Pagina 1 di 31 1234511 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 25 di 859

Discussione: IMPIANTI STEREO e HOME THEATRE: caratteristiche, differenze e consigli pratici per tutte le tasche - MEGAGUIDA in prima pagina!




Visualizzazione Ibrida

  1. #1
    L'avatar di charlesjudges
    Data Registrazione
    11-May-2006
    Località
    Bergamo/Pavia
    Messaggi
    14,000
    Xbox Live
    charlesjudges
    Profilo Mercatino
    visualizza
    Profilo sul Sito
    visualizza
    ID utente
    24134
    Gamer IDs

    Gamertag: charlesjudges

    Predefinito IMPIANTI STEREO e HOME THEATRE: caratteristiche, differenze e consigli pratici per tutte le tasche - MEGAGUIDA in prima pagina!


    Impianto stereo (sulla sinistra) ed home theatre (a destra)

    Questo topic vuole porsi come guida per chi avesse intenzione di comporre, in casa propria, una catena di riproduzione audio o audio/video per musica, film, videogiochi o eventi televisivi di qualunque tipo. Le cose da dire sono molte, ma è inutile partire senza aver prima precisato, in via generale, cosa si intende per impianto stereo e cosa, invece, per impianto home theatre.

    Un impianto stereo consente di riprodurre attraverso due diffusori, uno destro e uno sinistro, tracce audio registrate su due canali differenti e riprodotte contemporaneamente per ricostruire la scena sonora davanti all'ascoltatore e dare spazialità al suono in un'ideale "effetto palcoscenico". In realtà questa definizione è impropria, perché per stereofonia si dovrebbe intendere qualsiasi riproduzione acustica su più canali, senza il limite di due, a differenziare il concetto da quello di monofonia dove la sorgente sonora è solo una. Ma nella prassi, e nel gergo, per stereofonia e impianto stereo si fa riferimento alla nozione classica che vede appunto il numero di canali riprodotti fermo a due, o meglio ancora questa definizione classica nasce proprio dalla maggior diffusione di questo metodo di registrazione soprattutto per quanto riguarda il mercato musicale. Per questo, nell'immaginario collettivo, un impianto stereo è quello utilizzato "per ascoltare la musica", quando in realtà sarebbe, ed è, altrettanto in grado di riprodurre segnali bicanale o multicanale downmixati (ovvero ridotti a due da un processore adatto allo scopo, spesso integrato nell'amplificatore o nella sorgente) di diversa natura, cinematografica o televisiva; cosa che del resto accade, spesso senza saperlo, con qualunque sistema di diffusori integrati nei televisori in commercio.

    Un impianto home thatre, invece, se utilizzato al pieno delle sue potenzialità, è votato quasi totalmente alla riproduzione di tracce audio provenienti da materiale cinematografico; solo in seconda battuta viene anche sfruttato per riprodurre altro materiale come concerti registrati in multicanale o brani registrati, sempre in multicanale, su super audio CD (SACD). È da ricordare, per chiarezza, che con questo tipo di impianto è possibile riprodurre anche tracce stereo sfruttando i due soli canali frontali. Ciò premesso, per svolgere il proprio compito un impianto di questo tipo dev'essere dotato, in linea di massima, oltre che delle indispensabili elettroniche per l'amplificazione e la lettura del supporto (necessarie anche in una configurazione stereo, seppur diverse), di un minimo di due diffusori frontali, disposti in maniera del tutto simile a quella di un impianto stereo, ai quali bisogna aggiungere un canale centrale, responsabile della maggior parte dei dialoghi di un film, da posizionare in prossimità dello schermo, e un numero variabile di diffusori surround, ai quali sono affidati gli effetti ambientali provenienti dalle spalle e dai lati dell'osservatore. Resta fuori, a questo punto, solo il canale dedicato alla riproduzione delle frequenze più basse: il subwoofer. Abbiamo fatto la conoscenza con quei diffusori che rendono un sistema home theatre diverso da uno stereo; sono di più, sono più invadenti e ci avvolgono col loro suono. Dopo questa breve e tutt'altro che esaustiva introduzione, votata soprattutto ad indirizzare l'immaginario collettivo, sarà bene entrare nel dettaglio riguardo la composizione del proprio impianto, componente per componente.

    I DIFFUSORI


    Cominciamo dalla componente più nota, quella che forse identifica più di ogni altra la presenza di un impianto di riproduzione audio: naturalmente mi riferisco ai diffusori, le famose "casse". Di diverse forme e dimensioni, sono però tutti accomunati dalla loro peculiare funzione, quella di diffondere il segnale acustico inviato dall'amplificatore. Per fare questo i diffusori sono dotati di particolari strumenti, detti woofer, inseriti in un mobile, la cui forma non è mai lasciata al caso, con funzione di sostegno e in certi casi anche di cassa armonica. Eccoli qui, il diffusore, in questo caso un ottimo B&W CM7, ed un woofer preso singolarmente:



    Come appare evidente dall'immagine a sinistra un diffusore, nella maggior parte dei casi, non è composto da un singolo woofer, ma da due o più, a seconda delle caratteristiche volute dal produttore. Questa caratteristica non è casuale, ma risponde ad una chiara esigenza di qualità della riproduzione. Ad ogni singolo woofer, infatti, viene distribuita una fascia determinata di frequenze da riprodurre liberando di conseguenza gli altri da quella incombenza. Ciò è possibile grazie ad un apparecchio elettronico, detto crossover, più o meno raffinato a seconda della qualità generale del prodotto, inserito all'interno del mobile ed al quale viene affidato il compito di "tagliare" le frequenze che verrano poi smistate ai diversi woofer disponibili, collegati proprio al crossover.



    Normalmente possiamo distinguere tre categorie principali di woofer a seconda delle più diffuse scelte produttive in questo ambito, studiate per ottenere un buon rapporto tra omogeneità sonora e carico di lavoro del singolo woofer (un'eccessiva divisione delle frequenze può essere dannosa se non appoggiata da componenti e costruzione di elevata qualità):

    - il woofer, normalmente quello dei tre posto più in basso, al quale vengono affidate le basse frequenze (da 60 a 3000 Hz, ma non è una regola aurea), fino alla soglia in cui subentra il lavoro del subwoofer (componente separato e non indispensabile in ambito stereo contrariamente che in quello home theatre) attraverso un apposito taglio di frequenza deciso manualmente dall'utente via amplificatore;
    - il midwoofer, come lascia intuire il nome, si occupa delle frequenze medie (indicativamente dai 3000 agli 8000 Hz);
    - infine il tweeter (dall'inglese to tweet = cinguettare), caratteristicamente piccolo e "agile" per la riproduzione delle alte e altissime frequenze (dagli 8000 Hz in su). Nell'immagine della B&W CM7 è quello in cima circondato da una piastra metallica.
    - spesso, oserei dire sempre, sarà possibile individuare nel mobile un foro di dimensione variabile, chiamato bass reflex, dalla funzione peculiare: incanala le frequenze più basse sfruttando le caratteristiche di cassa armonica del mobile e le diffonde per rafforzare la gamma bassa. Se mal implementato è la fonte principale di bassi sporchi e caotici.

    Inutile sottolineare come il range di frequenza riproducibile, dalla più bassa alla più alta raggiungibile, dipende dalla qualità del componente e dalla sua integrazione nell'ottica d'insieme del diffusore, a cui bisogna aggiungere la qualità costruttiva generale e lo studio di ottimizzazione acustica svolto in sede di ricerca. Nella sostanza, per quanto attiene al woofer in quanto tale, più ne aumenta il diametro più questo sarà in grado di raggiungere frequenze basse, grazie alla mole superiore di aria che sarà in grado di spostare. Nella scelta del diffusore non è male fare affidamento anche a questo dato, senza però lasciarsi trarre in inganno ma valutando sempre il prodotto nel suo insieme (e ASCOLTANDOLO SEMPRE prima di mettere mano al portafoglio, se possibile).

    Detto questo, però, non tutti i diffusori adottano una configurazione a tre woofer, la differenza consisterà nel maggiore o minore carico di frequenze affidate ad ogni singolo woofer; non commettete l'errore di considerare automaticamente peggiore una configurazione a woofer unico, per i motivi detti appena sopra un diffusore di questo tipo può essere anche significativamente migliore di un mediocre diffusore a tre vie. Oltretutto, idealmente, la diffusione concentrata in un unico punto aiuta a migliorare la scena sonora. Bisogna operare un bilanciamento tra i vari aspetti positivi e negativi di ogni possibile configurazione, per trovare la quadratura del cerchio. Da una parte un solo woofer potrebbe fare fatica a coprire in modo soddisfacente tutto il range di frequenze, dall'altro diversi woofer mal gestiti si allontaneranno dall'idea di fedeltà timbrica.

    Un cenno veloce alla distinzione tra diffusore da scaffale e da pavimento: non mi sembra il caso di soffermarsi troppo su questo aspetto, vista la cristallina pregnanza di significato delle due definizioni. Il primo nasce per essere appoggiato su superfici ad altezza orecchio o fissato ad appositi stand da muro o da pavimento; il secondo trova la sua naturale collocazione a contatto diretto col pavimento. La differenza tra i due sta tipicamente nelle dimensioni e nella possibile preferenza di un diffusore da pavimento per la maggiore facilità con cui è in grado di raggiungere frequenze più basse e dare maggior corpo al suono grazie al maggior "peso" strutturale. Anche qui però possiamo individuare diffusori da scaffale o addirittura microdiffusori (mi sovvengono le B&W M1 o le Focal Dome) in grado di rivaleggiare e superare diffusori da pavimento di scarsa qualità d'insieme.

    Alcuni dei dati più significativi che compaiono tra le specifiche tecniche di un diffusore sono quelli relativi alla frequenza e all'impedenza. La prima è indicata da due cifre distinte che rappresentano il range di frequenze coperto da quel determinato modello (es. 55 - 22000 hertz: il diffusore raggiunge basse frequenze fino a 55 hertz e alte frequenze fino a 22000 hertz); inutile dire che i produttori non di rado tendono a dichiarare cifre, soprattutto verso il basso, poi smentite da una rilevazione accurata con gli appositi strumenti. Con riferimento alla frequenza minima è buona norma aggiungere un valore in hertz che oscilli tra i 20 e i 30 hertz in più rispetto a quella dichiarata dalla casa. Per non parlare di alcuni diffusori, evidentemente di qualità scadente, che presentano dei veri e propri buchi di frequenza dovuti alla costruzione e alla tecnologia impiegata; il problema può essere rilevato solo grazie ad un ascolto preventivo e ad un orecchio un po', ma nemmeno troppo in alcuni casi eclatanti, allenato. Il primo esempio blasonato che mi viene in mente è quello di Bose, nota marca non troppo amata dagli appassionati di Hi-Fi; un impianto Bose può essere riconosciuto ad orecchio anche solo per l'eccessiva salita in frequenza del subwoofer costretto a sopperire la mancanza di basse frequenze (e medio/basse, anche 180 hertz a seconda dei casi) dei satelliti. Un buon subwoofer dovrebbe contenere verso il basso il proprio range di frequenze (idealmente in un massimo di 70 hertz), così da non poterne individuare la posizione nello spazio per evitare di rovinarne l'effetto avvolgente; se le frequenze salgono la spazialità del subwoofer si palesa vanificandone l'effetto.
    L'impedenza consiste invece in un valore espresso in ohm (normalmente 2, 4 o 8 ohm, nella maggior parte dei casi 4 o 8) la cui rilevanza viene in gioco al momento dell'accostamento del diffusore all'amplificatore che andrà ad alimentarlo. Senza scendere in dettagli fisici e mantenendosi su un piano più pratico possiamo dire che più il dato dell'impedenza è alto meno l'amplificatore incontrerà resistenza nel veicolare l'audio al diffusore. Ogni amplificatore dovrebbe indicare, tra le specifiche e nella zona in cui andranno collegati i diffusori, il valore consigliato di impedenza dei diffusori. Se un amplificatore indicherà un'impedenza consigliata di 8 ohm sarà preferibile non collegare diffusori la cui impedenza sia di 4 ohm; al contrario un amplificatore in grado di pilotare diffusori a 4 ohm sarà in grado di veicolare senza problemi questi e anche altri diffusori la cui impedenza dovesse essere più elevata (6, 8, 16 ohm, etc.). Sostanzialmente la differenza su questo versante viene fatta dall'alimentazione del nostro amplificatore: un buon alimentatore (magari toroidale, ma occhio ai prezzi) sarà in grado di sopportare carichi più bassi e fornire corrente più "robusta". Una cattiva alimentazione farà scattare facilmente i dispositivi di sicurezza e blocco dell'amplificazione in caso di contrasto tra diffusore e amplificatore, situazione tipica delle soluzioni entry level (non per questo da scartare, basta effettuare una scelta oculata dei diffusori che siano facilmente pilotabili).


    Resta da vedere come dovranno collegarsi i diffusori all'amplificatore. La soluzione standard consiste in due (o quattro) morsetti che dovranno mantenere a contatto con le proprie parti metalliche un appostio cavo di potenza, il cui compito è di trasportare la corrente precedentemente processata dall'amplificatore.


    A sinistra possiamo vedere dei morsetti a vite che necessitano di essere svitati parzialmente per consentire l'accesso alla cavità in cui andrà inserita la terminazione in rame del cavo di potenza, appositamente "spellato" negli ultimi due centimetri circa, possibilmente avvitata su sé stessa per aumentare i contatti tra i diversi fili di rame. Nei diffusori di fascia bassa la soluzione adottata può essere quella di morsetti a molla che bloccano automaticamente il cavo ma in maniera meno tenace. Nella quasi totalità dei morsetti a vite il cavo può essere inserito anche tramite apposite terminazioni che rendono la superficie di contatto più sicura, si tratta di connettori che possono essere a banana o a forcella, in entrambi i casi il processo di avvitamento del cavo ferrà effettuato su di questi che andranno a collegarsi rispettivamente in un buco sulla cima del morsetto o alla base dello stesso che andrà poi avvitato.


    Per quanto attiene infine alla disposizione dei vari diffusori nelle due tipologie di impianto conviene affidarsi, per chiarezza, a queste due rappresentazioni schematiche:


    Non c'è molto da dire a riguardo. Un impianto stereo si compone di due soli diffusori, posti alla stessa distanza rispetto all'ascoltatore e orientati verso lo stesso. L'utilizzo di un subwoofer è facoltativo e anzi fortemente sconsigliato dai puristi del genere. Più complicata la disposizione dei diffusori in una soluzione home thatre, in cui peraltro l'utilizzo di un subwoofer è caldamente consigliato, così come consigliato è il suo posizionamento tra i due diffusori frontali, gli unici davvero necessari (ma ovviamente non sufficienti) anche in questa configurazione. Un consiglio che si sente ripetere spesso e che mi sento di condividere è questo: sempre meglio avere buoni componenti un po' alla volta piuttosto che tutto e subito ma di qualità deteriore. Quindi se le finanze non permettono altro (come nel mio caso, infatti mi comportai così) la scelta ideale è quella di comporre il proprio impianto un po' alla volta: prima i due diffusori frontali, poi il subwoofer, in un terzo momento il centrale ed infine i vari surround (normalmente due, dato che i surround back richiedeno ulteriori elevate difficoltà di posizionamento a fronte di uno scarso utilizzo). Non ci sono problemi, quindi, ad accendere il proprio amplificatore con un numero di diffusori collegati inferiore alla tradizionale composizione multicanale home theatre (l'importante è che ci siano almeno i dure frontali!).


    L'AMPLIFICAZIONE


    Due amplificatori integrati: a sinistra un due canali, cuore di un impianto stereo, a destra un sintoamplificatore votato principalmente all'home theatre, ma che non disdegna un po' di buona musica di tanto in tanto. Vedremo come la sezione di amplificazione possa essere più articolata, tuttavia con un assai probabile e consistente incremento dei prezzi. Quando sentite parlare di SINTOamplificatore si tratta semplicemente dello stesso apparecchio dotato ANCHE di sintonizzatore radio AM/FM.


    Passiamo ora a quello che può essere definito il cuore di una catena di riproduzione audio (e video), intorno a cui si sviluppano gli altri componenti per formare un sistema in grado di soddisfare i diversi gusti di ognuno. Sto parlando dell'amplificatore. Non si deve essere laureati in fisica per intuire, deducendolo dal termine stesso, il ruolo di questo componente all'interno del proprio impianto: si tratta di un'elettronica in grado di ricevere il segnale da una sorgente esterna (per esempio un lettore CD o DVD), veicolarlo attraverso le apposite sezioni di amplificazione presenti all'interno della macchina e infine inviarlo ai diffusori collegati alle relative uscite.

    Diamo subito un'occhiata veloce all'interno di questi apparecchi:



    Magari l'avrete intuito da soli, ma se così non fosse vi dirò che a sinistra stiamo guardando un amplificatore multicanale mentre a destra uno stereo. La sostanza è la stessa, e infatti le aree che ho evidenziato con colori diversi, di cui ora spiegherò il significato, sono parte integrante di entrambe le soluzioni. Le parti segnate in giallo, distinguibili anche per la caratterisitica forma a "pettine", sono le sezioni di amplificazione vere e proprie, quelle che si occupano di trattare il segnale. Le zone verdi individuano nel complesso tutti i circuiti del sistema, che accolgono e distribuiscono il segnale amplificato gestendo tutti gli ingressi e le uscite audio e video (queste ultime solo in un amplificatore multicanale, naturalmente) a cui sono collegati. Infine le zone cerchiate di rosso rappresentano una parte molto importante di questa elettronica: il trasformatore, dalla cui qualità dipende il maggiore o minor grado di resistenza allo "stress da utilizzo" del nostro apparecchio. In particolare possiamo notare come nei due casi questo componente risulti diverso: a sinistra è una sorta di cubo mentre a destra un cilindro bucato in centro. Il primo è un classico trasformatore a lamelle, la soluzione più impiegata in sistemi di fascia bassa, medio/bassa, media e spesso anche medio/alta. Il secondo è un trasformatore toroidale, caratterizzato da un'efficienza ed un'affidiabilità superiori, montato abitualmente in sistemi di fascia alta e High-end.
    Dalle due immagini è evidente come lo stereo risulti più vuoto e scarno rispetto al multicanale, qualcuno potrebbe essere portato a pensare che questo derivi solo dal minor numero di canali gestiti. In realtà questo aspetto della questione incide solo marginalmente sulla struttura interna di elettroniche di questo tipo, il vero dato che si può ricavare guardando "sotto la pelle" di un amplificatore riguarda la qualità della macchina almeno dal punto di vista strutturale, costruttivo e di componentistica impiegata (per la qualità di riproduzione non si può chiaramente prescindere da un ascolto). Non a caso nell'immagine di destra ci troviamo di fronte ad una macchina di fascia bassa, vediamo un'immagine di un prodotto simile ma di fascia ben più elevata:


    L'immagine è cliccabile.

    Si può notare da subito una maggiore qualità che si traduce in un senso di solidità e affidabilità generale. Il discorso però va bene solo se non spinto fino alle sue estreme conseguenze: una buona qualità costruttiva è un punto a favore per un possibile acquisto, ma non si traduce automaticamente in una resa sonora di riferimento. Allo stesso modo alcune case, anche blasonate, che trascurano un po' l'ordine in favore di buoni componenti e grande interazione tra gli stessi non devono essere trascurate per il solo motivo di non creare macchine belle da vedere una volta tolto il coperchio. Del resto sarebbe fatto per rimanere chiuso, anche per ovvi motivi di garanzia. Oltretutto, per rendere molti apparecchi, ottimi sul piano della resa sonora, accessibili al maggior numero di utenti, si cerca pur sempre di abbattere i costi di produzione.

    Visto l'interno l'attenzione si può ora spostare sul lato più "caldo" dell'amplificatore, e ovviamente mi riferisco a quello posteriore. La cosa migliore da fare è aiutarci da subito con un'immagine:


    L'immagine è cliccabile.

    Quello che vedete è il retro di un amplificatore multicanale, sembra molto confuso e caotico ma in realtà segue uno schema preciso che, salvo modifiche riguardanti la posizione dei connettori, si ripete sonstanzialmente invariato per ogni marca e modello. Cominciamo dalle cose semplici: in basso a destra, segnato in azzurro, vediamo il connettore femmina per il cavo di alimentazione. Questo modello, di fascia media, adotta la soluzione a cavo estraibile, altri, di fascia più bassa, non permettono lo scollegamento dal lato dell'amplificatore, con i dovuti disagi in caso di necessaria sostituzione del solo cavo di alimentazione. In alto a sinistra invece, segnati in viola, si trovano i due ingressi per le antenne radio rispettivamente FM e AM, solitamente in dotazione con il sintoamplificatore. Altra sezione abbastanza intuitiva è quella evidenziata in rosso e posizionata in basso: si tratta della zona dedicata al collegamento dei vari diffusori, indicati a coppie (ad eccezione del singolo canale centrale) e con la dicitura "left" e "right" da valutare rispetto alla nostra posizione nel momento in cui guardiamo lo schermo di proiezione. Come detto in precedenza non tutti i connettori devono essere occupati perché l'amplificatore faccia il suo dovere, quelli davvero indispensabili sono i due frontali, gli altri possono essere aggiunti anche col tempo e temporaneamente esclusi attraverso una selezione da menù (se mancano i soli surround) o l'impostazione della modalità stereo (se dovesse mancare anche il canale centrale). Ricordate di fare attenzione affinché la polarità con cui collegate i cavi dal sinto ai diffusori venga rispettata (nero con nero e bianco, rosso o colorato con rosso), in caso contrario è probabile che il primo entri in modalità di protezione se sottoposto a stress eccessivo. In ogni caso la dinamica dell'audio sarà pessima quindi l'errore dovrebbe essere percepibile anche ad orecchio.
    Spostiamo ora lo sguardo sulla zona delle uscite pre (PRE OUT) segnate in arancione. Possiamo subito notare che ognuna delle otto uscite è indicata col nome di uno dei diffuori eventualmente in nostro possesso: la particolarità di queste uscite consiste nel permettere di collegare degli amplificatori separati (cc.dd. finali), facendo funzionare il nostro sinto solo per la parte di gestione e smistamento dei vari segnali, escludendo le funzionalità di pura amplificazione dei diffusori. Il nostro sintoamplificatore si trasforma quindi in un (sinto)preamplificatore, che dovrà essere completato da un finale o addirittura più finali a seconda di quanti se ne vogliano usare. Chiaramente i diffusori andranno collegati ai morsetti dei finali e non più a quelli del sinto di cui abbiamo appena parlato. In uno scenario, non molto plausibile in impianti ordinari, si potrebbe arrivare ad avere otto finali monofonici ciascuno predisposto a pilotare un solo diffusore. Se vi state chiedendo quale sia l'utilità di tutto questo la risposta è in sostanza un variabile incremento della qualità audio, a fronte però di spese significativamente superiori. La scelta di utilizzare queste uscite è del tutto opzionale, addirittura molti modelli di fascia medio-bassa ne sono sprovvisti, con la sola eccezione dell'uscita pre subwoofer. Il sub infatti sarà (in pratica) sempre attivo, dotato cioè di un proprio amplificatore integrato. In questo caso quindi con il nostro cavo di segnale collegheremo l'uscita pre del sinto all'ingresso apposito sul pannello di collegamento del subwoofer che verrà poi gestito dal primo.


    Un amplificatore finale multicanale (non ha tasti oltre a quello di accensione, come vedete) e un cavo di segnale con cui effettuare il collegamento alle uscite pre del sintoamplificatore.

    Tornando al nostro pannello posteriore è necessario trattare congiuntamente due ampi settori, posizionati sulla parte alta dell'immagine, in quanto funzionalmente collegati tra loro. Le aree contrassegnate in verde e in bianco, infatti, individuano rispettivamente gli ingressi sul versante audio e quelli sul versante video. In parole povere se volessimo collegare un lettore DVD con il classico cavo RCA giallo, bianco e rosso dovremmo comportarci in questo modo: i due cavi audio (bianco e rosso, indice di un segnale stereo) andranno collegati all'ingresso DVD del settore verde, mentra il cavo che veicola il video (giallo) andrà collegato all'ingresso DVD del settore bianco. Dopodiché, per il solo lato video, dovremo premurarci di tracciare un cavo di segnale dall'uscita MONITOR, sempre gialla in questo caso, fino ad uno degli ingressi del nostro televisore, che su un solo canale sarà così in grado di visualizzare più sorgenti a seconda di quale andremo a selezionare con il telecomando del sintoamplificatore. È facile individuare il tutto grazie al classico schema di colori e alle etichettature stampate sul pannello posteriore; a proposito di queste ultime è inutile dire che servono solo per individuare correttamente la combinazione di ingressi da utilizzare, ma nulla vieterebbe di collegare il lettore DVD agli ingressi TV. L'importante è che la stessa sorgente venga collegata agli ingressi contrassegnati dallo stesso nome, altrimenti una volta selezionata la sorgente dal telecomando (ad esempio DVD) il rischio sarebbe quello di sentire solo l'audio senza vedere il video o viceversa. Nulla vieta comunque di collegare il video direttamente al televisore e il solo audio all'amplificatore (i tanti ingressi video sono più che altro comodi per gestire tante sorgenti avendo a disposizione un televisore con pochi ingressi); in questo caso da televisore selezioneremo il canale desiderato e la selezione col telecomando del sinto servirà solo a sincronizzare l'audio. Identico discorso vale anche per gli ingressi e le uscite S-Video e Component che si differenziano solo per il tipo di cavo video rispetto al classico cavo RCA giallo.
    Discorso diverso meritano gli ingressi digitali all'estrema destra del settore verde. A differenza degli ingressi RCA bianchi e rossi, capaci di veicolare solo audio in stereo, questi (ottico o coassiale che sia) possono portare anche all'ascolto di tracce multicanale (non in alta definizione, però) con un solo semplice cavo da collegare sempre tra la nostra sorgente (es. lettore DVD) e uno dei nostri ingressi digitali. Altro modo per ricevere tracce multicanale, anche in alta definizione questa volta (senza però la comodità dell'HDMI), consiste nell'ormai sempre più rara soluzione posta all'estrema sinistra del settore verde, denominata 7.1CH INPUT; questa marea di ingressi analogici dev'essere collegata cavo per cavo (fino a otto cavi RCA!) alle uscite, se esistenti, poste su una delle nostre sorgenti. Soluzione molto scomoda ma indispensabile per chi non voglia perdere la possibilità di godere delle tracce audio in alta definizione pur non disponendo di un amplificatore dotato di ingressi e uscite HDMI.

    E proprio la sezione HDMI è l'ultima rimasta da esaminare, circondata da un riquadro rosa. Come forse già saprete la peculiarità di questa connessione digitale è quella di essere in grado di veicolare audio e video contemporaneamente con un solo cavo, rendendo quasi inutili tutti i discorsi fatti nelle ultime righe. Condizione per usufruirne è ovviamente la disponibilità di una sorgente e di un televisore dotati rispettivamente di almeno un'uscita e un ingresso HDMI. Per il resto il funzionamento è molto semplice: dalla sorgente si collega il cavo ad un ingresso del sinto e dall'uscita di questo (raramente ce ne sono due, se sono di fascia medio-alta) un altro cavo diretto all'ingresso del televisore. Fatto questo sarà solo questione di sintonizzarsi sulla sorgente collegata, sia esse un lettore DVD, Blu-ray o una console, con la comodità di avere tre sorgenti collegate al televisore attraverso un solo cavo HDMI. Alcuni amplificatori sono dotati di funzione pass-through, quindi lasciano passare il segnale anche da spenti permettendo di usare le sorgenti anche con il solo televisore in funzione, altri invece non permettono di farlo e necessitano di essere accesi. Altra annotazione importante riguarda il tipo di connessione HDMI: alcuni sinto (di fascia bassa, essenzialmente) hanno la funzione di HDMI switcher (normalmente si parla invece di HDMI repeater), utile solo per collegare più sorgenti ma non in grado di veicolare l'audio. Fate attenzione a questa cosa in fase di acquisto di prodotti a prezzi sospetti, perché il rischio è quello di dover provvedere ad una connessione audio separata con uno dei metodi visti nel paragrafo precedente (analogica o digitale).

    Finita questa lunga analisi del pannello posteriore di un sintoamplificatore multicanale (visto dalla giusta prospettiva quello che può sembrare un gran disordine ha in realtà uno schema ben preciso) quello che resta da fare è dare un'occhiata anche al retro di "uno stereo". Sarà una cosa rapida, soprattutto perché dopo aver conosciuto il suo cugino più complicato abbiamo già familiarità con le varie funzioni.


    L'immagine è cliccabile.

    Da destra verso sinistra possiamo vedere:
    - un pulsante generale di accensione e spegnimento;
    - il connettore del cavo di alimentazione;
    - i morsetti per i diffusori destro e sinistro;
    - le uscite pre a cui collegare opzionalmente degli amplificatori finali;
    - sei ingressi per altrettante sorgenti (lettore CD, MC, sintonizzatore radio, etc.) di cui l'ultima dedicata ad un giradischi;

    Non tutti gli amplificatori stereo sono dotati di ingresso PHONO per il collegamento di un giradischi; quelli che ne sono sprovvisti necessitano di un ulteriore "scatolotto", il PRE PHONO, che funge da ponte di collegamento tra il giradischi stesso e uno degli ingressi stereo di cui si dispone. Di questo apparecchio ne esistono parecchi modelli, di ogni marca e fascia di prezzo, dalle decine di euro alle migliaia (!). Come al solito è questione di compromessi, occhio alle recensioni, soprattutto sotto la voce qualità/prezzo, e questo è un discorso che vale per questo come in tutti gli altri componenti di un impianto che abbiamo visto fino ad ora. Recensioni, forum specializzati, consigli di utenti e ascolti con le proprie orecchie sono le armi di cui si dispone per spendere al meglio i propri soldi, evitando di buttarli.


    Ultima modifica di charlesjudges; 08-07-11 alle 10:04:17


    "In brightest day, in blackest night, no evil shall escape my sight
    Let those who worship evil's might, beware my power... Green Lantern's light!"

  2. #2
    Unità Onesti L'avatar di Torre
    Data Registrazione
    02-Feb-2009
    Località
    Novara
    Messaggi
    600
    ID PSN
    Torre91
    Steam
    T0rre
    Profilo Mercatino
    visualizza
    Profilo sul Sito
    visualizza
    ID utente
    56888
    Gamer IDs

    PSN ID: Torre91 XFIRE ID: xtorrex Steam ID: T0rre

    Predefinito

    che super guida....io mi leggo ogni mese af digitale per le ultime novità..

  3. #3
    L'avatar di charlesjudges
    Data Registrazione
    11-May-2006
    Località
    Bergamo/Pavia
    Messaggi
    14,000
    Xbox Live
    charlesjudges
    Profilo Mercatino
    visualizza
    Profilo sul Sito
    visualizza
    ID utente
    24134
    Gamer IDs

    Gamertag: charlesjudges

    Predefinito

    Grazie. Sì, è una buona rivista e ne ho parecchi numeri anche se ora non la prendo più per questioni di spazio (); interessante perché cercano di trattare anche materiale dai prezzi più abbordabili senza ridursi ad essere una rivista Hi-end come succede spesso ad Audioreview (per dirne una: ricordo quando recensirono un pre phono da quattromila euro ). Tutto sommato ho sempre amato informarmi anche attraverso vari forum perché trovo che, soprattutto in questo campo, il feedback degli utenti, oltra alle varie recensioni (e soprattutto al proprio orecchio), sia molto utile.


    Ultima modifica di charlesjudges; 27-06-11 alle 15:40:34


    "In brightest day, in blackest night, no evil shall escape my sight
    Let those who worship evil's might, beware my power... Green Lantern's light!"

  4. #4
    Unità Onesti L'avatar di Torre
    Data Registrazione
    02-Feb-2009
    Località
    Novara
    Messaggi
    600
    ID PSN
    Torre91
    Steam
    T0rre
    Profilo Mercatino
    visualizza
    Profilo sul Sito
    visualizza
    ID utente
    56888
    Gamer IDs

    PSN ID: Torre91 XFIRE ID: xtorrex Steam ID: T0rre

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da 21st century schizoid man Visualizza Messaggio
    Grazie. Sì, è una buona rivista e ne ho parecchi numeri anche se ora non la prendo più per questioni di spazio (); interessante perché cercano di trattare anche materiale dai prezzi più abbordabili senza ridursi ad essere una rivista Hi-end come succede spesso ad Audioreview (per dirne una: ricordo quando recensirono un pre phono da quattromila euro ). Tutto sommato ho sempre amato informarmi anche attraverso vari forum perché trovo che, soprattutto in questo campo, il feedback degli utenti, oltra alle varie recensioni (e soprattutto al proprio orecchio), sia molto utile.
    hai assolutamente ragione...le recensioni lasciano il tempo che trovano...si limitano a giudicare la qualità dei componenti..stessa cosa anche per le tv imho

  5. #5
    Divinità L'avatar di Sino
    Data Registrazione
    09-Dec-2005
    Località
    Svizzera
    Messaggi
    14,985
    Xbox Live
    Sino384
    Profilo Mercatino
    visualizza
    Profilo sul Sito
    visualizza
    ID utente
    19939
    Gamer IDs

    Gamertag: Sino384

    Predefinito

    Bellissima guida, compliments!



  6. #6
    Master of forum L'avatar di Lele15120
    Data Registrazione
    07-Mar-2010
    Messaggi
    4,489
    ID PSN
    Lele15120
    3DS
    3523-3150-7977
    Profilo Mercatino
    visualizza
    Profilo sul Sito
    visualizza
    ID utente
    78643
    Gamer IDs

    PSN ID: Lele15120

    Predefinito

    Soltanto tre parole: sei un grande!

    Ottima guida, complimenti


    Playing:Fire Emblem: Awakening | Bravely Default
    Donkey Kong Country Returns 3D
    Picross 3D | Gravity Rush
    In lettura:1Q84 - H. Murakami

  7. #7
    L'avatar di charlesjudges
    Data Registrazione
    11-May-2006
    Località
    Bergamo/Pavia
    Messaggi
    14,000
    Xbox Live
    charlesjudges
    Profilo Mercatino
    visualizza
    Profilo sul Sito
    visualizza
    ID utente
    24134
    Gamer IDs

    Gamertag: charlesjudges

    Predefinito

    Ringrazio tutti per i graditissimi complimenti. Per ogni dubbio generico sui temi trattati non esitate a fare domande, se invece foste interessati a comporre una vostra catena di riproduzione audio vi invito ad aprire un topic personale in cui potremo dedicarci esclusivamente ad ognuno di voi e alle vostre esigenze.


    Ultima modifica di charlesjudges; 28-06-11 alle 11:01:01


    "In brightest day, in blackest night, no evil shall escape my sight
    Let those who worship evil's might, beware my power... Green Lantern's light!"

  8. #8
    Esperto L'avatar di Vincent92
    Data Registrazione
    14-May-2009
    Località
    Portici (NA)
    Messaggi
    845
    Xbox Live
    TN3 PrOVincent
    Steam
    Vincent92
    Profilo Mercatino
    visualizza
    Profilo sul Sito
    visualizza
    ID utente
    60444
    Gamer IDs

    Gamertag: TN3 PrOVincent Steam ID: Vincent92

    Predefinito

    Ragazzi io avrei da chiedervi una cosa, vorrei sapere se con un impianto stero della piooner 5:1, riesco a sentire i passi dei soldati in un call of duty, se lo attacco alla xbox attraverso il semplice cavo bianco e rosso come succede con le cuffie 5:1 della tritton ad esempio... Spero che sia la sezione giusta e che mi rispondiate al piu presto



  9. #9
    L'avatar di charlesjudges
    Data Registrazione
    11-May-2006
    Località
    Bergamo/Pavia
    Messaggi
    14,000
    Xbox Live
    charlesjudges
    Profilo Mercatino
    visualizza
    Profilo sul Sito
    visualizza
    ID utente
    24134
    Gamer IDs

    Gamertag: charlesjudges

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Vincent92 Visualizza Messaggio
    Ragazzi io avrei da chiedervi una cosa, vorrei sapere se con un impianto stero della piooner 5:1, riesco a sentire i passi dei soldati in un call of duty, se lo attacco alla xbox attraverso il semplice cavo bianco e rosso come succede con le cuffie 5:1 della tritton ad esempio... Spero che sia la sezione giusta e che mi rispondiate al piu presto
    Riesci a scrivermi il modello del tuo Pioneer, così guardo un po' le sue funzioni e ti rispondo con cognizione. Probabilmente quando dici "sentire i passi" ti riferisci alla possibilità di sentirli alle tue spalle, perché i passi di per sé li sentiresti anche con i diffusori integrati del televisore, peggio che con un impianto audio ovviamente: fanno parte della traccia sonora del resto. Il collegamento col cavo RCA (bianco e rosso) può essere processato e trasformato in un segnale 5.1 grazie alle opportune codifiche che ricostruiscono la scena sonora multicanale partendo da un segnale stereo (per es. il processore Dolby Pro Logic II, quando riceve audio a due canali, crea anche quello degli altri tre più il sub); il problema è che il tuo Pioneer dev'essere dotato di questa codifica. Oppure può essere la sorgente audio ad essere codificata direttamente in questo modo effettuando la creazione dei canali "virtuali" alla fonte (come avviene per alcuni giochi Wii, sempre con Dolby Pro Logic II). In ogni caso sono praticamente certo che il tuo impianto disponga di ingressi ottici che ti consentirebbero di sfruttare una traccia multicanale nativa collegando l'Xbox al Pioneer con un cavo TOSLINK. Attendo notizie più approfondite sul tuo sistema per poterti indicare con maggior precisione la strada più conveniente.


    Ultima modifica di charlesjudges; 02-07-11 alle 07:40:05


    "In brightest day, in blackest night, no evil shall escape my sight
    Let those who worship evil's might, beware my power... Green Lantern's light!"

  10. #10
    Esperto L'avatar di Vincent92
    Data Registrazione
    14-May-2009
    Località
    Portici (NA)
    Messaggi
    845
    Xbox Live
    TN3 PrOVincent
    Steam
    Vincent92
    Profilo Mercatino
    visualizza
    Profilo sul Sito
    visualizza
    ID utente
    60444
    Gamer IDs

    Gamertag: TN3 PrOVincent Steam ID: Vincent92

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da 21st century schizoid man Visualizza Messaggio
    Riesci a scrivermi il modello del tuo Pioneer, così guardo un po' le sue funzioni e ti rispondo con cognizione. Probabilmente quando dici "sentire i passi" ti riferisci alla possibilità di sentirli alle tue spalle, perché i passi di per sé li sentiresti anche con i diffusori integrati del televisore, peggio che con un impianto audio ovviamente: fanno parte della traccia sonora del resto. Il collegamento col cavo RCA (bianco e rosso) può essere processato e trasformato in un segnale 5.1 grazie alle opportune codifiche che ricostruiscono la scena sonora multicanale partendo da un segnale stereo (per es. il processore Dolby Pro Logic II, quando riceve audio a due canali, crea anche quello degli altri tre più il sub); il problema è che il tuo Pioneer dev'essere dotato di questa codifica. Oppure può essere la sorgente audio ad essere codificata direttamente in questo modo effettuando la creazione dei canali "virtuali" alla fonte (come avviene per alcuni giochi Wii, sempre con Dolby Pro Logic II). In ogni caso sono praticamente certo che il tuo impianto disponga di ingressi ottici che ti consentirebbero di sfruttare una traccia multicanale nativa collegando l'Xbox al Pioneer con un cavo TOSLINK. Attendo notizie più approfondite sul tuo sistema per poterti indicare con maggior precisione la strada più conveniente.
    Purtroppo non ho ora ne la possibilita di farti una foto, e ne riesco a ricordarmi il modello.Pero ti posso garantire che non ha l' entrata ottica visto che e abbastanza vecchio...



  11. #11
    Professionisba L'avatar di Jigsaw
    Data Registrazione
    02-Jan-2006
    Messaggi
    761
    Profilo Mercatino
    visualizza
    Profilo sul Sito
    visualizza
    ID utente
    20730

    Predefinito

    e le valvole? D:
    cmq bella guida! volevo chiderti una curioisità riguardante le potenze e i volumi, se io prendo un impianto di una certa potenza, esempio 400 watt, e poi in casa lo uso ad un volume che non arriva neanche a metà o un quarto della potenza finale, ha senso ricorrere ad impianti potentissimi? non sarebbe meglio avere impianti magari più contenuti tipo intorno agli 80watt? non si sfrutta meglio la dinamica?



  12. #12
    L'avatar di charlesjudges
    Data Registrazione
    11-May-2006
    Località
    Bergamo/Pavia
    Messaggi
    14,000
    Xbox Live
    charlesjudges
    Profilo Mercatino
    visualizza
    Profilo sul Sito
    visualizza
    ID utente
    24134
    Gamer IDs

    Gamertag: charlesjudges

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Jigsaw Visualizza Messaggio
    e le valvole? D:
    cmq bella guida! volevo chiderti una curioisità riguardante le potenze e i volumi, se io prendo un impianto di una certa potenza, esempio 400 watt, e poi in casa lo uso ad un volume che non arriva neanche a metà o un quarto della potenza finale, ha senso ricorrere ad impianti potentissimi? non sarebbe meglio avere impianti magari più contenuti tipo intorno agli 80watt? non si sfrutta meglio la dinamica?
    Adoro il suono delle valvole, ma sostanzialmente è un tipo di amplificazione usata da chi non ha bisogno di una guida (), oltre ad essere tendenzialmente più costose e pressoché inesistenti nel mercato mid-entry level. Ho pensato che una pretesa di esaustività in un campo così sconfinato come quello della riproduzione audio sarebbe stata addirittura presuntuosa da parte mia.

    Per quanto riguarda la potenza non mi sembra il caso di aggiungere parole a quanto detto dal prode AudioSculpt nel bel topic da lui curato:

    http://forum.spaziogames.it/board/sh...d.php?t=301272

    Ti basti sapere che 80W RMS è una potenza intollerabile in ambito domestico, io stesso, per non far venire mia madre e un'orda di vicini a lamentarsi, in camera mi aggiro su potenze che non raggiungono il watt. Bisogna poi tener conto che accanto alla potenza numerica un dato forse più significativo è quello della qualità di questa potenza. E qui le valvole mi vengono in soccorso, dato che proprio loro offrono un suono così bello e caldo (se di buona qualità a loro volta, ça va sans dire) pur fermandosi a potenze che spesso non raggiungono i 20W se spinte al massimo. Inutile dire che bastino e avanzino.


    Ultima modifica di charlesjudges; 02-07-11 alle 08:30:20


    "In brightest day, in blackest night, no evil shall escape my sight
    Let those who worship evil's might, beware my power... Green Lantern's light!"

  13. #13
    Professionisba L'avatar di Jigsaw
    Data Registrazione
    02-Jan-2006
    Messaggi
    761
    Profilo Mercatino
    visualizza
    Profilo sul Sito
    visualizza
    ID utente
    20730

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da 21st century schizoid man Visualizza Messaggio
    Adoro il suono delle valvole, ma sostanzialmente è un tipo di amplificazione usata da chi non ha bisogno di una guida (), oltre ad essere tendenzialmente più costose e pressoché inesistenti nel mercato mid-entry level. Ho pensato che una pretesa di esaustività in un campo così sconfinato come quello della riproduzione audio sarebbe stata addirittura presuntuosa da parte mia.

    Per quanto riguarda la potenza non mi sembra il caso di aggiungere parole a quanto detto dal prode AudioSculpt nel bel topic da lui curato:

    http://forum.spaziogames.it/board/sh...d.php?t=301272

    Ti basti sapere che 80W RMS è una potenza intollerabile in ambito domestico, io stesso, per non far venire mia madre e un'orda di vicini a lamentarsi, in camera mi aggiro su potenze che non raggiungono il watt. Bisogna poi tener conto che accanto alla potenza numerica un dato forse più significativo è quello della qualità di questa potenza. E qui le valvole mi vengono in soccorso, dato che proprio loro offrono un suono così bello e caldo (se di buona qualità a loro volta, ça va sans dire) pur fermandosi a potenze che spesso non raggiungono i 20W se spinte al massimo. Inutile dire che bastino e avanzino.
    eh infatti! facendo un banale paragone fra casse merdose per pc, io avevo un 5.1 60watt, finalmente ho preso delle 2.1 20 watt e sono strafelice!!
    mi è venuto in mente di costruire qualche kit di preamplificatore per cuffie valvolare, ma è difficile reperire a buon prezzo i trasformatori



  14. #14
    L'avatar di charlesjudges
    Data Registrazione
    11-May-2006
    Località
    Bergamo/Pavia
    Messaggi
    14,000
    Xbox Live
    charlesjudges
    Profilo Mercatino
    visualizza
    Profilo sul Sito
    visualizza
    ID utente
    24134
    Gamer IDs

    Gamertag: charlesjudges

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Vincent92 Visualizza Messaggio
    Purtroppo non ho ora ne la possibilita di farti una foto, e ne riesco a ricordarmi il modello.Pero ti posso garantire che non ha l' entrata ottica visto che e abbastanza vecchio...
    Dunque, se è così vecchio da non avere un ingresso ottico (strano) sicuramente non avrà il Dolby Pro Logic II, non ricordo se ci fossero particolari codifiche a cui affidare una funzione simile in un passato non troppo recente, dovresti controllare sul manuale di istruzioni o anche solo sul fronte in cui solitamente vengono indicate le codifiche disponibili. In ogni caso quello che potrai sempre fare sarà collegare il classico cavo RCA bianco/rosso e utilizzare i diffusori in configurazione stereo, magari con l'ausilio del subwoofer (che in Call of Duty fidati fa la sua sporca figura), per un significativo incremento qualitativo rispetto ai diffusori integrati del televisore.

    Edit: no, comunque scusa, ma se è un 5.1 e non ha ingressi ottici come veicoli di solito l'audio multicanale, in coassiale? Se e quando riesci cerca di dirmi il modello, così vediamo bene.

    Citazione Originariamente Scritto da Jigsaw Visualizza Messaggio
    eh infatti! facendo un banale paragone fra casse merdose per pc, io avevo un 5.1 60watt, finalmente ho preso delle 2.1 20 watt e sono strafelice!!
    mi è venuto in mente di costruire qualche kit di preamplificatore per cuffie valvolare, ma è difficile reperire a buon prezzo i trasformatori
    Ah, ti diletti anche con il DIY? Bello, è una cosa in cui non mi sono mai avventurato per mancanza di tempo, più che altro. Posso immaginare che alcuni componenti arrivino a costare parecchio, mi immagino poi uno importante come il trasformatore. Intorno a quanto li trovi?


    Ultima modifica di charlesjudges; 02-07-11 alle 13:14:55


    "In brightest day, in blackest night, no evil shall escape my sight
    Let those who worship evil's might, beware my power... Green Lantern's light!"

  15. #15
    Professionisba L'avatar di Jigsaw
    Data Registrazione
    02-Jan-2006
    Messaggi
    761
    Profilo Mercatino
    visualizza
    Profilo sul Sito
    visualizza
    ID utente
    20730

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da 21st century schizoid man Visualizza Messaggio
    Dunque, se è così vecchio da non avere un ingresso ottico (strano) sicuramente non avrà il Dolby Pro Logic II, non ricordo se ci fossero particolari codifiche a cui affidare una funzione simile in un passato non troppo recente, dovresti controllare sul manuale di istruzioni o anche solo sul fronte in cui solitamente vengono indicate le codifiche disponibili. In ogni caso quello che potrai sempre fare sarà collegare il classico cavo RCA bianco/rosso e utilizzare i diffusori in configurazione stereo, magari con l'ausilio del subwoofer (che in Call of Duty fidati fa la sua sporca figura), per un significativo incremento qualitativo rispetto ai diffusori integrati del televisore.

    Edit: no, comunque scusa, ma se è un 5.1 e non ha ingressi ottici come veicoli di solito l'audio multicanale, in coassiale? Se e quando riesci cerca di dirmi il modello, così vediamo bene.



    Ah, ti diletti anche con il DIY? Bello, è una cosa in cui non mi sono mai avventurato per mancanza di tempo, più che altro. Posso immaginare che alcuni componenti arrivino a costare parecchio, mi immagino poi uno importante come il trasformatore. Intorno a quanto li trovi?
    abbastanza euri, il fatto è che ci vuole quello con un uscita supplementare a 12o 6.3 volt per accendere i filamenti poi magari sei così sfigato che per il progetto il tizio ha usato un trasformatore recuperato da chissà dove e allora saresti costretto ad ordinare trasformatori fatti su misura... vedi che bel casino



  16. #16
    Esperto L'avatar di Vincent92
    Data Registrazione
    14-May-2009
    Località
    Portici (NA)
    Messaggi
    845
    Xbox Live
    TN3 PrOVincent
    Steam
    Vincent92
    Profilo Mercatino
    visualizza
    Profilo sul Sito
    visualizza
    ID utente
    60444
    Gamer IDs

    Gamertag: TN3 PrOVincent Steam ID: Vincent92

    Predefinito

    Un' altra domanda nabba...le uscite per i diffusori sono universali, nel senso posso usare diffusori vecchi con amplificatori attuali(magari che hanno anche l' uscita digitale)



  17. #17
    L'avatar di charlesjudges
    Data Registrazione
    11-May-2006
    Località
    Bergamo/Pavia
    Messaggi
    14,000
    Xbox Live
    charlesjudges
    Profilo Mercatino
    visualizza
    Profilo sul Sito
    visualizza
    ID utente
    24134
    Gamer IDs

    Gamertag: charlesjudges

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Vincent92 Visualizza Messaggio
    Un' altra domanda nabba...le uscite per i diffusori sono universali, nel senso posso usare diffusori vecchi con amplificatori attuali(magari che hanno anche l' uscita digitale)
    Vai tranquillo, i diffusori si collegano da sempre con i morsetti di cui parlo nel post di apertura (siano essi a molla o a vite), ho delle B&W DM2000 degli anni '80 perfettamente funzionanti anche con un amplificatore comprato poco più di due anni fa.




    "In brightest day, in blackest night, no evil shall escape my sight
    Let those who worship evil's might, beware my power... Green Lantern's light!"

  18. #18
    Esperto L'avatar di Vincent92
    Data Registrazione
    14-May-2009
    Località
    Portici (NA)
    Messaggi
    845
    Xbox Live
    TN3 PrOVincent
    Steam
    Vincent92
    Profilo Mercatino
    visualizza
    Profilo sul Sito
    visualizza
    ID utente
    60444
    Gamer IDs

    Gamertag: TN3 PrOVincent Steam ID: Vincent92

    Predefinito

    No sono delle entrate con un rivestimento di plastica esterno, che vanno inserite nelle "femmine" dello stesso colore...ed ognuno corriponde alla propria posizione di audio...



  19. #19
    L'avatar di charlesjudges
    Data Registrazione
    11-May-2006
    Località
    Bergamo/Pavia
    Messaggi
    14,000
    Xbox Live
    charlesjudges
    Profilo Mercatino
    visualizza
    Profilo sul Sito
    visualizza
    ID utente
    24134
    Gamer IDs

    Gamertag: charlesjudges

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Vincent92 Visualizza Messaggio
    No sono delle entrate con un rivestimento di plastica esterno, che vanno inserite nelle "femmine" dello stesso colore...ed ognuno corriponde alla propria posizione di audio...
    Simili a questo?





    "In brightest day, in blackest night, no evil shall escape my sight
    Let those who worship evil's might, beware my power... Green Lantern's light!"

  20. #20
    Esperto L'avatar di Vincent92
    Data Registrazione
    14-May-2009
    Località
    Portici (NA)
    Messaggi
    845
    Xbox Live
    TN3 PrOVincent
    Steam
    Vincent92
    Profilo Mercatino
    visualizza
    Profilo sul Sito
    visualizza
    ID utente
    60444
    Gamer IDs

    Gamertag: TN3 PrOVincent Steam ID: Vincent92

    Predefinito

    Ma Poiche a me hanno l' entrata colorata siamo sicuri che siano quelli i diffusori...?



  21. #21
    L'avatar di charlesjudges
    Data Registrazione
    11-May-2006
    Località
    Bergamo/Pavia
    Messaggi
    14,000
    Xbox Live
    charlesjudges
    Profilo Mercatino
    visualizza
    Profilo sul Sito
    visualizza
    ID utente
    24134
    Gamer IDs

    Gamertag: charlesjudges

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Vincent92 Visualizza Messaggio
    Ma Poiche a me hanno l' entrata colorata siamo sicuri che siano quelli i diffusori...?
    Prova a spiegarti meglio, cerca di dirmi marca e modello. Purtroppo senza questi dati è sempre difficile darti indicazioni precise. In ogni caso se per collegarli usi il classico cavo di rame spellato stai sicuro che vanno bene, nel caso in cui invece adottino una soluzione a jack tipo casse da PC invece no.


    Ultima modifica di charlesjudges; 02-07-11 alle 21:46:28


    "In brightest day, in blackest night, no evil shall escape my sight
    Let those who worship evil's might, beware my power... Green Lantern's light!"

  22. #22
    L'avatar di Fenomeno24
    Data Registrazione
    15-Oct-2009
    Messaggi
    11,202
    Steam
    Fenomeno24
    Profilo Mercatino
    visualizza
    Profilo sul Sito
    visualizza
    ID utente
    68216
    Gamer IDs

    Steam ID: Fenomeno24

    Predefinito

    Un aiuto,
    Un pò di tempo fa mi stavo interessando all'acqusto di un sistema 5.1, poi ho virato su un 2.1 per motivi di spazio.
    Ai tempi mi hanno consigliato l'accoppiata Onkyo 508 + tesi 260.
    E' ancora la migliore accoppiata?






  23. #23
    Esperto L'avatar di Vincent92
    Data Registrazione
    14-May-2009
    Località
    Portici (NA)
    Messaggi
    845
    Xbox Live
    TN3 PrOVincent
    Steam
    Vincent92
    Profilo Mercatino
    visualizza
    Profilo sul Sito
    visualizza
    ID utente
    60444
    Gamer IDs

    Gamertag: TN3 PrOVincent Steam ID: Vincent92

    Predefinito

    no, comunque ho trovato la foto del modello e proprio questo : http://www.google.it/imgres?imgurl=h...:429,r:8,s:310
    Tho ti metto pure le caratteristiche tecniche: http://www.pioneer.eu/it/products/ar...232/index.html


    Ultima modifica di Vincent92; 02-07-11 alle 22:04:40

  24. #24
    L'avatar di charlesjudges
    Data Registrazione
    11-May-2006
    Località
    Bergamo/Pavia
    Messaggi
    14,000
    Xbox Live
    charlesjudges
    Profilo Mercatino
    visualizza
    Profilo sul Sito
    visualizza
    ID utente
    24134
    Gamer IDs

    Gamertag: charlesjudges

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Fenomeno24 Visualizza Messaggio
    Un aiuto,
    Un pò di tempo fa mi stavo interessando all'acqusto di un sistema 5.1, poi ho virato su un 2.1 per motivi di spazio.
    Ai tempi mi hanno consigliato l'accoppiata Onkyo 508 + tesi 260.
    E' ancora la migliore accoppiata?
    Approvata, vai tranquillo, come qualità/prezzo ci sono pochi rivali. Però se nel poco spazio che hai riuscissi a mettere dei diffusori da pavimento prova a dare un'occhiata ad un paio di mitiche Tesi 504. Ah, siccome il centrale è tipicamente il canale meno ingombrante, a differenza dei due surround, mi sentirei di consigliarti una configurazione 3.1 con il centrale Tesi 704.

    Edit: per il sub avevi pensato a qualcosa della linea Basso, sempre di Indiana Line, o non hai ancora idee?

    Citazione Originariamente Scritto da Vincent92 Visualizza Messaggio
    no, comunque ho trovato la foto del modello e proprio questo : http://www.google.it/imgres?imgurl=h...:429,r:8,s:310
    Tho ti metto pure le caratteristiche tecniche: http://www.pioneer.eu/it/products/ar...232/index.html
    Dunque, non avevo capito fosse un all-in-one con anche il lettore ottico, anche se il dubbio mi era venuto quando mi hai detto che non c'erano ingressi ottici. Purtroppo i diffusori sono collegati con un attacco proprietario della Pioneer, quindi inutilizzabili con altri amplificatori. L'unica alternativa che ti rimane è il collegamento nell'ingresso RCA bianco/rosso, ma senza quella possibilità che accennavo di sfruttare algoritmi in grado di estendere il segnale da stereo a multicanale, se non ho letto male le specifiche.


    Ultima modifica di charlesjudges; 02-07-11 alle 23:47:23


    "In brightest day, in blackest night, no evil shall escape my sight
    Let those who worship evil's might, beware my power... Green Lantern's light!"

  25. #25
    L'avatar di Fenomeno24
    Data Registrazione
    15-Oct-2009
    Messaggi
    11,202
    Steam
    Fenomeno24
    Profilo Mercatino
    visualizza
    Profilo sul Sito
    visualizza
    ID utente
    68216
    Gamer IDs

    Steam ID: Fenomeno24

    Predefinito

    Con poco spazio intendo," Condominio ergo non potresti sfruttare al massimo impianti powa"

    Quindi 508+ tesi 260 va ancora bene, perchè ho visto che nel frattempo sono usciti onkyo 509 e delle casse laccate, indian line 242






Pagina 1 di 31 1234511 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. [Guida] Alta definizione e consigli sulla scelta della TV - MEGAGUIDA in prima pagina!
    Di Lukrash nel forum Audio, Video and Stuff
    Risposte: 1336
    Ultimo Messaggio: 30-08-14, 11:25:50
  2. [Ufficiale] Cuffie stereo e Hi-Fi - informazioni e consigli per gli acquisti - Guida in prima pagina
    Di OniXenon nel forum Audio, Video and Stuff
    Risposte: 1697
    Ultimo Messaggio: 19-08-14, 13:10:27
  3. [Vendo] [RM] Home Theatre 5.1 Majestic
    Di fabiomaxx nel forum MercaTech
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 24-02-14, 15:11:44
  4. My Tablet: ICS per tutte le tasche - tech
    Di Redazione nel forum Notizie e Video
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 19-04-12, 14:05:12

Segnalibri

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •