• Accedi o registrati per ottenere la migliore esperienza possibile del forum di SpazioGames (e senza banner pubblicitari).

Ufficiale [Il ritorno] Una volta mi è successa 'sta cosa che non è importantissima però la voglio dire pt. 3

ufficiale

Gianpi

Capomoderatore
sezione altro
Iscritto dal
27 Ago 2009
Messaggi
5,546
Medaglie
6
LV
2
 
Solo a me fa schifo uccidere blatte/scarafaggi con la ciabatta/scarpa? :azz:
 

Cranky Kong

Fucking Casuals
Iscritto dal
24 Feb 2014
Messaggi
6,529
Medaglie
4
LV
0
 

Snow24

Moderatore
sezione altro
sezione motori
Iscritto dal
18 Ago 2012
Messaggi
6,796
Medaglie
14
LV
1
 
Solo a me fa schifo uccidere blatte/scarafaggi con la ciabatta/scarpa? :azz:
Tantissimo anche a me, ma vivendo da solo non avevo altre opzioni. Non potevo lasciarla in giro così. Avevo provato anche a tappezzare tutto di veleno in polvere, ma è difficile funzioni con loro
 

Aftermath

Moderatore
games dome
Iscritto dal
9 Gen 2014
Messaggi
12,180
Medaglie
10
LV
2
 
Tantissimo anche a me, ma vivendo da solo non avevo altre opzioni. Non potevo lasciarla in giro così. Avevo provato anche a tappezzare tutto di veleno in polvere, ma è difficile funzioni con loro
Fazzoletto + stealth è l'unico modo
 

Aftermath

Moderatore
games dome
Iscritto dal
9 Gen 2014
Messaggi
12,180
Medaglie
10
LV
2
 
No, aspetta. Ciabatta > fazzoletto. Stai scherzando? Devi sentire il suo corpicino comprimersi sotto le tue dita? :paura:
Chi ha parlato di comprimersi? :Azz:

A casa della mia ragazza, che abita al piano terra, li prendo senza ucciderli e butto direttamente fuori dalla finestra (tranne il fazzoletto ovviamente, che va nella spazzatura). A casa mia, che sono invece al 7 piano, prendo e butto tutto dentro il WC e tiro lo sciacquone
 

Snow24

Moderatore
sezione altro
sezione motori
Iscritto dal
18 Ago 2012
Messaggi
6,796
Medaglie
14
LV
1
 
Chi ha parlato di comprimersi? :Azz:

A casa della mia ragazza, che abita al piano terra, li prendo senza ucciderli e butto direttamente fuori dalla finestra (tranne il fazzoletto ovviamente, che va nella spazzatura). A casa mia, che sono invece al 7 piano, prendo e butto tutto dentro il WC e tiro lo sciacquone
:phraengo: cioè ma tu li prendi vivi in mano e li porti gentilmente fuori? Ti faccio i miei complimenti, davvero
 

Aftermath

Moderatore
games dome
Iscritto dal
9 Gen 2014
Messaggi
12,180
Medaglie
10
LV
2
 
:phraengo: cioè ma tu li prendi vivi in mano e li porti gentilmente fuori? Ti faccio i miei complimenti, davvero
Non per mia scelta :rickds:

Lei non vuole neanche avere il minimo rischio di avere pezzettini sparsi per casa, quindi tocca prenderlo intero e poi buttarlo via di casa
 

Snow24

Moderatore
sezione altro
sezione motori
Iscritto dal
18 Ago 2012
Messaggi
6,796
Medaglie
14
LV
1
 
Non per mia scelta :rickds:

Lei non vuole neanche avere il minimo rischio di avere pezzettini sparsi per casa, quindi tocca prenderlo intero e poi buttarlo via di casa
:hmm:
È la seconda volta che parli di lei in qualche topic e la seconda volta che ti costringe a fare qualcosa che non vorresti. La storia di X Factor in confronto è una bazzecola :hmm:
 

Snow24

Moderatore
sezione altro
sezione motori
Iscritto dal
18 Ago 2012
Messaggi
6,796
Medaglie
14
LV
1
 
Okay, forse non ci siamo capiti, sto topic non cadrà nel dimenticatoio. Continuerò ad upparlo, anche perché non ci credo che in un periodo come questo in cui si sta molto a casa non avete storie da raccontare, suvvia, non siate timidi :uhmsisi:


Provo a ri-rompere il ghiaccio. Questa storia la chiamerò "Mia madre, il medico e me".
Una sera vado a dormire con la testa pesante e quella leggera sensazione di febbre latente. Il periodo è il peggiore per ammalarsi, il covid sta girando parecchio, ma fortunatamente non nel mio paese. La mattina mi sveglio, mi alzo, vado in bagno e quasi svengo. In qualche modo mi trascino fino alla cucina con la consapevolezza ormai di avere la febbre e la pressione bassisima. La misuro: 39,5. Mai così alta in vita mia. Mia madre mi guarda come se avessi il covid, mio padre mi tocca la fronte, mi si siede accanto come se fossi sano come un pesce. Non so se qualcuno di voi c'è già passato, ma quando le persone pensano tu possa avere il covid impazziscono. Mia madre continuava a fare telefonate su telefonate entrando ogni 30 secondi per dirmi "no, ho parlato con tizio, non può essere covid, altrimenti bla bla bla". Dopo un po' tornava in cucina e mi guardava come se fossi sul punto di spirare. Così per tutto il primo giorno. Chiama il medico di famiglia, gli chiede se conviene fare un tampone, mi chiede i sintomi, glieli dico e ci rassicura. O meglio, mi rassicura. Mia madre è comunque ingestibile, continua a cercare su internet, a contattare gente che l'ha avuto, ad informarsi su come fare un tampone rapido, qualsiasi cosa. Passa un altro giorno, ancora febbrone a 39 e mia madre chiama di nuovo il medico. Niente, ancora muro. Le loro conversazioni iniziano a diventare senza senso, il medico comincia a perculare mia madre dicendogli "se hai soldi da buttare faglielo fare privato, che ti devo dire".
I giorni passano, la febbre continua a scendere lentamente, ma non la preoccupazione di mia mamma. Ci giunge la notizia che un ragazzo che avevo visto un paio di volte (con mascherina, distanziamento e quant'altro) è risultato positivo. Giuro, mia madre in un istante ha preso il telefono, ha chiamato il medico e gli ha detto che ero stato a contatto con un positivo, ancor prima di chiarire bene la situazione.
Da lì è partita una mobilitazione generale, il medico che continuava a dire che non era convinto, io che prendevo in giro mia mamma perché sapevo di stare bene e che non avevo avuto contatti diretti col ragazzo, lei che già cercava il pigiama migliore con cui farmi trovare a casa.
Vengono i tizi, mi fanno il tampone rapido
ed ero positivo. Per colpa di quel medico a momenti contagiavo l'intera casa :sard: e lui che pure prendeva per il culo mia madre fino alla fine :sard:
 

Snow24

Moderatore
sezione altro
sezione motori
Iscritto dal
18 Ago 2012
Messaggi
6,796
Medaglie
14
LV
1
 
Storiella mattutina.
Tra i pregi e i difetti di nascere in Sicilia c'è sicuramente quello che ogni persona che vai a trovare cercherà di offrirti del cibo. E non sarà una gentilezza, s'impunterà finché non ti vede mangiarlo. Se poi questa persona è tua nonna, significa che la cosa andrà avanti finché non ti siedi a tavola con lei a mangiare.
Vado a trovare i miei nonni per dare una mano a mio nonno ad alzarsi dal letto (ha problemi a camminare) e appena arrivato mia nonna mi prende il suo solito contenitore con i cioccolati e i Tronky. È ossessionata dai Tronky. Da almeno 15 anni non c'è mai stato un giorno in cui mia nonna non li aveva. Quando sono andato all'università me ne ha dato un pacco prima di partire, quando c'era il lockdown era tra le poche cose che continuava a comprare come se ad un giorno all'altro sarei andata a trovarla. E la cosa strana è che i Tronky nemmeno mi fanno impazzire. Cioè sono buoni eh, però non così tanto come crede mia nonna, forse.
Fatto sta che me li offre, io rifiuto e lei mi guarda infastidita dicendomi "okay, se li vuoi sono la, fai come vuoi".
Ora, lo so che questa frase era chiaramente una menzogna, però mi sono fidato. Aveva sempre insistito, non si era mai arresa così, pensavo avesse capito. Siamo stati un po' lì a guardare la messa (eh già ragazzi, ogni giorno la messa è obbligatoria) e ogni tanto come un indemoniata in preda ad una crisi, senza neanche guardarmi, diceva "mangiati il tronky, mangiati il tronky".
Abbiamo aiutato mio nonno, siamo andati nella cucina e io ero pronto per andarmene. Mia nonna stava sistemando per la cena quindi era partita la solita lista "vuoi un'arancia? Vuoi una mela? Vuoi una pera?". Mentre mi spostavo in maniera tattica verso la porta per prendere il giubbotto e scappare, mia nonna mi guarda con un sorriso fiero e mi dice "okay, questo sono sicuro che lo vuoi". Tira fuori le noci e me le offre. Io declino anche quelle, ma stavolta non basta. Mi guarda scrutandomi bene bene e mi chiede "hai tasche"?
Non era neanche una menzogna la mia, non avevo davvero tasche nei pantaloni, però avevo una giacca di tuta con quelle tasche farlocche dove non entra nulla, ma che comunque sono lì. Mia nonna si avvicina, le tocca e torna coi pugni pieno di noci e me le mette in tasca. Me le riempie per almeno 3 volte finché non le dico basta e scappo via.
Morale della favola? Sono tornato a casa camminando pianissimo per non fare rumore visto che avevo le tasche piene e senza poter chiudere il giubbotto perché avevo le tasche troppo gonfie
 

Darthen

Amministratore
team 3Labs
Iscritto dal
21 Lug 2011
Messaggi
61,862
Medaglie
29
LV
6
 
Ma insomma, sto Tronky lo vuoi?
 

Snow24

Moderatore
sezione altro
sezione motori
Iscritto dal
18 Ago 2012
Messaggi
6,796
Medaglie
14
LV
1
 
Ma insomma, sto Tronky lo vuoi?
Mi rifiuterò ogni volta. Anche perché mia nonna non conosce limiti. Ci andassi 3 volte in un giorno me lo offrirebbe tranquillamente 3 volte, arrabbiandosi ad ogni mio rifiuto. Fino ad ora il record è due e il secondo mi ha costretto a portarlo a casa :asd:
 

Sparda

Moderatore
games dome
Iscritto dal
16 Dic 2006
Messaggi
20,951
Medaglie
8
LV
2
 
Storiella mattutina.
Tra i pregi e i difetti di nascere in Sicilia c'è sicuramente quello che ogni persona che vai a trovare cercherà di offrirti del cibo. E non sarà una gentilezza, s'impunterà finché non ti vede mangiarlo. Se poi questa persona è tua nonna, significa che la cosa andrà avanti finché non ti siedi a tavola con lei a mangiare.
Vado a trovare i miei nonni per dare una mano a mio nonno ad alzarsi dal letto (ha problemi a camminare) e appena arrivato mia nonna mi prende il suo solito contenitore con i cioccolati e i Tronky. È ossessionata dai Tronky. Da almeno 15 anni non c'è mai stato un giorno in cui mia nonna non li aveva. Quando sono andato all'università me ne ha dato un pacco prima di partire, quando c'era il lockdown era tra le poche cose che continuava a comprare come se ad un giorno all'altro sarei andata a trovarla. E la cosa strana è che i Tronky nemmeno mi fanno impazzire. Cioè sono buoni eh, però non così tanto come crede mia nonna, forse.
Fatto sta che me li offre, io rifiuto e lei mi guarda infastidita dicendomi "okay, se li vuoi sono la, fai come vuoi".
Ora, lo so che questa frase era chiaramente una menzogna, però mi sono fidato. Aveva sempre insistito, non si era mai arresa così, pensavo avesse capito. Siamo stati un po' lì a guardare la messa (eh già ragazzi, ogni giorno la messa è obbligatoria) e ogni tanto come un indemoniata in preda ad una crisi, senza neanche guardarmi, diceva "mangiati il tronky, mangiati il tronky".
Abbiamo aiutato mio nonno, siamo andati nella cucina e io ero pronto per andarmene. Mia nonna stava sistemando per la cena quindi era partita la solita lista "vuoi un'arancia? Vuoi una mela? Vuoi una pera?". Mentre mi spostavo in maniera tattica verso la porta per prendere il giubbotto e scappare, mia nonna mi guarda con un sorriso fiero e mi dice "okay, questo sono sicuro che lo vuoi". Tira fuori le noci e me le offre. Io declino anche quelle, ma stavolta non basta. Mi guarda scrutandomi bene bene e mi chiede "hai tasche"?
Non era neanche una menzogna la mia, non avevo davvero tasche nei pantaloni, però avevo una giacca di tuta con quelle tasche farlocche dove non entra nulla, ma che comunque sono lì. Mia nonna si avvicina, le tocca e torna coi pugni pieno di noci e me le mette in tasca. Me le riempie per almeno 3 volte finché non le dico basta e scappo via.
Morale della favola? Sono tornato a casa camminando pianissimo per non fare rumore visto che avevo le tasche piene e senza poter chiudere il giubbotto perché avevo le tasche troppo gonfie
Questa storia mi ha fatto crepare :asd: mi ha ricordato i tempi in cui avevo ancora dei nonni e pranzavo da mia nonna paterna...non aveva proprio presente la nozione di "porzioni" :shrek: e le insidie si nascondevano in ogni sua offerta...anche se mi offriva qualcosa di apparentemente innocente come un pomodoro e io sventuratamente dicevo sì, afferrava una roba delle dimensioni di una zucca (rigorosamente gelida, non so a che temperatura tenesse il frigo), me la tagliava a fette in un piatto e stava lì a guardarmi finché non avevo finito...ogni esitazione tra un boccone e l'altro generava un severo stato di allerta :phraengo:
 

ale54

Legend of forum
Iscritto dal
8 Set 2009
Messaggi
3,318
Medaglie
4
LV
0
 
Mamma mia quando ero piccolo e andavo da mia nonna durante l’estate diventavo obeso.
Mi faceva mangiare solo dolci e cose buone.
Una volta mi ricordo che avevo lasciato praticamente metà minestrone e a fine pranzo mi fa: va beh dai ti do una fetta di pane con la nutella visto che hai mangiato poco prima :rickds: cioè dovrebbe essere il contrario. Meno male che mia madre mi ha abituato diversamente
 

Snow24

Moderatore
sezione altro
sezione motori
Iscritto dal
18 Ago 2012
Messaggi
6,796
Medaglie
14
LV
1
 
Questa storia mi ha fatto crepare :asd: mi ha ricordato i tempi in cui avevo ancora dei nonni e pranzavo da mia nonna paterna...non aveva proprio presente la nozione di "porzioni" :shrek: e le insidie si nascondevano in ogni sua offerta...anche se mi offriva qualcosa di apparentemente innocente come un pomodoro e io sventuratamente dicevo sì, afferrava una roba delle dimensioni di una zucca (rigorosamente gelida, non so a che temperatura tenesse il frigo), me la tagliava a fette in un piatto e stava lì a guardarmi finché non avevo finito...ogni esitazione tra un boccone e l'altro generava un severo stato di allerta :phraengo:
Morto.
Di questo si potrebbe parlare per mesi. Io fortunatamente sono cresciuto con tutti i nonni fino al 2010 quindi nel corso degli anni ne ho accumulate parecchie di storie di cibo imboccato a forza e tentativi di conquistare l'amore col cibo.

Aggiungo una breve storiella appena successa. Mia madre mi manda nell'altro frigo a prenderle una cosa. Non essendo il frigo della cucina contiene tantissima roba, una sorta di magazzino. Apro e giuro che mi è preso un colpo perché mi sono trovato davanti sta cosa
XmcMMdo.png


Mi sono trovato quella bocca con quell'espressione malvagia proprio sotto il naso. È piazzato ad altezza uomo. Sono stato catturato dalla coda, ma non ho capito subito cosa fosse, ho spostato lo sguardo e giuro che sono saltato in aria :rickds:
L'effetto condensa che nasconde tutto lasciando intravedere solo la bocca e i dentini rendeva tutto più tetro. Sembra proprio un segnale che devo cominciare la saga di Dead Space al più presto :paura:
 

Artorias the Abysswalker

Legend of forum
Iscritto dal
21 Giu 2012
Messaggi
5,014
Medaglie
5
LV
1
 
Morto.
Di questo si potrebbe parlare per mesi. Io fortunatamente sono cresciuto con tutti i nonni fino al 2010 quindi nel corso degli anni ne ho accumulate parecchie di storie di cibo imboccato a forza e tentativi di conquistare l'amore col cibo.

Aggiungo una breve storiella appena successa. Mia madre mi manda nell'altro frigo a prenderle una cosa. Non essendo il frigo della cucina contiene tantissima roba, una sorta di magazzino. Apro e giuro che mi è preso un colpo perché mi sono trovato davanti sta cosa
XmcMMdo.png


Mi sono trovato quella bocca con quell'espressione malvagia proprio sotto il naso. È piazzato ad altezza uomo. Sono stato catturato dalla coda, ma non ho capito subito cosa fosse, ho spostato lo sguardo e giuro che sono saltato in aria :rickds:
L'effetto condensa che nasconde tutto lasciando intravedere solo la bocca e i dentini rendeva tutto più tetro. Sembra proprio un segnale che devo cominciare la saga di Dead Space al più presto :paura:
ma che roba è
 
Top
AdBlock Rilevato

La pubblicità talvolta disturba, lo sappiamo!

Questo sito non potrebbe esistere senza qualche inserzione pubblicitaria, ma lavoriamo ogni giorno per rendere l'esperienza utente la più fluida ed interattiva possibile, e ciò vale anche per gli annunci promozionali. Non saranno mai invasivi od invalidanti, quindi ti chiediamo la cortesia di disattivare l'AdBlock per poter navigare. Grazie di cuore.

Ho disattivato AdBlock