo figlio Connor, Mike e il figlio Michael Jr. arrivano al confronto decisivo con Maguire, che si introduce furtivamente nella villa al mare dove padre e figlio dovevano vivere una vita tranquilla, sparando alla schiena a Mike, e quest'ultimo, mentre il figlio sta per essere aggredito, spara a Maguire e lo uccide. Michael Junior accorre da suo padre, gravemente ferito, e suo padre gli muore tra le braccia. Il ragazzino continua la propria vita nella fattoria di due contadini che pochi giorni prima avevano curato Michael Sullivan dopo che era stato ferito ad un braccio. Lì il piccolo Mike crescerà ricordando quelle sei settimane, in cui dietro al padre, aveva visto tutto ciò di cui è capace l'animo umano. Forse anche grazie a questa incredibile esperienza riesce a perdonare quell'uomo che per lui non era né buono né cattivo ma semplicemente suo padre.

knight96-1994
30-08-11, 13:34:13
Ma davvero c'è gente che ha dubbi su Shutter Island? E' ovvio che alla fine
Di Caprio sia guarito ma decide di farsi lobotomizzare per non vivere col rimorso. Insomma, la frase "Meglio vivere da mostri o morire da eroi?" non lascia dubbi

Togg
30-08-11, 13:34:42
una tomba per le lucciole, Takahata
davvero doloroso, perfetta rappresentazione del tessuto emozionale dilaniato dalla guerra. alcune trovate grafiche notevoli che riescono a far da metafora senza risultare mai fastidiose. magistrale la figura della bimba, emblema di un'umanità ancora incapace di comprendere i perché ma già estremamente carica di sensi. in piena tradizione neorealista.
8

Ja Rule
30-08-11, 13:42:36
Ma davvero c'è gente che ha dubbi su Shutter Island? E' ovvio che alla fine
Di Caprio sia guarito ma decide di farsi lobotomizzare per non vivere col rimorso. Insomma, la frase "Meglio vivere da mostri o morire da eroi?" non lascia dubbi

Ripeto, nel libro non c'è la frase, non c'è il "dubbio" finale. Non guarisce :asd:

Era mio padre che filmone, ovviamente guarnito da una traduzione del titolo oscena.

Rullo
30-08-11, 13:47:46
Ma davvero c'è gente che ha dubbi su Shutter Island? E' ovvio che alla fine
Di Caprio sia guarito ma decide di farsi lobotomizzare per non vivere col rimorso. Insomma, la frase "Meglio vivere da mostri o morire da eroi?" non lascia dubbi

un topic di 20 pagine può rispondere alla tua domanda

Vigo
30-08-11, 13:55:41
Superfantozzi
Anche qui, qualche battuta carina e tante, troppe scene poco ispirate o situazioni riciclate. La parte sulla tifoseria mi ha ricordato molto i Monty Python nel corto prima di "Il senso della vita", infatti è forse uno dei momenti migliori del film.

Ra96
30-08-11, 14:13:54
Control
Un film biografico di Ian Curtis, cantante dei Joy Division.
Film fantastico, recitato molto bene soprattutto da Sam Riley che riprendeva benissimo gli stati d'animo di Curtis. La fine mi stava per commuovere:ahsisi:

Gabe Krios
30-08-11, 14:16:57
Era mio padre che filmone, ovviamente guarnito da una traduzione del titolo oscena.[/B]

ovvio che ci vuoi fà :asd:

TheNightflier
30-08-11, 17:01:56
Ma davvero c'è gente che ha dubbi su Shutter Island? E' ovvio che alla fine
Di Caprio sia guarito ma decide di farsi lobotomizzare per non vivere col rimorso. Insomma, la frase "Meglio vivere da mostri o morire da eroi?" non lascia dubbi

Concordo in pieno con il tuo spoiler,a prescindere che non c'è la frase nel libro anzi a maggior ragione è stato un grande allora Scorsese,quel finale disturbante rende ancora migliore il film.

---------- Post added at 17:01:56 ---------- Previous post was at 17:00:14 ----------


Control
Un film biografico di Ian Curtis, cantante dei Joy Division.
Film fantastico, recitato molto bene soprattutto da Sam Riley che riprendeva benissimo gli stati d'animo di Curtis. La fine mi stava per commuovere:ahsisi:

Grande film ma lo dico da fan che venerava Curtis perciò non faccio testo,ma cmq assolutamente straordinario Riley...

Ja Rule
30-08-11, 18:50:41
The game
Sublime. Un confine labile, se non impercettibile, tra finzione e realtà. Confesso di essere caduto nella trappola degli ultimi minuti.
Un film che confonde per poi lasciarti sorpreso, di sasso.
Mica come quella chiavica di Matrix.

klimby
30-08-11, 19:10:36
The game
Sublime. Un confine labile, se non impercettibile, tra finzione e realtà. Confesso di essere caduto nella trappola degli ultimi minuti.
Un film che confonde per poi lasciarti sorpreso, di sasso.
Mica come quella chiavica di Matrix.

The game non è mica quel film

che il protagonista si rivolge per un'agenzia di non-ricordo-cosa e poi si verificano cose strane?

Ja Rule
30-08-11, 19:13:25
sì, proprio quello

DellaDesign
30-08-11, 20:07:40
Se dai, vabbè...

Togg
30-08-11, 20:09:53
omohide poro poro, Takahata
soggetto difficile perché di mezzo, la protagonista è troppo giovane per ricordare con una nostalgia o dolore così forti da imprimere un tono pesante al film e quindi la narrazione è costretta a tenere viva la linea del passato come fosse molto molto vicina, togliendo (forse) un po' di spazio all'esplosione della figura di lei nel presente. anche la critica sociale si prende un po' troppa scena. ci sono però tantissime idee e un ottimo montaggio sonoro. ci penserò ancora su.
7,5

klimby
30-08-11, 20:34:35
sì, proprio quello

l'ho visto tantissimo tempo fa e ricordo poco e niente, però mi aveva intrigato un casino.

Prossimamente lo noleggio :sisi:

Gabe Krios
30-08-11, 23:03:32
The game
Sublime. Un confine labile, se non impercettibile, tra finzione e realtà. Confesso di essere caduto nella trappola degli ultimi minuti.
Un film che confonde per poi lasciarti sorpreso, di sasso.
Mica come quella chiavica di Matrix.

Non insultarmi matrix :ozn:

Aku
30-08-11, 23:45:24
cacchio hai ragione, non avevo notato completamente, eppure è palese.

Ma neanche poi tanto. ^^o
In effetti c'è un doppio significato di questo piccolo gesto di contorno, che solo un grande regista può permettersi di scrivere e giocare.

- Quando "Chuck" si toglie effettivamente la pistola non vai certo a pensare che la poca praticità dell'uomo alla fondina della sua pistola sia dovuta al fatto che in realtà egli NON sia effettivamente un poliziotto, tutt'altro...comprendi praticamente subito il messaggio che Scorsese vuole lanciarti :
Ok, Si tratta della tipica coppia di sbirri disassortiti, uno è presumibilmente l'uomo d'azione (DiCaprio) che il film in uncerto senso richiede/richiederà, l'altro è il classico poliziotto/burocrate che non tira su il naso dalla sua scrivania probabilmente da anni, e raramente ha premuto il grilletto, ah pure è la prima volta che lavorano assieme..
Vero anche che l'inesperienza funge anche da micro siparietto comico ma vuole sancire quasi da subito allo spettatore che di fatto DiCaprio sull'Isola è "solo", lo sguado poi di MCPershon quasi schifato è assolutamente diretto e non lascia spazio a fraintendimenti di sorta, comunica chiaramente dissenso della serie

"Perchè questo tizio ha il distintivo" ???

Poi c'è l'effetto "DoppioGioco" come lo chiamo io, in cui pochi registi riescono a cimentarsi con successo :

- Prima volta che vedi Shutter Island ----> pensiero dello spettatore ---->
"E' probabilmente uno sguardo severo, tra commiserazione e pietà, di un capo guardia del penitenziario/manicomio che è abituato ad usare la violenza in quel luogo e non si spiega la poca "praticità" all'uso dell'agente dell'FBI che ha davanti"

- Seconda visione di Shutter Island ----> pensiero dello spettatore ----> "Deve fare attenzione ! se Teddy scopre che Chuck non "esiste" è finita la terapia, non deve accorgersi che è una farsa"

E la gente si chiede perchè SHUTTER ISLAND e ZODIAK sono tra i miei film preferiti ?
Chiedetevi piuttosto perchè non lo sono dei vostri.
^^o

PS. Magari sono ovvietà ma spesso faccio l'anatomia di un film in ogni inquadratura/scarrellata

Caccia al Tesoro
30-08-11, 23:52:03
http://www.mod-callofdutynetwork.com/images/forz8.png

Lateralus
30-08-11, 23:52:03
Kung Fu Panda 2
Carino, più che altro mi è sembrato uno spin-off :asd:

Zeno
31-08-11, 00:34:25
Che dite di Danny The Dog? Sta lì che mi guarda.

Lateralus
31-08-11, 00:39:21
Che dite di Danny The Dog? Sta lì che mi guarda.

E' ora che tu guardi lui :sisi:

utente 8693
31-08-11, 00:42:09
Che dite di Danny The Dog? Sta lì che mi guarda.
Francamente preferisco film di Kung Fu che si prendono meno sul serio.
Bob Hoskins però mi piace e alcuni combattimenti meritano, il resto è un dimenticabile. (vado a memoria perchè l'ho visto una volta anni fà).

I'm a Cyborg but that's ok:
Un film di 1 ora e 40, che mi è parso durare 3 ore.
Ogni due secondi controllavo il timer del bluray, sperando che fossimo ad uno stadio avanzato, e leggevo tipo "00:33:45", con mio sommo dispiacere.
Un bordello confusionario, sopra le righe e terribilmente noioso, con un'umorismo decisamente basilare.
Ci sono alcune scene carine qui e là, ma non vale assolutamente la pena, per quanto mi riguarda.
Pure l'acting è molto altalenante.

Zeno
31-08-11, 01:03:03
Francamente preferisco film di Kung Fu che si prendono meno sul serio.
Bob Hoskins però mi piace e alcuni combattimenti meritano, il resto è un dimenticabile. (vado a memoria perchè l'ho visto una volta anni fà).

Immaginavo si prendesse sul serio però come film d'azione merita? Altrimenti do la priorità ad altro (Nido di vespe :asd:).

utente 8693
31-08-11, 01:06:47
Nido di Vespe è un vero e proprio "film videogioco".
Per me è più divertente.
Danny ha ottimi combattimenti ma anche diverse perdite di tempo in pantomime che non non riesco a prendere facilmente sul serio.

Zeno
31-08-11, 01:11:32
Nido di Vespe è un vero e proprio "film videogioco".
Per me è più divertente.
Danny ha ottimi combattimenti ma anche diverse perdite di tempo in pantomime che non non riesco a prendere facilmente sul serio.

Capito, allora mi sa che passa avanti Nido di vespe. Danny the dog lo posticipo. Graçias.

utente 8693
31-08-11, 01:22:29
Comunque Danny non lo accantonare del tutto, non è un brutto action, che io ricordi.

Dies Irae
31-08-11, 01:30:24
Non sarà il migliore di Kitano ok,ma definirlo in quel modo è a dir poco oltraggioso,va visto come una variazione ironica del chanbara.
Il film è a volte un pò ruffiano ok,ma tutto il discorso relativo alla vista come senso sopravvalutato è interessante,poi la scena finale oltre che spiazzante e divertente vale da sola l'intero film.
Della Cg onestamente mi interessa poco è il risultato finale che conta e anche se gli ho preferito altri film di Kitano (Dolls,Brothers o Il silenzio sul mare ad esempio) a suo tempo lo apprezzai molto,sentirlo definire in quel modo mi fà incazzare parecchio.

Se quella e m....a tanto vale aprire la stagione di caccia per alcuni registi italiani che spopolano in cartellone ad esempio sotto natale.

---------- Post added at 20:41:50 ---------- Previous post was at 20:40:56 ----------



Idem se scrivi certe cose non voglio avere nulla a che fare con te....poi quale discorso? ti sei limitato a dire "quel film è m....a" il sangue finto? ma per piacere.
In realtà ho scritto che i problemi di quel film vanno ben oltre il sangue finto, in risposta ad una precisa osservazione di panzer. Cominciando dalla mancanza di Hisaishi che pesa come un macigno. Doveva esserne consapevole lo stesso Kitano, quando ha scelto di puntare sull'uso ritmato del sonoro invece che sull'accompagnamento musicale. E' il più accessibile della sua filmografia, il più manifesto e manierista nel dire e di sicuro il meno sottrattivo, cosa che penalizza notevolmente il ruolo di Kitano-attore. Neppure sembra un suo film, perso nella dichiarata ricerca del consenso nazional-popolare (mica per niente rigettata col film successivo). Meglio, molto meglio, il personaggio simil-Zatoichi presente in Getting Any.. ma farci un intero film? Se è vero che ha girato Outrage per le scene di morte, Zatoichi sembra fatto per il balletto finale, da quanto è inconsistente il resto. Le commedie natalizie le lascio a chi si sente furbo e intelligente nello sparare sulla croce rossa. Se poi l'unica reazione alla critica di un film consiste nel dare di matto come un bambino al quale è stato rotto un giocattolo, beh.. io dovrò smettere col cinema ma tu dovresti fare lo stesso con i forum di discussione.

utente 8693
31-08-11, 01:37:30
Per altro se non erro il divorzio con Hisaishi non è stata una scelta artistica, ma appunto frutto di un litigio nato dalla colonna sonora di Dolls (loro ultima collaborazione, mi pare).

Zeno
31-08-11, 02:53:48
Comunque Danny non lo accantonare del tutto, non è un brutto action, che io ricordi.

Ha pure la colonna sonora dei Massive Attack. :sisi:

mickes2
31-08-11, 08:35:14
I'm a Cyborg but that's ok:
Un film di 1 ora e 40, che mi è parso durare 3 ore.
Ogni due secondi controllavo il timer del bluray, sperando che fossimo ad uno stadio avanzato, e leggevo tipo "00:33:45", con mio sommo dispiacere.
Un bordello confusionario, sopra le righe e terribilmente noioso, con un'umorismo decisamente basilare.
Ci sono alcune scene carine qui e là, ma non vale assolutamente la pena, per quanto mi riguarda.
Pure l'acting è molto altalenante.

anche a me fece quest'impressione, grosso modo. è fin troppo sfilacciato nella narrazione ed è, più che altro, un collage (nemmeno troppo riuscito) di sequenze caruccie, e poco più. il finale però l'ho trovato molto bello per come viene rappresentato.

Zweick
31-08-11, 09:54:56
Dovevate saltare direttamente a Thirst :sisi: E pare che sia molto bello anche Night Fishing, corto di quest'anno girato con un iphone; se poi non l'avete visto, l'episodio che ha diretto per Three Extremes merita parecchio.

utente 8693
31-08-11, 11:06:40
anche a me fece quest'impressione, grosso modo. è fin troppo sfilacciato nella narrazione ed è, più che altro, un collage (nemmeno troppo riuscito) di sequenze caruccie, e poco più. il finale però l'ho trovato molto bello per come viene rappresentato.
Vero, il finale è tenero e anche alcuni personaggi potrebbero esserlo, se non fossero così forzati e mal gestiti, solo che quando arrivi alla fine del film sei così sfinito (o almeno, io lo ero) che non c'è salvezza che tenga, vuoi solo premere "eject" il prima possibile. :asd:

@fil0red: Ora con ChoonWook faccio una bella pausa, poi in futuro magari darò un colpo a Thirst.

Hushabye
31-08-11, 11:27:59
Ma neanche poi tanto. ^^o
In effetti c'è un doppio significato di questo piccolo gesto di contorno, che solo un grande regista può permettersi di scrivere e giocare.

- Quando "Chuck" si toglie effettivamente la pistola non vai certo a pensare che la poca praticità dell'uomo alla fondina della sua pistola sia dovuta al fatto che in realtà egli NON sia effettivamente un poliziotto, tutt'altro...comprendi praticamente subito il messaggio che Scorsese vuole lanciarti :
Ok, Si tratta della tipica coppia di sbirri disassortiti, uno è presumibilmente l'uomo d'azione (DiCaprio) che il film in uncerto senso richiede/richiederà, l'altro è il classico poliziotto/burocrate che non tira su il naso dalla sua scrivania probabilmente da anni, e raramente ha premuto il grilletto, ah pure è la prima volta che lavorano assieme..
Vero anche che l'inesperienza funge anche da micro siparietto comico ma vuole sancire quasi da subito allo spettatore che di fatto DiCaprio sull'Isola è "solo", lo sguado poi di MCPershon quasi schifato è assolutamente diretto e non lascia spazio a fraintendimenti di sorta, comunica chiaramente dissenso della serie


Poi c'è l'effetto "DoppioGioco" come lo chiamo io, in cui pochi registi riescono a cimentarsi con successo :

- Prima volta che vedi Shutter Island ----> pensiero dello spettatore ---->
"E' probabilmente uno sguardo severo, tra commiserazione e pietà, di un capo guardia del penitenziario/manicomio che è abituato ad usare la violenza in quel luogo e non si spiega la poca "praticità" all'uso dell'agente dell'FBI che ha davanti"

- Seconda visione di Shutter Island ----> pensiero dello spettatore ----> "Deve fare attenzione ! se Teddy scopre che Chuck non "esiste" è finita la terapia, non deve accorgersi che è una farsa"

E la gente si chiede perchè SHUTTER ISLAND e ZODIAK sono tra i miei film preferiti ?
Chiedetevi piuttosto perchè non lo sono dei vostri.
^^o

PS. Magari sono ovvietà ma spesso faccio l'anatomia di un film in ogni inquadratura/scarrellata

ma infatti la prima volta non mi era manco lontanamente venuta l idea che lui non era un poliziotto per via della pistola:asd:

ps Shutter island tra i miei preferiti... come ogni film di scorsese:sisi:

TheNightflier
31-08-11, 12:52:22
In realtà ho scritto che i problemi di quel film vanno ben oltre il sangue finto, in risposta ad una precisa osservazione di panzer. Cominciando dalla mancanza di Hisaishi che pesa come un macigno. Doveva esserne consapevole lo stesso Kitano, quando ha scelto di puntare sull'uso ritmato del sonoro invece che sull'accompagnamento musicale. E' il più accessibile della sua filmografia, il più manifesto e manierista nel dire e di sicuro il meno sottrattivo, cosa che penalizza notevolmente il ruolo di Kitano-attore. Neppure sembra un suo film, perso nella dichiarata ricerca del consenso nazional-popolare (mica per niente rigettata col film successivo). Meglio, molto meglio, il personaggio simil-Zatoichi presente in Getting Any.. ma farci un intero film? Se è vero che ha girato Outrage per le scene di morte, Zatoichi sembra fatto per il balletto finale, da quanto è inconsistente il resto. Le commedie natalizie le lascio a chi si sente furbo e intelligente nello sparare sulla croce rossa. Se poi l'unica reazione alla critica di un film consiste nel dare di matto come un bambino al quale è stato rotto un giocattolo, beh.. io dovrò smettere col cinema ma tu dovresti fare lo stesso con i forum di discussione.

Come se il fatto di essere più accessibile rispetto ad altri suoi film fosse una colpa,tu non ha i capito nulla del film,nessuno ha dato di matto.
Quando si commenta un film del genere apprezzato da molti e di un autore amatissimo,se non si riesce ad andare oltre ad una frase del genere,vuol dire solo provocare.
Non ti ha sfiorato nemmeno la testolina l'idea che fosse propio quello l'intento di Kitano smontare e rimontare un genere che da anni pare imbalsamato entro canoni stilistici ed estetici che sembrano strizzare sempre più l'occhio al cinema occidentale?
Ma rinnegato de che? come se nella sua carriera di attore e regista non avesse mai compiuto balzi e piroette da un genere all'altro,fregandosene bellamente di critica e pubblico.
La parentesi comica non l'ho mai capita e apprezzata ma tantè fà parte di un umorismo molto orientale che non è facile comprendere,in parte viene ripresa qui ma molto lievemente,non sottrae nulla al Kitano attore ma perchè non è lapallissiano che è molto meglio come regista? che sono propio i suoi film dove non compare forse i più belli?
Per assurdo è propio dopo l'incidente del 96 che arriva al grande successo,dopo che ha subito interventi che gli hanno donato un'espressività molto particolare e direi anche molto meno orientale.
Le critiche possono essere molto contrastanti ma non ci si può limitare a dire "quel film è una m....a" poi si può scivere tutto di tutto c'è gente critica anche che sò 2001 odissea nello spazio,quelli che spesso condannano Kubrick perchè troppo accessibile,come se fosse una cosa terribile riuscire a coniugare l'arte e il successo di pubblico.
Outrage ancora devo vederlo.

utente 8693
31-08-11, 13:08:11
Comunque Kitano è prima comico e dopo regista, non la definirei una "parentesi" la sua.

TheNightflier
31-08-11, 13:48:22
Comunque Kitano è prima comico e dopo regista, non la definirei una "parentesi" la sua.

Negli ultimi anni sempre meno comico e cmq è una parte di lui molto meno conosciuta in occidente

utente 8693
31-08-11, 15:01:06
La sua carriera televisiva è sempre molto grossa inGiappone, in programmi totalmente trash, dalla natura comica.

MEGA
31-08-11, 16:38:04
il giardino delle vergini suicide
poco da dire, sofia coppola è un regista con i controcazzi, bell'atmosfera, bella fotografia, belle musiche
un po pesantuccio (nemmeno tanto poi ) ma scorre che una bellezza

p a n z e r
31-08-11, 16:46:39
sofia coppola è un regista con i controcazzi

scappa finchè sei in tempo!

Ja Rule
31-08-11, 18:23:00
Un giorno di ordinaria follia
7
Un crescendo ben costruito, una follia inusuale. Potrei fare le stesse cose del protagonista, in una giornata no. Non si riesce a dare torto a questo padre di famiglia, distrutto dalla vita e dalle ingiustizie.

utente 8693
31-08-11, 18:33:07
Ja, prossima tappa "Rampage" di Uwe Boll.
Ho sentito che è un film decente, non vedo l'ora di vederlo, personalmente.

Ja Rule
31-08-11, 18:34:47
Ma so che Uwe Boll è un cretino :rickds:
Mi informo comunque

utente 8693
31-08-11, 18:52:33
Uwe Boll è un grande. :sisi:

http://www.youtube.com/watch?v=D1w4ZW72k98


"You get ‘oh, you have to be careful because he’s a muslim’ or ‘you have to be careful because he’s an ultra-Christian kinda guy’; no, I don’t want to be careful. For me these people are all stupid idiots. This is the thing: I don’t want to be ‘safe’ around these people, I want to kick them all in the balls." ~ Uwe Boll

“I’m not a fucking retard like Michael Bay.” ~ Uwe Boll


http://www.youtube.com/watch?v=1HHfF67lgE8

Ja Rule
31-08-11, 19:15:23
Traduttore 1: Come potremmo tradurre "There will be blood"?
Traduttore 2: Il petroliere!


:rickds::rickds::rickds::rickds::rickds::rickds::r ickds::rickds::rickds::rickds::rickds::rickds:

Gabe Krios
31-08-11, 22:24:20
L'altra ultima sporca meta - VOTO: 7.5 / 10

L'ex-campione di football americano Paul Crewe è in piena crisi auto-lesionistica dopo aver accettato di lasciar perdere la sua squadra per denaro. Presa l'auto della sua ragazza, si lancia in una folle corsa e viene poi arrestato dalla polizia. Saputo dei suoi trascorsi professionistici, il direttore del carcere dove viene mandato lo vuole per capitanare una raccogliticcia squadra di detenuti per un "match" contro la squadra delle guardie di sorveglianza. Il risentimento del direttore verso i suoi primi rifiuti provoca l'aggravarsi della sua condizione, sino al punto in cui Paul è costretto ad accettare. L'esito della partita appare scontato: le guardie si allenano da tempo con regolarità e sono in ottima forma, mentre i detenuti sono ribelli ed individualisti. Paul riesce tuttavia, con molti sforzi, a creare uno spirito di squadra che si manifesta durante l'incontro, dove i detenuti mettono in seria difficoltà le guardie. Il direttore in realtà vuole la vittoria delle guardie, a tutti i costi, e corrompe Paul affinché si finga infortunato. Senza di lui i detenuti non hanno più speranza. Egli inizialmente subisce il ricatto, poi si redime e con uno scatto di orgoglio porta la sua squadra alla vittoria.

Ja Rule
31-08-11, 22:38:22
Quanto mi piace sto film :D
E poi c'è mezza WWE :rickds:

utente 8693
31-08-11, 22:39:20
Traduttore 1: Come potremmo tradurre "There will be blood"?
Traduttore 2: Il petroliere!


:rickds::rickds::rickds::rickds::rickds::rickds::r ickds::rickds::rickds::rickds::rickds::rickds:
Io l'avrei chiamato: "mestruo".

Ja Rule
31-08-11, 22:54:18
e alla fine arriva ciclo, pure.
comunque, osceno. lo sto vedendo ma è osceno. mi sa che mollo.

Gabe Krios
31-08-11, 22:55:28
Resisti :bruniii:

Key Paradise
31-08-11, 23:17:38
Traduttore 1: Come potremmo tradurre "There will be blood"?
Traduttore 2: Il petroliere!


:rickds::rickds::rickds::rickds::rickds::rickds::r ickds::rickds::rickds::rickds::rickds::rickds:

questo è giustificato eh, avevo letto la spiegazione

Ja Rule
31-08-11, 23:27:55
Ok petroliere abbandonato.

utente 8693
01-09-11, 15:14:23
The War Game.
Ottima idea alla base, suppongo che se non l'avessero fatto autocosciente della proprio finzione, sarebbe rimasto più attuale.
I punti portati avanti sono tutti abbastanza ovvi e scontati oggi giorno, ma immagino che nel 65 la cosa fosse molto meno palese ed il pubblico fosse meno smaliziato.
Anche l'acting di alcune scene, non era esattamente credibile al 100%.
Ad ogni modo, mi è piaciuto; magari l'avessero preso a modello per fare District 9, invece di andare con quella porcheria con azione da videogame.

Buddha94
01-09-11, 15:54:05
http://2.bp.blogspot.com/_1RwN9IQP4vM/TPmbEg6wviI/AAAAAAAAABs/XWx4rrMlJWI/s1600/The%2BMechanic%2BMovie%2B%25282%2529.jpg

Mi aspettavo un film alla The Transporter ed in sostanza lo è, ma c'è meno azione ed è meno adrenalico.
Voto: 6

Gatsu89
01-09-11, 20:30:11
Visto Panico a Needle Park.
Non mi è piaciuto molto,mi sembra più che altro un "documentario" sulla droga piuttosto che un film vero e proprio.Come sempre Al ottimo,niente da dire.
Voto=6

Vigo
01-09-11, 23:24:09
Whistle cortometraggio di Duncan Jones (regista di Moon)
Non eccessivamente brillante dal punto di vista tecnico e con un cast che non spicca particolarmente per bravura (ma neanche in negativo), questo corto si basa comunque su un'idea carina e secondo me vale la pena guardarlo, anche solo per curiosità nei confronti dell'esordio (semi-amatoriale) del regista :sisi:

Lateralus
02-09-11, 02:48:09
Fright Night
Non ho visto l'originale.
Mi aspettavo un horror che non si prendesse troppo sul serio, e che difatti non fosse serio, così è stato. Ed è un bene. Mi sono divertito :asd:
Colin Farrell è davvero azzeccato a mio avviso, il vampiro figo lo fa davvero bene :sisi:
Anche gli altri attori non sono da meno, tranne la biondina che mi è sembrata l'unica sottotono. Che dire, non è un capolavoro, non è un film di mèrda.
Davvero un buon film però, scorre che è un piacere ed è pure divertente ( non nel senso di ''far ridere'').

utente 8693
02-09-11, 03:16:51
Hanna.
mah, domani commento.
-
Dicevo, molto bello esteticamente, la fotografia è stupenda in alcuni momenti e anche la colonna sonora è carina (sebbene non così sensazionale, francamente).
Tutto il resto è stato deludente: i personaggi sono caricaturali ma, a parte Kate Blanchet, giocano a sfavore del film; la trama è accennata e l'azione, punto focale direi, è veramente veramente noiosa e poco creativa.
La maggiorparte delle volte glissano, tagliando le scene d'azione o quando le mostrano, sono zuffe più o meno standard, con veramente poco da dire.
Anche perchè Hanna è, a quanto ci mostrano nei primi 15 minuti, una macchina per uccidere, ma durante il film fa ben poco e, cosa ancora peggiore, non ha antagonisti che incutano un minimo timore (i 3 tedeschi sembrano quelli di Lebowski).
C'è un'ovvia vena ironica in tutto questo, il problema è che è predominante e, francamente, non molto divertente.
La premessa sembrava presagire molto molto di più.

La parte più bella del film è il titolo di testa/chiusura:

http://i.minus.com/i89QZtmFnqMbm.jpg

Con uno squisito gusto vintage.

Darkanno
02-09-11, 16:22:22
Il Pasto Nudo di David Cronenber Voto 9

Robo@nte
02-09-11, 18:08:48
Traduttore 1: Come potremmo tradurre "There will be blood"?
Traduttore 2: Il petroliere!


:rickds::rickds::rickds::rickds::rickds::rickds::r ickds::rickds::rickds::rickds::rickds::rickds:
per rimanere in tema:bah!:

http://i55.tinypic.com/ou5h6t.jpg

Ja Rule
02-09-11, 21:55:01
per rimanere in tema:bah!:

http://i55.tinypic.com/ou5h6t.jpg

non me ne parlare.
ho scoperto qualche giorno fa che texas chainsaw massacre è stato finanziato coi proventi di deepthroat :rickds:
comunque le peggiori penso siano "psyco" e "se mi lasci ti cancello"

Rullo
02-09-11, 22:03:11
non me ne parlare.
ho scoperto qualche giorno fa che texas chainsaw massacre è stato finanziato coi proventi di deepthroat :rickds:
comunque le peggiori penso siano "psyco" e "se mi lasci ti cancello"

psycho = psycho, no?

Ja Rule
02-09-11, 22:06:15
psycho = psycho, no?

No, non confondere.
In inglese, Psycho.
In italiano, Psyco.
L'acca faceva troppo straniero.

geb95
03-09-11, 02:50:06
TITOLO VOTO
The Mechanic 7,5
Capitan America 8,0

Hushabye
03-09-11, 11:37:32
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/f/fe/The_Jacket_poster.JPG/220px-The_Jacket_poster.JPG

7+

http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/5/5a/Crazy_heart_poster.jpg/220px-Crazy_heart_poster.jpg

Nulla di speciale,7

Rullo
03-09-11, 16:04:26
No, non confondere.
In inglese, Psycho.
In italiano, Psyco.
L'acca faceva troppo straniero.

LOL non me ne ero neanche accorto :rickds:

James
03-09-11, 22:13:34
Good Stuff Pastore:sisi: "Nightmare" me lo sto procurando.

Tucker & Dale vs Evil by Eli Craig (2010)

53651

"Tucker e Dale sono due ragazzi della campagna americana, che decidono di passare qualche giorno nei boschi in una catapecchia a rilassarsi bevendo birra e pescando. Incontreranno un gruppo di universitari pronti a far festa, fumare e…"

Craig firma lo "Shaun of the Dead" del genere Slasher ma,intendiamoci,siamo lontani dal film di Wright.
Non si nota lo stesso amore per il genere presente in Shaun,Labine e Tudyk sono bravi nella parte dei redneck accompagnati dalla stupenda Katrina Bowden:predicatore:
Il film diverte molto,un horror/commedia degli equivoci dove prevale più la commedia(fisica) che merita un occhiata.

Price
04-09-11, 09:19:10
arthur
commedia divertente con l'istrionico russel brand nei panni di un milionario bambinesco e viziato. c'è molta morale, c'è l'happy ending, ma si ride e si passa un'ora in tranquillità
6/

James
04-09-11, 09:36:16
Deliria by Michele Soavi (1987)

53654

"Prima di andare a teatro per le prove dello spettacolo una ballerina passa da un ospedale a trovare una persona. Qui incrocia uno strano paziente dallo sguardo ancor più strano che le resta impresso. Al termine delle prove le persone che sono all’interno del teatro non possono più uscire perché qualcuno ha sbarrato le porte e rubato le chiavi…"

Al suo esordio cinematografico(prodotto da D Amato) Soavi gira uno Slasher dalle forti influenze Argentiane.Anche le musiche di Boswell ricordano molto quelle dei Goblin.
Insomma un discreto film con un sempre grandioso David Brandon(ormai uno dei miei attori preferiti:rickds: il prete in crisi de la casa 5 è Cult)e la figura del serial killer,ispirato ad Halloween,con la bellissima maschera da barbagianni.
Scena cult:il killer che si siede sul suo trono disponendo tutte le vittime come un opera d arte.

L4GANN
04-09-11, 14:44:49
Io vi troverò

http://pellicolerovinate.blogosfere.it/images/liam-neeson-in-una-scena-del-film-io-vi-trovero-81991.jpg

Devi dire che mi sono ritrovato un pò stranito a vedere questo film, poiché mi ci sono avvicinato dopo aver sentito che Yotobi lo considerava un film d'azione realistico.


...


Diciamo solo che "Io vi troverò"è realistico come il seno di Cristina dal Basso -_-

La trama di Io vi troverò può essere riassunta in"Ad un cinquant'enne ex membro dei corpi speciali ormai in pensione, rapiscono la figlia, andata in francia a farsi una vacanza.
Il cinquant'enne va lì, ammazza tutto e tutti e riporta a casa la figlioletta, sana e salva :asd:

Da un altro punto di vista "Taken"può essere considerato un pò come un film sulla concretizzazione dei desideri di un padre, ormai messo da parte da tutti, e che ha avuto l'occasione perfetta per mettersi in mostra, sopratutto agli occhi della figlia.. almeno io l'ho visto così, visto che la prima parte inizia in maniera realistica, mentre dalla seconda in avanti si sfocia nell'estremizzazione delle scene d'azione.

A parte questo, devo dire che odio William Neeson che con quella faccia ebete lo vedrei bene ad interpretare qualsiasi ruolo tranne quello dell'eroe dei film d'azione.
Non sò, ma penso che "Io vi troverò"sarebbe potuto venire mille volte meglio se al posto di Neeson ci fosse stato uno Stallone o uno Swargy qualsiasi(lo so che ormai ha più panza che pettorali, ma questo film sembra scritto per essere interpretato dal governatore della California dei tempi che furono ^_^).

7,5

Rullo
04-09-11, 15:31:02
e daje ad ascoltare yotobi (il film è fikoiea in ogni caso)

L4GANN
04-09-11, 15:36:07
e daje ad ascoltare yotobi (il film è fikoiea in ogni caso)
Be, alla fin fine se non lo avesse citato, non lo avrei visto.

Cavoli, quando ho visto la parte in cui il protagonista ha identificato il rapitore della figlia, facendo dire a tutte le persone presenti "Buona fortuna" mi stavo capottando.Nemmeno Terminator è in grado di fare certe cose XDXD

Hushabye
04-09-11, 16:36:11
Gente ma Restless che fine ha fatto?

Vigo
04-09-11, 19:25:57
Copio dal topic horror:

Visto [Rec] e mi è piaciuto molto! Lo stile, ormai penso che lo sappiate tutti, è tra i miei preferiti (mockumentary/camera mossa) e soprattutto nella seconda metà mi ha veramente messo paura. Tra l'altro è uno dei primi horror che vedo in solitaria, e sono sempre stato moooooolto caghetta, quindi vi assicuro che per me è stata un'impresa arrivare alla fine (di fatti tra tutte le pause mi è durato più di due ore )

JT26
04-09-11, 20:40:34
The other guys di McKay. Cazzata, però adoro Wahlberg e poi ci ho riso parecchio nonostante fosse doppiato in italiano. Poi l'ho visto alle 3 di notte con amici, situazione ideale. True american. Adeguatamente nonsense.

Gabe Krios
04-09-11, 20:50:41
50 volte il primo bacio - VOTO : 8.5/10

La vita da dongiovanni di Henry Roth (Adam Sandler), veterinario delle Hawaii, viene sconvolta dall’incontro con Lucy Whitmore (Drew Barrymore), giovane insegnate d’arte. Di lei il protagonista s’innamora all’istante, spezzando così una routine di flirt e “romanzetti da spiaggia” consumati esclusivamente con le turiste giunte nelle isole.
Quel che Henry ignora, tuttavia, è che da circa un anno Lucy soffre di una grave forma di malattia cerebrale: privata della sua memoria a breve termine, la ragazza è costretta a vivere “ogni giorno come fosse lo stesso”. Venutone a conoscenza, il protagonista cerca quotidianamente di incontrare Lucy, aiutato in questo anche dal fedele e “sui generis” amico Ula (Rob Schneider).
Sulle prime la sua insistenza scatena le ire del padre (Blake Clark) che, solo appurate le buone intenzioni di Henry, gli si dimostra favorevole, constatando come la figlia appaia visibilmente più allegra e solare nei giorni in cui lo incontra (in particolare, usa cantare la canzone: “Wouldn’t It Be Nice” dei Beach Boys).
La menzogna in cui Lucy vive, però, è un peso gravoso per i familiari e al contempo troppo facile a smascherarsi. Henry decide allora di registrare per lei un video su cassetta con cui spiegarle ogni mattina, in modo leggero e (per quanto possibile) ironico, quanto accadutole: a lui il difficile compito di farla re-innamorare di sé ogni giorno. Tutto sembra procedere al meglio quando la ragazza manifesta la decisione di troncare il loro rapporto, affermando che la propria situazione impedisce a lui di realizzare i suoi progetti ed avere una vita “piena e felice”.
I due continuano così la propria esistenza separati, fino a che il padre di lei induce Henry a rincontrarla. La ragazza, pur ammettendo di non ricordare chi egli sia, riconosce nel suo il volto che sogna ogni notte. Nonostante il destino avverso, la coppia può allora iniziare una nuova vita.
Nei crediti, viene rivelato che il nome della bambina di Henry e Lucy è "Nicole".

Magnottone
04-09-11, 20:52:44
amici miei .... quello falso.

incredibile. sono rimasto veramente sconvolto

p a n z e r
04-09-11, 22:28:19
Copio dal topic horror:

Visto [Rec] e mi è piaciuto molto! Lo stile, ormai penso che lo sappiate tutti, è tra i miei preferiti (mockumentary/camera mossa) e soprattutto nella seconda metà mi ha veramente messo paura. Tra l'altro è uno dei primi horror che vedo in solitaria, e sono sempre stato moooooolto caghetta, quindi vi assicuro che per me è stata un'impresa arrivare alla fine (di fatti tra tutte le pause mi è durato più di due ore )
ahah mitico :asd: comunque sì, anche sotto l'aspetto tensione rec è un ottimo prodotto (oltre all'ottimo uso della telecamera).


giusto per curiosità, hai visto l'originale o il remake americano?

utente 8693
04-09-11, 22:47:17
Visto che il remake si chiama Quarantine, suppongo l'originale.

Vigo
04-09-11, 23:14:12
Visto che il remake si chiama Quarantine, suppongo l'originale.

Già già

p a n z e r
04-09-11, 23:17:42
ah ochèi. che poi avevo letto cose terribili a riguardo, del tipo che l'hanno girato normalmente per dargli solo dopo l'effetto di ripresa amatoriale. magari sono solo leggende, ma in ogni caso intimoriscono :sisi: maledetti americani

Vigo
04-09-11, 23:29:26
ah ochèi. che poi avevo letto cose terribili a riguardo, del tipo che l'hanno girato normalmente per dargli solo dopo l'effetto di ripresa amatoriale. magari sono solo leggende, ma in ogni caso intimoriscono :sisi: maledetti americani

So soltanto che già "remake shot for shot" mi puzza molto

Peppe79
04-09-11, 23:41:09
Stasera ho visto....Lanterna Verde......oddio.....:facepalm:

Ctekcop
04-09-11, 23:56:36
Stasera ho visto....Lanterna Verde......oddio.....:facepalm:

dal facepalm intuisco che era meglio se non lo vedevi....
ma almeno BLake Lively ?

Peppe79
05-09-11, 00:23:11
dal facepalm intuisco che era meglio se non lo vedevi....
ma almeno BLake Lively ?

gran ****....mora è ancora meglio, ancora più bella...peccato che non si veda tantissimo....però è un gran gnocca..

Il film è penoso, capisco che parliamo di fumtti, ma un minimo di spessore cazzò potrebbero darlo ai dialoghi e ai personaggi, qua siamo alla caricatura del fumetto....

David Fuckin' Rose
05-09-11, 00:54:54
Batman Begins: mi è piaciuto parecchio, il terzo miglior film di batman ch'io abbia visto.
Batman The Dark Night: il secondo miglior film di batman ch'io abbia visto. :asd:

Vado a vedere million dollar baby. :sisi:

Master Kamper
05-09-11, 09:44:09
La Guerra dei Mondi
Spielberg è Garanzia!

James
05-09-11, 11:30:22
Trilogia del Terrore by Dan Curtis (1975)

53716

"3 episodi angosciosi tratti da tre racconti di Richard Matheson (1928), tutti imperniati su personaggi femminili: un poco di buono che vuole uccidere la sorella, un’insegnante ricattata e un guerriero aborigeno alto 40 cm…"

Horror ad episodi,pilota di una serie mai partita,con Karen Black che recita in tutti e 3.
Protagonista assoluta.
3 episodi che portano il nome della protagonista femminile.
Avendo vista la versione italiana si parte con l episodio migliore,quello per cui vale la pena vedere questo film cioè:
Amelia,dove la Black dovrà fronteggiare il feticcio Zuni,un pupazzo di legno inquietante al massimo come il finale sconvolgente.
in 25 minuti la regia di Curtis tira fuori una perla di tensione che nei 2 episodi successivi non sarà più presente.

Nei seguenti episodi "Julie" e "Millicent e Therese" la bravura della Black non basta a placare la noia.Troppe chiacchiere.:sisi:

Forse "Julie" ha un finale veramente bello ma è una rottura arrivarci fino al finale.

Darkanno
05-09-11, 14:48:51
La stanza del figlio di Nanni Moretti
http://img.maniadb.com/images/album/155/155298_1_f.jpg
Questo film è la testimonianza che ci sono ancora registi che ci sanno fare in Italia, un Nanni Moretti straordinario, che riesce a coinvolgere lo spettatore dal primo all'ultimo minuto. Film capace di regalare emozioni, complice di questo, una regia fenomenale firmata Nanni Moretti, un'ottima fotografia, un fantastico cast ed una colonna sonora davvero ispirata, cito By This River per capirci, insomma un film straordinario, che consiglio a tutti di vedere. Voto: 8 Pieno.

MARCONE93
05-09-11, 19:15:41
conisgli su film simili a into the wild?
oppure anche se c'entrano poco simili alla commedia romantica italiana "tutto l'amore del mondo?

---------- Post added at 19:15:41 ---------- Previous post was at 18:46:58 ----------

ah e delle commedie italiane e non da non perdere...
thanks

Zeno
05-09-11, 19:34:55
La stanza del figlio di Nanni Moretti
http://img.maniadb.com/images/album/155/155298_1_f.jpg
Questo film è la testimonianza che ci sono ancora registi che ci sanno fare in Italia, un Nanni Moretti straordinario, che riesce a coinvolgere lo spettatore dal primo all'ultimo minuto. Film capace di regalare emozioni, complice di questo, una regia fenomenale firmata Nanni Moretti, un'ottima fotografia, un fantastico cast ed una colonna sonora davvero ispirata, cito By This River per capirci, insomma un film straordinario, che consiglio a tutti di vedere. Voto: 8 Pieno.

Che botta 'sto film...

L4GANN
05-09-11, 22:51:22
Highlander, l'ultimo immortale.

http://2.bp.blogspot.com/_vY8I5HvOvk8/SZnCiXRxyGI/AAAAAAAAC0A/3BHNoeBEl-Y/s400/kurgan.jpg

Decisamente, questa pellicola è invecchiata maluccio.
Lasciano da parte gli effetti speciali che oggigiorno risultano involontariamente comici, l'ultimo immortale si porta dietro un soggetto che non sfigurerebbe in una pellicola odierna, ma con una sceneggiatura che risente il peso degli anni.

La durata del film è di quasi due ore, tuttavia spesso ho avuto l'impressione che gli eventi venissero raccontati in fretta e che non lasciassero allo spettatore il tempo per gustarseli.

Ottima l'interpretazione di Sean Connery, decisamente meno quella di Lambert che per tutto il film mi è parso troppo distaccato dal suo ruolo.

Stendiamo infine un velo pietoso per il cattivone del film, che seppur inizialmente mi aveva messo soggezione, alla fine è diventato ridicolo insomma, stai combattendo la battaglia della tua vita, e pensi solo a tirare fuori la lingua come un beota?-_-

6,5

utente 8693
06-09-11, 08:18:25
Highlander terribile, concordo.

Io ho visto Fighter in the wind, terribile film di arti marziali pseudo bio-pic romanzato, di una noia e confusione colossali, acting pessimo e regia peggiore.. pure l'azione fa schifo.
Unknown, thriller decente con twist telefonato (seppur carino come idea), ma tutto sommato mi ha intrattenuto e ha un buon ritmo.. le scene d'azione mi son parse forzate, però mi è piaciuto molto il grande Bruno Ganz, peccato appaia così poco.

klaudio10
06-09-11, 12:45:48
After life con liam neeson e christina ricci, davvero unico! Film aperto a due spiegazioni in quanto darne una certa è possibile soltanto andando a parlare col regista xD

MEGA
06-09-11, 15:15:49
Ladri di biciclette

Fantastico, sul serio
Un film crudo, vero e terribilmente umano, uno dei principali esponenti del neorealismo italiano
De sica è un grande regista, pochi cazzi, prendere un tizio qualunque dalla strada e dargli un ruolo del genere non è cosa da tutti i giorni
Lamberto Maggiorani impeccabile e ancor più l'allora piccolo Enzo Staiola

Darkanno
06-09-11, 20:52:18
Inseparabili di Cronenberg
Questo film mi ha colpito molto, Cronenberg sta diventando uno dei miei registi preferiti, per il suo modo di fare, come definire questo film se non come, malato e morboso, questi due aggettivi la fanno da padrone nella pellicola di Cronenberg, come al solito la sua regia è perfetta, trama interessantissima per un finale... particolare. Ottimo film, Voto 8.0 pieno :sisi:

mickes2
06-09-11, 21:01:36
Secret sunshine di Lee Chang-dong
http://reverseshot.com/files/images/pre-issue22/ss.preview.jpg
Dramma intimista e riflessivo; l’animo della protagonista delineato con soave eleganza e lucidità. Una doppia elaborazione del lutto in cui Chan-Dong mantiene tutto il rigore formale necessario per tratteggiare una storia che parla di sofferenza interiore, solitudine, religione e il ruolo che Dio può assumere nella nostra vita. Un dolore grandissimo in cui l'autore evidenzia alcune sfaccettature dell'animo umano. Nella sua complessità è in grado di porre domande importanti senza enfatizzare, imporre sensazionalismi o disperdere il senso del racconto. eccezionale ed intensa interpretazione di Jeon Do-yeon, nei panni di Shin-ae (palma d’oro a Cannes 2007).

8+

knight96-1994
06-09-11, 21:47:33
Ha fatto una brutta cosa :facepalm:
Non giudicatemi male :sad:Paranormal Activity 2
Se il primo era così così questo è davvero pessimo
VOTO: 4,9

Lateralus
06-09-11, 22:54:19
Ha fatto una brutta cosa :facepalm:
Non giudicatemi male :sad:Paranormal Activity 2
Se il primo era così così questo è davvero pessimo
VOTO: 4,9

Non è una brutta cosa :sisi:
Il primo era un buon film, il secondo non l'ho visto ma penso sia venuta a mancare la ''novità''. A sto punto non c'è due senza tre, vediti lo spin-off giapponese di Paranormal Activity, Paranormal Activity Tokyo Night.
E' collegato al primo :sisi:

allanon80
06-09-11, 22:58:29
guida intergalattica per autostoppisti

da morire dal ridere....."ceeeeeerveeeeeeeeellllooooo"

H2oW
07-09-11, 00:37:43
SUPER
voto 9/10
cast perfetto, trama stupenda, personaggi geniali e film geniale.
sa divertire, commuovere e anche farti riflettere. non capisco perchè nn sia stato distribuito nel mondo, per me è un mezzo capolavoro.
il monologo prima di uccidere kevin bacon è qualcosa di sensazionale

David Fuckin' Rose
07-09-11, 01:26:35
Tropic Thunder: mi aspettavo di meglio, comunque diverte abbastanza. 7

Million Dollar Baby: CAPOLAVORO. 9

Madtora
07-09-11, 01:37:31
visto al cinema: Lanterna Verde.
Non sapevo nulla del personaggio, quindi potrebbe essere una bestemmia in piena regola per gli amanti del genere, ma a me è piaciuto. Mi aspettavo un po' più di fantasia vista la natura del suo potere, però ci può stare. E' stato bello per una volta che la ragazza abbia riconosciuto l'eroe anche se indossava una fuorviante mascherina verde LOL
visto in blu-ray: Fast & furious 5.
Ogni volta che guardo questo film mi viene da sbavare vedendo l'hammer che spacca il muro per entrare *____*
poi grazie a questo film mi sono innamorata di Vin Diesel e della guida, quindi...ogni altro commento sarebbe troppo di parte u.u

p a n z e r
07-09-11, 01:44:26
non credo esista al mondo fan di lanterna verde al quale sia piaciuto il film :asd: mi sa che siamo ai livelli di roba come daredevil

Lateralus
07-09-11, 01:51:53
non credo esista al mondo fan di lanterna verde al quale sia piaciuto il film :asd: mi sa che siamo ai livelli di roba come daredevil
A me daredevil piacque :morristend:
del fumetto o quello che è però non ne so nulla :sisi:

Madtora
07-09-11, 01:54:29
non credo esista al mondo fan di lanterna verde al quale sia piaciuto il film :asd: mi sa che siamo ai livelli di roba come daredevil

e figurati xD
tutto quello che sapevo di Lanterna verde prima di entrare al cinema lo dovevo a BBT, quindi sapevo che potevo ucciderlo con una matita..e infatti ne avevo una in borsa u.u

p a n z e r
07-09-11, 02:05:25
A me daredevil piacque :morristend:
del fumetto o quello che è però non ne so nulla :sisi:
vergogna, devil è protagonista di alcune tra le migliori storie mai scritte in ambito supereroistico :sisi: il film è davvero un insulto


e figurati xD
tutto quello che sapevo di Lanterna verde prima di entrare al cinema lo dovevo a BBT, quindi sapevo che potevo ucciderlo con una matita..e infatti ne avevo una in borsa u.u

mitico big bang theory :asd: la debolezza dal legno comunque fa parte della storia di lanterna verde, nel fumetto non c'è più.

il film ancora devo vedere, ma giusto per sfizio mi sono spoilerato un po' di parti, e ho dedotto che difficilmente lo andrò a vedere :asd: da un lato sono minimamente curioso, e dall'altro so perfettamente che mi deluderà.

il finale è proprio dozzinale

ho letto che Hal Jordan lancia Parallax nel Sole, o qualcosa del genere. confermi? proprio qualcosa di inconcepibile, Parallax è una delle entità più potenti dell'universo, figurarsi se può essere battuta da una sola lanterna verde in possesso dell'anello da 30 minuti :asd:

Lateralus
07-09-11, 02:23:48
vergogna, devil è protagonista di alcune tra le migliori storie mai scritte in ambito supereroistico :sisi: il film è davvero un insulto


Se preso come solo un film, senza tenere conto di tutto quello che c'è dietro, è apprezzabile, niente di straordinario, ma apprezzabile :asd:

knight96-1994
07-09-11, 09:36:00
Non è una brutta cosa :sisi:
Il primo era un buon film, il secondo non l'ho visto ma penso sia venuta a mancare la ''novità''. A sto punto non c'è due senza tre, vediti lo spin-off giapponese di Paranormal Activity, Paranormal Activity Tokyo Night.
E' collegato al primo :sisi:

Più che altro il due ripete pari pari pedissequamente la struttura del primo riuscendo ad essere anche più lento. Solo il finale è caruccio perché si riallaccia al finale del primo episodio. Per il resto caccapupù
Però sono curioso di vedere il terzo, che è il prequel dei due episodi. Mi ispira :sisi:

Baron Samedi
07-09-11, 10:06:33
Arthur (2011) (remake del film del 1981 con Dudley Moore e Lize Minnelli
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/2/2a/Arthur_poster.jpg/220px-Arthur_poster.jpg
E' il secondo film che vedo con Russel Brand (dopo "In viaggio con una rockstar") e devo dire che questo attore è bravissimo a fare il ruolo del completo idiota, un pò come il Jim Carrey dei primi tempi.
Il film di ha divertito parecchio, strappa più di una risata.

7

Buddha94
07-09-11, 10:25:33
Shutter Island

Quello che risalta subito in questo film è l'atmosfera, veramente eccezionale. Lo spettatore sente che c'è qualcosa di strano nell'aria, è avvolto per tutta la durata del film da un senso di paura e di mistero. Il finale mi ha colpito molto, è veramente inaspettato.
Voto: 9

mincio
07-09-11, 11:03:56
The Social Network:

Bel film non c'è che dire, molto bella e secondo me anche azzeccata l'interpretazione data da Jesse Eisenberg di Mark Zuckerberg
Voto: 8,5

Madtora
07-09-11, 11:53:33
vergogna, devil è protagonista di alcune tra le migliori storie mai scritte in ambito supereroistico :sisi: il film è davvero un insulto



mitico big bang theory :asd: la debolezza dal legno comunque fa parte della storia di lanterna verde, nel fumetto non c'è più.

il film ancora devo vedere, ma giusto per sfizio mi sono spoilerato un po' di parti, e ho dedotto che difficilmente lo andrò a vedere :asd: da un lato sono minimamente curioso, e dall'altro so perfettamente che mi deluderà.

il finale è proprio dozzinale

ho letto che Hal Jordan lancia Parallax nel Sole, o qualcosa del genere. confermi? proprio qualcosa di inconcepibile, Parallax è una delle entità più potenti dell'universo, figurarsi se può essere battuta da una sola lanterna verde in possesso dell'anello da 30 minuti :asd:

sì, confermo il finale....
ah, ovviamente la scena finale fa capire che ci sarà il secondo.... u.u

Robynho
07-09-11, 13:30:02
The Social Network

Storia un po' intricata con molti salti temporali sopratutto all'inizio del film. Nella seconda parte scorre bene.

Voto: 8-

Jarhead91
07-09-11, 14:17:22
Ieri sera sul tardi ho visto su Rai 4 un film su tre ragazzine tro*e che cercano di incastrare un loro professore per molestie sessuali. Al momento mi sfugge il titolo però. :tristenev:

Sarà stata l'ora ma non mi è dispiaciuto, poi tutto il film è intervallato con spezzoni porno-lesbo che non fanno mai male, consigliato :sisi:

Rullo
07-09-11, 14:22:44
The Social Network

Storia un po' intricata con molti salti temporali sopratutto all'inizio del film. Nella seconda parte scorre bene.

Voto: 8-

ma non è intricato sociallo

L4GANN
07-09-11, 16:30:33
Ieri sera sul tardi ho visto su Rai 4 un film su tre ragazzine tro*e che cercano di incastrare un loro professore per molestie sessuali. Al momento mi sfugge il titolo però. :tristenev:

Sarà stata l'ora ma non mi è dispiaciuto, poi tutto il film è intervallato con spezzoni porno-lesbo che non fanno mai male, consigliato :sisi:
Un gioco da ragazze?

Il film è perfetto alternarsi tra la figaggine delle tre protagoniste e la faccia assolutamente monoespressiva del protagonista(Filippo nigro), che per tutto il tempo mantiene la stessa espressione da esaurito mentale.. :D

Filippo Nigro:

http://www.film.it/fnts/film/immagini/500x375/cristiana_capotondi_e_filippo_nigro_dallavitainpoi-14313382.jpg

http://media.libero.it/c/imgv/foto/24027714/11/97/24027153_un_gioco_da_ragazze_jpg.jpg

http://www.google.it/imgres?q=filippo+nigro+un+gioco+da+ragazze&um=1&hl=it&client=firefox-a&hs=ySz&sa=N&rls=org.mozilla:it:official&biw=907&bih=390&tbm=isch&tbnid=XuJRxgg4mT6fIM:&imgrefurl=http://viaggi.libero.it/fotogallery/il_viaggio/24027714/2/filippo-nigro&docid=Pr-M01Z9t2hSeM&w=400&h=300&ei=F4BnTozmBcH0-gbulZzkCw&zoom=1

http://images.movieplayer.it/2008/10/27/festival-del-film-di-roma-2008-filippo-nigro-presenta-un-gioco-da-ragazze-93973.jpg

http://www.zapster.it/multimedia/2000/1967/big/Un_gioco_da_ragazze---06.jpg



http://eur.i1.yimg.com/eur.yimg.com/ng/mo/zapster_photos/20081111/17/4171551971.jpg

lo squallor man
07-09-11, 18:04:59
visto cattivissimo me
superbo!
voto 8.5

Jarhead91
07-09-11, 19:11:50
Un gioco da ragazze?

Il film è perfetto alternarsi tra la figaggine delle tre protagoniste e la faccia assolutamente monoespressiva del protagonista(Filippo nigro), che per tutto il tempo mantiene la stessa espressione da esaurito mentale.. :D

Filippo Nigro:

http://www.film.it/fnts/film/immagini/500x375/cristiana_capotondi_e_filippo_nigro_dallavitainpoi-14313382.jpg

http://media.libero.it/c/imgv/foto/24027714/11/97/24027153_un_gioco_da_ragazze_jpg.jpg

http://www.google.it/imgres?q=filippo+nigro+un+gioco+da+ragazze&um=1&hl=it&client=firefox-a&hs=ySz&sa=N&rls=org.mozilla:it:official&biw=907&bih=390&tbm=isch&tbnid=XuJRxgg4mT6fIM:&imgrefurl=http://viaggi.libero.it/fotogallery/il_viaggio/24027714/2/filippo-nigro&docid=Pr-M01Z9t2hSeM&w=400&h=300&ei=F4BnTozmBcH0-gbulZzkCw&zoom=1

http://images.movieplayer.it/2008/10/27/festival-del-film-di-roma-2008-filippo-nigro-presenta-un-gioco-da-ragazze-93973.jpg

http://www.zapster.it/multimedia/2000/1967/big/Un_gioco_da_ragazze---06.jpg



http://eur.i1.yimg.com/eur.yimg.com/ng/mo/zapster_photos/20081111/17/4171551971.jpg



Nono non era un film italiano... Mannaggia mi venisse il titolo...

---------- Post added at 19:11:50 ---------- Previous post was at 19:06:12 ----------

Pretty Persuasion :gab::gab:
http://www.mymovies.it/dizionario/recensione.asp?id=72397

Penso di essere stato l'unico telespettatore...

Bakline
07-09-11, 19:55:21
Com'è Dogma? C'è su sky stasera e quasi quasi lo guardo

p a n z e r
07-09-11, 19:57:27
Com'è Dogma? C'è su sky stasera e quasi quasi lo guardo

mah, pareri discordanti. io l'ho visto un paio di volte e mi è piaciuto, in un paio di occasioni l'ho proprio trovato divertente.

sicuramente kevin smith ha fatto di meglio, ma di certo guardarlo male non fa :sisi: se non c'è proprio altro

Bakline
07-09-11, 20:00:05
potrei continuare white collar :azz: ma mi sa che lo guardo, al massimo cambio :asd:

Dott YoyOcrUshEr
07-09-11, 20:31:25
Attack the Block

:asd: niente di esaltante, film inglese che esige poco, giusto un po' di azione insolita..

vi dico solo una cosa:
un baby gangster nero con una Katana che cavalca uno scooter 50cc per andare ad ammazzare alieni.

Mann
07-09-11, 20:54:27
La doppia vita di Veronica.

Kieslowski è una garanzia.

L4GANN
07-09-11, 22:44:36
Sacher Punch.

Non sono sicuro di avere afferrato tutte le sfumature del film, cmq l'ho apprezzato.

8+

utente 8693
08-09-11, 00:33:05
Visto adesso Black Swan.
Mi è piaciuto, anche se come sempre penso che Afronowskiwywky faccia sempre un passo di troppo, risultando un po' ridondante e ovvio in alcuni passaggi (oltre ad alcuni effetti un po' di cattivo gusto, sempre per lo stesso motivo).
Semmai espando in futuro.

E

The Silent House: Ottimo horror con camera a spalla (il film è un unico cut).
Mi ha perso sul finale purtroppo, con il twist più vecchio del mondo ma per il resto mi è piaciuto parecchio, ottima tensione, il cut unico funziona a meraviglia e francamente rimango a bocca aperta davanti a come son riusciti a non renderlo fastidioso (cosa che in Rec a volte risultava).

Samurai
08-09-11, 09:10:06
I segreti della mente (Chat room), una cagata.

Buddha94
08-09-11, 09:22:27
Inception

Altro gran bel film, per la prima mezz'ora/tre quarti d'ora non mi ha preso molto, ma dopo diventa appassionante. Ottima la caratterizzazione del personaggio interpretato da Di Caprio, mentre gli altri protagonisti vengono un po' tralasciati. La trama è sviluppata molto bene ed è stato fatto un ottima lavora visto la natura del soggetto, sicuramente difficile da rappresentare a schermo.
Voto: 8.5

AndY_
08-09-11, 11:05:10
The Social Network

6,5 - Niente di che.

p a n z e r
08-09-11, 11:08:03
ma come "niente di che"? :asd: tra tutto quello che c'è di buono in quel film non ti ha colpito nulla? ma non ci credo dai

AndY_
08-09-11, 11:31:02
ma come "niente di che"? :asd: tra tutto quello che c'è di buono in quel film non ti ha colpito nulla? ma non ci credo dai

Non ho visto nulla di tutta quella meraviglia che si legge in giro, meglio se mi guardavo Super 8 ieri sera.

Vortagor
08-09-11, 12:01:50
"Tinker, Tailor, Soldier, Spy" (La talpa) voto 8, come i pezzi di scacchi che si vedono all'inizio, il film è una lunga (ma a volte troppo lenta) partita in cui si cerca di essere sempre in vantaggio sull'avversario.
Visto il lingua originale sottotitolato, in alcuni momenti è stato un po' difficile seguirlo

utente 8693
08-09-11, 18:19:56
"Tinker, Tailor, Soldier, Spy" (La talpa) voto 8, come i pezzi di scacchi che si vedono all'inizio, il film è una lunga (ma a volte troppo lenta) partita in cui si cerca di essere sempre in vantaggio sull'avversario.
Visto il lingua originale sottotitolato, in alcuni momenti è stato un po' difficile seguirlo
E' uscito? Cioè, quello di Alfredson?

Vortagor
08-09-11, 20:08:09
E' uscito? Cioè, quello di Alfredson?

visto a Venezia, per questo motivo non era doppiato

utente 8693
08-09-11, 21:04:33
visto a Venezia, per questo motivo non era doppiato
E per questo motivo mi toccherà aspettare il BD, come sempre. :\

Lateralus
08-09-11, 21:16:18
Sacher Punch.

Non sono sicuro di avere afferrato tutte le sfumature del film, cmq l'ho apprezzato.

8+

?

http://www.tortealcioccolato.com/wp-content/uploads/2008/03/sacher1.jpg

:trollface:

Samurai
08-09-11, 22:08:01
Non ho visto nulla di tutta quella meraviglia che si legge in giro, meglio se mi guardavo Super 8 ieri sera.

Ma non esce domani (http://www.comingsoon.it/Film/Calendario/)? :nzero:

Boom Shakalaka!
08-09-11, 22:27:34
Ma non esce domani (http://www.comingsoon.it/Film/Calendario/)? :nzero:

in Italia :kep88:

L4GANN
08-09-11, 22:32:29
?

http://www.tortealcioccolato.com/wp-content/uploads/2008/03/sacher1.jpg

:trollface:
Lol.. per qualche ragione ero convinto che si scrivesse davvero così :rickds:

Rullo
09-09-11, 01:21:31
Non ho visto nulla di tutta quella meraviglia che si legge in giro, meglio se mi guardavo Super 8 ieri sera.

non ho voglia di cercare l'immagine quindi lo scrivo: mabaffanculo

Lateralus
09-09-11, 04:12:06
Il Monello
Il mio primo film di Chaplin, disarmante :sisi:

utente 8693
09-09-11, 07:27:20
Uncle Boonmee:
Daydream stupendo, a volte fin troppo metodico e criptico, il finale ad esempio mi lascia perplesso, tuttavia uno di quei film che guadagnano ad ogni visione.

Wakewood:
Concept interessante eseguito col culo, ganzo il finale però.

Time Crimes:
Molto meglio di Triangle un po' su tutti i fronti, tuttavia ancora diverse forzature logiche, per quanto riguarda le azioni del protagonista.
In ogni caso intrattiene e diverte.

Straw Dogs:
Film magnifico, Dustin Hoffman e Susan George mi son piaciuti un sacco, sia come coppia che in generale.
Nulla da ridire.
La scena dello stupro è parecchio strana però.. ma non necessariamente in senso negativo.

James
09-09-11, 10:33:12
My soul to take by Wes Craven (2010)

54041

"Nella cittadina di Riverton, la leggenda vuole che un serial killer tornerà per uccidere le sette persone che nacquero il giorno in cui la sua carriera da assassino fu interrotta. 16 anni dopo ricominciano le sparizioni e l’unico a sapere la verità sembra essere Adam Heller, uno dei sette ragazzi condannati…"

Dopo un incipit promettente,che sembra montato da un epilettico talmente è sconnesso, che ti fà pensare che forse Craven non è bollito come sembra,la noia inizia a regnare sovrana in questo film.Infatti passati i primi 5 minuti il film ha veramente poco da dire,a parte la scena del Condor in classe.
Non serve riempirlo di citazioni(Nightmare,Scream) o prendere a piene mani da altri film(Identità,Sotto Shock)se poi il tutto è montato a pisello di cane.
Basta questo è l utilmo film di Craven che ho guardato,non mi frega più.

Baron Samedi
09-09-11, 11:06:11
My soul to take by Wes Craven (2010)

54041

"Nella cittadina di Riverton, la leggenda vuole che un serial killer tornerà per uccidere le sette persone che nacquero il giorno in cui la sua carriera da assassino fu interrotta. 16 anni dopo ricominciano le sparizioni e l’unico a sapere la verità sembra essere Adam Heller, uno dei sette ragazzi condannati…"

Dopo un incipit promettente,che sembra montato da un epilettico talmente è sconnesso, che ti fà pensare che forse Craven non è bollito come sembra,la noia inizia a regnare sovrana in questo film.Infatti passati i primi 5 minuti il film ha veramente poco da dire,a parte la scena del Condor in classe.
Non serve riempirlo di citazioni(Nightmare,Scream) o prendere a piene mani da altri film(Identità,Sotto Shock)se poi il tutto è montato a pisello di cane.
Basta questo è l utilmo film di Craven che ho guardato,non mi frega più.

Veramente pessimo, l'ho visto tempo fa...

James
09-09-11, 12:32:21
The Slumber Party Massacre by Amy Jones (1982)

54053

"Una diciottenne decide di dare un party a casa sua poichè i genitori sono partiti per alcuni giorni. Nel frattempo una sorta di serial Killer, che ha massacrato 5 persone in precedenza, è fuggito dal luogo dove era rinchiuso. E ovviamente, ha scelto la ragazzina e i suoi amici come prossime vittime…"

Ennesimo Slasher sulla scia di Venerdì 13,stavolta non siamo in un camping ma il tutto si svolge in un pigiama party finito male.
Curioso il fatto che la regista sia una femminista convinta,questo spiega il killer che uccide con il trapano le sue vittime.Impossibile non notare il trapano posizionato il più delle volte in zona pube e l evirazione finale della punta:imfao:
Tutto sommato un film discreto con ben 12 omicidi,non si vede praticamente niente nella prima parte mentre nella seconda qualche effetto cruento è presente.

AndY_
09-09-11, 12:38:47
District 9

7,5

Molto carino, un po lento all' inizio e ogni tanto ti annoi, dura quasi 2 ore potevano anche cancellare qualche scena superflua.


non ho voglia di cercare l'immagine quindi lo scrivo: mabaffanculo

Segnalato :sisi:

mickes2
09-09-11, 13:09:41
Confessions di Tetsuya Nakashima
http://areamagazine.files.wordpress.com/2011/02/confession-2011.jpg
Penetrante meccanismo di vendetta che fa tremendamente a spallate con l’Oldboy di Chan-wook. Tagliente, fin dai primi minuti, per come avviluppa e sa imbastire una storia in cui si resta folgorati dall’intensità del racconto, e da come ogni personaggio sia direttamente o indirettamente colpevole di ciò che succede. Sa catapultare nell’oblio psicologico più profondo tratteggiando uno spietato piano vendicativo a stampo corale. Dalla bellezza formale, originalissima e particolare, ma che può anche infastidire con i suoi rallenti ostentati, specie nella seconda parte in cui forse si esagera nel proporli così insistentemente. Comunque affascinante per atmosfere e per la fotografia livida e smagliante.
9+


Maborosi di Hirokazu Kore-eda
http://ecx.images-amazon.com/images/I/51QVP2EC2AL.jpg
Una donna che ha perso il marito per motivi apparentemente sconosciuti, cerca di rifarsi una vita sposandosi con un uomo che abita nella provincia giapponese. Piani sequenza, lunghi silenzi riempiti, a volte, da qualche nota soave, campi lunghi e controcampi insistiti. Un rigore formale ricercatissimo e calligrafico, affossa quasi totalmente un film che con queste premesse poteva regalare ben altre emozioni. E non basta il tormento della protagonista sulle possibili cause della morte del marito, non basta l’elaborazione di un lutto che il regista ci fa vivere con fin troppo distacco, e non basta il racconto di un esistenza che vuole ripartire da un punto non preciso, ma ripartire e basta. Algido, dispersivo, privo di pathos e sentimenti, e da Kore-eda non me l’aspettavo.
5,5

Zeno
09-09-11, 16:12:32
Straw Dogs:
Film magnifico, Dustin Hoffman e Susan George mi son piaciuti un sacco, sia come coppia che in generale.
Nulla da ridire.
La scena dello stupro è parecchio strana però.. ma non necessariamente in senso negativo.

Gran bel film. L'evento che hai citato ha incuriosito anche me...
Credo si possa leggere come un crollo emotivo; la violenza porta la donna all'eccitazione e ad agire con sudditanza.

Hushabye
09-09-11, 18:28:38
The Social Network

6,5 - Niente di che.

psychosocial non l ho ancora visto,ma mi sta sulle palle :asd:

---------- Post added at 18:28:38 ---------- Previous post was at 18:27:41 ----------



Segnalato :sisi:

in effetti,alcune uscite la gente potrebbe risparmiarsele...

utente 8693
09-09-11, 18:38:59
Beh (SPOILER STRAW DOGS) lei è ovviamente combattuta con il primo tipo, la sua vecchia fiamma.. finchè non arriva l'altro uomo, infatti lei lì comincia a cacciare urli.
Il motivo secondo me è quello di sottolineare inizialmente un rifiuto non solo dell'assalitore (primo uomo) ma anche di se stessa; i suoi problemi recenti con il marito, in una situazione di tensione (gli hanno ucciso il gatto ecc ecc) la rendono confusa e una parte le dice di rifiutare il suo vecchio uomo, mentre un'altra parte le dice di cedere.
La sua vecchia fiamma per altro incorpora un po' quello che lei rimprovera al marito: la forza decisionale, il coraggio (inteso come brutalità, più che altro) ecc ecc, il che rende il conflitto ancora maggiore.
Tanto è vero che quando Hoffman torna a casa dalla battuta di caccia, lei definisce entrambi (lui e lei) come codardi; da lì il rapporto tra i due non migliora più, neanche alla fine del film, dove Hoffman lascia la casa per riportare indietro il maniaco, ma in auto dice qualcosa del tipo "neanche io so più la strada di casa" come a dire, "non so più qual è casa mia".
Le differenze culturali tra lui e lei sono accennate per tutto il film, ed esplodono alla fine, quando lei dice che non le importa cosa succede al maniaco, basta che lo butti fuori, mentre Hoffman si ostina a mantenere il controllo e il suo "pezzo di terra".
Sono molto sorpreso che non abbiano neanche ritirato fuori la faccenda dello stupro in maniera barbina, del tipo "hei, ti abbiamo pure trombato la moglie" o cagate simili, e che non l'hanno usata come scintilla per la crisi di nervi di Hoffman -- complimenti. :sisi:

utente 8693
09-09-11, 19:20:59
Non so se lo sapete ma sta per uscire il remake (urrà...):kep88:
Sì vidi il trailer tempo fà.
Sembra cambiare diversi punti fondamentali (oltre che l'attitudine del personaggio principale).
Boh, non mi interessa francamente, di Straw Dogs c'è un ottimo bluray e i remake non mi disturbano, fintanto che non inficiano la copia originale..





...


























http://i.minus.com/ibs6Pfy6nAL8dO.jpg

AndY_
09-09-11, 20:24:22
psychosocial non l ho ancora visto,ma mi sta sulle palle :asd:

---------- Post added at 18:28:38 ---------- Previous post was at 18:27:41 ----------



in effetti,alcune uscite la gente potrebbe risparmiarsele...

Era uno scherzetto :pffs:

Zeno
09-09-11, 21:10:30
Beh (SPOILER STRAW DOGS) lei è ovviamente combattuta con il primo tipo, la sua vecchia fiamma.. finchè non arriva l'altro uomo, infatti lei lì comincia a cacciare urli.
Il motivo secondo me è quello di sottolineare inizialmente un rifiuto non solo dell'assalitore (primo uomo) ma anche di se stessa; i suoi problemi recenti con il marito, in una situazione di tensione (gli hanno ucciso il gatto ecc ecc) la rendono confusa e una parte le dice di rifiutare il suo vecchio uomo, mentre un'altra parte le dice di cedere.
La sua vecchia fiamma per altro incorpora un po' quello che lei rimprovera al marito: la forza decisionale, il coraggio (inteso come brutalità, più che altro) ecc ecc, il che rende il conflitto ancora maggiore.
Tanto è vero che quando Hoffman torna a casa dalla battuta di caccia, lei definisce entrambi (lui e lei) come codardi; da lì il rapporto tra i due non migliora più, neanche alla fine del film, dove Hoffman lascia la casa per riportare indietro il maniaco, ma in auto dice qualcosa del tipo "neanche io so più la strada di casa" come a dire, "non so più qual è casa mia".
Le differenze culturali tra lui e lei sono accennate per tutto il film, ed esplodono alla fine, quando lei dice che non le importa cosa succede al maniaco, basta che lo butti fuori, mentre Hoffman si ostina a mantenere il controllo e il suo "pezzo di terra".
Sono molto sorpreso che non abbiano neanche ritirato fuori la faccenda dello stupro in maniera barbina, del tipo "hei, ti abbiamo pure trombato la moglie" o cagate simili, e che non l'hanno usata come scintilla per la crisi di nervi di Hoffman -- complimenti. :sisi:

D'accordo su tutto, anch'io mi aspettavo qualche battuta riguardo l'accaduto da un momento all'altro. :asd:

Hushabye
09-09-11, 22:57:44
Era uno scherzetto :pffs:

accidenti ero con te:rickds::rickds: bad bad andy

Lateralus
10-09-11, 03:10:50
SUPER 8
Mi è piaciuto molto, sotto tutti gli aspetti :sisi:
Non riesco a trovargli molti difetti, tranne gli spunti presi dai classici, o dal più recente District 9.
Il difetto più pesante è senza dubbio il finale troppo frettoloso. Diciamo che va calando dall'inizio ( straordinario ) al finale un pò floscio e affrettato.

utente 8693
10-09-11, 03:54:52
Copio/incollo(e traduco) da un altro forum.

Confessions:
Ottimo film sul tema della vendetta; di quelli che mi ricordo (e che ho visto) è probabilmente il mio preferito.
Se riuscite a sopportare lo stile un po' sopra le righe dei vari elementi (cosa comune in un certo cinema Giapponese) è fantastico il dipanarsi della vicenda.
Vorrei poter dire che il continuo slow motion e la narrativa quasi monocorde mi hanno infastidito o annoiato, ma mentirei, giusto nella fase dell'esplosione sono andati un attimo oltre, secondo me.
Comunque capisco benissimo chi possa trovare fastidiosa la cosa, ma secondo me funziona a meraviglia per il tema peculiare che porta avanti.


REDLINE:
http://i.minus.com/iyMN8IyM9af89.png

Dies Irae
10-09-11, 04:09:52
Il film a tema vendetta che preferisco è probabilmente Il cattivo tenente, forse perchè nello sviluppo del dubbio etico sulla misericordia si trasforma in film sul perdono.

JT26
10-09-11, 04:38:14
Caro diario Resto più affezionato a Bianca e Sogni d'oro, e comunque credo di non avere nessuna voglia di commentarlo. Non è neanche per stanchezza, è che mi sembra che non ci sia niente da dire e che in fondo il film non mi abbia detto tanto. Alcune scene continuerò a ricordarle, il Moretti-personaggio resta iperaffascinante, insomma mi è piaciuto. I frammenti narrativi mi lasciano sempre un po' di disturbo, per cui coltiverò questo disturbo e magari inizierò anche io a tirare su un diario. Il Moretti splendido quarantenne mi piace.

utente 8693
10-09-11, 04:50:09
Il film a tema vendetta che preferisco è probabilmente Il cattivo tenente, forse perchè nello sviluppo del dubbio etico sulla misericordia si trasforma in film sul perdono.
Ah, allora vendetta e perdono, Revanche.

Vall77
10-09-11, 09:26:49
Il film a tema vendetta che preferisco è probabilmente Il cattivo tenente, forse perchè nello sviluppo del dubbio etico sulla misericordia si trasforma in film sul perdono.

Oddio, Bad Lieutenant di Ferrara non riesco proprio a vederlo con un film di vendetta. Neppure come un film sul perdono.

E' un film di ascesa e caduta, ma senza l'ascesa.
Giusto l'abisso.

Dies Irae
10-09-11, 11:08:55
Oddio, Bad Lieutenant di Ferrara non riesco proprio a vederlo con un film di vendetta. Neppure come un film sul perdono.

E' un film di ascesa e caduta, ma senza l'ascesa.
Giusto l'abisso.
La caduta presuppone l'ascesa e per quanto mi riguarda la parabola si compie solo attraverso l'accettazione del peccato, il perdono. Se visto esclusivamente come discesa nella dannazione si rischia di spogliarlo delle inquietudini tipiche del cinema di Ferrara (porno d'esordio escluso, diciamo dall'angelo della vendetta..); dalla referenza etica e morale al libero arbitrio che svincola da dogmi o leggi istituite. Comunque ognuno lo veda come gli pare, eh..

Gabe Krios
10-09-11, 11:14:36
Face Off : Due faccie un assassino - VOTO: 7,5

Sean Archer è un agente dell'FBI sulle tracce di Castor Troy, un terrorista paranoico che anni prima gli ha ucciso il figlio. Quando finalmente Archer riesce a catturare Castor, costui cade in coma in un incidente: la circostanza permette a Sean, grazie ad un rivoluzionario intervento chirurgico, di prenderne le sembianze allo scopo di trovare la bomba batteriologica che il criminale ha nascosto in un luogo segreto. Viene così portato nel carcere in mezzo al mare di Erewhon, per farsi dire dal fratello di Castor, Pollux, dove si trova la bomba. Ma proprio durante la "missione" Castor si risveglia dal coma ed assume a sua volta le sembianze di Sean, uccidendo le uniche tre persone a conoscenza dello scambio e facendo così patire a Sean le pene del carcere. In più il criminale fa liberare Pollux ed approfitta del suo nuovo volto per andare a casa di Sean e stare con sua moglie e per svolgere il lavoro di Sean, disattivando l'ordigno batteriologico e diventando così un eroe. Grazie ad un piano improvvisato, Sean riesce intanto a scappare dalla prigione ed a nuotare fino a riva per tornare a casa, ma con le sue sembianze verrebbe ucciso dagli agenti che hanno l'ordine di sparargli a vista. Decide quindi di giocare d'astuzia, e di andare nella banda di Castor per farsi aiutare da loro. Qui scopre che il terrorista, ad insaputa di tutti, ha avuto un figlio da Sasha, una donna del gruppo. Sean si commuove appena lo vede perché somiglia molto al figlio perduto. In quel momento Castor, venuto a conoscenza del piano di Sean, con una squadra d'azione interviene ed uccide tutti i componenti della banda ad eccezione di Sasha, Sean ed il bambino, che riescono a salvarsi. Per cercare di uccidere Sean, Pollux cade dalla scala antincendio schiantandosi a terra. Sean, intanto, riesce ad andare all’ospedale dove lavora sua moglie per farsi curare e, grazie al modo in cui si dicono "ti voglio bene", lei lo riconosce e confronta il suo sangue con quello di Castor per vedere se dice la verità. Durante il funerale di Victor Lazarro, il capo del dipartimento, ucciso da Castor, Sean decide di chiudere la questione e, dopo che sono andati via tutti, si scontra con Castor, riuscendo a convincere anche Jamie, sua figlia, di essere il suo vero padre. Sasha, per proteggere Sean (che lei crede ancora sia Castor), muore e Castor è costretto a scappare. Dopo un inseguimento con due motoscafi, i due si trovano alla resa finale sulla sabbia della scogliera. Sean sta per infilare nel corpo di Castor un arpione e questi, sapendo di morire, comincia a graffiarsi la faccia con un coltellino, come nell'intervento chirurgico, per far vivere il resto della vita al poliziotto con il volto di un terrorista. Sean, non sopportando di vedere la propria faccia rovinata, riesce a dare un calcio a Castor in modo che non possa più tenere bloccato l'arpione e che così muoia. Quando arrivano gli agenti dell'FBI che hanno scoperto la vera identità dei due, trasportano entrambi al pronto soccorso per rifare l'intervento. Il film finisce col ritorno a casa di Sean (con le proprie sembianze) insieme al figlio di Castor, che viene adottato dalla sua famiglia.

Un ottimo film,da[ un regista stupendo. Ti immedesimi perfettamente nel personaggio di Sean. Il film scorre via che è un piacere anche se alcune scelte mi hanno fatto storcere il naso :sisi:

Dies Irae
10-09-11, 11:26:14
Perchè hai copincollato tutta la trama da wikipedia? :asd:

Baron Samedi
10-09-11, 11:36:37
La Passione di Carlo Mazzacurati
Con Silvio Orlando, Giuseppe Battiston, Corrado Guzzanti, Cristiana Capotondi, Stefania Sandrelli, Kasia Smutniak
Gianni Dubois è un regista in là con l'età e con la creatività. Sono cinque anni che non gira un film e, messo sotto pressione dal produttore, deve farsi venire un'idea brillante che accontenti una capricciosa diva televisiva ingaggiata per l'occasione. Quando un guaio nella sua casa in Toscana lo costringe ad abbandonare Roma per un paio di giorni, troverà il modo per rivestire i panni da regista per una Sacra Rappresentazione recitata dagli abitanti del paese...
Commedia senza picchi ma che nel complesso ho ritenuto scorrevole, godibile ed a tratti divertente...

6.5

Gabe Krios
10-09-11, 11:44:06
Perchè hai copincollato tutta la trama da wikipedia? :asd:

Ho dimenticato lo spoiler :dsax:

James
10-09-11, 11:57:12
L Ultimo Treno Della Notte by Aldo Lado (1975)

54144

"In occasione delle vacanze di Natale, Elisa Stradi, figlia sedicenne di un chirurgo, parte dalla Germania per recarsi in Italia assieme alla cugina Margareth. In Austria,a causa di un attentato, le due compagne di viaggio sono costrette a cambiare treno. Su un convoglio semideserto diretto a Verona diventano vittime di due giovani delinquenti e di una signora borghese…"

Il Rape & Revenge di Lado che è chiaramente ispirato a "L ultima casa a sinistra" di Craven è un vero pugno allo stomaco.
Il clima gelido all esterno e l isolamento dentro lo scomparto non fanno altro che amplificare il lato violento della storia.
I 2 balordi interpretati da Bucci(identico a Milito:rickds:)e De Grassi si completano a vicenda aiutati anche dalla vera protagonista cioè la Meril(sensuale,perversa e stronza) nei panni della signora per bene.
Dopo una prima ora di attesa dove Lado costruisce la base della storia veniamo catapultati nell incubo delle 2 ragazze,Lado quì è bravo ad alternare le scene sul treno a quelle tranquille in casa,con l inevitabile finale dove la rabbia e disperazione di un buon Enrico maria Salerno vengono chiaramente fuori.
Buone come al solito le musiche di Morricone.
Il miglior Lado insieme a "La corta notte delle bambole di vetro" e "Chi l ha vista morire?"(per me).

Scena consigliata: La Sverginazione con la lama.

Hushabye
10-09-11, 14:16:18
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/4/4e/Friends_with_benefits_poster.jpg/220px-Friends_with_benefits_poster.jpg

Obbiettivo mostrarci la Kunis in tutte le posizioni, apprezziamo:sisi: 5-

http://img7.imageshack.us/img7/3347/4004w.png

4.3.2.1

Pensavo fosse una porcata,invece si è rivelato un film ad intreccio carino..la parte migliore è quella con Ophelia Lovibond .... Gli ultimi 10 minuti stavano un po rovinando, per fortuna arriva il giusto finale...7


http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/b/b4/In_the_land_of_women.jpg/220px-In_the_land_of_women.jpg

6.5


http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/d/d3/Million_Dollar_Baby_poster.jpg/220px-Million_Dollar_Baby_poster.jpg

9

mickes2
10-09-11, 18:19:15
rivisto In the mood for love

11

utente 8693
10-09-11, 19:50:59
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/thumb/4/4e/Friends_with_benefits_poster.jpg/220px-Friends_with_benefits_poster.jpg

Obbiettivo mostrarci la Kunis in tutte le posizioni, apprezziamo:sisi: 5-
Non alzarmi le aspettative.

Carnage
10-09-11, 21:09:55
Pirati dei caraibi 4 in Blu ray

AndY_
10-09-11, 21:38:09
Che ne dite di 127 ore e Battle Royale ?

Boom Shakalaka!
10-09-11, 21:40:33
127 ore a me è piaciuto molto e poi... "è ambientato nelle montagne dello Utah, uomo!" [cit.]

utente 8693
10-09-11, 21:42:32
Che ne dite di 127 ore e Battle Royale ?
Battle Royale mi ha fatto cagare, 127 ore non l'ho visto.

Lateralus
11-09-11, 02:42:30
SCREAM
Ho visto prima Scary Movie che Scream ma era anni fa e non sapevo di quale film fosse la parodia. Quindi me lo sono rovinato, mi è piaciuto però.
Belle le citazioni e discussioni sui film horror in un film horror :sisi:

---------- Post added at 02:42:30 ---------- Previous post was at 02:41:40 ----------


Che ne dite di 127 ore e Battle Royale ?
127 ore è tratto da una storia vera, è una vera e propria ricostruzione. Interessante :sisi:

Rullo
11-09-11, 03:27:00
Che ne dite di 127 ore e Battle Royale ?

che son due film diversi
127 ore è su un tizio in una roccia per 127 ore e battle royale è un picchiaduro tra caste reali

JT26
11-09-11, 04:41:02
Annie Hall Ispirato. Affascinante. Iconico. Preferisco i film d'amore. 7,5.

utente 8693
11-09-11, 06:36:01
4:30.
Idea di base carina, ma la regia è troppo confusa e i personaggi non abbastanza delineati, da supportare il film da soli. (specialmente l'uomo Koreano)

Bedevilled.
Francamente non capisco le critiche di Dies Irae, ad ogni modo mi è piaciuto parecchio, peccato per il finale un po' sottotono che si trascina un po'.
Concordo perfettamente con l'opinione di Mickes.
Altra pecca i personaggi maschili, un po' piatti forse.

Human Centipede.
Capolavoro, non vedo l'ora che esca il 2.

Dies Irae
11-09-11, 12:11:27
Bedevilled.
Francamente non capisco le critiche di Dies Irae, ad ogni modo mi è piaciuto parecchio, peccato per il finale un po' sottotono che si trascina un po'.
Concordo perfettamente con l'opinione di Mickes.
Altra pecca i personaggi maschili, un po' piatti forse.
Mettiamola così; funziona finchè mi fai vedere la via crucis di sta tizia, disvelando la misoginia di una micro società esterna alla modernizzazione. Quando poi trasformi la suddetta tizia in una sorta di Jason Voorhes che nel finale diventa anche un po' Freddy Kruger, allora viene da chiedermi se fino a quel momento mi hai preso per il culo o hai fatto seriamente. Meglio la prima ipotesi della seconda ma temo che il film sia serissimo nel trattare le azioni dei suoi personaggi. Che va anche bene, se poi non ti fai prendere dalla foga di mostrare e inizi a maneggiare la violenza come farebbe un ragazzino col suo apparato genitale. Si perde il senso della misura, il sottopelle diventa esplicita e ribadita metafora urlata, si sconfina nell'esagerazione ilare. Non m'è piaciuto per niente, che ti devo dire.

Gabe Krios
11-09-11, 16:30:52
http://ainostriposti.files.wordpress.com/2010/03/hurt_locker_ver3.jpg

Film molto bello ,vincitore di 6 premi oscar nel 2010.

"In Iraq, una squadra di artificieri dell'esercito americano, specializzata nel neutralizzare ogni tipo di ordigno esplosivo, si avventura in una delle tante città irachene colpite dalla guerra. Ognuno dei soldati è preparato per ogni tipo di situazione di pericolo ed affronta a proprio modo il possibile pericolo, lo stress e la paura di un attacco a sorpresa, in un luogo dove ogni oggetto o veicolo potrebbe rivelarsi una minaccia per i soldati americani."

Gli attori si immedesimano perfettamente nei soldati,l'atmosfera che si respira è fantastica,e si capisce come sia dura la guerra moderna.

VOTO: 8

p a n z e r
11-09-11, 17:09:50
oltre alla solita "durezza" della guerra trovo che the hurt locker si focalizzi su un punto di vista incredibilmente interessante, ovvero il soldato che vive la guerra quasi come una vera e propria droga, una condizione psicologica non da poco.

questo comunque vale solo ed esclusivamente per lui, visto che per i suoi compagni la situazione è ben differente. sicuramente di questo film ho apprezzato prima di tutto l'originalità della storia :sisi:

James
11-09-11, 17:18:02
Angst by Gerald Kargl (1983)

54241

Niente trama questa volta dato che il plot è molto semplice:
"Un uomo scarcerato dopo 10 anni per l omicidio di un anziana,una volta libero sente il bisogno di uccidere subito e ancora."

Ci sono film che ti fanno andare fuori di testa e sicuramente questo film di Kargl rientra in questo settore.
L incredibile realismo con cui gira l intera sequenza dentro la casa è da pelle d oca.
Il modo particolare in cui è girato che ti fà stare sempre vicino allo schizzato,ti fà partecipare.A Kargl non interessa se quello che fà il protagonista è giusto o sbagliato,te lo sbatte in piena faccia!Grande merito della ruscita del film è da attribuire ad Erwin Leder.Parte come una persona a disagio(all esterno)con la società nuova che si ritrova davanti,ma i suoi pensieri pensano solo a 2 cose:Uccidere e come farlo.
Fantastiche le sue espressioni in bilico tra l eccitazione e la crisi d astinenza,veramente una figura inquietante.Interessante il rapporto con il bassotto della famiglia,ho trovato veramente strano questo rapporto,mi ha fatto ridere però anche come guida:rickds:
Non nascondo che finita la visione ho avuto un po'di nausea,con tutto quel girare...
Bello ma preferisco sempre il "Maniac" di Lustig.

mickes2
11-09-11, 18:43:46
Bedevilled.
Francamente non capisco le critiche di Dies Irae, ad ogni modo mi è piaciuto parecchio, peccato per il finale un po' sottotono che si trascina un po'.
Concordo perfettamente con l'opinione di Mickes.
Altra pecca i personaggi maschili, un po' piatti forse.


mi fa piacere che ti sia piaciuto molto. concordo sul finale e in parte anche sulla piattezza dei personaggi maschili, che però, in un certo senso è necessaria per delineare una mentalità chiusa e retrogada come la loro.


Mettiamola così; funziona finchè mi fai vedere la via crucis di sta tizia, disvelando la misoginia di una micro società esterna alla modernizzazione. Quando poi trasformi la suddetta tizia in una sorta di Jason Voorhes che nel finale diventa anche un po' Freddy Kruger, allora viene da chiedermi se fino a quel momento mi hai preso per il culo o hai fatto seriamente. Meglio la prima ipotesi della seconda ma temo che il film sia serissimo nel trattare le azioni dei suoi personaggi. Che va anche bene, se poi non ti fai prendere dalla foga di mostrare e inizi a maneggiare la violenza come farebbe un ragazzino col suo apparato genitale. Si perde il senso della misura, il sottopelle diventa esplicita e ribadita metafora urlata, si sconfina nell'esagerazione ilare. Non m'è piaciuto per niente, che ti devo dire.

ora capisco meglio il tuo punto di vista. da parte mia ti posso dire che trovo questa virata più che plausibile e molto banalmente è l'acqua cheta che smuove i ponti. l'esagerazione dei gesti di Bok-nam è direttamente proporzionale alle violenze e ai soprusi subiti nel corso del tempo.

utente 8693
11-09-11, 19:19:19
Mettiamola così; funziona finchè mi fai vedere la via crucis di sta tizia, disvelando la misoginia di una micro società esterna alla modernizzazione. Quando poi trasformi la suddetta tizia in una sorta di Jason Voorhes che nel finale diventa anche un po' Freddy Kruger, allora viene da chiedermi se fino a quel momento mi hai preso per il culo o hai fatto seriamente. Meglio la prima ipotesi della seconda ma temo che il film sia serissimo nel trattare le azioni dei suoi personaggi. Che va anche bene, se poi non ti fai prendere dalla foga di mostrare e inizi a maneggiare la violenza come farebbe un ragazzino col suo apparato genitale. Si perde il senso della misura, il sottopelle diventa esplicita e ribadita metafora urlata, si sconfina nell'esagerazione ilare. Non m'è piaciuto per niente, che ti devo dire.
Punto di vista condivisibile, però la vedo come Mickes anche qui, ovvero:

l'esagerazione dei gesti di Bok-nam è direttamente proporzionale alle violenze e ai soprusi subiti nel corso del tempo.
Da un punto di vista esclusivamente stilistico e cinematografico, anche la prima parte non si sprecava in sottigliezze, non si limitava nel mostrare con ferocia i dettagli e gli abusi, quindi c'era per tutto il film una vena "splatter" anche se nelle emozioni (oddio, non so se ha senso :asd:)-- vena che alla fine si traduce in violenza dalla vena ironica (che secondo me è del tutto voluta).
E' volutamente impostata come una liberazione, dopo l'alienazione esagerata ed esasperata della prima parte (dal momento che lo spettatore si cala nella donna, ovviamente) l'unico modo per trasmettere perfettamente l'idea di questa donna che scoppia, era trattare la violenza come lei stessa la vede.
Un finale silenziosamente tragico e delicato o sofisticato secondo me sarebbe stato stilisticamente inappropriato, dal momento che la sua "via crucis" non lo era.
Del resto anche i personaggi maschili come ho detto, inglobano un po' questa esasperazione dalla vena ironica, basta pensare al fratello rincoglionito o il tipo in barca.. o anche il vecchio indifferente.

Secondo me tutto ok fino alla parte nella prigione, dove la miccia "vendicativa" si è già esaurita e non c'è più la stamina per seguire la vicenda.
Metto tutto sotto spoiler che non si sa mai.

Ja Rule
11-09-11, 20:37:46
Casinò.
6. Troppo lungo.

mickes2
11-09-11, 20:50:20
Casinò.
6. Troppo lungo.

ma in quelle tre ore succedono moltissime cose :sisi: possibile ti abbia annoiato?

---------- Post added at 20:50:20 ---------- Previous post was at 20:44:27 ----------


Punto di vista condivisibile, però la vedo come Mickes anche qui, ovvero:

Da un punto di vista esclusivamente stilistico e cinematografico, anche la prima parte non si sprecava in sottigliezze, non si limitava nel mostrare con ferocia i dettagli e gli abusi, quindi c'era per tutto il film una vena "splatter" anche se nelle emozioni (oddio, non so se ha senso :asd:)-- vena che alla fine si traduce in violenza dalla vena ironica (che secondo me è del tutto voluta).
E' volutamente impostata come una liberazione, dopo l'alienazione esagerata ed esasperata della prima parte (dal momento che lo spettatore si cala nella donna, ovviamente) l'unico modo per trasmettere perfettamente l'idea di questa donna che scoppia, era trattare la violenza come lei stessa la vede.
Un finale silenziosamente tragico e delicato o sofisticato secondo me sarebbe stato stilisticamente inappropriato, dal momento che la sua "via crucis" non lo era.
Del resto anche i personaggi maschili come ho detto, inglobano un po' questa esasperazione dalla vena ironica, basta pensare al fratello rincoglionito o il tipo in barca.. o anche il vecchio indifferente.

Secondo me tutto ok fino alla parte nella prigione, dove la miccia "vendicativa" si è già esaurita e non c'è più la stamina per seguire la vicenda.
Metto tutto sotto spoiler che non si sa mai.

concordo sulla parte finale, dove però a quel punto subentra la licenza poetica, che in questo caso (ma anche in altri ovviamente) ho gradito molto ^^

Ja Rule
11-09-11, 22:22:15
Annoiato no, ma non reggo i film lunghi.
Diciamo che calza a pennello in una delle mie categorie. Questo film è "un fatto".

Jarhead91
12-09-11, 00:40:12
Annoiato no, ma non reggo i film lunghi.


Quindi non ti sarà piaciuto nemmeno "Quei Bravi Ragazzi"?



...attento alla risposta che mi darai.

JT26
12-09-11, 02:48:18
La 25a ora di Lee. Beccato per puro caso su Sky. E' un classico esempio di un film che "ha un buon rapporto con il proprio spettatore", io ci ho trovato tutto quello di cui avevo bisogno, avverto proprio quella sensazione di appagamento che non ho tantissime altre volte. Mi sono sentito ben trattato, nel soggetto e nella sua trattazione. E poi è fighissimo, l'ampia prospettiva su NYC, i dialoghi, la fotografia, i rapporti umani. Primo film intero di Lee che vedo, straconvinto. Edward Norton fantastico. 8.

Simix92
12-09-11, 14:31:26
oltre alla solita "durezza" della guerra trovo che the hurt locker si focalizzi su un punto di vista incredibilmente interessante, ovvero il soldato che vive la guerra quasi come una vera e propria droga, una condizione psicologica non da poco.

questo comunque vale solo ed esclusivamente per lui, visto che per i suoi compagni la situazione è ben differente. sicuramente di questo film ho apprezzato prima di tutto l'originalità della storia :sisi:

quoto. E' un filmone.

Hushabye
12-09-11, 14:46:10
Casinò.
6. Troppo lungo.

9+:sisi: lo preferisco anche a quei bravi ragazzi

Carnage
12-09-11, 19:52:31
Tron voto 8