• Accedi o registrati per ottenere la migliore esperienza possibile del forum di SpazioGames (e senza banner pubblicitari).

Ultimo Film Visto | Consigli e Domande Inside

  • Autore discussione Staff Cinema
  • Data d'inizio

Zio Maccio

Endure and Survive
Iscritto dal
25 Ott 2009
Messaggi
5,578
Medaglie
6
LV
1
 
Il fuggitivo (Andrew Davis). Un classico, il finale lo si intuisce a metà film purtroppo. Ciononostante visione piacevole.

Another round (Thomas Vinterberg). "The Hunt" è uno dei miei film preferiti, mi aspettavo molto lato trama, invece è tutto così prevedibile e poco scomodo, non so se la morte della figlia abbia influito su questo aspetto, inizialmente doveva interpretare la figlia di Martin, poi è morta a causa di un incidente stradale. Un dramma/commedia che non è ne carne ne pesce alla fine della fiera. Sul resto nulla da dire, bravi tutti e quattro, sebbene "messi in ombra" da Mikkelsen. "What a life" resta in testa.
 

rave98

Divinità
Iscritto dal
20 Ott 2013
Messaggi
6,808
Medaglie
4
LV
0
 
Minari

Finalmente i cinema hanno riaperto (almeno per ora) e io ne ho approfittato per recuperare quest'acclamato film
Mh, così così, probabilmente mi aspettavo chissà cosa per via delle recensioni, ma non m'ha entusiasmato più di tanto
Allora, da un punto di vista "audio" e "visivo" (fotografia, colonna sonora, montaggio, montaggio sonoro, ecc...) m'è piaciuto, l'ho trovato davvero ben realizzato
Tuttavia, la storia e la regia m'hanno lasciato per lo più tiepido, non mi sono non piaciute ma nemmeno piaciute
Neanche la nonnina mi è sembrata scritta/interpretata così magnificamente come si leggeva, o comunque come ci si aspettava da una quota 1.2 o simile ai sondaggi degli oscar
M'è piaciuta invece l'interpretazione di Steven Yeun, quello sì, molto calato nel ruolo e in grado di irradiare lo stato d'animo del personaggio verso gli spettatori, operazione non facile
Ho apprezzato anche Han Ye-ri, è stata abbastanza bravina anche lei
Appena lo faranno su sky gli darò subito una seconda visione per sicurezza, ma così a primo acchito non è un film che consiglierei ad altra gente
 
Iscritto dal
1 Ago 2008
Messaggi
5,287
Medaglie
7
LV
2
 
Un maledetto imbroglio di Germi, 1959. L'intreccio poliziesco non è particolarmente memorabile, ma l'eccellenza tecnica di Germi e la sua (per me) sorprendente presenza scenica lo rendono comunque una visione molto piacevole.

Pickpocket di Bresson, 1959. Ciò che ho più apprezzato è il montaggio quasi analitico delle scene di borseggio, sebbene non sempre chiarissimo da seguire, dei piccoli saggi sulla scomposizione di movimenti complessi in brevi sequenze elementari. Il soggetto si presta benissimo ad uno studio di questo tipo, e particolarmente brillante l'utilizzo dell'azione fuori campo per creare tensione. Narrativamente segue schemi convenzionali e la componente sentimentale non mi ha convinto. La tecnica ineccepibile di Bresson e la scelta di due volti davvero magnetici per i ruoli principali impreziosiscono un'opera stilisticamente molto centrata.

Amici miei di Monicelli, 1975. Capisco e apprezzo i motivi che lo hanno impresso nell'immaginario collettivo, peccato si appoggi un po' troppo spesso a un umorismo abbastanza volgare, con alcune banalissime cadute nello scatologico e un latente maschilismo che con ogni anno che passa diventano sempre più difficili da mandar giù.

Lady Windermere’s fan di Lubitsch, 1925. L'intreccio è estremamente convenzionale ma proprio questo fa apprezzare ancora di più la magistrale sensibilità, eleganza e attenzione al dettaglio di Lubitsch. Per me uno dei massimi maestri del Cinema mondiale di tutti i tempi.

Nomadland di Chloé Zhao, 2020. Per quanto sia indubitabilmente sincero e sentito, e benché non si possa dire che dia una visione unilateralmente positiva del proprio soggetto, la sensazione che ho avuto è che non vada mai davvero oltre la superficie, né riesca a costruire un discorso che fosse più di una somma di constatazioni (e forse con qualche frase fatta di troppo). Ed è un peccato, perché il soggetto avrebbe un grande potenziale. La visione è piacevole e contiene alcune belle fotografie dei grandi spazi aperti del Nord America, ma non si spinge oltre, e corre il rischio di risultare stucchevole.
 

Togg

Divinità
Iscritto dal
21 Giu 2007
Messaggi
10,152
Medaglie
5
LV
1
 
She Killed in Ecstasy, Jesus Franco
Un bel po' più in basso degli altri, la vendetta a episodi così è troppo vista. Ovviamente però il suo stile è inarrivabile e c'è tutto un uso di questa vita costiera che è specifico suo.
 
Iscritto dal
7 Ott 2009
Messaggi
49,408
Medaglie
9
LV
2
 
Sono tornato al CINEMAAAAAAA :ivan:
Visto in the mood for love. Mi è piaciuto, anche se devo capire quanto
 

Floxy

Moderatore
sezione cinema
Iscritto dal
11 Mar 2010
Messaggi
23,832
Medaglie
11
LV
2
 
Iscritto dal
7 Ott 2009
Messaggi
49,408
Medaglie
9
LV
2
 
Come hanno organizzato la cosa, c'era la distanza tra i posti ?
Come avevano fatto al tempo: distanza fra un posto e l'altro, sempre che non si fosse congiunti, e chiedevano di lasciare il nominativo. Ho visto però più responsabilità in sala, nessuno che si toglieva la mascherina
 

Quinlan

...
Iscritto dal
23 Feb 2010
Messaggi
932
Medaglie
4
LV
0
 
American Psycho, Mary Harron (2000)

Rivisto a distanza di anni, a tratti brillante a tratti superficiale, a fare la differenza però è il carisma degli attori, tutti bravissimi e azzeccatissimi nei loro ruoli; sono sicuro però che con un minutaggio maggiore ne avrebbe guadagnato, magari dando più spazio al lato più malato del romanzo. A questo punto sono curioso di vedere cosa combinano con la serie sperando che non lo riducano al solito piattume imbalsamato.
 
Iscritto dal
28 Mar 2020
Messaggi
1,306
Medaglie
16
LV
2
 
Ieri sera ho visto "Anna" in blu ray di Luc Besson, solita minestra con la classica assassina implacabile e sexy.

Mi ha ricordato "Atomica Bionda" con Charlize Theron :ahsisi:
 

rave98

Divinità
Iscritto dal
20 Ott 2013
Messaggi
6,808
Medaglie
4
LV
0
 
Vivarium

Come una buona parte dei film con una certa originalità, è passato in sordina
A me è piaciuto, ho trovato la trama filosofica e la costruzione delle inquadrature ben studiata
Anche la presenza di determinati "inserti" (l'inizio, il sottoterra e altri) a mio avviso è molto interessante
L'ambientazione e i colori poi sono fantastici
Bravissimi gli attori, però mi sarebbe piaciuto vedere di più Eisenberg, anche se non sono un suo fan l'avrei preferito più attivo nel terzo atto
In generale consigliato, peccato un po' per il finale perché è una soluzione già usata altrove, però nel complesso è un film molto buono
 

Togg

Divinità
Iscritto dal
21 Giu 2007
Messaggi
10,152
Medaglie
5
LV
1
 
Come avevano fatto al tempo: distanza fra un posto e l'altro, sempre che non si fosse congiunti, e chiedevano di lasciare il nominativo. Ho visto però più responsabilità in sala, nessuno che si toglieva la mascherina
solo un anno e centomila morti dopo
 

Squirrel 2.0

Apprendista
Iscritto dal
12 Set 2012
Messaggi
104
Medaglie
4
LV
0
 
Nomadland su Disney+.

Uno spaccato sull'America profonda e sulle conseguenze della Grande recessione. Il film scorre abbastanza lentamente ma l'interpretazione magistrale della McDormand e la buona regia nascondono questo difetto. Colonna sonora meravigliosa. Uno dei pochissimi film che è riuscito a commuovermi.
 

Togg

Divinità
Iscritto dal
21 Giu 2007
Messaggi
10,152
Medaglie
5
LV
1
 
A virgin among the living dead, Franco
Toh, sono riuscito a vedere un film. E' un po' troppo sdilllabrato secondo me. Anche il feeling dei luoghi che di solito lo anima particolarmente qui si perde per strada.
 

Quinlan

...
Iscritto dal
23 Feb 2010
Messaggi
932
Medaglie
4
LV
0
 
Un uomo a nudo, Frank Perry (1968)

Inizia come una commedia frivola ambientata tutta dentro villette lussuose e finisce come un dramma esistenziale senza via d'uscita, nel mezzo le varie tappe che sanciscono la perdita di ogni certezza del protagonista che nei viaggi da una casa all'altra attraversa una natura rigogliosa e idilliaca regredendo quasi ad uno stato primordiale, per poi riapprodare con crescente disagio nel mondo civilizzato che altro non è che un covo di ostilità mascherata e rancori repressi. Finale tanto angosciante quanto criptico.
 
Iscritto dal
11 Mag 2019
Messaggi
903
Medaglie
6
LV
1
 
Se mai vi troverete a sfogliare un catalogo di film, indecisi su cosa vedere e per caso notate un film intitolato 2067 battaglia per il futuro, per l'armor di Dio passate oltre e continuate a sfogliare. Dovrebbero pagare la gente per vedere certe porcherie, non il contrario.
 

Togg

Divinità
Iscritto dal
21 Giu 2007
Messaggi
10,152
Medaglie
5
LV
1
 
Bloody Moon, Franco
Non so, tra il convenzionale e l'indeciso sul ritmo.
 

Buddha94

Moderatore
televisione
Iscritto dal
17 Feb 2010
Messaggi
14,704
Medaglie
6
LV
1
 
Una pallottola spuntata di David Zucker. Volevo recuperarlo da tempo perché mi piace l'umorismo demenziale e il film non mi ha deluso da questo punto di vista.
 
Top
AdBlock Rilevato

La pubblicità talvolta disturba, lo sappiamo!

Questo sito non potrebbe esistere senza qualche inserzione pubblicitaria, ma lavoriamo ogni giorno per rendere l'esperienza utente la più fluida ed interattiva possibile, e ciò vale anche per gli annunci promozionali. Non saranno mai invasivi od invalidanti, quindi ti chiediamo la cortesia di disattivare l'AdBlock per poter navigare. Grazie di cuore.

Ho disattivato AdBlock