Jump to content
Vc3nZ_92

Critica Sonara HD Remastered PS4 Ver. | Regolamento aggiornato al primo post! |

Recommended Posts

4j0L8fk.png Ed eccoci con la Critica Sonara HD Remastered PS4 Ver.! Abbiamo deciso di dare una svecchiata al thread delle recensioni per renderlo più immediato e interessante ai più, ora non avete scuse, potete (e dovete) partecipare tutti! E' stato tutto snellito per dare la possibilità anche a chi non ha tanta voglia di scrivere di essere partecipe al thread.

 

Le NUOVE REGOLE sono chiarissime e per nulla restrittive, eccole:
- Scala voto da 1 a 10 con step di 0,5 solamente (quindi, 10 - 9,5 - 9 - 8,5 - ... - etc, ma NON 8,4 - 7,2 - etc);
- Qualsiasi gioco PS4 che sia almeno in HD, pertanto NON valgono, ad esempio i PSX o PS2 Classic;
- Accettati anche giochi only DD;
- Per le collection, potete recensire i titoli singolarmente o globalmente, a discrezione vostra;
- I giochi entrano in classifica (secondo post) al raggiungimento di 4 recensioni, come su Metacritic;
- Va bene anche una sola riga di commento/recensione, insomma giusto per non postare solamente il titolo con il voto, un minimo di motivazione mettetela. Per i voti eccessivamente alti (9 o più di 9) o eccessivamente bassi (5 o meno di 5) è consigliabile fare un commentino più approfondito (niente di esagerato, comunque).

 

Beh, come vi dicevo, la situazione è stata davvero snellita, quindi ora vogliamo che partecipiate tutti, mi raccomando! Quasi dimenticavo, oltre alla già citata classifica, nel secondo post verranno raccolti i voti di tutte le recensioni (con link alla recensione, in modo da essere poter letta e per vedere chi è l'autore) con a fianco il numero delle recensioni per ogni gioco, così ci rendiamo subito conto quando un gioco arriva a 4 ed è pronto a entrare in classifica. Non ci resta che augurarvi buona scrittura! :gab:


kQShhuk.png

Now Playing: 

Cuphead (PS4)

Yakuza 3 (PS3)

Final Fantasy VII (PSX) 

 

-> Finiti nel 2020 <-

-> Le mie video-recensioni <-

Per info e segnalazioni clicca QUI

Share this post


Link to post

3GDPvGE.png

oNAsXIR.png2aQ8xnA.jpgQH4Rg19.jpgF9S2Lyj.jpgYNVDj7p.png2w7v1kT.jpg2jE8Vdj.jpgWwHZU83.jpgIkgGuJE.jpgi1PG7LX.png26cfXsa.pngnsqG20H.jpg0Qkuq7q.jpgLljhJKD.pngqQYC7JW.pngh93CTfN.pngeEPe3FS.jpgRpHnF5h.pngtVi8sP7.jpg5ju9NSi.jpgXkARpIp.jpgQTDZx37.pngPsPaMIY.jpg5s0J6sc.pngdfIuHk5.pngmfwoAUd.pngsm1FS0E.jpgoWofEKG.jpg6oOO9jU.pngjZhRAl1.pngghz4IdB.pngf3v4bNW.jpgP64loE2.jpg9JCgsJ1.png97ltAW9.jpgv5fKAlT.pngaO7MzHO.jpg73FlFmx.jpg

 

iJewydT.png

 

2Dark
(1) - [8 - Ryo Narushima]


A Boy and His Blob
(1) - [7,5 - belmont976]

 

Aragami
(1) - [8 - Ryo Narushima]

 

Arcania The Complete Tale
(1) - [4,5 - Oretel]

 

Assassin's Creed Brotherhood
(1) - [7.5 - Jack 95]

 

Assassin's Creed Chronicles
(1) - [8 - Ryo Narushima]

 

Assassin's Creed Chronicles China
(1) - [7 - AT-33]

 

Assassin's Creed Origins
(1) - [9 - Oretel]

 

Assassin's Creed Syndicate
(2) - [7 - Dante47] - [7,5 - Oretel]

 

Assassin's Creed Unity
(5) - [7,5 - Ryo Narushima] - [7 - Johnny2985] - [4 - Rapt] - [6,5 - Oretel] - [4 - Dante47]

 

Astro Bot Rescue Mission
(1) - [9,5 - Giamast]

 

Batman Arkham Asylum
(2) - [9 - IL GURU] - [8,5 - Oretel]

 

Batman Arkham City
(1) - [8 - Oretel]

 

Batman Arkham Knight
(6) - [8,5 - Ryo Narushima] - [9,5 - Rapt] - [8,5 - Keleborn] - [8 - Papa Demilol] - [9 - Dante47] - [10 - Vc3nZ_92]

 

Batman The Telltale Series
(1) - [7,5 - Dante47]

 

Battlefield 1
(4) - [8 - koinzell] - [8,5 - Doc E.Brown] - [6,5 - Giamast] - [8 - PuntoLory]

 

Berserk and The Band of The Hawk
(1) - [7 - Sparda]

 

Beyond Two Souls
(1) - [9 - malandrins94]

 

BioShock The Collection
(1) - [9 - Giamast]

 

Blackguards 2
(1) - [7 - Oretel]

 

Bloodborne
(11) - [9 - Keleborn] - [10 - Papa Demilol] - [8,5 - Ryo Narushima] - [9,5 - Readyjack] - [9,5 - belmont976] - [8 - Riyos] - [9,5 - BigBoss91] - [9,5 - Dante47] - [10 - Vc3nZ_92] - [9 - Alessandro Pride] - [9,5 - Giamast]

 

Blue Reflection
(1) - [7,5 - DeDaLuS]

 

Bound by Flame
(1) - [6,5 - Oretel]

 

Bulletstorm Full Clip Edition
(1) - [7 - Hell]

 

Call of Duty Black Ops 4
(1) - [8 - Giamast]

 

Call of Duty Infinite Warfare
(3) - [6,5 - Ryo Narushima] - [8 - Dante47] - [5 - Giamast]

 

Call of Duty Modern Warfare
(1) - [8 - Giamast]

 

Call of Duty Modern Warfare Remasterd
(3) - [8 - Dante47] - [8,5 - BlackWizard] - [8 - Giamast] 

 

Concrete Genie
(1) - [7 - Giamast]

 

Control
(2) - [9 - Giamast] - [8,5 - Vc3nZ_92]

 

Crash Bandicoot N. Sane Trilogy
(4) - [10 - Vc3nZ_92] - [8 - Ryo Narushima] - [9 - PuntoLory]  - [8,5 - Giamast]

 

Darksiders III
(2) - [7 - Giamast] - [8 - Vc3nZ_92]

 

Dark Souls II Scholar of the First Sin
(4) - [8,5 - belmont976] - [8 - Oretel] - [8,5 - Keleborn] - [8,5 - King Vendrick]

 

Dark Souls III
(7) - [9 - Papa Demilol] - [9,5 - Keleborn] - [9,5 - belmont976] - [9 - King Vendrick] - [9,5 - Riyos] - [8,5 - Oretel] - [9 - Dante47]

 

Daymare 1998
(1) - [7,5 - AT-33]

 

Days Gone
(2) - [9 - Magico] - [8 - Giamast]

 

Deadpool
(1) - [7 - Sparda]

 

Death Stranding
(5) - [8,5 - Vc3nZ_92] - [9 - Giamast] - [7,5 - Krando] - [7 - Alvise44] - [9 - GaF]

 

Deponia
(1) - [7 - -BlackStar]

 

Destiny
(1) - [6,5 - S1lent17]

 

Detroid Become Human
(4) - [7,5 - Jack 95] - [9,5 - Dante47] - [8 - Giamast] - [8,5 - BlackWizard]

 

Deus Ex Mankind Divided
(7) - [8 - Papa Demilol] - [8,5 - Ryo Narushima] - [8,5 - King Vendrick] - [8,5 - GaF] - [7,5 - Krauron] - [9,5 - Vc3nZ_92] - [8 - Dante47]

 

Devil May Cry 4 Special Edition
(2) - [7 - Rapt] - [8 - Dante47]

 

Devil May Cry 5
(2) - [9 - Giamast] - [10 - Vc3nZ_92]

 

Diablo III Ultimate Evil Edition
(1) - [9 - Ryo Narushima]

 

Dishonored Definitive Edition
(1) - [9 - Papa Demilol]

 

Dishonored 2
(4) - [8,5 - Ryo Narushima] - [8,5 - Dante47] - [8,5 - Giamast] - [9,5 - Vc3nZ_92]

 

Divinity Original Sin Enhanced Edition
(1) - [8,5 - Oretel]

 

Divinity Original Sin 2
(1) - [9,5 - Aftermath]

 

DOOM
(4) - [9 - Doc E.Brown] - [9,5 - belmont976] - [8 - -BlackStar] - [8,5 - Giamast]

 

Dragon Age Inquisition
(5) - [8 - Mari chan] - [7,5 - Johnny2985] - [9 - Dante47] - [8,5 - King Vendrick] - [9 - Oretel]

 

Dragon Ball FighterZ
(2) - [8,5 - Vc3nZ_92] - [9 - Dante47]

 

Dragon Ball Z Kakarot
(2) - [8 - Thompson] - [6,5 - Vc3nZ_92]

 

Dragon Ball Xenoverse
(1) - [7 - Ryo Narushima]

 

Dragon Ball Xenoverse 2
(2) - [7,5 - Rapt] - [8,5 - Ryo Narushima]

 

Dragon Quest Heroes
(2) - [7,5 - Ryo Narushima] - [7,5 - DeDaLuS]

 

Dragon's Dogma Dark Arisen
(1) - [7 - Oretel]

 

Dust An Elysian Tale
(1) - [8 - S1lent17]

 

Elex
(1) - [8 - Oretel]

 

Fahrenheit Indigo Prophecy Remastered
(1) - [7,5 - AT-33]

 

Fallout 4
(6) - [8,5 - Mari chan] - [7 - Papa Demilol] - [8,5 - Vc3nZ_92] - [8,5 - Oretel] - [7 - Dante47] - [7 - Giamast]

 

Far Cry 4
(1) - [9 - Oretel]

 

Far Cry Primal
(2) - [6,5 - GaF] - [7,5 - Oretel]

 

Far Cry New Dawn
(1) - [6,5 - Giamast]

 

Farm Together
(1) - [7,5 - GaF]

 

Farpoint
(1) - [7,5 - Giamast]

 

Final Fantasy VII Remake
(1) - [9 - Giamast]

 

Final Fantasy XV
(8) - [8 - Ryo Narushima] - [8 - final-baga-fanta] - [8,5 - King Vendrick] - [9 - - Nate -] - [8 - Lurix] - [9,5 - Dante47] - [9 - Briky] - [10 - FrontierGamer]

 

Ghost Recon Wildlands
(1) - [8 - Ryo Narushima]

 

God of War
(8) - [10 - Siriodorione] - [10 - Giamast] - [9,5 - Keleborn] - [10 - Vc3nZ_92] - [9,5 - Beastly-Zero] - [9,5 - Il Mitico™] - [9,5 - Jack 95] - [10 - Dante47]

 

Grand Ages Medieval
(1) - [6,5 - Oretel]

 

Grand Theft Auto V
(2) - [9 - Ryo Narushima] - [9,5 - Oretel]

 

Gravity Rush Remastered
(5) - [7 - .Mad] - [7,5 - BigBoss91] - [9 - - Nate -] - [8,5 - King Vendrick] - [7,5 - Doc E.Brown]

 

Gravity Rush 2
(2) - [7,5 - Ryo Narushima] - [4 - Dante47]

 

Grim Fandango Remastered
(3) - [9,5 - Readyjack] - [8 - IL GURU] - [8 - PuntoLory] 

 

Grow Home
(1) - [7 - Quattro]

 

Guacamelee!
(1) - [9 - belmont976]

 

Hellblade Senua's Sacrifice
(1) - [8,5 - Dante47]

 

Hitman 
(4) - [8,5 - Ryo Narushima] - [8,5 - GaF] - [9 - Dante47] - [7,5 - Giamast]

 

Hitman 2
(2) - [8 - Giamast] - [8,5 - GaF]

 

Hollow Knight Voidheart Edition
(1) - [9,5 - BigBoss91]

 

Horizon Zero Dawn
(11) - [9 - Hook] - [8 - _Aya_] - [9,5 - - Nate -] - [9 - King Vendrick] - [9 - Dante47] - [8,5 - Ryo Narushima] - [9,5 - Vc3nZ_92] - [9 - Mi chiamavano Trinità] - [8 - BigBoss91] - [8,5 - PuntoLory] - [8,5 - BlackWizard]

 

I Am Setsuna
(1) - [6,5 - Markedge]

 

inFamous Second Son
(4) - [7,5 - Ryo Narushima] - [8 - Dante47] - [7 - Giamast] - [7,5 - Vc3nZ_92]

 

inFamous First Light
(4) - [6,5 - Ryo Narushima] - [7,5 - IL GURU] - [8 - Dilust] - [7 - Giamast]

 

Injustice 2
(1) - [8 - Dante47]

 

Inside
(1) - [9 - Quattro]

 

Journey
(3) - [10 - BlackWizard] - [8 - Dante47] - [8 - Ryo Narushima]

 

Just Cause 3
(2) - [6 - Quattro] - [7,5 - Oretel]

 

Just Cause 4
(1) - [6,5 - GaF]

 

Killzone Shadow Fall
(4) - [8,5 - Big-Demoniac] - [7,5 - belmont976] - [6,5 - Rapt] - [6 - Doc E.Brown]

 

Kingdom Hearts 0.2 Birth by Sleep A Fragmentary Passage
(1) - [7 - Dante47]

 

Kingdom Hearts 3D Dream Drop Distance HD
(1) - [7 - Dante47]

 

Layers of Fear
(1) - [9 - Hell]

 

Life is Strange
(5) - [8,5 - BigBoss91] - [10 - AT-33] - [6,5 - _Aya_] - [9,5 - Dante47] - [8 - Ryo Narushima]

 

Life Is Strange Before The Storm
(1) - [7,5 - Jack 95]

 

Little Nightmares
(1) - [8 - IL GURU]

 

Lords of the Fallen
(2) - [8 - Keleborn] - [7,5 - Dante47]

 

Mad Max
(3) - [8 - Readyjack] - [7 - Dante47] - [7,5 - Oretel]

 

Mafia III
(1) - [7 - Ryo Narushima]

 

Magicka 2
(1) - [8 - PuntoLory]

 

Marvel's Spider-Man
(4) - [9 - Giamast] - [9 - Vc3nZ_92] - [9 - Dante47] - [9 - Keleborn]

 

Mass Effect Andromeda
(3) - [8 - Vc3nZ_92] - [7 - Dante47] - [8,5 - Oretel]

 

MediEvil
(1) - [7,5 - Giamast]

 

Metal Gear Solid V Ground Zeroes
(2) - [7,5 - Dante47] - [7,5 - Oretel]

 

Metal Gear Solid V The Phantom Pain
(2) - [9 - Dante47] - [10 - Oretel]

 

Metro 2033 Redux
(1) - [8,5 - Vc3nZ_92]

 

Metro Exodus
(2) - [8 - Il curioso signore felice] - [8,5 - Giamast]

 

Middle-earth Shadow of Mordor
(5) - [6 - Rapt] - [7 - Ryo Narushima] - [7 - Oretel] - [8,5 - King Vendrick] - [7,5 - Vc3nZ_92]

 

Middle-earth Shadow of War
(2) - [8 - zaza50] - [8 - Dante47]

 

Mirror's Edge Catalyst
(2) - [8 - Vc3nZ_92] - [6,5 - Hell]

 

Naruto Shippuden Ultimate Ninja Storm 4
(1) - [7,5 - Ryo Narushima]

 

NieR Automata
(5) - [9,5 - FlareZero] - [9,5 - Dante47] - [10 - King Vendrick] - [8 - Ryo Narushima] - [9,5 - Vc3nZ_92]

 

Nioh
(5) - [8,5 - Hook] - [8,5 - Doc E.Brown] - [8,5 - Vc3nZ_92] - [8,5 - zaza50] - [9 - Keleborn]

 

Nioh 2
(1) - [8,5 - manuel99]

 

Not A Hero
(1) - [7 - AT-33]

 

Odin Sphere Leifthrasir
(1) - [9,5 - belmont976]

 

One Piece Pirate Warriors 4
(1) - [8 - manuel99]

 

Outlast
(1) - [8,5 - Dante47]

 

Outlast 2
(2) - [8,5 - Dante47] - [9 - Hell]

 

Overwatch Origins Edition
(1) - [9 - Doc E.Brown]

 

Persona 5
(1) - [10 - Dante47]

 

Pillars of Eternity Complete Edition
(1) - [9,5 - Oretel]

 

Plants vs. Zombies Battle for Neighborville
(1) - [7,5 - GaF]

 

Prey
(3) - [8 - Papa Demilol] - [4 - Hell] - [8 - Giamast]

 

Ratchet & Clank
(6) - [8,5 - Rapt] - [8,5 - Keleborn] - [8 - Ryo Narushima] - [9 - King Vendrick] - [9 - Dante47] - [8,5 - Vc3nZ_92]

 

RAGE 2
(1) - [7,5 - Giamast]

 

Red Dead Redemption 2
(2) - [9,5 - Giamast] - [10 - Dante47]

 

Redout Lightspeed Edition
(1) - [8,5 - Vc3nZ_92]

 

Resident Evil 2
(2) - [8,5 - Il curioso signore felice] - [9 - Giamast]

 

Resident Evil HD Remaster
(2) - [10 - Dante47] - [9,5 - Ryo Narushima]

 

Resident Evil Zero HD Remaster
(1) - [8 - Ryo Narushima]

 

Resident Evil Revelations 2
(2) - [7,5 - Ryo Narushima] - [7 - AT-33]

 

Resident Evil 7 Biohazard
(6) - [8,5 - Cloud-Loku] - [9 - Doc E.Brown] - [8 - Ryo Narushima] - [9 - Keleborn] - [8,5 - Hell] - [9 - Dante47]

 

RiME
(1) - [8 - Dante47]

 

Risen 3 Titan Lords Enhanced Edition
(1) - [8 - Oretel]

 

Rise of the Tomb Raider
(5) - [8 - Ryo Narushima] - [8,5 - Dante47] - [7,5 - IchnoTony] - [7,5 - _Aya_] - [8 - Vc3nZ_92]

 

Robinson The Journey
(1) - [6 - Giamast]

 

Rocket League
(1) - [8 - PuntoLory]

 

Sapere è Potere

(1) - [7 - Dante47]

 

Sekiro Shadows Die Twice

(4) - [9,5 - Giamast] - [8,5 - SANJI87] - [7 - Magico] - [10 - Vc3nZ_92]

 

Shadow of the Beast
(1) - [7,5 - belmont976]

 

Shadow of the Colossus
(3) - [7,5 - Yang Xiao Long] - [10 - Dante47] - [9,5 - Giamast]

 

Shadow of the Tomb Raider
(1) - [8,5 - Vc3nZ_92]

 

Shadow Warrior
(1) - [7 - Doc E.Brown]

 

Shantae Half Genie Hero
(1) - [9 - FlareZero]

 

Slain Back From Hell
(1) - [7 - Ryo Narushima]

 

Sleeping Dogs Definitive Edition
(1) - [7,5 - Oretel]

 

SOMA
(2) - [8,5 - IL GURU] - [9 - Hell]

 

Spyro Reignited Trilogy
(3) - [9 - Giamast] - [9,5 - PuntoLory] - [9 - Vc3nZ_92]

 

Stardew Valley
(1) - [7 - Quattro]

 

Star Wars Battlefront
(1) - [8 - PuntoLory]

 

Star Wars Jedi Fallen Order
(2) - [7,5 - Giamast] - [8 - Vc3nZ_92]

 

Steets of Rage 4
(1) - [8,5 - manuel99]

 

Strider
(1) - [8 - belmont976]

 

Table Top Racing World Tour
(1) - [6,5 - PuntoLory]

 

Tales of Berseria
(1) - [8 - Ryo Narushima]

 

Tales of Zestiria
(1) - [7,5 - Ryo Narushima]

 

Tearaway Unfolded
(1) - [9,5 - PuntoLory]

 

The Banner Saga
(1) - [9 - koinzell]

 

The Bard's Tale Remastered and  Resnarkeled
(1) - [7 - Oretel]

 

The Elder Scrolls V Skyrim Special Edition
(1) - [8 - Oretel]

 

The Evil Within
(2) - [8,5 - Ryo Narushima] - [8,5 - Readyjack]

 

The Evil Within 2
(2) - [7 - Aku] - [7 - Ryo Narushima]

 

The King of Fighters XIV
(1) - [7,5 - Ryo Narushima]

 

The Last Guardian
(10) - [9,5 - Markone] - [9 - Ryo Narushima] - [9 - Rapt] - [9 - IchnoTony] - [8,5 - Dante47] - [10 - Quattro] - [9,5 - Vc3nZ_92] - [9 - silverboots95] - [7,5 - Markedge] - [7 - BigBoss91]

 

The Last of Us Remastered
(3) - [10 - Rapt] - [9,5 - DeDaLuS] - [8,5 - Giamast]

 

The Last of Us Parte II
(1) - [10 - Vc3nZ_92]

 

The Last Tinker City of Colors
(1) - [7,5 - Ryo Narushima]

 

The Order 1886
(10) - [7 - Ryo Narushima] - [6 - Johnny2985] - [7,5 - Doc E.Brown] - [8 - Keleborn] - [8,5 - - Nate -] - [6 - Papa Demilol] - [8 - Alvise44] - [7,5 - belmont976] - [9 - AT-33] - [8,5 - Hell]

 

The Outer Worlds
(1) - [6,5 - Giamast]

 

The Surge
(1) - [7,5 - FlareZero]

 

The Technomancer
(1) - [7,5 - Oretel]

 

The Town of Light
(2) - [7,5 - Ryo Narushima] - [7,5 - Hell]

 

The Vanishing of Ethan Carter
(3) - [6 - Quattro] - [7,5 - IchnoTony] - [8,5 - Hell]

 

The Witcher 3 Wild Hunt
(11) - [8,5 - Rapt] - [8 - BigBoss91] - [9 - Papa Demilol] - [9 - zaza50] - [9,5 - Oretel] - [9 - Dante47] - [9 - Quattro] - [10 - Giamast] - [9 - Keleborn] - [9,5 - Vc3nZ_92] - [9 - R.Zoro92]

 

Thief
(1) - [8 - Ryo Narushima]

 

Titanfall 2
(2) - [8,5 - PuntoLory] - [7 - Giamast]

 

Tomb Raider Definitive Edition
(1) - [8,5 - Oretel]

 

Tom Clancy's The Division
(1) - [6 - Rapt]

 

Torment Tides of Numenara
(1) - [9 - Oretel]

 

Transformers Devastation
(4) - [7,5 - Ryo Narushima] - [8 - Vc3nZ_92] - [8 - - Nate -] - [7 - Dante47]

 

Transistor
(1) - [8 - Quattro]

 

Tropico 5
(1) - [8 - Oretel]

 

Uncharted The Nathan Drake Collection
(1) - [7 - Giamast]

 

Uncharted 4 A Thief's End
(13) - [10 - Doc E.Brown] - [9 - Rapt] - [8 - Ryo Narushima] - [10 - - Nate -] - [8,5 - Blackcat73] - [7 - notteincubo] - [9 - Papa Demilol] - [7,5 - Marte89] - [9 - Master Kamper] - [8,5 - Dante47] - [8,5 - simo7ok] - [9 - PuntoLory] - [9 - Giamast]

 

Uncharted The Lost Legacy
(3) - [9 - Dante47] - [8,5 - Jack 95] - [8,5 - Giamast]

 

Undertale
(1) - [8,5 - PuntoLory]

 

Unravel
(2) - [10 - Dante47] - [8 - Vc3nZ_92]

 

Unravel Two

(2) - [8 - Dante47] - [8 - Vc3nZ_92]

 

Until Dawn
(1) - [7 - Dante47]

 

Until Dawn Rush of Blood
(1) - [6,5 - Giamast]

 

Vampyr
(3) - [7,5 - Giamast] - [8,5 - Keleborn] - [7 - Vc3nZ_92]

 

Virginia
(1) - [6 - GaF]

 

Wasteland 2 Director's Cut
(1) - [7,5 - Oretel]

 

Watch_Dogs
(3) - [6 - Keleborn] - [6,5 - Ryo Narushima] - [8 - Oretel]

 

Watch_Dogs 2
(1) - [7 - Oretel]

 

What Remains Of Edith Finch
(2) - [8,5 - Jack 95] - [7,5 - Hell]

 

Wolfenstein The New Order
(4) - [9 - Oretel] - [8 - Dante47] - [8 - FlareZero] - [8,5 - Giamast]

 

Wolfenstein The Old Blood
(4) - [7,5 - manuel99] - [8,5 - IL GURU] - [8 - Oretel] - [8 - Giamast]

 

Wolfenstein II The New Colossus

(1) - [9 - Dante47]

 

Wolfenstein Youngblood

(1) - [5 - Giamast]

 

Worms Battlegrounds
(1) - [8 - PuntoLory]

 

Yakuza 0
(2) - [9 - Ryo Narushima] - [8,5 - Vc3nZ_92]

 

Yakuza Kiwami
(2) - [8,5 - Dante47] - [8 - Vc3nZ_92]

 

Yakuza Kiwami 2
(1) - [8,5 - Vc3nZ_92]

 

Yooka-Laylee
(1) - [7,5 - Vc3nZ_92]

 

Yooka-Laylee and the Impossible Lair
(1) - [9 - Vc3nZ_92]

 

YS VIII Lacrimosa of Dana
(1) - [8,5 - Yang Xiao Long]

 

Zombie Army Trilogy
(1) - [8 - Dilust]

Edited by Vc3nZ_92

Share this post


Link to post

inizio io dai. :asd:

 

 

Bloodborne :

 

+ artisticamente,nel senso più ampio del termine,divino.

+ combat system e reale varietà nei moveset delle armi.

+ i calici aumentano la longevità.

+ boss fight ispirate.

 

 

- i calici aumentano la longevità ma a fronte dell'altissima qualità del gioco risentono del loro essere "semplici" a livello di design ecc.. a cui ha abituato il resto del gioco.

- il PvP lo trovo sbilanciato a favore di chi difende.

- prima o poi finisce

 

 

Conclusione: La cura dedicata a questo gioco è evidente,partendo dal level design che risulta essere di altissimo livello ai moveset delle armi che,di fatto,permettono a seconda della scelta fatta un approccio allo scontro decisamente diverso. In generale è un must have per gli amanti dei souls,degli utenti playstation e di chi sa apprezzare dei Titoli con la T maiuscola. : 9,0


 

 

 Leader Zone

 

[ Aree Games & Trofei ]

 

per info o segnalazioni: keleborn@gamesforum.it

6FINxUq.pngcbpUGRu.pngmo6BgbK.png

now playing :  Middle Earth: Shadow of War

             

Share this post


Link to post

Resident Evil Zero HD (PS3)

a cura di

diennea2

 

 

Uscito nel lontano 2002 per Gamecube, Resident Evil Zero si ripropone per le odierne console sottoforma di versione rimasterizzata.

Considerato da molti come il capitolo più atipico della serie, è a conti fatti l’ultimo avente la formula dalle inquadrature fisse.

 

Zero è l’origine, la genesi di tutte le vicende della serie, e si svolge precisamente poco prima dell’incidente di villa Spencer.

Partiremo subito con Rebecca Chambers (già vista nel primo Resident Evil), e dovremmo catturare Billy Coen, un ex-soldato ricercato per omicidio. Ovviamente riusciremo a trovarlo, ma la cooperazione forzata con questo losco individuo servirà per sopravvivere all’ennesima ondata di non-morti.

La trama è abbastanza superficiale (come in tutti i capitoli), anche se svela alcuni retroscena nell’ambiente della Umbrella e dei suoi dirigenti, non racconta niente di più.

 

Perché poco fa ho detto “atipico”? Semplice, qui gestiremo non uno, ma ben due personaggi. Con l’apposito tasto passeremo da Rebecca a Billy e viceversa, con questa formula volente o nolente saremo costretti ad affidarci all’IA amica che fungerà da secondo giocatore alquanto scarsettino, ovviamente avremo il potere di dettare ordini al nostro compagno, se attaccare/inseguirci o meno.

Questa struttura però è molto “fragile”, basta mettere K.O. uno solo dei due per far apparire la schermata di Game Over, quindi dovremo prestar loro molta attenzione, soprattutto per Rebecca che è fisicamente meno resistente di Billy.

Zero a dispetto del primo capitolo risulta più action, la varietà e la quantità dei mostri è notevole, ma non mancheranno di certo le munizioni, le quali ne troveremo in abbondanza. Gli enigmi sono presenti, ma nettamente meno ispirati e più semplici da risolvere, ma alcune volte i due personaggi saranno divisi in base agli indovinelli del gioco, aumentando la tensione e il rischio di incappare in troppi nemici.

 

Cosa assai importante da annotare è la mancanza del baule per gli oggetti, in questo capitolo i consumabili e le armi si trovano in gran numero mentre gli inventari si presentano ognuno sottoforma di sole 6 caselle, quindi per ovviare al problema “forziere” avremo l’opzione di lasciar per terra qualsiasi tipo di oggetti. Questa opzione non è una cosa di poco conto: il backtracking è inversamente proporzionale alla furbizia del giocatore, praticamente se lascerete a vanvera gli oggetti il backtrackin’ diventa spaventoso, quindi per evitare questi inconvenienti il consiglio è quello di lasciarli cadere in una stanza trasformandola in un HUB personale, poi se aggiungiamo che i nemici respawnano(non in modo incessante), il mio consiglio diventa spassionato.

I punti di salvataggio sono ben disposti, ma le cartucce di inchiostro (indispensabili per il salvataggio) se ne trovano anche fin troppe.

Un fatto che ho tristemente notato sono la mancanza di certe situazioni particolari come l’entrata di scena improvvisa di certi mostri, nate per spezzare quel senso di sicurezza che abbiamo in noi .

Altro fatto da sottolineare sono le boss fight, abbastanza anonime e prive di carattere, sia dal punto di vista del gameplay, sia a livello artistico.

 

La mappa del gioco è grande ed è molto articolata, tutte le zone del gioco sono legate tra loro e la presenza di shortcut elimina la rottura di ripercorrere ogni singola stanza (soprattutto verso la fine).

Oltre alla planimetria fortunatamente il gioco ci avvisa anche in quale stanza abbiamo lasciato cadere a terra gli item. Gli scenari artisticamente parlando sono buoni, il treno e l’istituto sono eccezionali e ricordano moltissimo la tensione macabra del primo episodio della serie, ma da tre quarti del gioco in poi il titolo perde di atmosfera mostrando un ambientazione scialba e poco spaventosa.

 

Tecnicamente parlando Zero offre una buona esperienza di gioco, la IA amica è scarsettina, ma esegue sempre i nostri ordini, mentre quella nemica è abbastanza reattiva e basilare. L’illuminazione e le ombre dinamiche sono pressoché perfette, dando “luce” al lavoro sull’ambientazione degli scenari e i personaggi e mostri sono ben dettagliati, il che dimostra che qualche lavoro perlomeno l’hanno fatto. Il sonoro è anch’esso buono, e le musiche sono contraddistinte da rumori ambientali e “canzoni” che specificano un pericolo non indifferente (aka boss).

La mia prima run è durata una 15ina di ore, mentre se parliamo di rigiocabilità questa non offre molto, oltre alla difficoltà Leech Hunter, potrete vestire i panni di Wesker, un personaggio interessante, ma dai poteri fin troppo smisurati.

 

Zero è un ottimo gioco, la formula del doppio personaggio giova moltissimo al gameplay, il rischio del gameover diventa reale, ma parlando di atmosfera questa formula abbassa notevolmente quel senso di solitudine e paura tipico del primo Resident Evil. L’ambientazione, tranne nella prima metà soffre parzialmente di una mancanza horrorifica, facendo storcere un po’ il naso a chi magari è affezionato alla tensione dei primi capitoli della serie. Ciò nonostante questa atipica struttura survival funziona egregiamente e il giocatore nostalgico che è in voi si divertirà di certo se sorvolerete ai problemi d’atmosfera che il gioco si porta dietro.

 

 

 

Voto: 8

Edited by diennea2

Share this post


Link to post

Cioè mi dovete far recuperare tutto :sadfrog:

 

Continuo ad essere dell'idea che il nome di chi ha scritto la recensione andrebbe segnalato già nel link di rimando, o accanto ad esso. Quando si accumulano tante recensioni delle stesso gioco anziché andare a caso su uno dei numeretti (che magari son tutti 8) scelgo la rece di un utente che magari so ha gusti vicino ai miei o anche solo per sapere che ne pensa di gioco X. Altrimenti uno è costretto ad aprire random ogni recensione.

Share this post


Link to post
Cioè mi dovete far recuperare tutto :sadfrog:

 

Continuo ad essere dell'idea che il nome di chi ha scritto la recensione andrebbe segnalato già nel link di rimando, o accanto ad esso. Quando si accumulano tante recensioni delle stesso gioco anziché andare a caso su uno dei numeretti (che magari son tutti 8) scelgo la rece di un utente che magari so ha gusti vicino ai miei o anche solo per sapere che ne pensa di gioco X. Altrimenti uno è costretto ad aprire random ogni recensione.

 

oppure si potrebbero fare un indice diviso in 2...

Uno con tutti i titoli in ordine alfabetico, il secondo con i nomi di tutti gli utenti che hanno recensito qualcosa -sempre in ordine alfabetico-

Share this post


Link to post
Cioè mi dovete far recuperare tutto :sadfrog:

 

Continuo ad essere dell'idea che il nome di chi ha scritto la recensione andrebbe segnalato già nel link di rimando, o accanto ad esso. Quando si accumulano tante recensioni delle stesso gioco anziché andare a caso su uno dei numeretti (che magari son tutti 8) scelgo la rece di un utente che magari so ha gusti vicino ai miei o anche solo per sapere che ne pensa di gioco X. Altrimenti uno è costretto ad aprire random ogni recensione.

 

Sì può pure fare, vediamo :mah:

 

Tipo:

 

Bloodborne

(1) - [9, Keleborn]

Edited by Vc3nZ_92

kQShhuk.png

Now Playing: 

Cuphead (PS4)

Yakuza 3 (PS3)

Final Fantasy VII (PSX) 

 

-> Finiti nel 2020 <-

-> Le mie video-recensioni <-

Per info e segnalazioni clicca QUI

Share this post


Link to post

Esattamente così :sisi:

 

Mi pare meglio come cosa.

Edited by Markedge

Share this post


Link to post

recupero alcune recensioni dal vecchio thread che avevo abbandonato per il poco tempo a disposizione, potendomi limitare a poche righe ne inserirò sicuramente di nuove:sisi:

 

Bioshock Infinite

 

Non è facile parlare di Bioshock Infinite perché ci si rende conto, fin dal primo momento successivo al finale, che più i minuti passano, ripercorrendo all'indietro l'intera esperienza, si collegano fatti ed eventi e si scopre sempre qualcosa di nuovo. Chi ritiene sia necessario un grande gameplay per creare un capolavoro nell'ambito dei videogames e che la narrazione sia il doveroso "contorno”, dovrà probabilmente ricredersi. Il gameplay è, infatti, la cosa peggiore del titolo di Irrational Games : si tratta di FPS molto classico con la sola aggiunta di vari poteri, marchio di fabbrica della serie, e la possibilità di aprire degli squarci spazio-temporali ad aggiungere un filo di strategia al tutto.

Nel corso degli anni, vari titoli hanno sperimentato e dato l'impressione che la narrazione e la trama potessero diventare protagoniste vere di un gioco, in quanto elementi in grado di trasmettere emozioni. In questo, Bioshock Infinite è difficilmente avvicinabile dalla concorrenza.

La trama è probabilmente una delle migliori che si siano mai viste in un videogame e narrativamente è qualcosa di mai visto in ambito videoludico. Accanto alla storia del nostro protagonista, Booker Dewitt, si snodano una serie di sottotrame, a volte evidenti, altre ben nascoste e si affrontano i temi più disparati, con un sottile gioco di metafore e contrasti, cromatici e non. Tutto si svolge su un doppio, ma in alcuni casi anche triplo o quadruplo piano, nulla è lasciato al caso e la narrazione ambientale, insieme al fatto che il protagonista, a differenza di quanto accade nel primo Bioshock, interagisca con gli altri personaggi in modo diretto, risultano fondamentali nell'ottenere un risultato eccezionale.

Columbia è lo sfondo perfetto su cui dipingere le vicende di personaggi tratteggiati così finemente e non di rado gli splendidi scorci della città volante rubano la scena, incantando il giocatore.

Ognuno ha una propria storia e tutti si comportano coerentemente con i loro ideali e bisogni. Ci sono quelli per cui non si può non provare empatia che ne offusca il giudizio, fino a momento in cui essi si rivelano per quelli che sono (la Fitzroy ad esempio) e quelli il cui giudizio si forma pian piano, eppure negli universi di Bioshock nessuno si salva completamente, tutti sono vittime e carnefici. Al massimo alcuni sono più vittime di altri. I misteri che circondano ciascuno si sprecano e solo sul finire dell’avventura si comincia davvero a collegare tutti i puntini, dipanando quello splendido dipinto che è Bioshock Infinite.

L’ultima fatica di Irrational Games, sotto la guida di Levine, risulta un gioco esaltante dall'inizio alla fine, ricco di colpi di scena e di momenti incredibili, ma non per questo stancante o forzato.

Troppo spesso si abusa del termine capolavoro quando si parla di videogames eppure è assurdo che quasi nessuno citi Bioshock Infinite fra quei titoli capaci di innalzare il medium videoludico ad arte, con la sua potenza narrativa, ed al contempo ludica, senza eguali .

Applausi!

 

voto 9,5

 

 

 

The Last of Us (PS3)

 

Chi si aspettava Drake Team Racing o Uncharted Kart sarà rimasto deluso all’annuncio di The Last of Us e saranno gli unici, dato che quello che ci troviamo di fronte è un vero capolavoro. La prova di maturità di Naughty Dog. The Last of Us vince sotto tutti gli aspetti. Da un gameplay non innovativo ma che recupera meccaniche da diversi titoli e le fonde in maniera unica alla parte puramente narrativa. Siamo di fronte ad un titolo non facilmente inseribile in una categoria ben definita: è uno stealth-survival con elementi tps. Il tutto è affinato all’inverosimile e l’IA nemica rappresenta un tocco di classe. Ci troveremo durante l’avventura di Joel ed Ellie ad affrontare una serie di nemici: alcuni umani, altri infetti di cui ci sono tre tipologie. Ognuna delle quattro classi è dotata di caratteristiche peculiari: gli umani si basano più sulla vista, lavorano in gruppo e tentano di accerchiare e stanare il giocatore. Tra gli infetti abbiamo invece una categoria di nemici cechi ma dall’udito sviluppatissimo, dei potenti tank e dei runner, veloci ma poco resistenti e intelligenti.

Tecnicamente The Last of Us rappresenta il canto del cigno di PS3. Ambienti vasti e curati, palettate di colori bellissime e tutto gira senza perdere un colpo nemmeno nelle fasi più concitate.

Se si dovesse citare un difetto di questo gioco, molti direbbero che l’inizio è un po’ lento. È vero ma è una scelta ben orchestrata dagli sviluppatori per presentarci i personaggi e quello che è il vero protagonista del titolo: il mondo.

Definire il mondo di The Last of Us non è semplice, per usare un ossimoro si potrebbe parlare di una distopia-realistica. Negli Stati Uniti rappresentati da ND assistiamo ad un contagio mai visto, un fungo infetta il cervello degli umani rendendoli simil-zombie. In questo contesto nascono una serie di quesiti etici, morali e scelte individuali e collettive.

L’uccisione di una bambina non è un crimine, o almeno non lo si può definire univocamente tale in The Last of Us. Un suicidio può essere debolezza, paura o un atto di pietà. L’eutanasia una normale richiesta.

Eppure c’è chi vive e non si rassegna a morire. Ci sono i Joel che si rifanno una vita dopo aver perso tutto, scoprendosi più forti di quanto abbiano mai pensato di essere. Ci sono le Ellie, nate in un mondo già morto ma desiderose di scoprirlo, di compiere le proprie scelte, di crescere e vivere.

Se ci soffermassimo alla trama, diremmo che The Last of Us, a parte un colpo di scena finale eccezionale, non inventa nulla. Anzi fa un uso sapiente dei cliché più abusati del sottogenere “zombie”, già visti in tanti film e fumetti. Quello che colpisce è la narrazione e la resa finale. Ogni evento, per quanto possa essere telefonato, è un pugno nello stomaco al giocatore. Quello che accade è reale, la violenza è brutale e mai banale o buttata li per caso. I videogiocatori spesso si possono considerare desensibilizzati alla violenza e al gore, dato l’abbondante uso, e a volte abuso, che diversi titoli fanno ma in The Last of Us è diverso. Ogni pugno ricevuto da Joel è un colpo inferto a chi è davanti lo schermo e ogni pallottola sparata è un respiro in più, interrotto dalla tacita certezza di aver spezzato una vita.

Nessuno è innocente in The Last of US. La natura maligna si è ripresa quanto le era stato tolto. Gli infetti sono pericolosi ma pur sempre esseri viventi, umani in certe situazioni molto più di chi li caccia e li uccide. Nel mondo di The Last of Us non c’è spazio per tutti, le vittime, gli indifesi non ci sono più. Chi era troppo debole è già sotto terra o reso carnefice dall’infezione. In questo contesto riescono a spiccare figure che nel mondo “normale” era considerate fuori posto.

Non si può parlare di The Last of Us senza trasporto, troppo spesso si parla di capolavoro ma questo è uno dei pochi casi per cui andrebbe utilizzato questo termine. Chiunque voglia avvicinarsi al genere, da adesso in poi, anche non in ambito videoludico dovrà fare i conti con l’ultima opera di ND. Capolavoro.

Voto: 9,5

 

Uncharted 3: Drake’s Deception

 

Squadra che vince non si cambia, questo avranno pensato a Sony dopo l’uscita di Uncharted 2. Effettivamente la serie, in pochi anni, è diventata l’icona di PS3. Drake il personaggio più in vista e i Naugthy Dog lo studio più famoso. L’uscita di Uncharted 3: Drake’s Deception fu dunque solo questione di tempo. Eppure lo studio americano non deve essere fra quelli in grado di godersi il successo senza sperimentare. Chiariamo subito un punto, la formula di base è la stessa. Niente stravolgimenti e nessun cambiamento di rilievo. Va bene così perché funziona e diverte. Quello che cambia è il focus sui personaggi, l’attenzione alla trama e le scelte narrative. Ci troviamo di fronte ad una storia più articolata. Non siamo di fronte a qualcosa di mai visto nemmeno sotto questo aspetto ma è sicuramente una aggiunta piacevole. Narrativamente, a parte le classiche scene cinematografiche, si può assistere a qualche flashback che permette di dare un po’ di spessore ai personaggi principali e ai loro nemici.

Il titolo ovviamente ha anche miglioramenti, più o meno netti, a livello tecnico ma non è tanto quello a sorprendere quanto la voglia di non sedersi sugli allori da parte di una softwere house che ha avuto la fortuna, e la bravura, di creare un brand in grado di ritagliarsi una grossa fetta di mercato.

Voto: 8

 

Uncharted 2: Among Thieves

 

Vista l’ottima accoglienza ricevuta dal primo capitolo, era lecito aspettarsi l’uscita di Uncharted 2. Puntualmente accontantati, non appena si inserisce il disco nella console il miglioramento complessivo è evidente. Tecnicamente c’è un miglioramento generale e la risposta ai comandi è più fluida e rapida. L’impostazione di gioco non cambia: si gira per ambientazioni più variegate rispetto al primo capitolo, sparando a qualunque cosa capiti a tiro. Qualche enigma spezza il ritmo forsennato del gioco ma non è mai nulla di così complesso da costringere il giocatore a spremere le meningi. La trama non colpisce, come nel caso del predecessore, e i personaggi rimangono abbastanza ancorati ai cliché del genere, sebbene si cerchi di fare qualcosa in più, specie per il cattivo di turno (non riuscendoci granché, va detto). Il comparto tecnico rimane un fiore all’occhiello così come il gameplay. Il gioco è sicuramente un miglioramento in tutto e per tutto rispetto al primo capitolo, non guadagna a livello di voto solo perché tante di queste migliorie sono fisiologiche.

Voto: 7,5

 

 

Uncharted: Drake’s Fortune

 

Se c’è uno studio first party Sony che non ha mai deluso i possessori della console nipponica è Naughty Dog. Crash prima, Jak and Daxter poi sono due serie entrate ormai nella storia di Playstation. Arriva con la nuova console di casa Sony anche la nuova ip di Naughty Dog, molto diversa dalle precedenti. Uncharted è un tps abbastanza classico, che riprende il sistema di coperture introdotto con Gears of War e lo cala in un contesto completamente diverso. Ci si trova, infatti, nei panni di Nate, un cercatore di reliquie alla ricerca di El Dorado. La trama, come si può evincere da queste poche parole, non è nulla di eccezionale o innovativo ed anzi fa largo uso dei cliché del genere. Quello che davvero sorprende della nuova ip dei ND, oltre ad gameplay curatissimo e un livello tecnico di prim’ordine, che ancora oggi riesce a difendersi, è il taglio cinematografico delle scene.

Altro punto di forza sono i personaggi, abbastanza stereotipati a dire il vero ma sempre ironici e sul pezzo. Uncharted: Drake’s Fortune non sarà il capolavoro a cui tanti hanno inneggiato al momento dell’uscita ma è sicuramente un buonissimo tps, che riesce a divertire qualunque tipo di giocatore

Voto: 7,5

 

Share this post


Link to post
Però non è giusto azzerare tutto. Almeno le recensioni del'altro topic idonee a questo potevate inserirle :tristenev:

 

Ripostale, tanto è un lavoro di copia-incolla. Io pure farò così con le mie... abbiamo dovuto, per vedere se così partecipa più gente :sad:


kQShhuk.png

Now Playing: 

Cuphead (PS4)

Yakuza 3 (PS3)

Final Fantasy VII (PSX) 

 

-> Finiti nel 2020 <-

-> Le mie video-recensioni <-

Per info e segnalazioni clicca QUI

Share this post


Link to post

mi butto, con qualcosa mi molto soft, ma è l'ho finito 5 minuti fa quindi :asd:

 

Band Hero

 

Pro

  • Buona tracklist di musica pop con alcune canzoni davvero fighe
  • Canzoni generalmente divertenti da suonare
  • Discreto numero di modalità
  • Buone trovate per invogliare la rigiocabilità anche nella modalità Carriera (sfide individuali per strumento e/o canzone)
  • Artisticamente carino

 

Contro

  • Prevalentemente pop e ben poco rock, seppur di buona caratura
  • Alcune canzoni han poco a che fare con gli strumenti in dotazione
  • Game design fin troppo ancorato al passato, sebbene recepisca alcuni diktat da GH5 e RB2
  • Tecnicamente niente di chè
  • Anche giocando a "difficile", il livello di sfida è tarata più verso il basso rispetto agli altri esponenti del genere

 

Conclusione Buona incarnazione pop (e ben poco rock) per uno spinoff dell'oramai storico Guitar Hero: le canzoni, presenti in buon numero, risultano divertenti da giocare (anche se alcune son decisamente fuori posto), anche grazie ad alcuni accorgimenti che invogliano la rigiocabilità. Peccato per un livello di sfida decisamente più basso rispetto agli altri esponenti del genere e per un game design che già nel 2009 sentiva decisamente il peso degli anni. 7

Share this post


Link to post

Metal Gear Rising: Revengeance (8,5)

 

 

 

Molti anni sono ormai passati dall'ultima apparizione di Raiden sugli schermi dei videogiocatori.

Dopo essersi addossato l'inimicizia dell'intera comunità videoludica nel secondo capitolo dell'acclamata saga di Metal Gear, il biondino riuscì nel 2008 a stupire come nuova icona del brand, grazie ad una caratterizzazione straordinaria, ed uno stile interamente rivisto.

Nonostante il carisma, molti si trovarono spiazzati quando, nel 2009, Raiden venne annunciato come nuovo protagonista della saga.

Flagellato da innumerevoli rischi di cancellazione (sfociati poi in un cambio di produttore nel 2011), il titolo giunge a noi in una veste completamente stravolta rispetto al progetto originario. Esso si distacca quasi interamente dalla saga originale, presentandosi come un action game più simile a bayonetta o vanquish che alla saga al quale appartiene. Si ottiene così un gioco che di Metal Gear possiede solo più il nominativo e l'ambientazione, e nel quale la componente stealth viene a mancare a favore di una carica di adrenalina senza pari.

La velocità dell'azione e la cinematograficità delle scene proposte, danno vita ad un prodotto più che valido sotto ogni aspetto, ma non esente da difetti tecnici che gli impediscono di imporsi come capolavoro del genere. Sono infatti riscontrabili problemi col sistema di combattimento, che si distacca da altri titoli del genere a causa dell'impossibilità di schivare.

La miglior (ed unica) difesa sarà infatti l'attacco leggero concatenato ad un rapido tocco dell'analogico. Tale sistema risulta però impreciso in molti casi, e a difficoltà più alte porterà alla prematura ed inevitabile morte del giocatore ben più di una volta.

La pluralità di difficoltà offerte dal titolo (ben 5 in tutto) lo rende un prodotto adatto ad ogni tipo di giocatore, garantendo un immediatezza del divertimento a basse difficoltà contrapposto ad un alto livello di sfida proposto dalla difficoltà massima.

Il limite più grande del titolo, però, risiede nella longevità: essa si attesta infatti attorno alle 4-5 ore alla difficoltà "normale",che salgono progressivamente con l'aumentare della difficoltà. La scarsa durata delle sezioni di gioco è però compensata, come solito nella serie Metal Gear, da un elevato numero di sequenze filmate di ottima realizzazione, che oltre a dare un accento particolarmente spettacolare all'azione, riescono a dare maggiore profondità ad una trama ben congegnata, ricca di spunti interessanti e di argomenti maturi.

Comprendere a pieno la trama del titolo, però, può risultare complicato nel momento in cui non si è pratici del mondo di Metal Gear, o più semplicemente quando si è troppo concentrati sull'azione a schermo per dar peso alle parole dei personaggi. Proprio per questo motivo è consigliabile, terminata la prima giocata, ricominciare nuovamente la storia: ogni potenziamento ottenuto sarà infatti mantenuto, permettendoci di approcciarci in maniera più ottimista alle ardue sfide proposte dal gioco. La longevità raggiunge poi livelli storici se ci si accinge a completare il gioco in ogni sua parte, sbloccando i diversi collezionabili (che permettono di ottenere una maggior profondità nella narrazione), i potenziamenti, le missioni RV (sfide a tempo), e le valutazioni migliori.

In definitiva Metal Gear Rising è un titolo che riesce a stupire, sia grazie ad un sistema di combattimento pratico ed innovativo che ci permetterà di affettare qualsivoglia nemico si ponga di fronte a noi, sia per l'azione al cardiopalma che pochi giochi sono stati in grado di offrirmi negli ultimi anni. Un must have, insomma, sia per gli amanti della saga che per tutti gli appassionati degli action game in terza persona.

 

 

Killzone Shadow Fall: (8,5)

 

 

La saga di Killzone ha con il tempo accresciuto la propria fama, in particolare grazie ad un secondo capitolo unico e appagante come pochi altri FPS.

Killzone: Shadow Fall, ultima fatica dei Guerrilla Games, porta dunque un nome da cui derivano al contempo grandi poteri e grandi responsabilità, creando aspettative cui sarebbe stato difficile tener fede. Difficile, certo, ma non impossibile se si considera il poderoso background della serie e le ormai consolidate meccaniche, senza tralasciare le interessanti novità offerte dal titolo. Ma andiamo con ordine: solo macerie e rancore è quanto rimasto ai sopravvissuti Helghast a seguito del Terricidio, ora "accolti" nei bassifondi di Vekta City. Due popoli nemici divisi da un muro tanto reale quanto ideale, e un dramma al contempo assurdo e tristemente verosimile. Questa la premessa che Killzone: Shadow Fall riesce a vanificare tramite una trama di per sè godibile, resa eccessivamente aspra da una sceneggiatura, personaggi e dialoghi prossimi allo scandalo. Perchè sebbene non manchino sequenze in grado di emozionare, coinvolgere e far riflettere il giocatore, non di rado ci si chiederà se gli sviluppatori, prima di commercializzare il titolo, abbiano effettivamente provato la campagna.

Non si può che ipotizzare che tali lacune narrative siano dovute ad un ritardo nei tempi di sviluppo, che non hanno tuttavia intaccato un gameplay che da solo è in grado di compensare qualunque lacuna. L'introduzione di una struttura sandbox e di molteplici possibilità di approccio, rappresenta infatti il cardine dell'esperienza single player, conferendo un notevole senso di libertà sperimentabile in pochi altri appartenenti al genere. A rendere più vario il gameplay è inoltre il drone OWL, le cui funzioni garantiscono un approccio agli scontri sempre nuovo. E' altrettanto vero, però, che il simpatico drone è in grado di semplificare non poco gli scontri, portando a squilibri della difficoltà impostata in diversi capitoli.

Tutto ciò si accompagna ad un comparto tecnico di notevole fattura non privo di difetti (molti trascurabili, altri meno), e ad una colonna sonora senza infamia e senza lode, rendendo la componente single player di Shadow Fall poco più che godibile.

Il discorso è ben diverso, però, quando ci si approccia alla componente multiplayer del titolo, caratterizzata da un supporto da parte degli sviluppatori che no ha precedenti. Si potrebbe dire, infatti, che il titolo mancava, al day one, di quasi metà delle feature oggi presenti, che garantirebbero di fatto un successo al pari dell'acclamato Killzone 2. Sfortunatamente, solo pochi hanno avuto la pazienza per attendere l'introduzione di un sistema di progressione del personaggio più abbordabile, di partite private personalizzabili in ogni minimo dettaglio, di supporto ai clan, di tornei ufficiali, di classifiche e ricompense, dovendosi accontentare per lungo tempo "solo" di un gameplay sublime applicato a mappe varie, ben strutturate e sempre aggiornate grazie ai dlc gratuiti proposti. A rovinare il divertimento, a due anni di distanza, è la quasi totale inutilità di tali interessanti funzioni, a fronte dell'esiguo numero di partite attive e di giocatori online.

Killzone: Shadow Fall è dunque un'occasione sprecata, un gioco che sarebbe sicuramente rimasto un metro di paragone e un must have per gli anni a venire se l'assenza di giochi al lancio di PS4 non avesse richiesto il suo rilascio anticipato. Sarà per la prossima volta.

 

 

Fallout New Vegas: (8,5)

 

Era il 23 Ottobre 2077: all'apparenza una mattina come molte, senza novità o sorprese, e così fu fino alle 9:47. Poi scesero le bombe, e nulla fu più come prima. I pochi superstiti all'apocalisse nucleare si rifugiano in bunker anti-atomici, in attesa di poter un giorno ripopolare la superficie. E il giorno infine giunse, e la popolazione tornò a ciò che aveva distrutto, nascendo e morendo in un mondo privo di regole se non la naturale legge del più forte. In questo caos, si ergono tuttavia due grandi eserciti: la Nuova Repubblica Di California, esportatrice di democrazia e giustizia assoluta, e la Legione governata dall'Imperatore Caesar. Entrambi lottano per la conquista di Hoover Dam, una tra le poche dighe rimaste attive nell'intero continente americano, che rifornisce di acqua decontaminata e energia elettrica i territori limitrofi. Tra questi territori vi è il cuore pulsante del Mojave, la città del peccato che venne risparmiata dalle bombe grazie all'operato di un misterioso imprenditore che attende di fare la sua mossa. In questo scenario comincia la leggenda del corriere, che come la più classica delle storie comincia con...una pallottola in testa! Una volta rimesse al proprio posto le parti del viso nel modo a noi più gradito, ci verrà affidato l'arduo compito di ricomporre i tratti fondamentali della nostra psiche e le nostre attitudini naturali, che influiranno radicalmente sull'approccio che il giocatore adotterà nel corso dell' intera avventura. Fin dal principio risulta palese come a spingere il giocatore a proseguire non sia la grafica (estremamente arretrata già all'uscita) o il combat system (impreciso e frustrante se considerato esclusivamente come un normale shooter), bensì la libertà data al giocatore nell'approccio al mondo che, grazie a tale libertà, non è più riducibile a un semplice scenario nel quale si svolgono eventi, ma che diventa un entità tanto affascinante da permettere di ignorare valanghe (tante valanghe) di difetti tecnici e bug che, tuttavia, sfociano occasionalmente nell'assurdo; a volte causando un attimo di ilarità, a volte intaccando l'esperienza di gioco, a seconda di ciò che il karma vorrà donarci. Non altrettanto importante è il Karma del corriere, che si riduce ad un semplice indicatore di buono/cattivo, venendo sorpassato da un sistema di popolarità presso le diverse fazioni in lotta per il controllo del Mojave. Questa novità rappresenta solo uno dei pochi elementi che differenziano Fallout: New Vegas dal suo predecessore, tra cui un miglioramento del sistema "compagni" (ora controllabili tramite una ruota degli ordini decisamente più intuitiva) e, più importante, una narrazione estremamente più coinvolgente ed appassionante che, a seconda delle scelte fatte, potrà sfociare in 4 diversi finali. A differenza di molti altri titoli a finale multiplo, tuttavia, New Vegas propone una vasta gamma di quest parallele che si escludono vicendevolmente, favorendo così la rigiocabilità e invogliando in giocatore ad esplorare sempre più le ampie pianure e vallate del Mojave. A rendere realmente appetibile il titolo è però ciò che caratterizzò Fallout 3: un perfetto mix di GDR e FPS, in cui ,tuttavia,l'esperienza rimane limitata da un level cap di 30 (aumentabile a 50 tramite l'acquisto di dlc).

In sostanza il lavoro di Obsidian prende ciò che ha reso celebre Fallout 3, perfezionandolo e riproponendolo in una formula migliorata di quanto amato dai fan della saga, che avranno senza dubbio esplorato in lungo e in largo le Wasteland per tutte e 70 le ore che il titolo è in grado di offrire, senza contare le ulteriori 40 derivanti dall'acquisto di DLC. Benchè non perfetto, New Vegas risulta un titolo imperdibile tanto per i fan che per tutti coloro che, muniti di una manciata di tappi, spirito d'avventura e una buona dose di pazienza, vogliano addentrarsi nelle misteriose lande del Mojave,in particolare a fronte della minima spesa da sostenere.

 

 

Asura's Wrath: (7)

 

L'evoluzione dell' industria videoludica ha portato negli anni alla produzione di titoli che seguono canoni dettati da dati di vendita e brand venerati. Come ogni regola che si rispetti vi è però quantomeno un eccezione, e proprio a questa categoria appartiene Asura's Wrath: esso è infatti un avventura interattiva in cui vestiremo i panni di Asura, generale degli otto guardiani celesti impegnato in un'eterna lotta contro i ghoma (creature impure create dal malvagio Viltra). Comincia così una storia che, per quanto banale, riesce a convincere tramite personaggi ottimamente caratterizzati, un gameplay semplice (fin troppo), e un pilastro attorno al quale si costruisce la figura di Asura: l'ira. Sarà proprio quest'ultima, infatti, a permettergli di far fronte a sfide ben al di sopra delle sue potezialità, in un costante crescendo che termina in un finale inaspettato. In contrapposizione con una trama ben scritta e ben narrata, vi è però un comparto tecnico altalenante: se è vero che le musiche sono evocative e in perfetta armonia con le scene proposte, è altrettanto vero che il comparto grafico (perfetto sotto l'aspetto stilistico) è intaccato da frequenti cali i frame rate e da texture non caricate, cosa che può risultare fastidiosa ma che non risulta in grado di rovinare un esperienza che, in un certo senso, riscrive i canoni di valutazione dei videogiochi. Il gameplay risulta infatti l'elemento meno importante, limitandosi a quick time event il cui svolgimento è facoltativo nella maggior parte dei casi, alternati a momenti di combattimento in cui governeremo personalmente le (limitatissime) mosse di Asura. Proprio in conseguenza di tale mancanza, la difficoltà del titolo risulta risibile, e la longevità ne risente di conseguenza attestandosi attorno alle 6-7 ore. La rigiocabilità è ridotta al minimo, alimentata solo da obbiettivi estremamente semplici da conseguire che possono approfondire le storie di ciascun personaggio. A salvare Asura dalla mediocrità non è dunque certamente il gioco in sè, quanto piuttosto lo stile orientale che lo avvicina molto a un manga (dal quale trae forte ispirazione anche nella struttura): ciascun capitolo ha infatti una sigla iniziale ed una finale, e gli eventi sono intervallati da pause appositamente studiate per spezzare la narrazione lasciando il giocatore "in sospeso". Giunti alla fine del sentiero,però, poco di quanto visto lascia realmente qualcosa, limitandosi ad intrattenere e divertire senza dare spazio a riflessioni (cosa per altro sperimentata da Asura stesso, immune a qualunque forma di crescita personale). Ci troviamo dunque di fronte ad un titolo che non potrà certamente piacere alle masse, ma che risulta un must per tutti gli amanti dei manga giapponesi,per chi più semplicemente è alla ricerca di un'avventura poco impegnativa con la quale passare il tempo,o ultimi ma non meno importanti coloro che sanno vivere una storia fatta di emozioni partendo dal presupposto che non è un grande comparto tecnico a fare un gran gioco, ma ciò che esso trasmette.

 

 

Castlevania: Lords of Shadow 2 (7,5)

 

Quando nel 2009 la saga di Castlevania fece porto presso le console current gen, rappresentò una sorpresa in grado di far innamorare grazie a musiche epiche, ambientazioni azzeccate e una trama coinvolgente,che culmina in uno degli epiloghi più tristi mai prodotti dall'industria videoludica. Ma quanto di ciò che sorprese allora ricompare nel suo successore? A distanza di 4 anni abbiamo nuovamente la possibilità di vestire i panni di Gabriel Belmont che, perduta la propria umanità, regna sul mondo dalla cima del suo castello, temuto come l'onnipotente "Principe Delle Tenebre": Dracula. Dopo un avvincente tutorial che ci vedrà protagonisti dello scontro finale tra Dracula e la Confraternita Della Luce, ci troveremo catapultati in una metropoli moderna costruita sulle rovine dell'imponente castello, privati di ogni nostro potere. Comincia così un'avventura che, malgrado la mastodontica premessa narrativa, non riesce ad esprimere a pieno il suo potenziale, culminando in un epilogo neanche paragonabile a quello del suo predecessore. La perdita dei poteri ci costringerà infatti ad esplorare il mondo di gioco senza venire individuati, meccanica che, per quanto coraggiosa, conduce rapidamente verso la noia. Fortunatamente con il riacquistare dei poteri le fasi stelth divengono sempre più sporadiche, trasformandosi una semplice formalità. I cambiamenti avvenuti in Gabriel si riflettono sulle ambientazioni, fin troppo anguste e scure, che vanno ad incidere negativamente sull'impatto grafico del titolo. Tale tendenza è tuttavia contrastata dei costanti ritorni al Castello, a cui sarà possibile accedere tramite portali sparsi per il mondo di gioco.

Meno deludenti le musiche, sempre evocative e ottimamente riprodotte a seconda delle situazioni proposte. Esse non sono però sufficienti a salvare dalla mediocrità l'elemento che più caratterizzò il primo capitolo della saga: le boss fight. Vanno infatti dimenticate gli epici scontri dall'elevata difficoltà, e bisogna limitarsi ad accettare combattimenti estremamente semplici e privi di carattere, che si svolgeranno il più delle volte in spazi ristretti di forma circolare. La natura free roam del titolo e l'introduzione di un arena (il cui completamento rappresenta l'unica reale sfida del gioco) favoriscono la longevità senza però infrangere il muro delle 11 ore, benchè l'introduzione della "Nuova Partita " sia un ottimo incentivo per la rigiocabilità. Decidere di cominciare nuovamente l'avventura sarà però difficile a fronte della pochezza dell'epilogo, eccessivamente lontano dallo standard dettato dal predecessore. Posato il joypad si ha l'impressione di trovarsi di fronte ad una produzione eccessivamente frammentata che, nonostante l'elevato livello tecnico, non riesce a mantenere le promesse fatte, forse più per un eccellenza del primo capitolo più che per una reale mancanza del secondo. Un gameplay più profondo e una storia ottimamente scritta (ma non altrettanto ottimamente narrata) rendono tuttavia Lord Of Shadow 2 un acquisto obbligato per tutti gli amanti degli action game in terza persona,per via della profondità del combat system e del divertimento e le emozioni che sarà in grado di trasmettere a coloro che potranno approcciarsi al titolo lasciando dietro di se qualunque aspettativa.

 

 

Gia che ci sono aggiungo Castlevania Lords of Shadow: (9)

 

 

Non serve motivarlo, è un capolavoro sia sul piano artistico che ludico, con una trama solida e un'empatia unica. Un'esperienza che mi ha segnato come giocatore.

 

Bioshock Infinite: (9,5)

 

 

Un uomo, un faro, una missione: porta la ragazza e annulla il debito.

Così inizia una delle più grandi avventure che l'industria videoludica abbia mai prodotto. Molti erano i dubbi, e altrettanti i timori nell'acquistare il seguito di una delle migliori saghe che questa generazione di console abbia conosciuto. Una volta apertosi il sipario, però, ogni paura è andata dissipandosi, lasciando il posto allo stupore ed alla meraviglia. Corre l'anno 1912, e Booker DeWitt, detective alcolizzato e giocatore d'azzardo, parte per una missione apparentemente semplice che gli varrà l'annullamento di ogni debito, ma che si rivelerà ovviamente più complicata del previsto.

Al nostro arrivo a Columbia, ex cittadina Statunitense scomparsa tra le nuvole in seguito a conflitti con la madre patria, verremo accolti come benevoli visitatori della formidabile città. Dopo pochi minuti, sfortunatamente, verremo riconosciuti come il "Falso pastore" e ogni persona in città ci vorrà morti. Risulta incredibile come la sceneggiatura, partendo da presupposti così semplici,sia in grado di porre il giocatore di fronte ad interrogativi grandi abbastanza per dar vita ad una delle trame più complesse viste in un videogame.

Ulteriori elogi vanno fatti alla città in cui il gioco è ambientato,che è in grado di trasmettere uno strano mix di emozioni che spaziano dalla meraviglia all'inquietudine grazie alla varietà e ampiezza delle ambientazioni,e allo strano dualismo tra perfezione e follia che caratterizza la cittadina.

Rimangono tuttavia alcuni dubbi riguardanti il comparto tecnico ed il gameplay; il più grave tra tutti è indubbiamente l'audio, che a causa del suo carattere direzionale ci costringerà a utilizzare i sottotitoli per seguire ogni sfumatura della trama, che si andrà in tal modo a delineare come un enorme puzzle grazie ai vari indizi nascosti all'interno degli scenari.Tale difetto viene però compensato da una colonna sonora spettacolare in grado di esaltare tutto ciò che la magnifica città è in grado di offrirci.

Oltre ai piccoli bug riscontrati qua e là all'interno del gioco, vi sono alcune discutibili scelte degli sviluppatori che molti potrebbero non gradire. A farsi sentire è soprattutto la mancanza del Big Daddy, icona della saga che i fan avevano ormai imparato ad amare, che viene sostituito da un Songbird sfruttato solo in maniera marginale ai fini della trama. Scompare inoltre l'aspetto karmico del titolo, che lascia spazio a scelte che non avranno ripercussioni nella storyline o nel gameplay. Al contempo vengono però introdotti nuovi elementi come le sky-line, principale (e spettacolare) mezzo di trasporto utilizzato dal protagonista. Viene inoltre eliminata la ruota delle armi (limitate ora a 2 per volta), che è sostituita dalla ruota dei vigor.

Lascia a desiderare la varietà dei nemici, che si susseguiranno in maniera abbastanza uniforme nel corso della longeva avventura la cui durata si attesterà attorno alle 10 ore. Durata che varierà molto, però, sulla base della difficoltà scelta dal giocatore. Tale difficoltà sarebbe stata tuttavia molto maggiore se non fosse stato per il considerevole contributo della nostra misteriosa compagna, Elizabeth, all'interno degli scontri. Oltre all'aiuto dato dai suoi poteri, lei sarà infatti in grado di ricercare elementi utili nell'ambiente, cosa che ci salverà ben più di una volta da una morte altrimenti inevitabile. Bioshock Infinite si presenta in maniera differente dai precedenti capitoli, perdendo da un lato una parte di ciò che lo ha reso un grande titolo per esplorare nuovi orizzonti.

Il risultato finale è, fortunatamente, all'altezza dei precedenti capitoli sotto l'aspetto tecnico, e si innalza ad un livello superiore grazie ad un comparto narrativo spettacolare, che compensa le poche lacune del gameplay.

Un prodotto adatto, insomma, a chiunque sia in cerca di un FPS differente dai canoni a cui l'industria ci ha abituato, o a chiunque desideri vivere una splendida avventura tra le nuvole.

 

 

 

Tutto quello che ho scritto, a voi.

Edited by Big-Demoniac

Share this post


Link to post

MAGICKA 2

 

Tenete presente che giudico questo gioco in quanto tale e basta, non avendo giocato il primo capitolo.

 

Magicka 2 è un classico gioco a visuale isometrica dall'alto, dove il succo sta nelle possibilità date dal sistema di magie. Nel gioco infatti l'unica vera arma a parte l'oggetto contundente per il corpo a corpo è la magia, che possiamo evocare utilizzando 8 elementi di base (e molteplici altri derivati dalla mistura di quelli iniziali) e utilizzare per dare all'attacco Melee nuovi effetti, oppure lanciare raggi magici o colpire a 360° i nemici/amici nelle vicinanze. Ho trovato in single player il gioco godibile contrariamente a quanto ho letto in giro: la difficoltà è solo un poco aumentanta ma il numero di nemici è proporzionato e con un po' di impegno si può finire il gioco senza problemi.

 

In multiplayer il gioco acquista il massimo del suo fascino, diventando un vero spasso se si gioca con gli amici, visto che finirete per colpirvi tra di voi all'inizio piuttosto che i numerosi nemici che il gioco vi lancierà incontro. Ogni nemico ha debolezze e forze che vanno sfruttate e counterate per procedere senza fare una brutta fine, visto che il danno effettuato dagli stessi è sempre alto e bisognerà alternare incantesimi difensivi con quelli offensivi per non morire.

 

Le tattiche sono multiple e tutto viene lasciato in mano al giocatore, in quanto tutti gli elementi sono da subito disponibili all'uso. Inoltre, i cosiddetti cartigli sono in pratica dei tasti di scelta rapida che consentono di attivare incantesimi con un solo tasto a ricarica, diversamente attivabili con ricette difficili da ricordare o effettuare nella frenesia delle battaglie. A questi si uniscono i famigli che semplificano la vita dando qualche power-up o riportando in vita i giocatori, molto utili se si gioca da soli o se si vuole un livello di sfida basso. Entrambe queste cose sono disattivabili dal giocatore a piacimento.

 

Unici veri nei che ho trovato, il gioco base è piuttosto corto e per chi fa lunghe sessioni di gioco si risolve in poco tempo anche in single player. La rigiocabilità c'è grazie ai vari livelli di difficoltà, ma questo solo se si è apprezzato molto il gioco, e difficilmente se lo affrontate da soli avrete voglia di ributtarvi nella campagna una volta raggiunti i titoli di coda.

 

8.0

 

 

Vi ringrazio per la versione abbreviata/semplificata del topic, volevo postare qualcosa nel topic precedente ma con il poco tempo che ho non sono mai riuscito a fare una bella recensione lunga con coccarde e tutto.

Posterò altri commenti nel tempo.

Edited by PuntoLory

Share this post


Link to post

Lords of the Fallen :

 

+ il combat system è praticamente quello dei souls,quindi un bene.

+ le armature hanno un bel design

+ gli scontri non saranno particolarmente ispirati,ma risultano essere comunque impegnativi.

+ il gioco ha parecchi segreti

 

 

- il level design,contrariamente a quello degli equipaggiamenti,l'ho trovato poco ispirato.

- tecnicamente non è nulla che gridi al miracolo

- "strategie" per affrontare i boss abbastanza intuitive(forse anche troppo)

 

 

Conclusione: Lords of the Fallen è un bel titolo da recuperare( magari non a prezzo pieno ),con un combat system appagante ed un mondo di gioco interessante.Il grosso grosso problema è il level design: alcune zone sono labirintiche da quanto sono simili ed in generale nulla che rimanga memorabile. il gioco meriterebbe un 7-7,5 ma gli regalo un mezzo punto sulla fiducia,perchè con un eventuale seguito migliorato e con il dovuto supporto potrebbe davvero ambire a diventare un pezzo da 90. : 8,0

 

 

 

 

Watch Dogs :

 

+ Chicago è riprodotta bene,curata e soprattutto è viva.

+ le missioni secondarie possono essere interessanti

+ hackerare è divertente*

 

 

- la main quest è abbastanza deludente.

- protagonista anonimo e per nulla carismatico

- *hackerare è si divertente.. all'inizio però,dopo un pò ci si riduce a fare sempre la stessa cosa e viene a noia.

- sistema online terrificante.

 

 

Conclusione: l'ho trovato un titolo bello da vedere,molto bello girare per Chicago ma dopo un po',onestamente,mi stava annoiando come pochi.Se da un lato Chicago è viva,dall'altro tutto il resto è "morto"..Ma sicuramente non è tutto da buttare via. : 6,0

Edited by Keleborn

 

 

 Leader Zone

 

[ Aree Games & Trofei ]

 

per info o segnalazioni: keleborn@gamesforum.it

6FINxUq.pngcbpUGRu.pngmo6BgbK.png

now playing :  Middle Earth: Shadow of War

             

Share this post


Link to post
Ripostale, tanto è un lavoro di copia-incolla. Io pure farò così con le mie... abbiamo dovuto, per vedere se così partecipa più gente :sad:

 

Maledetti :rickds:

 

Posto gli ultimi giochi, poi ripesco gli altri più in la. Ma vorrei snellire pure io, puntando magari sui pro e contro che arrivano al lettore molto più facilmente.

 

 

The Order 1886

 

Arrivi alla fine e muori dentro. Adesso capisco il perchè di questa dichiarazione passata.

Sembra che manchi mezzo gioco, una vera trollata questa chiusura, mi ha deluso abbastanza, sopratutto se non faranno mai un seguito. Ed è un peccato perchè l'atmosfera e la realizzazione non sono niente male. Fa parte di quel filone ''alla uncharted'', quindi molto cinematografico e coinvolgente, quindi se piace il genere è un buon titolo. Come tps invece è molto classico. Coperture, sistema di gunplay odierno, scontri e I.A. nella media. Non brilla di certo su questo aspetto, ma fa il suo discreto lavoro. Da iniziare direttamente a difficile se volete stare un minimo più attenti e non sbadigliare, perchè di suo è un gioco molto semplice.

 

Graficamente esprime appieno il concetto di AAA. Credo che difficilmente vedremo titoli così curati su questa console, e lo sforzo è apprezzabile, sia come dettagli, poligoni, volti, illuminazione, tessuti, ambienti. Un vero e proprio film, nel vero senso della parola. Mi ha stupito davvero parecchio.

L'alternanza filmati/giocato è gestita bene, mi aspettavo di peggio leggendo il caos scoppiato all'uscita. Si gioca e si vede il giusto e il ritmo narrativo è più che soddisfacente. Stessa cosa per i QTE, presenti ma mai paragonabili a quelli di un gioco Cage. Sono dosati il giusto e mai troppo invasivi.

 

Peccato davvero per questa chiusura anticipata. E' un bel momento, ma di certo non ti aspetti i titoli di coda dopo. Questo fattore purtroppo non mi fa superare il 7 scarso, per un titolo che crolla notevolmente sul reparto longevità. Potevano inserire bozzetti da sbloccare, difficoltà aggiuntive, armi bonus e perchè no, una sorta di ranking che tiene conto dei colpi alla testa, il non sbagliare QTE e altre cosette. Ludicamente è solo questo, una run e via. Nessun motivo per rigiocarlo, tranne per un'altro viaggio visivo in questo contesto affascinante. Sono rimasto male alla fine proprio perchè ne volevo ancora, un'altra dose di questo viaggio, un'altra dose artistica, un'altro momento affianco al mio protagonista. Veramente un peccato. Incrociamo le dita e speriamo in un seguito più espanso, perchè le premesse erano più che buone. Anche se le speranze sono davvero poche.

 

Pro

- Artisticamente e tecnicamente sbalorditivo

- Ottimo ritmo

- Bei personaggi e mondo di gioco affascinante

- Rapporto filmati/gioco/QTE accettabili

 

Contro

- Palese titolo tagliato dai piani alti perchè troppo dispendioso da continuare

- Totale assenza di replay value, a parte i trofei, ma non è un buon motivo per eliminare ricompense VERE

- Si poteva osare di più sul lato tps

- Lascia l'amaro in bocca sul finale perchè ne vorresti molto di più

- Se non faranno mai un seguito bestemmierò molto

 

7/10

 

 

Watch dogs

 

Devo dire che l'ho portato a termine con molta fatica. Per fortuna le ultime 3 missioni sono state carine, sennò sarebbe stato veramente un dramma questo titolo. Per certi versi è un gioco parecchio anonimo, non brilla nell'art, non brilla nel gunplay (il blacklist dei poveri), non brilla nella tecnica, nel sistema di guida, nella trama, nel pathos, nell'ost, nei personaggi. Ti addormenta per 3/4 di gioco per poi farsi sentire un pò verso la fine.

Un potenziale c'è, ma non è stato gestito al meglio. Un free roaming che pesa come un mattone, a causa di una totale mancanza di empatia nei confronti del giocatore. Consiglio un giro solo se amate veramente questa tipologia di giochi. Un peccato perchè l'idea alla base non è malaccio.

 

Pro

- Bella l'idea dell'hacking

- Missioni finali ben fatte

- Level design delle missioni che permette qualche approccio più personale

 

Contro

- Narrazione altalenante

- Graficamente è almeno una gen sotto ai video mostrati

- Guida e fisica da rivedere

- Gunplay semplicistico e poco appagante

- Protagonista e vicende davvero anonime

 

6,5/10

Edited by Ryo Narushima

Share this post


Link to post

Wolfenstein: The Old Blood :

 

+ Divertente e adrenalinico

+ Level Design ottimo

+ Buon rapporto longevità-prezzo

+ Difficoltà ben calibrata anche per i neofiti del genere

 

 

- Capitolo finale non eccezionale per quanto mi riguarda in particolare il Boss non mi è piaciuto granché

- Qualche piccolo bug ed anche qualche calo di frame

 

Conclusione: In sostanza è un gioco davvero ben fatto con qualche piccolo problema anche se è roba minore, insomma un FPS old style con i controcazzi .

Consiglio vivamente a tutti di provarlo sia per il gioco in sé sia per via del basso costo . : 7,5


 

 

Per info, dubbi, domande e chiarimenti contattatemi a questo indirizzo mail: manuel99@gamesforum.it
 
 

Monkey D. Luffy, mangi i frutti del mare
Per potenziare il tuo flow, ma non può funzionare

La taglia sulla testa mia sai quanto vale
Immagino che sia più del tuo anticipo royal SIAE

 

manuel-yahoo_it.png

 

 

Share this post


Link to post

visto che l'ho giocato un mese fa, daje pure con lui

 

Rock Band

 

Pro

  • Tracklist fighissima
  • Canzoni divertentissime da suonare
  • E' stata una rivoluzione nel 2008, col proporre nuovi strumenti per l'esperienza completa nel genere

 

Contro

  • Tour Mondiale che poteva osare di più
  • Poche modalità
  • Invoglia poco la rigiocabilità in single player, soprattutto se non si hanno tutti gli strumenti

 

Conclusione Nel 2008 Rock Band ha rivoluzionato il genere musicale con la stessa forza con la quale il primo Guitar Hero fece su PS2. I nuovi strumenti hanno aperto un nuovo mondo, a patto di avere abbastanza fondi monetari (e spazio in casa) per permetterseli. A ciò si aggiunge una delle migliori soundtrack mai ricordate per un rhythm game, con canzoni fantastiche e assolutamente goduriose da suonare ad ogni difficoltà e con tutti gli strumenti. Peccato per una carenza di modalità (atavica per il genere, c'è da dirlo) e per un Tour Mondiale troppo poco ispirato. 8

Share this post


Link to post
Guest .Mad

Gravity Rush HD

 

Pro:

 

  • Artisticamente fenomenale: ogni quartiere ha la sua caratterizzazione visiva che lo contraddistingue e lo stile "disegnato" che tratteggia cieli e città colpisce nel profondo
  • Ottima colonna sonora
  • Porting di alta qualità,partendo dall'aspetto tecnico fino ai controlli. Potrebbe quasi passare per un gioco nato su PS4
  • Grande idea alla base: i poteri della gravità sono fighissimi e svolazzare in giro è parecchio divertente. Questa idea,da sola,tiene in piedi la baracca
  • Premesse narrative e mondo di gioco intriganti,getta basi interessanti in vista del secondo capitolo

 

Contro:

 

  • Appunto,getta le basi...perchè al termine dei titoli di coda resta TUTTO aperto e non viene concluso un càzzo di nulla,lasciando un po' l'amaro in bocca
  • Sensazione di rush onnipresente in ogni aspetto del gioco: i personaggi entrano in scena e spariscono nel giro di un minuto senza avere tempo di lasciare un'impressione che vada oltre l'azzeccatissimo design,così come la vicenda che fa da sfondo al gioco si sviluppa un po' troppo in fretta per i miei gusti
  • Sistema di combattimento funzionale ma alla lunga ripetitivo,l'idea che sta alla base è divertente e originale e contribuisce a tenere lontana la noia...ma verso le battute finali la stanchezza si fa comunque sentire
  • Missioni secondarie leggermente banali e ripetitive...ma anche qui,si salvano in corner sempre grazie ai poteri legati alla gravità. Paradossalmente,quelle più interessanti erano DLC nella versione Vita (qui incluse di base,fortunatamente)

 

Conclusione Un progetto senza dubbio particolare,che getta delle ottime basi per sviluppi futuri...sperando che Gravity Rush 2 possa rappresentare per il brand quello che Uncharted 2 ha rappresentato per la serie ND.

 

 

Voto: 7.0

Edited by .Mad

Share this post


Link to post

AC Unity

 

Unity è un capitolo della saga che ironicamente può piacere maggiormente a chi non ha mai digerito l'azione e la difficoltà bassa tipica dei vecchi capitoli. La possibilità di abbassarsi e il parkour che aggiunge due tasti cambia e svecchia notevolmente la formula avvicinando l’asticella del brand verso il genere stealth, senza però eccellere al meglio proprio in quest’ultimo.

Scrivendo una piccola nota soggettiva sulla trama, devo dire che non mi ha lasciato poi moltissimo, né come Assassin's Creed, né come storia a se stante. E’ quel classico capitolo di un brand che, giochi o non giochi, è la stessa cosa, soprattutto se si considera la linea temporale nel presente assolutamente povera e poco interessante.

Nel complesso non mi è dispiaciuto e spero che nel prossimo capitolo si migliori questa formula e no la vecchia. Il timore è quello di una Ubisoft che, osservando i dati e la media bassina di questo Unity, decida di tornare all'estrema facilità del passato solo per riguadagnarsi il favore dei fan.

Unity ha dimostrato più coraggio nella strada da intraprendere, ha ripreso un gioco in cui si assassina in silenzio, ha integrato azioni inspiegabilmente mai prese in considerazione in tutta la scorsa generazione. E' arrivato solo leggermente in ritardo.

 

Pro

- Parigi è resa magnificamente

- Finalmente nuove manovre stealth

- Parkour migliorato e leggermente più personale

- Lieve incremento della difficoltà

 

Contro

- Storia poco emozionante

- Personaggi poco memorabili

- I.A. da rivedere

- Pessimo posizionamento dei nemici nel level design

- Ma il presente?

 

7,5/10

 

 

Batman Arkham Knight

 

Un ottimo capitolo, anche se non il mio preferito della trilogia. Bella la parte psicologica, belle le citazioni, imponente la grafica, ma gli manca quel qualcosa per farmelo inserire nella lista dei capitoli preferiti. Contenutisticamente inoltre non è niente male, quindi non vi spaventate per la massiccia presenza di DLC. Il gioco è ricco anche nella sua versione base, e chiude il cerchio di una trilogia che resterà nella storia.

 

Pro

- Graficamente massiccio

- Gameplay che mischia azione e stealth riuscito come sempre

- Buon ritmo narrativo

- Buona longevità

 

Contro

- Bella la bat-mobile, ma talvolta invadente

- Boss battle quasi assenti, e quelle poche presenti non sono nemmeno memorabili

 

8,5/10

 

 

Castlevania: Lords of shadows 2

 

Abbastanza deluso da questo nuovo capitolo dei MercurySteam. Senza quel buon 20-30% di gioco abbastanza carino verso la fine, quello che resta è un seguito atroce sotto molti punti di vista.

Prendi il meglio di castlevania lords of shadow e distruggilo. Boss epici rimpiazzati da boss quasi sempre sottotono, ost epica rimpiazzata da tracce di cui non ricordo quasi nulla, visuale cinema epica alla GOW trasformata in una visuale manuale talvolta scomoda durante i combattimenti.

Le novità di questo seguito? fasi puzzle-finto stealth e sezioni con i topi. E di questa roba la prima metà di gioco ne è piena. Il tutto condito con fasi nell'era moderna poco ispirati e banali nel design (con tanto di errori nella prospettiva, porte enormi e macchine per gnomi).

 

Il combat system l'ho trovato parecchio sintetico e ripetitivo. Le tre armi a disposizione basano tutto sulle stesse meccaniche. Due attacchi base, sbalzata in aria del nemico e pressione dello stesso tasto per una potente ghigliottina.

Buono invece l'upgrade delle armi. Usando i vari attacchi si riempe l'esperienza e di conseguenza la potenza dell'arma. Sul piano offensivo invece abbiamo una schivata dall'animazione stranissima, la parata per gli attacchi classici e il sempre utile contrattacco da attivare un'istante prima del colpo nemico. A guastare la festa però ci pensa la telecamera non sempre ottimale e maledetti nemici robot con mitra e missili. Roba perfetta per un castlevania, no?

 

Per fortuna non è tutto da buttare. Alcuni scenari nel passato non sono niente male, merito anche di un comparto visivo davvero eccezionale. Peccato per un aliasing che rovina più ombre e superfici del solito. Guidatissime (come nel primo) le fasi ''platform'' e una fisica davvero strana durante le oscillazioni. Epicità e storia davvero risicate. Il primo a confronto è un colossal. Non male alcune sequenze verso la fine, ma nella prima metà ho giocato quasi senza voglia.

La longevità si attesta su valori medi. Anzi la noia è arrivata pure prima del previsto. Gli extra (segreti e qualche sfida da sbloccare) danno il giusto contenuto a questa avventura prevalentemente lineare, con la solita struttura ''qua ci torno dopo che ho l'abilità necessaria'' tipica di questo genere.

Tanti bassi e alti quindi. Una sinfonia di gameplay davvero distorta e difficile da inquadrare. Mi sento di consigliarlo solo a chi non ha giocato il primo. Perchè non regala gli stessi ricordi. Anzi buona parte li distrugge.

 

7/10

 

 

Crysis 3

 

Un fps tattico abbastanza riuscito e maggiormente rifinito nell'approccio stealth. Stratosferica la tecnica su pc, molto meno su console, sopratutto negli interni. Non è indimenticabile, però lascia abbastanza liberi di agire in termini di approcci al gameplay.

 

8/10

 

 

Far cry 3

 

Una giungla che ha saputo intrattenermi nonostante la sua impronta in prima persona che fatico a digerire. Un open world guidato da una storia fatta di lotte e sopravvivenza. Non molto difficile ma mai banale nei suoi singoli aspetti. Tecnicamente selvaggio e artisticamente gioioso da vedere. Un bel manuale di free roaming che miscela sapientemente un puro fps ad altre meccaniche da non sottovalutare.

 

9/10

 

 

Ghost recon: future soldier

 

Un third person shooter che scivola via con piacere. Una campagna in singolo a base di action e stealth un pelo strategici, modalità online, coop e una buona cura generale.

 

8/10

 

GTA5 Remastered

 

GTAV è un titolo talmente bello da vedere che riesce ad intrattenere anche durante una semplice passeggiata, è talmente psicotico nello gestire i suoi personaggi e cattivo nei dialoghi che non può lasciare indifferenti. E’ un titolo perfettamente accessibile a chiunque, al giocatore pesta vecchiette e basta, a chi che cerca quello spunto di riflessione in più, a chi torna da lavoro e vuole staccare un po’ la spina per immergersi in questa affascinante finta realtà alternativa.

Un cinepanettone videoludico adatto a tutti, che al contempo non dimentica la qualità e l’amore nello sfornare un sandbox di buona fattura.

 

L’ambientazione, seppur poco sfruttata in tutte le sue meraviglie durante la quest principale, vale da sola il prezzo del biglietto. L'allestimento tecnico della stessa non è perfetto in tutto, c’è ancora dell'aliasing di troppo, alcuni modelli che la popolano sprizzano old-gen da tutti i pori, eppure credetemi, vale la pena perdersi in queste lande e scoprire tutti quei cinici richiami alla società attuale. Vale la pena leggere fra le righe e scoprire sempre più dettagli sulla vita e la filosofia dei nostri beniamini.

 

Non c’è la sporcizia di Liberty City, perfino le strade sembrano troppo pulite per ospitare simili pazzi, eppure c’è dentro tutto, corruzione ed individualismo sfrenato, brama di potere e tradimenti, corruzione e voglia di rivalsa. Un’era di gente interconnessa ed intrappolata nell’invisibile catena chiamata Internet. Un’era in cui tutti sono nessuno ma tutti si credono qualcuno.

 

Pro

- Storia e dialoghi crudi e intelligenti

- Meccaniche di shooting ben rifinite

- Buona varietà della main quest

- Più personaggi giocabili, e funziona alla grande

- Comparto tecnico eccelso

- Trevor

 

Contro

- Il lato secondario lascia un pò a desiderare

- Troppi contenuti messi esclusivamente nell'online

- Quantità di interiori inferiori persino al quarto

- Un mondo vasto sprecato unicamente per dlc dedicati all'online

 

9/10

 

 

Infamous second son

 

Infamous va preso in considerazione sopratutto dagli amanti del free roaming a stampo supereroistico e da quei giocatori che vogliono alternare qualcosa di più leggero in vista di qualche pezzo grosso del genere. Qualità generale ancora una volta buona, ma purtroppo manca quella voglia di scomodarsi, andare oltre il compitino e creare quell'esclusiva che da sola ti vende una generazione.

 

Piacevole e fracassone, divertente e ottimo per dare una assaggio visivo della neonata di casa Sony, pulito e stabile nei controlli, ma manca di quella marcia in più che lo faccia distinguere dalla concorrenza. Ancora una volta la sola prova di forza tecnica non basta se il game design latita di guizzi e spessore.

 

7,5/10

 

Infamous first light

 

Un’espansione discreta che consiglio solo agli appassionati della serie che vogliono capire un po’ meglio i retroscena di un personaggio comunque importante nella storia di Delsin. La sola arena con score system integrato e la campagna ridotta non bastano per rendere questo First Light un'espansione imperdibile, sopratutto per quei giocatori da ''una botta e via'' che non sono minimamente interessati a completare le sfide richieste dalla summenzionata modalità a punti.

Il prezzo ridotto e l’uscita nei negozi però potrebbero incoraggiare l’acquisto per tutti quelli che vogliono un’altra piccola dose di Infamous ma parliamo comunque di un prodotto riservato esclusivamente ai fan del gioco originale e discretamente longevo solo per i completisti.

 

6,5/10

 

 

Naruto ultimate ninja storm 2

 

Chi è in cerca di profondità e combat complessi fa bene a guardare oltre. Storm due punta a narrare la seconda parte del manga da cui è tratto, e riesce a farlo in un modo tutto suo. Semplice nelle meccaniche ma ricco di filmati e boss fight dalla grandissima spettacolarità registica. Semplice nell'adventure ma comunque coerente con un mondo di gioco piacevole da vedere e ricco di citazioni. Curato nello stile e nella fedeltà dell'opera. Da provare senza riserve se amate Naruto e le sue battaglie.

 

8/10

 

 

Ratchet & Clank Nexus

 

Un capitolo breve tutto sommato divertente e ben realizzato. C'è il solito mix riuscitissimo di azione-platform con qualche enigma e tante armi strane. Esilarante l'arma che trasforma i nemici in pupazzi di neve. Molto carini gli enigmi di Clank e alcune piccole novità legate alla gravità, vera novità di questo seguito.

Graficamente stiamo sempre su livelli buoni. Girare nelle ambientazioni è sempre un piacere per gli occhi, merito anche di uno stile cartoon sempre fresco e vivace. Non sarà pulitissimo in tutto, però offre sempre scenari dalla colorazione gradevole e varia.

La longevità purtroppo è ridotta. Solo quattro pianeti che fanno da collante alla storia più la classica arena non sono proprio il massimo per un capitolo principale, difetto ammortizzato un pò dal suo D1 a metà prezzo.

Come extra si salva un pò la situazione. Oltre al classico potenziamento delle armi, ci sono alcuni extra molto divertenti come i collezionabili (ridotti nel numero quindi non impazzirete), l'arena, l'arma segreta da costruire e la modalità sfida. Contenuti che salvano un pò il parametro replay del titolo, a patto di trovare il giocatore interessato al completamento. La storia è solo carina, niente a che vedere con a spasso nel tempo. Sembra più un filler movie della serie.

Prodotto dal forte sapore di spin-off dedicato unicamente ai fan della saga. Poche novità, struttura classica della serie, buon comparto tecnico, ma longevità e storia poco esaltanti per un capitolo main. Il prezzo ridotto è stata una mossa corretta che va a compensare in parte le poche ore e i pochi pianeti esplorabili di questa nuova avventura spaziale dedicata al duo più galattico di casa Sony.

 

7,5/10

 

 

Resident evil revelations

 

Il porting ben fatto di un resident evil con qualche idea più chiara. Una gestione di gameplay molto più calma e rifinita di quel pastrocchio di resident evil 6. E questo sembra essere il suo pregio maggiore, uscire dopo una vistosa caduta. Buono ma niente di indimenticabile.

 

7,5/10

 

 

Resident evil revelations 2 [PS4]

 

Un buon spin-off, decisamente più ''calmo'' rispetto al primo capitolo e con un'atmosfera migliore in alcuni episodi. Ben calibrati i controlli e il lato extra, che dovrebbero essere lo standard anche per i futuri capitoli principali della serie. Peccato per alcuni scenari nel capitolo 3 che non mi hanno entusiasmato, ma per il resto mi ha intrattenuto abbastanza bene.

 

7,5/10

 

 

Tales of Xillia 2

 

Ritornare nel mondo del primo capitolo di Xillia è stato sicuramente piacevole. Messi i panni di un protagonista tutto nuovo e lasciate da parte le avventure del primo capitolo, quello che ci ritroviamo a vivere è un seguito, una storia, con toni leggermente più malinconici e una serie di novità, sia nella struttura di gioco che nella narrativa.

 

Il gioco è praticamente uguale, quindi con un combat quasi invariato e un mondo di gioco ''a blocchi'' che messi tutti insieme formano una mappa dalla grandezza soddisfacente. Questo allo stesso tempo è il più grosso limite della produzione. Un buon 80% di scenari uguali spostano la lancetta del more of the same su livelli altissimi, con un copia-incolla mostruoso che non tarderà a farsi sentire.

 

Le uniche novità riguardano il combat e il sistema a scelte multiple. Alla buona base del primo capitolo sono stati inseriti pattern aggiuntivi come la schivata laterale, il jump air e il cambio armi del protagonista, tutti movimenti che non fanno altro che rendere ancora più rapidi e dinamici gli scontri. Stessa cosa per quanto riguarda la trasformazione momentanea del personaggio. Se usata al momento giusto può salvare le sorti di un intero scontro. Il sistema di difesa resta ancora da rivedere, soprattutto nella gestione del lock. Non si sente ancora il pieno controllo del personaggio visto che l’animazione di una combo sembra incollata sull’asse orizzontale e non segue bene il nemico durante le sue manovre.

 

Le quest secondarie invece sono legate ad una bacheca delle missioni. Grazie a questo escamotage si è risolto un po’ l’eccessivo senso di ''missabilità'' delle quest del primo capitolo, ma allo stesso tempo è stata appiattita considerevolmente la qualità stessa delle quest, trasformate in obiettivi di raccolta e sterminio che alla lunga possono risultare ripetitive. Non male invece le quest dedicate agli amici, alcune molto interessanti per scoprire nuovi dettagli sulla vita dei vecchi protagonisti. Migliorato inoltre il post-game e la difficoltà generale dei boss.

 

Anche il sistema di crescita ha subito delle modifiche. Si è abbandonata la struttura ''a tela'' in favore di un level up automatico delle statistiche e una serie di abilità elementari da potenziare attraverso dei medaglioni. Eliminati anche i livelli dei negozi, con un crafting legato alla raccolta di oggetti e materiali da usare poi nella sezione personalizzata dei negozi. Pessima la gestione di alcuni titoli rispetto al primo episodio. Rifare determinate tecniche quasi 500 volte a testa non è un perfetto esempio di replay value.

 

La storia nel complesso mi è piaciuta nonostante il ritmo di gioco più lento e tutta quella sensazione di già visto. Il protagonista è muto a causa di un sistema di scelte da fare che andranno poi a delineare il finale di gioco. Niente di complesso alla fine, parliamo di due semplici scelte utili anche per aumentare l’affinità con i nostri membri del party e poco altro. Il confronto con il primo va a sfavore di questo seguito, che da più l’impressione di essere un grosso ''movie'' che vuole sfruttare un mondo e dei personaggi ormai amati dal pubblico, più che un seguito studiato fin dall’inizio.

 

Graficamente, visto che parliamo dello stesso identico motore, ritroviamo gli stessi pregi e difetti. I dungeon all’aperto sono quindi bruttini e anonimi come in passato, e i dettagli in generale non sono di certo esplosivi. Simile leggerezza tecnica giova fortunatamente sui caricamenti tra i vari scenari, fulminei anche questa volta. Nei combattimenti purtroppo persistono ancora vistosi rallentamenti nelle scene più concitate.

 

Nonostante la sua natura fortemente copia-incollata resta un seguito godibile, merito ancora una volta di un cast con sentimenti forti e un combat ricco di personalizzazione e immediatezza. La continuity non è male, ma l’alchimia finale del primo è di tutta un’altra pasta, soprattutto per quanto riguarda la fine dell’epopea.

 

8/10

 

 

Tales of Zestiria [PS4]

 

Lo scontro finale è stato bello, sia come pathos che come dialoghi. Come Tales nel complesso è molto carino, ti diverte, ha un bel combat system, una difficoltà dignitosa, un buon numero di scenari e una componente avventurosa niente male. Come profondità dei personaggi e della storia per me sta parecchio sotto a Xillia. E devo ammettere pure che da il meglio di se proprio nelle fasi da ''shonen'' puro. Però non è banale in alcune tematiche, attenzione. Zestiria in fin dei conti resta un gioco in cui i personaggi crescono durante il viaggio, e dovranno fare i conti con la malevolenza del mondo esterno, alcuni intrighi politici e una sorta di ''ricerca della felicità dell'animo''. Cambia solo il modo in cui viene raccontato, decisamente più leggero.

Il party pure non mi è dispiaciuto, ma anche qui a differenza di Xillia scordatevi tutte quelle quest che ne approfondiscono il background.

 

Il combat è decisamente un bel passo avanti. Quando tocchi il nemico lo scontro avviene stesso sul posto, peccato solo per la telecamera che negli spazzi più stretti tende ad incastrarsi nell'angolo sbagliato, ma con un pò di schivate risolvi tutto. Per l'azione invece abbiamo gli stessi comandi di sempre, quindi arti e attacchi fisici che cambiano in base alla direzione della levetta. Molto fighe le fusioni invece, essenziali per vincere gli scontri contro i boss oppure per distruggere più velocemente i nemici deboli ad un determinato elemento. Una meccanica che dona un pò di profondità in più agli scontri, e su questo l'ho preferito a Xillia che risultava più ''fisico'' come combat system.

 

Artisticamente non è niente di eccezionale, è davvero povero e poco ispirato. Passo sopra ad una grafica da collection ps2 perchè non sono mai stato esigente su queste cose, però buona parte delle città e dei dungeons te le scordi in fretta. A parte qualche foresta e prateria, è un capitolo poverissimo di dettagli, basta guardare la soluzione grafica usata per mostrare il campo di battaglia. La maggior parte dei mostri normali stessa cosa, come per Xillia sono davvero anonimi (il maiale contadino???). Fortuna per i colori accessi, i filmati stile anime sempre curati e il design del party, ma per il resto è un titolo visivamente dimenticabile. L'ost invece non è affatto male, con tracce avventurose ed epiche quando serve. Nei difetti metto anche una gestione dei simboli nell'equipaggiamento davvero evitabile. Non ci ho capito proprio niente sinceramente, e sono andato semplicemente di statistiche base dell'arma e via.

 

Un capitolo ancora di transito, che non fa quel passo in avanti tecnico in cui uno sperava. Ottima la timida innovazione per eliminare la transizione tra scontro/esplorazione, ma manca ancora qualcosa da limare da qui in avanti. Resta però un'avventura divertente da giocare e molto spensierata, con un combat che non delude nemmeno questa volta e qualche bel momento narrativo. Perfetto sopratutto per chi vuole provare un Tales su ps4 o magari iniziare con un capitolo più tranquillo, ma ho visto decisamente di meglio in passato.

 

7,5/10

 

 

The evil whitin [PS4]

 

Ci credo che è piaciuto pure agli haters del signor Re4. The Evil Whitin di Re4 ha giusto la telecamera a spalla e il nome dell'autore. Ma l'anima è completamente diversa. Molto Horror, molto psicologica, molto infernale.

E pensare che la prima impressione non è stata poi il massimo. Un filmatello iniziale scialbo, un'impostazione molto stealth che sembra solo voler fare il verso al buon the last of us, una certa ripetitività di situazioni.

 

Poi però arriva il bello. Comincio ad entrare nelle meccaniche, comincio a capire che questo viaggio è in continua mutazione. Se ne va la calma e arriva la pazzia. Se ne va lo stealth e arrivano trappole e boss da brivido. Finisce la normalità del design e arriva un vero e proprio otherworld asfissiante. Non è malato come Silent Hill, ma la citazione è grossa come l'amore nato con questo progetto. Così a caldo TEW sembra proprio un omaggio a tutto quello che il survival horror ha lasciato negli anni.

 

Non ti vomita addosso nemici e munizioni. E' tutto calcolato al limite, se sgarri aumenti non poco la sofferenza. La kill non ti lascia il pacchetto di caramelle rosse. Al massimo qualche cervello per potenziarsi, ma te ne fai poco mentre scappi da Mr motosega furibondo.

E' proprio un survival moderno senza tanta modernità. Ti leva mappe, aiuti e pure la corsa infinita. Sei solo tu, il pad e la tua testa. Se lo scontro è andato a male ritenta, sarai più fortunato. Tanto il gioco somiglia più ad un Trial&Error che ad un'avventura guidata.

 

Niente di impossibile se preso con la giusta ottica, si finisce se metti mano ai neuroni. Ti ripaga con la giusta pazienza. E ci voleva finalmente un pò di coraggio autoriale in più. Ti becchi il 6 dalla maestra al tema in classe magari, però almeno gli hai buttato in faccia tutto quello che pensi. Non sarà il salvatore del genere, però almeno ci prova. Con un certo stile anche, ricco di citazioni e buona esperienza di game design.

 

Non mi ha convinto del tutto il reparto GunPlay. Qualche limitazione di troppo, assenza di cambio spalla, una ravvicinata che rende gli scontri con i nemici troppo vicini con qualche legno di troppo. Non aiutano nemmeno alcune animazioni. Si poteva accompagnare meglio la telecamera mentre sei abbassato dietro una copertura. Si poteva calibrare un pò meglio la telecamera in-game. Le bande nere bastavano. Magari sono cose volute, per ampliare maggiormente quel senso di limitazione che da sempre è la virtù della vecchia scuola survival horror. Sennò non me lo spiego questo piccolo passetto di legnosità indietro da un tizio che ha sfornato quel design di comandi chirurgico con nome in codice Vanquish.

 

Sul comparto audio/video, fattore comunque decisivo per la riuscita di una buona esperienza horrorifica, abbiamo un lavoro magnifico da un lato ma ingenuo dall'altro. Il design è bello, macabro, con nemici riusciti e boss che ti restano impressi. Ci sono tanti bei momenti in cui il gioco cerca di disturbarti in tutti i modi, con soluzioni grafico/audio mozzafiato. Non proprio Silent Hill, ma l'idea è quella. Il problema però è la tecnica. Il buon impatto a schermo e la buona ricerca stilistica potevano giovare di una pulizia di programmazione più raffinata. Re4 è ancora salvo su questo aspetto.

 

Il viaggio all'inferno ti resta impresso lo stesso, non scherziamo. Non sono di certo queste piccolezze a frenare il buon ricordo. Mi è piaciuto perchè non vuole imitare banalmente l'ottimo TLOU. Non si fregia del filmato e dei personaggi per raccontare l'orrore. Il racconto di TEW è tutto in-game, senza fronzoli, senza lunghi filmati. Ti racconta giocando, come il media dovrebbe fare.

 

Non fa molto paura, siamo grandi ormai. Il TG fa paura, no un pò di sangue in un videogame. Però l'ansia è sempre dietro l'angolo, senza scadere in banali e abusati jumpscare. Hai paura di morire, ed è questo che conta. E se lo fai più di 100 volte allora hai creato un buon survival. Dispiace solo per qualche capitolo sottotono di troppo e per una tecnica ancora troppo cross, ma cavolo se ne vale la pena. Da gustare da soli, con le cuffie e con la dovuta pazienza. Il viaggio è pure lungo quindi allacciate per bene l'adrenalina.

 

8,5/10

 

 

Thief [PS4]

 

Questo nuovo inizio di Thief è indubbiamente un gradito ritorno, ma anche un gioco dalla doppia e controversa anima. Se Dishonored prende, espande e rende ancora più libera una struttura ludica che ha fatto scuola, Thief la linearizza e automatizza nella speranza di farsi vedere dal grande pubblico. Un lavoro di restart che va a colpire solo dove gli conviene, con alcune sviste e paradossi nella sezione da finto free roaming già espressa in queste righe.

 

C’è una buona cura riposta nell’atmosfera e nella qualità visiva generale e una base contenutistica davvero apprezzabile se confrontata con gli standard attuali. Limando alcuni particolari ed espandendo un po’ di più la sua struttura libera, Thief in futuro potrebbe lasciare molto di più ai giocatori. Uno stealth puro ancora più solido, che da al giocatore la reale possibilità di interpretare a proprio piacimento tutta la sua verticalità. Una nuova chance per prendersi la rivincita nei confronti di un allievo che supera il maestro con astuzia grazie ad un sistema di gioco molto più vario e libero, seppur meno longevo e decisamente più personalizzabile nello stile di gioco. Quel Dishonored che ancora oggi molti scambiano per ''l’ispiratore di Thief'', quando invece è l’esatto contrario. In ogni caso, bentornato Thief!

 

8/10

 

 

Tomb Raider [reboot]

 

Scarse note per quanto riguarda storia e personaggi che, personalmente, non mi hanno lasciato praticamente niente.

Un buon clone di Uncharted immerso in un’ambientazione molto curata e affascinante. Un lato survivor messo solo per riempire font per la stampa e un gameplay troppo guidato chiudono il quadro di un Tomb Raider di nuova generazione, con tutti i pro e i contro del caso.

 

7,5/10

 

 

Transformers Devastation [PS4]

 

Un prodotto a basso budget evidente, ma comunque carino. Il combat system potrebbe essere collocato nella stessa linea di pensiero di Anarchy Reigns, quindi un sistema semplice da ricordare. Non impazzisci nella quantità di combo da memorizzare, ma allo stesso tempo devi impegnarti e non pestare pulsanti a caso. Fondamentale infatti il sabbat system già visto in Bayonetta e la schivata in generale, fattore che rende gli scontri sempre frenetici e mai banali. Bella la presenza massiccia di Boss e Mini-Boss, aspetto per me sempre ben accetto quando si parla di action-game. Non male anche la componente shooting integrata, anch'essa semplice e utile in certi frangenti.

 

Dove delude un pò Devastation è proprio in tutto quello che non fa parte dell'azione. Le mappe non sono niente di eccezionale, molto spoglie e banali, e la componente adventure non è da meno. Carina l'intenzione, un pò meno la realizzazione. Viene più da pensare che queste cose siano state inserite più per riempire un pò un prodotto decisamente corto, piuttosto che per donargli maggior profondità.

 

Se da un lato però la longevità base non è il massimo, dall'altra abbiamo un gioco decisamente rigiocabile grazie ai vari personaggi, il potenziamento del robot e delle armi migliori, le sfide, i rank, le difficoltà aggiuntive, i segreti da raccogliere. Insomma, un piatto decisamente ricco per i completisti, che alza la barra del replay su un buon livello.

 

Graficamente è il titolo è gradevole, sia per colorazione, modelli e fluidità in generale. Certamente resta un prodotto leggerissimo e senza pretese dal punto di vista visivo. Discorso diverso per la colonna sonora, curatissima e perfetta in ogni frangente, capace da sola di rendere ogni scontro sempre avvincente.

 

Transformers Devastation non sarà il capolavoro di questo studio, ma è sicuramente un piccolo sogno che si avvera per tutti i fan della prima serie di questo brand.

 

7,5/10

 

 

 

ps. ho tagliato parecchio rispetto agli originali sennò usciva un post allucinante :rickds:

Share this post


Link to post

Qualche altro recupero:

 

Vanquish

 

Shinji Mikami e Platinum Games è una accoppiata che, solo a sentirla nominare, fa saltare di gioia chiunque ami i videogame di matrice nipponica. Buttatisi nella mischia con un tps spaziale, il papà di Resident Evil e i Platinum sono riusciti a sfornare semplicemente l’ennesimo gran gioco: Vanquish.

Il titolo ci metterà nei panni di Sam Gideon, un agente DARPA, a cui è affidato un prototipo di tuta da combattimento avanzatissimo in grado di farlo muovere a velocità elevatissima, che dovrà ripristinare l’ordine sulla colonia spaziale Providence, finita sotto l’egemonia dell’Ordine della Stella Russa, fazione dell’esercito russo, riuscita a distruggere, dallo spazio, la città di San Francisco.

Sembra banale? Lo è, a dire il vero, così come dimenticabile è la componente narrativa tutta. Il punto è che trama e personaggi sono l’unico fattore davvero trascurabile in Vanquish.

Dove il genio degli sviluppatori viene fuori è infatti il gameplay; Vanquish prende infatti i canoni del genere tps e li capovolge totalmente. Sam Gideon non starà fermo dietro coperture di fortuna per proteggersi dalle centinai di proiettili che i nemici gli scaricheranno addosso ma potrà correre, strisciare e saltare a tutta velocità, attivando, spesso e volentieri, un bullet time che gli permetterà di distruggere tutto ciò che si muove a schermo. I momenti di respiro saranno pochi ed anche le brevi cut scene risultano pregne dell’eccesso e della follia tipiche dei titoli del Sol Levante.

Nelle poche ore della campagna, Sam Gideon si ritroverà ad affrontare orde di piccoli nemici e enormi mostri robotici, su cui è palese la mano di Mikami. Sebbene il cuore del gameplay sia dunque quello del classico tps, la formula è completamente diversa e, dopo pochi minuti, il divertimento la farà da padrone. La scarsa durata della campagna principale non deve essere vista come un difetto in quanto, completando i capitoli, sarà possibile sbloccare una modalità sfida in grado di mettere davvero a dura prova anche i giocatori migliori, senza contare che il sistema di punteggi online rende la campagna stessa estremamente rigiocabile per tutti coloro che desiderano migliorare le loro prestazioni e scalare le classifiche.

Buona anche la varietà delle bocche da fuoco che, pur non essendo tantissime numericamente, hanno effetti diversi e aggiungono un pizzico di strategia agli scontri.

Nel frastuono e la confusione che si crea in ogni fase di gioco può capitare di perdersi parti di dialogo, nulla di troppo importante, ma comunque a livello di audio si poteva fare di più mentre le musiche sono di buon livello e accompagnano la frenesia dell’azione in maniera eccezionale.

Tecnicamente Vanquish è una gioia per gli occhi. Nelle esageratissime fasi di shooting è possibile notare effetti particellari eccezionali, centinaia di proiettili, un gran numero di nemici e gli scenari stessi in movimento, il tutto accompagnato da una straordinaria stabilità.

Il mercato dei tps sembrava arrivato alla saturazione e da Gears of War in poi rari sono stati i casi di titoli in grado di innovare. Vanquish non solo riesce a differenziarsi dalla concorrenza ma riesce ad aprire nuovi scenari divertendo come pochi altri titoli sono in grado di fare.

Voto: 8.5

 

Remember Me

 

Remember Me è il primo lavoro dello studio francese Dontnod. Un action adventure di stampo piuttosto classico che prova ad inserire qualcosa di nuovo nel genere, senza stravolgere una struttura consolidata.

Quello che si nota sin dai primi momenti di gioco è l’enfasi posta dagli sviluppatori sulle vicende, senza troppi giri di parole si può infatti affermare che è la trama il fiore all’occhiello della produzione. Remember Me ha una bella storia, le vicende di Nilin e della futuristica città di Neo-Paris sono ottimamente raccontate e toccano temi estremamente interessanti.

La memoria, l’etica e lo sviluppo scientifico, l’utilizzo di atti di terrorismo come mezzo per raggiungere un fine giusto sono solo alcune degli argomenti che saranno trattati nel dipanarsi della manciata di ore che servono per giungere ai titoli di coda. Temi già più volte incontrati in ambito videoludico, eppure il titolo in questione riesce meglio di altri esponenti del genere ad approcciarsi ad essi.

Remember Me ha una bella storia. Toccante e profonda, che lascia qualcosa al giocatore che la approccerà con il giusto interesse. Questo, in fondo, insieme ad un lore decisamente interessante di matrice steampunk e dei personaggi ben caratterizzati che rimangono facilmente impressi è ciò per cui può davvero valere l’acquisto del gioco.

Se si è quel tipo di giocatori che trovano il divertimento solo nel puro e semplice gameplay è invece il caso di guardare altrove.

Remember Me fallisce infatti in quello che all’apparenza sembrerebbe l’aspetto più banale: per tutta l’avventura ci troveremo sostanzialmente in un corridoio, l’esplorazione è ridotta all’osso e perdersi è praticamente impossibile perché, come se non bastasse quanto appena detto, la via è sempre indicata da una freccetta. A volte ci si troverà di fronte a un incrocio: una è la via corretta, l’altra porterà irrimediabilmente ad un collezionabile.

Anche il combat system non è dei migliori. Riprendendo il sistema apprezzato per la prima volta nei Batman dei Rocksteady, lo studio francese ha pensato di inserire un sistema di combo personalizzabile, tramite l’acquisto dei Pressen. L’idea è di sicuro apprezzabile ma la varietà è poca e qualunque sia la scelta, le combo richiedono sostanzialmente l’utilizzo di due tasti. Poco influenti saranno i tre diversi effetti che ciascun Pressen della combo avrà nell’economia delle battaglie, soprattutto ai livelli inferiori. Qualche imprecisione nei comandi e qualche problemino con la telecamera chiudono il cerchio. I nemici si differenziano abbastanza ma questo non basta ad aggiungere strategia agli scontri, sempre troppo simili tra loro, visto un livello di difficoltà tarato verso il basso e l’acquisizione di poteri durante lo svolgersi dell’avventura. Proprio sui poteri è necessario aprire una piccola parentesi: sono certamente ben studiati ma vengono appresi all’improvviso in determinate sezioni. Se ciò è sicuramente legato alla trama, dall’altro rende la crescita della protagonista decisamente piatta. In questa struttura, già pesantemente inficiata da un sistema non perfetto, pesa l’assenza di qualche enigma che spinga ad usare un po’ di materia grigia (si incontra giusto qualche semplice indovinello negli ultimi capitoli).

Una menzione particolare meritano i Memory Remix, a cui si devono i momenti migliori del gioco, grazie ad una impostazione da avventura grafica, in cui è possibile rivivere il ricordo di alcuni personaggi e modificarlo dall’esterno sfruttando la capacità della protagonista di cambiare alcuni particolari.

Tecnicamente, pur non essendo un prodotto ad altissimo budget, il titolo si difende bene, i personaggi sono ben realizzati, i modelli dei nemici, per quanto tendano a ripetersi alla lunga, sono di buon livello. Alcuni scorci sono assolutamente ottimi ma si possono notare qua e la alcune texture sottotono. Anche il sonoro è di buon livello e il doppiaggio italiano non fa troppi danni.

Remember Me è un progetto interessante, che meriterebbe di essere premiato più per concedere una seconda occasione ad uno studio “giovane” che per l’effettiva qualità del prodotto.

Abituandosi e passando sopra ai difetti di level desing e gameplay si troverà comunque una storia di livello, in grado di rapire il giocatore.

Voto: 6,5

 

 

 

Catherine

 

I numeri dimostrano chiaramente che nel nostro paese i fans dei titoli Atlus non sono tantissimi eppure c’è una nicchia che, sentendo il nome della softwere house nipponica, non può non drizzare le orecchie. Spesso i loro titoli sono particolari, di sicuro giapponesi fino al midollo.

Catherine non fa eccezione ma si pone come un puzzle game abbastanza peculiare. L’idea di base, su cui si fonda il gameplay, è tanto semplice quanto geniale: bisogna scalare una struttura formata da cubi e giungere alla fine di ogni stage prima che la struttura stessa ceda.

Più facile a dirsi che a farsi perché in Catherine nulla è banale: il nostro protagonista Vincent oltre a muoversi in varie direzioni potrà spingere o tirare a sé i blocchi e potrà trovare durante la scalata monete e power up di vario genere che saranno di grande aiuto. I blocchi però non saranno tutti uguali: ci sono blocchi ghiacciati su cui è impossibile fermarsi, blocchi neri pesantissimi, blocchi fissi, trappole varie e tante altre amenità che faranno di tutto per rendere le scalate quanto più ardue possibili.

Quando detto fino ad ora è il cuore di Catherine ma non rappresenta il titolo nella sua interezza. Vivremo insieme a Vincent e gli altri personaggi del titolo per una intera settimana e queste sezioni sono “limitate” alle notti per ragioni di trama.

Di giorno invece vedremo il nostro alter ego alle prese con vicende più o meno strane che si concluderanno, prima della notte, con una serata al solito bar, dove tra minigiochi, bevute con gli amici e chiacchierate con gli altri personaggi presenti ci si divertirà per diverse ore e si potrà approfondire la storia e prendere decisioni che influenzeranno anche il finale ottenuto.

Anche narrativamente il gioco è particolare, ci sono diversi finali e delle scelte che condizioneranno la vita di altri personaggi incontrati durante l’esperienza. E’ un vero peccato dunque che tanta peculiarità si perda per un colpo di scena finale che è quasi impossibile da mandar giù. Una scelta narrativa spiazzante, e non certo nel senso positivo del termine.

Catherine è comunque un gran gioco e quello che perde in trama, lo guadagna abbondantemente in gameplay: i comandi non sono sempre precisissimi ma dopo un po’ di allenamento le sbavature che possono costar caro al giocatore si riducono drasticamente. Questo non significa che gli stage diventino meno ostici, anzi la difficoltà è ben calcolata. Giusta ma nulla viene regalato. Anche il più smaliziato dei giocatori dovrà sudarsi i punteggi migliori.

In breve Catherine diventa davvero una droga, difficile staccarsene e veramente semplice trovarsi a ripetere più volte: “Un’altra partita e poi smetto”.

Un gioco che merita di essere giocato, particolare e giapponese fino all’osso con un gameplay che da solo oscura ogni altro difetto della produzione.

Voto 8,5

 

Share this post


Link to post