Cosa c'è di nuovo?

Guerra in Ucraina | Leggere primo post prima di intervenire

Gianpi

Capomoderatore
sezione altro
LV
2
 
Iscritto dal
27 Ago 2009
Messaggi
6,105
Reazioni
688
Medaglie
6
ANNUNCIAZIONE ANNUNCIAZIONE

Invito tutti voi a darvi una calmata, vi ricordo che è sempre un Topic Alert per il quale è importante seguire le regole che ora vi ricordo:


NO Flame/NO Member War
NO Spam/NO Continui tweet spammati
NO Trolling
NO Video in cui ci sono violenze su persone
NO Off Topic
NO Post fuori le righe
NO Contestazione pubblica alla moderazione (se volete un chiarimento su un intervento contattate me e gli altri modi in privato)


Questo è l'ultimo avvertimento che vi scriviamo, da ora in poi interverremo direttamente alle trasgressioni delle regole.

Chi sarà ammonito si aspetti di poter essere bannato o addirittura oscurato dal topic, se continuerà a non rispettare le regole.
 

True Erik

LV
0
 
Iscritto dal
29 Gen 2020
Messaggi
1,348
Reazioni
689
Medaglie
4
fa sempre bene, mette al primo posto il bene dei suoi cittadini o del suo regime o che dir si voglia, sia in un senso che in un altro, ma già che Erdogan che è un villain si trova nella NATO fa capire il livello strutturale di questa alleanza... comunque per adesso ha fatto bene a dire NO. E fa piacere solo per questo e continuiamo a sperare che non cambi idea..
Post unito automaticamente:



Si ma non capisco la ragione, la paradossale ragione che ogni qual volta si parla di questo argomento di Finlandia nella NATO... si cita "il volere popolare"... e io ripeto sempre, se guardiamo il volere popolare, nessuno in Italia avrebbe appoggiato una situazione belligerante scalmanata in politica estera, con l'invio di armi e annunci e provocazioni da bambini delle elementari... quindi il volere popolare o lo tieni sempre in conto durante le decisioni politche come queste, oppure non lo tieni in conto... che fa troppo comodo parlare di volere popolare, se questo potrebbe far scoppiare una terza guerra mondiale, allora i cari finlandesi che se lo tengano sotto i piedi il volere popolare, come noi dobbiamo tenerlo sotto i piedi da quando abbiamo una tecnocrazia al comando, e dobbiamo fare i camerieri degli amerikani e impoverci per volere superiore.
E infatti e' tutto da dimostrare che gli italiani confermeranno l'appoggio ai partiti che sostengono il governo, tant'e' che lo stesso Draghi ha fatto presente a Biden che continuando con questa strategia economica si rischierebbe un regime-change democratico all'interno dell'unione europea. :asd:
Questo significa che i nostri fallibili politici rispondono ai mezzi democratici secondo i tempi prestabiliti dalla legge, per quanto possibile.
Giustamente hai citato il pericolo della stagflazione e gli effetti delle sanzioni sulla ripresa dell'economia europea(la Germania addirittura tornera' in sostenuta recessione e anche lo scacchiere britannico crede che la loro isola subira' le stesse conseguenze), ma come mai a Putin e al suo simposio di geni assoluti non dovrebbero interessare i dati sciorinati dalla loro stessa banca centrale? -10% di Pil nel 2022 e +23% di inflazione, con ulteriori cali previsti per il 2023. Non sara' perche' forse ai dittatori dell'interesse dei cittadini comuni non importa nulla e al massimo hanno a cuore quello dei miliardari che li sostengono? Perche' mi risulta che i detrattori del regime finiscano in prigione, avvelenati o suicidi.
 

Fusenr

Professionista
LV
0
 
Iscritto dal
3 Apr 2013
Messaggi
4,141
Reazioni
606
Medaglie
4
quello che ha fatto è un reato, anche se qualche giornalaio ha cercato di abbellire la narrativa speronamento o non speronamento... e in qualsiasi altro Paese al mondo sarebbe finita in galera.. e chissà per quanto.
Basterebbe conoscere le leggi, e non solo quelle italiane per capire come funziona in tutto il mondo. Ma solo in Italia si è fatto un teatrino stucchevole su tutta la vicenda, oltrepassando le leggi,
Schematicamente: la Corte di Cassazione è pervenuta alla conclusione, con una serie di motivazioni che tengono conto congiuntamente delle legge italiana e della normativa sovranazionale di riferimento (o strumenti di diritto internazionale ratificati dall’Italia e pertanto pienamente efficaci nel nostro ordinamento), che l’adempimento del dovere di soccorso ha operato, nelle circostanze del caso di specie, come causa di giustificazione (scriminante) rimuovendo - insieme ad altri iter argomentativi per la seconda fattispecie - il carattere di reato delle due fattispecie considerate nell’accusa: “resistenza a pubblico ufficiale” e “resistenza e violenza contro nave da guerra”.

Trovi un riepilogo dei fatti, una spiegazione dei vari iter argomentativi e tanto altro qui:
https://www.sistemapenale.it/it/scheda/cassazione-sea-watch-illegittimo-larresto-di-carola-rackete

Diverse parti interessanti, fra cui questa:

In questo contesto normativo, i casi davvero problematici – come già emerso in altre recenti vicende (si pensi a quelle che hanno coinvolto le navi Alan Kurdi e Open Arms[5]) – sono quelli in cui gli Stati vengono meno all’obbligo di cooperazione, o addirittura emanano divieti di ingresso ad hoc (è il caso dei decreti ministeriali adottati in attuazione dell'art. 11 comma 1-ter T.U. imm., introdotto dal già richiamato decreto sicurezza-bis), dando vita a situazioni di stallo in cui le navi soccorritrici rimangono alla deriva con i migranti a bordo. Ebbene – se vediamo correttamente – i principi di diritto autorevolmente affermati dalla pronuncia in esame offrono una chiave per sbloccare siffatte situazioni: qualificare come adempimento del dovere la condotta del comandante che, all’esito di una ragionevole valutazione di tutte le circostanze di specie (incluso il tempo inutilmente trascorso alla fonda in attesa di una soluzione politica), ha autonomamente individuato il porto sicuro dove effettuare lo sbarco, significa riconoscere che, a fronte della protratta inerzia degli Stati costieri, la tutela dei diritti fondamentali delle persone trasportate – delle quali il comandante è per legge il garante – deve necessariamente avere la prevalenza su ogni altro tipo di valutazione inerente alla tutela dei confini nazionali. Si tratta, del resto, di un’impostazione perfettamente in linea con le Raccomandazioni emanate nel 2019 dal Commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa, secondo cui spetta al comandante stesso – a fronte dell’inerzia delle autorità, ovvero dell’indicazione di luoghi di sbarco non sicuri (come la Libia) – stabilire dove sbarcare le persone soccorse, in base alla propria valutazione professionale sulla situazione complessivamente considerata.

Se con la tua conoscenza delle leggi riesci a fornire contro-argomentazioni che inficiano il contenuto dell’articolo ti ascolto. A giudicare dal curriculum (e non solo) l’autore sembra sapere di cosa parla:
https://www.sistemapenale.it/it/autori-di-sp/zirulia-stefano
Ma il paragone non era per "giustificare" nessuno, ma era una semplice constatazione nel classificare costoro che ripetono a squarciagola sovranitàà- sono gli stessi che all'epoca blateravano che non esistevano i confini, e oggi si sono riscoperti i primi nazionalisti, che esistono i confini da rispettare e addirittura le Nazioni con una sovranità da "rispettare".. tutto fa un po sorridere pensando alla loro disamina di politica del territorio.. Ma fa sempre piacere notare che questi stanno imparando cose nuove, sul diritto, sulle leggi e tutto il resto. Compresa la famosissima sovranità territoriale di cui ci si riempie tanto la bocca oggigiorno.
Ribadisco che non so a chi ti stai riferendo con quelli che adesso sono diventati "gli stessi che" e cosa intendi con l’espressione “assenza di confini”, ma provo ad interpretare la tua insinuazione (che secondo me va anche off topic) e a rispondere nel merito. Le frontiere tra Stati esistono, dopodiché mi sembra scontato che pronunciarsi contrari alla chiusura totale delle frontiere nazionali sul tema dell’immigrazione e sostenere il diritto all’autodifesa di uno Stato aggredito militarmente da un altro (il quale mira a comprometterne la sovranità nazionale) non siano posizioni in contraddizione tra loro all’interno di una data linea di pensiero perché, come ho cercato di evidenziare nella risposta precedente, mi sembra ugualmente scontato che siano piani completamente diversi. Cioè, non scherziamo.
 
Ultima modifica:

Revolver Ocelot

Mettiti la mascherina...
LV
2
 
Iscritto dal
3 Lug 2005
Messaggi
3,887
Reazioni
79
Medaglie
6

Revolver Ocelot

Mettiti la mascherina...
LV
2
 
Iscritto dal
3 Lug 2005
Messaggi
3,887
Reazioni
79
Medaglie
6
Corretto. Però in Finlandia non c'è freschetto senza gas visto che il gas ricopre un ruolo assolutamente secondario nei consumi energetici finlandesi ed è utilizzato pressoché esclusivamente a livello industriale.
Fonti?
Detto così sembra un discorso fazioso campato pe aria, considerando i lunghi e gelidi inverni finlandesi, dove nei periodi più freddi si arriva anche a -50° :ahsisi:
 

Heinrich

Divinità
Moderatore
sezione calcio
LV
2
 
Iscritto dal
6 Gen 2007
Messaggi
30,183
Reazioni
6,547
Medaglie
11
Fonti?
Detto così sembra un discorso fazioso campato pe aria, considerando i lunghi e gelidi inverni finlandesi, dove nei periodi più freddi si arriva anche a -50° :ahsisi:
Anche lo stesso articolo che hai postato, basterebbe leggerlo. Il gas ricopre fra il 5% ed il 6% dei consumi energetici finlandesi e non viene usato per il riscaldamento. Tant'è che giusto un mese fa si dicevano pronti a fare a meno delle importazioni di gas russo già dal prossimo autunno:
 

Revolver Ocelot

Mettiti la mascherina...
LV
2
 
Iscritto dal
3 Lug 2005
Messaggi
3,887
Reazioni
79
Medaglie
6
Anche lo stesso articolo che hai postato, basterebbe leggerlo. Il gas ricopre fra il 5% ed il 6% dei consumi energetici finlandesi e non viene usato per il riscaldamento. Tant'è che giusto un mese fa si dicevano pronti a fare a meno delle importazioni di gas russo già dal prossimo autunno:

L'articolo che ho linkato non specifica come viene utilizzato il gas ; sicuramente i finlandesi non usano la stufetta elettrica per scaldarsi, questo è poco ma sicuro. :ahsisi:
 

Dorsai

m'arimbarza
LV
2
 
Iscritto dal
1 Apr 2004
Messaggi
74,664
Reazioni
398
Medaglie
9
Aggiungo che è tutto da dimostrare che quello di Erdogan sia un "no" e non un "cosa mi date per dire sì?".
concordo, ma non è solo c'è anche la Croazia
Post unito automaticamente:

fa sempre bene, mette al primo posto il bene dei suoi cittadini o del suo regime o che dir si voglia, sia in un senso che in un altro, ma già che Erdogan che è un villain si trova nella NATO fa capire il livello strutturale di questa alleanza... comunque per adesso ha fatto bene a dire NO. E fa piacere solo per questo e continuiamo a sperare che non cambi idea..
Anche no, diciamo il bene del suo regime , I curdi o meglio "Turchi di Montagna" come li chiama il regime sono cittadini Turchi , dubito assai che essere bombardati e tenuti in povertà rappresenti il loro bene , nè la volontà di tenere uno status di guerriglia permanente credo rappresenti il bene del Paese , per tacere lo status di belligeranza costante con territori confinanti visto che va a bombardare i Curdi anche in Siria
Post unito automaticamente:

No , quello Russo costa meno , ma la Norvegia è un produttore cui peraltro si rivolgeranno la Germania e i Paesi del NOrd Europa per sostituire parzialmente il gas Russo , da ultimo anche se percentualmente la dipendenza Finlandese dal gas Russo è alta , non lo è in cifre assolute visto che sono meno di 6 milioni gli abitanti della Finlandia , praticamente appena il doppio di Milano
Post unito automaticamente:


Bè ha ragione , non sono stati i Russi, ma i Berkut , le forze speciali della Polizia Ukraina creata dal regime filorusso e poi sciolte dal nuovo governo, ovviamente ricostituite in Crimea dai Russi, si sono distinte anche all'inizio, prima di arrivare alle arme , quando hanno sostituito i normali manganelli di gomma con alcuni speciali in metallo e con quelli han caricato i manifestanti
 
Ultima modifica:

Revolver Ocelot

Mettiti la mascherina...
LV
2
 
Iscritto dal
3 Lug 2005
Messaggi
3,887
Reazioni
79
Medaglie
6
concordo, ma non è solo c'è anche la Croazia
Post unito automaticamente:


Anche no, diciamo il bene del suo regime , I curdi o meglio "Turchi di Montagna" come li chiama il regime sono cittadini Turchi , dubito assai che essere bombardati e tenuti in povertà rappresenti il loro bene , nè la volontà di tenere uno status di guerriglia permanente credo rappresenti il bene del Paese , per tacere lo status di belligeranza costante con territori confinanti visto che va a bombardare i Curdi anche in Siria
Post unito automaticamente:


No , quello Russo costa meno , ma la Norvegia è un produttore cui peraltro si rivolgeranno la Germania e i Paesi del NOrd Europa per sostituire parzialmente il gas Russo , da ultimo anche se percentualmente la dipendenza Finlandese dal gas Russo è alta , non lo è in cifre assolute visto che sono meno di 6 milioni gli abitanti della Finlandia , praticamente appena il doppio di Milano
Non stavamo parlando di prezzi, ma di percentuali di approvvigionamento di gas, quindi non cambiare discorso, al momento la Russia è il primo fornitore di gas in Finlandia.
Auguri a creare nuove infrastrutture per convogliare il gas dalla Norvegia in Nord Europa.
 

Dorsai

m'arimbarza
LV
2
 
Iscritto dal
1 Apr 2004
Messaggi
74,664
Reazioni
398
Medaglie
9
Si ma non capisco la ragione, la paradossale ragione che ogni qual volta si parla di questo argomento di Finlandia nella NATO... si cita "il volere popolare"... e io ripeto sempre, se guardiamo il volere popolare, nessuno in Italia avrebbe appoggiato una situazione belligerante scalmanata in politica estera, con l'invio di armi e annunci e provocazioni da bambini delle elementari... quindi il volere popolare o lo tieni sempre in conto durante le decisioni politche come queste, oppure non lo tieni in conto... che fa troppo comodo parlare di volere popolare, se questo potrebbe far scoppiare una terza guerra mondiale, allora i cari finlandesi che se lo tengano sotto i piedi il volere popolare, come noi dobbiamo tenerlo sotto i piedi da quando abbiamo una tecnocrazia al comando, e dobbiamo fare i camerieri degli amerikani e impoverci per volere superiore.
Ci sono situazioni e situazioni , la Svezia è neutrale dal 1843 mi sembra e la Finlandia lo è da 70 anni , qui non si tratta di scelte contingenti , si tratta di cambiamenti epocali è ovvio che si tiene conto della volontà popolare in questi casi.

E comunque c'è un film che esplicita bene cosa significa avere governi che seguono i likes o i sondaggi del momento, il suo titolo è Idiocracy ovvero idiocrazia o anche democrazia degli idioti

I veri leaders governano i propri Paesi li guidano, non si fanno trascinare da Twitter
Post unito automaticamente:

Non stavamo parlando di prezzi, ma di percentuali di approvvigionamento di gas, quindi non cambiare discorso, al momento la Russia è il primo fornitore di gas in Finlandia.
Auguri a creare nuove infrastrutture per convogliare il gas dalla Norvegia in Nord Europa.
Io non ho detto in Finlandia , ho detto nell'area
 

Revolver Ocelot

Mettiti la mascherina...
LV
2
 
Iscritto dal
3 Lug 2005
Messaggi
3,887
Reazioni
79
Medaglie
6
Ci sono situazioni e situazioni , la Svezia è neutrale dal 1843 mi sembra e la Finlandia lo è da 70 anni , qui non si tratta di scelte contingenti , si tratta di cambiamenti epocali è ovvio che si tiene conto della volontà popolare in questi casi.

E comunque c'è un film che esplicita bene cosa significa avere governi che seguono i likes o i sondaggi del momento, il suo titolo è Idiocracy ovvero idiocrazia o anche democrazia degli idioti

I veri leaders governano i propri Paesi li guidano, non si fanno trascinare da Twitter
Post unito automaticamente:


Io non ho detto in Finlandia , ho detto nell'area
Ok, ma la Finlandia rientra comunque in quest'area.
Ad ogni modo, rimane il fatto che creare delle nuove infrastrutture in grado di soddisfare la stesso carico di approvvigionamento di gas uguale a quella russo, richiede moltissimo tempo e denaro, senza parlare del prezzo del gas che di per sé sarà ovviamente più alto.
Rinnovo i miei auguri, soprattutto ai contribuenti.
 

Heinrich

Divinità
Moderatore
sezione calcio
LV
2
 
Iscritto dal
6 Gen 2007
Messaggi
30,183
Reazioni
6,547
Medaglie
11
L'articolo che ho linkato non specifica come viene utilizzato il gas ; sicuramente i finlandesi non usano la stufetta elettrica per scaldarsi, questo è poco ma sicuro. :ahsisi:
Prendiamo l'ultimo anno di cui abbiamo tutti i dati ufficiali, il 2020:
Qui puoi vedere come il consumo di gas naturale per uso domestico sia di 376 GWh su un totale di 60984 GWh, ovvero lo 0.62% del totale:
Energy consumption in households, GWh
2020
Wood
Total13,154
Heating of spaces10,905
Household appliances.
Lighting.
Cooking.
Other electrical equipment.
Heating of saunas1,833
Heating of domestic water416
Peat
Total39
Heating of spaces25
Household appliances.
Lighting.
Cooking.
Other electrical equipment.
Heating of saunas.
Heating of domestic water13
Coal
Total0
Heating of spaces0
Household appliances.
Lighting.
Cooking.
Other electrical equipment.
Heating of saunas.
Heating of domestic water.
Heavy fuel oil
Total6
Heating of spaces4
Household appliances.
Lighting.
Cooking.
Other electrical equipment.
Heating of saunas.
Heating of domestic water2
Light fuel oil
Total2,575
Heating of spaces2,019
Household appliances.
Lighting.
Cooking.
Other electrical equipment.
Heating of saunas.
Heating of domestic water556
Natural gas
Total376
Heating of spaces218
Household appliances100
Lighting.
Cooking100
Other electrical equipment.
Heating of saunas.
Heating of domestic water57
Ambient energy
Total5,811
Heating of spaces4,870
Household appliances.
Lighting.
Cooking.
Other electrical equipment.
Heating of saunas.
Heating of domestic water941
District heat
Total16,982
Heating of spaces11,357
Household appliances.
Lighting.
Cooking.
Other electrical equipment.
Heating of saunas.
Heating of domestic water5,624
Electricity
Total22,041
Heating of spaces9,820
Household appliances8,518
Lighting1,512
Cooking798
Other electrical equipment6,209
Heating of saunas1,230
Heating of domestic water2,472
Total
Total60,984
Heating of spaces39,220
Household appliances8,619
Lighting1,512
Cooking898
Other electrical equipment6,209
Heating of saunas3,063
Heating of domestic water10,082
16982 GWh sono di teleriscaldamento, che per uso domestico viene prodotto al 12.3% da gas naturale, quindi per un altro 3.43% del totale di energia per uso domestico:
Share of total production, %
2020
Oil (Fossil fuels)1.5
Hard coal (Fossil fuels)12.0
Natural gas (Fossil fuels)12.3
Other fossil fuels4.1
FOSSIL FUELS TOTAL29.9
Peat13.2
FOSSIL FUELS AND PEAT TOTAL43.1
Black liquor (Renewable fuels)0.6
Other wood fuels (Renewable fuels)38.0
Other renewables4.9
RENEWABLE FUELS TOTAL43.5
Other energy sources13.4
TOTAL PRODUCTION OF DISTRICT HEAT100.0
22041 GWh sono di elettricità, che viene prodotta al 4.8% da gas naturale, quindi un altro 1.73% del totale di energia per uso domestico:
Share of total electricity production (%)
2020
SSS TOTAL ELECTRICITY CONSUMPTION100.0
1 ELECTRICITY PRODUCTION81.5
1.1 Hydro power19.2
1.2 Wind power9.7
1.3 Solar power0.3
1.4 Nuclear energy27.4
1.5 Hard Coal2.8
1.6 Oil0.2
1.7 Natural gas4.8
1.8 Peat2.4
1.9 Wood fuels12.6
1.10 Other renewables0.8
1.11 Other fossil fuels1.1
1.12 Other energy sources0.3
1.13 Other fuels..
2 NET IMPORTS OF ELECTRICITY18.5


Abbiamo quindi un 5.78% del consumo totale di tutta l'energia per uso domestico (quindi non limitato al semplice riscaldamento) derivante da gas. Se ci limitassimo al riscaldamento la percentuale sarebbe ancora più bassa (5.32 % del totale di energia utilizzata per il riscaldamento). Possiamo dire che i finlandesi non usano la stufetta elettrica per scaldarsi ma allo stesso tempo usano pochissimo gas?

P.S. Il post mi si è cancellato un paio di volte quindi potrei aver commesso qualche errore nel calcolo delle percentuali ma ad uno sguardo veloce mi sembrano corrette.
 

yonkers86

leader zone
Area off topic
LV
3
 
Iscritto dal
8 Ott 2004
Messaggi
46,601
Reazioni
3,521
Medaglie
20
Dopo un rivedibile tentativo di accerchiamento, i russi sono stati allontanati da Kharkiv e pare abbiano abbandonato qualsiasi velleità di prendere la città.
 

moon knight

Divinità
LV
2
 
Iscritto dal
13 Set 2009
Messaggi
17,189
Reazioni
481
Medaglie
7
Bè ha ragione , non sono stati i Russi, ma i Berkut , le forze speciali della Polizia Ukraina creata dal regime filorusso e poi sciolte dal nuovo governo, ovviamente ricostituite in Crimea dai Russi, si sono distinte anche all'inizio, prima di arrivare alle arme , quando hanno sostituito i normali manganelli di gomma con alcuni speciali in metallo e con quelli han caricato i manifestanti

Per quanto riguarda le proteste dell'Euromaiden, si. Per il resto invece andò full complottismo.
 

dante3vergil

LV
2
 
Iscritto dal
7 Ott 2009
Messaggi
51,075
Reazioni
967
Medaglie
10
Dopo un rivedibile tentativo di accerchiamento, i russi sono stati allontanati da Kharkiv e pare abbiano abbandonato qualsiasi velleità di prendere la città.
Top 3 esercito mondiale :sisi:

EDIT:

anzi, forse top 2!

 
Ultima modifica:

Dorsai

m'arimbarza
LV
2
 
Iscritto dal
1 Apr 2004
Messaggi
74,664
Reazioni
398
Medaglie
9
Top 3 esercito mondiale :sisi:

EDIT:

anzi, forse top 2!

Ma la palla che molti filoputiniani cercavano e cercano di rifilarci era che I Russi non stavano usando tutto il loro potenziale e in particolare l'aviazione perchè non volevano distruggere tutto visto che poi lo dovevano occupare ed eventualmente ricostruire e sopratutto nel Donbass non volevano uccidere i Russi

In realtà stanno radendo tutto al suolo incluse le città filorusse (ex filorusse vedi Mariupol) ma stanno prendendo di mira le infrastrutture civili , se avete seguito i reportage di Francesca Mannocchi su Propaganda Live dalle varie interviste saltan fuori molte cose una di queste è che i Russi stano deliberatamente distruggendo i trattori e dando fuoco alle coltivazioni di grano , i contadini lavorano con indosso i giubbotti antiproiettile , uno di loro lavorando alla trebbiatrice è stato ucciso da una mina , stanno rendendo impossibile mietere e raccogliere il grano

E Lavrov va nei paesi del terzo mondo a dire che è l'Occidente che vuole affamarli
 

dante3vergil

LV
2
 
Iscritto dal
7 Ott 2009
Messaggi
51,075
Reazioni
967
Medaglie
10
Ma la palla che molti filoputiniani cercavano e cercano di rifilarci era che I Russi non stavano usando tutto il loro potenziale e in particolare l'aviazione perchè non volevano distruggere tutto visto che poi lo dovevano occupare ed eventualmente ricostruire e sopratutto nel Donbass non volevano uccidere i Russi

In realtà stanno radendo tutto al suolo incluse le città filorusse (ex filorusse vedi Mariupol) ma stanno prendendo di mira le infrastrutture civili , se avete seguito i reportage di Francesca Mannocchi su Propaganda Live dalle varie interviste saltan fuori molte cose una di queste è che i Russi stano deliberatamente distruggendo i trattori e dando fuoco alle coltivazioni di grano , i contadini lavorano con indosso i giubbotti antiproiettile , uno di loro lavorando alla trebbiatrice è stato ucciso da una mina , stanno rendendo impossibile mietere e raccogliere il grano

E Lavrov va nei paesi del terzo mondo a dire che è l'Occidente che vuole affamarli
D'altra parte però, non ricordo se nei reportage della Mannocchi, sentivo che ormai non sempre accolgono l'esercito ucraino, perché il loro arrivo significa altri scontri, e i civili non ne possono più. Voglio dire: vero quello che dici (perlomeno, anch'io avevo sentito questa cosa), ma non sempre è così ahimè
 

PEVO

Moderatore
area tech
LV
2
 
Iscritto dal
26 Apr 2010
Messaggi
25,630
Reazioni
1,308
Medaglie
12
Come sta andando questa guerra? Scusate se torno qui ogni 2-3 settimane per chiedere info e un recap della situazione, ma non ho proprio tempo per stare dietro al mare di notizie (tante anche inutili) che sta producendo la stampa.
 

moon knight

Divinità
LV
2
 
Iscritto dal
13 Set 2009
Messaggi
17,189
Reazioni
481
Medaglie
7
Come sta andando questa guerra? Scusate se torno qui ogni 2-3 settimane per chiedere info e un recap della situazione, ma non ho proprio tempo per stare dietro al mare di notizie (tante anche inutili) che sta producendo la stampa.
Il fronte è statico a Kherson, gli ucraini resistono ancora asserragliati all'Azovstal di Mariupol. i russi hanno preso Popasna nella regione di Lugansk, gli ucraini hanno respinto i russi dietro al loro confine nella regione di Kharkiv, o quantomeno in parte di essa, ma la città sembrerebbe essere adesso fuori dal raggio dell'artiglieria. I russi hanno subito gravi perdite in seguito al fallimento dell'attraversamento di un fiume.





 
Top