Pagina 1393 di 1393 PrimaPrima ... 39389312931343138313891390139113921393
Risultati da 34,801 a 34,822 di 34822

Discussione: Ultimo film visto | I commenti sono graditi!




  1. #34801
    L'avatar di HarimaCaco
    Iscritto dal
    29-Jul-2011
    Post
    23,468
    ID PSN
    amazingcaco
    Steam
    nightcaco
    ID Wiiu
    HarimaCaco
    Battletag
    HarimaCaco
    Profilo Mercatino
    visualizza
    ID utente
    115880

    Predefinito

    State buoni. Potete esprimere le vostre opinioni senza attaccarvi in questo modo.
    Ed evitate post con una sola faccina.


    Capomoderatore

    Mail: harimacaco@spaziogames.it

  2. #34802
    Novizio
    Iscritto dal
    19-Jun-2017
    Post
    5
    Profilo Mercatino
    visualizza
    ID utente
    226995

    Predefinito

    Io ho visto "il diritto di contare" davvero molto bello. Guardatelo

  3. #34803
    L'avatar di Volpe
    Iscritto dal
    11-Mar-2010
    Località
    Nel Labirinto
    Post
    12,401
    Xbox Live
    Volpe01
    ID PSN
    VoIpe1
    3DS
    4871 - 7521 - 6843
    ID Wiiu
    Volpe1
    Profilo Mercatino
    visualizza
    ID utente
    79000
    maschio

    Predefinito

    L' attimo fuggente Suggerito dalla mia ragazza l'ho visto questa sera per la prima volta e non potevo mai aspettarmi una cosa del genere. Un film pieno di lezioni di vita che lascia veramente senza parole,poi Williams é stato assurdo,stupefacente. Mi maledico per non averlo visto fino ad ora. Più che un film è una lezione di vita e consiglio a tutti di vederlo,soprattutto ai più giovani.


    Ultima modifica di Volpe; 24-06-17 alle 15:43:22

  4. #34804
    Divinità L'avatar di Branci
    Iscritto dal
    17-May-2009
    Località
    Firenze
    Post
    15,560
    Profilo Mercatino
    visualizza
    ID utente
    60551

    Predefinito

    ho visto resident evil il capitolo finale la sagra del non sense e dico che finalmente ci lasciamo alle spalle questa roba, che singolarmente offre anche film gradevoli da guardicchiare nei fine settimana uggiosi ma che ha una macrotrama a dir poco ridicola e inconsistente. come da tradizione si parte da un punto a caso, eravamo rimasti alla guerra alla umbrella e
    Spoiler:
    alla alleanza degli "eroi" con wesker per riportare l'ordine, come da tradizione si comincia con gli eventi già svolti,morti e tradimenti sotto intesi, senza un minimo accenno ai fatti avvenuti, non sappiamo di jill di leon e altro, sappiamo solo che la sopravissuta è alice il resto lo lasciano all'immaginazione


    niente, una saga nata per far vedere quanto è **** e convincente la jovovic mentre pesta a sangue una serie di nemici random e una carrellata di effetti speciali ben realizzati a far da vetrina al regista, stop



    Possessore:
    360 - PS3 - WII- 3DS

    codice amico 3ds: 3952-7106-3727

  5. #34805
    L'avatar di Steeb
    Iscritto dal
    31-Oct-2011
    Post
    21,442
    Profilo Mercatino
    visualizza
    ID utente
    123487

    Predefinito

    Headshot - action movie dai produttori di the raid, sempre con Iko Uwais come protagonista. Abbastanza godibile però non ho trovato fight scenes memorabili, non c'è Evans alla macchina da presa e si nota.. pure troppo, ritmo lento e verso la fine annoia anche.

    The Girl with all the gifts - uno zombie movie originale e molto, molto bello. Lo consiglio

    Castello di sabbia
    - Un buon film senza dubbio, non ti lascia qualcosa dentro come uno Jarhead o un black hawk dawn però devo dire che mi ha convinto. Nulla di nuovo, tipico film sulla guerra di Iraq però non sfocia in clichè odiosi.

  6. #34806
    ... L'avatar di Quattro
    Iscritto dal
    01-Aug-2008
    Località
    Montecatini T. - Pisa
    Post
    11,634
    Profilo Mercatino
    visualizza
    ID utente
    49627

    Predefinito

    The Beatles: Eight Days a Week – The Touring Years | Ron Howard, 2016. E niente la storia ormai la so a memoria, ma ogni volta ci rimango attaccato. Questo è un documentario modesto, ma qualche chicca qua e là si trova: interviste, video restaurati e a colori dei concerti o delle sessioni di registrazione, tutte cose che fa piacere riscoprire.

    Everybody wants some!! | Richard Linklater, 2016. Non fa nulla per nascondere i suoi debiti nei confronti del gemello Dazed and confused – anzi: visione piacevolissima quindi, anche se è difficile ignorare una certa artificialità di fondo dell'operazione. Troppo teatrale, troppo scritto per apparire credibile o anche solo sincero; e non aiuta un cast dall'età evidentemente superiore a quella dei personaggi. Per tutta la sua durata continua a buttare nel mucchio situazioni più o meno tipiche, cercando di azzeccarne il maggior numero possibile, e anche se ci riesce quasi sempre secondo me la mancanza di una direzione più precisa gli impedisce di andare molto oltre l'operazione nostalgia, per quanto ben confezionata: la magia di Dazed and confused si perde qui. In ogni caso i personaggi (sia pur gonfiati) sanno farsi voler bene, la plateale goliardia strappa più di un sorriso e il ritmo non perde un colpo. Insomma vale comunque la visione – fosse anche solo per i preziosi fotogrammi in cui c'è lei. ♥


    Ultima modifica di Quattro; 30-06-17 alle 16:26:29


    Slowdive | The king of limbs | In rainbows | Showbiz | Hail to the thief | Pablo Honey | Innerworld Ascoltati
    Supersonic acrobatic rocket-powered battle-cars | Catherine | Grow home | The vanishing of Ethan Carter | Transistor Giocati
    Gli indifferenti | Memorie dal sottosuolo | Moby Dick | Il cinema secondo Hitchcock | Mentre morivo | La scopa del sistema Letti
    Unbreakable | Everybody wants some!! | Eight Days a Week: The touring years | John From | Sunrise: A song of two humans Visti

  7. #34807
    L'avatar di Darton
    Iscritto dal
    06-Jan-2010
    Località
    Napoli
    Post
    16,190
    Xbox Live
    Dartenius
    Steam
    Dartenius
    Profilo Mercatino
    visualizza
    ID utente
    73915

    Predefinito

    Maratona di legal thriller/drama

    Spoiler:
    Il momento di uccidere 7
    Legal drama abbastanza classico: un padre che vendica la figlia, neri contro bianchi, un avvocato che lotta per la giustizia. Jackson e McConaughey fanno la loro parte, ma buonismo e cliché non mancano. Il film procede come ti aspetti, ma lo guardi e ti piace anche per questo.

    Schegge di paura 7,5
    Schema di base che si vede spesso in questo genere: avvocato difensore di successo, ambizioso e più preoccupato di vincere che di fare giustizia. Intrattiene a dovere; interessante la parte processuale. Meritano soprattutto l'interpretazione di Norton e il finale.

    Regole d'onore 5
    Un film noioso e per giunta nazionalista e che giustifica i crimini di guerra. Ridicole le scritte finali che raccontano cosa accade dopo come se fosse una storia vera.

    A civil action 7
    Questa è tratto davvero da una storia realmente accaduta. Film interessante perchè mostra come spesso i processi vengano determinati dai soldi più che dai fatti o dalla verità. Bravo tutto il cast.

    La giuria 8
    Questo è molto particolare come film. Prima tutto ha una vena più comedy del solito e poi si concentra sulla giuria più che sul processo. E' bello perchè è una cosa che si vede di rado (esempio famoso è La parola ai giurati). Storia originale e con finale inaspettato: consigliato.

    Il caso Thomas Crawford 7,5
    Anche qui abbiamo un avvocato di successo, interessato più alla carriera che al senso primo del suo mestiere. Ma il caso in questione gli farà cambiare idea e mettere in dubbio le idee con cui ha vissuto fino ad ora. In realtà non mi ha fatto proprio impazzire, ma gli ho dato 7,5 perchè Hopkins ha una faccia da psicopatico come pochi.

    L'angolo rosso 6,5
    Di nuovo Richard Gere, di nuovo avvocato, ma questa volta è lui ad essere sotto accusa e per di più in un paese straniero dove il sistema giuridico è molto diverso da quello occidentale. In un paese che si vanta di avere una criminalità 10 volte inferiore all'America, il protagonista cercherà di avere una parvenza di processo onesto. Niente di eccezionale, ma vale comunque la visione.

    Presunto innocente 8,5
    E' quello che ho preferito di questa maratona, soprattutto perchè coniuga bene la parte dedicata al processo con quella più prettamente thriller ed entrambe funzionano a dovere. Fino all'ultimo ti chiedi quale sia la verità ed il finale è abbastanza inatteso. Molto bravi Ford e Juliá.

    Legge criminale 5
    L'aula la si vede solo all'inizio, per dare il via alla storia. Il resto è un thriller piuttosto noioso e non molto sensato. Neanche gli attori (noti) sono riusciti a farmelo piacere.

    Conflitto di interessi 6
    Anche qui abbiamo un thriller che di "legal" ha poco. Il protagonista si troverà a incrociare vita privata e vita professionale trovandosi invischiato in qualcosa di pericoloso. Colpo di scena prevedibile e Duvall sprecato.

    L'ultimo appello 7
    Storia non particolarmente originale, ma è interessante il punto di vista scelto. Sotto accusa è un membro del KKK; ma anche i cattivoni hanno una famiglia. Bravo Gene Hackman e bello il finale.

    La morale che si trae da questi film è che raramente legge e giustizia coincidono


    Ultima modifica di Darton; 01-07-17 alle 19:31:40
    "Perchè sei così restio ai tradizionali metodi di separazione di un corpo dalla sua anima?"

    "Booker, hai paura di Dio?"
    "No, ma ho paura di te."



    Capomoderatore Sezione TV
    E-mail: darton@spaziogames.it

  8. #34808
    Legend of forum L'avatar di .Veg
    Iscritto dal
    20-Sep-2011
    Località
    Ketchikan/Rio
    Post
    5,116
    Steam
    .Veg
    Profilo Mercatino
    visualizza
    ID utente
    119580

    Predefinito

    Ho visto il corto Rakka della Oats Studio di Neil Blomkamp
    https://www.youtube.com/watch?v=VjQ2t_yNHQs
    Interessante e, anche se sono uno che ama particolarmente il suo stile, ci ho visto molto più di District 9 che non degli altri due skippabilissimi film.

  9. #34809
    Divinità L'avatar di Togg
    Iscritto dal
    21-Jun-2007
    Località
    Trantor, centro galassia
    Post
    13,851
    Profilo Mercatino
    visualizza
    ID utente
    35112

    Predefinito

    Sorgo Rosso, Zhang Yimou

    Godibile, si sente già il gusto propagandistico e conciliante che lo contraddistinguerà. Soprattutto una volta appiattito in toto sul governo.

    Red Eye, Craven

    Così.


    Vari cortometraggi da Cannes, tendenzialmente leccati. Niente che spicchi.


    - E voi dite, amici, che non si ha da discutere sul gusto e sul sapore? Ma tutta la vita è una disputa sul gusto e sul sapore! Gusto: è il peso e insieme la bilancia e colui che pesa; e guai a ogni essere vivente che volesse vivere senza la contesa per il peso, la bilancia e coloro che pesano!


    F. Nietzsche, Così parlò Zarathustra.


  10. #34810
    Tendo al mio fine L'avatar di p a n z e r
    Iscritto dal
    15-Aug-2008
    Località
    a serious house on serious earth
    Post
    11,054
    Steam
    panzah
    Profilo Mercatino
    visualizza
    ID utente
    49989

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Togg Visualizza Messaggio
    Vari cortometraggi da Cannes, tendenzialmente leccati. Niente che spicchi.
    se son gli stessi che ho visto io su festival scope, copa-loca e the burden mi hanno fatto una buona impressione

  11. #34811
    Divinità L'avatar di Togg
    Iscritto dal
    21-Jun-2007
    Località
    Trantor, centro galassia
    Post
    13,851
    Profilo Mercatino
    visualizza
    ID utente
    35112

    Predefinito

    Fail-Safe, Lumet

    Scegliere di filmare il fattore umano è una presa di posizione, non dimentichiamolo mai. In questo caso si tratta della guerra fredda, ne esce fuori un thriller avvincente per 2/3 che però non può che risultare consolante e fuori fuoco. L'umanità in queste questioni c'entra poco, non è mai stata il punto centrale su cui ruota il resto. Usarla è pericoloso, se non in modo distorto e grottesco come ha fatto Kubrick. Tentando il realismo umanista finisci per appiattire completamente qualsiasi sguardo critico verso i meccanismi che vorresti denunciare.


    Citazione Originariamente Scritto da p a n z e r Visualizza Messaggio
    se son gli stessi che ho visto io su festival scope, copa-loca e the burden mi hanno fatto una buona impressione
    The Burden il migliore imho. Copa-loca invece mi è sembrato totalmente incapace di trasmettere fascinazione e interesse per il microcosmo o la protagonista, scade quasi nella metafora. Stacca velocissimo e si gode più l'elemento della scenetta/inquadratura che l'esplorazione dell'ambiente. E' un problema dei cortometraggi in genere ma qui con questo esotismo del villaggio vacanze popolato da persone ai margini si nota ancora di più.


    - E voi dite, amici, che non si ha da discutere sul gusto e sul sapore? Ma tutta la vita è una disputa sul gusto e sul sapore! Gusto: è il peso e insieme la bilancia e colui che pesa; e guai a ogni essere vivente che volesse vivere senza la contesa per il peso, la bilancia e coloro che pesano!


    F. Nietzsche, Così parlò Zarathustra.


  12. #34812
    L'avatar di Steeb
    Iscritto dal
    31-Oct-2011
    Post
    21,442
    Profilo Mercatino
    visualizza
    ID utente
    123487

    Predefinito

    The man from nowhere, seconda visione. Sempre bello, adoro questo film. Ha delle ottime sequenze d'azione ma non si dimentica di raccontare una storia. Da vedere almeno una volta!


    Ultima modifica di Steeb; 18-07-17 alle 09:38:28

  13. #34813

    Predefinito

    Appena finito Shaun of the dead, non mi è piaciuto. Ho provato a guardarlo in originale, poi doppiato, ma in quest'ultimo caso le voci erano troppo basse rispetto alla musica. Boh, non mi ha fatto ridere per nulla, come zombie movie è assai mediocre, Zombieland se lo mangia


    Firma non a norma

  14. #34814
    L'avatar di Steeb
    Iscritto dal
    31-Oct-2011
    Post
    21,442
    Profilo Mercatino
    visualizza
    ID utente
    123487

    Predefinito

    Captain Fantastic - Mi è piaciuto molto. Il messaggio che manda è bellissimo anche se estremo per certi versi, e questo me l'ha fatto apprezzare ancor di più. Diretto benissimo e con un buon ritmo. Viggo Mortensen essenziale. E' un film da vedere.


    Ultima modifica di Steeb; 18-07-17 alle 09:38:14

  15. #34815
    Divinità L'avatar di Togg
    Iscritto dal
    21-Jun-2007
    Località
    Trantor, centro galassia
    Post
    13,851
    Profilo Mercatino
    visualizza
    ID utente
    35112

    Predefinito

    The Face of Another, Hiroshi Teshigahara

    Un bel classico che non conoscevo. Un pelo metaforico ma va bene così. Vedrò anche quello famoso precedente.


    Rogue One, Disney e co.

    Schifezzuola. C'è poco da fare, anche con idee buone, talenti nel decoro e qualche scena azzeccata resta un film che possono vedere anche bambini di 8 anni. Siccome non si tratta di Miyazaki è un problema. Stacchi velocissimi, non c'è una scena mantenuta, sviluppo di psicologie totalmente random. Abuso di deux ex machina spaziali, nessuna esplorazione dei luoghi ma solo scenette fatte conseguire alla bella e meglio per tenere sveglie le spettatrici. Come dicevo una infantilizzazione intollerabile, in un film che dovrebbe avere come tema l'oppressione e la ribellione.
    L'ennesima conferma che dentro questo tipo di prodotti è impossibile costruire alcunché. Anche se riesci poi gli executives ti fanno rigirare mezzo film come in questo caso per "alleggerire il tono".


    - E voi dite, amici, che non si ha da discutere sul gusto e sul sapore? Ma tutta la vita è una disputa sul gusto e sul sapore! Gusto: è il peso e insieme la bilancia e colui che pesa; e guai a ogni essere vivente che volesse vivere senza la contesa per il peso, la bilancia e coloro che pesano!


    F. Nietzsche, Così parlò Zarathustra.


  16. #34816
    Professionista L'avatar di Psicopatico
    Iscritto dal
    29-Nov-2014
    Post
    1,295
    ID PSN
    batena
    Profilo Mercatino
    visualizza
    ID utente
    213316

    Predefinito

    The bad batch, quel film di cui sicuramente avete visto il trailer, dove sta Jason Momoa pompato e Keanu Reeves.
    MAH, difficile commentarlo. E' un film che wikipedia definisce distopico, diciamo che c'è questa ricerca continua dell'immagine bella da vedere/messaggio rivolto alla società. In alcuni momenti diventa moolto lento, e addirittura direi che preferisco i momenti di silenzio a quelli di dialogo.
    Eppure il trailer gli conferiva quell'aspetto intrigante al punto giusto...


    Ultima modifica di Psicopatico; 16-07-17 alle 17:00:42

  17. #34817
    Tendo al mio fine L'avatar di p a n z e r
    Iscritto dal
    15-Aug-2008
    Località
    a serious house on serious earth
    Post
    11,054
    Steam
    panzah
    Profilo Mercatino
    visualizza
    ID utente
    49989

    Predefinito

    commentini al volo:

    finalmente visto per la prima volta jacques tati, e sono rimasto folgorato da mon oncle. precisissima costruzione tanto della messa in scena quanto della messa in quadro, con gag e sketch che si articolano su più piani e profondità, con una creatività senza fine. bei momenti quelli nell'inutilmente tecnologica casa borghese, e tutto il rapporto con la modernità ridicola, superficiale e fine a sé stessa è cardine di tutto il film. sinceramente divertente in più punti, è difficile non amarlo.
    fatto poi un passo indietro con jour de fete, sicuramente più acerbo, ma si inizia a intravedere lo stile di tati. anche qua un accenno del burrascoso rapporto di un uomo semplice con la modernità che avanza, ma più un accenno che non un vero e proprio tema del film. comunque simpatico.
    infine les vacances de m. hulot è un affinarsi della tecnica aspettando il pieno compimento con mon oncle, anche qua gag a non finire dalle più immediate alle più costruite, e il nutrito cast di macchiettistici personaggi offre non poche possibilità.

    the girl with all the gifts di colm mccarthy. un accenno di originalità nell'ormai desolante panorama zombie/infetti/sailcazzo data dalla premessa, che si esaurisce però ben presto. senza troppa infamia e senza particolare lode, l'aspetto più intrigante forse è il riprendere lord of the flies con i suoi bambini selvaggi e brutali.

    unfriended di qualcuno. il solo fatto che questo film esista è un errore di per sé. non si salva nulla, partendo dall'idea iniziale di mostrare tutto tramite uno schermo che si risolve in nulla di fatto, alla progressione da classicissimo slasher fatto col culo. con la scrittura dei personaggi si sono raggiunti picchi di idiozia veramente rari.

    raw di julia ducournau. finisce per direttissima tra le uscite più interessanti di quest'anno. atipica e orrorifica storia di formazione, una parabola discendente di corruzione e scoperta di sé, una visione viscerale. diretto ottimamente e accompagnato da una colonna sonora eccezionale.

    okja di bong joon-ho. deluso, e lo dico a malincuore. fatica per tutto il tempo a trovare la propria dimensione, oscillando tra la leggerezza di un cartone animato e la crudezza di un documentario di denuncia (sì insomma, circa), ma sono momenti tanto tagliati con l'accetta che il risultato finale è un pasticcio più che un'amalgama. ci sono poi evidenti problemi in fase di scrittura, tra problemi di ritmo e soluzioni banalissime. ben poco necessario il pomposo cast, dei personaggi del genere credo avrebbero reso lo stesso modo in mano a chiunque.

    othello di orson welles. una magnifica trasposizione, welles è tanto consapevole della materia teatrale quanto di quella cinematografica, e il risultato finale è una perfetta traduzione da un linguaggio all'altro, sfruttando pienamente tutte le possibilità uniche di quello cinematografico. operazione infatti che il più delle volte risulta solo sterile, qua è assolutamente fertile, una pellicola memorabile. intelligenza che passa anche da ciò che si è deciso di tagliare e ciò che si è deciso di inventare, è tutto perfettamente coerente.

    a cure for wellness di gore verbinski. per 2/3 della pellicola ricalca fin troppo pedissequamente tutti i cliché delle storie di questo tipo, a tratti ha pure la stessa fotografia di shutter island. l'ultimo terzo è un esagerato spettacolo gotico che sembra inserito a forza, visto il resto del film.
    non totalmente da buttare, per quanto la costruzione sia stereotipata verbinski ci mette un briciolo di inventiva per rendere il tutto almeno bello da vedere, e senza dubbi in più di un'occasione ci riesce. il risultato finale però fatico a considerarlo sufficiente.

    shin godzilla di hideaki anno. l'hanno detto tutto, non ha senso tirarsi indietro: "è evangelion senza gli eva!!!!!!!!!!". e c'è poco da girarci intorno, è vero in gran parte. anno riprende modi e forme già visti nella celeberrima serie, ma chiariamo, ci manchi solo che questo possa essere un male. quando riesce poi a essere avvincente mostrando per più tempo politici che parlano che non godzilla stesso, sai di stare facendo la cosa giusta. oscilla tra il sottilmente e l'apertamente satirico, una costruzione dei personaggi e soprattutto dei dialoghi spiccatamente da anime, ma il fiume di discorsi è ben gestito. le apparizioni di godzilla per quanto centellinate, sono memorabili.
    un'ottima prova insomma, la CG da inizio millennio non intacca troppo il risultato finale, anche perché l'ispirazione batterà sempre la brutale tecnica. solo, un appunto, la prossima volta (e DEVE esserci una prossima volta) una fotografia meno amatoriale.

    wild at heart di david lynch. folle pellicola on the road in cui si mescolano violenza e sessualità, con il mago di oz da fare da riflesso alle vicende, sorretto da interpretazioni esageratissime. assurdo, ma anche lucidamente drammatico a tratti. l'aspetto musicale è fortemente intrecciato a quello visivo, impossibile distinguere i due, e il risultato finale è di una forza rara.

    spider-man: homecoming di jon watts. si è fatto quel minimo di lavoro per rendere fresco il terzo film sulle origini, o comunque di partenza, di sto supereroe, e il risultato direi che è accettabile. i ritocchi sui personaggi e le aggiunte non stonano con il mondo stesso che viene creato, peter arriva alle solite lezioni morali anche senza la celeberrima battuta dello zio, e in generale la costruzione della vicenda è ben fatta. l'aspetto comico è altalenante, come inevitabilmente succede buttando dentro tante battute, non tutto può essere divertente. la regia è l'aspetto peggiore, mediamente poco ispirata, affossa completamente le scene d'azione.
    non il migliore cinecomic anche solo considerando il MCU, ma sicuramente un buon punto di partenza.

  18. #34818
    L'avatar di Steeb
    Iscritto dal
    31-Oct-2011
    Post
    21,442
    Profilo Mercatino
    visualizza
    ID utente
    123487

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Psicopatico Visualizza Messaggio
    The bad batch, quel film di cui sicuramente avete visto il trailer, dove sta Jason Momoa pompato e Keanu Reeves.
    MAH, difficile commentarlo. E' un film che wikipedia definisce distopico, diciamo che c'è questa ricerca continua dell'immagine bella da vedere/messaggio rivolto alla società. In alcuni momenti diventa moolto lento, e addirittura direi che preferisco i momenti di silenzio a quelli di dialogo.
    Eppure il trailer gli conferiva quell'aspetto intrigante al punto giusto...
    Hai praticamente descritto l'idea che mi ero fatto vedendo il trailer.. tenterò comunque di vederlo non appena possibile


    Ultima modifica di Steeb; 18-07-17 alle 09:29:08

  19. #34819
    ... L'avatar di Quattro
    Iscritto dal
    01-Aug-2008
    Località
    Montecatini T. - Pisa
    Post
    11,634
    Profilo Mercatino
    visualizza
    ID utente
    49627

    Predefinito

    Mi butto anch'io nella mischia in questo improvviso momento di vitalità della discussione. Recuperone dell'ultimo mese in tre, due, uno

    Unbreakable | M. Night Shyamalan, 2000. Un po' goffo per certi aspetti, spesso noiosetto, ma si lascia guardare (e in una scena verso il finale mi sono quasi commosso). L'idea c'è, ed è notevole il fatto che un prodotto come questo sia arrivato al cinema con diversi anni di anticipo rispetto alla sbornia supereroistica, e non dopo.

    ... E basta in realtà, qualche giorno fa ho visto spezzoni di Hitchcock/Truffaut di Kent Jones, sempre piacevole ascoltare le testimonianze di registi affermati, per il resto del tutto trascurabile. C'è il libro.

    Anche se di solito non commento i corti vista la desolazione qui sopra faccio una menzioncina per Asparagus (1979) di Suzan Pitt, film d'animazione allucinatissimo, magico e perverso. Concettualmente lo si può collocare da qualche parte a metà strada fra un Lynch e un Laloux; può non piacere, ma vale il tentativo. Tanto per incuriosire, la prima scena vede una donna in bagno che defeca asparagi che vanno a formare il titolo del film. Il resto non è sempre altrettanto intellegibile.




    Slowdive | The king of limbs | In rainbows | Showbiz | Hail to the thief | Pablo Honey | Innerworld Ascoltati
    Supersonic acrobatic rocket-powered battle-cars | Catherine | Grow home | The vanishing of Ethan Carter | Transistor Giocati
    Gli indifferenti | Memorie dal sottosuolo | Moby Dick | Il cinema secondo Hitchcock | Mentre morivo | La scopa del sistema Letti
    Unbreakable | Everybody wants some!! | Eight Days a Week: The touring years | John From | Sunrise: A song of two humans Visti

  20. #34820
    Legend of forum L'avatar di Buddha94
    Iscritto dal
    17-Feb-2010
    Località
    Foggia
    Post
    8,762
    ID PSN
    Buddha94
    Profilo Mercatino
    visualizza
    ID utente
    77311

    Predefinito

    Rise of the Planet of the Apes di Rupert Wyatt. Finalmente ho iniziato a recuperare questa saga dopo anni che mi ripromettevo di farlo al più presto. Ed il primo capitolo è stato decisamente all'altezza delle aspettative, non solo azione, ma anche sentimenti e tematiche più profonde. A breve recupererò anche il secondo capitolo per poi godermi il terzo in sala.

  21. #34821
    L'avatar di AudioSculpt
    Iscritto dal
    30-Jun-2009
    Post
    11,957
    Clan
    LOTOR
    Profilo Mercatino
    visualizza
    ID utente
    62287

    Predefinito

    So che bisognerebbe commentare con un minimo di argomentazioni ma ho appena visto due film che mi hanno lasciato semplicamente senza parole o, per meglio dire, con una sola: schifo.
    Ghost in the Shell ed Alien Covenant.
    Due esempi di come a volte è meglio non fare niente piuttosto che rovinare ciò che di buono già c'è.

  22. #34822
    Legend of forum L'avatar di Buddha94
    Iscritto dal
    17-Feb-2010
    Località
    Foggia
    Post
    8,762
    ID PSN
    Buddha94
    Profilo Mercatino
    visualizza
    ID utente
    77311

    Predefinito

    Dawn of the Planet of the Apes di Matt Reeves. Questo secondo capitolo della saga mi è piaciuto leggermente meno del primo, probabilmente perché non è, per forza di cose, tanto marcato il rapporto scimmia-uomo come lo era nel primo. La trama anche è molto classica e scontata, ma si tratta comunque di un ottimo film.

Pagina 1393 di 1393 PrimaPrima ... 39389312931343138313891390139113921393

Segnalibri

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •