• Accedi o registrati per ottenere la migliore esperienza possibile del forum di SpazioGames (e senza banner pubblicitari).

Ufficiale Sci-fi - Fantascienza - saghe letterarie

ufficiale
M

Millyna

Philip K. Dick (1928 - 1982)

PhilipDick.jpg



Genere: Fantascienza Opere di maggior rilievo: La svastica sul sole, Ma gli androidi sognano pecore elettriche? | Bibliografia completa Breve biografia: Philip Kindred Dick (Chicago, 16 dicembre 1928 – Santa Ana, 2 marzo 1982) è stato uno scrittore statunitense. La fama di Dick, noto in vita esclusivamente nell'ambito della fantascienza, crebbe notevolmente nel grande pubblico e nella critica dopo la sua morte, in patria come in Europa (in Francia e in Italia negli anni ottanta divenne un vero e proprio scrittore di culto), anche in seguito al successo del film Blade Runner del 1982 liberamente ispirato a un suo romanzo. In vita pubblicò quasi solamente opere di narrativa fantascientifica - un genere all'epoca considerato "di consumo" - ed è stato successivamente rivalutato come un autore postmoderno precursore del cyberpunk e, per certi versi, antesignano dell'avantpop. Gli sono stati dedicati molteplici studi critici che lo collocano ormai tra i classici della letteratura contemporanea. Temi centrali dei suoi visionari romanzi sono la manipolazione sociale, la simulazione e dissimulazione della realtà, la comune concezione del "falso", l'assuefazione alle sostanze stupefacenti e la ricerca del divino. Un tema frequente nelle opere di Dick è il confronto tra esseri umani e non umani: alieni, creature soprannaturali, androidi. Dick è oggi considerato uno dei più importanti ed innovativi autori di fantascienza e, più in generale, uno dei più grandi scrittori della letteratura statunitense del secondo dopoguerra; le sue opere sono caratterizzate da un'inquieta indagine sui temi della realtà (con riprese originalissime delle riflessioni filosofiche sull'ontologia), della simulazione e del falso, della teologia cristiana (in special modo la meditazione paolina e luterana, ma soprattutto di origine gnostica), della storia e della società degli Stati Uniti, e più in generale su quel nodo di idee e problematiche noto come postmoderno o tardo capitalismo. Pervasa da una patina di pessimismo (senza che manchino però sprazzi di ammirazione per la dignità dell'uomo comune che sappia dire di no alla prevaricazione dei potenti nei momenti cruciali, e una sotterranea fiducia nel potere salvifico dell'arte), l'opera di Dick è segnata da una profonda attenzione ai problemi psichiatrici dei vari personaggi, a una ricerca del divino che non scade mai nel dogmatismo o nel moralismo, a una meditazione non sistematica ma a tratti decisamente originale sull'idea dell'uomo e dell'umano. Tutto ciò però non è mai, neanche nelle ultime opere cosiddette "teologiche", svincolato dal contesto storico in cui Dick viveva o scriveva.


Piccola curiosità:

L'opinione largamente diffusa, ai suoi tempi e ancora oggi, di Dick che scrive le sue opere sotto l'influenza dell'LSD è solamente una leggenda, divulgata per tanti motivi (non tutti per forza cattivi) da giornalisti, curatori e amici, e tollerata, quando non incoraggiata, da Dick stesso. La nomea di persona dedita agli stupefacenti, in un primo momento gli rese bene in termini di vendite, ma alla fine si trasformò in una specie di maledizione. Dick, in realtà, non assunse mai eroina, cocaina o cannabis e le sue esperienze con l'Lsd furono poche. Da una di queste esperienze, nel 1964, derivò una delle visioni del romanzo Labirinto di morte; in un'altra si mise a parlare in latino (lingua studiata alle superiori) come accade in Valis. Da un'assunzione di mescalina nel maggio del 1970 ricavò la trama di Scorrete lacrime, disse il poliziotto. Assumeva, in compenso, fin da adolescente a causa dei suoi attacchi di panico, anfetamine, di cui abusò fra il 1970 e il 1972, in seguito del divorzio con Nancy, fino al ricovero in una clinica canadese dopo un tentativo di suicidio.
Dick ha assunto due pseudonimi durante la sua carriera:

  • Richard Phillips è la firma posta sotto al racconto Un certo tipo di vita nel 1953.
  • Jack Dowland è il nome con cui pubblicò Orfeo dai piedi d'argilla. Il protagonista di questo racconto vuole ispirare l'autore Jack Dowland, considerato il più grande scrittore di fantascienza del XX secolo. Nella storia, Dowland pubblica un breve racconto intitolato "Orfeo con piedi di argilla", con lo pseudonimo "Philip K. Dick". Il cognome Dowland si riferisce al compositore rinascimentale John Dowland, a cui ci si riferisce direttamente anche nel romanzo Scorrete lacrime, disse il poliziotto. Nel romanzo Divina invasione della trilogia di Valis, il personaggio 'Linda Fox' è una cantante famosa il cui intero corpus di opere è costituito da registrazioni di composizioni di John Dowland. Inoltre, alcuni protagonisti dei racconti di Dick sono chiamati 'Dowland'.
In occasione del 30° anniversario della morte dell'autore, la casa editrice Fanucci, dal 1 Marzo 2012, ha deciso di ripubblicare le sue opere a prezzi interessanti (6.90 euro l'uno) Tra l'altro, ultimamente molti dei suoi libri erano di difficile reperibilità (infatti con il primo gruppo di lettura, per molti fu abbastanza difficile trovare il libro), quindi non possiamo che esserne contenti. Ecco qui, l'elenco delle opere dell'autore che ritroveremo in libreria in nuova edizione. http://www.fanucci.it/libri.php?keyword=trentadick

 
Ultima modifica:
L

Lateralus

Hunger Games - La trilogia (2008 - 2010)
313px-The_hunger_games.svg.png



Il titolo del libro corrisponde al nome del "reality show" ambientato nella nazione di Panem, governata dal dispotico Presidente Snow, al quale partecipano un ragazzo e una ragazza estratti a sorte da ciascuno dei dodici distretti di cui è composta la Nazione. Questi distretti anni addietro si erano ribellati al controllo della capitale di Panem, Capitol City, e di conseguenza la stessa Panem, come simbolo per punire i distretti, istituì gli Hunger Games, nei quali i 24 partecipanti devono affrontarsi e combattere su un terreno pieno di insidie e di trappole, finché uno solo rimane vivo. Katniss, la protagonista del romanzo, vive nel Distretto 12 ed è costretta ad andare a caccia insieme al suo amico Gale perché il padre minatore è morto sul lavoro. Ogni distretto è infatti specializzato nell'estrazione o produzione di oggetti che possano servire agli abitanti di Capitol City, i quali invece vivono nel lusso. Ogni anno gli abitanti dei distretti assistono alla mietitura, cioè la scelta dei partecipanti al reality. In quel giorno tutti i ragazzi compresi tra i 12 e i 18 anni indossano il vestito migliore che posseggono e si presentano nella piazza della città, dove vengono registrati: i biglietti con i nomi dei candidati vengono inseriti in un contenitore dal quale avviene il sorteggio. Date le durissime condizioni di vita all'interno di alcuni distretti, gli abitanti dello stesso possono "acquistare" forniture di olio, grano e altri prodotti, aggiungendo ulteriori biglietti con il nome di un familiare nel contenitore per l'estrazione. [Fonte: Wiki]
image_book.php
Hunger Games (Link anobii)
image_book.php
La ragazza di fuoco (Link anobii)
image_book.php
Il canto della rivolta (Link anobii)

Autrice Suzanne Collins (1962)
author-bio-pic.jpg



Suzanne Collins (Hartford, 10 agosto 1962) è una scrittrice e sceneggiatrice statunitense. La sua carriera inizia nel 1991, quando inizia a scrivere sceneggiature per programmi televisivi per bambini. È diventata famosa grazie al romanzo Hunger Games, primo di una trilogia. L'idea degli Hunger Games (giochi della fame) si è fatta strada nella sua mente quando faceva zapping tra le immagini dei reality show e quelle della guerra vera. I suoi libri sono stati tradotti in 40 paesi e continuamente ristampati: in totale Hunger Games ha venduto 87 milioni di copie, di cui 50 milioni negli Stati Uniti e 1 milione in Italia. Un vero caso editoriale, tanto che la rivista "Time" ha nominato Suzanne Collins tra le 100 più influenti personalità nel 2010. Nel novembre 2013 è uscito il film Hunger Games: La ragazza di fuoco di cui è stata anche produttrice. [Fonte: Wiki] Sito ufficiale di Suzanne Collins

----


Qualcuno li ha letti? Volevo opinioni. :sisi:

 
Ultima modifica:

D&D

Iscritto dal
15 Nov 2006
Messaggi
45,693
Medaglie
6
LV
1
 
fantascienza-def1.jpeg


Il link che segue rappresenta la migliore bibliografia in materia fantascientifica, fantastica e orrifica, sia dal punto di vista letterario che saggistico; per ogni autore vengono contrassegnati opere e filone narrativo, oltre le varie edizioni e traduzioni (Catalogo Vegetti )

http://www.fantascienza.com/catalogo/

Topic di riferimento, monotematici, presenti in sezione:

Frank P. Herbert Hunger Games (Trilogia) - Suzanne Collins Isaac Asimov Libri cyberpunk Metro - Dmitry Glukhovsky Philip K. Dick Ray Bradbury Addio a Richard Matheson

Indice sommario degli autori/opere citati nel thread in modo più approfondito:

Aa.Vv:: La galassia di Asimov (Martin H. Greenberg presenta): androidi e robot,

listone + 1 + 1 + 1 Aresi, Paolo: Il giorno della sfida Asimov, isaac: Per una lettura della Fondazione Barnes, John: Un secolo di ordinaria follia Brown, Frederic: Sentinella Bulgakov, Michail: Cuore di cane Bulgakov, Michail: Le uova fatali + 1 Casares, Adolfo Bioy: L'invenzione di Morel

Clarke, Arthur C.: La città e le stelle + Le guide del tramonto Crichton, Michael: Congo Dick, Philip: Noi Marziani Heinlein, A.: Non Temerò Alcun Male di Robert Gibson, William: Neuromante 1 + 1 + 1 + 1 Mongai, Massimo: Memorie di un cuoco d'astronave

Pohl, Frederick: I mercanti dello spazio + 1 Simak, Clifford: City (Anni senza fine) Slonczewki, Joan: Le mura dell'eden Stith, John E.: La città sull'orlo del nulla Tevis, Walter S.: Futuro in trance

Vogt, Alfred Elton van: Crociera Nell'Infinito + 1 Wyndham, John: I figli dell'invasione Wyndham, John: Il giorno dei trifidi Doctor Funk, listone di Gargaros, listone di

 
Ultima modifica da un moderatore:

beppe92

Legend of forum
Iscritto dal
28 Apr 2006
Messaggi
5,964
LV
0
 
Frank Patrick Herbert (1920 - 1986)

Frank_Herbert_-_1984.jpg





Genere: Fantascienza

Opere di maggior rilievo: Il Ciclo di Dune

Breve biografia: Frank Patrick Herbert (Tacoma, 8 ottobre 1920 – Madison, 11 febbraio 1986) è stato un autore di fantascienza statunitense. Scrittore acclamato dalla critica, ha contemporaneamente riportato un successo di pubblico a livello mondiale. Rimane noto soprattutto per il suo romanzo Dune e per i cinque successivi libri della serie: il ciclo di Dune affronta temi complessi cari allo scrittore come la sopravvivenza umana, l'evoluzione, l'ecologia e la commistione di religione, politica e potere.

Dune vinse nel 1965 il Premio Nebula, a cui fece seguito il Premio Hugo nel 1966, cioè entrambi i massimi riconoscimenti nell'ambito fantascientifico. Da molti degli appassionati del genere è considerata l'opera migliore di fantascienza epica mai scritta e rimane certamente una delle più popolari.

Bibliografia (fonte wiki)

Ciclo di Dune

Dune (Dune, 1965)

Messia di Dune (Dune Messiah, 1969)

I figli di Dune (Children of Dune, 1977)

L'imperatore-*** di Dune (God Emperor of Dune, 1981)

Gli eretici di Dune (Heretics of Dune, 1984)

La rifondazione di Dune (Chapterhouse Dune, 1985)

Altri romanzi

Smg. Ram 2000 (The Dragon in the Sea, 1959)

Progetto Coscienza (Destination: Void, 1965)

Il cervello verde (The Green Brain, 1966)

Gli occhi di Heisenberg (The Eyes of Heisenberg, 1966)

La barriera di Santaroga (The Santaroga Barrier, 1968)

Creatori di dei (The Godmakers, 1972)

Progetto 40 (Hellstrom's Hive, 1973)

Esperimento Dosadi (The Dosadi Experiment, 1977)

Creatori di Paradisi (The Heaven Makers, 1978)

Salto nel vuoto (The Jesus incident, 1979)

Il morbo bianco (The White Plague, 1982)

----




Ho finito oggi il primo romanzo del ciclo di Dune, così ho deciso di aprire questo topic.

Probabilmente uno fra i migliori scrittori di Science Fiction, il suo ciclo di Dune è diventato un caposaldo della letteratura fantascientifica ispirando giochi, film (consigliato il film di Dune diretto da David Lynch //content.invisioncic.com/a283374/emoticons/sisi.gif) e serie tv. Avevo letto che anche il buon vecchio Lucas aveva preso qualche spunto da questa serie per il suo Star Wars, non ci vuole molta fantasia per vedere in Tatooine molte cose di Arrakis.

Nel suo ciclo più famoso si possono vedere molti temi che rendono questa serie molto complessa e adatta a più livelli di lettura, tra i quali l'ecologia, lo sfruttamento dei pianeti, la sopravvivenza degli esseri umani, la componente religiosa e gli intrighi della politica e della vita di corte.

L'autore è riuscito a concatenare con estrema sapienza armi e usanze tipicamente medievali: la corte, i castelli e le armi bianche in combattimento (che ricordano i vecchi fantasy) a quelle prettamente più fantascientifiche come scudi, laser, navicelle spaziali. Un altro pregio è il fatto che è riuscito a creare, come Tolkien, un intero universo vivo con un passato, presente, futuro, riuscendo a ricreare la vita quotidiana di una civiltà, le loro abitudini e tradizioni.

Insomma un romanzo completo ed epico.

Voi avete letto qualcosa di questo autore? Commenti?

Dune (Trama, senza spoiler)

Il Duca Leto Atreides viene designato dall'Imperatore per amministrare il pianeta desertico Arrakis - detto DUNE - al posto del sinistro Barone Harkonnen. Il pianeta è considerato il più importante dell'universo, in quanto solo lì viene prodotto il melange, una sorta di droga che dona poteri di veggenza e che concede le capacità per pilotare la navi da trasporto interplanetario (rendendola quindi necessaria per tutti gli scambi commerciali dell'universo). Quello che Leto e la sua famiglia non sanno è che c'è in atto una cospirazione per annientare la casata degli Atreides. Nel frattempo, l'ordine religioso delle Bene Gesserit ritiene che Paul, il figlio del Duca, possa essere lo Kwisatz Haderach, una sorta di profeta con poteri di preveggenza mai visti prima...

by Kal1m3r0
 
Ultima modifica da un moderatore:

The Queen

regina in pensione
Iscritto dal
20 Lug 2012
Messaggi
1,907
LV
0
 
George Orwell (1903-1950)

george-orwell.jpg


  • Genere: Distopia totalitaria
  • Opere di maggior rilievo: 1984; La Fattoria degli Animali
  • Breve Biografia:George Orwell nasce in India il 25 giugno 1903 con il nome di Eric Arthur Blair, a Motihari, nel Bengala. La famiglia è di origine scozzese. Il padre, angloindiano, è funzionario dell'Indian Civil Service, l'amministrazione britannica in India. La sua famiglia è di modeste condizioni economiche e appartiene a quella borghesia dei sahib che lo scrittore stesso definirà ironicamente "nobiltà senza terra", per le pretese di raffinatezza e decoro che contrastavano con gli scarsi mezzi finanziari a sua disposizione. Dell'università, nulla gli importa. Nel '22 si arruola nella polizia indiana e presta servizio nel Burma. Il sistema sociale indiano, però, lo disgusta, e nel '27 ritorna a Londra. Qui inizia a studiare letteratura da autodidatta, con alfieriana determinazione. Non riesce a stare fermo, però. Va a vivere tra i poveri e gli homeless, poi si trasferisce a Parigi, a fare il lavapiatti, colmo di disprezzo per la bohème nullafacente. Ha, evidentemente, idee tutte sue sulla vita e sulla letteratura. Torna a Londra nel '29, di nuovo tra poveri e diseredati. La libertà intellettuale è una tradizione profondamente radicata, senza la quale è improbabile che esisterebbe la nostra cultura specificatamente occidentale. È una tradizione alla quale molti dei nostri intellettuali stanno visibilmente voltando le spalle. Nel 1945 si dimette da direttore del "Tribune" e diviene corrispondente di guerra da Francia, Germania e Austria per conto dell'"Observer". Nello stesso anno muore la moglie, mentre Orwell pubblica il suo primo romanzo di successo: "La fattoria degli animali". Nel 1947 si stabilisce con il figlio a Jura, una fredda e disagiata isola delle isole Ebridi. È minato dalla tubercolosi, il clima non si confà alle sue disperate condizioni di salute, costringendolo a continui ricoveri in sanatorio. Nel 1949 si risposa con Sonia Bronwell, redattrice di "Horizon", e si occupa della revisione della sua opera più celebre: 1984. Muore per il cedimento di un'arteria polmonare il 21 gennaio 1950, in un ospedale di Londra, a 46 anni.
 
Ultima modifica da un moderatore:
Iscritto dal
22 Feb 2010
Messaggi
27,430
LV
0
 
Gli autori

A3Dqfhr.jpg


James S. A. Corey è il nome d'arte dietro i due scrittori Daniel Abraham e Ty Franck. Nome e cognome sono i secondi nomi, rispettivamente, di Abraham e Franck, mentre S. e A. sono le iniziali della figlia di Abraham.

Utilizzando questo nome i due hanno pubblicato Leviathan - Il risveglio (Leviathan Wakes) nel 2011 (in Italia è arrivato nel 2015), il primo capitolo in una serie di fantascienza chiamata La distesa (The Expanse). Leviathan - Il risveglio è stato nominato per il "Premio Hugo per il miglior romanzo" e per il Premio Locus, sezione "Romanzo di fantascienza", nel 2012, mentre il terzo volume della serie, Abaddon's Gate (ancora inedito in italiano), è riuscito a vincere, nel 2014, il Premio Locus come Miglior Romanzo di fantascienza.

Il duo ha firmato un contratto con la Orbit Books per la pubblicazione di ben 9 romanzi nella serie dell'Expanse, pubblicati uno a distanza di 1 anno dall'altro.

Dalla serie La distesa è tratta la serie TV The Expanse, in onda dal 2015 sul canale SyFy. In Italia è ancora inedita.

I libri

Leviathan - Il Risveglio

W2PtHg7.jpg


L'umanità ha colonizzato l'intero sistema solare, spingendosi fino all'orbita di Nettuno grazie alla scoperta di un avveniristico motore a fusione. Jim Holden presta servizio sulla Canterbury, un cargo che trasporta ghiaccio attraverso gli infiniti spazi tra gli anelli di Saturno e la Fascia, l'arcipelago di asteroidi che si estende tra Marte e Giove. Incaricato di ispezionare il relitto di una nave spaziale, la Scopuli, sopravvivrà alla distruzione della Canterbury in seguito a un proditorio attacco nemico. Un fatto inaudito che porta la Terra, Marte e la Fascia sull'orlo della catastrofe planetaria. Nel frattempo, sull'asteroide Ceres, il detective Miller è impegnato nelle ricerche di Julie Mao, una giovane ribelle che ha rinnegato la sua famiglia sulla Terra e si è rifugiata nella Fascia. La ragazza sembra scomparsa nel nulla, ma le sue tracce portano dritto al relitto della Scopuli e a una vicenda di orribili esperimenti che qualcuno sta tentando di insabbiare, anche a costo di scatenare una guerra senza precedenti.

Caliban - La Guerra

XNaSupV.jpg


Su Ganimede, il pianeta granaio dell'intero sistema gioviano e fonte di approvvigionamento per i pianeti più esterni, un marine dell'esercito di Marte assiste inerme allo sterminio del suo plotone, massacrato da un mostruoso supersoldato. Nel frattempo, Venere è stata invasa da una protomolecola aliena altamente infettiva che, dopo aver apportato misteriosi e catastrofici cambiamenti all'equilibrio del pianeta, minaccia di espandersi nell'intero sistema solare. Sulla Terra, un politico di alto rango lotta per evitare che si riaccenda la guerra interplanetaria. È in questo scenario che James Holden e l'equipaggio della Rocinante provano a mantenere la pace all'interno dell'Alleanza dei Pianeti Esterni. Quando accettano di aiutare uno scienziato a ritrovare un bambino scomparso in una Ganimede devastata dalla guerra, comprenderanno che in gioco c'è molto più della sorte di un singolo. L'avvenire dell'umanità è nelle loro mani, ma riuscirà una sola navicella a impedire un'invasione aliena che forse è già cominciata? Un'epopea visionaria e avveniristica, un viaggio in un futuro remoto ma al tempo stesso sorprendentemente tangibile.

Abaddon's Gate - La Fuga

cEr9ckn.jpg


Per generazioni, il sistema solare - Marte, la Luna, la fascia degli asteroidi - è stato la grande frontiera dell'umanità, il confine oltre il quale si estendevano mondi sconosciuti e insondabili, fino al giorno in cui un artefatto alieno ha abbandonato la sua orbita di operatività, sotto le nuvole di Venere, ed è apparso nell'orbita di Urano dove ha dato vita a un enorme portale, la via che conduce a un'oscurità senza stelle. Jim Holden e l'equipaggio della Rocinante fanno parte di una spedizione organizzata per raggiungere il misterioso artefatto e svelarne gli arcani. Il loro scopo è comprendere se, per il genere umano, il portale sia una minaccia o una straordinaria opportunità. Non sanno che un'intelligenza superiore ha ordito una trama segreta che ha come obiettivo la distruzione di Holden e di chiunque voglia conoscere ciò che deve rimanere ignoto. Gli uomini della Rocinante non immaginano che il pericolo peggiore è più prossimo di quanto non sembri...

Cibola Burn - La Cura

jONiF4x.jpg


Quando i portali che collegano a mondi lontani sono stati aperti e la via per la colonizzazione della nuova frontiera tracciata, orizzonti luminosi si sono spalancati di fronte all’umanità, portatori di conoscenza e benessere. Eppure qualcosa sembra non essere andato per il verso giusto. Ilus, il primo pianeta della nuova frontiera a essere colonizzato dagli umani, è sconvolto dalla violenza. I coloni lottano per affrancarsi da un potere dispotico e soverchiante, che reprime nel sangue ogni anelito di indipendenza e stronca ogni progetto di creazione di un mondo veramente nuovo, sintesi di umano e alieno. James Holden e il suo equipaggio vengono spediti a bordo della Rocinante nel bel mezzo della rivolta. La loro è una missione impossibile: trovare uno spiraglio di pace tra tanta violenza e restituire ordine a un caos che ormai sembra inarrestabile, perché da esso nasce il morbo, la pestilenza che minaccia l’universo e che sta uccidendo, insieme agli uomini, il sogno di civilizzazione fin lì intrapreso.

Link utili

Pagina dei libri sul sito ufficiale della Fanucci Editore: http://www.fanucci.it/collections/the-expanse

Topic della serie tv di The Expanse: http://forum.spaziogames.it/board/threads/522830-The-Expanse-Prima-stagione-conclusa-Seconda-stagione-annunciata-Syfy?p=22994818#post22994818

_____________________________________




Ho voluto aprire il topic perché questa serie, per quanto mi riguarda, è meravigliosa.

Lo stile di scrittura è davvero scorrevole, la trama è piena zeppa di colpi di scena ed i personaggi sono uno più interessante dell'altro. Ho scoperto questi libri grazie alla serie tv ed ora non riesco a farne a meno, ne sono diventato ossessionato.

In Italia, al momento, sono usciti due libri (su nove, di cui tre devono ancora uscire in USA) ed il terzo è in arrivo (Amazon riporta il 1° Settembre, speriamo bene). Io vi consiglio vivamente di leggere i libri e di guardare anche la serie tv, che è fedele alla controparte cartacea (anche se, per ovvi motivi, mancano alcune cose ed altre sono state aggiunte) e merita parecchio.

 
Ultima modifica da un moderatore:

Elaine Deithwen

Divinità
Iscritto dal
23 Feb 2013
Messaggi
4,184
LV
0
 

Joe Abercrombie nasce a Lancaster, Inghilterra, il 31 dicembre 1974. Studiò nella soffocante Lancaster Royal Grammar School, scuola per soli ragazzi, passando molto tempo giocando ai videogames, tirando dadi nei giochi di ruolo e tracciando mappe di posti inesistenti. Successivamente si laureò in psicologia alla Manchester University. Dadi e mappe sparirono, ma non i videogames. Durante questi anni, con il sogno di ridefinire il genere fantasy, cominciò a pensare ad una storia incentrata sulle disavventure di un barbaro nordico di nome Logen Novedita. Il risultato fu una cosa pomposa e presto abbandonata. Dopo gli studi si trasferì a Londra, dove visse in un appartamento puzzolente con altri due uomini ai confini della follia e lavorò nella post-produzione TV per il minimo salariale. Dopo due anni intraprese la carriera di montatore freelance. Con questo nuovo lavoro, si ritrovò con molto più tempo libero rispetto a prima e si accorse gradualmente che poteva fare qualcosa di più utile che giocare continuamente ai videogames. Con questo tempo decise di riconsiderare una trama che abbozzò ai tempi dell'università, stavolta un in modo molto meno serioso di come l'aveva pensata 6 anni prima e il risultato fu molto più interessante. Con il grande supporto della sua famiglia, nel 2002 cominciò quindi a scrivere quello che sarebbe poi diventato

The Blade Itself (Il Richiamo delle Spade), completato poi nel 2004. Dopo un anno di continui rifiuti da parte delle case editrici britanniche, nel 2005 Gillian Redfearn della Gollancz accettò il libro ("un affare a sette cifre, se si considerano anche quelle dopo la virgola" - "a seven-figure deal if you count the pence columns"). La Gollancz pubblicò il libro nel 2006 e due seguiti, Before They Are Hanged (Non Prima che Siano Impiccati) nel 2007 e Last Argument of Kings (L'ultima Ragione dei Re, Ultima ratio regum) nel 2008. L'intera trilogia fu un successo e ben accolta da pubblico e critica, innalzando Abercrombie tra i migliori autori fantasy contemporanei. Nel 2008 Joe fu finalista per il premio John W. Campbell award per Il richiamo delle spade, come miglior scrittore esordiente e, sempre lo stesso anno, contribuì alla serie "Worlds of Fantasy" della BBC. Nel 2009 viene pubblicato Best Served Cold (Il sapore della vendetta), candidato al David Gemmell Legend Award. Si tratta del primo dei romanzi spin-off ambientati nel mondo della Prima Legge, che si pongono dopo gli eventi della trilogia, assumendo quindi marginalmente il ruolo di seguiti, con riferimenti a eventi e personaggi trattati nei precedenti romanzi. Rispettivamente nel 2011 e nel 2012, vengono pubblicati The Heroes e Red Country. Nel 2011 firmò un accordo con la Gollancz per altri 4 libri ambientati nel mondo della Prima Legge. Il primo è una raccolta di 13 racconti, Sharp Ends, uscito nel Regno Unito ad Aprile 2016. Tra il 2014 e il 2015 scrive una nuova trilogia, Il Mare Infranto, totalmente slegata dal mondo della Prima Legge. Questa nuova opera è indirizzata ad un pubblico più giovane pur mantenendo certi temi cruenti e creando situazioni al limite per i personaggi. Attualmente vive a Bath nel Somerset con la moglie Lou, le due figlie Grace ed Eve e il figlio Teddy. Abercrombie è stato ospite al Cominks 2014 (Messina) e al Lucca Comics & Games 2014.

---


Il mondo della Prima Legge Trilogia La Prima Legge

  • Il richiamo delle spade (The Blade Itself, 2006) (Gargoyle, 2013)
  • 01.jpg
    Logen Novedita, il famigerato guerriero, ha infine esaurito la sua fortuna. Si è fatto un nemico di troppo e ora ha davanti a sé un futuro solitario e cupo, in cui da un momento all'altro potrebbe ritrovarsi a guardare la morte in faccia per l'ultima volta. Ma saranno proprio i morti a offrirgli un'ultima opportunità, perché qualcuno, là fuori, ha ancora dei progetti per il Sanguinario. Il Capitano Jezal dan Luthar, modello di egoismo e vanità, ha in mente poco altro che banali sogni di gloria, da far avverare in duello a colpi di spada. Ma la guerra è alle porte, gli eserciti si mobilitano e sui campi di battaglia del gelido Nord si combatte con regole terribilmente cruente. L'Inquisitore Glokta, carnefice storpio, sarebbe contento di veder tornare i resti del Capitano Jezal in una cassa, ma d'altro canto lui odia chiunque non sia stato ridotto nelle sue condizioni. Confessione dopo confessione, senza lasciar spazio a nessun sentimento se non al rancore, elimina i traditori in seno all'Alleanza, ma la sua ultima scia di cadaveri potrebbe condurlo dritto al cuore corrotto del governo. Se soltanto potesse sopravvivere abbastanza a lungo da poterla seguire...
[*]Non prima che siano impiccati (Before They Are Hanged, 2007) (Gargoyle, 2013)

[*]
02.jpg


  • Come si fa a difendere una città accerchiata dai nemici e zeppa di traditori, quando non puoi fidarti dei tuoi alleati e il tuo predecessore è svanito nel nulla senza lasciare traccia? Ce n'è abbastanza da far venire all'Inquisitore Glokta una gran voglia di darsela a gambe, se non dovesse appoggiarsi al bastone anche solo per stare in piedi. Eppure il torturatore dovrà rimanere e trovare le risposte di cui ha bisogno prima che l'esercito dei Gurkish arrivi a bussare alla sua porta. Gli Uomini del Nord hanno violato il confine dell'Angland e ora stanno mettendo a ferro e fuoco quella gelida terra. Intanto il Principe Ereditario Ladisla si prepara a ricacciarli indietro e a guadagnarsi la gloria eterna. C'è solo un problemino: il suo è l'esercito peggio equipaggiato, addestrato e comandato del mondo intero. Nel frattempo Bayaz, il Primo Mago, guida una spedizione di avventurieri in missione fra le rovine del passato. La donna più odiata del Sud, l'uomo più temuto del Nord e il ragazzo più egoista dell'Unione formano proprio una strana compagnia, ma se solo non si disprezzassero l'un l'altro così tanto sarebbero letali. Antichi segreti verranno rivelati. Saranno perse e vinte sanguinose battaglie. Acerrimi nemici riceveranno il perdono, ma non prima che siano impiccati.
[*]L'ultima ragione dei re. Ultima ratio regum (Last Argument of Kings, 2008) (Gargoyle, 2014)

[*]
03.jpg


[*]


  • La fine è vicina. La battaglia infuria, il Re degli Uomini del Nord non accenna a cedere, e c'è solo un uomo che può fermarlo. Il suo più vecchio amico, che è anche il suo più vecchio nemico. Per Novedita il Sanguinario è ora di tornare a casa. Con troppi capi e troppo poco tempo, il Superiore Glokta sta combattendo un altro tipo di guerra. Una lotta segreta in cui nessuno è al sicuro e il tradimento è sempre in agguato. Anche se i giorni della spada sono ormai lontani, almeno il ricatto, le minacce e la tortura non passano mai di moda. Jezal dan Luthar ha deciso che combattere per la gloria è troppo doloroso, così volta le spalle alla vita da soldato per dedicarsi a un'esistenza più tranquilla. Ma la gloria ha la cattiva abitudine di coglierti alle spalle quando meno te lo aspetti. Mentre il Re dell'Unione è sul letto di morte, i contadini si ribellano e i nobili si accapigliano per rubargli la corona. Eppure nessuno crede che l'Unione stia per essere colpita al cuore. Solo il Primo Mago ha un piano per salvare il mondo, ma ci sono dei rischi. Dopotutto, non c'è rischio peggiore della violazione della Prima Legge...

- Altri romanzi

  • Il sapore della vendetta (Best Served Cold, 2009) (Gargoyle, 2014)

    04.jpg
    Primavera in Styria. E vuol dire guerra. C'erano stati diciannove anni di sangue. Lo spietato Granduca Orso è in lotta con l'Alleanza degli Otto, e insieme hanno macchiato di rosso la terra bianca. Mentre gli eserciti avanzano, le teste rotolano e le città sono in fiamme, dietro le quinte bancari, preti e forze antiche e oscure giocano una partita mortale per scegliere chi sarà fatto re. La guerra potrebbe essere un inferno, ma per Monza Murcatto, la Serpe di Talins, la mercenaria più celebre e temuta alle dipendenze del Duca Orso, è un modo dannatamente buono per fare soldi. Le sue vittorie, però, l'hanno resa troppo famosa, per i gusti del suo committente. Tradita, abbattuta in battaglia e lasciata a morire, la ricompensa di Murcatto è un mucchio di ossa rotte e una fame ardente di vendetta. A qualunque costo, sette uomini dovranno morire. Tra i suoi alleati: l'ubriacone meno affidabile della Styria, il prigioniero più pericoloso, un assassino ossessionato dai numeri e un barbaro che vuole solo fare la cosa giusta. Il numero dei suoi nemici è almeno la metà della nazione. E tutto questo prima che l'uomo più pericoloso del mondo venga mandato a cercarla e a finire il lavoro che il Duca Orso ha iniziato... Primavera in Styria. E vuol dire vendetta.
[*]The Heroes (The Heroes, 2011) (Gargoyle, 2012)


  • 05.jpg
    Bremer dan Gorst, maestro di spade caduto in disgrazia, ha giurato di reclamare sul campo di battaglia l'onore perduto. È ossessionato dalla redenzione e assetato di violenza, dunque non gli importa molto di quanto sangue scorrerà, anche se si trattasse del proprio. Il Principe Calder non ha alcun interesse per l'onore e di certo non ha intenzione di finire ammazzato. Tutto quello che vuole è il potere, e si servirà di qualsiasi bugia ed espediente, tradirà tutti gli amici per raggiungerlo. Almeno sino a quando non sarà lui a dover combattere. Curden lo Strozzato, l'ultimo uomo onesto rimasto al Nord, ha dedicato la sua vita all'arte della guerra, ricavandone solo ginocchia gonfie e nervi logori. Non gli importa nemmeno più chi sia a vincere, vuole soltanto fare la cosa giusta. Ma è possibile individuarla nel mondo che gli sta crollando intorno? Il destino del Nord sarà deciso da tre sanguinosi giorni di battaglia. Ma con entrambi gli schieramenti corrotti da intrighi, debolezze, ostilità e meschine gelosie, è improbabile che siano i cuori più nobili o anche le armi più potenti a prevalere.
[*]Red Country (Red Country, 2012) (Gargoyle, 2015)


  • 06.jpg
    Shy Sud sperava di poter seppellire il suo cruento passato e cavalcare via con un bel sorriso sulla faccia, ma prima dovrà rispolverare le maniere forti per riprendersi la sua famiglia. E lei non è certo tipo da tirarsi indietro di fronte a ciò che è necessario fare. Così si metterà sulle tracce dei rapitori con un paio di buoi e il suo codardo patrigno Agnello a farle compagnia. Ma anche lui ha seppellito un sanguinoso passato e nelle Terre Remote, dove non c'è Legge, il passato non rimane a lungo sotto terra. Il loro viaggio li porterà per aride piane fino a una città di frontiera stritolata nella morsa dell'avidità, tra faide, duelli e massacri, e poi fino in cima alle inesplorate montagne verso la resa dei conti con gli Spettri. E come se tutto questo non fosse abbastanza, saranno costretti a una scomoda alleanza con Nicomo Cosca, il famigerato mercenario, e il suo scriteriato legale Tempio, due uomini di cui nessuno dovrebbe fidarsi.

- Raccolte di racconti

  • Tredici lame (Sharp Ends, 2016) (Mondadori, 2017)

    978880468425HIG-312x480.jpg
    Mercenari ubriaconi, eroi pericolosamente schizofrenici, stregoni che gestiscono banche micidiali come eserciti, scalcinate compagnie di guerrieri, cortigiane e soldati. Spadaccini boriosi e donne che conquistano il potere col ferro e col veleno. Sangue, polvere, sudore. Il Nord gelido e nebbioso dei clan e le menzogne delle corti principesche del Sud. E oro, oro, e oro, più crudele dell'acciaio, più potente della magia nera. Questo è il mondo di Joe Abercrombie... Tornano i protagonisti dei romanzi della «Prima Legge», svelando nuovi dettagli su chi credevamo già di conoscere, dal deforme Inquisitore Glokta a Novedita il Sanguinario, dalla condottiera Murcatto all'irresistibile Nicomo Cosca, soldato di ventura e voltafaccia senza scrupoli. E poi compaiono anche nuovi personaggi e ambientazioni, come la strana coppia composta da Shev, ladra con un debole per le belle ragazze, e Javre, l'inarrestabile Leonessa di Hoskopp, braccate da nemici implacabili e da una irresistibile tendenza a cacciarsi nei luoghi peggiori del mondo.

Trilogia del Mare Infranto

  • Il mezzo re (Half a King, 2014) (Mondadori, 2014)

    07.jpg
    Yarvi non aveva mai pensato che sarebbe potuto salire al trono. Nato con una mano deforme è inadatto al combattimento e, nel disprezzo del padre, il re del Gettland, il suo destino è diventare uno dei "ministranti", l'ordine di potenti sacerdoti consiglieri della corona. Ma, proprio la notte che precede l'ultimo esame, Yarvi e la sua maestra, Madre Gundring, sono raggiunti dalla notizia: il padre e il fratello di Yarvi sono morti, uccisi in un agguato ordito da Grom-gil-Gorm, sovrano del Vansterland, regno confinante e nemico. Adesso il re è lui. O mezzo re, per lo meno. Ma la sua vendetta dovrà essere intera. Spinto anche dal volere della madre, la bella e inflessibile Laithlin, Yarvi giura che farà giustizia contro gli assassini di padre e fratello e parte per Vansterland, pronto a dare battaglia. Ma subito cade vittima di un'imboscata e, salvatosi miracolosamente in mare, viene portato al mercato degli schiavi. Qui viene venduto per prestare servizio sulla nave capitanata da Shadikshirram, mercantessa dal cuore nero e la lingua affilata. Solo, nel mare ghiacciato, spogliato del suo lignaggio e incapace di reggere un'ascia o uno scudo, Yarvi potrà contare su una squadra di compagni improbabili e su un'unica vera arma: la sua mente. Basterà per ritornare a casa e portare a compimento la sua vendetta? "Il mezzo re" inaugura la "Trilogia del mare infranto".
[*]Mezzo mondo (Half a World), 2015) (Mondadori, 2015)


  • 08.jpg
    Può accadere che una donna sia toccata dal bacio di Madre Guerra. Può accadere che una donna sia destinata a diventare una grande guerriera. Ed è proprio questo il fato di Thorn. Mossa da una volontà incrollabile di vendicare il padre, ucciso in un duello quando lei era una bambina, vive per combattere. Ma proprio il giorno dell'ultima prova, necessaria a vincere un posto nelle truppe scelte del Re, uccide un suo compagno d'armi. Non è colpa sua, la sua azione è frutto di un inganno del suo maestro, Hunnan, che non tollera l'idea che una femmina sia un guerriero migliore dei maschi. Ma legittima difesa o meno, Thorn ha infranto la legge e se il Re non si opporrà la aspetta la lapidazione. E condotta nella sala dello Scranno Nero di Gettland, davanti al Re, alla regina e al loro primo consigliere: Padre Yarvi. Yarvi, che non è più un ragazzino inerme e veloce nella lingua, ma è cresciuto, diventando maestro nell'arte della manipolazione, guadagnandosi la fama di uomo più intelligente e temuto del regno. Sarà lui a salvarle la vita, per il momento, perché non vede in Thorn un semplice soldato, in lei vede una vera e propria arma. Perché Gettland è minacciato. È giunta voce di un'alleanza tra il Gran Re e Grom-gil-Gorm il più grande nemico di Gettland - che ha giurato vendetta proprio contro Yarvi che lo ha ingannato e tradito - e che insieme sono pronti ad attaccare Gettland.
[*]La mezza guerra (Half a War, 2015) (Mondadori, 2015)


  • 09.jpg
    L'ora dello scontro finale è arrivata. Il Gran Re e Gran Madre Wexen hanno giurato vendetta, più feroci che mai. Sono stati traditi dal possente Grom-gil-Gorm, lo Spezza-spa-de, il Creatore di Orfani, il re che non può essere ucciso da nessun uomo, che ha voltato loro le spalle e ha stretto un'imprevedibile alleanza con Uthil, il Re di Ferro, il mortale nemico di una vita. Un affronto che il Gran Re e Gran Madre Wexen hanno deciso di vendicare a ogni costo. Per questo hanno mandato il loro miglior generale, Yilling lo Splendente, a saccheggiare, depredare e distruggere qualunque cosa si trovi sul suo cammino. Yilling lo Splendente che sorride alla vista del sangue e non venera altro *** se non la Morte. I regni cadono l'uno dopo l'altro, ed è il turno del Throvenland. La famiglia reale è sterminata. Resta solo Skara, giovane e fiera principessa, cugina della Regina Laithlin di Gettland. Ma la sua vita è nelle mani di Jenner il Gramo, pirata e malfattore alla ricerca di un'improbabile redenzione. Intanto a Gettland i nemici di un tempo devono mettere da parte le antiche divergenze e organizzare la difesa contro il Gran Re. Riusciranno Skara e Jenner a raggiungere in tempo Gettland? E padre Yarvi, Thorn Badu e Grom-gil-Gorm scorderanno davvero gli anni di inimicizie e odio, per unirsi in un'alleanza che sappia resistere alla forza d'urto dei nemici?

 
Ultima modifica da un moderatore:

Intermundia

Novizio
Iscritto dal
21 Mar 2018
Messaggi
3
LV
0
 
INTERMUNDIA GENESIS


N2CL6KT.jpg


TRAMA Intermundia è il videogioco di realtà virtuale più famoso al mondo. Ogni giorno ospita milioni di giocatori nei tre universi in cui è ripartito. Genesis, reame fantasy dominato dalla magia e da creature fantastiche. Exodus, galassia sconvolta da guerre interstellari. Apocalypsis, terra in rovina dove vige la legge del più forte. A vegliare su Intermundia ci sono i Guardiani, amministratori di sistema che controllano costantemente l'utenza e perseguono chiunque infranga lo Statuto del videogioco. Il 18 marzo 2031, primo anniversario dalla pubblicazione di Intermundia, viene rilasciato l'aggiornamento 2.0. Qualcuno scopre una falla nel sistema... PROTAGONISTA Mar è uno dei tantissimi utenti che popolano l’universo Genesis di Intermundia. È un giocatore solitario, uno dei migliori, e il suo obiettivo è raggiungere il level cap. Tutto per lui cambia però quando viene convocato dal Guardiano Tanaka, austero amministratore di gioco, e gli viene affidata la più importante delle missioni: assumere il comando di una squadra di giocatori d’élite e proteggere Intermundia da una terribile minaccia... ESTRATTO DEL "CAPITOLO I - IO, GIOCATORE"

Sollevo la spada. Incrocio l’ascia del centauro a pochi centimetri dal mio viso. Il clangore echeggia tra gli alberi secolari della Selva Oscura. Il centauro ritrae l’arma e indietreggia fissandomi con occhi spiritati. Ha il corpo tappezzato di ferite, la schiuma alla bocca, le pupille e le narici dilatate. È a un passo dalla fine, eppure il suo desiderio di combattere non accenna a placarsi. Tutt’altro. È ancora così forte che scalpita e riparte all’assalto. Scarto a destra, abbassandomi quel tanto che basta per evitare il colpo. Mi do lo slancio e contrattacco con un montante. Preciso, risoluto. La mia lama scava con facilità nel fianco equino del mostro un nuovo squarcio, ben più profondo dei precedenti. Il centauro lancia un urlo acuto, simile a un nitrito. Molla l’ascia e crolla giù sprofondando nell’erba alta. Tampona la ferita con le mani callose ma il sangue continua a sgorgare. Contrae la bocca in una smorfia e scalcia debolmente. Quando incrocia il mio sguardo geme, come per supplicarmi di porre fine alle sue sofferenze. Mi ripeto che in realtà non sta provando alcun dolore. È soltanto il mostro di un videogioco. Non ha anima, non sente niente. Comunque mi avvicino a lui, prendo un respiro e assesto l’ultimo affondo. Il silenzio riconquista il bosco. Estraggo la spada dal cadavere. Ancora gocciolante di rosso, la faccio scivolare oltre la spalla sinistra riponendola nel fodero fissato alla mia schiena. Intanto i resti del centauro esplodono in migliaia di frammenti poligonali. Sgranchisco la schiena e piego la testa a destra e sinistra. Lo faccio spesso, tanto qui quanto nel mondo reale, e ogni volta le mie ossa si producono in sonori scricchiolii. La gente li detesta, io invece ho imparato ad apprezzarli. Lancio un’occhiata alla parte inferiore del mio campo visivo dove brillano le barre degli HP e degli MP. La prima è di un verde acceso, l’altra di un blu brillante. Sono entrambe piene per metà, più o meno. Per ora va bene così. «Risultato battaglia» dico scandendo le parole. Davanti a me compare una finestra virtuale traslucida. Contiene un messaggio automatico che mi informa sul bottino conquistato con la vittoria. Pochi EXP e ancora meno lirie. Sospiro deluso. Un gesto della mano e la finestra sparisce. Mi volto e trasalisco. Un altro centauro si erge di fronte a me. Da dove diavolo è sbucato fuori? Non faccio in tempo ad afferrare l’elsa della spada che la sua picca mi trafigge la spalla. Non sento alcun dolore, solo un leggero formicolio. Eppure i miei HP calano di botto di 675 tacche. Me ne rimangono soltanto 3.057: cinque colpi ancora e sono morto. Vorrei reagire, ma di nuovo il mio aggressore mi anticipa. Ritira la lancia a sé sfilandola dal mio corpo. Il movimento improvviso mi fa perdere l’equilibrio. Mi ritrovo con la faccia a terra e qualche altra decina di punti vita in meno. Ho la presenza di spirito di girarmi subito sulla schiena, mancando di un soffio un affondo diretto alla nuca. Faccio per alzarmi con una spinta di gomiti, ma il centauro mi blocca al suolo con lo zoccolo. Mena un altro colpo, il suo volto contratto in un ghigno compiaciuto. Sposto la testa di pochi centimetri. La picca si conficca accanto all’orecchio. Da questa posizione posso scordarmi di usare la spada, non riuscirei nemmeno a estrarla. Devo ricorrere alla magia. Sollevo la mano destra e la spalanco. «Impulso!» esclamo. Il memento, il piccolo cristallo magico incastonato nel guanto al centro del mio palmo, brilla di una luce bianca. A un costo di soli 370 MP sprigiona un’onda d’urto che distorce l’aria e travolge il centauro. Gli toglie 915 dei suoi 4.918 HP e lo lancia in aria facendolo ricadere a qualche metro da me. Ci rimettiamo entrambi in piedi. Si vede subito che è ancora intontito per il colpo. Decido di approfittarne, la lama già sguainata nella mia mano sinistra e pronta a squarciare. Un forte ruggito, che mi fa bloccare per un istante, riempie l’aria. Un drago dalle scaglie rosse e lunghe corna nere si fa strada tra la vegetazione. Corre verso il centauro, appena più piccolo di lui, e gli si getta contro. Lo morde al dorso tre volte, serrando i denti in profondità. Il centauro lancia un verso stridulo e inizia a scalciare. Con l’ultima zoccolata riesce a respingerlo abbastanza da liberarsi dalla stretta. Urla e galoppa via senza girarsi. Il drago ruggisce e spiega le ali membranose per librarsi in volo e inseguirlo. «Astraroph, resta con me» ordino.
AUTORE
VDu6NOS.png


Giorgio Catania, nato in provincia di Vicenza nel 1988, si interessa del settore videoludico da sempre. Non solo perché è un videogiocatore dall'età di 7 anni, ma anche perché da oltre dieci anni lavora in questo mondo spettacolare. Ha scritto di videogiochi, recensioni e anteprime, sia per testate specializzate che per testate generaliste. I videogiochi li ha anche venduti nella catena GameRush del Blockbuster, quando il noleggio dei film era ancora una realtà quotidiana per milioni di persone. Oggi è uno dei maggiori esperti di videogiochi made in Italy e conosce la maggior parte gli studi di sviluppo indie che operano in Italia. Dal 2015 lavora in AESVI, l'Associazione di categoria dell'industria dei videogiochi in Italia che promuove i principali eventi del settore, quali Milan Games Week e gli Italian Video Game Awards. E oggi, dopo aver maturato una grandissima esperienza nel settore ed essersi dilettato anche nella creazione di alcuni semplici videogiochi utilizzando i programmi di RPG Maker, è diventato uno scrittore indie: Intermundia Genesis è la sua prima opera autopubblicata.

 
Ultima modifica da un moderatore:

Worthless

life is not a song
Iscritto dal
9 Feb 2011
Messaggi
9,225
LV
0
 
Mi consigliate qualcosa? //content.invisioncic.com/a283374/emoticons/smile.png

 

TronLight

Divinità
Iscritto dal
5 Dic 2008
Messaggi
6,673
LV
0
 
AHHHHHHHHHHH.

Ce ne sono alcuni che cercavo da mesi. //content.invisioncic.com/a283374/emoticons/emoticons_dent1005.gif

Coincendenza fortunatissima, lo sto recuperando quest'anno (insieme ad Asimov), per ora ho letto La Svastica sul Sole, Ubik, Lotteria nello Spazio e Ma gli androidi sognano pecore elettriche? e ora sto leggendo la trilogia di Valis. //content.invisioncic.com/a283374/emoticons/sisi.gif

Mi sa che in settimana faccio un salto alla Feltrinelli... //content.invisioncic.com/a283374/emoticons/emoticons_dent1005.gif

Adesso fate la stessa cosa con Douglas Adams, che mi manca solo Dirk Gently. //content.invisioncic.com/a283374/emoticons/facepalm2.png

Mi consigliate qualcosa? //content.invisioncic.com/a283374/emoticons/smile.png
Più o meno tutto quello che ha scritto. //content.invisioncic.com/a283374/emoticons/emoticons_dent1005.gif

 

jewel

rages for a while
Iscritto dal
11 Mar 2011
Messaggi
11
LV
0
 
Ho letto solo il primo e mi ha davvero colpito, non riuscivo a smettere di divorare capitoli //content.invisioncic.com/a283374/emoticons/emoticons_dent1005.gif

Comprerò gli altri quanto prima, sperando che si mantengano sul livello del capostipite.

 

Worthless

life is not a song
Iscritto dal
9 Feb 2011
Messaggi
9,225
LV
0
 
Io ho letto i primi due e mi son piaciuti tantissimo, non vedo l'ora di poter leggere la terza ed ultima parte.

Inizialmente ero scettico perchè mi sembrava un mix tra 1984 e Battle Royale, e invece ha una sua identità.

ps. vi consiglio anche il film che esce oggi nelle sale (si, io ho già dato :pffs:)

 
Iscritto dal
22 Mar 2010
Messaggi
997
LV
0
 
In questi giorni ho notato che negli States sono usciti fuori di testa per il film Hunger Games. Ho letto però che è tratto dal primo libro di una serie di romanzi, quindi inizierei in caso da quelli.Ho letto la trama e potrebbe essere interessante, ma volevo sapere da chi ha letto il primo, ed eventualmente i seguiti, è un buon libro intrigante è solo un buon incipit che scade nella mielosità pseudoadolescenziale?

parola a voi esperti
Mi quoto anche qui.

 
Top
AdBlock Rilevato

La pubblicità talvolta disturba, lo sappiamo!

Questo sito non potrebbe esistere senza qualche inserzione pubblicitaria, ma lavoriamo ogni giorno per rendere l'esperienza utente la più fluida ed interattiva possibile, e ciò vale anche per gli annunci promozionali. Non saranno mai invasivi od invalidanti, quindi ti chiediamo la cortesia di disattivare l'AdBlock per poter navigare. Grazie di cuore.

Ho disattivato AdBlock