• Accedi o registrati per ottenere la migliore esperienza possibile del forum di SpazioGames (e senza banner pubblicitari).

Daniel Clowes [Info - Opere - Approfondimenti - Discussioni]

Iscritto dal
20 Gen 2020
Messaggi
1
DANIEL CLOWES

A3QHmvB.jpg






Info

  • Nato a: Chicago
  • Data di nascita: 14 aprile 1961
  • Prima opera: Lloyd Llewellyn
  • Serie più conosciute: Patience - Like a Velvet Glove Cast in Iron - David Boring
Biografia in breveDaniel Gillespie Clowes è un fumettista e sceneggiatore statunitense.

Nel 1979, completata la scuola superiore, si trasferisce a New York dove si laurea nel 1984 al Pratt Institute di Brooklyn. Il suo primo lavoro ufficiale come fumettista è per il magazine Cracked nel 1985, con la serie The Uggly Family sulla quale lavora regolarmente fino al 1989.

Dal 16 settembre del 2007 fino al gennaio del 2008 il New York Times Magazine pubblica il fumetto Mister Wonderful, serializzandolo per 20 puntate in un inserto speciale che ripropone il formato a tutta pagina delle vecchie tavole domenicali. Nel 2011 Mister Wonderful viene pubblicato in volume in forma riveduta e ampliata. Nel 2010 viene pubblicato il graphic novel Wilson, che è il primo fumetto di Clowes a non essere stato serializzato su rivista o comic-book.

Dal 14 aprile 2012 al 12 agosto 2012 presso l'Oakland Museum of California si tiene la più grande esposizione delle sue opere. Clowes, assieme a Chris Ware e Robert Crumb, è l'unico fumettista americano ad avere esposto in un museo.

Clowes, in un'intervista per il sito Mother Jones, si è espresso a sfavore dell'utilizzo del termine Graphic Novel.

Nel 2006, dopo diversi problemi di salute ha subito un intervento al cuore. Attualmente vive a Oakland, California, con sua moglie Erika e suo figlio Charlie.

Wikipedia
Comic-Book

  • Lloyd Llewellyn #1-6
  • The All-New Lloyd Llewellyn in Black and White
  • Eightball #1-23
Graphic novel

  • Wilson
  • Ghost World
  • Patience
Raccolte in volume

  • #$@&! - The Official Lloyd Llewellyn Collection
  • Lout Rampage!
  • Come un guanto di velluto forgiato nel ferro
  • Pussey! - The Complete Saga of Young Dan Pussey
  • Orgy Bound
  • Ghost World
  • Caricature
  • David Boring
  • Twentieth Century Eightball
  • Ice haven
  • The death-ray
  • The Art of Daniel Clowes: Modern Cartoonist
  • Mister Wonderful: A Love Story
Premi e riconoscimenti

  • Eisner Awards
     
    Best Writer/Artist: Drama nel 2000 per Eightball
    Best Writer/Artist: Drama nel 2002 per Eightball
    Best Single Issue/Single Story nel 2002 per Eightball #22,
    Best Single Issue/Single Story nel 2005 per Eightball #23: "The Death Ray"
    Best Short Story nel 2008 per Mr. Wonderful, serializzato sul New York Times
    Best Graphic Album nel 2011 per Wilson, pari merito con Return of the Dapper Men di Jim McCann e Janet Lee
     
  • Harvey Awards
     
    Best Writer nel 1997 per Eightball
    Best Writer nel 2005 per Eightball
    Best Cartoonist (Writer/Artist) nel 2002 per Eightball
    Best Letterer nel 1991 per Eightball
    Best Letterer nel 1997 per Eightball
    Best New Series nel 1990 per Eightball
    Best Continuing or Limited Series nel 1991 per Eightball
    Best Continuing or Limited Series nel 1992 per Eightball
    Best Continuing or Limited Series nel 1997 per Eightball
    Best Single Issue or Story nel 1990 per Eightball #1
    Best Single Issue or Story nel 1991 per Eightball #3
    Best Single Issue or Story nel 1998 per Eightball #18
    Best Single Issue or Story nel 2005 per Eightball #23
    Best Graphic Album of Previously Published Work nel 2003 per 20th Century Eightball
     
  • Ignatz Awards
     
    Outstanding Story nel 1998 per Ghost World (Eightball #19)
    Outstanding Story nel 1999 per David Boring (Eightball #20)
    Outstanding Comic nel 1997 per Eightball #17
    Outstanding Comic nel 2002 per Eightball #22
    Outstanding Comic nel 2004 per Eightball #23,
    Outstanding Graphic Novel or Collection nel 1998 per Ghost World
     
  • PEN Literary Award
     
    Graphic Literature nel 2011 per l'eccezionale corpus d'opere
     
Link Utili



 
Iscritto dal
25 Gen 2015
Messaggi
8,681
Bravissimo Ryo, ci voleva questo topic!!! :dajee:

Di lui ho letto Patience, Ghost World e David Boring, tutti capolavori per me. Attendo la raccolta Eightball dalla Bao! :gab:

 

Ryo Narushima

Utente Sospeso/Bannato
Bannato
Iscritto dal
30 Giu 2009
Messaggi
17,675
Oggi ho finito Patience

Cavolo se ti prende questo fumetto. Devo ancora assimilarlo per bene, e su alcune cose non è perfetto, ma è stata una bellissima lettura. Non mi aspettavo un linguaggio così scurrile, è molto diretto, crudo, vero, pessimista, mi piace molto. E' un fumetto d'amore ma non risulta sdolcinato, anzi fa leva su molti aspetti della società moderna, individualista, con paure verso il futuro, problemi lavorativi, depressione, stato mentale in cattività ecc.

Lo stile di disegno non mi piace, proprio come tecnica e soluzioni, però fa comunque il suo bell'effetto, ricco di citazioni e piccole chicche da scoprire. E' un viaggio visivo particolare, che va un pò oltre il mero gusto personale. I personaggi non hanno chissà che evoluzione, si concentra molto su Patience, l'unico vero personaggio da scoprire realmente in questo fumetto. Non ho ben capito come si sviluppano i poteri, e forse alcune parti potevano durare un pò meno, ma nel complesso non ha grossi problemi a livello narrativo.

Molto soddisfatto di questa prima opera letta, se avete altro da consigliare o di imprescindibile accetto volentieri consigli. E' un autore che vorrei approfondire.

 
Iscritto dal
11 Giu 2013
Messaggi
3,893
Medaglie
4
Bravissimo Ryo, ci voleva questo topic!!! :dajee:
Di lui ho letto Patience, Ghost World e David Boring, tutti capolavori per me. Attendo la raccolta Eightball dalla Bao! :gab:
Chissà quanto verrà a costare :asd:

Oggi ho finito Patience
Cavolo se ti prende questo fumetto. Devo ancora assimilarlo per bene, e su alcune cose non è perfetto, ma è stata una bellissima lettura. Non mi aspettavo un linguaggio così scurrile, è molto diretto, crudo, vero, pessimista, mi piace molto. E' un fumetto d'amore ma non risulta sdolcinato, anzi fa leva su molti aspetti della società moderna, individualista, con paure verso il futuro, problemi lavorativi, depressione, stato mentale in cattività ecc.

Lo stile di disegno non mi piace, proprio come tecnica e soluzioni, però fa comunque il suo bell'effetto, ricco di citazioni e piccole chicche da scoprire. E' un viaggio visivo particolare, che va un pò oltre il mero gusto personale. I personaggi non hanno chissà che evoluzione, si concentra molto su Patience, l'unico vero personaggio da scoprire realmente in questo fumetto. Non ho ben capito come si sviluppano i poteri, e forse alcune parti potevano durare un pò meno, ma nel complesso non ha grossi problemi a livello narrativo.

Molto soddisfatto di questa prima opera letta, se avete altro da consigliare o di imprescindibile accetto volentieri consigli. E' un autore che vorrei approfondire.
Ghost world e David Boring magari sono consigli banali ma recuperali assolutamente, due vere perle. Tra l'altro l'edizione coconino è ben fatta :asd: (forse un filo troppo rigido ghost world)

 

Ryo Narushima

Utente Sospeso/Bannato
Bannato
Iscritto dal
30 Giu 2009
Messaggi
17,675
Ghost world e David Boring magari sono consigli banali ma recuperali assolutamente, due vere perle. Tra l'altro l'edizione coconino è ben fatta :asd: (forse un filo troppo rigido ghost world)
L'autore l'ho spammato pure nella mia fumetteria, è nuova quindi a terra non ha tantissimo materiale, ma dice che ordinerà queste storie perchè molti clienti oltre a me le hanno nominate.

Patience come volume mi piace, ma come carta è davvero rigida, è parecchio spessa, sembrano cartoncini :asd:

 
Iscritto dal
11 Giu 2013
Messaggi
3,893
Medaglie
4
L'autore l'ho spammato pure nella mia fumetteria, è nuova quindi a terra non ha tantissimo materiale, ma dice che ordinerà queste storie perchè molti clienti oltre a me le hanno nominate.
Patience come volume mi piace, ma come carta è davvero rigida, è parecchio spessa, sembrano cartoncini :asd:
Idem quelli coconino :asd:

 

Ryo Narushima

Utente Sospeso/Bannato
Bannato
Iscritto dal
30 Giu 2009
Messaggi
17,675
Finito in questi giorni David Boring

Bella botta, quasi non saprei cosa dire. Il primo atto sembra classico, lineare, la storia è lì, non devi scoprire niente, devi solo andare avanti e leggere i pensieri di questo protagonista così spento e disilluso, ma anche passionale e profondo. Entri nella sua vita, ti racconta le sue vicende, osservi il suo modo di relazionarsi alla società moderna, quasi stanco di una vita in cui non riesce a trovare un'identità ben precisa.

Tutto chiaro, fin quando non arriva il secondo atto, e niente sarà più lo stesso. Il viaggio di David e il lettore con cui sta parlando vengono destabilizzati. Non avverti più un piano temporale ben preciso, non capisci più la direzione dell'autore, leggi non più per seguire David, ma per cercare quell'indizio che ti riporti alla (finta) tranquillità del primo atto. Tranquillità purtroppo fasulla, perchè arriva una pallottola in testa, fumetti bizzarri, la fine del mondo e tante altre belle (brutte) cose.

Lo stile è differente da quello di Patience. Qui incombe la freddezza, un tratto asciutto, personaggi dagli occhi spenti e dinamicità dei corpi quasi assenti. Una sorta di teatrino senza fili, in cui Clowes gioca con i suoi personaggi e il lettore stesso. Insieme a David, sei nel suo mondo fittizio, e solo alla fine potrai liberarti. Una fine quasi lieta, un pò romantica, un pò onirica, che quasi non ti aspetti. Quasi un modo per scusarsi, perchè magari nel viaggio ha giocato fin troppo con la tua mente.

Opera unica, non per tutti, ma fortemente brillante. Ti accarezza e ti travolge allo stesso tempo, come un gioco perverso. Da provare, ma aspettatevi di tutto, bene e male, amore e delusione, sconforto e poesia.

 

Ryo Narushima

Utente Sospeso/Bannato
Bannato
Iscritto dal
30 Giu 2009
Messaggi
17,675
Letto Ghost World

Ammetto che non mi ha detto molto. E' scritto bene, i dialoghi scorrono via con piacere, però è proprio il tema centrale che non mi ha colpito molto. E' un susseguirsi di scene e dialoghi quotidiani, magari è per questo, non ho avvertito una vera e propria trama di fondo. Sono spaccati di vita adolescenziali, ben scritti e con il solito stile unico di Clowes. Bello, ma non mi ha colpito come le altre due opere lette.

Le edizioni non mi piacciono. Troppo grandi, troppo scomode, troppo rigide. Interessante il materiale usato per le cover, ma sono tradizionalista, preferisco un TP o al massimo un cartonato standard. Però capisco che vogliano usare formati più particolareggiati per questo autore.

 
Iscritto dal
11 Giu 2013
Messaggi
3,893
Medaglie
4
Letto Ghost World
Ammetto che non mi ha detto molto. E' scritto bene, i dialoghi scorrono via con piacere, però è proprio il tema centrale che non mi ha colpito molto. E' un susseguirsi di scene e dialoghi quotidiani, magari è per questo, non ho avvertito una vera e propria trama di fondo. Sono spaccati di vita adolescenziali, ben scritti e con il solito stile unico di Clowes. Bello, ma non mi ha colpito come le altre due opere lette.

Le edizioni non mi piacciono. Troppo grandi, troppo scomode, troppo rigide. Interessante il materiale usato per le cover, ma sono tradizionalista, preferisco un TP o al massimo un cartonato standard. Però capisco che vogliano usare formati più particolareggiati per questo autore.
sul troppo rigide posso darti ragione ma sul resto no :asd:

 

Ryo Narushima

Utente Sospeso/Bannato
Bannato
Iscritto dal
30 Giu 2009
Messaggi
17,675
sul troppo rigide posso darti ragione ma sul resto no :asd:
Il film com'è?

A te il fumetto ha colpito molto quindi? Cosa ti è piaciuto in particolare? Avete notato poi quando

parlano di Daniel Clowes in un dialogo?

- Vorrei conosce uno come Clowes

- E chi è?

- Un fumettista

- Ma io odio chi legge i fumetti

:rickds:
 
Iscritto dal
11 Giu 2013
Messaggi
3,893
Medaglie
4
Il film com'è?
A te il fumetto ha colpito molto quindi? Cosa ti è piaciuto in particolare? Avete notato poi quando

parlano di Daniel Clowes in un dialogo?

- Vorrei conosce uno come Clowes

- E chi è?

- Un fumettista

- Ma io odio chi legge i fumetti

:rickds:
Il film non l'ho mai visto ma ne ho sentito parlare bene :sisi:

Il fumetto è più un racconto di formazione, non ha una trama ben precisa se non raccontare, come hai detto te, spaccati di vita quotidiana. Proprio questo aspetto è ciò che ho apprezzato di più, tante piccoli tasselli che vanno a formare quello che sono le nostre due protagoniste :l'odio verso il mondo che le circonda, la noia, il non volersi sentire sole. Mi ha colpito molto specialmente nel finale

ambigua ma neanche troppo la tavola finale. Dannatamente triste il loro addio dettato dal diventare adulti e dal non poter vivere per sempre l'adolescenza , dal dover prima o poi prendere decisioni. La contrapposizione tra rebecca che vorrebbe che niente cambiasse e di enid che invece lotta per questo.
Ho trovato tanti spunti interessanti in questo fumetto , penso dovuti al fatto che dati i miei 20 anni trovo molto vicina la storia. Inoltre tutto sto blu, mondo fantasma per davvero :asd: Anche l'edizione è spettacolare, rigida si ma con le tavole così grandi è un piacere per gli occhi.

quel riferimento è bellissimo :rickds:

 

Ryo Narushima

Utente Sospeso/Bannato
Bannato
Iscritto dal
30 Giu 2009
Messaggi
17,675
Il film non l'ho mai visto ma ne ho sentito parlare bene :sisi: Il fumetto è più un racconto di formazione, non ha una trama ben precisa se non raccontare, come hai detto te, spaccati di vita quotidiana. Proprio questo aspetto è ciò che ho apprezzato di più, tante piccoli tasselli che vanno a formare quello che sono le nostre due protagoniste :l'odio verso il mondo che le circonda, la noia, il non volersi sentire sole. Mi ha colpito molto specialmente nel finale

ambigua ma neanche troppo la tavola finale. Dannatamente triste il loro addio dettato dal diventare adulti e dal non poter vivere per sempre l'adolescenza , dal dover prima o poi prendere decisioni. La contrapposizione tra rebecca che vorrebbe che niente cambiasse e di enid che invece lotta per questo.
Ho trovato tanti spunti interessanti in questo fumetto , penso dovuti al fatto che dati i miei 20 anni trovo molto vicina la storia. Inoltre tutto sto blu, mondo fantasma per davvero :asd: Anche l'edizione è spettacolare, rigida si ma con le tavole così grandi è un piacere per gli occhi.

quel riferimento è bellissimo :rickds:
Il finale è molto bello, credo sia il più riuscito tra quelli di Clowes. Molto triste quando

Enid dice che vorrebbe andare in un altro posto, per cambiare totalmente, perchè si detesta.
Ecco, forse i miei 30 anni mi allontanano un pò troppo da questo mondo che ormai non mi appartiene più, anzi per certi aspetti ti porta ad una fastidiosa nostalgia. Resta però un racconto di storie brevi sempre intelligente e ricco di spunti, capace di descrivere al meglio la società arrivista (il termine ''sfigato'' viene usato spesso proprio per sottolineare questa mentalità) e i dubbi che possono sorgere ad un adolescente in quel momento transitorio della sua vita.

 

Ryo Narushima

Utente Sospeso/Bannato
Bannato
Iscritto dal
30 Giu 2009
Messaggi
17,675
Sui disegni di Clowes resto della stessa idea. E' un tratto autoriale, ma non mi piace, proprio come character e forme. I toni freddi usati invece sono perfetti per disegnare questa città fantasma, fatta di fenomeni da baraccone, arrivisti, tv spazzatura, persone che giudicano e tanto cinismo. La visione di Clowes, che non è nemmeno tanto immaginaria, se ci pensiamo.

 
Iscritto dal
25 Gen 2015
Messaggi
8,681
Ghost World per me è uno dei migliori fumetti adolescenziali mai scritti :ahsisi:

Il film che ci hanno tratto è leggermente diverso, hanno messo un personaggio che non c'è nel fumetto e cambiato alcune parti, ma i temi trattati e il messaggio sono gli stessi.

 
Top