Daredevil | Panini Comics | Guida alla lettura e collezioni utenti al primo post!

L'Ammiraglio

LV
0
 
Iscritto dal
25 Gen 2015
Messaggi
8,680
Reazioni
8
In totale i cartonati della run di Waid quanti saranno? Mi pare fosse una gestione lunghetta.

In fiera Panini ha parlato anche di Devil, e uno dei prossimi capitoli della collection (?) sembra essere Devil Rinato, che si colloca non molto prima della run di Waid.
Se non ricordo male fa da ponte fra Shadowland e quella run :sisi:

 

Ryo Narushima

Utente Sospeso/Bannato
Bannato
LV
0
 
Iscritto dal
30 Giu 2009
Messaggi
17,633
Reazioni
1
In totale i cartonati della run di Waid quanti saranno? Mi pare fosse una gestione lunghetta.

Se non ricordo male fa da ponte fra Shadowland e quella run :sisi:
7 volumi.

Si sta in quel lasso temporale. Ce l'ho già però quindi passo.

 

L'Ammiraglio

LV
0
 
Iscritto dal
25 Gen 2015
Messaggi
8,680
Reazioni
8
Minchia, 7 volumi! :morris82: Ce la faranno davvero a finirlo nel 2017? Non credo :rickds:

 

Ryo Narushima

Utente Sospeso/Bannato
Bannato
LV
0
 
Iscritto dal
30 Giu 2009
Messaggi
17,633
Reazioni
1
Minchia, 7 volumi! :morris82: Ce la faranno davvero a finirlo nel 2017? Non credo :rickds:
Questi cartonati poi comprenderanno anche i numeri dell'all new? Voglio sperare di si :asd:

In America il ciclo attuale sta già al secondo volume, quindi se tutto va bene dall'anno prossimo arriveranno anche da noi.

Alla fine sono 4 volumi, se ne fanno uno ogni 2-3 mesi ce la fanno. Per dire così vuol dire che velocizzeranno un pò le cose. Calcola poi che molte serie stanno già alla conclusione (la roba avengers, new x ecc) quindi ora possono velocizzare le altre serie che stanno più indietro (spider-man, devil).

 

Ryo Narushima

Utente Sospeso/Bannato
Bannato
LV
0
 
Iscritto dal
30 Giu 2009
Messaggi
17,633
Reazioni
1
Letto Redenzione

Cavolo che storia :morris82:

Se cercate azione oppure Devil lasciate perdere, qui il protagonista è Matt e il caso da risolvere, quindi avvocati, interrogatori, sospetti, smentite ecc

I disegni non sono proprio il mio genere ma ci stanno benissimo con il tipo di atmosfera. Bella!

 

Ryo Narushima

Utente Sospeso/Bannato
Bannato
LV
0
 
Iscritto dal
30 Giu 2009
Messaggi
17,633
Reazioni
1
Questa settimana dovrebbe uscire il volume 13 della collection: Daredevil & Spider-man - Gli insoliti sospetti.

 
G

Guest

Daredevil #14

Si conclude lo story arc Arte Oscura; meglio dei precedenti, ma onestamente questo Daredevil continuo a trovarlo sulla sufficienza; non è brutto, ma non è nemmeno una lettura troppo interessante; sembra sempre tutto troppo sfilacciato tra uno story arc e l'altro.

Il folle di questo arco narrativo

Muse viene catturato, non prima di aver dato sfoggio della sua "arte" macabra e violenta usando corpi di altre persone, arrivando anche ad accecare Blindspot di cui vedremo in seguito quali ripercussioni avrà.

Matt è sempre più

solo, distaccato, senza un appiclio e una via d'evasione; Blindspot è l'unica luce in questo suo momento particolare.

Io ancora aspetto le spiegazioni sul repentino passo indietro nello status quo di Matt rispetto al finale dell'ottima run di Waid.

 

Ryo Narushima

Utente Sospeso/Bannato
Bannato
LV
0
 
Iscritto dal
30 Giu 2009
Messaggi
17,633
Reazioni
1
Ah comunque c'è stata un pò di confusione, devil gli isoliti sospetti non è della collection, ma del quarto volume di Waid. Si chiama ''nella tana del coyote''

 

Ryo Narushima

Utente Sospeso/Bannato
Bannato
LV
0
 
Iscritto dal
30 Giu 2009
Messaggi
17,633
Reazioni
1
QUESTA SETTIMANA IL NUOVO VOLUME DI WAID

he4hcxp.jpg


Autori: Chris Samnee, Mark Waid, Michael Allred

Contiene: Daredevil #16/21

Prezzo: €12,00





Qualcuno sta trafficando con la mente di Matt Murdock! Il suo migliore amico, Foggy Nelson – convinto che Matt stia perdendo la ragione diventando un pericolo per sé stesso e gli altri – mette la parola fine sul loro studio legale… e sulla loro amicizia! Fantasmi dal passato di Daredevil tornano a tormentarlo facendolo seriamente dubitare della sua sanità mentale, mentre deve affrontare un nuovo pericoloso nemico: Coyote!

 
G

Guest

Malinconia nel ripensare a questa lunga run di Wai, ora sono già ad un anno di gestione Soule dove sostanzialmente non c'è stato niente da segnalare, insipida come poche e tra 2-3 numeri dovrei finalmente scoprire cosa ha fatto modificare di così tanto lo status quo, dalla fine di Waid, all'inizio di Soule. Mi aspetto una cavolata.

 

Dies Irae

Professionista
LV
0
 
Iscritto dal
2 Ago 2011
Messaggi
1,190
Reazioni
0
A me il corso di Soule non dispiace, per quanto sia (inevitabilmente?) fly-down rispetto alle gestioni precedenti. L'ha giustamente reso diverso da Waid che a sua volta l'ha diversamente interpretato rispetto al periodo Bendis/Brubaker. E poi continuo a trovare decisamente interessante il tratto di Garney, nonostante sia diventato irriconoscibile dallo stile che me lo ha fatto conoscere e apprezzare (Un uomo senza patria, la run su Cap pre-Heroes Reborn).

 

Ryo Narushima

Utente Sospeso/Bannato
Bannato
LV
0
 
Iscritto dal
30 Giu 2009
Messaggi
17,633
Reazioni
1
A me il corso di Soule non dispiace, per quanto sia (inevitabilmente?) fly-down rispetto alle gestioni precedenti. L'ha giustamente reso diverso da Waid che a sua volta l'ha diversamente interpretato rispetto al periodo Bendis/Brubaker. E poi continuo a trovare decisamente interessante il tratto di Garney, nonostante sia diventato irriconoscibile dallo stile che me lo ha fatto conoscere e apprezzare (Un uomo senza patria, la run su Cap pre-Heroes Reborn).
Ammetto che il ciclo di Waid non mi fa sempre impazzire, sopratutto nel tratto. Daredevil lo preferisco a tinte più crude e ricche di ombre, magari Garney mi piacerà di più sul lato prettamente grafico.

 

Dies Irae

Professionista
LV
0
 
Iscritto dal
2 Ago 2011
Messaggi
1,190
Reazioni
0
Ammetto che il ciclo di Waid non mi fa sempre impazzire, sopratutto nel tratto. Daredevil lo preferisco a tinte più crude e ricche di ombre, magari Garney mi piacerà di più sul lato prettamente grafico.
Non ti piacciono i disegni di Rivera e Samnee? Io li ho trovati strepitosi. Comunque se preferisci uno stile dark sono sicuro che il post-Secret Wars riscontrerà il tuo gradimento, in questo ricorda moltissimo il periodo Chichester (forse il più oscuro in assoluto nella storia del diavolo rosso).

 
Ultima modifica da un moderatore:
G

Guest

Ammetto che il ciclo di Waid non mi fa sempre impazzire, sopratutto nel tratto. Daredevil lo preferisco a tinte più crude e ricche di ombre, magari Garney mi piacerà di più sul lato prettamente grafico.
Il ciclo di Waid non è per tutti, a diversi amanti del Daredevil più dark non è piaciuto particolarmente, qualcuno proprio non riesce a sopportarlo. Ha diviso abbastanza come apprezzamento.

Io Rivera e Samnee li trovo dei grandi come disegnatori, mi piacevano davvero tantissimo su Daredevil.

Garney sul corso ANAD disegna molto bene, molto adatto ad uno stile dark, ma preferivo comunque i disegnatori precedenti, sul lato storia invece il Daredevil di Soul è molto insipido e nella lettura fa percepire poco la continuità delle storie; gli unici momenti carini sono stati il ciclo di Muse e quello precedente al Casinò con anche la presenza di Spidey; ma comunque è un ciclo che per me rimane a navigare tra il 5.5 e 6.5 mentre il ciclo di Waid per me ha toccato vette molto alte tra gli 8 e 8.5 non mancava nulla: momenti drammatici, momenti positivi, relazioni interpersonali d'amicizia, d'amore, la presenza di personaggi storici in Marvel, dei nemici che si adattavano molto bene a Daredevil. Una run nel complesso fenomenale.

 

Ryo Narushima

Utente Sospeso/Bannato
Bannato
LV
0
 
Iscritto dal
30 Giu 2009
Messaggi
17,633
Reazioni
1
Non ti piacciono i disegni di Rivera e Samnee? Io li ho trovati strepitosi. Comunque se preferisci uno stile dark sono sicuro che il post-Secret Wars riscontrerà il tuo gradimento, in questo ricorda moltissimo il periodo Chichester (forse il più oscuro in assoluto nella storia del diavolo rosso).
Samnee lo trovo più ispirato su Vedova nera, più preciso, un pò più pulito. Stilisticamente su Devil non mi piace sempre, ma non ha niente a che vedere col disegno vero e proprio, è una cosa mia soggettiva. E' proprio uno stile che non mi fa impazzire, preferisco sempre un Epting, Lark, Maleev, per farti capire un pò i miei gusti.

- - - Aggiornato - - -

Il ciclo di Waid non è per tutti, a diversi amanti del Daredevil più dark non è piaciuto particolarmente, qualcuno proprio non riesce a sopportarlo. Ha diviso abbastanza come apprezzamento.
Non pensavo avesse diviso, non leggo quasi mai i vari pareri nel dettaglio, vado sempre un pò per fatti miei su queste cose.

 
G

Guest

Non pensavo avesse diviso, non leggo quasi mai i vari pareri nel dettaglio, vado sempre un pò per fatti miei su queste cose.
Su un altro forum c'è pure chi lo odia proprio quel ciclo, infatti ci stavano discussioni molto interessanti al tempo su chi l'avorava come ciclo e chi invece proprio non riusciva a mandarlo giù.

Comunque alla fine quel ciclo è un diesel, parte piano piano, poi più avanza e più continua a migliorare fino alla fine, vedrai.

 

Dies Irae

Professionista
LV
0
 
Iscritto dal
2 Ago 2011
Messaggi
1,190
Reazioni
0
Il ciclo di Waid non è per tutti, a diversi amanti del Daredevil più dark non è piaciuto particolarmente, qualcuno proprio non riesce a sopportarlo. Ha diviso abbastanza come apprezzamento.
Insomma, non ho personalmente contato i detrattori da forum (suppongo che non possa piacere a tutti, come qualsiasi altra cosa) ma a me pare un ciclo celebrato ovunque con tanto di Eisner Award a suggellarne il successo. E' pacifico che il distacco dal realismo noir delle due lunghe gestioni che lo hanno preceduto abbia potuto indisporre chi con esse ha conosciuto il personaggio (considerando che Maleev renderebbe tetra e oscura anche una storia di Topolino), ma ritenere DareDevil una serie dark è un fraintendimento che ci trasciniamo fin dai tempi di Born Again. In tal senso è proprio la caratterizzazione fornita da Bendis a risultare stridente, se collocata nell'interezza della vita editoriale del cornetto. Ha reso regola un'eccezione fino a quel momento usata in particolari situazioni volte ad inasprire ed esasperare i toni (come fatto da Miller o nella controversa run di Chichester, appunto), salvo poi giungere al punto di rottura con annesso ritorno allo status quo del lato oscuro contenuto dagli aspetti prettamente solari; due facce della medesima medaglia riportate in perfetto equilibrio da Waid. Non è per tutti ma neppure Watchmen, Persepolis o From Hell potrebbero dirsi tali. Ciò non toglie che tutti dovrebbero leggere quella run per comprendere appieno lo spirito del personaggio e al limite disprezzarlo con cognizione di causa.

 
Ultima modifica da un moderatore:

Ryo Narushima

Utente Sospeso/Bannato
Bannato
LV
0
 
Iscritto dal
30 Giu 2009
Messaggi
17,633
Reazioni
1
Insomma, non ho personalmente contato i detrattori da forum (suppongo che non possa piacere a tutti, come qualsiasi altra cosa) ma a me pare un ciclo celebrato ovunque con tanto di Eisner Award a suggellarne il successo. E' pacifico che il distacco dal realismo noir delle due lunghe gestioni che lo hanno preceduto abbia potuto indisporre chi con esse ha conosciuto il personaggio (considerando che Maleev renderebbe tetra e oscura anche una storia di Topolino), ma ritenere DareDevil una serie dark è un fraintendimento che ci trasciniamo fin dai tempi di Born Again. In tal senso è proprio la caratterizzazione fornita da Bendis a risultare stridente, se collocata nell'interezza della vita editoriale del cornetto. Ha reso regola un'eccezione fino a quel momento usata in particolari situazioni volte ad inasprire ed esasperare i toni (come fatto da Miller o nella controversa run di Chichester, appunto), salvo poi giungere al punto di rottura con annesso ritorno allo status quo del lato oscuro contenuto dagli aspetti prettamente solari; due facce della medesima medaglia riportate in perfetto equilibrio da Waid. Non è per tutti ma neppure Watchmen, Persepolis o From Hell potrebbero dirsi tali. Ciò non toglie che tutti dovrebbero leggere quella run per comprendere appieno lo spirito del personaggio e al limite disprezzarlo con cognizione di causa.
Questo è vero, Daredevil in origine lo ricordo molto ''pop''. Non dico come Spider-man, ma ci andiamo molto vicini. Miller poi lo cambiò, a partire dalle origini, un pò come fece con Batman. Bendis fece un pò la stessa cosa, accostandolo molto di più ad un serial televisivo dai toni ancora più realistici.

Waid sembra fondere un pò. E' più colorato e solare da un lato, però allo stesso tempo offre un'introspezione del personaggio più ''milleriana'', senza però mai toccare i temi e lo stile di Bendis/Bruba.

 
G

Guest

Insomma, non ho personalmente contato i detrattori da forum (suppongo che non possa piacere a tutti, come qualsiasi altra cosa) ma a me pare un ciclo celebrato ovunque con tanto di Eisner Award a suggellarne il successo. E' pacifico che il distacco dal realismo noir delle due lunghe gestioni che lo hanno preceduto abbia potuto indisporre chi con esse ha conosciuto il personaggio (considerando che Maleev renderebbe tetra e oscura anche una storia di Topolino), ma ritenere DareDevil una serie dark è un fraintendimento che ci trasciniamo fin dai tempi di Born Again. In tal senso è proprio la caratterizzazione fornita da Bendis a risultare stridente, se collocata nell'interezza della vita editoriale del cornetto. Ha reso regola un'eccezione fino a quel momento usata in particolari situazioni volte ad inasprire ed esasperare i toni (come fatto da Miller o nella controversa run di Chichester, appunto), salvo poi giungere al punto di rottura con annesso ritorno allo status quo del lato oscuro contenuto dagli aspetti prettamente solari; due facce della medesima medaglia riportate in perfetto equilibrio da Waid. Non è per tutti ma neppure Watchmen, Persepolis o From Hell potrebbero dirsi tali. Ciò non toglie che tutti dovrebbero leggere quella run per comprendere appieno lo spirito del personaggio e al limite disprezzarlo con cognizione di causa.
Il forum non so se posso citarlo, ma comunque lì lessi diversa gente non apprezzarlo proprio per nulla e le motivazioni per la maggiore vertevano proprio sull'aspetto "dark".

Tipo che il Daredevil di Waid avesse perso quelle atmosfere care al personaggio, che si fosse un po' banalizzato diventando meno oscuro e che il tutto non portasse ad un vero e proprio sviluppo del personaggio, ma ad un deciso passo indietro.

Io ne ho sempre parlato bene e non potrei fare altrimenti, per me rimane il miglior ciclo degli ultimi anni della Marvel, superiore pure al Thor di Aaron (che comunque è ancora in corso) e agli Avengers/New Avengers di Hickman. Non c'è nulla che non mi piace piaciuto del ciclo quel ciclo di Daredevil e penso non gli manchi proprio nulla, a me anzi aveva un po' stancato la deriva troppo oscure che si era data al personaggio, benissimo Bendis, bene Brubaker, ma iniziavo a stancarmi di vedere Matt sempre schiacciato, sempre infelice e con un problema grosso dietro l'altro; anche per questo ho apprezzato il ciclo di Waid che riportava Daredevil ad un aspetto più ampio che andasse a tutto tondo col suo mondo da supereroe, da avvocato e da Matt della vita di tutti i giorni. Il tutto con disegni strepitosi di Rivera e Samnee. Io non nego che mi manchi tanto leggere quel DD e passare da lui a quello di Soule è come passare da un bel piatto di pasta al forno, a quello di una minestrina un po' riscaldata e senza sale.

- - - Aggiornato - - -

Le

ossa del padre. Il segreto con Nelson. Nelson malato di tumore. La Setta dei Serpenti. La perdita del diritto di avvocato nello stato di NY. Il trasferimento a San Francisco. L'amore che nasce dal bellissimo rapporto con Kirsten McDuffie. Il Sudario. Ikari. Il Coyote. L'Uomo Porpora. L'Omega Effect. Il Numero natalizio. Le tavole di Samnee con uno storytelling perfetto.
Io non avrei saputo immaginarmi qualcosa di migliore in quella run e non saprei dire cosa mancasse, perchè secondo me non mancava nulla.

Questo è un articolo molto interessante che ne premia i tanti pregi

http://www.fumettologica.it/2015/04/binge-reading-devil-mark-waid/

 
Top