Cosa c'è di nuovo?

Guerra in Ucraina | Leggere primo post prima di intervenire

Gianpi

Capomoderatore
sezione altro
LV
2
 
Iscritto dal
27 Ago 2009
Messaggi
6,251
Reazioni
796
Medaglie
7
ANNUNCIAZIONE ANNUNCIAZIONE

Invito tutti voi a darvi una calmata, vi ricordo che è sempre un Topic Alert per il quale è importante seguire le regole che ora vi ricordo:


NO Flame/NO Member War
NO Spam/NO Continui tweet spammati
NO Trolling
NO Video in cui ci sono violenze su persone
NO Off Topic
NO Post fuori le righe
NO Contestazione pubblica alla moderazione (se volete un chiarimento su un intervento contattate me e gli altri mod in privato)
NO copiare/incollare contenuti di carattere "paywall" (ad esempio articoli che richiedono la sottoscrizione di un abbonamento per poter essere consultati)


In questo thread possono essere postati e discussi, oltre a tutti i fatti di cronaca relativi al conflitto in atto, quelli "collaterali" di carattere politico che hanno luogo al di fuori del nostro Paese. Per fare un esempio: discussione politica italiana sul caro energia come conseguenza delle sazioni alla Russia NO, matrice politica dell'attentato a Dugina SI.


Questo è l'ultimo avvertimento che vi scriviamo, da ora in poi interverremo direttamente alle trasgressioni delle regole.

Chi sarà ammonito si aspetti di poter essere bannato o addirittura oscurato dal topic, se continuerà a non rispettare le regole.
 
Ultima modifica:

rabber71

Singolare Qualunque
LV
4
 
Iscritto dal
23 Ago 2011
Messaggi
4,197
Reazioni
636
Medaglie
10
Interessante o preoccupante questo passaggio



Un azienda che campa di vendita di armamenti decide di triplicare la catena di montaggio per far fronte ad una domanda che ad oggi è tutto merito dell'ucraina e che sarà pronta nel 2025 è abbastanza rivelatorio.
Un investimento del genere non lo fai se non sai o prevedi concretamente che la guerrà in ucraina durerà oltre il 2025 o prevedi seriamente altre guerre " nato " all'orizzonte.
Oppure semplicemente è una nuova e probabilmente piccola azienda di armamenti che prevede di crescere ( non la conosco ne ho approfondito)

P.s. rettifico l'azienda usa citata è la 5° al mondo negli armamenti

Io sono convinto della seconda che hai detto.
Nell'articolo che ho postato l'altro giorno si affrontava proprio questo aspetto:

Dietro le quinte, gli Stati Uniti e altre potenze della NATO hanno esortato le compagnie di difesa occidentali ad aumentare la produzione [...] tuttavia, funzionari e analisti hanno affermato che gli appaltatori della difesa sono stati lenti a rispondere in attesa di assicurazioni che questo aumento di appetito per le armi non passi.
"Quello che dicono è essenzialmente mostrami i soldi", ha detto Mark Cancian, che è stato capo della struttura delle forze del Pentagono e della divisione investimenti fino al 2015. "La loro paura è che la guerra finisca, gli ordini finiranno e loro si ritroveranno con le fabbriche ampliate ma senza ordini per riempirle”.



Cambiando discorso, anche oggi un mega cazziatone:

"Se noi ucraini non siamo stanchi, il resto dell'Europa non ha il diritto né morale né politico di essere stanco"
Lo ha affermato il ministro degli esteri ucraino Dmytro Kuleba in una conferenza stampa in cui ha anche esortato l'UE a imporre nuove sanzioni alla Russia!

Scattare e non rompete i coglioni :shrek:

 

Fusenr

Professionista
LV
1
 
Iscritto dal
3 Apr 2013
Messaggi
5,188
Reazioni
1,050
Medaglie
6
Altra piccola riflessione del colonnello Stirpe. Come al solito, non è esente da critiche.

Giorno 272

Ieri ho esposto le mie perplessità nei confronti di quella che vedo come una difformità da parte della maggioranza dei commentatori nell’affrontare notizie e prese di posizione a seconda che provengano da Mosca o da Kyiv: in sostanza sembra che Putin goda di una sorta di “rendita di posizione” da “cattivo” nei confronti di Zelensky, che a differenza di lui sembra condannato a doversi comportare in maniera politicamente corretta anche se si trova a guidare un Paese invaso e in guerra.
Oggi vorrei andare più nel dettaglio andando a esaminare le rispettive rigidità nei confronti di un approccio negoziale e le reazioni che tali rigidità sembrano suscitare nell’opinione pubblica.
Ieri Peskov ha ribadito che “la Russia intende raggiungere tutti i suoi obiettivi, e li raggiungerà”. Ora, Dmitri Peskov non è uno qualunque nel Regime russo: è il portavoce ufficiale del Presidente, quindi se parla lui è come se parlasse Putin. In sostanza l’orso ha ribadito che intende annettersi tutti i territori indicati, de-nazificare l’Ucraina cambiandone il Governo e ri-educandone la popolazione, e assicurarsi che non possa aderire al campo occidentale osservando invece la più stretta neutralità (sotto sorveglianza russa).
Tutto questo, indipendentemente dal tempo che occorrerà e dalle distruzioni che questo comporterà...
Recentemente, Zelensky ha praticamente fatto affermazioni speculari: l’Ucraina intende liberare tutti i territori occupati fino al confine internazionalmente riconosciuto, ottenere risarcimenti economici, giustizia internazionale per i crimini di guerra, e perseguire l’adesione tanto alla EU che alla NATO.
Due posizioni chiare, completamente antitetiche e del tutto inconciliabili che lasciano ben poco spazio per una mediazione che infatti nessuno intende tentare proprio per evitare di “bruciarsi”.
Eppure la reazione dei commentatori a tali affermazioni, tanto mainstream che social, è completamente diversa.
Quando Zelensky esprime una netta chiusura a trattare con i russi, ci si stracciano le vesti. L’Ucraina si dimostra “irragionevole”, il suo presidente “si è montato la testa”, e l’Occidente dovrebbe “fare pressioni” per “costringere” Kyiv a trattare dimostrandosi flessibile, perché ovviamente quando si tratta “occorre essere disposti a rinunciare a qualcosa”.
Quando invece è la Russia ad esprimere rigidità – e anche una notevole mancanza di realismo vista la situazione militare sul campo – nessuno dice niente: la dichiarazione di Peskov è passata praticamente inosservata.
Perché questa differenza?
Sinceramente non credo ci sia una sorta di “congiura” internazionale volta a provocare una diversa reazione allo stesso comportamento da parte delle due parti contrapposte. Penso piuttosto che questa discrepanza che a me appare stridente e che invece passa sotto silenzio da parte dei media sia in realtà frutto dell’evoluzione psicologica occidentale: la stessa per intenderci che porta al fenomeno che ho descritto con l’analogia del bullo e della sua vittima, con il passante che suggerisce a quest’ultima di non reagire per evitare di scatenare ulteriormente la violenza dell’aggressore.
In sostanza, io credo che l’opinione pubblica ormai sia in realtà schierata contro Putin: l’orso Vladimiro è irrimediabilmente marchiato con la stigma del “cattivo”, mentre l’Ucraina è riconosciuta dalla maggioranza degli europei come “una di noi”... E che quindi dovrebbe comportarsi “come noi”.
Non siamo quindi veramente davanti al rifiuto di sostenere un Nazione europea aggredita da una dittatura (anche se la guerra ibrida di Mosca cerca di sfruttare i nostri meccanismi sociali a proprio vantaggio): siamo di fronte ad una nostra contraddizione interna che stiamo proiettando su un nostro vicino in difficoltà che percepiamo vicino a noi.
Per certi versi questo mi rasserena: non c’è un eccesso di “neutralismo” nel continuo apparente sforzo di mettere la Russia nella luce migliore e l’Ucraina in quella peggiore possibile di fronte ad una situazione in cui è fin troppo evidente chi sia il “buono” e chi il “cattivo”. C’è invece una nuova forma di espressione dello stesso complesso di colpa europeo che ha portato recentemente a revisionare la storia in senso peggiorativo per tutto ciò che riguarda le parti e i personaggi che siamo abituati a considerare “nostri”.
Giulio Cesare e i romani sono quindi diventati degli schiavisti e dei genocidi alla pari con Cristoforo Colombo, mentre i barbari e i nativi sono diventati vittime bisognose di giustizia; il processo risorgimentale italiano che abbiamo studiato a scuola come un episodio di cui andare fieri viene sminuito e vilificato fino a trasformarsi in una sordida congiura massone e inglese ai danni di monarchi benevoli ed illuminati, l’Austria-Ungheria sconfitta nella Prima Guerra mondiale si sta lentamente trasformando in un reame tollerante ed inclusivo da noi ingiustamente aggredito e distrutto in nome di ideali “fascisti”, e perfino gli alleati occidentali durante la Seconda sarebbero stati in qualche modo corresponsabili del nazismo e i metodi da loro usati per sconfiggerlo li metterebbero sullo stesso piano di chi ha generato l’Olocausto... Olocausto che poi qualcuno vorrebbe anche poter negare, in nome della libertà di pensiero.
Secondo questo modo di pensare, distinguere nella storia fra “buoni” e “cattivi” non sarebbe solo semplicistico, ma addirittura infantile e ridicolo: non basterebbe più fare dei distinguo, ma occorrerebbe ribaltare completamente i giudizi consolidati rimettendo tutto in discussione in maniera asettica partendo dal principio che TUTTI hanno torti e ragioni in misura equivalente. E nel dubbio occorre sempre dimostrare buona volontà accettando da parte nostra di essere stati ed essere tuttora sempre dalla parte del torto in quanto comunità. Salvo naturalmente essere sempre dalla parte dei “giusti” in quanto individui, proprio in quanto ci si pone immancabilmente in opposizione rispetto alla comunità cui apparteniamo.
Una sorta di comportamento collettivo masochistico volto ad assolverci in quanto individui dalle responsabilità della società a cui apparteniamo ma che preferiamo criticare per non doverla supportare.
Un modo di pensare che ci porta, nell’assistere al famoso atto di bullismo, a chiamarci fuori: invece di farci parte attiva per la soluzione del problema e affrontare personalmente il bullo per difendere la vittima, preferiamo dare la colpa alla società che non fa “qualcosa” di tempestivo e di efficace; ma se la facesse, saremmo lì per criticarla. Il ruolo che ci appare più congeniale è sempre quello di giudice, che ci appare (incongruamente) scevro di responsabilità e ci lascia appunto liberi dall’obbligo di prendere posizione.
Dalla posizione di “giudice” appare possibile e addirittura saggio ripartire equamente le responsabilità fra bullo e vittima e in questo modo auto-assolversi per la propria passività.
La colpa di ciò che avviene può invece essere comodamente scaricata sulla “società” da cui ci si picca di essere dissidenti, e il gioco è fatto.
Nessuna responsabilità, e la soddisfazione di essere nel giusto.
Soprattutto, nessun rischio di dover affrontare una sgradevole violenza fisica.
La viltà elevata a virtù.

Orio Giorgio Stirpe

Mi credi se ti dico che io non ne sapevo niente? O meglio, ho sentito in lungo e in largo della storia dei stupri di massa, di bambini violentati, dei soldati "viagrizzati" (e ancora adesso se ne parla diffusamente), ma non ricordo di aver sentito nei vari tg che la Lyudmila si era inventato tutto. E non ricordo nemmeno di averlo letto sui vari quotidiani: probabilmente ne avranno parlato nascondendo la notizia dopo le previsioni del tempo, Ilary che ha rubato gli orologi di Totti e le mega offerte di Trony.
La notizia è passata. Volevo trattenermi ma poi mi sono chiesto retoricamente per quale motivo dovrei farlo, per cui:

 

Fusenr

Professionista
LV
1
 
Iscritto dal
3 Apr 2013
Messaggi
5,188
Reazioni
1,050
Medaglie
6
Macron ha annunciato la sua intenzione di avere “un contatto diretto” con Putin “nei prossimi giorni”. Lo riportano i media francesi.


Ma il Cremlino smentisce con Peskov, contatto non ancora previsto in calendario.


Peskov che tra l'altro, a margine del vertice dell'Organizzazione del trattato di sicurezza collettiva (CSTO) a Erevan in Armenia, commenta: "Il completamento con successo dell'operazione militare speciale non è in dubbio".

"Putin è sicuramente disponibile a trattare" (cit.)

A parte il commento dell'autore del tweet, in Armenia prima del vertice succedeva anche questo:



Traduzione automatica da video (sottotitoli in inglese generati) con Targum:


Si può usare questo sito anche per gli altri qui sotto.



 

Fusenr

Professionista
LV
1
 
Iscritto dal
3 Apr 2013
Messaggi
5,188
Reazioni
1,050
Medaglie
6
In questo attacco missilistico:



Un azienda che campa di vendita di armamenti decide di triplicare la catena di montaggio per far fronte ad una domanda che ad oggi è tutto merito dell'ucraina e che sarà pronta nel 2025 è abbastanza rivelatorio.
Certo, come no. Poi "merito" (?)...
"Se noi ucraini non siamo stanchi, il resto dell'Europa non ha il diritto né morale né politico di essere stanco"
Lo ha affermato il ministro degli esteri ucraino Dmytro Kuleba in una conferenza stampa in cui ha anche esortato l'UE a imporre nuove sanzioni alla Russia!
"Le marionette degli USA"(cit.)
Credo che più o meno tutti sappiano cosa sia "NAFO" (North Atlantic Fellas Organization).
Visto ciò che scrivi in merito, credo che tu non lo sappia.
molestano e trollano chiunque critica l'Ucraina.
Può darsi che alcuni aderenti esagerino, ma quella che tu definisci "critica all'Ucraina" è pura e semplice disinformazione basata sull'alterazione delle notizie. Per esempio ecco una persona con uno di questi avatar che interviene proprio sotto il tweet che hai usato per la disinformazione che hai appena fatto sull'intervista al comandante della Legione georgiana.






- Also, at the beginning of the full-scale invasion, it was reported that you had allegedly told your military not to take prisoners. And you denied that too. Is this also part of the information war?
- I would say that this is more like Russian propaganda. The Russian TV channel which I gave an interview to acted in a slightly "Russian" manner. They cut the interview and did it a little differently - the way they needed it to be.
I said that we do not take prisoners; we hand prisoners over to special services that deal with prisoners of war.
Russian propaganda said that we just kill them. There were some [random] shots of someone killing someone else, and the Russian media presented it as the Georgian Legion shooting Russian prisoners of war.
That’s how they spin it, and they do it every day, just because we have been the largest foreign battalion in Ukraine since 2014. Of course work is being done against us. There are special services that deal with it. Russia has initiated more than one criminal case against me.

Come minimo andava riportata anche questa intervista con la smentita da parte sua e la spiegazione sul taglio operato dal canale russo. Visto? La "fella" è stata utile a combattere la disinformazione fornendo un quadro più completo.

PS: L'account twitter "russian with attitude" lo conosco, è filorussissimo.

Il suo co-fondatore, Kamil Dyszewski alias Kama Kamilia, ha spieganto di aver scelto la Legione Georgiana come beneficiaria dei fondi raccolti perché riteneva che la loro reputazione di mercenari e criminali avrebbe precluso loro di ricevere sostegno da governi stranieri.
Fonte?

Comunque non hanno una struttura gerarchica, l'unica cosa che li riunisce è disinnescare la propaganda russa di disinformazione, per cui le eventuali inclinazioni ideologiche del fondatore contano ben poco. Mi sembra ci possa essere letteralmente chiunque. Spiega qui:


Poi non eri tu che avevi messo il like a questo post? Sì, eri tu.


In questo caso non vale o stai facendo statistiche "a fondatore"? E potrei dire la stessa cosa sull'episodio cruento associato alla Legione georgiana che hai postato. In ogni caso qualora lo si voglia approfondire ho letto questi due articoli:



Peraltro Kuleba a riguardo aveva detto:

Ukraine's foreign minister Dmytro Kuleba was asked about the incident at a NATO press conference on Thursday.

He said he had not seen the video but was aware of it. He added: "The Ukrainian army observes the rules of warfare. There might be isolated incidents of violations of these rules and they will definitely be investigated."
 
Ultima modifica:

Finlathorn

LV
0
 
Iscritto dal
4 Nov 2022
Messaggi
196
Reazioni
51
Medaglie
3
Come minimo andava riportata anche questa intervista con la smentita da parte sua e la spiegazione sul taglio operato dal canale russo. Visto? La "fella" è stata utile a combattere la disinformazione fornendo un quadro più completo.

PS: L'account twitter "russian with attitude" lo conosco, è filorussissimo.
Che pazienza che ci vuole.
 

DJsparco

Professionista
LV
1
 
Iscritto dal
26 Nov 2009
Messaggi
3,130
Reazioni
923
Medaglie
5
Certo, come no. Poi "merito" (?)...
Non mi pare siano nati o si siano intensificati altri confliti di rilievo al di fuori di quello ucraino a cui la 5° azienda al mondo per armamenti potrebbe vendere munizione NATO tanto da voler triplicare la capacità della sua catena di montaggio che sarà attiva solo nel 2025.
é un bel investimento che richiederà minimo 2 anni di tempo.
Si prevede che il conflitto duri ancora anni ed anni?
Si prevedono nuove guerre all'orizzone? dove, con chi?
Si prevede di armare ancor più pesantemente la nato? perchè?

Di sicuro un azienda del genere che fa un investimento del genere, non vendendo pattatine, qualcosa la dice. Io non ho la sfera di cristallo ma qualche domanda me la pongo a meno di non pensare che incomincerà a distribuire 155mm come vibratori e 5.56 come ciucci per bambini.
 

Fusenr

Professionista
LV
1
 
Iscritto dal
3 Apr 2013
Messaggi
5,188
Reazioni
1,050
Medaglie
6
Non mi pare siano nati o si siano intensificati altri confliti di rilievo al di fuori di quello ucraino a cui la 5° azienda al mondo per armamenti potrebbe vendere munizione NATO tanto da voler triplicare la capacità della sua catena di montaggio che sarà attiva solo nel 2025.
é un bel investimento che richiederà minimo 2 anni di tempo.
Si prevede che il conflitto duri ancora anni ed anni?
Si prevedono nuove guerre all'orizzone? dove, con chi?
Si prevede di armare ancor più pesantemente la nato? perchè?

Di sicuro un azienda del genere che fa un investimento del genere, non vendendo pattatine, qualcosa la dice. Io non ho la sfera di cristallo ma qualche domanda me la pongo a meno di non pensare che incomincerà a distribuire 155mm come vibratori e 5.56 come ciucci per bambini.
Il punto del mio commento era far notare che hai ricercato la causa ultima dell'aumento del volume della domanda nel governo ucraino, in una situazione in cui - devo nuovamente dire una cosa scontata ma vabbè - c'è l'Ucraina che chiede munizioni per difendersi contro l'invasione russa. Nemmeno hai scritto, almeno, "per la guerra in Ucraina" e per te sembra fuori discussione dire che, se la Russia non avesse invaso l'Ucraina, la seconda non avrebbe bisogno delle munizioni per difendersi. Vabbè, continuo a dire cose scontate. Fintanto che sono due righe non importa.
 
Ultima modifica:

SANJI87

Moderatore
sezione altro
mercatino
LV
4
 
Iscritto dal
4 Lug 2010
Messaggi
28,769
Reazioni
4,138
Medaglie
27
Ma è mai possibile che come mi giro un attimo, partite ad attaccarvi? Bisogna sempre stare qui con il fucile spianato.
 

DJsparco

Professionista
LV
1
 
Iscritto dal
26 Nov 2009
Messaggi
3,130
Reazioni
923
Medaglie
5
Ed anche caracciolo è diventato putiniano.
Avanti il prossimo :bananarap:



Mio dio sti fanatici sono un cancro fin troppo esteso.
 

rabber71

Singolare Qualunque
LV
4
 
Iscritto dal
23 Ago 2011
Messaggi
4,197
Reazioni
636
Medaglie
10
Ed anche caracciolo è diventato putiniano.
Avanti il prossimo :bananarap:



Mio dio sti fanatici sono un cancro fin troppo esteso.


Sono i danni della russofobia, che non permette di distinguere una semplice analisi da una "richiesta".
In nessuna parte di quell'editoriale Caracciolo avanza la "richiesta di abbandonare l'Ucraina al loro torturatore", eppure anche solo "immaginare" le intenzioni di Putin cercando di interpretare le sue azioni sul campo ti rende automaticamente un miserabile filorusso :stress:
 

Fusenr

Professionista
LV
1
 
Iscritto dal
3 Apr 2013
Messaggi
5,188
Reazioni
1,050
Medaglie
6
Veramente bravo e chiarissimo.

 

rabber71

Singolare Qualunque
LV
4
 
Iscritto dal
23 Ago 2011
Messaggi
4,197
Reazioni
636
Medaglie
10
Sostieni anche tu i nazisti criminali della Legione Georgiana, potrai avere in cambio un bell'avatar dagli amici della NAFO.

Donazione-Legione.png


Puoi anche arruolarti e venire a combattere in Ucraina, in questo modo potrai liberamente torturare, commettere esecuzioni arbitrarie e crimini di guerra, tutto alla luce del sole...e sarai anche pagato dal governo ucraino. Inoltre riceverai un compenso extra grazie ai fondi che gli amici della NAFO raccolgono per noi. Pensa che hanno già racimolato oltre un milione di dollari!
Non è fantastico?


Non ti devi preoccupare, il mondo ci difenderà, i ragazzi della NAFO stanno facendo un ottimo lavoro e dove non arrivano loro ci penseranno istituzioni nazionali e internazionali inventandosi balle di sana pianta per giustificare le nostre scorribande.
Si tratta di una tattica collaudata: pensa che la balla dei soldati viagrizzati che utilizzano lo stupro come tattica di guerra era già stata utilizzata in Libia quando fu rovesciato Gheddafi. E, allora come oggi, il mondo ci ha creduto e i nostri crimini di guerra sono passati in secondo piano.
Non è fanstatico?


Sei un criminale ricercato e latitante? Qui, nell'esercito ucraino, potrai trovare un rifugio sicuro e nessuno ti verrà a cercare.
Guarda il nostro amico Lang: lui è un latitante accusato negli Stati Uniti di omicidio, oltre a essere indagato dall'FBI per crimini di guerra.
Qui con noi può torturare e uccidere in libertà, pagato e coccolato dal governo.
Non è fantastico?



Sei una pippa e non sai combattere, torturare ecc.?
Non preoccuparti, i nostri amici nazisti del battaglione Azov hanno dei campi di addestramento efficentissimi e bellissimi con libero acceso a chiunque dai 9 anni in su: ci penseranno loro a insegnarti i valori della xenofobia, del nazismo e della supremazia bianca.

..



Non esitare, arruolati anche tu e se sarai fortunato potrai magari prendere parte a un colpo di Stato e massacrare decine e decine e decine e decine di manifestanti come nel 2014, quando il nostro comandante fu uno dei protagonisti della strage di Maidan organizzata dagli USA per rovesciare il governo democraticamente eletto di Yanukovich.

Non farti sfuggire questa occasione: ai uont iu
 

Fusenr

Professionista
LV
1
 
Iscritto dal
3 Apr 2013
Messaggi
5,188
Reazioni
1,050
Medaglie
6







 

Finlathorn

LV
0
 
Iscritto dal
4 Nov 2022
Messaggi
196
Reazioni
51
Medaglie
3


Non esitare, arruolati anche tu e se sarai fortunato potrai magari prendere parte a un colpo di Stato e massacrare decine e decine e decine e decine di manifestanti come nel 2014, quando il nostro comandante fu uno dei protagonisti della strage di Maidan organizzata dagli USA per rovesciare il governo democraticamente eletto di Yanukovich.

Non farti sfuggire questa occasione: ai uont iu

Il Guardian? Strano, mi ricordavo parole poco lusinghiere verso i media mainstream...:hmm:


The training camp, known as Partizan, is run by the Russian Imperial Movement (RIM), an ultranationalist, quasi-paramilitary organization which claims to be fighting for the “predominance of the white race.”
The Russian government considers RIM to be extremist, but has not banned the group.


Ma no, neonazisti in Russia? Pazzesco, non mi sarei mai aspettato tale ipocrisia. O invece sì. Ma c'è chi chiude un occhio, o anche tutti e due.
Sembra proprio che la Russia abbia voluto dimostrare di essere i migliori nazisti, sul campo!
 

Fusenr

Professionista
LV
1
 
Iscritto dal
3 Apr 2013
Messaggi
5,188
Reazioni
1,050
Medaglie
6
Il Guardian? Strano, mi ricordavo parole poco lusinghiere verso i media mainstream...:hmm:
Si continua a fare cabaret e a inserire un po' di disinformazione qui e là sullo sfondo di una guerra. Forse poi dà fastidio un po' di contradditorio al punto da ignorarlo e non si riescono ad accettare critiche legittime. Quindi in sintesi si continua anche con le manifestazioni di intolleranza... mentre ci si riempie la bocca con denunce di xenofobia, nazismo e supremazia bianca. Quando si dice la coerenza.

---

 
Ultima modifica:

rabber71

Singolare Qualunque
LV
4
 
Iscritto dal
23 Ago 2011
Messaggi
4,197
Reazioni
636
Medaglie
10
Il Guardian? Strano, mi ricordavo parole poco lusinghiere verso i media mainstream...:hmm:


The training camp, known as Partizan, is run by the Russian Imperial Movement (RIM), an ultranationalist, quasi-paramilitary organization which claims to be fighting for the “predominance of the white race.”
The Russian government considers RIM to be extremist, but has not banned the group.


Ma no, neonazisti in Russia? Pazzesco, non mi sarei mai aspettato tale ipocrisia. O invece sì. Ma c'è chi chiude un occhio, o anche tutti e due.
Sembra proprio che la Russia abbia voluto dimostrare di essere i migliori nazisti, sul campo!

E quindi?
Anche in Italia ci sono: hanno fatto una retata giusto una decina di giorni fa

Anche in Grecia ci sono neonazisti, anche in Francia, anche in Germania...scegli un paese a caso e anche lì ci saranno sicuramente gruppi neonazisti.
Non ci arrivi, vero?
 
Top