• Torneo Nostradamus - Sezione Sport - Clicca Qui per saperne di più!

Tenet | Regia di Christopher Nolan | Al cinema!

Iscritto dal
29 Lug 2011
Messaggi
15,542
Se però non c'è il

"fast travel", certe cose sono un po' forzate e tirate per i capelli.

Pattinson fa intendere che il protagonista gli ha fatto da mentore e che c'è stata una profonda amicizia tra i due. Questo vuol dire che Pattinson si è fatto anni ed anni in reverse solo per aiutare il suo amico nel passato? :asd:

Leggo la teoria che lui possa essere il figlio di Kat. Ma se così fosse vuol dire che circa a 20 anni è stato spedito in reverse, così da arrivare trentenne durante gli avvenimenti del film. Meh.

Anche nel finale il protagonista fa indente che quando Kat avrà bisogno del suo aiuto, anche per un piccolo sospetto, lui arriverà a soccorerla. Come se potesse muoversi liberamente nel tempo. Ma non è così.

 

balu85

Leggenda del popum
Iscritto dal
13 Nov 2011
Messaggi
4,759
Copio mio commento sotto video di Youtube di Laszlo

INTERPRETAZIONE POST FINALE SPOILER

Ciò che affascina di questo film è che alla fine ti dice che il Protagonista sta a metà e non ti spiega molte cose, facendoti elaborare congetture. Quando il Protagonista conoscerà Neil? Qual è la loro differenza di età? Chi è Neil? A questo proposito partendo dal quadrato, SATOR è il nome (vero nome di famiglia o nome scelto per sé dal miliardario venuto dalla città fantasma?)dell'antagonista, AREPO è un misterioso personaggio che innesca gli eventi che porteranno all'uccisione di SATOR (se non avesse venduto il quadro falso Kat non avrebbe ucciso SATOR), TENET è l'organizzazione che riesce a tenere le briglie del tempo, OPERA è il luogo dove il film comincia e il Protagonista diventa tale (nonché evento che avviene in contemporanea con il finale), ROTAS il luogo costruito da SATOR che custodisce i tornelli, vero fulcro del film, dove i protagonisti tornano in diversi "momenti" della loro storia. Ora io sono partito dal fascino per il termine AREPO a cui a mio parere nessuno ha dato la giusta importanza. Se SATOR è l'Antagonista e il Protagonista non ha nome, AREPO può essere lo pseudonimo che il Protagonista del futuro si darà per rendere chiara la strada a quello che dovrà compierla più avanti nella sua vita. Ripeto, l'importanza del venditore del quadro è centrale nel film. Oltretutto non esistendo i viaggi nel tempo (si vive solo all'indietro, quindi bisogna comunque aspettare che il tempo passi) non sappiamo quanto il Protagonista andrà avanti prima di tornare indietro con Neil per finire la loro parte nella storia, sarebbe affascinante scoprire che hanno passato anni insieme, loro due soli, a vivere al contrario e ad attendere il loro destino. Ultimo tassello: SATOR dice più volte che il figlio di Kat, Max, va a Pompei. Perché proprio Pompei? Lì c'è una delle famose iscrizioni del Quadrato di Sator. Vogliamo provare l'ultima supposizione? Max cresce e entra a far parte di TENET, poi torna nel passato insieme ad AREPO in un viaggio di almeno dieci anni (!) per salvarlo varie volte all'interno del film (all'Opera, nel finale, nello stesso momento!). Su internet si ipotizza infatti che Max sia MAX sia l'abbreviativo di MAXIMILIEN, che girato è NEILimixam. Spero che non vi abbia annoiato leggermi! :)

 

luciopieracci

Divinità
Iscritto dal
20 Nov 2003
Messaggi
10,907
da quel che leggo non è piaciuto praticamente a nessuno...peccato (io devo ancora vederlo)

 

Radoom91

 
Iscritto dal
9 Mag 2014
Messaggi
5,836
Il film più brutto di Nolan.
Servivano almeno altri 30m extra, troppo veloce, lasciato a se stesso.
Nessun personaggio mi ha colpito, cosa abbastanza grave.
Storia originale ma volutamente intricata per motivi di trama.

Ho staccato il cervello a metà e mi sono dedicato solo al film, trovandolo noioso.
Quindi l'ho riattaccato quando hanno iniziato a spolverare un po' di nozioni, l'unica cosa che ha colto il mio interesse in tutto il film.

 
Iscritto dal
29 Lug 2011
Messaggi
15,542
Rivisto oggi per la seconda volta.

Che dire ragazzi, questo è un film che va assolutamente visto due volte.

L'esperienza è totalmente diversa e si notano tantissimi dettagli che alla prima visione era impossibile cogliere.

E' come vedere un altro film, davvero. Se per la prima visione il ritmo era troppo serrato, per la seconda è favoloso perché non ha tempi morti e procedi spedito senza annoiarti.

Forse è questo il segreto del film,

come il tempo che scorre in due direzioni diverse per i protagonisti, anche lo spettatore ha bisogno di due "tempi" per godersi questa esperienza.
Se alla prima visione il film era da 4, alla seconda si ribalta e diventa 7.

 

Luca.Lampard.

Embrace your dreams
Iscritto dal
11 Set 2012
Messaggi
25,843
Rivisto oggi per la seconda volta.

Che dire ragazzi, questo è un film che va assolutamente visto due volte.

L'esperienza è totalmente diversa e si notano tantissimi dettagli che alla prima visione era impossibile cogliere.

E' come vedere un altro film, davvero. Se per la prima visione il ritmo era troppo serrato, per la seconda è favoloso perché non ha tempi morti e procedi spedito senza annoiarti.

Forse è questo il segreto del film,

come il tempo che scorre in due direzioni diverse per i protagonisti, anche lo spettatore ha bisogno di due "tempi" per godersi questa esperienza.
Se alla prima visione il film era da 4, alla seconda si ribalta e diventa 7.
Io non ho ancora avuto modo di rivederlo ma

Come i protagonisti ritornano indietro ripercorrendo momenti già vissuti, non vorrei che Nolan abbia impostato il film allo stesso modo. Ovvero lo spettatore che rivede nuovamente tutto quello che ha già vissuto e capisce meglio alcuni passaggi
 
Iscritto dal
27 Set 2009
Messaggi
3,803
Rivisto oggi per la seconda volta.

Che dire ragazzi, questo è un film che va assolutamente visto due volte.

L'esperienza è totalmente diversa e si notano tantissimi dettagli che alla prima visione era impossibile cogliere.

E' come vedere un altro film, davvero. Se per la prima visione il ritmo era troppo serrato, per la seconda è favoloso perché non ha tempi morti e procedi spedito senza annoiarti.

Forse è questo il segreto del film,

come il tempo che scorre in due direzioni diverse per i protagonisti, anche lo spettatore ha bisogno di due "tempi" per godersi questa esperienza.
Se alla prima visione il film era da 4, alla seconda si ribalta e diventa 7.
Sono d'accordissimo, per me è stato lo stesso. Ma a differenza tua mi era piaciuto anche prima. Quando lo riguardi va tutto al suo posto.  :asd:

 
Iscritto dal
29 Lug 2011
Messaggi
15,542
Io non ho ancora avuto modo di rivederlo ma

Come i protagonisti ritornano indietro ripercorrendo momenti già vissuti, non vorrei che Nolan abbia impostato il film allo stesso modo. Ovvero lo spettatore che rivede nuovamente tutto quello che ha già vissuto e capisce meglio alcuni passaggi
Sì l'ha impostato proprio così.

Come il protagonista torna indietro e ripercorre il film, anche lo spettatore deve fare lo stesso riguardandolo.

Alla seconda visione lo spettatore diventa il protagonista stesso, non ha quindi bisogno di spiegazioni perché ha già avuto tempo di digerire tutte quelle nozioni. Si procede spediti dritti alla meta.
Come film secondo me fallisce perché una pellicola imho deve essere godibile anche alla prima. Però come "esperimento" di Nolan è riuscito alla grande.

 

Luca.Lampard.

Embrace your dreams
Iscritto dal
11 Set 2012
Messaggi
25,843
Sì l'ha impostato proprio così.

Come il protagonista torna indietro e ripercorre il film, anche lo spettatore deve fare lo stesso riguardandolo.

Alla seconda visione lo spettatore diventa il protagonista stesso, non ha quindi bisogno di spiegazioni perché ha già avuto tempo di digerire tutte quelle nozioni. Si procede spediti dritti alla meta.
Come film secondo me fallisce perché una pellicola imho deve essere godibile anche alla prima. Però come "esperimento" di Nolan è riuscito alla grande.
Adesso capite perché io quell'uomo me lo scoperei ogni giorno tanto che lo amo?

Penso che quando uscirà il 4K me lo rivedrò almeno altre 3-4 volte :sard:

 

Y2Valian

Cheese
Iscritto dal
21 Feb 2012
Messaggi
8,184
Valian
PrinceValian
Chi se lo ricorda
Breve commento

Più aerei che distruggono gate e meno Katherine.

 

luciopieracci

Divinità
Iscritto dal
20 Nov 2003
Messaggi
10,907

respawin

Legend of forum
Iscritto dal
4 Giu 2009
Messaggi
1,899
Visto anche io, alla fine e' un 007 molto piu incasinato, il film alla fine scorre bene e tutto sommato due ore  e mezza volano tranquillamente, anche se molti colpi di scena si erano capiti per lo meno sia io che la mia ragazza li avevamo capiti, alcune trovate sono geniali,  altre sinceramente molto tirate per i capelli  come la frase finale di Pattinson  che sinceramente a mio modo di vedere rompe l'impalcatura logica materiale del film. 
 

Per me rimane un film d'azione molto godibile ma finisce li 

Anche perche tutta la questione del quadrato di Sator che e' la struttura fondamentale del film che poi porta appunto a determinate risolviti di trama tirati per i capelli alla fine non mi porta a nulla.


Ps. Musiche stupende.

 
Ultima modifica da un moderatore:

Luca.Lampard.

Embrace your dreams
Iscritto dal
11 Set 2012
Messaggi
25,843
Visto anche io, alla fine e' un 007 molto piu incasinato, il film alla fine scorre bene e tutto sommato due ore  e mezza volano tranquillamente, anche se molti colpi di scena si erano capiti per lo meno sia io che la mia ragazza li avevamo capiti, alcune trovate sono geniali,  altre sinceramente molto tirate per i capelli  come la frase finale di Pattinson  che sinceramente a mio modo di vedere rompe l'impalcatura logica materiale del film. 
 

Per me rimane un film d'azione molto godibile ma finisce li 

Anche perche tutta la questione del quadrato di Sator che e' la struttura fondamentale del film che poi porta appunto a determinate risolviti di trama tirati per i capelli alla fine non mi porta a nulla.


Ps. Musiche stupende.
Che era poi l'intento di Nolan.

Adesso però dategli davvero 007 :bruniii:  

 

Domino Hurley

Divinità
Iscritto dal
26 Nov 2010
Messaggi
13,760
InfinitusVoyd
Visto.

Mi ha fatto abbastanza schifo, ci ho capito poco o niente. Personaggi piatti, pretesti già visti.

Non parlo della trama perché boh, la sagra del rush e del casino.

Per non parlare degli odiosi dialoghi in cui un personaggio continuava il discorso dell'altro neanche fossero telepatici.

Nolan...come tutto a questo mondo ci vuole la giusta dose per ogni cosa, eccedere è sempre male.

 
Iscritto dal
26 Nov 2006
Messaggi
7,857
L'altro giorno ho rivisto The Prestige con la mia ragazza, lei non l'aveva mai visto quindi immaginate, e niente, per quanto abbia apprezzato Tenet siamo proprio su altri livelli.

Tra l'altro non capisco perché non approfondire una cosa potenzialmente f.iga come

il fatto che nel mondo al contrario, sono alla rovescia anche le reazioni chimiche, quindi quando una macchina esplode invece di essere circondata da fiamme, si congela. E stop, una cosa simile non viene più ripresa, nemmeno nel conflitto finale che si rivela essere una semplice sparatoria.

 
Iscritto dal
17 Feb 2010
Messaggi
12,531
L'altro giorno ho rivisto The Prestige con la mia ragazza, lei non l'aveva mai visto quindi immaginate, e niente, per quanto abbia apprezzato Tenet siamo proprio su altri livelli.

Tra l'altro non capisco perché non approfondire una cosa potenzialmente f.iga come

il fatto che nel mondo al contrario, sono alla rovescia anche le reazioni chimiche, quindi quando una macchina esplode invece di essere circondata da fiamme, si congela. E stop, una cosa simile non viene più ripresa, nemmeno nel conflitto finale che si rivela essere una semplice sparatoria.
In una reazione chimica ad entropia invertita quando una macchina esplode dalle cenere e dalle fiamme si rigenererebbe una macchina, che è più o meno quello che vediamo nel film. Il congelamento non ha senso.

 

The_BACH

Andrea Zeppeli
Iscritto dal
5 Giu 2008
Messaggi
7,692
The BACH
The_BACH
The BACH
Tornato adesso da un cinema DESERTO :asd:
Senza mezze parole, questo e il miglior film di Nolan dopo Memento. Peccato che non si sia spinto oltre ed abbia fatto una narrazione a ciclo chiuso, avrei voluto una connessione completa ma l'intuizione finale é stupenda.
Guardatelo, dategli un opportunitá, é la sua pellicola piú complessa perché non prende lo spettatore per mano, tanto che nelle battute finali uno dei personaggi dice chiaramente al protagonista "Se pensi ancora in modo lineare non ho altro da dirti, o ci stai o no" (o una roba simile) a chiarire che ormai i giochi sono fatti.
In una reazione chimica ad entropia invertita quando una macchina esplode dalle cenere e dalle fiamme si rigenererebbe una macchina, che è più o meno quello che vediamo nel film. Il congelamento non ha senso.
Ma l'esplosione non é propriamente ad entropia invertita. La fiamma che ha generato l'esplosione é cronologica, non inversa (é il cattivo che accende la benzina). Il risultato presunto é un inversione della funzione delle fiamme della macchina, che é un oggetto preso dal mondo inverso dal protagonista, si vede proprio che il moto della macchina é invertito per il protagonista.
Per chiarire:
Macchina inversa esplode per via di una fiamma cronologica; fiamma che consuma aria contro aria che ruba vita alla fiamma, generando l'effetto inverso di un accensione, cioé, il congelamento.
Viene spiegato tutto rapidamente dal soldato femmina quando il protagonista sta per uscire per la prima volta in inversione nel passato.
Lo riguarderó in inglese, anche in Inception c'erano stati dei punti dove la traduzione italiana non ha reso giustizia alle meccaniche che stabilisce la pellicola.
Comunque il film é veramente interessante perché si basa sul concetto entropico per poi rivelarsi
esattamente come la rappresentazione del concetto opposto, quello della sintropia, il modello per cui tutto é gia determinato ed avviene per circostanze future. Il film accenna pienamente alla cosa quando riprende anche l'aspetto della teoria dell'informazione di Hartley con la frase "l'ignoranza e la nostra forza", cioé il concetto opposto delle approssimazioni e della conoscenza condivisa che sfruttano i protagonisti del film, cioé la teoria citata prima.
Insomma, il Signor Nolan é stato parecchio bastardello a sto giro, servivano parecchie conoscenze pregresse per gustarsi il film ad una prima visione. La mancanza di un forte bonding emotivo per lo spettatore poi ha solo peggiorato la situazione, ma personalmente l'ho apprezzato fin dalle prime battute.
Vista la presenza dei
tornelli
per tutto il film ho avuto un vibe alla Primer; molto bello vedere il tempo trattato in maniera così meccanica.
Ah sì, non so se era solo nel cinema dove sono andato io ma l'audio mi ha bombardato...troppo alto...
Post unito automaticamente:

Ma per avere una reale palindromia narrativa, restando nel costrutto etimologico del termine per come lo si voglia, o si possa, applicare a Tenǝ⊥, conoscendo assolutamente nulla della trama, il film dovrebbe presentare la sua fine nel centro del racconto, per poi ripetere quanto visto, magari da un altro punto di vista, in un passato/futuro, che diventerebbe il finale/presente per lo spettatore.
E ci sono andato vicino.
 
Ultima modifica:
Iscritto dal
17 Feb 2010
Messaggi
12,531
Ma l'esplosione non é propriamente ad entropia invertita. La fiamma che ha generato l'esplosione é cronologica, non inversa (é il cattivo che accende la benzina). Il risultato presunto é un inversione della funzione delle fiamme della macchina, che é un oggetto preso dal mondo inverso dal protagonista, si vede proprio che il moto della macchina é invertito per il protagonista.
Per chiarire:
Macchina inversa esplode per via di una fiamma cronologica; fiamma che consuma aria contro aria che ruba vita alla fiamma, generando l'effetto inverso di un accensione, cioé, il congelamento.
Viene spiegato tutto rapidamente dal soldato femmina quando il protagonista sta per uscire per la prima volta in inversione nel passato.
E' vero che stiamo discutendo di cose non reali, però in ogni caso il processo inverso dell'accensione di una fiamma è lo spegnimento della fiamma. Il congelamento è un'altra cosa che non c'entra nulla con una reazione di combustione :asd:
 
Top