C'è molta differenza tra un contenuto aggiuntivo che espande il mondo di gioco fornendo nuove possibilità, la scusa per riprendere in mano e rigiocare un titolo, e sentirsi "merce" da mungitura da spremere per tirare fuori quanti più denari possibile. Ultimamente alcuni DLC sono parti così importanti dei giochi, da spingere fortemente il giocatore all'acquisto. La mia impressione è che mirano ad implementare la spesa, senza un reale aumento dei contenuti: vendere alcuni pezzi separatamente porta semplicemente ad un aumento dei guadagni. Per fortuna ci sono sempre DLC che sono vere e proprie espansioni e valori aggiunti ai titoli; mi viene in mente ad esempio la versione europeo di FIFA2012. Purtroppo però sono molti di più gli esempi negativi, che usano male le possibilità offerte dai contenuti scaricabili, in maniera scorretta e penalizzante verso l'utente. La mia speranza è che l'utenza, che alla fine stabilisce il successo o meno di un prodotto attraverso gli acquisti, sia abbastanza matura e informata per dare una risposta chiara ai prodotti che fanno un uso scorretto dei DLC. Vedo molte critiche e mi auguro che ci sia altrettanta coerenza nell'evitare l'acquisto dei prodotti che siamo soliti criticare; spero che in questo modo le software hause inizino a valutare anche le preferenze della clientela, nel decidere le politiche di vendita. Per fortuna vedo che c'è anche un'informazione chiara nelle riviste di settore e anche spaziogames fa un ottimo servizio nelle sue recensioni, descrivendo per bene la situazione DLC quando è pertinente. Teniamo queste cose bene in considerazione e siamo coerenti, se non vogliamo digitare km di tasti in lamentele! Per fortuna la pirateria è sempre più marginale nel mercato e non vedo il motivo per le software house di simili speculazioni sulle tasche degli utenti.