• Accedi o registrati per ottenere la migliore esperienza possibile del forum di SpazioGames (e senza banner pubblicitari).

Game 13 Sentinels: Aegis Rim | Nuovo titolo Vanillaware | Disponibile EU Localizzato ITA |

Koyomi Araragi

Purple Lightning
Iscritto dal
20 Mar 2014
Messaggi
6,983
Medaglie
9
Finito e platinato in 39 ore, finalmente un finale che mi aspettavo, che volevo e che va incontro ai miei gusti :asd:. Avrei un po' da scrivere, comunque è un buon gioco, non so se tale da meritarsi addirittura le lodi di Taro perché per me d'inedito non c'è stato nulla, però direi che a 30 euro ci può anche stare, ed anzi lo consiglio soprattutto a chi si vuole avvicinarsi al genere, è un bel punto di partenza.
Sorpreso molto in positivo dalla colonna sonora.
 

Aeger

Apprendista
Iscritto dal
24 Mar 2012
Messaggi
2,096
Medaglie
6
13 sentinels

Finito la "storia" ora mi restano le ultime 5 battaglie

EDIT: finito, veramente un gran bel gioco, ho amato alcuni personaggi più di altri ma nel complesso ho apprezzato tutti. La cosa che però mi è piaciuta di più è tutto l'intreccio che hanno creato.

EvkFGWmXEAE-AQF
 

Clyde

leader zone
Area Games
Iscritto dal
13 Mag 2011
Messaggi
73,402
Medaglie
19

Geddoe

Capomoderatore
retrogames
jrpg world
Iscritto dal
27 Dic 2012
Messaggi
21,699
Medaglie
13
Abbiamo assistito ad un paradosso.
Questa volta neppure i Vanillware erano davvero "sicuri" del loro titolo, proprio perché è cosi particolare.

Contentissimo dei buoni riscontri in termini di vendita, spero di trovare un buco per giocarlo al più presto :geddoe:
 

Jin Uzuki

A Gift from Greecia
Iscritto dal
31 Ago 2009
Messaggi
2,412
Medaglie
5
Finito di recente 13 Sentinels (Quasi una settimana fa, ma mi ero scordato di scrivere due parole qui lol)

Davvero bello, ne avevo già sentito parlare bene ma mi ha veramente stupito, in particolare ha tra i migliori esempi di storia non lineare che ho visto, praticamente un puzzle per il giocatore da completare. Trama veramente mai lenta e plot twists sorprendentemente che non svaccano mai. Un pò deboli forse i personaggi che è un peccato quanto il gioco sia comunque focalizzato su loro e l'elemento
romantico poi alla fine di molte routes
. Diciamo si distinguono tutti ma per come è posta la trama e la mancanza di scene sol possono risultare un po' scarsi, anche se ce ne sono alcuni che spiccano in particolare (Hijiyama per i memes, Morimura per la complessità della sua situazione).

Pure il gameplay tower defense su cui avevo letto pareri non troppo entusiasti alla fine mi ha divertito, anche se finisce per essere un po' "Sentry guns and Inteceptors go brrrrr" tipo di gameplay.

Non ho veramente nulla da criticare alla fine, se non che certi elementi della storia sarebbe stato bello vederli un pò di più
c'è una scena del 2188 con Ida che si rifiuta di morire con Ryoko che è tipo super importante e mi rode un pò non ce l'hanno fatto ad inserirla
, però capisco che è un titolo ambizioso che è stato in sviluppo per parecchio tempo e quindi sono i Vanillaware dovuti scendere a compromessi. Giusto l'epilogo
Con loro che tornano nella simulazione 5 anni (si lo so che non ci rimangono) dopo forse stona un pò con tema del gioco anche se apprezzo il voler dare una conclusione a certi personaggi come Proff. Morimura e 426/Morimura (Che è forse la relazione più complessa del gioco) e rivedere anche Miwako che è
TtG2WbH.gif
e sottolineare che pur essendo stata una simulazione la loro esperienza era comunque "reale" in un certo senso visto che ha influenzato le loro personalità, e pure parecchie delle AI nella simulazione alla fine erano ex-umani. Ma un pò tutti i personaggi che fanno figli accoppiati perfettamente è forse un pò cringe e la risoluzione del sub plot di Hijiayama/Okino un pò loffia (Considerando pure che sono quelli con la route più character-focused ed Okino è il copilota della route di Hijiyama praticamente). Mi sarebbe veramente piaciuta una scena finale con loro tutti adulti nel mondo di fuori, i designs per la maggior parte dei personaggi ci stanno può già e sono fighissimi.


cKoaujK.jpg


Voto finale tendente al 9, ma forse pure 10 perchè è uno di quei giochi che escono ogni 10 anni.
 

MFP093

Chooser of the Slain
Iscritto dal
30 Dic 2009
Messaggi
3,796
Medaglie
6
Finito di recente 13 Sentinels (Quasi una settimana fa, ma mi ero scordato di scrivere due parole qui lol)

Davvero bello, ne avevo già sentito parlare bene ma mi ha veramente stupito, in particolare ha tra i migliori esempi di storia non lineare che ho visto, praticamente un puzzle per il giocatore da completare. Trama veramente mai lenta e plot twists sorprendentemente che non svaccano mai. Un pò deboli forse i personaggi che è un peccato quanto il gioco sia comunque focalizzato su loro e l'elemento
romantico poi alla fine di molte routes
. Diciamo si distinguono tutti ma per come è posta la trama e la mancanza di scene sol possono risultare un po' scarsi, anche se ce ne sono alcuni che spiccano in particolare (Hijiyama per i memes, Morimura per la complessità della sua situazione).

Pure il gameplay tower defense su cui avevo letto pareri non troppo entusiasti alla fine mi ha divertito, anche se finisce per essere un po' "Sentry guns and Inteceptors go brrrrr" tipo di gameplay.

Non ho veramente nulla da criticare alla fine, se non che certi elementi della storia sarebbe stato bello vederli un pò di più
c'è una scena del 2188 con Ida che si rifiuta di morire con Ryoko che è tipo super importante e mi rode un pò non ce l'hanno fatto ad inserirla
, però capisco che è un titolo ambizioso che è stato in sviluppo per parecchio tempo e quindi sono i Vanillaware dovuti scendere a compromessi. Giusto l'epilogo
Con loro che tornano nella simulazione 5 anni (si lo so che non ci rimangono) dopo forse stona un pò con tema del gioco anche se apprezzo il voler dare una conclusione a certi personaggi come Proff. Morimura e 426/Morimura (Che è forse la relazione più complessa del gioco) e rivedere anche Miwako che è
TtG2WbH.gif
e sottolineare che pur essendo stata una simulazione la loro esperienza era comunque "reale" in un certo senso visto che ha influenzato le loro personalità, e pure parecchie delle AI nella simulazione alla fine erano ex-umani. Ma un pò tutti i personaggi che fanno figli accoppiati perfettamente è forse un pò cringe e la risoluzione del sub plot di Hijiayama/Okino un pò loffia (Considerando pure che sono quelli con la route più character-focused ed Okino è il copilota della route di Hijiyama praticamente). Mi sarebbe veramente piaciuta una scena finale con loro tutti adulti nel mondo di fuori, i designs per la maggior parte dei personaggi ci stanno può già e sono fighissimi.


cKoaujK.jpg


Voto finale tendente al 9, ma forse pure 10 perchè è uno di quei giochi che escono ogni 10 anni.
Juro/Megumi e Seki/iori un po' di amaro in bocca continua a lasciarmelo.
 

Jin Uzuki

A Gift from Greecia
Iscritto dal
31 Ago 2009
Messaggi
2,412
Medaglie
5
Juro/Megumi e Seki/iori un po' di amaro in bocca continua a lasciarmelo.

Juro e Megumi non mi hanno fatto impazzire, ma alla fine ha funzionato per me. Sarebbe magari servito più spazio a loro considerando la CS finale è incentrata su di loro. Seki e Iori li ho trovati un pò messi perchè volevano sovvertire le aspettative e seguire il tema del "non sei definito dai tuoi geni". Poi la route di Iori è praticamente quasi una gigantesca reference agli shoujo manga anni '80s (La scena col toast all'inizio, la refence a PTSM, Ei che è praticamente il principe azzurro misterioso di uno shoujo manga, etc).

buv10Xr.jpg


Mi ha fatto un pò ridere Ryoko e Gouto sono gli unici rimasti sigles, pure Ida la fa franca e torna da Inaba alla fine :asd: Shu e Yuki sono l'unica coppia che mi ha fatto andare un pò meeeeeeh, pure in giappone non sembrano essere molto popolari.
 

MFP093

Chooser of the Slain
Iscritto dal
30 Dic 2009
Messaggi
3,796
Medaglie
6
Juro e Megumi non mi hanno fatto impazzire, ma alla fine ha funzionato per me. Sarebbe magari servito più spazio a loro considerando la CS finale è incentrata su di loro. Seki e Iori li ho trovati un pò messi perchè volevano sovvertire le aspettative e seguire il tema del "non sei definito dai tuoi geni". Poi la route di Iori è praticamente quasi una gigantesca reference agli shoujo manga anni '80s (La scena col toast all'inizio, la refence a PTSM, Ei che è praticamente il principe azzurro misterioso di uno shoujo manga, etc).

buv10Xr.jpg


Mi ha fatto un pò ridere Ryoko e Gouto sono gli unici rimasti sigles, pure Ida la fa franca e torna da Inaba alla fine :asd: Shu e Yuki sono l'unica coppia che mi ha fatto andare un pò meeeeeeh, pure in giappone non sembrano essere molto popolari.
Mie preferenze a parte, quello che per me ha "rovinato" la relazione con Megumi è stato quando scopri che originariamente lei era la figlia adottiva di Juro. Chiaramente per la situazione in cui hanno vissuto la cosa non c'entra un caz, però eh.
Poi va be', Morimura/Juro OTP, not my cup of tea.
Ami Koshimizu sukeban oi kora teme, non posso biasimare Shu.
Ryoko e Gouto si accontenteranno di fare una cosa a tre con Tamao.
 

Jin Uzuki

A Gift from Greecia
Iscritto dal
31 Ago 2009
Messaggi
2,412
Medaglie
5
Mie preferenze a parte, quello che per me ha "rovinato" la relazione con Megumi è stato quando scopri che originariamente lei era la figlia adottiva di Juro. Chiaramente per la situazione in cui hanno vissuto la cosa non c'entra un caz, però eh.
Poi va be', Morimura/Juro OTP, not my cup of tea.
Ami Koshimizu sukeban oi kora teme, non posso biasimare Shu.
Ryoko e Gouto si accontenteranno di fare una cosa a tre con Tamao.

Più che una figlia adottiva era una ragazzina che ha salvato e ha giurato di proteggere, alla fine Juro Izumi/Kurabe e Megumi non hanno niente a che fare con i loro originali se non il gioco riprende il tema di Juro che giura di "proteggere" Megumi. Tra l'altro manco a farla a posta ho notato che 423 ha una freccina che punta a Megumi che dice "Pensa a lei come una figlia" eh.
 

MFP093

Chooser of the Slain
Iscritto dal
30 Dic 2009
Messaggi
3,796
Medaglie
6
Più che una figlia adottiva era una ragazzina che ha salvato e ha giurato di proteggere, alla fine Juro Izumi/Kurabe e Megumi non hanno niente a che fare con i loro originali se non il gioco riprende il tema di Juro che giura di "proteggere" Megumi. Tra l'altro manco a farla a posta ho notato che 423 ha una freccina che punta a Megumi che dice "Pensa a lei come una figlia" eh.
Sì, infatti 423 lo diceva proprio in uno dei finali, alla fine lui è quello più vicino al Juro originale. Chad.
 

Geddoe

Capomoderatore
retrogames
jrpg world
Iscritto dal
27 Dic 2012
Messaggi
21,699
Medaglie
13
Allora...ci siamo

13 Sentinels: Aegis Rim da oggi abbreviato semplicemente in 13 Sentinels.

Che cosa potrei scrivere? Che sono rimasto una quantità di tempo indefinibile nel menù iniziale ad ascoltare quella stessa OST che mi suona in testa a intervalli regolari dal reveal di sei anni fa? Che vedere finalmente i Vanillaware alle prese con un setting sci-fi mi manda in brodo di giuggiole? Che le ambientazioni sono mozzafiato?Che al solito i dettagli nelle animazioni dei pg. sono di una bellezza e cura certosina? Che dopo un oretta scarsa di gioco mi piace TUTTO quello che ho visto? Che ha già il potenziale per essere una delle esperienze narrative più immersive, originali e profonde che abbia mai affrontato? Che per una volta ho il terrore di dilungarmi in elucubrazioni di ogni tipo? Che ho una voglia matta di continuare? Che non voglio perdermi assolutamente niente? Che ho già voglia di rigiocare le poche scene affrontate per assicurarmi di aver visto tutto?

Eppure(report rapido, rapido)...
cosa ho fatto?
NULLA.
Dopo l'inizio in medias res(Anzi, molto più che in medias res) e la """prima""" battaglia ho giocato il prologo di Juro e quello di Iori.
Viaggiatori temporali, Kaiju, Mecha, manipolazione della memoria, sogni premonitori, amori giovanili, identità segrete, un pizzico di fanservice, gli immancabili gatti...wow.
Semplicemente WOW.
 

Jin Uzuki

A Gift from Greecia
Iscritto dal
31 Ago 2009
Messaggi
2,412
Medaglie
5
Allora...ci siamo

13 Sentinels: Aegis Rim da oggi abbreviato semplicemente in 13 Sentinels.

Che cosa potrei scrivere? Che sono rimasto una quantità di tempo indefinibile nel menù iniziale ad ascoltare quella stessa OST che mi suona in testa a intervalli regolari dal reveal di sei anni fa? Che vedere finalmente i Vanillaware alle prese con un setting sci-fi mi manda in brodo di giuggiole? Che le ambientazioni sono mozzafiato?Che al solito i dettagli nelle animazioni dei pg. sono di una bellezza e cura certosina? Che dopo un oretta scarsa di gioco mi piace TUTTO quello che ho visto? Che ha già il potenziale per essere una delle esperienze narrative più immersive, originali e profonde che abbia mai affrontato? Che per una volta ho il terrore di dilungarmi in elucubrazioni di ogni tipo? Che ho una voglia matta di continuare? Che non voglio perdermi assolutamente niente? Che ho già voglia di rigiocare le poche scene affrontate per assicurarmi di aver visto tutto?

Eppure(report rapido, rapido)...
cosa ho fatto?
NULLA.
Dopo l'inizio in medias res(Anzi, molto più che in medias res) e la """prima""" battaglia ho giocato il prologo di Juro e quello di Iori.
Viaggiatori temporali, Kaiju, Mecha, manipolazione della memoria, sogni premonitori, amori giovanili, identità segrete, un pizzico di fanservice, gli immancabili gatti...wow.
Semplicemente WOW.
Brat Overflow è kino. Ci stanno un sacco di pezzi belli nella OST ma quello e Seaside sono i pezzi che tutti ricordano. :asd:
 

MFP093

Chooser of the Slain
Iscritto dal
30 Dic 2009
Messaggi
3,796
Medaglie
6
Il vero kino è quando premi Start nel menù e parte in versione vocal.
 

Geddoe

Capomoderatore
retrogames
jrpg world
Iscritto dal
27 Dic 2012
Messaggi
21,699
Medaglie
13
13 Sentinels: Aegis Rim da oggi abbreviato semplicemente in 13 Sentinels.

Che cosa potrei scrivere? Che sono rimasto una quantità di tempo indefinibile nel menù iniziale ad ascoltare quella stessa OST che mi suona in testa a intervalli regolari dal annuncio di sei anni fa? Che vedere finalmente i Vanillaware alle prese con un setting sci-fi mi manda in brodo di giuggiole? Che le ambientazioni sono mozzafiato? Che al solito i dettagli nelle animazioni dei pg. sono di una bellezza e cura certosina? Che dopo un oretta scarsa di gioco mi piace TUTTO quello che ho visto? Che ha già il potenziale per essere una delle esperienze narrative più immersive, originali e profonde che abbia mai affrontato? Che per una volta ho il terrore di dilungarmi in elucubrazioni di ogni tipo? Che ho una voglia matta di continuare? Che non voglio perdermi assolutamente niente? Che ho già voglia di rigiocare le poche scene affrontate per assicurarmi di aver visto tutto?

Eppure(report rapido, rapido)...
cosa ho fatto?
NULLA.
Dopo l'inizio in medias res(Anzi, molto più che in medias res) e la """prima""" battaglia ho giocato il prologo di Juro e quello di Iori.
Viaggiatori temporali, Kaiju, Mecha, manipolazione della memoria, sogni premonitori, amori giovanili, identità segrete, un pizzico di fanservice, gli immancabili gatti...wow.
Semplicemente WOW.

EDIT:
13 Sentinels

Un'oretta alla volta, un passettino alla volta ed altre "due" parti del prologo sono state concluse.
Uno dei punti di pregio principali fino ad ora...
è la sapiente eleganza con cui la narrativa riesca a risultare estremamente coinvolgente nonostante i continui cambi di punto di vista e "settore".
Non sono confuso anzi, sono intrigato ed ulteriormente motivato ad andare avanti.

Fino ad ora non c'è una singola sequenza, una singola scena che non abbia quantomeno lasciato qualche piccola hint o riferimento al quadro generale, il tutto mentre si riempie ogni scena di rimanda e citazioni di ogni genere dal cinema fino alla cultura pop.
Tsukasa Okino, che viene dal futuro ma sua volta si nasconde(e traveste) per non farsi trovare da quelli che sulla carta sono i suoi compagni, Ei che insegue Okino nel 1944 cosi come nel 1984/5 e che a sua volta si "nasconde" da altri e BJ, il robotico ET(pardon EXT) con tanto di MIB di contorno,incontrato da Natsuno e da lei accompagnato direttamente nel setting della Guerra dei Mondi, con tanto di tripodi (che Cliffhanger, signori).

Non si inventa niente ma è il come si utilizza il tutto a fare la differenza, in puro e magistrale stile Vanillaware.
Non c'è scherno nelle pseudo hint di rapporto omo fra Takatoshi e Okino, non c'è malizia nonostante la perizia di dettagli quando Natsuno si sveste e c'è tanta, tanta tradizione nello ossessioneche Hijiyama ha per il cibo ed in particolare il panino con Yakisoba.
NON sarebbe un titolo Vanillaware se il cibo non avesse un ruolo.
La cura riposta nelle ambientazioni,negli abiti, nei modi di parlare, di "pensare"...è incantevole.

E molti fino ad ora non hanno avuto che poche, pochissime battute come il nostro riottoso "bancho" o la ben più affidabile "Sukeban".
Sugli scontri, è chiaro che ad ogni prologo sta succedendo una piccola fase di battaglie che fino ad ora sta illustrando i vari tipi di sentinella le quali mi hanno colto già di sorpresa per "associazioni" con i vari personaggi. Sentinelle che fra l'altro NON sono tredici(Fino ad ora sappiamo che c'è ne sono almeno 19). Tredici sono solo quelle dei nostri protagonisti ma ve ne sono altre, come quella di Okino ad esempio.

Stasera, conto di andare un altro po' avanti.
Una sorpresa però già la ho avuto. Credevo che avrei visto alternare un ragazzo ed una ragazza nel affrontare i vari prologhi, ma ho preso una cantonata.
Poco male, spero di prenderne tante.




EDIT: 13 Sentinels

Dopo poco più di una settimana da quando ho finalmente premuto il fatidico "Nuova partita" e con un monte ore che ha già superato la decina e che mi aspetto finirà per toccare cifre che vedo solo per titoli a me particolarmente cari, posso dire che...

lo adoro.
No sul serio, sarà scontato ma è questa l'opinione più sintetica che riesco ad elaborare

Dal ultima volta che mi sono messo a scrivere qui sul forum ho completato il "tutorial" di questa esperienza di pura, il fantomatico "inizio della Fine" segnalatomi anche da un trofeo dedicato. Un tutorial che ha illustrato con chiarezza e semplicità i fondamentali del combat system e che è culminato con la "prima" battaglia che ha visti coinvolte i tredici protagonisti...tredici ma "solo" sette prologhi.

Fra scorci (Ma quanto è bella la corsa in moto di Shu con la nostra Sukeban?), sogni, speranze, citazioni di ogni tipo e genere, e mistero vado in estasi mistica per la squisita delizia artistica dei Vanillaware, l'intreccio si infittisce, ci si prepara a degli eventi(Megumi sparerà a Tomi alle spalle per dirne una) ed altri iniziano ad essere "collegabili" o almeno mi sembra che sia possibile fare quantomeno qualche congettura. Soprattutto quanto la vicenda si snoda, cambiando registro e tono con grande maestria il cui unico comune denominatore è uno solo: ne voglio ancora.


Mi sono ripromesso di lasciarmi trasportare senza elucubrare troppo mi risulta difficile non farmi un riepilogo generale, interrogandomi sulle vicende affrontate fino ad ora.
Chi è Birba ? Che obiettivi ha? Che importanza hanno i codici che deve far recuperare a Megumi? Uno di questi codici era forse quello ritrovato da Ei nella tasca della sensei Morimura? Ci si può davvero fidare di Birba? Dopotutto la sua introduzione cita certe mascotte di cui NON ci si può assolutamente fidare sebbene I gatti siano una costante delle opere dello studio di Kamitani, un po' come il cibo e fino a dove è disposta a spingersi Megumi per "riavere" il suo "Juro"? E perché per essere salvato il ragazzo ha dovuto acquisire una nuova identità?...e cosa sono esattamente i "Codice: Deimos"?

Shu perde la testa Yuki(e qui scopriamo il perché abbia una divisa diversa, si deve trasferire. Ora ci sarà da vedere se il pestaggio della gang di Wajima l'abbia fatta espellere o fosse qualcosa di pianificato), sospira...osserva e sogna. La Shikishima, la stessa azienda secondo che avrebbe "costruito" le sentinelle secondo Okino, la stessa azienda a cui è legata la misteriosa Shinonome, la stessa azienda per cui la sensei Morimura ha sviluppato delle armi?

La stessa Sensei che in full latex e capello sciolto è co-protagonista de già decantato "sogno" di Shu dove assistiamo al ultimo giorno di una "dimensione". La butto li ma credo che sia il 2024/2025 visto che la sensei ha parlato di come Kisaragi-san(che sappiamo esserle stata affidata a lei da Juro) e gli altri fossero già presso il teletrasporto. Questo prima di attivare forzatamente il teletrasporto a partire dai droni(i medesimi droni che è possibile piazzare in battaglia) e chiamare il nostro Shu, Ide-kun e come se non ci fosse già abbastanza carne al fuoco, è arrivata la canonica ciliegina sulla torta nelle vesti della misteriosa ed inaspettata richiesta d'aiuto da parte della Idol in TV.

Ed Ei? Beh, gli uomini in nero già visti con Natsuki cercavano lui. Hanno visto il "suo pacco"(Un altro BJ) e gli sono alle calcagna. Proprio Ei da cui credevo di poter ottenere alcune risposte, si scopre senza memoria. Un incidente lo ha "bloccato" in questo tempo(problemi con il teletrasporto?) in cui si sarebbe dovuto fermare solo temporaneamente ed ora il cacciatore(inseguiva Okina) è divenuto preda. Da solo, senza alleati, accusato di omicidio(Quella password e le famose medicine che voleva somministrare anche a Juro...) e con solo un video messaggio da lui stesso registrato a guidarlo. è davvero lui il responsabile della morte di Chisato Morimura? è la sensei sarà davvero morta cosi? Senza rivedere Ide kun? Gli uomini in nero chi sono? Suppongo lavorino per la Shikishima, ma non ho modo di confermarlo. In che modo Yuki si è trovata a collaborare con Ei e che legame c'è fra la nostra Sebucho e la Shikishima(Shu l'ha lasciata proprio a due passi dalla loro sede).

Chiudo con un appunto su alcune terminologie.
Più e più volte sto ritrovando "Dimensioni" e non "Tempo", si tratta di due concetti diversi o è un caso di sinonimia interno alla storia?

Si vedrà, intanto ora che la fase più "guidata" del titolo è terminato posso finalmente guadagnare anche qualche punto mistero.

Si vedrà, intanto ora che la fase più "guidata" del titolo è terminato posso finalmente guadagnare anche qualche punto mistero.


EDIT: 4/5/2021

13 Sentinels

Allora...

da dove potrei iniziare? Nonostante gli impegni abbiano fatto di tutto per ostacolarmi nel ultima settimana, non mi sono "mai" fermato.
Ho tante idee, nomi, eventi, teorie, congettura azzardate e non... e sento la necessità non tanto di elucubrare ma quanto di mettere il tutto per iscritto per non dimenticare nulla, la fretta non fa per me. Sono un perfezionista.

...ed in quanto tale non ho potuto esimermi dal gettarmi come prima cose nelle "battaglie" che seguono "l'inizio della fine".
In tutta onestà? Mi rendo conto che questa tipologia del gameplay, più simile ad un tower defense ed ad uno strategico, possa lasciare perplessi se non delusi( Soprattutto se paragonati agli altri lavori dello studio con la sola possibile eccezione di GrimGrimoire che era uno strategico molto suigeneris) però pad alla mano mi sono reso conto di una cosa: si tratta di una scelta quantomai funzionale al tipo di storia che Kamitani e compagni hanno voluto raccontare e, non meno importante, consona ai mezzi(budget ed organico) a loro disposizione

Una storia corale, delle battaglie anzi, "una" battaglia disperata.
Contro il tempo, contro i limiti dei loro corpi (Il neuroblocco è una tipica scelta "alla vanillaware" che mi ricorda tantissimo il sistema a monete multiplo di OS nella sua versione PS2, la mentalità che ci sta dietro è la medesima comodità<immedesimazione e realismo), contro la paura per se stessi e i loro cari, contro le orde di Kaiju.
Le conversazioni fra i ragazzi sono numerose, dettagliate e permettono di avere una prospettiva differente su eventi e situazioni, che al momento conosco solo tramite accenni e richiami di vario tipo e natura.

Secondo Goto, governi ed autorità sono stati "avvertiti" tramite la Shikishima, Shinonome invita i suoi compagni a non "esagerare" con l'utilizzo della sentinella se non vogliono perdere i loro ricordi, Tomi è preoccupata per Miwako mentre Natsuno lo è per i suoi nonostante gli abbia "detto cosa fare". Shu "ricorda" cose che ha sognato. Ogata invece ha iniziato a mostrare un lato decisamente meno "bancho" duro quanto vuoi in battaglia ma genuinamente preoccupato non solo per le persone ma anche per la città. A che pro combattere se non resta più un luogo dove tornare? Grazie a Ogata otteniamo(in combo con la sua partner in crime Tomi) qualche info sugli "UFO" tanto menzionati anche da Shinonome. è a questi UFO che i Deimos vogliono arrivare(si trovano sottoterra), durante le loro ricerche hanno avuto modo di imbattersi nei progetti dei bombardieri visti nella boss fight, mai visti fino ad ora fra le file dei Deimos. Presumo siano delle armi "nuove" visto che apparentemente i Deimos si sono equipaggiati al combattimento "dopo" che le sentinelle hanno iniziato a respingerli.

Alcune info bisogna andarsele a cercare anzi, rettifico è più giusto dire che alcuni li ho beccati in modo del tutto involontario
Su tutti? Sicuramente i dialoghi che che possiamo ascoltare quando i ragazzi si trovano in pericolo di vita. Da Hijiyama che rimane costantemente in contatto con Okino, a Yuki che a quanto pare si è affezionata ad Amiguchi nonostante le risulti irritanti fino al senpai Goto che viene esortato da una bambina.

La stessa bambina piccolissima vista nel artwork del primissimo trailer e che vediamo anche nel poster del gioco.
Chihiro è anche il nome della sensei Morimura (ma su di lei ci sono tante altre cose da dire...) ed a quanto pare "parlando" con lei(Abilità) Keitaro otterrà dei bonus in battaglia.

Parlando del mero gameplay, ho completato tutti gli scontri disponibili a tutti i livelli di difficoltà, riuscendo sempre ad a guadagnarmi la S.
La possibilità di ripetere gli scontri quante volte si voglia, di livellare e potenziare i singoli ragazzi alla lunga immagino si rivelerà fondamentale nelle battaglie più complesse anche la mia ossessione per il min-maxing mi ha portato a concentrare quasi tutte le mie risorse sulle abilità del metasistema(Non l'ho mollato fino a quando non ho maxato tutto) dedicando solo pochi punti ai potenziamenti dei singoli pg. e delle loro sentinelle.

Tenendo inoltre a mente che NON mi è ancora disponibile potenziare le stat dei singoli pg. e che mi aspetto delle impennate pesanti nel danno inflitto dai Kaiju, ora come ora, se proprio devo trovare un problema...è il bilanciamento. Le sentinelle di seconda generazione(Juro, Iori, Ryoko) paiono veramente troppo superiori a tutto il resto. La possibilità di piazzare guardiani e torrette(Doppie nel caso di Ryoko) permette loro di falciare le orde con una tranquillità ed una sicurezza del tutto estranea agli altri tipi di sentinella forse solo quelle di quarta generazione (Yuki, Megumi, Renya, Shu), checombinano mobilità impareggiabile ad un buon numero di abilità di supporto,riescono a tenere il passo.

Nota aggiuntiva sui punti mistero.
Ne ho ottenuti tantissimi ma "non" ho voluto sbloccare tutto tutto per non affrettare troppo i tempi, non voglio conoscere "troppo" prima del tempo.
L'ultimo scontro si è concluso con un mini cliffhanger, Goto cede temporaneamente il comando per "fare una cosa" ma per continuare devo prima completare il prologo di Miura, a me ancora inaccessibile.

Chiusa questa doverosa prima parte, è tempo di parlare del avventura.
Schiettezza per schiettezza, non sapevo davvero chi scegliere. Ogni finale di prologo(con la sola eccezione di Iori, obiettivamente molto più "soft") mi ha lasciato a bocca aperta e desideroso di sapere come va avanti per cui ho deciso di fare legge uguale per tutti e di seguire(fino a quando mi è possibile ovviamente) il medesime ordine del introduzione, per cui si parte da Juro.

Francamente? Non mi aspettavo che la modalità avventura si aprisse in questo modo.
è un ventaglio, un vero e proprio diagramma ad albero. Non una linea. Non si va da punto a fino al punto b ma siamo in controllo.
Sfruttando i piccoli suggerimenti forniti dal gioco possiamo cambiare radicalmente la giornate anzi le giornate di Juro.

Nonostante ai fini di gameplay e di "albero" sia la stessa giornata e seppure alcune situazioni si ripetano per "comodità" le giornate sono "più".
Tutti questi eventi sono "canonici", sta a noi giocatori trovarli tutti o gettare la spugna, seguendo solo le strade più ovvie. I pensieri, le parole chiave, le hint...

Con Juro inoltre abbiamo un altro "ostacolo".
Un ostacolo chiamato Shiba, che alla luce del prologo non è solo una spalla fastidiosa ma qualcuno che sta attivamente lavorando per impedire a Juro di conoscere più cose prima del previsto e che tenta sempre di trascinarci sulle strade e le cose che più ci allontanano dalla verità. Primo percorso? Ovviamente mensa, Amiguchi? Se ne è andato, in compenso troviamo Minami e da qui in poi la vicenda prende una piega divertente e inaspettaa.

Juro "ufficialmente" vive con sua nonna Tamao(al momento in visita dai parenti, non viene fatta menzione dei suoi genitori), Minami è vicina di casa di Juro grande amica di sua nonna, Juro NON vive da solo.

Sarò onesto
Quando il flashback "un altro scroccone" è iniziato...per un secondo ho pensato male.
Ho detto "Ma quello è lo stesso background che si vede quando si sta selezionando la storia di Megumi, non è da Vanillaware riutilizzare queste cose"...infatti, non è da loro. Sembra lo stesso perché "è" lo stesso. Forte solo di quella combinazione di imbarazzo ed eccitazione che un adolescente maschio in crisi ormonale può avere, scopriamo che Megumi VIVE insieme a Juro e che non ci va tanto per il sottile nel fare di tutto per far si che la loro convivenza assomigli il più possibile a quella di una giovane coppia sposata.

Megumi con gran sprezzo del pudore non è interessata a mantenere davvero "segreta" questa loro situazione e fa di tutto per mettere in difficoltà Juro, il quale si trova letteralmente costretto ad assecondare la pesantissima richiesta di Minami per non rischiare l'espulsione. La richiesta? Ospitare una persona, Miura Keitaro, un secondo scroccone (e questo da un senso anche al "perché", secondo l'archivio a Miura sia capitato di mangiare i bento di Megumi, vivono insieme).

Questa scena avviene "dopo" che Natsuno si è ritrovata nel futuro e "prima" del prologo di Juro.
Ecco perché i due si conoscevano. Miura inoltre conosce "Tamao-san "ma anche quella casa ed è sorpreso di trovarla "ancora" in piedi ma visto che il ragazzo conosce Hijiyama, presumo che le risposte a queste note ci arriveranno dagli anni '40.

Chiuso questo percorso, una nota di completismo anzi, di nervosismo.
Ho dovuto letteralmente fare i salti mortali per tornare in mensa ed ottenere l'evento standard "vita quotidiana", dopo aver sentito il dialogo fra Miwako, Tomi ed Iori è impossibile tornare in mensa perché Juro segnalerà in automatico la presenza di Amiguchi vicino ai distributori. Soluzione?
Riavviare la prima schermata correre a per di fiato subito verso la borsa,entrare nella modalità pensieri, avvicinarsi alla porta ed uscire prima che Shiba possa avvicinarsi abbastanza da far partire la conversazione, i nervi e l'antipatia per questo ragazzo sono immense.

Ma forse è improprio giudicare cosi in fretta.
Voglio dire, con pochissime eccezioni sembra quasi che nessuno "noti" la sua presenza, come se non fosse li.
Come se il suo ruolo sia solo quello di distrarre Juro con la sua superficialità e necessità di divertirsi e soddisfare altri bisogni primari

L'ho sentito moltissimo quando recandomi per la prima volta ai distributori(Con Okino di spalle...), un pensieroso Amiguchi ha inizialmente proposto di recarsi a casa di Juro, off limits per via del duo di scrocconi.

A casa di Amiguchi, Shiba è finalmente fuori gioco(arenato davanti alla console con tanto di lamentele ad hoc nel caso si provi ad ostruirli la visuale) e si può parlare di cose serie. Fra note familiari(Il padre di Shu ha un'amante), dubbi ed inquietudini...si torna a parlare di sogni anzi, di un incubo.

Juro aveva detto in precedenza di avere paura.
Avere paura di restare da solo con Iori, Megumi e Amiguchi. Perché?
Perché in un sogno, un incubo che ci è dato vedere con i nostri occhi...Juro Izumi, un Juro adulto "uccide" Megumi ed Iori.

Lo fa sostenendo che i deimos sono attirati dalle "nanomacchine" dentro di loro e che è cosi che distruggono "spazio e tempo", chiamando Amiguchi "Ida" e...venendo fermato con un colpo di pistola dalla stessa donna super sexy vista nel sogno di Amiguchi.
Ora, tre sono i fattori che risaltano del finale di questo incubo a) Juro morente sostiene di aver fatto quanto ha fatto proprio per lei b) Forse perché ho finalmente avuto modo di sentirle quasi in contemporanea ma la somiglianza fra la donna e Iori è "troppa" per essere casuale(dopotutto aveva detto ad Ida di incontrarla anni prima sul ponte Sumire, "avrebbe capito"....) c) si parla di spazio e tempo. Non solo di tempo.Non può essere casuale, un come l'uso di termini come "settore"e "dimensione".

In un ambientazione sci-fi intessuta a regola d'arte come questa, NON possono essere casuali.
Provando invece a tornare da Amiguchi ai distributori, il ragazzo sarà troppo pensieroso ed indaffarato per soddisfare le richieste di Shiba, più che di Juro forse provato dalle parole del sempre silente Okino, la cui presenza si "sente"un po' come quella di Hijiyama che a quanto pare ha l'abitudine di comprare "chili" di panini alla Yakisoba che spariscano prontamente dalla mensa.

Come se non ci fosse già tantissima carne al fuoco, 13 Sentinels ha provveduto giustamente a farmene notare almeno altre due: Iori e Megumi.
Con Iori in particolari ho trovato tutta quella squisitezza e variabilità narrativa che sto adorando di questo titolo.
Se si esce per prima dalla classe, mentre Iori sta ancora parlando con le sue compagne, ma si aspetta nel corridoio? Sarà Iori ad uscire e chiamare Juro per parlargli.

Se la si avvicina in classe invece, la ragazza ci pregherà di aspettare per poi suggerirci di parlare "fuori".
in corridoio inoltre se si sceglie di "ignorarla" se ne andrà "non fa niente" se la si fa aspettare troppo o non si riesce a far allontanare Shiba.

Iori vuole a parlare a Juro di un sogno di cui gli ha raccontato.
Un sogno che però non era tale. Non hanno visto troppi film o altro, è pura e semplice verità.
I Kaiju arriveranno, a migliaia alcuni alti come palazzi altri piccoli come macchine. UFO? Si, c'è ma loro combattono con le sentinelle.
Ci camminano sopra in questo momento, è sottoterra. Hanno viaggiato nel tempo, hanno ucciso degli innocenti e distrutto la "fabbrica" mettendo a rischio le loro vite.

Si sono inoltre incontrati sul ponte Sumire negli anni '80 del 2000 ma solo Iori c'era.
Juro non capisce,non rimembra...ma quando si parla del "ponte" finalmente apre gli occhi. Come Iori aveva detto, avevano finito di pulire l'aula di scienza dietro indicazioni del senpai Goto(inciso questo è uno dei frangenti in cui Shiba da più l'idea di "non essere davvero li") e gli aveva parlato di come nel sogno lui e una(bellissima) Iori aveva fatto saltare la fabbrica, erano dei criminali...ma erano dalla parte della giustizia. Va da se che "Iori" in questo sogno è la "donna che somiglia alla sensei Morimura" quella con la tuta in latex nero vista anche nel sogno di Amiguchi e nel "incubo"dello stesso Juro.

Ci sarebbe anche un terzo sogno a cui Juro accenna, uno in cui compare Shiba ed un androide ma su questo non ci è dato sapere ancora nulla.
Ci è dato conoscere invece, distraendo sempre Shiba e fermandola in corridoio come Megumi sia finita a vivere a casa di Juro. Ufficialmente perché ha firmato un contratto di affitto con sua nonna senza nascondere in alcun modo il suo affetto verso di lui con tanto di abbraccio e frasi ambigue "...sono passati quarant'anni".

Tutte stranezze che Juro non comprende ma questa volta il flashback non chiude ma apre il percorso.
Seguendo Megumi giù per le scale si può origliare la sua conversazione con Goto,il quale la prega di tornare "alla Shikishima" sottolineando come "Izumi" non esista più, la sua personalità sia andata ed anche cancellando la "persona" di Kuraba, non riavrebbe il "suo" Izumi.

Mentre il solito Shiba prova a rovinare il momento, Juro è sin troppo preso dalla lite in corso per curarsene.
Megumi "proteggerà" Juro a qualunque costo, con qualunque mezzo. Non permetterà a Renya di usarlo ancora. Il senpai dal canto suo sostiene che non può prometterle nulla: Juro al momento è l'unico in grado di salire sulle sentinelle.

Il tutto si interrompe quando i due prendono atto della presenza di Juro(mentre Shiba congela nella stessa posa che lo aveva contraddistinto alla fine del prologo). Goto, contrariamente allo stereotipo del individuo scaltro prende semplicemente "atto" della cosa osserva "Izumi" e se ne va senza cercare scuse o altro; Megumi invece lo prega di non chiedere niente e che si rivedranno a cena.

Per Juro è un colpo tremendo e "io" in quanto spettatore con pochissime espressioni riesco comprendere la "portata" del suo dolore, della sua delusione.
Si forse le attenzioni di Megumi lo soffocano un po' tanto, ma in fondo la cosa non gli dispiace ed ora? La ragazza che vive con lui, quella che non ha mai nascosto in suo interesse,che fa di tutto per apparire come la sua "sposina" si scopre essere innamorata non di lui ma di un "Izumi" che guarda caso ha il suo stesso nome, altezza, aspetto,corpo e via discorrendo: detto in poche parole? è un rimpiazzo. La copia di un originale.

La cosa non finisce qui perché non possiamo fermare "nuovamente" Megumi in corridoio ed obbligarla a fermarsi chiamandola più e più volte("Aspetta!") la dove a cena, da quanto ci viene dato sapere, riesce sempre ad evitare l'argomento fra un boccone ed uno sguardo malinconico. Anche nel corridoio il tema non viene approfondito sebbene basti una sola frase "Juro è Juro. Anche se mi rende triste il fatto che tu non mi riconosca" per ricordare la granitica determinazione di Megumi.

Storia chiusa? No.
Recuperando le fotocopie sulla cattedra, si può evitare Shiba per andare in infermeria.
Ancora una volta la sensei è assente in compenso a fare la sua prima apparizione è "l'ultima" dei tredici.
Prima di questo incontro sapevo solo una cosa anche la senpai Shinonome chiama Juro "Izumi" ed una volta svegliatasi è cosi che si riferisce a lui prima di essere corretta.

Le parole di Ryoko suoneranno anche criptiche ed ambigue ma sono le rivelazioni più oneste che Juro abbia sentito fino ad ora insieme a quelle di Iori.
è vero, il suo nome è Izumi. è stato, sono "stati" entrambi feriti nel futuro. Solo che Juro è stato ferito "molto" più gravemente, inoltre a differenza di Ryoko è stato curato "nel passato". La "persona" di Kurabe è stata creata perché quella di Izumi era irrecuperabile e non lo biasima se Juro non le crede.

Anche lei faticherebbe a crederci ma ormai è difficile "non" crederci.
I documenti che indicavano Juro Izumi e come la personalità di Juro Kurabe sono spariti.

Esauriti invece sono i percorsi a mi disposizione.
55% di completamento della storia ed una voglia matta di continuare.
Ci sono fin troppe domande a cui rispondere e troppo poco tempo.


Edit: del 13/05/2021


13 Sentinels

Sempre...

con i miei ritmi sto proseguendo questo splendido viaggio.
Sarò ripetitivo ed inutilmente retorico ma credo che uno dei maggiori punti di forza di questa esperienza sia la disarmante facilità con cui possa variare, adattarsi, cambiare da giocatore a giocatore mantenendo inalterati i suoi pregi.

Una volta completata la fase introduttiva non è detto che tutti i giocatori decidano di proseguire allo stesso modo: non è detto che tutti scelgano di focalizzarsi su un solo pg. alla volta fino al termine di tutte le opzioni disponibili e/o seguendo un qualche ordine; alcuni poterebbero scegliere di saltare da un pg. al altro per avere sin da subito più punti di vista a disposizione, altri ancora potrebbero non sbloccare le stesse cose negli stessi momenti e questo vale sia per gli eventi della storia sia per elementi presenti in archivio.

Proprio l'archivio è stato al centro di una delle decisioni più importanti prese in questa mia run.
Ero determinato a "non sbloccare tutto" o quantomeno limitarmi negli unlock nonostante la quantità di Punti Mistero a mia disposizione; tuttavia alcuni aggiornamenti ricevuti durante le mie ultime sessioni mi hanno convinto a ritornare sui miei passi.

è prematuro parlare di chiarezza e risposte anzi ogni volta che mi sembra di avere una soluzione, vengo smentito o nel migliore dei casi i nuovi dettagli mi convincono a non affrettare giudizi e conclusioni ma andiamo ad un po' di concreto.

Avendo """programmato""" di seguire al incirca il medesimo ordine proposto dal prologo, a Juro segue Iori.
Il filo anzi i fili conduttori sono tre: il cibo, i gatti ed i sogni; sebbene il tutto risulti inevitabilmente più lineare rispetto a quanto accaduto con Juro, ciò non esclude la presenza di una mole abnorme di dettagli sia nel plot che nella ricerca estetica al interno di uno spaccato che pare preso di peso da un manga, quale può essere un gruppo di amiche che si fermano a mangiare qualcosa dopo la scuola il tutto condito da un irresistibile feeling anni '80.

Dalla magistrale realizzazione dei diversi snack, alla cura riposta nelle animazioni di quella pacioccona di Miwako che osserva di nascosto il buon Amiguchi e che non giudica i ragazzi che sbavano dietro alla sensei Morimura "Ha un corpo bellissimo dopotutto" fino ad arrivare al sarcasmo dilagante di Tomi; i cui commenti mi paiono a dir poco "rivelatori" se l'antipatia per Goto la davo per scontata quel "è troppo strano" riferito a Kurabe, potrebbe giocare a favore della mia "teoria" su Shiba.

Ben nascosti sono certi dialoghi che ripetendo le medesime scelte e che mi hanno portato a scoprire che Iori pare rispettare il trope "Quella con lo stomaco di ferro e gusti assurdi" o che figura si faccia nel caso si scelga di ignorare le richieste delle amiche facendo su e giù per il marciapiede con un certo qualcuno che fa attenzione a non farsi avvicinare.

Una cosa è chiara anche se posta in termini piuttosto innocenti e coccolosi: le ragazze sono osservate...da un gatto. Non un gatto qualsiasi, "quel" gatto, Birba. Riuscendo ad avvicinarlo grazie a dei croccantini in possesso di Miwako, Iori ha un primo flashback.

Una mattina, riuscita finalmente a svegliarsi per tempo, aveva avuto modo di notare un gatto molto "simile"(è sempre lui, il nostro Birba) sonnecchiare sul cancello della scuola, prima di essere raggiunta da Kurabe il quale aggiunge che si tratta di un gatto "simile"(lo stesso...) a quello che si aggira nel suo quartiere. L'occasione è propizio al duo per discutere nuovamente di "sogni", con solo una brevissima interruzione da parte di Tomi e Megumi.

La reazione di quest'ultima è tutta un programma, si affretta in classe(senza neanche salutare) non appena Juro si avvicina ad Iori.
Inizialmente pensavo che i due "arrivassero separati" per non destare sospetti ma controllando la time line ho preso nota di come Megumi in questo frangente "non" viva ancora insieme a Juro e che quindi probabilmente abiti al "edificio della Shikishima" già menzionato in un dialogo con Goto probabilmente insieme alla stessa Tomi.

Il sogno discusso in questa particolare occasione è un mind blow continuo.
Siamo nel anno 2105(Lo stesso in cui """Juro""" e """Iori""" adulti hanno sabotato la famosa fabbrica) in quella che viene subito presentata come "astronave in rovina". Una ragazza identica a Iori chiamata "Chihiro Morimura" raggiunge un ragazzo identico a Kurabe chiamato "Juro Izumi", pregandolo di rimandare eventuali dichiarazioni per quanto riconosca di essere "lusingata" dal interesse che il ragazzo prova per lei.

Ai due si aggiunge un volto familiare, Tsukasa Okino.
Il quale appare molto meno entusiasta al idea di trovare una via per la superficie "Non è rimasto più nessuno" questo prima di mordersi la lingua visto che fra le vittime pare anche esserci la madre di Morimura. L'astronave, ipotizza Chihiro, "potrebbe" appartenere ad un'"""antica""" e avanzatissima civiltà( virgolette dovute) mentre il dispositivo ivi presente potrebbe essere un teletrasporto.

Chihiro è scettica (Alla luce delle "lezioni di fisica quantistica") ma Okino è convinto che il trasferimento di materia sia impossibile solo con le tecnologie in loro possesso e che nulla impedisca alla tecnologia aliena di poter ignorare queste limitazioni. Quasi contemporaneamente Juro termina la sua analisi: si trovano al interno di quella che pare essere in tutto e per tutto un'astronave del diametro di circa trenta km. è questo il "famoso" UFO di cui ho già sentito parlare in precedenza.

Ma come fa a trovarsi li? A solo trecento metri dalla superficie?
Juro suggerisce che si tratti di un insabbiamento da parte del governo "Come in un film del XX secolo".
Inoltre da quando i Kaiju sono entrati in contatto con il "computer centrale" è iniziato uno strano conto alla rovescia di natura del tutto ignota su cui il trio deve però ancora indagare ed il cui esito apocalittico mi è già noto grazie ad altri eventi. Note personali? Potrei dire di tutto ma ha colpire in prima visione è sicuramente l'atteggiamento di Okino, stimolato e non spaventato dal intera situazione.

Alla timida Miwako il compito di introdurre la seconda linea di eventi.
Le piace osservare da lontano ma è troppo riservata per avvicinarsi o anche solo parlare con i ragazzi(L'abbiamo vista andare in tilt durante il suo dialogo con Juro nel di lui prologo) mentre Iori non ha problemi a parlare con Amiguchi e con i ragazzi in genere.

Proprio con Shu e Juro, Fuyusaka ha condiviso un altro sogno (in un periodo che segue di poco il "club dei sognatori" che aveva chiuso il suo prologo). Un sogno che, per una volta mi sembrava di poter collocare con una certa sicurezza ma che presenta qualche anomalia.

"Chihiro Morimura"(Adolescente, quindi identica a Fuyusaka) si ritrova da sola, sul ponte Sumire nel 2089.
è riuscita a fuggire e non sa cosa possa essere accaduto ad Okino e Juro, sola ed abbattuta viene ben presto raggiunta da un'altra persona:
Tetsuya Ida a bordo del guardiano, proprio come lo avevamo lasciato nel sogno di Amiguchi visto durante il di lui prologo.
Come promesso l'ha ritrovata, sedici anni prima sul ponte Sumire e questa volta "li sconfiggeremo".

Tutto abbastanza lineare quindi, questo sogno sembrerebbe collocarsi subito dopo quello di Shu ma quel sogno è datato 1985 e non 2105, inoltre che ci faceva Kisaragi San nel 2105 se fino a prova contraria viene dal 2025? Non mi va di farmi troppe paturnie a riguardo, sto già esagerando e non ho elementi per saltare a conclusioni di qualunque tipo.

Terminata Iori ed essendo ancora impossibilitato ad andare avanti con Hijiyama, la prossima sulla lista è la donna spaziale.
Il finale del prologo di Minami è di quelli che non si dimenticano: un futuro distopico, una città in macerie dove torreggiano colossali Kaiju ed una fuga disperata per la salvezza; non nego che tagliare cosi di netto la soluzione di quel cliffhanger mi abbia un po' abbattuto...però so per certo che prima o poi mi mostreranno come Natsuno ed il suo compagno meccanico si sono tirati fuori dai guai per cui non sono preoccupato.

L'atmosfera è deliziosa, Minami e BJ sono una coppia irresistibile che fa il verso neanche troppo velatamente ad ET e strappano un sorriso anche la dove non ci sarebbe niente da sorridere con un BJ troppo concentrato sul"Santuario" e troppo poco a nascondersi. Spogliatoio a parte dove accanto ad un pizzico di fanservice (Mai volgare), Natsuno nasconde il suo ben poco collaborativo partner/sveglia dalle attenzioni delle sue compagne e della sua senpai impossibilitata a tenerlo a casa(causa fratellino molesto) fra una teoria strampalata, azzardi e supposizioni di vario genere.

Gli uomini in nero pattugliano la scuola ma non cercano solo Ei come supponevo precedentemente
è letteralmente impossibile NON notarli e mettono profondamente a disagio gli studenti.
Da archivio sono individui addestrati e pericolosi, tutti ex militari o poliziotti, determinati e profumatamente pagati.
Ironicamente, uscito dallo spogliatoio mi trovo di fronte ad un paradosso: la sequenza che mi ha permesso di "accedere"a nuovi percorsi è anche l'unica a non essere del tutto completabile. Si tratta di un vero colpo al cuore per il mio essere un completista patologico.

Per la prima volta, non mi è stato dato alcun suggerimento.
Da flow chart so che ci sono quattro diramazioni ma anche ricaricando save precedenti, provando tutte le alternative a mia disposizione, parlando con gli npc, aspettando...non sono riuscito a sbloccarne che due.

La seconda in particolare, che cronologicamente si verifica "prima" arriva persino a creare un lock per l'avanzamento dello scenario di Minami.
Messo quindi di fronte a questo amaro limite, ho deciso di giocarmela al meglio delle mie possibilità e provare tutte le opzioni possibili a partire da quella non conclusiva.

Facendosi notare dagli uomini in nero, insospettiti dalla borsa, Natsuno si lancia in una fuga disperata verso la scuola.
Si tratta della prima sequenza che mi trovo ad affrontare che può effettivamente ricorrere in dei simil bad end facendosi "prendere" in game infatti si ricomincia daccapo la scena ma nel caso si stia "rivedendo" il tutto dal archivio si viene brutalmente rimandati alla schermata di selezione eventi.

Fuggita prima nei corridoi e poi sulle scale,Natsuno è senza vie di fuga, in trappola
In suo soccorso arriva il nostro bancho, attardatosi in classe.
Già nel prologo Ogata si era distinto per la sua improvvisata nello spogliatoio femminile, quasi tradendo un certo interesse per Natsuno: ora, avvertito del pericolo fraintende del tutto la situazione ma poco male: furioso e invidioso nei confronti dei guardoni/MIB, il ragazzo si lancia alla carica, venendo steso con un colpo solo("Ho reagito d'istinto").

L'ingloriosa sconfitta di Nenji ha però permesso a Minami di guadagnare quel tanto che le serviva per nascondersi al interno del aula: la circostanza si rivela inoltre propizia per prendere atto di una sconvolgente verità: Yuki, la sua migliore amica pare collaborare con gli uomini in nero.

Non poter contare su Yuki è un colpo tremendo ma io giocatore ho preso nota di "altre" info utili: a) Yuki è stata assunta appositamente come agente infiltrato(cit) ed suppongo che non fosse un caso che Shu l'abbia lasciata proprio vicino alla Shikishima. Inoltre ipotizzo che il suo trasferimento al Istituto Sakura possa essere dovuto al suo incarico b) Yuki ritiene che aiutandoli a cercare la ragazza sospetta, "quattrocchi mi lascerà in pace" e do per scontato che si riferisca a Goto. c) L'incarico a quanto pare viene da una certa "USI" che mai prima d'ora avevo sentito nominare. d) L'uomo in nero dovrebbe aver descritto la sospettata a Yuki ed essendo le due amiche, Natsuno si trova in guai grossi.

Non ritengo corretto però giudicare la sukeban con avventatezza, dopotutto "so" che ha aiutato Ei nascondendo "l'altro" BJ; inoltre questa sequenza ha finalmente sbloccato il suo prologo, per cui a breve suppongo avrò qualche elemento in più.

Ripetendo il tutto da capo, riuscendo ad evitare i loschi figuri in nero è possibile finalmente giungere al santuario Tokisaka: non conosco il jap ma dopo anni e anni di manga ed anime, anch'io so che Toki significa tempo per cui non escludo che il nome del santuario possa essere un qualche gioco di parole visto il suo ruolo nella storia.
Confessione? Questo specifico frangente è "colpevole" del mio cambio di programma sugli elementi in archivio ed il merito va proprio ai succitati viaggi nel tempo.

Spostandosi fra i vari "settori" BJ, con l'aiuto di Natsuno continua la ricerca della sua sentinella.
Il settore 1(Anno 2105)? è pulito, ci sono già stati(immagino lo vedrò in seguito in un flashback) e non hanno trovato nulla.
Il settore 2( Anno 2065)? è quello visto alla fine del prologo,è troppo pericoloso tornarci ora come ora a causa dei Kaiju.
Il settore 3 (Anno 2025)? Non è un'opzione disponibile.
Il settore 4(Anno 1985)? è quello in cui si trovano.
Il settore 5 (Anno 1945)? Durante la guerra del pacifico, ed è luogo in cui si dirigono in questa sequenza: BJ sostiene che da quel settore proviene il segnale di una sentinella.

Cosa c'è di strano in tutto questo? Le date.
Ufficialmente(Da archivio) ci si può teletrasportare solo ed esclusivamente in questi cinque settori però...so "già" che ci sono altri intervalli temporali disponibili. Ida e Morimura sono stati teletrasportato nel 2089. Okino travestito da Kiriko Douji nel prologo di Hijiyama si trova nel 1944, stessa cosa dicasi per Ei che inseguiva Okino per ragioni ancore ignote.

La prima fermata del duo è l'istituto Sakura o più correttamente Scuola Nazionale Sakura.
Vedere l'ormai scricchiolante edificio degli '80, luminosissimo e nuovo di pacca fa un certo effetto ma dal ponte Sumire al Santuario Tokisaka non è la prima e di certo non sarà l'ultima volta, che Kamitani e compagni mettono la loro cura certosina al servizio della stessa identica location in periodi diversi.

Giustamente esagitata al idea di ritrovarsi in un luogo che lei conosce come usurato e malridotto, Minami accarezza l'idea di vedere suo padre(che allora aveva te anni) e sua nonna, questo prima che BJ la riporti con i piedi per terra:la sentinella, devono trovarla.
Il rimprovero si rivela propizio, il duo fa appena in tempo a nascondersi.

Sebbene gli studenti sulla carta siano tutti arruolati o impegnati nelle fabbriche, c'è qualcuno nel edificio.
Una ragazza "misteriosa"(è Tamao Kurabe, non ho mai avuto dubbi a riguardo) ed un volto conosciuto, Renya Goto venuto a consegnarle le pillole di "questo mese".

Il farmaco inizialmente le aveva permesso di fare strani sogni ma successivamente ai sogni è seguita una improvvisa ed inspiegabile forma di amnesia.
Secondo la ragazza quei sogni erano la loro chiave per "sopravvivere" insieme al arma che si trova nascosta al passo Ayane ma ora non riesce più a ricordare nulla. Goto però ignora le sue preghiere a quanto pare "quest'operazione è stata interrotta" ed i farmaci che le sta fornendo le permetteranno di tornare al suo "stato originale".
Natsuno di suo non pensa neanche per un secondo che "quel" Goto, sia lo stesso che conosce lei e conclude che sia semplicemente il nonno né tantomeno si interroga sul ambiguità della conversazione.

L'arma al passo Ayane è ovviamente una sentinella, di terza generazione per essere precisi.
Tuttavia non è la 17, quella corrispondente a BJ bensì la 19(quella guidata da Miura ).
Come hanno fatto a perderla? Secondo BJ le sentinelle sono collegate ai dispositivi di teletrasporto per questo si possono "perdere".

Lui però non può guidarla, non è la sua.
Due cose sono evidenti da questo scambio: a) BJ ha iniziato a fidarsi di Natsuno ed instaurare un forte legame con lei b) il robottino può provare sentimenti (Secondo l'archivio negli anni cento del 2000 possono essere prodotti entità cibernetiche dotate di emozioni) ed è triste per la morte del suo compagno. c) BJ riesce a comunicare in modo molto più chiaro rispetto al prologo.

Tutto questo lo dico anche consapevole di un fatto: BJ perirà o quantomeno è questo che lasciano intendere le parole di Natsuno durante il prologo "è il mio ultimo regalo da parte sua" ma tornando agli eventi in corso: la sentinella è stata modificata sebbene sia impossibile con la tecnologia degli anni '40. Qualche delucidazione arriva praticamente subito.

Nascostasi, Minami ha dapprima modo di assistere allo sfogo di Keitaro che dopo essersi addestrato e preparato ad utilizzare la Sentinella si è visto ora costretto a restare in attesa dal prof Douji. Il prof Heizo Douji, padre della "vera" Kiriko è da archivio(unica nota disponibile ad ora) anche colui che ha dato il via alla fortuna della Shikishima.

A Miura, segue un'altra figura: Okino, la cui presenza mi coglie alla sprovvista
Ero convinto che non avesse motivo di trovarsi nel settore 5 dopo il tanto citato incidente in cui è stato coinvolto nel "pre" prologo di Hijiyama ma è tornato e pare soddisfatto dagli esiti del suo "esperimento".
Nonostante Keitaro fosse solo la "seconda cavia" il nanoriparatore che ha inserito funziona alla perfezione e "ora sono in grado di controllare le sentinelle", dopo aver "sbloccato come promesso" la numero 19, Okino si dilegua.

A che cosa si riferisce? Per una volta ho già una risposta.
Okino ha modificato la sentinella 19 in modo che trasmetta il protocollo di attivazione forzata a chiunque entri in contatto con Miura, per questo motivo nel suo prologo Juro ha chiamato senza motivo la sua sentinella.

Per BJ e Natsuno arriva dunque il momento di tornare indietro ma arrivati al santuario Tokisaka sono costretti a nascondersi, sempre da Okino. Il quale prende atto della buona riuscita del suo piano ("Ho fatto bene a trattare con il prof Douji") e si prepara ad allontanarsi non prima di accorgersi di una novità: qualcun'altro (BJ e Natsuno) ha usato quel portale ed è compromesso, per cui deve "fuggire" e visto che c'è cambia anche la password, giusto perché il dinamico duo non era abbastanza nei guai.

La situazione è, per cosi dire, drammatica l'analisi del portale durerà più di tre giorni(circa 78 ore) e solo tramite portali e sentinelle si può usare il teletrasporto ed a complicare ancora le cose ci pensa un altro intruso, Keitaro. Il quale, attirato dal lampo di luce ("Ho visto un dio?") li scopre.

Questo è forse il "primo" cliffhanger che riesco a risolvere fino ad ora anche perché, concludendo questi eventi si sblocca il prologo dello stesso Keitaro ma per ogni cosa che acquisisce senso, ne trovo subito un'altra che scombussola tutto.

Sapevo già che mi sarei buttato su uno dei nuovi prologhi e la scelta e ricaduta istintivamente su Miura anche perché completandolo si apre il lock per continuare la prima zona in modalità battaglia. Dove sarebbe dunque la sorpresa o il mindblow che tanto mi ha destabilizzato?

L'inizio.
Santo cielo quel inizio, per chi come me si aspettava un inizio una volta tanto non in medias res, eccomi subito ricevere un ennesimo ribaltamento totale, un'altra sorpresa.
Spazio, orbita terrestre, 2187, un ragazzo identico per nome ed aspetto a Keitaro Miura(Senza cicatrice sulla fronte) ed una ragazza identica per nome ed aspetto a Natsuno Minami stanno lavorando alla seconda colonia che si occuperà del esplorazione dello spazio profondo.

Il loro lavoro sta venendo osteggiato da un fantomatico "Comitato Etico" convinto che il contatto fra i macchinari terresti e le forme di vita intelligenti "potrebbero portare ad un'invasione". Miura ritiene assurde le obiezioni del comitato, anche perché NON ci sono prove del esistenza di alieni. D'altra parte Natsuno gli fa notare quanto lui non sia da meno: Miura è un grande appassionato di storia ed in questo periodo il suo interesse è ricaduto su un evento che ha cambiato per sempre la storia umana, la guerra nel pacifico.

"Se dovessi rinascere, sceglierei quel periodo" toccandola pianissimo.
Provando a riassumere brevemente i punti di interesse presenti in questa conversazione a) Miura "vorrebbe rinascere" durante la guerra nel pacifico b) Questa "comunicazione a distanza non compare al interno delle liste di eventi della nostra Natsuno e del nostro Miura, un po' come i vari sogni(o incubi) visti con Kurabe, Fuyusaka ed Amiguchi. c) Questa comunicazione è, in archivio, il primo evento in ordine cronologico ed anche quella più distante nel tempo. d) Visto il loro desiderio di passare del tempo insieme questa Natsuno e questo Miura sono plausibilmente una coppia e) La colonia a cui stanno lavorando, una volta completata avrà un diametro di "circa 30 KM", come il famoso "UFO".

Mentirei se dicessi che non sono rimasto fermo qualche minuto a rimuginare sulle implicazioni di questo brevissimo scambio ma come è ormai sua abitudine, 13 Sentinels cambia subito registro e ci porta nella guerra del pacifico. Siamo nel 1944, Istituo Nazionale Sakura e Keitaro Miura(Che NON ha ancora la sua cicatrice) si prepara ad iniziare il servizio militare accolto da una figura a lui e noi familiare: Takatoshi Hijiyama.

I due sono amici di infanzia e sebbene in passato Hijiyama fosse un "bankara"(è un concetto che non conoscevo, ma è riassunto piuttosto bene nel archivio) dopo essersi arruolato ha guadagnato gradi in fretta e più in generale è "migliorato". Il carattere passionale e nazionalista di Takatoshi contrasta con il ben più insicuro Miura la situazione per il loro paese non è buona ma in confidenza l'amico lo rassicura.

Nonostante siano cosi giovani, "loro"sono stati scelti per guidare l'arma che cambierà le sorti della guerra: le sentinelle.
Una singola sentinella ha la forza di un intero esercito, dapprima respingeranno gli americani sulla costa(Immagino che entrambi inizialmente dovessero visitare delle sentinelle di Terza generazione, la sentinella di Hijiyama secondo Goto era di Okino), dopodiché contrattaccheranno gli USA portando la guerra in casa loro.

Ai due, si aggiunge ben presto Tamao Kurabe, altra amica di infanzia di Miura giunta arrivata per salutarli accompagnata da una figura a noi nota.
Tsukasa Okino travestito da Kiriko Douji e...non ho potuto fare a meno di notare come si metta di spalle proprio come compare vicino ai distributori nella storia di Kurabe.

Si tratta del primo incontro fra i due, ed è evidente come per Hijiyama sia un vero colpo di fulmine; tanto che gli ormoni fanno sfuggire il coinvolgimento del prof. Douji nello sviluppo delle sentinelle. Dettaglio non da poco Tamao non solo è amica d'infanzia di Keitaro ma si è anche presa cura di lui e, tuttora, si prende cura della di lui sorellina: Chihiro.

Qualche mese più tardi, nel 1945.
Keitaro Miura è finalmente in licenza e può passare un po' di tempo con la sua sorellina ma attirato uno strano bagliore si imbatte in una strana ragazzo, Natsuno Minami. Come già scritto sopra questa è la prima volta in cui un Cliffhanger si "risolve".

Posso riprendere esattamente dal punto in cui avevo lasciato: dopo aver sgamato Natsuno,arriva il momento imbarazzo"Una ragazza vestita cosi, da sola, di notte" ma vinto il suo pudore, da vero uomo dei suoi tempi, si convince a riaccompagnarla a casa.
A "salvare" Natsuno da strambe spiegazioni, arriva un evento drammatico e inatteso.

Uno squadrone americano inizia a bombardare la fabbrica di munizioni di Higoromo, la casa dei Kurabe, il luogo dove vive Chihiro è proprio in quella zona.
Miura prega Natsuno di rimanere nascosta vicino al tempio mentre lui si affretta verso la sua sorellina ma BJ "invita" la sua partner a seguirlo.
Della casa dei Kurabe non resta niente, in questo inferno di fuoco che ricorda nuovamente come e quanto in guerra non esistano altro che sconfitti non ho potuto fare a meno di osservare un dettaglio: se si rimane fermi Natsuno inizierà a tossire, in maniera sempre più forte ed incessante.

Casa Kurabe è in macerie e l'unica cosa che pare rimanere della piccola Chihiro è il coniglietto di pezzo cucito dalla sua mamma.
Fortunatamente per Keitaro, poco dopo, la sua sorellina e Tamao stanno bene. Si sono nascoste nel rifugio dopo aver sentito le sirene sebbene la Chihiro volesse ignorare gli allarmi, per non far si che il suo fratellone fosse solo una volta tornato a casa.

Il sollievo è di breve durata.
Sulla città in fiamme iniziano a torreggiare delle creature mai viste prima "Sembrano delle creature viventi".
Non dovrebbero essere in quest'epoca ma eccoli qui. I Kaiju hanno raggiunto il settore 5.
Keitaro messe al sicuro la sua sorellina, Natsuno e Tamao vicino al santuario e convinto di aver di fronte "le nuove armi americane" si decide a tornare indietro "gli faremo vedere che il Giappone sa reagire", si è addestrato per questo.

Andrà al armeria, salirà sulla Sentinella e combatterà.
Natsuno però ignora le raccomandazioni di Keitaro e, incitata da BJ lo segue.
è plausibile che vogliano usare la sentinella per tornare nel 1985 e che in questo combattimento il ragazzo finisca per riportare la sua cicatrice ma come già detto "immagino" visto che il prologo si conclude qui.

Nota personale da addetto ai lavori(Storia?? Apprezzo come in archivio gli autori(dei giapponesi) non si nascondano è mettano su carta come l'educazione dei ragazzi di quella generazione avesse un'impostazione fascista e che puntasse ad educare i giovani e renderli cittadini figli del imperialismo giapponese. Chiamando le cose con il loro nome, fascismo e imperialismo. Puri e semplici.

Dopo cosi tanta narrativa, mi sono subito buttato sulla fase di battaglia.
Le sentinelle di seconda generazione (Juro, Iori, Ryoko) continuano ad essere TROPPO superiori a tutto il resto ma l'atmosfera rimane drammatica, epica e non disdegna quando possibile qualche battuta o nota di background che permette di caratterizzare ulteriormente i pg., spezzare la tensione e dare qualche hint su eventi a cui ancora non ho assistito. Il tutto mentre la crisi si evolve e pare prendere una direzione ben precisa.

Inoltre la varietà e quantità di Kaiju avversari permette volendo di sperimentare strategie e modi di combattere differenti anche se meno efficienti.
Dai fastidiosissimi APSOS alle infinite orde di Aracnobot viste nella ottava ondata fino arrivare alla "boss fight" conclusiva, con tanto di meravigliosa ost dedicata.

In una delle precedenti ondate, Iori aveva deciso di rilasciare un drone per trovare Miwako finendo finalmente per trovarla.
Preoccupata per l'amica, Tomi decide di andarle incontro. Alla fine del ondata successiva, la ragazzina che si trovava con Miwako, "Chihiro" irrompe nel canale usato dalle Sentinelle. Il coniglio di pezza, quel aspetto, quella voce...Keitaro non ha dubbi quella è la "sua" sorellina sebbene si presenti a loro come "Chihiro Morimura", lo stesso nome della loro sensei. Sfruttando tecnologie del tutto ignote la bambina teletrasporta un milione e duecentomila persone dal Settore 4 al Settore 3 "In questo modo non dovrete preoccuparvi di fare vittime fra i civili".

Il reveal è improvviso e la soluzione sebbene funzionale ad una risoluzione più positiva del conflitto, gioca a sfavore della drammaticità che presentava l'avere dei civili coinvolti nei combattimenti. Vista la precedente apparizione di Chihiro a incitare Renya con la sentinella danneggiata, immagino che sia proprio la sua di storia quella che in grado di darmi possibili delucidazioni sul perché Chihiro sia ora "Chihiro Morimura" o cosa ci faccia qui, nel settore 4 e come abbia fatto a teletrasportare tutte quelle persone quarant'anni nel futuro.

L'ondata conclusiva della prima zona si apre con una domanda e relativa risposta.
Come fanno i Kaiju ad essere "ancora" cosi tanti, secondo i dati raccolti da Goto alla fabbrica automatica NON dovrebbero essercene cosi tanti o detta in parole povere stanno distruggendo molti più Kaiju di quanti ne possano produrre nel 2105, Okino è sicuro che i dati siano giusti.

La causa si presenta subito in tutta il suo orrore: un UPI(Unità di Produzione itinerante) delle colossali fabbriche che producono costantemente Kaiju.
Natsuno è l'unica a trovarle familiari, ne aveva visto i progetti "Nei dati del progetto interstellare" espressione che ovviamente riporta alla mente l'inizio del prologo di Miura, essendo quelle colonie appositamente create per esplorare lo spazio profondo.

Ogi UPI sembra produrre un tipo di Kaiju differente ed una volta distrutte, un'altra intrusa si presenta nel canale usato dai ragazzi.

Questa volta non è Chihiro, ma una figura che Shu riconosce immediatamente: Miyuki Inaba, che pare essere l'ultima spiaggia di cui parlava Okino.
L'unica speranza che hanno per salvarsi passa per lei e quello che deve fare al computer centrale "La vostra sopravvivenza dipende dal fatto che il Controllo universale sia in grado di elaborare i segnali inviati da me. Se l'elaborazione avvenisse prima che il Computer centrale distrugga il mondo, potremmo salvare tutti" soprassiederò solo per questa volta su concetti come "Controllo universale" o su quale possa essere la reale natura di Miyuki Inaba, perché quelle risposte arriveranno e qualcuna, seppur generica la abbiamo già: il computer centrale "può" distruggere il mondo.



Note di background aggiuntivo?
Yuki è una sukeban di nome e di fatto aveva una "sua" banda ed andava in giro "immaginando di distruggere"la città ed è pure una tsundere visto che quando Amiguchi raggiunge il limite operativo e scende dalla sentinella per proseguire in moto dando una passaggio a Ryoko si ingelosisce tantissimo.
Le sentinelle di seconda gen(Ryoko dixit) sono erano inizialmente state progettate per abbattere i piloni dei grattacieli.
Amiguchi inoltre(Ogata dixit) andava in giro a rubare moto mentre la sua da archivio è made in Shikishima.
 
Ultima modifica:

Cloud-Loku

Capomoderatore
jrpg world
Iscritto dal
26 Set 2004
Messaggi
49,990
Medaglie
11
Sono in procinto di iniziarlo anche io finalmente.

Meanwhile, visto che ultimamente dato l'impoverimento delle versioni retail, tendo a comprare solo le edizioni "abbellite" di quest'ultime (steelbox, sovracopertina, etc), ho preso online da un tizio una sovracopertina fanmade ma ben fatta. Tipo le classiche cartonate di alcune edizioni. L'unica pecca è che è fatta a misura di confezione PS4 e quindi l'artbook non ci sta.

Metto le foto direttamente sue (la cover è in Spagnolo ma io me le son fatte fare in ENG):


V7hvW77.jpg

Jt8CJ2m.jpg





Ho fatto la stessa cosa per Nier Automata (visto che la steelbox a volerla recuperare è un salasso) con questa:

1815a0_f1e9bb952d4d41069dced5685219cafe~mv2.jpg






Ne guadagna l'effetto espositivo :sard:


yZWu8LL.jpg
 
Top