• Accedi o registrati per ottenere la migliore esperienza possibile del forum di SpazioGames (e senza banner pubblicitari).

Alert Topic Politico | Leggere il primo post prima di intervenire

Bubu

Divinità
Iscritto dal
11 Giu 2007
Messaggi
34,692
Medaglie
9
LV
2
 
Ok, allora hai quotato il post sbagliato :sisi: sulla questione Alitalia, nel dettaglio, non so perché continui a "fallire" nonostante i salvataggi che si sono susseguiti negli anni. Il discorso dell'essere europei si colloca a più a monte, ed era venuta fuori per le parole di Draghi volte alla difesa della Von Der Leyen :sisi: e sul fatto che "non l'ha prescritto il medico di sentirsi europei", e di vedere sempre e comunque l'Europa come l'invasore. Poi oh, sempre detto che l'Europa attuale non è assolutamente perfetta, ma sti discorsi del "prima gli italiani" mi ricorda tanto il "l'importante è che sto bene io, chissene degli altri". Per quanto riguarda il discorso Alitalia, ripeto, non so bene come si dovrebbe intervenire, non conoscendone perfettamente la storia, ma sicuramente non è paragonabile alle altre compagnie :sisi:

Sì ma sto discorso del contribuitore netto vale fin lì, perché, se non sbaglio, le cattivissime Germania e Francia versano al netto più di noi :sisi:
Poi tu conosci la storia di Alitalia? Se sì, ti chiedo: perché dovremmo salvare un'azienda così problematica un'altra volta?
Per i vaccini a cosa ti riferisci?
Per citarne una di salvataggi a me non pare che l'UE chieda i conti della Deutsche Bank , quindi qualcosa di fallace in questi ragionamenti ci sta :unsisi:
 

BladesofChaos92

Bannato
Iscritto dal
27 Set 2019
Messaggi
188
Medaglie
2
LV
0
 
Ah, ora si parla di malafede, interessante. E vale anche per tutti quelli che "chiudete tutto tranne quello che piace a me?" Fra l'altro, sarà malafede per te. Per me è malafede non paragonarli, per esempio. D'altra parte mi rendo perfettamente conto che "i paragoni valgono quando pare a me".
L'anno scorso non si poteva fare diversamente. Oggi è un fallimento della classe politica che non ha saputo organizzarsi per risolvere le problematiche di questo paese.

Semplice semplice.

E non difendo nessuno, è solo una constatazione oggettiva.
 
Iscritto dal
7 Ott 2009
Messaggi
49,407
Medaglie
9
LV
2
 
In realtà il tuo discorso è particolarmente interessante: prima dici che i mesi di Draghi sono stati più restrittivi rispetto al Conte 2. Cosa evidentemente non vera in assoluto e così sei costretto ad introdurre l'argomento "è ma era una situazione diversa". Evidentemente il tuo paragone aveva una metrica di paragone tutta personale e completamente sottintesa. Ora, il discorso è particolarmente interessante, come dicevo, per l'introduzione del relativismo necessario a dimostrare, in modo opinabile fra l'altro, la maggiore durezza delle restrizioni.

Quindi, effettivamente, davvero per le bimbe di Conte tutto va bene pur di giustificare Santo Peppy. Ora, ti metto il like al post precendente e ti lascio l'ultima parola, probabilmente un like a tua volta.
Scusa se mi permetto ma mi sembra del mirror climbing nudo e crudo per tentare di aggiustare il tiro :asd:
Sì certo, perché devo spiegare con dei disegnini quanto siano diverse quelle situazioni, perché d'altronde non sono 8 mesi che parlo e cerco di spiegare di quanto quella situazione fosse drammatica, improvvisa, e richiedesse un'azione atrocemente repentina, perché qui dentro deve sempre ripetermi seimila volte :asd: era ovvio che mi stavo a riferire al periodo settembre-gennaio.
No, ogni messaggio che scrivo devo fare un recap de: "Negli episodi precedenti di 'I messaggi di dante3vergil'". Raga, parlare così, fatevelo dire, è estenuante. :rickds: Spero non siate così anche di persona.
 
Ultima modifica:
Iscritto dal
12 Mar 2007
Messaggi
4,664
Medaglie
4
LV
0
 
L'anno scorso non si poteva fare diversamente. Oggi è un fallimento della classe politica che non ha saputo organizzarsi per risolvere le problematiche di questo paese.

Semplice semplice.
Non si poteva fare diversamente perché lo dici tu? La scienza di Galli, Pregliasco e della Capua? Santo peppy?
 
Iscritto dal
7 Mag 2008
Messaggi
17,982
Medaglie
6
LV
1
 
Ok, allora hai quotato il post sbagliato :sisi: sulla questione Alitalia, nel dettaglio, non so perché continui a "fallire" nonostante i salvataggi che si sono susseguiti negli anni. Il discorso dell'essere europei si colloca a più a monte, ed era venuta fuori per le parole di Draghi volte alla difesa della Von Der Leyen :sisi: e sul fatto che "non l'ha prescritto il medico di sentirsi europei", e di vedere sempre e comunque l'Europa come l'invasore. Poi oh, sempre detto che l'Europa attuale non è assolutamente perfetta, ma sti discorsi del "prima gli italiani" mi ricorda tanto il "l'importante è che sto bene io, chissene degli altri". Per quanto riguarda il discorso Alitalia, ripeto, non so bene come si dovrebbe intervenire, non conoscendone perfettamente la storia, ma sicuramente non è paragonabile alle altre compagnie :sisi:

Sì ma sto discorso del contribuitore netto vale fin lì, perché, se non sbaglio, le cattivissime Germania e Francia versano al netto più di noi :sisi:
Poi tu conosci la storia di Alitalia? Se sì, ti chiedo: perché dovremmo salvare un'azienda così problematica un'altra volta?
Per i vaccini a cosa ti riferisci?
Perché Alitalia è un'azienda statale che come tale da lavoro e paga stipendi ai suoi dipendenti? :asd:
Come detto l'altra volta inoltre queste etichette del sentirsi "italiani, europei, marziani, ecc..." sono idiote per definizione dato che tutti gli stati in questione seguono un modello di stampo capitalista che per sua stessa natura sfrutta sempre nuove occasioni per fagocitare altro capitale.

Per quanto concerne i vaccini mi riferisco alla palese campagna intrapresa contro Astrazeneca per sabotare la distribuzione del suddetto vaccino, favorendo nel mentre la soluzione che sarà proposta nel prossimo futuro dalla Germania. Altro sintomo che della salute dei cittadini frega il giusto quando ci sono in mezzo interessi di natura economica :asd:
 
Iscritto dal
7 Ott 2009
Messaggi
49,407
Medaglie
9
LV
2
 
Perché Alitalia è un'azienda che come tale da lavoro e paga stipendi ai suoi dipendenti? :asd:
Sì, ovviamente, ma a sto punto non sarebbe (stato?) più conveniente dare vita a una nuova azienda nazionale, conservando i lavoratori, ma magari mettendo a capo gente "più competente"? Magari adottare anche una nuova strategia, più competitiva nei confronti delle nuove compagnie Low cost :unsisi:
 

Bubu

Divinità
Iscritto dal
11 Giu 2007
Messaggi
34,692
Medaglie
9
LV
2
 
Sì, ovviamente, ma a sto punto non sarebbe (stato?) più conveniente dare vita a una nuova azienda nazionale, conservando i lavoratori, ma magari mettendo a capo gente "più competente"? Magari adottare anche una nuova strategia, più competitiva nei confronti delle nuove compagnie Low cost :unsisi:
Competitiva ora come ora vuole dire riduzione dei salari :unsisi:
 
Iscritto dal
7 Mag 2008
Messaggi
17,982
Medaglie
6
LV
1
 
Sì, ovviamente, ma a sto punto non sarebbe (stato?) più conveniente dare vita a una nuova azienda nazionale, conservando i lavoratori, ma magari mettendo a capo gente "più competente"? Magari adottare anche una nuova strategia, più competitiva nei confronti delle nuove compagnie Low cost :unsisi:
Il problema è che molto spesso:

Più competitiva = abbassamento del costo del lavoro = stipendi più bassi e tagli al personale
 
Iscritto dal
7 Ott 2009
Messaggi
49,407
Medaglie
9
LV
2
 
Il problema è che molto spesso:

Più competitiva = abbassamento del costo del lavoro = stipendi più bassi e tagli al personale
Bubu So che non vuol dire niente, ma i piloti Ryanair so che guadagnano un casino rispetto a molti altri :unsisi: certo, è comunque possibili che quelli di Alitalia guadagnino di più, ma credo si debba trovare un compromesso fra sostenibilità e salari :hmm: anche perché, se metti i salari alti, ma anche i prezzi alle stelle, chi cazz deve viaggiare con la tua compagnia? :asd:
 

Bubu

Divinità
Iscritto dal
11 Giu 2007
Messaggi
34,692
Medaglie
9
LV
2
 
Bubu So che non vuol dire niente, ma i piloti Ryanair so che guadagnano un casino rispetto a molti altri :unsisi: certo, è comunque possibili che quelli di Alitalia guadagnino di più, ma credo si debba trovare un compromesso fra sostenibilità e salari :hmm: anche perché, se metti i salari alti, ma anche i prezzi alle stelle, chi cazz deve viaggiare con la tua compagnia? :asd:
Bella domanda ma di certo fare la gara a chi taglio lo stipendio non mi pare la mossa giusta.
O almeno non giusta a chi lo tocca dal vivo.
 
Iscritto dal
7 Ott 2009
Messaggi
49,407
Medaglie
9
LV
2
 
Bella domanda ma di certo fare la gara a chi taglio lo stipendio non mi pare la mossa giusta.
O almeno non giusta a chi lo tocca dal vivo.
Sì, però se poi dall'altra parte gli stipendi dei dipendenti delle compagnie Low cost non sono da morti di fame, anzi, non devi fare la gara. Si tratta di essere competitivi nel miglior modo possibile, secondo me, senza schiavizzare il tuo dipendente stile Amazon
 

Acidburn

Signore
Iscritto dal
12 Set 2017
Messaggi
5,260
Medaglie
4
LV
0
 
Sì, però se poi dall'altra parte gli stipendi dei dipendenti delle compagnie Low cost non sono da morti di fame, anzi, non devi fare la gara. Si tratta di essere competitivi nel miglior modo possibile, secondo me, senza schiavizzare il tuo dipendente stile Amazon
Beh oddio, io lavoravo in Ryanair a Dublino e raggiungevo stipendi altissimi, tipo 1600€ in estate dove si volava TANTO, poi uno stanzino in affitto costava 500 e passa euro, un panino al centro 20€, ed insomma, non avevo malattia, non avevo diritti praticamente, contratto a tempo e tutto il resto. Non mi pare fosse un granché come lavoro onestamente, soprattutto considerando che a volte uscivo alle 12 da casa e tornavo alle 4 di mattina

Edit: ovviamente parlo da cabincrew, i piloti viaggiano su altre cifre, ma anche lì, indimenticabile la gara(praticamente imposta dalla compagnia)su chi sostasse meno tempo sulla pista o utilizzasse meno carburante, in barba alle norme di sicurezza, giusto per fare capire come viene mandata avanti la baracca là :asd:
 
Iscritto dal
7 Ott 2009
Messaggi
49,407
Medaglie
9
LV
2
 
Beh oddio, io lavoravo in Ryanair a Dublino e raggiungevo stipendi altissimi, tipo 1600€ in estate dove si volava TANTO, poi uno stanzino in affitto costava 500 e passa euro, un panino al centro 20€, ed insomma, non avevo malattia, non avevo diritti praticamente, contratto a tempo e tutto il resto. Non mi pare fosse un granché come lavoro onestamente, soprattutto considerando che a volte uscivo alle 12 da casa e tornavo alle 4 di mattina

Edit: ovviamente parlo da cabincrew, i piloti viaggiano su altre cifre, ma anche lì, indimenticabile la gara(praticamente imposta dalla compagnia)su chi sostasse meno tempo sulla pista o utilizzasse meno carburante, in barba alle norme di sicurezza, giusto per fare capire come viene mandata avanti la baracca là :asd:
Sì, io ho conosciuto un pilota che s'è girato un po' di compagnie e m'aveva detto che con Ryanair era molto meglio. Non sapevo dei cabin crew, e mi dispiace che lo stipendio non fosse soddisfacente (anche se non so quanto sia costosa Dublino, ma deduco tanto), però il punto rimane: un'azienda, prima di chiudere e mandare a casa i propri lavoratori, in una prima fase iniziale, di progettazione di rilancio, abbassa lo stipendio dei propri lavoratori, cercando di ricostruirsi, e di tornare competitiva. Sai per caso se mo la situazione è cambiata per quanto riguarda i diritti dei lavoratori?
 

violiotset

Kamiya defence force
Iscritto dal
5 Set 2007
Messaggi
1,584
Medaglie
7
LV
1
 
Mah guarda, io trovo paradossale che un governo centrale (a maggior ragione da contributore netto, a discapito di quello che piace credere agli europeisti incalliti) debba rendere conto a Bruxelles a quali aziende sia legittimo o meno elargire aiuti di stato. Ricordo ancora la multa fatta all'Italia a inizio pandemia per gli aiuti "illegittimi" ai ristoratori sardi :asd:

E lo stesso vale per la questione vaccini che sembra piuttosto sospetta dato che la Germania sta sviluppando una sua soluzione :asd:
Alitalia e' un tumore incurabile a differenza di lufthansa e air france. Getita di merdxa da privati, pubblici, cordate, arabi, commissari, supercommissari straordinari. Un azienda con il focus TOTALE sui sindacati dei lavoratori, un aienda costata come una manovra finanziaria che perde miliardi di euro con una costanza invidiabile. Gia abbiamo fatto magheggi della madonna al giro scorso per dargli aiuti di stato quando ancora non si poteva (e l UE ha fatto finta di non vedere). Muoia sansone e tutti i filistei per quel che mi riguarda, sto accanimento terapeutico e' disturbante.
 

Matteus

leader zone
area tech
Iscritto dal
7 Apr 2011
Messaggi
5,256
Medaglie
7
LV
2
 
Bubu So che non vuol dire niente, ma i piloti Ryanair so che guadagnano un casino rispetto a molti altri :unsisi: certo, è comunque possibili che quelli di Alitalia guadagnino di più, ma credo si debba trovare un compromesso fra sostenibilità e salari :hmm: anche perché, se metti i salari alti, ma anche i prezzi alle stelle, chi cazz deve viaggiare con la tua compagnia? :asd:
Ricordi male

"Grottesca ma prevedibile la situazione che si è creata in Ryanair, compagnia aerea che è arrivata al punto di non pagare lo stipendio ai piloti quando sono in malattia o in ferie"
Insomma il paradiso dei lavoratori

 
Iscritto dal
7 Ott 2009
Messaggi
49,407
Medaglie
9
LV
2
 
Ricordi male

"Grottesca ma prevedibile la situazione che si è creata in Ryanair, compagnia aerea che è arrivata al punto di non pagare lo stipendio ai piloti quando sono in malattia o in ferie"
Insomma il paradiso dei lavoratori

EDIT: no, ci sto ripensando, e non sono sicuro di ricordare bene quello che mi aveva raccontato sto pilota, nello specifico del pagamento. Mi aveva detto, e questo lo ricordo, di voler andare da Ryanair per comodità, e perché comunque gli permetteva di poter avere "una vita", stabile, e con uno stipendio dignitoso.
Per quanto riguarda l'articolo che mi hai linkato, non so se adesso la situazione sia migliorata (considera che ho incontrato il pilota a fine 2020), tuttavia leggo che easy jet, compagnia sempre low cost, paga di più i suoi piloti.
Il punto del mio discorso, tuttavia, riguardo Alitalia, rimane, per quanto forse il paragone con Ryanair non sia stato azzeccato.
 
Ultima modifica:
Iscritto dal
24 Gen 2021
Messaggi
70
LV
0
 
Ok, allora hai quotato il post sbagliato :sisi: sulla questione Alitalia, nel dettaglio, non so perché continui a "fallire" nonostante i salvataggi che si sono susseguiti negli anni. Il discorso dell'essere europei si colloca a più a monte, ed era venuta fuori per le parole di Draghi volte alla difesa della Von Der Leyen :sisi: e sul fatto che "non l'ha prescritto il medico di sentirsi europei", e di vedere sempre e comunque l'Europa come l'invasore. Poi oh, sempre detto che l'Europa attuale non è assolutamente perfetta, ma sti discorsi del "prima gli italiani" mi ricorda tanto il "l'importante è che sto bene io, chissene degli altri". Per quanto riguarda il discorso Alitalia, ripeto, non so bene come si dovrebbe intervenire, non conoscendone perfettamente la storia, ma sicuramente non è paragonabile alle altre compagnie :sisi:

Sì ma sto discorso del contribuitore netto vale fin lì, perché, se non sbaglio, le cattivissime Germania e Francia versano al netto più di noi :sisi:
Poi tu conosci la storia di Alitalia? Se sì, ti chiedo: perché dovremmo salvare un'azienda così problematica un'altra volta?
Per i vaccini a cosa ti riferisci?

Eccomi :asd:
secondo te, in Germania/Francia pensano "prima i tedeschi/francesi" o "prima l'Europa"?

I famosi paesi frugali la scorsa estate hanno pensato "prima gli olandesi" o "prima gli europei"?

Questa storia di avere a cuore gli interessi del proprio paese sembra una cosa che manco Hitler e Bin Laden, e non capisco perché: io, cittadino italiano, vivo in italia (per ora), quindi è logico che se negli accordi internazionali e così via se si prendono decisioni a favore dell'italia sono contento e se prendono decisioni contro l'italia no. Mi sembra una cosa ovvia, non capisco lo scandalo. Le parole di draghi contro erdogan, in questo caso, sono andate contro l'Italia, perché 1-erdogan vuole bloccare i contratti tra aziende italiane e turche 2-visto che gli altri leader europei sono stati zitti, ci ha fatto la figura dell'unico scemo che è andato contro al "capo"
Per quello ho criticato quelle parole, tra farmi i cazzi miei per evitare questi danni e andare a fare il cavaliere dell'europa io scelgo la prima tutta la vita
 
Iscritto dal
7 Ott 2009
Messaggi
49,407
Medaglie
9
LV
2
 
Sì, sia chiaro, ti ho citato per spiegargli quale fosse stato il discorso fino a quel punto, non per parlare di te alle spalle :sisi:
secondo te, in Germania/Francia pensano "prima i tedeschi/francesi" o "prima l'Europa"?
Beh, è sotto gli occhi di tutti che ovunque le forze nazionaliste si stiano facendo strada (mente altrove, come in Ungheria e Austria, hanno già fatto strada, e in Olanda la pressione sociale nazionalista s'è vista durante le trattative per il recovery fund). Ovvio che il "sentirsi più europei" non dovrebbe essere solo un caso isolato italiano, ma dovrebbe essere una cosa collettiva, di tutti: noi, dal canto nostro, potremmo votare quei partiti che vogliono il bene comune europeo, e non dare il 34% a chi, fondamentalmente, vuole uscire dall'Europa. Dico che si dovrebbe fare così perché penso che se fossimo davvero una comunità e non, come ora, dei conviventi che si odiano ma che stanno sotto uno stesso tetto, le cose potrebbero andare decisamente meglio. E dico questo anche perché trovo insensato dare il 34% a chi in Europa non fa nulla per creare legami con gli altri Paesi, per poi lamentarsi che l'Europa fa schifo.
Questa storia di avere a cuore gli interessi del proprio paese sembra una cosa che manco Hitler e Bin Laden, e non capisco perché: io, cittadino italiano, vivo in italia (per ora), quindi è logico che se negli accordi internazionali e così via se si prendono decisioni a favore dell'italia sono contento e se prendono decisioni contro l'italia no. Mi sembra una cosa ovvia, non capisco lo scandalo. Le parole di draghi contro erdogan, in questo caso, sono andate contro l'Italia, perché 1-erdogan vuole bloccare i contratti tra aziende italiane e turche 2-visto che gli altri leader europei sono stati zitti, ci ha fatto la figura dell'unico scemo che è andato contro al "capo"
Per quello ho criticato quelle parole, tra farmi i cazzi miei per evitare questi danni e andare a fare il cavaliere dell'europa io scelgo la prima tutta la vita
Qui, uscendo dal discorso "comunità europea", posso anche essere d'accordo che dobbiamo cercare i nostri interessi, però ha senso fare accordi economici con chi ha ideali totalmente opposti ai nostri, e arricchendo queste medesime persone? È una cosa un po' raccapricciante. Poi oh, non so poi se sai illuminarmi su quali sarebbero questi accordi economici con la Turchia, nello specifico. Sul "difendere" i nostri interessi, sono d'accordo, infatti personalmente mi avrebbe fatto cagare quell'accordo commerciale per cui Obama spingeva, per importare i loro prodotti alimentari (aveva un acronimo, ma non lo ricordo proprio), e i nostri esportarli da loro (almeno, mi pare che l'accordo fosse una cosa simile, ma potrei sbagliarmi, non so se te ne sai di più), oppure quando nei supermercati italiani trovo più la frutta che viene dalla Spagna che la nostra (ma qui è una lamentela più di "pancia", visto che non conosco nello specifico i trattati).
Personalmente, per i motivi detti sopra, trovo parecchio vergognoso i silenzi degli altri leader :asd: anzi, in parlamento s'è fatta la voce grossa contro Michel: sono dei pagliacci.
Ripeto, il punto per me è che quelle critiche sono comunque intellettualmente oneste. Le avesse fatte a un Trump, per dire, avrei capito, e anch'io, per quanto detesto trump, sarei stato d'accordo con te. Ma Erdoğan è un maiale veramente :asd:
 
Top
AdBlock Rilevato

La pubblicità talvolta disturba, lo sappiamo!

Questo sito non potrebbe esistere senza qualche inserzione pubblicitaria, ma lavoriamo ogni giorno per rendere l'esperienza utente la più fluida ed interattiva possibile, e ciò vale anche per gli annunci promozionali. Non saranno mai invasivi od invalidanti, quindi ti chiediamo la cortesia di disattivare l'AdBlock per poter navigare. Grazie di cuore.

Ho disattivato AdBlock