Topic Politico | Leggere primo post prima di intervenire

Cart

LV
1
 
Iscritto dal
12 Mar 2007
Messaggi
5,086
Reazioni
804
Medaglie
5
Oggi è per il vaccino, domani chissà. Tanto ormai è sdoganato e ai tanti fascisti che lo supportano andrà bene così fintanto che non verranno toccati sul vivo o sul (loro) portafoglio
Ma anche se verranno toccati nel portafoglio, la colpa sarà degli altri.
 

Emhyr var Emreis

Jǫrmungandr
LV
1
 
Iscritto dal
12 Set 2014
Messaggi
2,723
Reazioni
105
Medaglie
5
Minchia, che c'è di più controverso di un lasciapassare che discrimina i cittadini in cittadini di serie A e di serie B e della demonizzazione dei cittadini di serie A da parte del PdC stesso in conferenza stampa?
"""""controverso""""" volutamente tra virgolette perchè è come sta passando dalla stampa.
Ossia che per loro una volta era controverso, ora è pura normalità.

Ma per il governo resta comunque un tabù per una ragione banalissima:
Se i casi di covid si dovessero riprendere ancora anche dopo aver imposto un obbligo vaccinale il palco cascherebbe in malomodo.
[...]
 

Alucard

LV
1
 
Iscritto dal
7 Mag 2008
Messaggi
18,181
Reazioni
989
Medaglie
6
Ma anche se verranno toccati nel portafoglio, la colpa sarà degli altri.
Quello sempre. Sarà dell'idraulico che non fa la fattura. Non dell'UE che verrà a chiedere più austerità o del MES (ratificato a fine anno, suppongo col benestare di tutti i partiti di maggioranza con buona pace dei gatekeeper Borghi e Bagnai) che ci commissarierà una volta che il PEPP sarà terminato, verosimilmente la prossima primavera.
 

Cart

LV
1
 
Iscritto dal
12 Mar 2007
Messaggi
5,086
Reazioni
804
Medaglie
5
Quello sempre. Sarà dell'idraulico che non fa la fattura. Non dell'UE che verrà a chiedere più austerità o del MES (ratificato a fine anno, suppongo col benestare di tutti i partiti di maggioranza con buona pace dei gatekeeper Borghi e Bagnai) che ci commissarierà una volta che il PEPP sarà terminato, verosimilmente la prossima primavera.
Idraulico che non fa la fattura Is the old 50/60enne che non si vaccina. Strane somiglianze meteorologiche, vero?
Post unito automaticamente:

"""""controverso""""" volutamente tra virgolette perchè è come sta passando dalla stampa.
Ossia che per loro una volta era controverso, ora è pura normalità.

Ma per il governo resta comunque un tabù per una ragione banalissima:
Se i casi di covid si dovessero riprendere ancora anche dopo aver imposto un obbligo vaccinale il palco cascherebbe in malomodo.
[...]
Forse non è tanto banale come ragione ma un suo approfondimento non compete questo topic, temo.
 

dante3vergil

LV
2
 
Iscritto dal
7 Ott 2009
Messaggi
50,287
Reazioni
757
Medaglie
10
Concordo

il problema è che sto governo è composto dal coaugulo più ipocrita e cancerogeno del parlamento, perciò pur di non perdere ulteriormente consenso continuano con sta boiata di green pass al posto di un obbligo.
M5s e pd sondaggi alla mano sono altalenanti ma continuamente in calo.
Lega e Silvio sono presi ancora peggio con tutti i voti che stanno fluendo in fratelli d'italia.

Nessuno osa fare robe """"controverse""""
Vedi anche il ddl zan dov' è finito ora.
Accantonato fino a fine giro d' elezioni.
Madò vero, pure il DDL Zan :asd: per non parlare dello ius soli, che il PD usa come promessa elettorale da non so più quando (senza mai parlare di economia, sia mai che dicano qualcosa per e sulla classe media e per i più poveri)
 
Ultima modifica da un moderatore:

Elzaeron

Professionista
LV
0
 
Iscritto dal
5 Apr 2012
Messaggi
2,137
Reazioni
552
Medaglie
3
.Veg allo stato attuale la caccia é l'unica via per limitare l'espansione di determinati animali. Animali che causano, in ordine crescente di gravità:
  • problemi all'agricoltura
  • problemi agli altri animali
  • problemi economici
  • problemi all'ambiente
  • problemi all'uomo (tra cui può esserci la morte)


Mi dispiace ma chi sostiene che sia fattibile abolire la caccia vive fuori dal mondo. Stesso dicasi per l'abbattimento dei superpredatori. Gradirei non ritrovarmi tra 20 anni con un orso fuori dal portone di casa un giorno sí e uno no.

Al massimo si potrebbe attuare la via della sterilizzazione di massa, ma é molto piú complicato del previsto.

Per dire, in Trentino la popolazione di orsi "consigliata" é di 60 se non sbaglio. Attualmente, il numero di orsi CENSITI supera le 100 unità. Non so se hai seguito la vicenda piú recente, ma hanno impiegato giorni e giorni per catturare M49. Immagina farlo per altri 100 esemplari. Credo che la velocità di sterilizzazione sarebbe addirittura inferiore a quella di riproduzione della bestia :asd:

E sto parlando del piccolo Trentino, per le altre regioni piú grandi e con animali di taglia piú piccola sarebbe probabilmente ancora piú difficile.
 

AudioSculpt

Sopravvissuto alla SARS-CoV-2
LV
1
 
Iscritto dal
30 Giu 2009
Messaggi
5,363
Reazioni
114
Medaglie
5
Sul discorso del nucleare è ad oggi l'unica fonte energetica che può sostenere il nostro stile di vita (specie se vuoi consumare ancora più elettricità di quanto già non si consumi introducendo a pieno mercato macchine elettriche) senza dover ricorrere a cose fortemente inquinanti come il carbone, come invece ha fatto la Germania negli ultimi anni. In questo senso non trovo molto fallace la strategia cinese se questo permetterà loro di ridurre le fabbriche a carbone.
Certamente le scorie rimangono un bel problema da smaltire, dovremmo semplicemente consumare di meno nella speranza che il nucleare per fusione, che al contrario di quello per fissione non ha particolari controindicazioni, riesca a fare progressi importanti nei prossimi anni se non decenni.
Ma vi pagano per scrivere inesattezze o lo fate gratis?
No perché nelle redazioni dei giornali che frequento (ahimè) io, almeno si vedono i soldi.

"il nostro stile di vita" come lo definisci tu, è tranquillamente sostenibile: se ogni palazzo venisse realizzato con le tecnologie oggi a disposizione per ciascuna delle sue parti, sarebbe completamente autosufficiente dal punto di vista energetico.

Il problema è che i colossi dell'energia non hanno ancora capito come passare dalla produzione dell'energia alla sua gestione e manutenzione (modelli di business molto diversi), senza far sbarellare gli azionisti.
Post unito automaticamente:

.Veg allo stato attuale la caccia é l'unica via per limitare l'espansione di determinati animali. Animali che causano, in ordine crescente di gravità:
  • problemi all'agricoltura
  • problemi agli altri animali
  • problemi economici
  • problemi all'ambiente
  • problemi all'uomo (tra cui può esserci la morte)


Mi dispiace ma chi sostiene che sia fattibile abolire la caccia vive fuori dal mondo. Stesso dicasi per l'abbattimento dei superpredatori. Gradirei non ritrovarmi tra 20 anni con un orso fuori dal portone di casa un giorno sí e uno no.

Al massimo si potrebbe attuare la via della sterilizzazione di massa, ma é molto piú complicato del previsto.

Per dire, in Trentino la popolazione di orsi "consigliata" é di 60 se non sbaglio. Attualmente, il numero di orsi CENSITI supera le 100 unità. Non so se hai seguito la vicenda piú recente, ma hanno impiegato giorni e giorni per catturare M49. Immagina farlo per altri 100 esemplari. Credo che la velocità di sterilizzazione sarebbe addirittura inferiore a quella di riproduzione della bestia :asd:

E sto parlando del piccolo Trentino, per le altre regioni piú grandi e con animali di taglia piú piccola sarebbe probabilmente ancora piú difficile.
Perché l'ho letto come se stessimo parlando di novax?
 
Ultima modifica:

Gianpi

Capomoderatore
sezione altro
LV
2
 
Iscritto dal
27 Ago 2009
Messaggi
5,814
Reazioni
431
Medaglie
6
Ancora questi discorsi sul Green Pass? Basta
 

Theta

LV
1
 
Iscritto dal
19 Ago 2019
Messaggi
1,849
Reazioni
627
Medaglie
3
Ma vi pagano per scrivere inesattezze o lo fate gratis?
No perché nelle redazioni dei giornali che frequento (ahimè) io, almeno si vedono i soldi.

"il nostro stile di vita" come lo definisci tu, è tranquillamente sostenibile: se ogni palazzo venisse realizzato con le tecnologie oggi a disposizione per ciascuna delle sue parti, sarebbe completamente autosufficiente dal punto di vista energetico.

Il problema è che i colossi dell'energia non hanno ancora capito come passare dalla produzione dell'energia alla sua gestione e manutenzione (modelli di business molto diversi), senza far sbarellare gli azionisti.
Magari.
Capisco la tua critica ma uno spreco è uno spreco, ti faccio un esempio estremo in America mi è capitato di vedere in estate case col camino elettrico acceso perché non volevano alzare il climatizzatore.
Era un discorso più sui generis, che si viva ben al di sopra delle possibilità del pianeta non lo dico certo io.
 

Elzaeron

Professionista
LV
0
 
Iscritto dal
5 Apr 2012
Messaggi
2,137
Reazioni
552
Medaglie
3
Ma vi pagano per scrivere inesattezze o lo fate gratis?
No perché nelle redazioni dei giornali che frequento (ahimè) io, almeno si vedono i soldi.

"il nostro stile di vita" come lo definisci tu, è tranquillamente sostenibile: se ogni palazzo venisse realizzato con le tecnologie oggi a disposizione per ciascuna delle sue parti, sarebbe completamente autosufficiente dal punto di vista energetico.

Il problema è che i colossi dell'energia non hanno ancora capito come passare dalla produzione dell'energia alla sua gestione e manutenzione (modelli di business molto diversi), senza far sbarellare gli azionisti.
A parte che nemmeno per gli edifici a energia quasi-zero è esattamente come dici tu... Ma stai forse sottintendendo che le risorse del pianeta non andranno ad esaurirsi? O che, nel caso, ci siano giù sufficienti "rimpiazzi energetici"?
Perché l'ho letto come se stessimo parlando di novax?
Forse perché hai le paranoie e/o una strana sindrome di accerchiamento lol

Anche se pensandoci sì, entrambe le categorie dimostrano lo stesso livello anti-scientifico di ignoranza. Parola usata non come insulto ma nel senso letterale del termine, ovvero "mancanza di conoscenza e/o comprensione".
 
Ultima modifica:

.Veg

Master of forum
LV
2
 
Iscritto dal
20 Set 2011
Messaggi
4,135
Reazioni
223
Medaglie
7
Elzaeron il punto che volevo tirar fuori è molto semplice: è possibile o non è possibile affrontare il discorso in ottica di confronto? Dai primi 5 post che vi ho quotato, mi sento di dire che il discorso o è bianco o è nero. Raccolta firme stupida, ridicola, ma magari il ridicolo sei tu che non si mette nemmeno a discutere se ci possano essere altre alternative all'abbattimento per quel problema specifico, quali potrebbero essere, quali limiti o possibilità. Nel post sopra hai detto che la caccia è al momento l'unica via e che chi la pensa al contrario vive fuori dal mondo e, a seguire, pecca di conoscenza e comprensione. Peccato che il ragionamento alla base di queste affermazioni al momento è puramente tautologico da quello che si legge in questi post.

Io non sto dicendo che un discorso è nel torto o meno, voglio far capire che se con questo atteggiamento pensiamo che qualcuno possa cambiare idea o quanto meno interessarsi ad un argomentazione diversa, campa cavallo.
La maggior parte dei post fra questo thread e il coronavirus si sviluppa per finire in "vabbè la pensiamo diverso, non mi interessa continuare" e alla fine non si discute di un cazzo, si entra, ridicoli gli altri, intelligenti quelli come me e usciamo esattamente come siamo entrati.

Per dire, magari si potrebbe arrivare ad una proposta che consente l'abbattimento in situazioni socialmente di rilievo, ma vieta violenze inutili per scopi di hobby. Il rispondermi che il referendum parte in quarta con lo slogan postato, non togli il fatto che la risposta è in toni uguali.
 

Palombella2

LV
1
 
Iscritto dal
12 Dic 2019
Messaggi
911
Reazioni
167
Medaglie
3
Che Paese, per i 4 tizi novax la Lamorgese aveva mandato l'esercito un altro po alla stazione e poi niente, tutto tornato nel degrado.


 
Ultima modifica:

Valefix

Master of forum
LV
0
 
Iscritto dal
25 Lug 2007
Messaggi
2,137
Reazioni
36
Medaglie
4
.Veg allo stato attuale la caccia é l'unica via per limitare l'espansione di determinati animali. Animali che causano, in ordine crescente di gravità:
  • problemi all'agricoltura
  • problemi agli altri animali
  • problemi economici
  • problemi all'ambiente
  • problemi all'uomo (tra cui può esserci la morte)


Mi dispiace ma chi sostiene che sia fattibile abolire la caccia vive fuori dal mondo. Stesso dicasi per l'abbattimento dei superpredatori. Gradirei non ritrovarmi tra 20 anni con un orso fuori dal portone di casa un giorno sí e uno no.

Al massimo si potrebbe attuare la via della sterilizzazione di massa, ma é molto piú complicato del previsto.

Per dire, in Trentino la popolazione di orsi "consigliata" é di 60 se non sbaglio. Attualmente, il numero di orsi CENSITI supera le 100 unità. Non so se hai seguito la vicenda piú recente, ma hanno impiegato giorni e giorni per catturare M49. Immagina farlo per altri 100 esemplari. Credo che la velocità di sterilizzazione sarebbe addirittura inferiore a quella di riproduzione della bestia :asd:

E sto parlando del piccolo Trentino, per le altre regioni piú grandi e con animali di taglia piú piccola sarebbe probabilmente ancora piú difficile.





EDIT: Ho aperto un topic apposito sulla raccolta firme per il referendum della caccia, se volete possiamo discuterne qua: https://forum.spaziogames.it/threads/referendum-per-labolizione-della-caccia.24670/
 
Ultima modifica:

Zio Maccio

Endure and Survive
LV
1
 
Iscritto dal
25 Ott 2009
Messaggi
6,425
Reazioni
604
Medaglie
6
.Veg allo stato attuale la caccia é l'unica via per limitare l'espansione di determinati animali. Animali che causano, in ordine crescente di gravità:
  • problemi all'agricoltura
  • problemi agli altri animali
  • problemi economici
  • problemi all'ambiente
  • problemi all'uomo (tra cui può esserci la morte)


Mi dispiace ma chi sostiene che sia fattibile abolire la caccia vive fuori dal mondo. Stesso dicasi per l'abbattimento dei superpredatori. Gradirei non ritrovarmi tra 20 anni con un orso fuori dal portone di casa un giorno sí e uno no.

Al massimo si potrebbe attuare la via della sterilizzazione di massa, ma é molto piú complicato del previsto.

Per dire, in Trentino la popolazione di orsi "consigliata" é di 60 se non sbaglio. Attualmente, il numero di orsi CENSITI supera le 100 unità. Non so se hai seguito la vicenda piú recente, ma hanno impiegato giorni e giorni per catturare M49. Immagina farlo per altri 100 esemplari. Credo che la velocità di sterilizzazione sarebbe addirittura inferiore a quella di riproduzione della bestia :asd:

E sto parlando del piccolo Trentino, per le altre regioni piú grandi e con animali di taglia piú piccola sarebbe probabilmente ancora piú difficile.
Mettiamo il limite di un figlio per famiglia (a livello mondiale), vedi quanti problemi risolviamo
 

Elzaeron

Professionista
LV
0
 
Iscritto dal
5 Apr 2012
Messaggi
2,137
Reazioni
552
Medaglie
3
Elzaeron il punto che volevo tirar fuori è molto semplice: è possibile o non è possibile affrontare il discorso in ottica di confronto? Dai primi 5 post che vi ho quotato, mi sento di dire che il discorso o è bianco o è nero. Raccolta firme stupida, ridicola, ma magari il ridicolo sei tu che non si mette nemmeno a discutere se ci possano essere altre alternative all'abbattimento per quel problema specifico, quali potrebbero essere, quali limiti o possibilità. Nel post sopra hai detto che la caccia è al momento l'unica via e che chi la pensa al contrario vive fuori dal mondo e, a seguire, pecca di conoscenza e comprensione. Peccato che il ragionamento alla base di queste affermazioni al momento è puramente tautologico da quello che si legge in questi post.

Io non sto dicendo che un discorso è nel torto o meno, voglio far capire che se con questo atteggiamento pensiamo che qualcuno possa cambiare idea o quanto meno interessarsi ad un argomentazione diversa, campa cavallo.
La maggior parte dei post fra questo thread e il coronavirus si sviluppa per finire in "vabbè la pensiamo diverso, non mi interessa continuare" e alla fine non si discute di un cazzo, si entra, ridicoli gli altri, intelligenti quelli come me e usciamo esattamente come siamo entrati.

Per dire, magari si potrebbe arrivare ad una proposta che consente l'abbattimento in situazioni socialmente di rilievo, ma vieta violenze inutili per scopi di hobby. Il rispondermi che il referendum parte in quarta con lo slogan postato, non togli il fatto che la risposta è in toni uguali.
Io capisco benissimo cosa dici: tra il bianco e il nero é sempre meglio porsi in una qualche sfumatura di grigio. Il problema é che a volte tale via di mezzo non é percorribile.
Si può cercare finché si vuole di entrare nel limbo del dialogo, ma quando ci si ritrova a sbattere contro il muro dell'infattibilità é bene fermarsi. E prima che qualcun'altro mi dica "eh certo, quando vuoi tu il dialogo c'é e quando non vuoi non c'é": non é Elzaeron a decidere, io ascolto solo chi ha voce in capitolo.

Nell'esempio specifico dell caccia, noto degli errori nel tuo ragionamento. Innanzitutto, pur non facendone parte, ho sempre detestato la demonizzazione del cacciatore (cosa molto diversa dal bracconiere, il quale non é altro che un criminale e che come tale andrebbe trattato). La sua é una figura necessaria per la sostenibilità dell, ecosistema. Intendiamoci, non esistano cacciatori a cui piange il cuore ogni volta che premono il grilletto, ma dipingerlo come un hobby inutile é sbagliato. "Hobby" magari sí, "inutile" assolutamente no.
Cosa piú importante, se la popolazione di una specie sfugge al controllo gestibile dell'ecosistema, é un disastro: si innescherebbero una serie di eventi che andrebbero piano piano a distruggere l'ecologia della zona. Non ho studiato scienze forestali né sono un cacciatore quindi non sarò molto preciso, ma brevemente: se una specie in mezzo alla catena alimemtare cresce fino a superare il "limite massimo", le specie predate dalla suddetta verranno uccise con piú frequenza, fino forse ad estinguersi in caso di mancata regolazione (questo gli "animalisti" tendono sempre ad ignorarlo).
Ma non solo: la specie sovrappopolata dovrà, per forza di cosa, espandersi. Cosa succede quando il territorio a lei congeniale finisce? Che arriva troppo vicina all'uomo. Le conseguenze di ciò sarebbero la distruzione dell'agricoltura (ricordo che c'é ancora gente che mangia grazie alla loro professione di contadino) e altri danni ambientali. Tutto ciò porterebbe inoltre, come é facile immaginare, ad ingenti danni economici pubblici e privati. Tutto ciò solo se consideriamo, ad esempio, un amabile cervo, praticamente innocuo per la salute dell'uomo (quanto meno direttamente). Se parliamo invece di un molto meno amabile orso beh.. Probabilmente chi dice che "sono inncui!!!" vede tale animale come fosse Yoghi, che ti bussa sulla finestrella della baracca per chiederti gentilmente il miele, ma la realtà é un po' diversa.

Poi magari stiamo parlando di cose diverse: come avrai notato io sono favorevole alla caccia e/o all'abbattimento solo quando necessari al contenimento di una specie. Nella mia Regione la caccia é regolamentata solo in questi casi (credo), non so dalle altre parti. Per fare un esempio contrario, non sarei favorevole alla caccia a determinati animali al solo scopo di produrre pellicce (penso agli ermellini, ma non so se sono legalmente cacciati in Italia e, nel caso, se lo siano anche a scopo contenitivo).


In questo discorso, ho volutamente tralasciato l'aspetto piú importante della questione: i promotori del referendum hanno proposto questa loro idea senza fornire un'alternativa al contenimento degli animali. Ora, a me va benissimo discutere del piú e del meno su un forum se sia fattibile o meno una determinata azione senza nemmeno esplicare le alternative, ma dal momento in cui proponi um consulto via referendum DEVI avere già l'alternativa. Spero che almeno su questo punto siamo tutti d'accordo, altrimenti spiegatemi cosa si deve fare nel periodo che intercorre tra referendum e l'intervento successivo che mitigherà i suoi danni.


In conclusione, per me il dibattito sulla caccia può anche esistere, ma deve venire da persone che a) conoscono l'argomento e b) portano alternative per fermare i problemi che . E per ora non ho visto fare né l'una né l'altra cosa da chi promuove il referendum. Per questi motivi, continuo a ritenerlo il referendum piú inutile (o meglio: dannoso) e ridicolo degli ultimi anni.
Post unito automaticamente:

Mettiamo il limite di un figlio per famiglia (a livello mondiale), vedi quanti problemi risolviamo
Ti rendo noto che stai paragonando:
  • la sovrappopolazione di un qualsiasi animale, privo di intelletto e raziocinio e che da sempre si cerca di limitarne la crescita entro certi limiti per vari motivi
  • la sovrappopolazione della specie di cui fai parte

Post unito automaticamente:





EDIT: Ho aperto un topic apposito sulla raccolta firme per il referendum della caccia, se volete possiamo discuterne qua: https://forum.spaziogames.it/threads/referendum-per-labolizione-della-caccia.24670/
Eh sí, infatti in Italia ci sono gli "orsi bruni tra gli ultimi rimasti della loro specie" :sisi:
 
Ultima modifica:

Snow24

Moderatore
sezione altro
sezione motori
LV
1
 
Iscritto dal
18 Ago 2012
Messaggi
8,008
Reazioni
2,004
Medaglie
14
Ragazzi, la discussione sulla caccia è molto interessante, ma è stato aperto un topic apposito quindi proseguite lì. Se volete, cliccando sul tasto "MultiQuota" potete quotare i post e rispondere direttamente nell'altra discussione. Cliccate sul post interessato, andate nel topic sul referendum e vi ritrovate un pulsante "Inserisci citazione".
 

AudioSculpt

Sopravvissuto alla SARS-CoV-2
LV
1
 
Iscritto dal
30 Giu 2009
Messaggi
5,363
Reazioni
114
Medaglie
5
A parte che nemmeno per gli edifici a energia quasi-zero è esattamente come dici tu... Ma stai forse sottintendendo che le risorse del pianeta non andranno ad esaurirsi? O che, nel caso, ci siano giù sufficienti "rimpiazzi energetici"?
Si. Volendo (e qui sta il problema) riprogettare da zero il modo in cui viene prodotta, accumulata, distribuita e consumata l'energia, il fabbisogno energetico odierno di un'area residenziale potrebbe essere tranquillamente sostenuto da fonti rinnovabili.
Post unito automaticamente:

Forse perché hai le paranoie e/o una strana sindrome di accerchiamento lol

Anche se pensandoci sì, entrambe le categorie dimostrano lo stesso livello anti-scientifico di ignoranza. Parola usata non come insulto ma nel senso letterale del termine, ovvero "mancanza di conoscenza e/o comprensione".
Nessuna sindrome.
Come dice Cart, "basta che sto bene io". Chi usufruisce dei miei servigi mi ha già assicurato sia i tamponi a suo carico che l'assicurazione sanitaria.
Pensavo di essere stato chiaro già da tempo: chiunque è (o si è) convinto che questa situazione sia ideale allo scopo, può benissimo fallire con il resto del paese.
Quelli che invece ritengono di essere accerchiati, di non avere via d'uscita e sono disposti a crearsene una, possono benissimo contattarmi.
 
Ultima modifica:

Elzaeron

Professionista
LV
0
 
Iscritto dal
5 Apr 2012
Messaggi
2,137
Reazioni
552
Medaglie
3
Si. Volendo (e qui sta il problema) riprogettare da zero il modo in cui viene prodotta, accumulata, distribuita e consumata l'energia, il fabbisogno energetico odierno di un'area residenziale potrebbe essere tranquillamente sostenuto da fonti rinnovabili.
Bisogna distinguere 2 cose però: un conto é dire che l'energia che arriva sulla Terra da fonti rinnovabili sarebbe teoricamente sufficiente (vero), un altro dire che solo volendo riusciremmo a sfruttarne una quantità tale per autosostenerci (attualmente falso). Non so quanto ci vorrà, ma sicuramente il nucleare a fusione darebbe una grossissima mano nel frattempo, quindi perché rigettarlo?

Credo comunque che stiamo dicendo la stessa cosa :asd:
 
Ultima modifica da un moderatore:

Cart

LV
1
 
Iscritto dal
12 Mar 2007
Messaggi
5,086
Reazioni
804
Medaglie
5

E niente, fa già ridere cosi :rickds:
Ma non è venuta fuori proprio ieri la notizia dell'accordo "anti Cina" fra Usa, UK e Australia che hanno completamente ignorato UE e Nato? Ammetto, comunque, di aver letto solo di sfuggita la notizia.
 
Top