Le visualizzazioni come ospite sono limitate

Alert Topic Politico 2.0

Iscritto dal
7 Ott 2009
Messaggi
48,344
Medaglie
7
LV
1
 
Occhio però, anche oggi leggevo un articolo in cui si parlava di questo tema. I benestanti sono quelli che hanno un patrimonio sopra i 500.000€ (con patrimonio medio di 750.000€) e sopratutto l'aiuto che darebbero volentiri è sottoforma di investimento per le opere pubbliche. Questo mentre parallelamente corrono a tutelarsi con polizze assicurative private per la vecchiaia e i figli, consci che il welfare statale andrà sempre peggiorando.
Che è una cosa comunque positiva? :hmm:
Che poi i benestanti i soldini ce li hanno già altrove e quindi finirà per pagarla la classe media che paga per tutti in Italia.
Eh sì, stai a vedere che faranno :asd:
Peccato che la patrimoniale si faccia sui proprietari di trilocali e non sui Briatore.
Anche perché i Briatore mica le pagano qui le tasse :asd:

lane kiffin roll GIF
 
Iscritto dal
12 Mar 2007
Messaggi
4,263
Medaglie
4
LV
0
 
Che è una cosa comunque positiva? :hmm:

Eh sì, stai a vedere che faranno :asd:

Anche perché i Briatore mica le pagano qui le tasse :asd:


lane kiffin roll GIF
Appunto per questo la patrimoniale colpirebbe i proprietari dei trilocali e non i ricchi propriamente detti.

Comunque, è davvero interessante: la BdI spiega in audizione al parlamento che i soldi sono infiniti, la Lagarde spiega che i soldi sono infiniti e qui ancora si parla "ma tassiamo questi/quelli".
E, anzi, Visco propone anche un taglio alle pensioni. Che è evidentemente uno dei punti di arrivo desiderati.
 

Bubu

Divinità
Iscritto dal
11 Giu 2007
Messaggi
31,618
Medaglie
9
LV
2
 
Mm
Appunto per questo la patrimoniale colpirebbe i proprietari dei trilocali e non i ricchi propriamente detti.

Comunque, è davvero interessante: la BdI spiega in audizione al parlamento che i soldi sono infiniti, la Lagarde spiega che i soldi sono infiniti e qui ancora si parla "ma tassiamo questi/quelli".
E, anzi, Visco propone anche un taglio alle pensioni. Che è evidentemente uno dei punti di arrivo desiderati.
Se non facciamo così gli altri paesi come fanno a ristrutturarsi il debito?
 
Iscritto dal
24 Ago 2009
Messaggi
12,068
Medaglie
5
LV
1
 
Appunto per questo la patrimoniale colpirebbe i proprietari dei trilocali e non i ricchi propriamente detti.

Comunque, è davvero interessante: la BdI spiega in audizione al parlamento che i soldi sono infiniti, la Lagarde spiega che i soldi sono infiniti e qui ancora si parla "ma tassiamo questi/quelli".
E, anzi, Visco propone anche un taglio alle pensioni. Che è evidentemente uno dei punti di arrivo desiderati.
Ormai il lavaggio del cervello è tale che anche quando le cose vengono dette direttamente dalla fonte in modo chiaro e tondo la gente non ci crede
 
Iscritto dal
12 Mar 2007
Messaggi
4,263
Medaglie
4
LV
0
 
Ormai il lavaggio del cervello è tale che anche quando le cose vengono dette direttamente dalla fonte in modo chiaro e tondo la gente non ci crede
Tipo "Allora accreditiamo 50mila euro a tutti ogni mese, che bisogno c'è di lavorare"? 🤣
 

yonkers86

Moderatore
sezione calcio
Iscritto dal
8 Ott 2004
Messaggi
42,104
Medaglie
18
LV
3
 
Tipo "Allora accreditiamo 50mila euro a tutti ogni mese, che bisogno c'è di lavorare"? 🤣
Io mi chiedo come uno possa rispondere qualcosa di diverso dal OVVIO FACCIAMOLO SUBITO
Ma senza bisogno di andare su queste minchiate, io dico dove sta scritto che lavoro e reddito universale siano incompatibili. DOVE? Manco sul manifesto accelerazionista. Sta gente si è fatta completamente fottere il cervello da tutta la retorichella ultraliberista e ultralavorista. Carogne.
 

Gianpi

Moderatore
sezione altro
Iscritto dal
27 Ago 2009
Messaggi
5,174
Medaglie
5
LV
1
 
Ragazzi, ipoteticamente, quale sarebbe la migliore soluzione per affrontare la crisi economica del coronavirus? Far stampare denaro dalla BCE tenendo a bada l'inflazione?
 
Iscritto dal
12 Mar 2007
Messaggi
4,263
Medaglie
4
LV
0
 
La monetizzazione del debito, in casi come questi, è l'unica strada sostenibile. Che poi, diciamocelo, il feticcio tutti anni '80 dell'inflazione ha stufato.
 

Bubu

Divinità
Iscritto dal
11 Giu 2007
Messaggi
31,618
Medaglie
9
LV
2
 
La monetizzazione del debito, in casi come questi, è l'unica strada sostenibile. Che poi, diciamocelo, il feticcio tutti anni '80 dell'inflazione ha stufato.
Quello lo faranno di sicuro Francia e Germania :sisi:
 

Bubu

Divinità
Iscritto dal
11 Giu 2007
Messaggi
31,618
Medaglie
9
LV
2
 
Proprio perché è l'unica strada sostenibile.
Solo che lo fanno cannibalizzando gli altri ''parlo per la prima fase la ristrutturazione'':dsax: l'unica cosa che non possono farlo con i paesi dell'est visto che gli producono di metà della roba e quindi non sono ricattabili.
 
Iscritto dal
7 Ott 2009
Messaggi
48,344
Medaglie
7
LV
1
 
La monetizzazione del debito, in casi come questi, è l'unica strada sostenibile. Che poi, diciamocelo, il feticcio tutti anni '80 dell'inflazione ha stufato.
Ma da quello che ho capito io, ciò non può essere fatto per via dei trattati che sono stati firmati per evitare che un Paese che agisse "irresponsabilmente" potesse fregarsene, "che tanto ci sta la BCE che stampa". L' ostacolo degli accordi firmati (appurato che non siano fatti tanto per) come lo superi?
 
Ultima modifica:
Iscritto dal
12 Mar 2007
Messaggi
4,263
Medaglie
4
LV
0
 
Ma da quello che ho capito io, ciò non può essere fatto per via dei trattati che sono stati firmati per evitare che un Paese che agisse "irresponsabilmente" potesse fregarsene, che tanto ci sta la BCE che stampa. L' ostacolo degli accordi firmati (appurato che non siano fatti tanto per) come lo superi?
Quello è un ostacolo di tipo politico. Se c'è la volontà politica di ignorare o aggirare un trattato, si fa. La storia del Paese che agisce irresponsabilmente è un altro clichè tipico degli anni '80-'90. Direi che ha fatto il suo tempo. Anche perché, onestamente, nonostante l'euro, la BCE e tutto il resto, non mi pare che la Germania abbia agito così responsabilmente, cosa, questa, che ci riporta ad un altro feticismo dal dubbio gusto.
Ora, la cosa interessante da chiedersi sarebbe: "Ok, se c'è la volontà politica di tutti si può fare come si vuole ma che succede se ci dicono di no?". Questo è particolarmente interessante perché bisogna vedere chi dice di no e perché ma, soprattutto, perché mette in luce l'appartenenza ad un'OCA non ottimale. Una volta preso atto che l'appartenenza ad un'OCA non ottimale non è negli interessi di un Paese, il Paese stesso può serenamente decidere di uscire dall'OCA per porre in essere tutte le misure che ritiene più opportune.
 

Gianpi

Moderatore
sezione altro
Iscritto dal
27 Ago 2009
Messaggi
5,174
Medaglie
5
LV
1
 
La monetizzazione del debito, in casi come questi, è l'unica strada sostenibile. Che poi, diciamocelo, il feticcio tutti anni '80 dell'inflazione ha stufato.
Cosa blocca la BCE dal farlo?
 
Iscritto dal
7 Ott 2009
Messaggi
48,344
Medaglie
7
LV
1
 
Quello è un ostacolo di tipo politico. Se c'è la volontà politica di ignorare o aggirare un trattato, si fa.
Posso essere d'accordo che sia un ostacolo politico, e quindi che si debba mettersi a un tavolo ecc, ma non puoi aggirare o ignorare gli accordi, che crei un precedente enorme, e ognuno davvero potrebbe sentirsi legittimizzato a fare il cazzo che vuole

La storia del Paese che agisce irresponsabilmente è un altro clichè tipico degli anni '80-'90.
Però, si potrebbe dire che è stata l'irresponsabilità a generare la crisi greca del 2009, no?
non mi pare che la Germania abbia agito così responsabilmente, cosa, questa, che ci riporta ad un altro feticismo dal dubbio gusto.
Te prego, fai esempi perché di ste cose non so tanto, e quindi non so di cosa parli, nello specifico. Io della Germania so che, detta alla buona, ha lasciato indietro gli altri Paesi europei, ma non credo sia questo a cui fai riferimento.
 

Heinrich

Divinità
Iscritto dal
6 Gen 2007
Messaggi
21,067
Medaglie
7
LV
1
 
Te prego, fai esempi perché di ste cose non so tanto, e quindi non so di cosa parli, nello specifico. Io della Germania so che, detta alla buona, ha lasciato indietro gli altri Paesi europei, ma non credo sia questo a cui fai riferimento.
La Germania supera sistematicamente il valore massimo di surplus commerciale previsto dall'UE.
 
Iscritto dal
12 Mar 2007
Messaggi
4,263
Medaglie
4
LV
0
 
Quando la Germania ha infranto i trattati per l'applicazione delle riforme Hartz violando i limiti di spesa pubblica nessuno ha mosso un dito, così come nessuno ha mosso né muove un dito contro il grosso aiuto di stato nascosto che quelle riforme hanno rappresentato e rappresentano per le imprese tedesche. Cosa, questa, che, unita alla svalutazione della moneta di cui la Germana gode, determina il surplus della bilancia commerciale tedesca. Surplus vietato dai trattati eppure, quando è stato fatto presente alla Merkel, questa si è limitata a spiegare che la Germania è fiera del proprio surplus.
Praticamente, le imprese tedesche fanno due volte deflazione, una salariale e una monetaria, questa è responsabilità?
La crisi greca, poi, è un classico delle aree valutarie non ottimali, molto simile a quella dell'Argentina -visto che questa aveva la propria valuta in parità con il dollaro per una storia meravigliosa che affronteremo in un'altra sede-: per un certo periodo di tempo la Grecia ha beneficiato di tassi di interesse tali da rendere conveniente per le banche francesi e tedesche prestare soldi a quel paese. E come mai questi tdi erano convenienti? Perché erano i tdi dell'euro e non della dracma. E come faceva la Grecia ad avere l'euro e non la dracma? Truccava i conti con l'aiuto di francia e germania. E cosa faceva la Grecia con i soldi che le venivano prestati? Acquistava beni francesi e tedeschi, segnatamente fucili, carri armati e sottomarini (che navigavano sbilenchi). In pratica: il marco ha goduto di una svalutazione grazie alla partecipazione della dracma all'euro tale da rendere i prodotti tedeschi convenienti e, la dracma ha potuto partecipare all'euro perché i conti erano truccati da francesi e tedeschi che poi facevano finta di non accorgersi della finzione e vendevano le proprie porcherie alla grecia che usava i soldi prestati. E stiamo parlando di irresponsabilità greca? Ma che davero?

Ora, non mi sembra il caso di addentrarsi in tecnicismi di cui nessuno, io per primo, ha voglia. Basti dire che L'Italia, piaccia o non piaccia, non trae benefici dall'euro né ne ha tratti in passato e difficilmente ne trarrà in futuro. La crisi del coronavirus ha mostrato tutte le debolezze di questo sistema e mostra quanto i cliché degli anni '80-'90 siano utili solo a qualcuno e, quel qualcuno, non sono i lavoratori.

Fra l'altro, a proposito di cliché anni '80 e tecnicismi, chi si lamenta dell'inflazione intendendo l'inflazione da domanda, be, sarebbe pregato di fermare il processo inflattivo smettendola di percepire qualsiasi tipo di entrata e di fare acquisti che poi fa alzare i prezzi che devo pagare anche io. Come dite? somiglia molto al "basta che sto bene, gli altri crepino"? Eh già, lamentarsi dell'inflazione da domanda è solo un modo molto figo per dire "basta che sto bene io, gli altri crepino".
 
Ultima modifica:
Top
AdBlock Rilevato

La pubblicità talvolta disturba, lo sappiamo!

Questo sito non potrebbe esistere senza qualche inserzione pubblicitaria, ma lavoriamo ogni giorno per rendere l'esperienza utente la più fluida ed interattiva possibile, e ciò vale anche per gli annunci promozionali. Non saranno mai invasivi od invalidanti, quindi ti chiediamo la cortesia di disattivare l'AdBlock per poter navigare. Grazie di cuore.

Ho disattivato AdBlock