Jump to content
Stiamo effettuando la manutenzione e dei test sul Server della piattaforma. Questo può creare rallentamenti o blocchi alla navigazione. Ci scusiamo per il disagio. ×
KrantDesign

LAVORO | Esperienze, come trovarlo, colloqui

Recommended Posts

Posted (edited)
15 minuti fa, Maresca ha scritto:

Il problema è che ho bisogno di più soldi. 

 

Certo per gli standard italiani non guadagno male, ma gli standard italiani per i giovani sono morire di fame quindi fanno poco testo ?

 

Con lo stipendio attuale non mi manca niente ma non posso dire di essere soddisfatto 

Io non sono il capo di me stesso, ma abbiamo la stessa struttura valutativa.

 

Ossia posso stare otto ore davanti alla tv se pero` ho ottimi risultati a nessuno frega.

 

Io una cosa del genere non la darei mai indietro manco per 8.000 euro al mese. Hai letto bene.

 

Ho lavorato nella Honeywell prima di quest`esperienza, ed avevo un capo padrone. Mi verficavano quanto navigassi, quanto effittavemente di quelle otto ore fossere usate per il lavoro. Una pressione immane.

 

Decidi bene fai attenzione.

 

Inoltre il denaro e` relativo,ci si abitua, io guadagnavo certe cifre ridicole e quando pensavo allo stipendio che guadagno adesso, dicevo fra me e me, wow come sarebbe avere quello stipendio, chissa` quante cose che farei.

 

Morale della favola vivo bene ma non mi sento appagato. I miei vizi si sono abituati all`ammontare del nuovo stipendio.

 

Quindi ho aggiunto, pesce, piu` viaggi, piu` giochi etc. Pero` se parliamo di cifre blu e` un altro discorso, parlo di cifre e stipendi nel range medio- altino.

Edited by NDM

Share this post


Link to post
Il problema è che ho bisogno di più soldi. 
 
Certo per gli standard italiani non guadagno male, ma gli standard italiani per i giovani sono morire di fame quindi fanno poco testo
 
Con lo stipendio attuale non mi manca niente ma non posso dire di essere soddisfatto 
Se hai davvero bisogno di soldi, devi riflettere molto bene. Nel senso che probabilmente finirai in un luogo di lavoro peggiore, con capo peggiore e soprattutto con orari di lavoro aumentati. A quel punto devi essere certo però che all'arrivo dello stipendio i soldi in più mentalmente ti compensano tutto ciò.

Se non c'è reale bisogno, io per esperienza lascerei stare

Share this post


Link to post

L'ideale sarebbe conoscere qualcuno che lavora in quest'altra banca per sapere com'è la situazione lì, perché magari mi faccio problemi per niente e poi li sono pure meglio di qui ?

 

 

Comunque non so, forse al momento la cosa migliore è restare qui, anche perché cambiare in questo periodo è rischioso, viviamo in tempi incerti causa epidemia. 

 

La mia paura è dare le dimissioni, poi scatta una nuova quarantena e resto senza lavoro perché non mi assumono più dall'altra parte. È sicuramente una paranoia ma in questi mesi ho visto tanti amici perdere il lavoro o finire in cig mentre io ho continuato a lavorare come se nulla fosse, anzi ho guadagnato dal fatto di poter lavorare sempre da casa


12 ANNI DI SUCCESSI NON SI DIMENTICANO, ONORE E GLORIA ALLA TRIADE

 

"TOGLIAMO IL DISTURBO...MA VEDRETE CHE BANDITI VERRANNO DOPO DI NOI" (cit. Antonio Giraudo)

 

Share this post


Link to post
Posted (edited)

Con che livello di tedesco consigliate di partire dall'italia per lavorare in Austria? 

Edited by Matteus

SpazioTech

matteus@gamesforum.it

Share this post


Link to post

Qualcuno mi indica che sito posso usare per inviare la richiesta di messa a disposizione per le scuola ATA. Ci sono molti siti ma non vorrei trovarne uno farlocco. Esiste uno ufficiale?


 

A07zzia.png

Share this post


Link to post
Il 8/7/2020 alle 20:13 , Maresca ha scritto:

Si accettano consigli 

 

Attualmente faccio un lavoro che mi piace (project manager) per una banca. 

 

I pro sono:

Sono io il "capo" quindi organizzo io il mio lavoro. Entro ed esco quando voglio, lavoro da casa quando voglio. Vengo valutato in base ai risultati e non al tempo quindi ci sono giornate che le passo giocando alla play a casa e nessuno se ne accorge / frega. 

L'ufficio è a 5 minuti da casa mia quindi in pausa pranzo torno pure a casa. 

L'ambiente è informale e vado a lavoro con jeans e polo facendo morire i consulenti in pieno agosto in giacca e cravatta ?

 

Il contro è:

Siamo quasi 100mila dipendenti quindi sono solo un numero, questo significa zero possibilità di ottenere aumenti o promozioni. 

 

Ora un'altra banca mi ha contattato perché vorrebbe assumermi. 

Farei lo stesso lavoro e ovviamente guadagnerei di più. 

Però non ho idea di come lavorino lì. È una banca più piccola quindi credo che ci sia più controllo e probabilmente anche più carichi di lavoro. L'ambiente è più formale quindi niente jeans e polo. È più distante da casa, circa mezz'ora per arrivare. 

 

In sostanza cambierei solo per i soldi. Voi lo fareste? 

Toglimi una curiosità che mi sono sempre chiesto: che lavoro fa praticamente il PM?

Share this post


Link to post
Posted (edited)
25 minuti fa, Krauron ha scritto:

Toglimi una curiosità che mi sono sempre chiesto: che lavoro fa praticamente il PM?

Io sono stato PM per una società di servizi IT...e me lo sono sempre chiesto :asd:

 

A parte l'ironia , penso poi dipenda da posto a posto , da progetto a progetto. Io gestivo " gli appalti " lato economico ( ma nulla di complicato..non ho una laurea in generale , tanto meno in economia). SLA . Kpi ,  le risorse legate al progetto stesso ( a volte devi fare pure da psicologo )  ; ma principalmente parlavo con il cliente ( Lamentele , richieste agg. sul contratto , ecc...ecc... ).

Diciamo che su attività avviate dove il cliente non è un palo nel culo....è un lavoro strapagato (imho )

Edited by Lusian
  • Letto! 1

Share this post


Link to post
Il 30/7/2020 alle 08:24 , Matteus ha scritto:

Con che livello di tedesco consigliate di partire dall'italia per lavorare in Austria? 

Cerchi un lavoro specifico/qualificato oppure una cosa qualsiasi?

Share this post


Link to post
39 minuti fa, TravisTouch87 ha scritto:

Cerchi un lavoro specifico/qualificato oppure una cosa qualsiasi?

L'idea è di andare tra 2 anni, quando sarò più qualificato e avrò più esperienza nel mio settore (sviluppo business, vendite, strategie,...) 


SpazioTech

matteus@gamesforum.it

Share this post


Link to post

Non ricordo se l'avevo già chiesto, ma ad ogni modo: oggi una lettera di referenze potrebbe servire a qualcosa o è carta straccia? 

Solitamente in che contesto andrebbe presentata? Del tipo che va allegata al curriculum sempre e comunque o solo se richiesta?


Desktop:ALI C.M. Silent Pro M 700W CASE C.M. Silencio 550 CPU Intel i5 4670 @ 3,40 Ghz Dissi C.M. Hyper TX3 Evo MOBO Gigabyte GA-H87-HD3 RAM Corsair 2x4GB Vengeance Blue 1600 CL9 HDD W.D. Caviar Green 1,5TB SSD Samsung 840 EVO 120GB GPU Gigabyte AORUS GeForce GTX 1060 6G (rev. 2.0) S.O. Win 10

Device:SMARTPHONE Samsung Galaxy S6 Edge+ WEARABLE Samsung Gear S3 Frontier ​NOTEBOOK ​Acer Swift 3

 

Share this post


Link to post
25 minuti fa, HunterKakashi ha scritto:

Non ricordo se l'avevo già chiesto, ma ad ogni modo: oggi una lettera di referenze potrebbe servire a qualcosa o è carta straccia? 

Solitamente in che contesto andrebbe presentata? Del tipo che va allegata al curriculum sempre e comunque o solo se richiesta?

Io un paio di lettere di referenze derivate da esperienze passate le ho, sempre nel mio settore ovviamente (quello culturale). Io le presento solo se devo candidarmi per posti di questo tipo.

Share this post


Link to post
23 ore fa, Matteus ha scritto:

L'idea è di andare tra 2 anni, quando sarò più qualificato e avrò più esperienza nel mio settore (sviluppo business, vendite, strategie,...) 

In questo caso sono certo che un buon bagaglio linguistico sarà necessario, un B2 in tedesco potrebbe anche essere sufficiente se supportato da un ottimo livello di inglese. Poi dipende da quanto sono aperti mentalmente lì, quanto il mercato richieda queste figure, quanto tu sei preparato ecc...

Share this post


Link to post
Il 10/8/2020 alle 09:14 , Krauron ha scritto:

Toglimi una curiosità che mi sono sempre chiesto: che lavoro fa praticamente il PM?

 

Raccoglie i requisiti di un nuovo progetto, stima i tempi e i costi di realizzazione, ingaggia i fornitori, segue l'andamento del progetto, coordina i fornitori nella realizzazione... se si tratta di un progetto grande, ci saranno tanti uffici coinvolti e quindi il PM deve interfacciarsi con tutti gli uffici che a loro volta avranno dei fornitori ecc.

 

Concretamente non produce molto nel senso che poi ha dei consulenti che gli fanno report e lo supportano durante il progetto, però è un ruolo fondamentale dato che è colui che tiene insieme tutti i pezzi ed è il riferimento per tutti nell'ambito del progetto.

 

E cosa più importante: è colui che prende le decisioni e che si assume le responsabilità nel caso in cui qualcosa vada male


12 ANNI DI SUCCESSI NON SI DIMENTICANO, ONORE E GLORIA ALLA TRIADE

 

"TOGLIAMO IL DISTURBO...MA VEDRETE CHE BANDITI VERRANNO DOPO DI NOI" (cit. Antonio Giraudo)

 

Share this post


Link to post
21 minuti fa, Maresca ha scritto:

 

Raccoglie i requisiti di un nuovo progetto, stima i tempi e i costi di realizzazione, ingaggia i fornitori, segue l'andamento del progetto, coordina i fornitori nella realizzazione... se si tratta di un progetto grande, ci saranno tanti uffici coinvolti e quindi il PM deve interfacciarsi con tutti gli uffici che a loro volta avranno dei fornitori ecc.

 

Concretamente non produce molto nel senso che poi ha dei consulenti che gli fanno report e lo supportano durante il progetto, però è un ruolo fondamentale dato che è colui che tiene insieme tutti i pezzi ed è il riferimento per tutti nell'ambito del progetto.

 

E cosa più importante: è colui che prende le decisioni e che si assume le responsabilità nel caso in cui qualcosa vada male

C'è un percorso universitario per diventarlo?


SpazioTech

matteus@gamesforum.it

Share this post


Link to post
3 minuti fa, Matteus ha scritto:

C'è un percorso universitario per diventarlo?

 

no, ma dipende dall'ambito dove vuoi lavorare. io sono PM in ambito informatico e quindi sono laureato in informatica.

 

poi dipende se vuoi fare proprio il PM tipo me, oppure se vuoi fare il PMO, che sarebbero i consulenti che assistono il PM.

 

i PMO in genere sono laureati in ingegneria gestionale e lavorano per le principali società di consulenza (deloitte, accenture ecc.) ma è un lavoro molto più stancante e senza orari, personalmente non lo farei.

 

Ci sono anche certificazioni internazionali tipo la PMI per poter fare questo lavoro, ma (soprattutto in italia) spesso non si usano esattamente gli standard internazionali ma è tutto un po' più "customizzato", quindi il percorso più semplice è quello di entrare in un'azienda e poi crescere dall'interno.

 

Considera che nelle grandi aziende, ci sono tantissime occasioni per fare i PM in ambito informatico, in quanto costa molto di meno appoggiarsi a società di consulenza per la realizzazione dei progetti, e quindi serve sempre un interno che coordini i lavori. 


12 ANNI DI SUCCESSI NON SI DIMENTICANO, ONORE E GLORIA ALLA TRIADE

 

"TOGLIAMO IL DISTURBO...MA VEDRETE CHE BANDITI VERRANNO DOPO DI NOI" (cit. Antonio Giraudo)

 

Share this post


Link to post
2 ore fa, Maresca ha scritto:

 

Raccoglie i requisiti di un nuovo progetto, stima i tempi e i costi di realizzazione, ingaggia i fornitori, segue l'andamento del progetto, coordina i fornitori nella realizzazione... se si tratta di un progetto grande, ci saranno tanti uffici coinvolti e quindi il PM deve interfacciarsi con tutti gli uffici che a loro volta avranno dei fornitori ecc.

 

Concretamente non produce molto nel senso che poi ha dei consulenti che gli fanno report e lo supportano durante il progetto, però è un ruolo fondamentale dato che è colui che tiene insieme tutti i pezzi ed è il riferimento per tutti nell'ambito del progetto.

 

E cosa più importante: è colui che prende le decisioni e che si assume le responsabilità nel caso in cui qualcosa vada male

Molto figo, ma di che progetti parliamo solitamente? Tipo creazione di un prodotto?

Share this post


Link to post
3 ore fa, HunterKakashi ha scritto:

Non ricordo se l'avevo già chiesto, ma ad ogni modo: oggi una lettera di referenze potrebbe servire a qualcosa o è carta straccia? 

Solitamente in che contesto andrebbe presentata? Del tipo che va allegata al curriculum sempre e comunque o solo se richiesta?

Dipende chi te la fa....


spacer.png

Share this post


Link to post
2 ore fa, Krauron ha scritto:

Molto figo, ma di che progetti parliamo solitamente? Tipo creazione di un prodotto?

 

che sia figo o meno dipende molto dal progetto, ci sono alcuni progetti che consistono nell'adeguare applicazioni già esistenti a nuove normative europee o statunitensi e sono di una noia mortale :asd:

 

possono capitare tanti progetto diversi, ora sto lavorando al passaggio verso una nuova applicazione che sostituisce quella vecchia che è stata creata 20 anni fa, quindi stiamo proprio facendo tutto nuovo da zero. parliamo comunque di applicazioni per uso interno, non roba che generalmente viene rilasciata verso i clienti.

 

fino a poco tempo fa ho lavorato all'integrazione di un'altra banca dentro la nostra banca, che quindi ha comportato la fusione di due sistemi informativi separati e quindi puoi immaginare che lavoro enorme ci sia dietro (parliamo di progetti che durano anche vari anni in questo caso).

 

insomma c'è di tutto

  • Letto! 1

12 ANNI DI SUCCESSI NON SI DIMENTICANO, ONORE E GLORIA ALLA TRIADE

 

"TOGLIAMO IL DISTURBO...MA VEDRETE CHE BANDITI VERRANNO DOPO DI NOI" (cit. Antonio Giraudo)

 

Share this post


Link to post
5 ore fa, Krando ha scritto:

Dipende chi te la fa....

Nel mio caso specifico la lettera è stata fatta da quello che fu il mio diretto superiore.


Desktop:ALI C.M. Silent Pro M 700W CASE C.M. Silencio 550 CPU Intel i5 4670 @ 3,40 Ghz Dissi C.M. Hyper TX3 Evo MOBO Gigabyte GA-H87-HD3 RAM Corsair 2x4GB Vengeance Blue 1600 CL9 HDD W.D. Caviar Green 1,5TB SSD Samsung 840 EVO 120GB GPU Gigabyte AORUS GeForce GTX 1060 6G (rev. 2.0) S.O. Win 10

Device:SMARTPHONE Samsung Galaxy S6 Edge+ WEARABLE Samsung Gear S3 Frontier ​NOTEBOOK ​Acer Swift 3

 

Share this post


Link to post
Non ricordo se l'avevo già chiesto, ma ad ogni modo: oggi una lettera di referenze potrebbe servire a qualcosa o è carta straccia? 
Solitamente in che contesto andrebbe presentata? Del tipo che va allegata al curriculum sempre e comunque o solo se richiesta?
Credo dipenda dal settore.
Nel mio no, nel senso che quando hanno voluto sapere dei miei pregressi mi han chiesto direttamente il cellofono degli ultimi 70 capi e han chiamato loro senza chiedermi carta.
Probabilmente però in altri ambiti non avviene mai e in altri serve averle

Share this post


Link to post
Credo dipenda dal settore.
Nel mio no, nel senso che quando hanno voluto sapere dei miei pregressi mi han chiesto direttamente il cellofono degli ultimi 70 capi e han chiamato loro senza chiedermi carta.
Probabilmente però in altri ambiti non avviene mai e in altri serve averle
Alla faccia della privacy. Secondo me te hai anche rischiato a dare i numero, aziendali o meno che siano.

Share this post


Link to post
Alla faccia della privacy. Secondo me te hai anche rischiato a dare i numero, aziendali o meno che siano.
Ho ovviamente chiesto ai vecchi boss che contatti potevo lasciare, e se erano disponibili :asd:
  • Like 1

Share this post


Link to post
13 ore fa, Maresca ha scritto:

Ci sono anche certificazioni internazionali tipo la PMI per poter fare questo lavoro, ma (soprattutto in italia) spesso non si usano esattamente gli standard internazionali ma è tutto un po' più "customizzato", quindi il percorso più semplice è quello di entrare in un'azienda e poi crescere dall'interno.

 

Tecnicamente in Italia occorre la certificazione UNI 11648.

Inoltre, una certificazione di PM sarebbe comunque il caso di prenderla.

@KrauronPersonalmente ho scartato PMI e Prince2 per concentrarmi su Praxis Framework->AgilePM->PM2.

 

 


Sei appassionata/o di politica? Sto avviando un nuovo progetto, a zero budget, legato a questa tematica con l'obiettivo di creare qualcosa di nuovo nel campo dell'editoria e della sondaggistica (cert. ESOMAR).
Se sei interessata/o a partecipare, scrivimi qui oppure entra nel gruppo Telegram

Share this post


Link to post
9 ore fa, AudioSculpt ha scritto:

Tecnicamente in Italia occorre la certificazione UNI 11648.

Inoltre, una certificazione di PM sarebbe comunque il caso di prenderla.

@KrauronPersonalmente ho scartato PMI e Prince2 per concentrarmi su Praxis Framework->AgilePM->PM2.

 

 

non so cosa intendi con tecnicamente, ma non occorre nessuna certificazione per fare il pm. non è un lavoro dove esiste un albo o un ordine.

 

UNI 11648 è lo standard al quale dovrebbero attenersi i corsi di PM, in modo tale da essere uniformati e garantire che una persona che ha frequentato uno di questi corsi abbia sicuramente appreso determinate abilità.

 

A conti fatti è uno standard fatto solo per garantire la concorrenza, dato che l'unica certificazione che viene considerata dalle grandi aziende è quella del PMI, principalmente perchè è stato il primo a creare questi corsi e chi ha questa certificazione generalmente assume persone con la stessa certificazione e snobba le altre.

 

Bisogna anche ammettere che ci sono altri corsi meno famosi ma che insegnano le stesse cose del PMI, quindi è più una questione di "snobbismo" che di reale superiorità. Lo standard UNi 11648 dovrebbe appunto risolvere questo problema.

 

 

In ogni caso, certificazione o meno, è molto difficile che al giorno d'oggi le aziende assumano come PM dei giovani senza esperienza, per questo dico che è molto più facile entrare in un altro modo e poi imparare dall'interno.

Basta farsi un giro su linkedin per vedere come tutte le aziende italiane che cercano PM, nei requisiti obbligatori chiedono anni di esperienza e non certificazioni. Poi se hai anche una certificazione non fa mai male, ma aver gestito correttamente progetti milionari fidati che vale molto di più di qualsiasi certificazione.

 

 


12 ANNI DI SUCCESSI NON SI DIMENTICANO, ONORE E GLORIA ALLA TRIADE

 

"TOGLIAMO IL DISTURBO...MA VEDRETE CHE BANDITI VERRANNO DOPO DI NOI" (cit. Antonio Giraudo)

 

Share this post


Link to post
Posted (edited)

Per l'It c'è l'ITIL che è molto richiesto , ma come al solito poi la pratica si scontra con tutt'altri problemi.  ( Come si nota sono altamente critico verso la figura del PM )

Edited by Lusian

Share this post


Link to post

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...