Cosa c'è di nuovo?

Elden Ring - Recensioni degli Utenti

ufficiale
Elden Ring
Quando il troppo stroppia

Elden Ring è l'ultima fatica di From Software, disponibile su PC, PS4, PS5, Xbox One e Xbox Series X|S. Quella che andrete a leggere non è una vera e propria recensione, quanto più una disamina che ruota attorno al concetto espresso dal sottotitolo. Nonostante, quindi, possiate già capire che il gioco mi abbia deluso, l'ho comunque divorato e concluso con il finale che volevo vedere, in 180 ore di gioco.

Ciò che sin da subito, purtroppo, non mi ha convinto, è stata l’ambientazione: l’Interregno mi ha sostanzialmente annoiato. Reduce da Lordran, Lothric, Drangleic e Yharnam, avevo probabilmente alte aspettative. E purtroppo non ho riscontrato lo stesso fascino nella lore di Elden Ring, nel mondo di gioco, nelle ambientazioni. Non mi ha detto veramente niente, e anzi continuavo a rimpiangere i miei amati non morti. Nonostante questo, il gameplay mi è piaciuto tantissimo, è in assoluto il migliore mai fatto da From Software.

Prima di passare al focus evidenziato, due paroline sul tanto criticato riciclo: sinceramente, a me non ha pesato, per me è un falso problema, in quanto la varietà nel gioco è smisurata.

nWOQ8TW.png

Ma andiamo al succo del discorso. Il troppo stroppia, appunto. Finita la parte della Capitale avevo la lingua di fuori. Troppi, troppi, davvero troppi boss inutili. In un Souls l’esperienza con i boss è unica e quasi irripetibile. È come quando mangi bene in un ristorante di lusso. Se ci vai tutti i giorni due volte al giorno… beh, per te diventerà la norma. Stessa cosa con i boss di Elden Ring: l’impegno che ci metti per superare una sfida è proporzionale al tipo di sfida e alla ricompensa. In Dark Souls i boss sono una ventina, e tutti garantiscono drop unici, armi nuove o l’accesso ad aree inedite da esplorare, al superamento della sfida. In Elden Ring, tutto questo viene a mancare. Se un boss non ti riesce, puoi girare i tacchi e andare a fare tutt’altro. Questa cosa, che detta così può sembrare un bene, all’interno dell’ecosistema dei Souls è un importante stravolgimento all’equilibrio di gioco e al bilanciamento dell’esperienza per il giocatore. Questo perché arrivati ad un certo punto, non si riuscirà più ad avvertire il centesimo boss come un’esperienza unica e irripetibile, ma piuttosto come l'ennesima rottura.

Aggiungo che solitamente con gli altri Souls, una volta finiti, ero avido di contenuti su YouTube. Ad oggi invece non ho praticamente visto nulla e non ho alcuno stimolo nel farlo, tanto mi ha saturato l’esperienza.


+ Miglior gameplay tra tutti i Souls


- Troppi contenuti ridondanti
- L'Interregno mi ha annoiato


In sintesi, Elden Ring è un buon gioco, ma che a causa della sua mole contenutistica mi è risultato veramente molto indigesto. Peccato.


VOTO: 7,5
 
Top